PDA

Visualizza la versione completa : Accumulatori al piombo in parallelo



31-08-2005, 08:26
Innanzitutto saluti a tutto il forum.<br><br>Leggendo tutti i vostri post sulla produzione di energia elettrica dal sole, ho pensato di iniziare anch&#39;io<br>la costruzione di un piccolo impianto magari anche con un inverter a 2Kw funzionante a 12 o 24 volts.<br><br>Per avere una maggiore autonomia del sistema, posso collegare alcuni accumulatori al piombo di pari<br>amperaggi/h in parallelo? Mi sembra di aver capito che in questa configurazione gli stessi si "scaricano"<br>tra di loro&#33;&#33;&#33;<br><br>Devo collegare anche dei diodi in serie a ciascun positivo delle batterie per sicuerezza?<br><br>Grazie a tutti<br><br>Nicola <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/happy.gif' alt='happy.gif'> <br>

gattmes
31-08-2005, 11:06
Ciao<br>Se le batterie sono efficienti verifica che le tensioni siano simili (differenze non oltre le centinaia di millivolt).<br>In caso affermativo procedi al parallelo secco.<br>In caso negativo devi prima equalizzare tra loro le batteri, per esempio tramite l&#39;uso di una resistenza su uno dei due collegamenti del parallelo (per es. sul positivo). Come resistenza puoi ad esempio usare una lampada auto per i fari sui 50W. Più resistenze devono essere usate se le batterie sono più di due. Dopo che le tensioni rientrano nei limiti di cui sopra procedi al pareallelo secco (cioè cortocircuitando le resistenze...)<br><br>Cosa succede se non si usano le resistenze?<br>Semplice all&#39;atto del parallelo passa una corrente ..che possiamo definire x comodit&agrave; uscente (in realt&agrave; è l&#39;energia uscente, dato che la corrente esce da un polo...e rientra dall&#39;altro....vabbe...) ...dalla batteria a tensione piu alta a quella piu bassa. L&#39;enti&agrave; di questa corrente dipende principalmente dalla differenza delle tensioni e dalla resistenza interna delle batterie (generalmente molto bassa se in buono stato e non scariche completamente).<br>In pratica + è elevata la differenza e piu è alta la corrente. Oltre certi livelli si possono vedere centinaia di amper che, oltre ad essere in parte dissipati (buttati via), scaldano fili batterie e quant&#39;altro e possono arrivare a valori distruttivi per gli accumulatori (mi riferisco a casi limite tipo una a 13 l&#39;altra a 9....).<br>Es.: 2V di differenza e 50 milliohm danno gia 40 Ampere <br><br><span class="edit">Edited by gattmes - 31/8/2005, 12:14</span>

31-08-2005, 12:57
Grazie tante... <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'>

gattmes
31-08-2005, 16:00
Volevo solo aggiungere che alle batterie pb fanno male, piu che le forti scariche (specialmente se di tipo avviamento possono arrivare a centinaia di ampere), le forti cariche...in genere massimo massimo non oltre 1/5 (generalmente 1/10) della capacita nominale (es 50Ah -> max 10A).<br><br>Il mio consiglo, se si hanno piu batterie a disposizione e IDENTICHE per caratteristiche/eta/cicli di vita, è quello di collegarle in serie e optare per un sistema a 24 o più volt.<br>Cosi facendo si quadagna sulle perdite resistive a parita di potenza, sul rendimento dei converters e a volte sulla perdita sui diodi di protezione del pannello (dipende dalle caratteristiche /inverse ecc.)