PDA

Visualizza la versione completa : Il silicio amorfo non piace all'Italia



FernandoFast
02-09-2005, 15:47
Ok, ragazzi<br>ho appena finito di parlare con un funzionario del ministero delle attivit&agrave; produttive che ha la delega per le energie rinnovabili, che tra l&#39;altro si occupa anche di biodisel, e mi ha confermato che gli incentivi in Conto Energia non sono applicabili per i pannelli solari in Silicio Amorfo.<br><br>La motivazione è riferita al fatto che il loro parere tecnico sui pannelli in silicio amorfo non li considera affidabili come quelli in silicio mono e policristallino. <br><br>L&#39;obiettivo del ministero è stato quello di tutelare i privati interessati all&#39;installazione di piccoli impianti fotovoltaici.<br><br>Pare che i pannelli solari in mono e policristallino diano maggiori garanzie, o perlomeno a loro detta, i pannelli in silicio amorfo non vengono garantiti per 10 anni e non hanno una "finestra" produttiva di almeno 25 anni.<br><br>Per cui non se la sono sentita di promuoverli con un incentivo economico. Hanno però destinato ad un prossimo decreto, la possibilit&agrave; di finanziare, magari con maggiori incentivi, 200 megawatt per pannelli fotovoltaici innovativi e tra questi pensano, se ci sar&agrave; una richiesta, di inserire anche il silicio amorfo.<br><br>Spero di esser stato preciso ed imparziale.<br><br>Fernando<br> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'> <br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 2/9/2005, 17:00</span>

nmanif
02-09-2005, 17:16
grazie della informazione.<br><br><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>QUOTE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'>Hanno però destinato ad un prossimo decreto, la possibilit&agrave; di finanziare, magari con maggiori incentivi, 200 megawatt per pannelli fotovoltaici innovativi e tra questi pensano, se ci sar&agrave; una richiesta, di inserire anche il silicio amorfo.</div></div><br><br>ma pensi che sar&agrave; una cosa a breve?<br>secondo te sarebbe meglio installare qualcosa adesso oppure aspettare in attesa di tempi e soluzioni migliori?

FernandoFast
02-09-2005, 17:40
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (nmanif @ 2/9/2005, 18:16)</div><div id='QUOTE' align='left'>grazie della informazione.<br><br><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'>Hanno però destinato ad un prossimo decreto, la possibilit&agrave; di finanziare, magari con maggiori incentivi, 200 megawatt per pannelli fotovoltaici innovativi e tra questi pensano, se ci sar&agrave; una richiesta, di inserire anche il silicio amorfo.</div></div><br><br>ma pensi che sar&agrave; una cosa a breve?<br>secondo te sarebbe meglio installare qualcosa adesso oppure aspettare in attesa di tempi e soluzioni migliori?</div></div><br> ci sono 100 Mw di silicio cristallino o poli da installare.... io metterei una pietra sopra all&#39;amorfo... un mio cliente ne ha 60 kW comprati tempo fa, gli farò fare l&#39;impianto e vendere l&#39;energia prendendo i certificati verdi... <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/wink.gif' alt='wink.gif'> piuttosto che niente...

PV-plant
04-09-2005, 09:22
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>QUOTE</b> (FernandoFast @ 2/9/2005, 16:47)</div><div id='QUOTE' align='left'>L&#39;obiettivo del ministero è stato quello di tutelare i privati interessati all&#39;installazione di piccoli impianti fotovoltaici<br><br>Pare che i pannelli solari in mono e policristallino diano maggiori garanzie, o perlomeno a loro detta, i pannelli in silicio amorfo non vengono garantiti per 10 anni e non hanno una "finestra" produttiva di almeno 25 anni.<br></div></div><br>esattamente quello che sostenevo qualche post fa.<br><br><br>Byee <br><br><span class="edit">Edited by PV-plant - 4/9/2005, 10:31</span>

