PDA

Visualizza la versione completa : Acqua sprecata...



31-05-2005, 21:34
Mi prende un magone ogni volta che prima di mettermi sotto la doccia devo aspettare che defluisca tutta l&#39;acqua fredda presente nel circuito della calda.<br><br>So che si può predisporre l&#39;impianto per evitare il problema ma occorre prevederlo in fase di progettazione.<br><br>Secondo voi non si potrebbe applicare una sorta di bypass tra cicuito caldo e quello freddo(in prossimità dell&#39;utilizzazione) per far ricircolare l&#39;acqua finchè il flusso caldo non arriva all&#39;utilizzo?<br><br>Credo che i due circuiti abbiano la stessa pressione e questo è forse il problema più grosso...<br><br>Ciao, Nemox&#33;

31-05-2005, 23:27
Ciao nemox,<br>si potrebbe mettere una resistenza con timer per riscaldare l&#39;acqua sino a che l&#39;acqua calda di caldaia non arriva al punto doccia, credo che tecnicamente è fattibile(non ho le competenze tecniche per i calcoli) e la spesa se ti arrangi un pò, non esorbitante, considerando la rottura di balle che si ha aspettando l&#39;acqua calda. Il tutto lo potresti mascherare in qualche accrocchio esterno alla muratura, non mi viene in mente altro..<br><br><br>wpower

01-06-2005, 11:32
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (wpower @ 1/6/2005, 00:27)</div><div id='QUOTE' align='left'>Ciao nemox,<br>si potrebbe mettere una resistenza con timer per riscaldare l&#39;acqua sino a che l&#39;acqua calda di caldaia non arriva al punto doccia, credo che tecnicamente è fattibile(non ho le competenze tecniche per i calcoli) e la spesa se ti arrangi un pò, non esorbitante, considerando la rottura di balle che si ha aspettando l&#39;acqua calda. Il tutto lo potresti mascherare in qualche accrocchio esterno alla muratura, non mi viene in mente altro..<br><br><br>wpower</div></center><br> Scaldare l&#39;acqua calda con una resistenza?&#33;?&#33;? Madò farai rizzare i capelli<br>sulla testa della maggior parte dei frequentatori di questo forum&#33;&#33;&#33;<br><br>Se proprio devo utilizzare energia elettrica al massimo lo faccio per alimentare una pompa che mi reintroduca l&#39;acqua a temperatura troppo bassa nel circuito<br>dell&#39;acqua fredda.<br><br>Ciao Nemox&#33;

01-06-2005, 11:56
Amo sempre più questo forum <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> denso di persone ingegnose,,che sballo&#33;&#33;<br><br>wpower

03-06-2005, 23:42
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (nemox @ 31/5/2005, 22:34)</div><div id='QUOTE' align='left'>Secondo voi non si potrebbe applicare una sorta di bypass tra cicuito caldo e quello freddo(in prossimità dell&#39;utilizzazione) per far ricircolare l&#39;acqua finchè il flusso caldo non arriva all&#39;utilizzo?<br></div></center><br> Si potrebbero preriscaldare le tubazioni (o solamente una porzione limitata di esse) sfruttando l&#39;energia solare. Si circondano i tubi con involucri riempiti dall&#39;acqua riscaldata tramite pannelli...<br>E&#39; solo un&#39;idea che mi è venuta nel leggere il messaggio <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'><br><br>Ovvio che se fai la doccia alle 4 di notte col cavolo che si preriscaldano i tubi :&#092;

Gpl
05-07-2005, 17:13
non è più semplice usare una caldaia istantanea ....

