PDA

Visualizza la versione completa : [contratti fornitura energia] nuovi contatori enel- tanti dubbi, troppi!



23-11-2005, 15:12
Ciao a tutti<br><br>da un po di tempo cerco di capire da dove derivino gli alti consumi (bollette salate) che mi ritrovo a pagare ogni bimestre.<br>Facendo le varie verifiche, controllando le vecchie bollette mi sono accorto che da quando hanno installato il nuovo contatore i consumi sono aumentati, pur continuando lo stesso tenore di vita.<br>Facendo varie ricerche in internet ho trovato cose interessanti... in particolare sembrerebbe che i nuovi contatori oltre a misurare la "corrente attiva" misurino anche la "corrente reattiva" (non mi chiedete che cos&#39;è perchè sto cercando di capirlo), e questo porterebbe in media ad un consumo del 33% in più rispetto ai vecchi contatore.<br>Inserisco di seguito il link al sito che parla di quanto appena detto con un pezzo del testo:<br><br><a href='http://www.ecquologia.it/sito/pag926.map?action=single&field.joined.id=47523&field.joined.singleid=47651' target='_blank'>http://www.ecquologia.it/sito/pag926.map?a....singleid=47651</a><br><br>""I nuovi contatori elettronici, a differenza dei precedenti, misurano oltre alla “potenza attiva” anche quella “reattiva”, facendoci pagare fino al 33% in più. Cerchiamo di spiegarci.<br>- Nel circuito di casa scorre corrente alternata, in cui corrente e tensione variano ciclicamente nel tempo, da valori positivi a valori negativi, e anche nulli.<br>- I vari strumenti che assorbono energia elettrica reagiscono in modo molto diverso: un elemento resistivo, come una lampadina a incandescenza, un boiler elettrico, ecc, “vede” tensione e corrente in fase tra loro, e la potenza assorbita è pari semplicemente al prodotto della tensione e della corrente; un sistema che assorbe attraverso elementi non resistivi, per esempio condensatori o bobine, come la maggior parte dei motori degli elettrodomestici, per sua natura “vede” invece tensione e corrente generalmente sfasate tra loro, e assorbe per questo una potenza minore.<br>- Ora, mentre la potenza effettivamente assorbita, o consumata, da un sistema è detta “potenza attiva”, ed è quella che effettivamente “svolge il lavoro”, in altre parole eroga un servizio all’utente, la “potenza apparente” è quella calcolata dalla brutale moltiplicazione dei valori assoluti, e massimi, della tensione per la corrente, che il fornitore deve comunque erogare all’utenza: la differenza tra questa potenza “totale” e quella “attiva” è detta “potenza reattiva”, che non svolge attivit&agrave; diretta, anche se comporta una produzione di energia “alla fonte” (cioè da parte del produttore, cioè ENEL).<br>- Il rapporto tra “potenza attiva” e “potenza apparente” è detto “fattore di potenza” e mediamente, considerando le apparecchiature presenti in una abitazione, questo valore è pari o superiore a 0,75. Questo significa che se pagassimo tutta la potenza prodotta da ENEL per la nostra utenza, cioè la “potenza apparente”, e non quella effettivamente consumata (“potenza attiva”), pagheremmo anche il 33% in più&#33;<br>- E’ proprio quello che è accaduto con i Contatori Elettronici: questi provvedono a “rifasare” la tensione e la corrente, così che l’utente paga non solo quello che effettivamente consuma, che dipende dal numero e dal tipo degli apparecchi che usa, sia per illuminazione che per altre funzioni, ma TUTTA la potenza che ENEL produce per quella utenza&#33;&#33;&#33;<br>- Un esempio pratico: se utilizziamo una lampadina a basso consumo ma NON a incandescenza, paghiamo di più di quello che consumiamo, proprio perché tensione e corrente non attraversano la lampadina in fase ma con un certo sfasamento, tuttavia conservando i rispettivi valori massimi.<br>- In altre parole, e per concludere, con i Contatori Elettronici l’ENEL ci fa NATURALMENTE pagare fino al 33% in più di energia, scaricando sugli utenti la PRODUZIONE di energia elettrica, anche quella che effettivamente non consumiamo, e in modo del tutto casuale, che non dipende dall’utente, il quale non può sapere come funzionano tutti i propri apparecchi elettrici.""<br><br>Cosa ne pensate?<br>Sembra che ci sia in attono una contestazione abbastanza pesante verso l&#39;enel e i nuovi contatori, portata avanti da varie associazioni di consumatori e non solo.<br>Speriamo si faccia luce al più presto.<br><br>Nel frattempo mi chiedevo se qualcuno di voi sa dirmi se c&#39;è un modo per evitare che il contatore legga la "corrente reattiva", in modo da riportare la mia bolletta ai vecchi consumi (raddoppiati).<br><br>Grazie di tutto<br>a presto<br><br><br>

