PDA

Visualizza la versione completa : MA IL CONTRIBUTO VERRA' POI TASSATO??



SIEL
18-09-2005, 17:28
Ciao a tutti,<br>ho partecipato sabato ad un incontro tenuto da Enerpoint, e, secondo loro il contributo in conto energia (0.445 o 0.46 € al kWh) verrebbe poi tassato come reddito ma di questo non ne sono ancora certi.<br>Ma come può essere?? Per prima cosa è un elemento determinante nel calcolo dell&#39;ammortamento e non è possibile che mentre stiamo incominciando a presentare le domande questa questione non sia ancora chiara. anche se secondo me non è possibile che venga tassato un contributo&#33;&#33;&#33;&#33; E&#39; come se ci avessero tassato il contributo in conto capitale&#33; Va bena che siamo in Italia ma mi sembra veramente assurdo.<br><br>Seconda questione che ancora non mi è chiara è: Se volessi fare un impianto di 50kWp devo prima costituire una societ&agrave; con oggetto sociale la produzione e vendita di energia, per poi presentare la domanda a nome di detta societ&agrave;. Ma per costituire tale societ&agrave; necessitano dei requisiti particolari o la possono costituire qualsiasi persona?<br><br>Grazie e ciao<br>

claudiomenegatti
18-09-2005, 18:55
Caro SIEL, il mio post starebbe meglio nella sezione "truffe e raggiri", comunque non meravigliarti se a tutto questo sar&agrave; imposta l&#39;ennesima gabella.<br>Ma lo sapevi che l&#39;iva nella bolletta del gas è calcolata anche sull&#39;imposta? Uno dei tanti governi fece un decreto apposito per giustificare questo illecito.<br>Inoltre c&#39;è l&#39;annosa diattriba sull&#39;iva, ancora sul gas, in cui dovresti pagare l&#39;aliquota del 10% per uso cottura e del 20% per uso riscaldamento.<br>In sostanza sei obbligato a tenere spento il riscaldamento in certi periodi (per decreto) ma l&#39;iva ti viene sempre conteggiata al 20%, come se bruciassi per scaldarti.<br>I nostri governanti non sono solo "ladri", ma anche stupidi&#33; sarebbe più onesto (ed intelligente) dire apertamente che non sono in grado di sopperire alla mancanza di quell&#39;introito carpito in maniera truffaldina.<br>Questa è l&#39;italia&#33; Quindi ... non meravigliarti se ...

BrightingEyes
21-09-2005, 20:19
Premesso che sono in gran parte d&#39;accordo sulle considerazioni di Claudiomenegatti (purtroppo.... <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/dry.gif' alt='dry.gif'> ) per quanto riguarda la tassabilit&agrave; del Conto Energia credo ci siano pochi dubbi:<br><br>Impianti fino a 20 Kwp. Sono considerati per uso privato, infatti non serve aprire Partita Iva per "officina di produzione elettrica" e l&#39;energia eventualmente prodotta in esubero non può essere rivenduta al gestore. I contributi di Conto Energia in questo caso sicuramente NON sono tassabili.<br><br>Impianti sopra i 20 Kwp. Occorre aprire Partita Iva, quindi si entra nel campo dell&#39;imprenditoria vera e propria. Ovviamente i ricavi ottenuti dall&#39;attivit&agrave;, come tutti i ricavi, sono soggetti alla normale tassazione. Quindi i proventi da vendita al gestore dell&#39;energia prodotta in esubero (alla cifra di 0,095 se nn sbaglio) sono sicuramente tassati. Qualche dubbio permane sulla tassabilit&agrave; della quota di contributo Conto Energia, ma l&#39;investimento per una piccola impresa è gi&agrave; tanto vantaggioso che se il contributo non fosse nemmeno tassato credo sarebbe un pò esagerato.<br><br>Ciao <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'>

alby62
21-09-2005, 21:47
salve a tutti , vedo che il mio dubbio è stato cancellato , se siamo sicuri che un impresa che installa un impianto da 19.6 kwp non deve pagare tasse sia sul net,-meterig che sul conto energia , gente attenzione , se avete + di 1 ditta meglio eseguire + impianti da 19.6 kwp che farne uno da 49.6 kwp perchè il guadagno che avrete tra 25 anni è del 161% per il 19.6 kwpcontro il &#39; solo&#39;l 102% DEL 49.6 KWP , SONO PERCENTUALI DI GUADAGNO AL NETTO DELLA SPESA DELL&#39;IMPIANTO , se i ns p....a di governanti ci fregano , eseguirne uno da 19.6 o uno da 49.6 kwp si avra quasi la stessa percentuale di guadagno 99% contro il 102%, in compenso AVREMO UNA FINANZIARIA + LEGGERA CI CREDETE ???? <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/w00t.gif' alt='w00t.gif'>