11-08-2005, 21:28
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (nemox @ 31/5/2005, 22:34)</div><div id='QUOTE' align='left'>Mi prende un magone ogni volta che prima di mettermi sotto la doccia devo aspettare che defluisca tutta l&#39;acqua fredda presente nel circuito della calda.<br><br>So che si può predisporre l&#39;impianto per evitare il problema ma occorre prevederlo in fase di progettazione.<br><br>Secondo voi non si potrebbe applicare una sorta di bypass tra cicuito caldo e quello freddo(in prossimità dell&#39;utilizzazione) per far ricircolare l&#39;acqua finchè il flusso caldo non arriva all&#39;utilizzo?<br><br>Credo che i due circuiti abbiano la stessa pressione e questo è forse il problema più grosso...<br><br>Ciao, Nemox&#33;</div></div><br> Pultroppo esistono problemi ben più gravi sullo spreco d&#39;acqua,<br><br>non hai idea di quante fontane a getto continuo ho visto, in diversi paesi,<br>e vi assicuro che è acqua potabile che va a finire direttamente nelle fogne.<br><br>Fanno tante propagande ai cittadini per non sprecare l&#39;acqua e poi le Amministrazioni Comunali sono le prime a fare il danno maggiore.<br><br>E la cosa più vergognosa, è che una volta che hai denunciato il problema, passano mesi prima che venga risolto, quando non costa nulla mettere un rubinetto.<br><br>Saluti<br>Davide78<br><br><br><br><br><br>

16-09-2005, 23:02
Soluzione fin troppo pratica.<br><br>Uso un paio di secchi per recuperare l&#39;acqua e poi ci annaffio le piante&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/wink.gif' alt='wink.gif'>

mother
22-09-2005, 08:47
Difficile, anche se la soluzione a secchio mi sembra la migliore.<br><br>L&#39;acqua che arriva nelle notre case dovrebbe essere ad una potenza-pressione di 7 metri (in idraulica si indica la quota e si moltiplica per gli opportuni coefficienti per avere i Pa).<br><br>Ora un condotto circolare regolato da rubinetti si può fare quello che non si può fare è un ciclo in cui l&#39;acqua che esce la si reimmette in pressione facendola ricircolare (mantenendo in tutti i punti la medesima pressione o facendo andare acqua a pressione inferiore contro acqua a pressione superiore, ciò perchè su tubi, sbocchi curve ci sono perdite).<br><br>Una controllatina ogni anno alla caldaia aiuta a rtidurre comunque il tempo che la caldaia impiega per scaldare le tubazioni (peccato costi).<br><br>Quello che si potrebbe fare è invece un serbatoio che aprendo il rubinetto vada in pressione, ma ci sono difficoltà intrinseche dovute al corretto dimensionamento di questo serbatoio. ciò perchè si deve sapere esattamente quanta acqua fredda deve essere immagazzinata a pressioni superiori ai 7 metri tali per cui poi questo sarà una sorgente e non un recepente nel normale uso dell&#39;acquedotto.<br>A questo punto però capite sorge un problema: l&#39;acqua deve essere compressa a pressioni superiori ai 7 metri, il che è impossibile con la sola pressione di 7 metri dell&#39;acqua di acquedotto.<br>D&#39;altra parte la legge italiana prevede pressioni di 7 metri anche per non riscontrare problemi in rotturte dei giunti e tubazioni....che poi da aggiustare equivalgobo in tot porchi secondo un fattore di conversione 1 a 10.<br><br>L&#39;unica soluzione diviene quindi un serbatoio a pelo libero sul tetto di casa (in stile americano...magari in legno), con possibilità di incamerare liquido fino al suo riempimento (stando attenti che oltre vi pive in casa...hehehe o magari cede il sebatoio, il che è peggio) e applicando un disgiuntore all&#39;ingresso principale dell&#39;acquedotto.<br>In altre parole fate la vostra vita, poi si riempie il serbatoio, indi cambiate fonte di fornitura (a rubinetti chiusi e sperando non entri aria = corrosione tubature) e lavorate con l&#39;acqua sopra le vostre teste fino ad un minimo e poi invertite di nuovo.<br><br>Però c&#39;è un piccolo appunto: lavatrice e caldaia potrebbero rovinarsi seriamente se per un qualche motivo finisse l&#39;erogazione d&#39;acqua mentre loro sono in moto.<br><br>Attenti comunque che tale soluzione ha bisogno di accorgimenti specifici nella costruzione, poichè un litro d&#39;acqua costa un chilo sulla vostra costruzione, il che significa cedimenti del terreno, muri + spessi, accorgimenti specifici per la resistenza del peso "concentrato sul tetto".<br><br>Saluti