Furio57
04-09-2005, 09:58
Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'> <br>Ciao Fernado <br><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (FernandoFast @ 2/9/2005, 16:47)</div><div id='QUOTE' align='left'>L&#39;obiettivo del ministero è stato quello di tutelare i privati interessati all&#39;installazione di piccoli impianti fotovoltaici.</div></div><br>Ma guarda&#33; Vorrei dirgli che siamo abbastanza grandi da tutelarci da soli. E allora perchè con lo scambio energia si possono installare? <br><br><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'>Pare che i pannelli solari in mono e policristallino diano maggiori garanzie, o perlomeno a loro detta.</div></div><br>Appunto a loro detta, come mai fuori dall&#39;Italia vedi Germania e Spagna si possono usare tranquillamente? Sono così stupidi ad usarli?<br><br><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'>i pannelli in silicio amorfo non vengono garantiti per 10 anni e non hanno una "finestra" produttiva di almeno 25 anni.</div></div><br>Purtroppo devo smentirti, come gi&agrave; ribadito altrove la nuova generazione di pannelli amorfi raggiungono tranquillamente i 25 anni.<br><br><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (PV-plant @ 4/9/2005, 10:22)</div><div id='QUOTE' align='left'>esattamente quello che sostenevo qualche post fa.</div></div><br>Sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico, avevo gi&agrave; suggerito di aggiornarti in merito...evidentemente la scuola del politico di turno che ha fatto questa scelta e che regna sovrana in Italia è uguale alla tua. <br><br><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'>Chi è stato a Barcellona sa che per i prossimi 10-15 anni il mercato sar&agrave; quasi esclusivamente del Multicristallino.</div></div><br>Sicuramente, ma ciò non significa rifiutare altre tecnologie,bloccandole.<br><br>Una considerazione: non è che l&#39;amorfo "disturbi" pesanti investimenti di Eni e Agip per nuovi stabilimenti di silicio cristallino in costruzione in Italia? Mah&#33; Ho paura che sia il solito "papocchio" all&#39; italiana.<br><br>Saluti<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'>

FernandoFast
04-09-2005, 10:37
Ciao Furio e PV Plant,<br>il fatto che abbia postato la notizia non significa naturalmente che io sia d&#39;accordo.<br><br>Il silicio ha un&#39;importanza fondamentale nella produzione di enegia da effetto fotovoltaico. Noi come esseri pensanti possiamo usarlo in modo più o meno efficace. <br><br>La considerazione dell&#39;efficacia di una tecnologia rispetto ad un&#39;altra è prettamente nostra. Questa si basa su parametri qualitativi che in qualche modo, pur oggettivi, si assumono come in parte veri e parte falsi secondo parametri puramente soggettivi.<br><br>Per essere convincienti, ognuno prende a stabilire un dato come più remunerativo di altri, a volte perdendo di vista quello che invece bisognerebbe sempre porre come base della propria valutazione.<br><br>La SOLUZIONE al problema della generazione di energia da fonte solare è lo scopo di tutta la discussione. Ora quindi è il caso di chiedersi quale è la soluzione ottimale?<br><br>I parametri per una valutazione corretta quali sono?<br><br>La mia proposta è di considerare:<br><br><b>1) La quantit&agrave; di energia trasformata per unit&agrave; di tempo.</b> <i>Tempo considerato per tutta la vita utile del sistema di trasformazione della luce in elettricit&agrave;.</i><br><br><b>2) Il costo effettivo dell&#39;impianto utilizzato in questa trasformazione.</b> <i>Costo che comprende lo spazio occupato, i costi di produzione dei supporti usati per la trasformazione dell&#39;energia.</i><br><br>Sulla base dei parametri che vi invito a postare (parlo a Furio e PVplant), parametri riferiti e raggruppati solo rispetto ai gruppi <b>(1)</b> e <b>(2)</b> indicati, passare ad una concreta, formale, esaustiva discussione.<br><br>Dal canto mio, per i dati che sommariamente sono riuscito a conoscere, la valutazione è tendente a privilegiare il Silicio Amorfo.<br><br>Grazie della vostra prossima partecipazione.<br><br>Fernando<br> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'> <br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 4/9/2005, 11:45</span>

snapdozierxxxxxxxxxxxxxxxx
05-09-2005, 14:16
La mia impressione è che il silicio mono e policristallino lo producono solo grandi multinazionali e che quindi si è preferito fare in modo che non ci sia qualcuno che entri a rompere le uova nel paniere con produzioni più economiche. Sui tetti fotovoltaici stranamente finanziavano anche l&#39;amorfo.

FernandoFast
05-09-2005, 14:37
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (snapdozier @ 5/9/2005, 15:16)</div><div id='QUOTE' align='left'>La mia impressione è che il silicio mono e policristallino lo producono solo grandi multinazionali e che quindi si è preferito fare in modo che non ci sia qualcuno che entri a rompere le uova nel paniere con produzioni più economiche. Sui tetti fotovoltaici stranamente finanziavano anche l&#39;amorfo.</div></div><br> La "filiera produttiva" (filiera produttiva=Tutta la catena di procedimenti che permettono di ottenere il prodotto finito a partire dalle materie prime (dal seme al frutto, per esempio, nei vegetali oppure dai mangimi somministrati al bestiame alla carne macinata negli animali) dei pannelli fotovoltaici in silicio cristallino è:<br>1. estrazione del silicio<br>2. purificazione<br>3. cristallizzazione<br>4. produzione dei wafer<br>5. produzione delle celle<br>6. produzione dei moduli<br>7. distribuzione<br>8. installazione<br>per quanto riguarda il silicio amorfo invece<br>1. produzione dei moduli<br>2. distribuzione<br>3. installazione<br>i costi di industrializzazione della filiera del silicio amorfo è di circa 12.000.000 di euro (piccolo insediamento)<br><br>per il silicio cristallino (anche poli) se la consideriamo completamente è di certinaia di milioni (solo la purificazione oltre 250 milioni... anche se per il montaggio dei moduli bastano meno di 2 milioni di euro.<br><br>forse chi a fatto il decreto in conto energia non ha considerato questi dati (sono certo che non li aveva)<br><br>Fernando