nmanif
25-11-2005, 20:08
se è vero quello che dici l&#39;unico sistema che c&#39;è è quello di rifasare come fanno le ditte che hanno il trifase cioè collegare in maniera apposita dei condensatori in maniera da annullare il cosidetto cosphi ossia l&#39;angolo del vettore composto dalla somma di corrente apparente e attiva.(quello che dicevi tu)<br>mi sa che farò proprio delle prove......<br>

Gpl
27-11-2005, 19:59
Non credo proprio sia così, infatti se schiaccia il tasto che da le informazioni sul contatore e scorrendole tutte non c&#39;è la voce sulla potenza reattiva, mentre se fai la stessa operazione sui contatori trifase questo valore è presente. Per cui non credo venga conteggiato.<br>Ad ogni modo chiedo e ti faccio sapere.

01-12-2005, 15:28
grazie a tutti per le risposte e l&#39;interessamento<br><br>ciao nmanif, potresti spiegarti meglio? come si può provare la soluzione che proponi per controllare poi se ci sono dei cambiamenti nei consumi?<br><br>a presto

mariomaggi
04-12-2005, 18:05
Caro scupiz, <br>hai gia&#39; avuto tante risposte anche da gente competente su un altro forum specializzato. <br>Questa sezione si intitola "Fonti energetiche rinnovabili ........ In casa."<br>Ciao <br>Mario<br>

21-12-2005, 12:56
Salve a tutti. Si potrebbe avere l&#39;indirizzo di questo forum specializzato, dal momento che anch&#39;io ho gli stessi sospetti sul nuovo contatore Enel.<br>Grazie e buone feste.

marcomato
22-01-2006, 14:19
Mario, hai ragione, l&#39;argomento sar&agrave; anche un po&#39; OT.... ma a me presonalmente interessa... qualche link sarebbe gradito&#33;<br><br>Ho speso un sacco di soldi per sostituire TUTTE le lampadine con altre A.R ed elettrodomestici A ed A+.<br><br>Il tutto animato da spirito ecologico, sociale... ma cavoli anche economico.<br><br>E mi scoccerebbe che il giorno che mi cambiano il contatore mi fanno pagare la corrente come se avessi lampade ad incandescenza e tutti gli elettrodomestici vecchi...<br><br>Ovviamente il mio sentimento è dettato dalla mia relativa ignoranza in materia... <br><br>Bello sarebbe se qualcuno più esperto ci rassicura che queste considerazioni sono infondate, e la maggiorazione rispetto alle vecchie bollette è in gran parte dei casi dovuta a degli anticipi troppo bassi che non sono mai stati conguagliati, o magari ad un&#39; inefficenza dei contatori vecchi che magari contavano di meno.<br><br><br>Ad esempio a molte famiglie con i nuovi contatori "gli saltava la luce" in continuazione, e hanno dovuto aumentare il contratto da 3 a 4,5 kw con relativi aggravi e successivo peana delle associazioni consumatori.<br><br>Va detto che se prima il vecchio contatore non saltava era per via della sua minore efficenza e precisione...e forse chiss&agrave;... vecchio e consumato magari girava anche un po&#39; meno.... ma la corrente che consuamavano era sempre quella...<br><br>Io con 3kw ( ed ammetto...il contatore vecchio) ci mando avanti un piccolo ufficio, grazie a corrette scelte riguardanti illuminazione, riscaldamento-condizionamento ed uso di fotocopiatrice... non riesco a credere che in casa 3 KW stando un po&#39; attenti alle "letterine" sull&#39; etichetta quando compri gli elettrodomestici ed alla maniera di usarli, non siano sufficenti per una famiglia normale.<br><br><span class="edit">Edited by marcomato - 22/1/2006, 15:05</span>