13-10-2005, 14:11
Ciao a tutti<br>forse posso essere d aiuto...<br>di professione faccio il termoidraulico e siccome sono a letto con la nostra cara influenza (notare è femmina) sto visitando il mio forum preferito.<br>La soluzione c&#39;è ed è quella di installare una valvola a tre vie termostatica nell&#39;impianto. Come funziona?<br>Mettendo una valvola a tre vie con sensore di temperatura ( appunto termostatica) fin tanto la temperatura che arriva dalla caldaia non è di x °C la valvola mi rimanda l&#39;acqua in un serbatoio quando poi l&#39;acqua è arrivata in temperatura la valvola commuta e viene nel rubinetto di utilizzo.<br>Tutto bello ma.........<br>Innanzi tutto bisogna mettere un serbatoio con un autoclave collegato con la caldaia perchè devo riutilizzare l&#39;acqua che non utilizzo.....<br>poi devo portare un tubo dal bagno fino al serbatoio stesso.......<br>Certo che il risparmio di acqua e gas c&#39;è......ma quanto costa il resto???<br>Riesco ad ammortizzare il costo dell&#39;elettricità della pompa, dell&#39;impianto fatto.....<br>A voi l&#39;ardua sentenza <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/cry.gif' alt='cry.gif'>

janvaljan
13-10-2005, 15:33
Io creerei un serbatoio supplementare in casa dove convogliare l&#39;acqua degli scarichi ed usarla dove non c&#39;è bisogno di acqua potabile: piante, sciacquoni, ecc.<br><br>Il sistema funzionerebbe così: in ogni scarico metto un selettore per scegliere se mandare l&#39;acqua nel serbatoio (acqua praticamente pulita) o alla fogna (acqua veramente sporca). Nel serbatorio volendo si potrebbe convogliare anche l&#39;acqua piovana...All&#39;ingresso del serbatorio si piazzano dei filtri appositi, e il gioco è fatto. La spesa è abbastanza alta, al momento sarebbe sconveniente...però se il prezzo dell&#39;acqua dovesse salire, soluzioni come queste saranno all&#39;ordine del giorno

13-10-2005, 21:31
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (inseminator @ 13/10/2005, 15:11)</div><div id='QUOTE' align='left'>Ciao a tutti<br><br>Mettendo una valvola a tre vie con sensore di temperatura ( appunto termostatica) fin tanto la temperatura che arriva dalla caldaia non è di x °C la valvola mi rimanda l&#39;acqua in un serbatoio quando poi l&#39;acqua è arrivata in temperatura la valvola commuta e viene nel rubinetto di utilizzo.<br></div></div><br> Ritieni possibile l&#39;utilizzo di una pompa elettrica a valle della valvola termostatica che consenta di reimmettere l&#39;acqua non in temperatura nel circuito dell&#39;acqua fredda ed evitare in tal modo l&#39;utilizzo del serbatoio?<br><br>Rimangono comunque tutte le perplessità sulla convenienza economica ma tecnicamente secondo te si può fare?<br><br>In teoria i due circuiti (caldo e freddo) hanno una pressione tra loro paragonabile quindi una pompa montata sull&#39;uno dovrebbe essere in grado di vincere la pressione dell&#39;altro; cosa ne pensi?<br><br>Ciao, Nemox&#33;

13-10-2005, 23:40
Tecnicamente e&#39; tutto possibile. Ma i miei 2 secchi restano al momento la soluzione piu&#39; economica (4 euro)&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/cool.gif' alt='cool.gif'>

14-10-2005, 09:58
Ciao a tutti.<br>Ciao Nemox <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'>.<br>Purtroppo l&#39;idea di reimmettere nella fredda l&#39;acqua proveniente dal cicuito della calda non è consigliabile.<br>Esiste una normativa che considera l&#39;acqua dell&#39;impianto sanitario domestico "fluido inquinante.<br>Questo per due motivi:<br>- La calda scorre in un circuito che non ha obbligi di impiego di materiali ( metalli, plastiche e gomme) certificati per uso alimentare.<br>- La pressione d&#39;esercizio nel circuito di calda è considerata sempre a pressione più bassa di quella fredda per le perdite di carico maggiori cui è sottoposta. Da qui la possibilità di mix tra le due.<br>Nelle apparecchiature domestiche dove esiste la possibilità di miscelamento tra i due fluidi infatti, si adottano accorgimenti progettuali (salti in aria, air-break e valvole di non ritorno) che ne impediscono il mix.<br>Dal punto di vista pratico, preferisco il suggerimento di Janvalian (serbatoio, pompa e selettore idraulico), ma che ha tempi di ritorno di qualche secolo &#33;&#33;<img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/sad.gif' alt='sad.gif'> <br>Da quello economico quoto invece i due secchi di 9^3 &#33;&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/w00t.gif' alt='w00t.gif'> <br>Ciao,<br>Hike <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'>