snapdozierxxxxxxxxxxxxxxxx
05-09-2005, 15:00
Forse non li aveva, chi lo sa? Stranamente chi si occupa di questi problemi non ha le competenze per farlo o sceglie i propri consiglieri tra i tecnici disinteressati delle grandi multinazionali <br><br><span class="edit">Edited by snapdozier - 5/9/2005, 16:03</span>

nicthepic
09-09-2005, 10:42
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (FernandoFast @ 5/9/2005, 15:37)</div><div id='QUOTE' align='left'><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (snapdozier @ 5/9/2005, 15:16)</div><div id='QUOTE' align='left'>La mia impressione è che il silicio mono e policristallino lo producono solo grandi multinazionali e che quindi si è preferito fare in modo che non ci sia qualcuno che entri a rompere le uova nel paniere con produzioni più economiche. Sui tetti fotovoltaici stranamente finanziavano anche l&#39;amorfo.</div></div><br>La "filiera produttiva" (filiera produttiva=Tutta la catena di procedimenti che permettono di ottenere il prodotto finito a partire dalle materie prime (dal seme al frutto, per esempio, nei vegetali oppure dai mangimi somministrati al bestiame alla carne macinata negli animali) dei pannelli fotovoltaici in silicio cristallino è:<br>1. estrazione del silicio<br>2. purificazione<br>3. cristallizzazione<br>4. produzione dei wafer<br>5. produzione delle celle<br>6. produzione dei moduli<br>7. distribuzione<br>8. installazione<br>per quanto riguarda il silicio amorfo invece<br>1. produzione dei moduli<br>2. distribuzione<br>3. installazione<br>i costi di industrializzazione della filiera del silicio amorfo è di circa 12.000.000 di euro (piccolo insediamento)<br><br>per il silicio cristallino (anche poli) se la consideriamo completamente è di certinaia di milioni (solo la purificazione oltre 250 milioni... anche se per il montaggio dei moduli bastano meno di 2 milioni di euro.<br><br>forse chi a fatto il decreto in conto energia non ha considerato questi dati (sono certo che non li aveva)<br><br>Fernando</div></div><br>non direi che sia prorpio cosi&#39;, l&#39; estrazione e parte del processo di purificazione sono uguali, manca la parte della cristallizzazione e della fabbricazione celle, sostituita da altri procedimenti ( il deposito degli elettrodi e dei gli strati di silicio amorfo sul vetro che costituira&#39; il pannello)<br>punterei invece sul fatto che di silicio purisficato se ne usa moolto meno. <br><br><span class="edit">Edited by nicthepic - 9/9/2005, 11:43</span>

08-10-2006, 16:14
ho letto che i pannelli al silicio amorfo, in particolare film sottile a tripla giunzione non soffrono per il parziale ombreggiamento e si può installare anche con orientamento e inclinazione non ideale. Purtroppo il mio tetto risulta orientato a NW con una inclinazione quasi nulla (10 gradi max). considerando che sto al sud, qualcuno saprebbe dirmi se installando questi pannelli perdo molto in resa o mi salvo?

tamerlano
08-10-2006, 16:27
ciao claudio9<br>ma quanti KWp vuoi installare ??<br><br>la posizione a NW no è la piu ideale , e sarebbe un peccato non poter sfruttare al 100&#37; i pannelli FV anche per un discorso di resa economica.<br><br>per quello che riguarda il film sottile a tripla giunzione , da quello che so&#39; , non li regalano, nel senso che essendo una tecnlogia ancora non del tutto matura , i costi sono un peletto alti.<br>

08-10-2006, 19:07
dovrei installare 2 kwp e come ho detto il mio tetto è quello e non posso cambiarlo&#33;&#33; Proprio per questo spero con l&#39;amorfo a tripla giunzione di ovviare al problema ma cerco conferme...

tamerlano
08-10-2006, 19:40
ciao claudio9<br>per 2 KWp necessitano circa 20 mq (ad esempio un 5 x 4 )<br><br>ti consiglio di trovare una soluzione alternativa dove posizionare i panneli classici ... e messini nella posizione canonica (orientati a sud con angolo di tilt intorno ai 30° ed azimuth 0 °magari con un inseguitore mono-asse.)<br><br> molto piu sicuri dal punto di vista della resa &quot;sulla distaza&quot; nel senso che li dovrai tenere almeno per 20-25 anni