PDA

Visualizza la versione completa : Progetto Aggregazione Sistemi di Accumulo in Lombardia



carlo.sandroni
18-03-2019, 19:00
Buongiorno a tutti,
sono un ricercatore di RSE – Ricerca sul Sistema Energetico, e vorrei informarvi che il nostro centro, in collaborazione con Regione Lombardia, ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), TERNA (Gestore della rete di trasmissione nazionale) ed alcuni partner industriali (EnelX ed EVOLVERE), sta promuovendo un progetto pilota per l’aggregazione di sistemi di accumulo domestici, al fine di fornire servizi al sistema in modo aggregato.

Da alcuni studi precedenti, anche ad opera di RSE, si è dimostrato che molti sistemi di accumulo domestici, acquistati con lo scopo principale di incrementare l'autoconsumo degli utenti dotati di generatori fotovoltaici, risultano inutilizzati in diverse fasce orarie: si pensi per esempio alle ore notturne in cui non c'è né produzione fotovoltaica né consumo elettrico.
Inoltre, per far fronte alla variabilità tipica dei consumi e della produzione da fonti rinnovabili, sempre più numerose, l’Autorità ha permesso anche agli utenti di piccola taglia di partecipare al Mercato dei Servizi di Dispacciamento (MSD), in modalità aggregata.
Il progetto sperimentale riguarda quindi l'aggregazione in Lombardia di numerosi sistemi di accumulo, come le batterie, al fine di partecipare a questo tipo di mercato.

La scorsa settimana Regione Lombardia ha pubblicato la notizia con cui viene dato ufficialmente il via al progetto:
Energia, Sertori: Lombardia apripista su sistemi di accumulo per razionalizzare ed efficientare distribuzione (http://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/lombardia-notizie/DettaglioNews/2019/03+-+marzo/11-17/energia-sertori-lombardia-apripista-su-sistemi-di-accumulo)

Tutti coloro che vogliono essere contattati per fare parte della sperimentazione possono compilare il modulo disponibile sul sito RSE all’indirizzo:
RSE - Aggregazione Accumuli Regione Lombardia (https://accumulilombardi.rse-web.it/)

Alla pagina indicata potete trovare un riassunto delle finalità, delle modalità di adesione e dei soggetti coinvolti, oltre ad un modulo di contatto in caso di qualsiasi necessità o richiesta di informazioni.

Saluti,

Carlo Sandroni
Responsabile Gruppo di Ricerca
Ricerca sul Sistema Energetico - RSE S.p.A.

tonini_mingoni
19-03-2019, 07:18
Sig. Sandroni, buongiorno, grazie per partecipare a questo forum...credo che energeticambiente sia fiero se RSE ci scrive...

Se potesse darci qualche notizia in più su come tecnicamente e burocraticamente il progetto dovrebbe andare...sinceramente tutte le volte che vedo come partner Enel (X o in altre forme) non la vedo molto positivamente..ad esempio mi immagino già che nell'installazione ed utilizzo della batteria si dovrà installare un altro contatore che dovrà misurare l'energia e che sarà a carico del cliente....poi i flussi di energia in ingresso uscita saranno tassati a perdite di rete etc...etc...etc...

L'utente fa sforzi per impegnare soldi per produrre energia rinnovabile (chi accedendo mutui) e come nello SSP l'energia immessa in rete da l'impressione che sia un problema gestirla e quindi l'utente si vede tassata...

Credo che la vera rivoluzione sia un contatore unico con vari ingressi uscita configurabili a seconda della tipologia di impianto (da puro ignorante parlo per impianti sotto i 6kW), un pagamento unico per la gestione del contatore... le persone sono molto sensibili all'ambiente (di sicuro quelli che partecipano a questo forum) si dovrebbe premiare ed incentivare queste persone...

Spero ci legga anche enelX (che con questo nuovo brand ora l'energia per i veicoli elettrici non si paga solo al kW, ma anche per quanto tempo impegno la colonnina).

Grazie
Fox