mariomaggi
14-10-2005, 15:50
Ohibo&#33; <br><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'>La calda scorre in un circuito che non ha obbligi di impiego di materiali ( metalli, plastiche e gomme) certificati per uso alimentare.</div></div><br>Allora non si puo&#39; usare l&#39;acqua della caldaietta a gas per l&#39;acqua della pasta quando si ha fretta&#33; Non lo sapevo&#33; <br>Forse ci sono molti altri che non lo sanno. <br>Ciao<br>Mario<br>

14-10-2005, 16:17
Ciao Mario.<br>Già, pochi lo sanno. La cosa riguarda soprattutto le gomme e le plastiche, le quali dovendo tenere temperature di esercizio abbastanza alte, non sempre sono del tipo alimentare. <br>Il problema come al solito è di carattere economico. Ci sono dei marchi che sono più attenti di altri e che impiegano materiali più "commestibili" a fronte di un paio di Euro di costo in più in distinta base (perchè di questo si tratta &#33;&#33;)<br>Rimane comunque il fatto che dal punto di vista strettamente normativo-formale l&#39;acqua sanitaria è considerata inquinata anche per motivi di attivazione batterica legati alle temperature più alte.<br>Ciao, Hike <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'> <br><br><span class="edit">Edited by hike - 14/10/2005, 17:18</span>

14-10-2005, 21:34
Uff... ci mancava pure questa... quindi in cucina non posso osare acqua calda se non per lavare i piatti?&#33; Che palle&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'> <br><br>Comunque dal punto di vista pratico non vedo come tu possa ritenere più semplice una soluzione pompa-deviatore-serbatoio rispetto alla mia che adotterebbe solamente una pompa e una valvola elettromagnetica normalmente chiusa.<br><br>Ciao, Nemox&#33;

14-10-2005, 21:41
Ciao Nemox,<br>si hai ragione scusa, la tua soluzione me l&#39;ero persa leggendo.<br>Quoto la tua per la praticità <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'> &#33;&#33;<br>Ti saluto,<br>Hike <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'>

15-10-2005, 08:19
Gia&#39;&#33; Non lo sapevo nemmeno io.<br>Eppure dovrebbe essere ancora piu&#39; controllata visto che il calore potrebbe favorire il rilascio di sostanze inquinanti&#33;<br>Vorra&#39; dire che ci mettero&#39; un po&#39; di piu&#39; a farmi la pasta d&#39;ora in poi.<br> P.S.: MA CI LAVIAMO CON ACQUA INQUINATA?&#33;?&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' alt='blink.gif'>

AlessandroTesla
02-11-2005, 00:25
Riguardo allo spreco di acqua da www.progettogaia.it<br><br>La nostra alimentazione a base di animali è la causa principale del nostro peso sulla Terra (vedi l&#39;Impronta Ecologica), rinunciando alla dieta carnea avviamo a soluzione contemporaneamente molti altri problemi: deforestazione, desertificazione, inquinamento, spreco di energia, di acqua, colonizzazione, fame, demotiviamo l&#39;uso degli ogm.<br>Un esempio: per produrre un misero Kg di carne sono necessari 50.000 litri d&#39;acqua, mentre il consumo procapite italiano di un intero anno (per uso domestico) è di 70.000 litri&#33; Ci vuole un bel coraggio a dire che dobbiamo chiudere il rubinetto quando ci laviamo i denti&#33; Non sarebbe piu&#39; serio (e sopratutto efficace) rinunciare a qualche chilo di carne?&#33;