BrightingEyes
22-09-2005, 11:18
Effettivamente la strategia che propone alby62 sarebbe decisamente vantaggiosa. Anche troppo. Si rischia che la quota destinata originariamente ai privati venga "fagocitata" velocemente dalle imprese, che in molti casi potrebbero investire velocemente cifre importanti con sicurezza di ritorni economici rapidi e sicuri. E 60 Mwp (quota max degli impianti sotto i 50 Kwp) non sono poi molti.<br>A parte il fatto che sarebbe comunque una gran cosa raggiungere il tetto in breve tempo per lo sviluppo di un mercato fotovoltaico maturo, questo mi fa pensare che, indipendentemente se ora nel decreto del Conto Energia il contributo sia considerato reddito tassabile o meno, un comportamento speculativo da parte di un&#39;impresa come quello proposto possa esporre a qualche "attrito" con gli uffici delle entrate. <br>In sostanza, a mio parere un privato non rischia alcuna richiesta fiscale, ma per un&#39;azienda è meglio andarci cauti sui calcoli entusiastici. L&#39;esperienza mi insegna che è sempre difficile tenere totalmente chiuso il portafoglio se il fisco sente odore di utili. <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/wink.gif' alt='wink.gif'> <br><br><span class="edit">Edited by BrightingEyes - 22/9/2005, 12:19</span>

BrightingEyes
22-09-2005, 11:57
Ancora una precisazione. Il decreto ufficiale cita espressamente il divieto di ottenere la tariffa incentivante più di una volta per azienda:<br><br>"di non aver presentato, oltre alla presente domanda ed entro la medesima scadenza di cui all’articolo 7, comma 1, del DM 28 luglio 2005, altre domande di ammissione alle “tariffe incentivanti” previste dal DM 28 luglio 2005 relative ad impianti fotovoltaici da realizzare nel medesimo sito, anche tramite societ&agrave; controllate o collegate;"<br><br>

alby62
22-09-2005, 21:53
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (BrightingEyes @ 22/9/2005, 12:57)</div><div id='QUOTE' align='left'>Ancora una precisazione. Il decreto ufficiale cita espressamente il divieto di ottenere la tariffa incentivante più di una volta per azienda:<br><br>"di non aver presentato, oltre alla presente domanda ed entro la medesima scadenza di cui all’articolo 7, comma 1, del DM 28 luglio 2005, altre domande di ammissione alle “tariffe incentivanti” previste dal DM 28 luglio 2005 relative ad impianti fotovoltaici da realizzare nel medesimo sito, anche tramite societ&agrave; controllate o collegate;"</div></div><br> giusto , ma se uno è socio di più aziende ? come la mettiamo ? resta inteso che è giusto che si paghino le tasse meglio sarebbe un pò + &#39;leggere &#39; visto la propensione ad eseguire quest&#39;impianti .Ne giova anche la comunit&agrave;. <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/tongue.gif' alt='tongue.gif'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'>

alby62
22-09-2005, 21:56
ops non ho letto bene il DM , dici che ad esempio una fiat potr&agrave; costruire un impianto a Torino , ma non uno a Melfi o Arese ( sar&agrave; mai della Fiat ?&#39;&#39;) <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/cool.gif' alt='cool.gif'>

alby62
24-09-2005, 18:37
per brightinqeyes dove hai preso quel trafiletto del dm 28 7 05 che hai riportato nella tua risposta ? che art è del dm e quale comma , ho letto e riletto il dm ma non lo vedo . comunque tra le righe sembra che un azienda non può fare un impianto nello stesso sito &#39;paese ? , ma può installarne uno in una sua consociata di un&#39;altra localit&agrave; , comunque io , penso di installarne uno da 49.9 kwp , AIMé , invece che eseguirne uno da 19.9 kwp , prima di prenderlo nel c...o dallo amato stato &#39; LUNGIMIRANTE &#39; ai voglia e voltafaccia mai che faccia una legge chiara e sincera .