02-11-2005, 09:44
Ciao.<br>Ho cercato la pagina a cui fai riferimento ma non l&#39;ho trovata...<br>Da quello che ho visto pero&#39; il sito non mi sembra molto coerente (nella pagina delle proteine prima dice che solo le piante sintetizzano le proteine e gli amminoacidi di cui sono composte poi dice che l&#39;uomo e&#39; capace di sintetizzare gli amminoaci non essenziali <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' alt='blink.gif'> ).<br>Concordo comunque sulla possibilita&#39; e per molti necessita&#39; di mangiare meno carne... in fondo 100 anni fa i nostri contadini vivevano cosi&#39;&#33;

AlessandroTesla
02-11-2005, 12:24
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Nove^3 @ 2/11/2005, 09:44)</div><div id='QUOTE' align='left'>Ciao.<br>Ho cercato la pagina a cui fai riferimento ma non l&#39;ho trovata...<br>Da quello che ho visto pero&#39; il sito non mi sembra molto coerente (nella pagina delle proteine prima dice che solo le piante sintetizzano le proteine e gli amminoacidi di cui sono composte poi dice che l&#39;uomo e&#39; capace di sintetizzare gli amminoaci non essenziali <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' alt='blink.gif'> ).<br>Concordo comunque sulla possibilita&#39; e per molti necessita&#39; di mangiare meno carne... in fondo 100 anni fa i nostri contadini vivevano cosi&#39;&#33;</div></div><br>Ciao bello,<br>sicuramente il sito è molto politicizzato (come del resto la free-energy in America è un bel business e lo sta diventando anche in Italia <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'>)) )ma contiene notizie vere. L&#39; affermazione fatta è molto coerente in quanto è vero che le piante sintetizzano le proteine e gli amminoacidi di cui sono composte dall&#39; azoto tramite batteri azotofissatori presenti sulle radici e da recenti studi sembra proprio anche vero che il corpo umano (a differenza ad esempio di quello dei topi) riesca comunque a sintetizzare anche quegli aminoacidi che si ritenevano essenziali e non sintetizzabili, senza ricorrere ad un abbinamento legumi-cereali.<br>Evolutivamente un uomo è molto più simile ad un cerbiatto (che è erbivoro) rispetto che ad un gatto.<br>L&#39;errore dell&#39; uomo è prendere come scienza certa quella del passato senza porsi delle domande guardando la realtà con gli occhi del futuro.<br><br>A.T.

02-11-2005, 13:25
Ciao.<br>Io mi riferivo al fatto che ci servono sempre meno amminoacidi perche&#39; ci servono sempre meno muscoli visto che li usiamo solo in palestra... o quasi.<br>Sono pero&#39; convinto che una bistecca ogni tanto non faccia male&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/tongue.gif' alt='tongue.gif'>

Clorofillo
06-11-2005, 11:59
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (hike @ 14/10/2005, 09:58)</div><div id='QUOTE' align='left'>Purtroppo l&#39;idea di reimmettere nella fredda l&#39;acqua proveniente dal cicuito della calda non è consigliabile.<br>Esiste una normativa che considera l&#39;acqua dell&#39;impianto sanitario domestico "fluido inquinante.<br>Questo per due motivi:<br>- La calda scorre in un circuito che non ha obbligi di impiego di materiali ( metalli, plastiche e gomme) certificati per uso alimentare.<br>- La pressione d&#39;esercizio nel circuito di calda è considerata sempre a pressione più bassa di quella fredda per le perdite di carico maggiori cui è sottoposta. Da qui la possibilità di mix tra le due.</div></div><br>Ciao Hike,<br><br>ho letto questo interessante argomento tutto d&#39;un fiato, devo dire che questo forum è incredibilmente creativo e altamente istruttivo nella stragrande maggioranza degli interventi.<br><br>Gentilmente potresti indicare la normativa a cui fai riferimento? Non sono ... Tommasiano ... e che secondo me è utile che tutti gli interessati ne possano usufruire.<br><br>Grazie per la tua disponibilità.<br><br>CLOROFILLO.

AlessandroTesla
08-11-2005, 00:42
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Nove^3 @ 2/11/2005, 13:25)</div><div id='QUOTE' align='left'><br>Sono pero&#39; convinto che una bistecca ogni tanto non faccia male&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/tongue.gif' alt='tongue.gif'></div></div><br>Scusa NON FA MALE ma a chi?<br>- Alla mucca fa male perchè la uccidi<br>- A te fa male perchè ti alza il colesterolo (anche la carne che vedi magra è piena di grassi, prova a lavare sotto l&#39;acqua un pezzo di carne magra e vedrai che comunque avrai sempre le mani unte)<br>- All&#39; ambiente fa male perchè gli allevamenti sono molto inquinanti<br>- Al portafogli fa male perchè la carne costa<br>Ti rigiro la domanda: a chi fa bene?<br>Ciao bello.<br><br>A.T.

08-11-2005, 09:29
Ciao&#33;<br>Sicuramente al mio palato&#33; ...e al macellaio e a tutti quelli che ci lavorano con la carne&#33;<br><br>Saluti&#33;<br><br><span class="edit">Edited by Nove^3 - 8/11/2005, 09:29</span>

10-11-2005, 09:52
Ciao&#33;<br><br>Comunque se il problema e&#39; il colesterolo vorra&#39; dire che mangero piu&#39; bresaola che e&#39; magra... i medici la consigliano a chi ha il colesterolo alto&#33;<br><br>Saluti&#33;

MetS
10-11-2005, 17:54
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>QUOTE</b> (Clorofillo @ 6/11/2005, 19:59)</div><div id='QUOTE' align='left'><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>QUOTE</b> (hike @ 14/10/2005, 09:58)</div><div id='QUOTE' align='left'>Purtroppo l&#39;idea di reimmettere nella fredda l&#39;acqua proveniente dal cicuito della calda non è consigliabile.<br>Esiste una normativa che considera l&#39;acqua dell&#39;impianto sanitario domestico "fluido inquinante.<br>Questo per due motivi:<br>- La calda scorre in un circuito che non ha obbligi di impiego di materiali ( metalli, plastiche e gomme) certificati per uso alimentare.<br>- La pressione d&#39;esercizio nel circuito di calda è considerata sempre a pressione più bassa di quella fredda per le perdite di carico maggiori cui è sottoposta. Da qui la possibilità di mix tra le due.</div></div><br>Ciao Hike,<br><br>ho letto questo interessante argomento tutto d&#39;un fiato, devo dire che questo forum è incredibilmente creativo e altamente istruttivo nella stragrande maggioranza degli interventi.<br><br>Gentilmente potresti indicare la normativa a cui fai riferimento? Non sono ... Tommasiano ... e che secondo me è utile che tutti gli interessati ne possano usufruire.<br><br>Grazie per la tua disponibilità.<br><br>CLOROFILLO.</div></div><br>Ciao a tutti, sono nuovo di questo 3D, scrivo una cosetta e poi torno nel mio...<br><br>In NZ (newzealand) si vende uno speciale rubinetto che fa proprio questo, fra l&#39;altro ha un remote controller, un timer, puo&#39; preriscaldare l&#39;acqua della doccia e al momento opportuno "consegnartela" bella che pronta, senza sprecarne una goccia.<br><br>Se provi a cercare su google di nz forse lo trovi, non so come si chiama pero&#39;... e&#39; tanto che non vado da quelle parti.<br><br>Ciao<br><br>MetS

10-11-2005, 18:13
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (MetS-Energie @ 10/11/2005, 17:54)</div><div id='QUOTE' align='left'><br>Ciao a tutti, sono nuovo di questo 3D, scrivo una cosetta e poi torno nel mio...<br><br>In NZ (newzealand) si vende uno speciale rubinetto che fa proprio questo, fra l&#39;altro ha un remote controller, un timer, puo&#39; preriscaldare l&#39;acqua della doccia e al momento opportuno "consegnartela" bella che pronta, senza sprecarne una goccia.<br><br>Se provi a cercare su google di nz forse lo trovi, non so come si chiama pero&#39;... e&#39; tanto che non vado da quelle parti.<br><br>Ciao<br><br>MetS</div></div><br>Grande Mets&#33; Io da cretino che sono non avevo pensato al fatto che potesse esistere un rubinetto che già da se compie questa funzione <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' alt='blink.gif'> <br><br>Tuttavia mi sorge un dubbio riguardo l&#39;impossibilità di usare l&#39;acqua del circuito caldo a scopi alimentari:<br>per lo stesso motivo, nei lavabi delle cucine, non dovrebbe essere consentito l&#39;utilizzo di miscelatori che<br>in qualsaisi posizione(tranne il tutto freddo naturalmente) miscelano appunto l&#39;acqua dei due circuiti...<br><br>Ciao Nemox&#33;

MetS
10-11-2005, 18:47
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>QUOTE</b> (nemox @ 11/11/2005, 02:13)</div><div id='QUOTE' align='left'><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>QUOTE</b> (MetS-Energie @ 10/11/2005, 17:54)</div><div id='QUOTE' align='left'><br>Ciao a tutti, sono nuovo di questo 3D, scrivo una cosetta e poi torno nel mio...<br><br>In NZ (newzealand) si vende uno speciale rubinetto che fa proprio questo, fra l&#39;altro ha un remote controller, un timer, puo&#39; preriscaldare l&#39;acqua della doccia e al momento opportuno "consegnartela" bella che pronta, senza sprecarne una goccia.<br><br>Se provi a cercare su google di nz forse lo trovi, non so come si chiama pero&#39;... e&#39; tanto che non vado da quelle parti.<br><br>Ciao<br><br>MetS</div></div><br>Grande Mets&#33; Io da cretino che sono non avevo pensato al fatto che potesse esistere un rubinetto che già da se compie questa funzione <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' alt='blink.gif'> <br><br>Tuttavia mi sorge un dubbio riguardo l&#39;impossibilità di usare l&#39;acqua del circuito caldo a scopi alimentari:<br>per lo stesso motivo, nei lavabi delle cucine, non dovrebbe essere consentito l&#39;utilizzo di miscelatori che<br>in qualsaisi posizione(tranne il tutto freddo naturalmente) miscelano appunto l&#39;acqua dei due circuiti...<br><br>Ciao Nemox&#33;</div></div><br>Senti non so, in Giappone l&#39;acqua costa carissima (io che son da solo spendo circa30 euro al mese di consumo) e tutti hanno in casa un kettler per l&#39;acqua riscaldata, per fare il te ed anche per cucinare, nessuno usa lo scaldabagno a gas (rigorosamente) per usi diversi da quello di lavare i piatti (la lavastoviglie poi e&#39; ancora un oggetto per soli eletti) o lavarsi.<br>In piu&#39; c&#39;e&#39; l&#39;abitudine quando fanno il bagno in famiglia di usare la stessa acqua per tutti i componenti.... vabbe il primo (beato lui) ma l&#39;ultimo?<br><br>Altra cosa, ma riguarda il gas.<br>Il contatore ha una sicura, se ti scordi il rubinetto della vasca aperto il contatore gas quando ha erogato 1 m3 in un lasso di tempo prestabilito e non si ferma l&#39;erogazione, automaticamente fa scattare un&#39;elettrovalvola che blocca l&#39;erogazione di gas...<br><br>C&#39;e&#39; anche un cicalino che t&#39;informa se hai superato il massimo quantitativo impostato (da te) di acqua per quel giorno.<br><br>Alla faccia dei consumi, poi poco male che puzzano come i francesi (ma quella e&#39; un&#39;altra storia)<br><br>A proposito anche in Francia l&#39;acqua ha prezzi annui da urlo.... ne sa qualcosa il mio conto in banca<br><br>Ciao<br><br>MetS<br><br><span class="edit">Edited by MetS-Energie - 11/11/2005, 16:10</span>

Lolio
22-01-2006, 16:28
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Nove^3 @ 2/11/2005, 09:44)</div><div id='QUOTE' align='left'>Da quello che ho visto pero&#39; il sito non mi sembra molto coerente (nella pagina delle proteine prima dice che solo le piante sintetizzano le proteine e gli amminoacidi di cui sono composte poi dice che l&#39;uomo e&#39; capace di sintetizzare gli amminoaci non essenziali <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' alt='blink.gif'> ).</div></div><br>Non ho visto il sito, però occorre dire che l&#39;uomo può modificare gli amminoacidi, trasformandone uno in un altro, non certo sintetizzarli partendo dall&#39;azoto minerale (es. ammoniaca o nitrati come fanno le piante).<br><br><span class="edit">Edited by Lolio - 22/1/2006, 16:28</span>

marcomato
22-01-2006, 19:42
scusate... ma con il dovuto rispetto quando ho letto dei tubi dell&#39; acqua calda non omologati per uso alimentare ho sorriso... <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/wink.gif' alt='wink.gif'><br><br><br>Gli antichi romani bevevano acqua distribuita da tubature di PIOMBO (metalli pesanti...) e il vino lo allungavano con quella di mare... la loro vita media era comunque abbastanza vicina alla nostra ( mentre è calata, e di parecchio, nel medioevo per ben altri fattori igienico-sanitari).<br><br>Se devo cominciare a pensare che cuocere la pasta in acqua che è passata per un paio di metri in PVC "non certificato per uso alimentare" possa nuocermi... nel mondo in cui viviamo tanto fa che mi butto direttamente dalla finestra&#33; <br><br><br>Tra le varie soluzioni comunque io voto per quella dei secchi... bene o male dopo che ho spruzzzato tutto il bagno devo passare il mocio...tanto fa do una bella pulita&#33;<br><br>E poi lo tieni bagno e lo ricicli defitivamente al prossimo uso del WC&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'><br><br><br><br><br><span class="edit">Edited by marcomato - 22/1/2006, 19:45</span>

Avantasja
26-05-2006, 23:38
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (davide78 @ 11/8/2005, 22:28)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (nemox @ 31/5/2005, 22:34)</div><div id="quote" align="left">Mi prende un magone ogni volta che prima di mettermi sotto la doccia devo aspettare che defluisca tutta l&#39;acqua fredda presente nel circuito della calda.<br><br>So che si può predisporre l&#39;impianto per evitare il problema ma occorre prevederlo in fase di progettazione.<br><br>Secondo voi non si potrebbe applicare una sorta di bypass tra cicuito caldo e quello freddo(in prossimità dell&#39;utilizzazione) per far ricircolare l&#39;acqua finchè il flusso caldo non arriva all&#39;utilizzo?<br><br>Credo che i due circuiti abbiano la stessa pressione e questo è forse il problema più grosso...<br><br>Ciao, Nemox&#33;</div></div><br>Pultroppo esistono problemi ben più gravi sullo spreco d&#39;acqua,<br><br>non hai idea di quante fontane a getto continuo ho visto, in diversi paesi,<br>e vi assicuro che è acqua potabile che va a finire direttamente nelle fogne.<br><br>Fanno tante propagande ai cittadini per non sprecare l&#39;acqua e poi le Amministrazioni Comunali sono le prime a fare il danno maggiore.<br><br>E la cosa più vergognosa, è che una volta che hai denunciato il problema, passano mesi prima che venga risolto, quando non costa nulla mettere un rubinetto.<br><br>Saluti<br>Davide78</div></div><br>Ciao Davide,<br><br>per quanto ne so (non molto, ma qualcosa dovrei riuscire a cavarlo), le fontane che spesso vedi in giro o hanno sistemi di ricircolo (monumentali) oppure traggono acqua perchè in particolari punti &quot;piezometrici&quot;: cioè le fontane (acuq potabile, intendo) vengono sistemate in punti in cui l&#39;acqua comunque andrebbe persa (non so se per particolari condizioni di pressione -troppo alta- o per elevate perdite di carico). Tra l&#39;altro vedo che sei di Bari, perciò ti riferirai sicuramente all&#39;AQP come me: del resto le vecchie tubazioni portano a sprechi che vanno a seconda delle zone varia dal 45% al 65%: allora prima di parlare di fontanelle che tutto sommato sono irrisorie, parliamo di milioni di m3 d&#39;acqua gettati al vento e delle estavelle e delle polle d&#39;acqua dolce che nel salento scaricano in mare portate di centinaia di litri al secondo. (semmai, chiedo lumi in merito)<br><br>Cosa possono mai fare i comuni??? Qui deve intervenire la Regione o lo Stato.......<br><br>Con ammirazione, Marco<br><br>(forse sono un po&#39; OT <img src="http://www.energeticambiente.it/images/09ba6ed26f2d3be0f160cd6b75df9b7e.gif" alt=":P"> )