15-03-2006, 10:55
Ricordo di averlo studiato l'anno scorso a scuola in Elettronica. Se non ricordo male bisognerebbe utilizzare un condensatore e un induttanza. Però non vorrei sparare cavolate perchè sicurametne ci sar&agrave; qualcuno che ne sa più di me. Adesso cercherò i miei appunti poi vi farò sapere.

Spuzzete
15-03-2006, 12:23
Ciao a tutti.<br><br>Devo dire che da quando hanno cambiato il contatore alla mia abitazione, abbiamo registrato un'impennata dei consumi di corrente, passando da 12/14 Kwattora al giorno a 19 Kwattora al giorno e frequenti "scatti" del contatore per richiesta eccessiva di corrente.<br>Per ora non sappiamo se il fatto può essere imputato solo al contatore a ad altre cause.<br>Mio pap&agrave; è un elettricista, stiamo facendo delle verifiche a lungo termine (1-2 mesi) sui consumi, confrontando i dati del contantore con quelli di un misuratore di corrente (tipo quelli che si trovavano da castorama o lidl) posto prima del contatore, dopo aver controllato l'impianto.<br><br>Ciao&#33;<br>

Tianos
15-03-2006, 13:02
da una puntata di report si parlava bel metro di misurazione della corrente...che qua in italia non esiste perche' fermo a 60 anni fa...oltretutto sui contatori non c'e il piombino di chiusura anticontraffazzione che afferma che il contatore sia stato tarato adeguatamente , e quindi puo essere tutto o l'incontrario di tutto .<br>in poche parole tenendo conto che a capo dell'enel c'e un colluso con la mafia, non abbiamo prove che ci freghi o meno se non quello di pagare di tasca nostra un laboratorio di misure metriche che ci tari adeguatmente i consumi del contatore.<br><br><span class="edit">Edited by Tianos - 15/3/2006, 13:03</span>

Spuzzete
15-03-2006, 13:26
Credo di aver visto anche io quella puntata di report, anche se non me la ricordo bene. Comunque la faccenda dei contatori e del controllo della taratura degli stessi secondo me resta poco chiara.<br><br>Per quanto riguarda la mia situazione vi farò sapere fra un po' quando avrò dati piu consistenti.<br><br>Ciao&#33;

Avantasja
15-03-2006, 20:26
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (rosolo @ 15/3/2006, 10:55)</div><div id="quote" align="left">Ricordo di averlo studiato l'anno scorso a scuola in Elettronica. Se non ricordo male bisognerebbe utilizzare un condensatore e un induttanza. Però non vorrei sparare cavolate perchè sicurametne ci sar&agrave; qualcuno che ne sa più di me. Adesso cercherò i miei appunti poi vi farò sapere.</div></div><br>l'ho appena studiato e ti dico che hai pienamente ragione: in genere si usa una capacit&agrave; in parallelo per il rifasamento, ma non ricordo la forlmula esatta per il suo dimensionamento: purtroppo mi hanno rubato il quaderno degli appunti....<br><br>Aggiungo che il prof di elettrotecnica ci ha detto (gli eventuali errori, chiaramente, sono tutti miei e di memoria) che il rifasamento è obbligatorio altrimenti l'ENEL sarebbe costretto a erogare + potenza non attiva per incrementare quella attiva (che ricordiamo è quella effettiva che consumiamo). Questo rifasamento PER LEGGE deve essere portato quasi all'unit&agrave; (75% era anni addietro) ed in particolare a cosphi=0,9. Questo valore è altissimo (e si ottiene solo come detto con una capacit&agrave; in parallelo, carata in maniera molto accurata), ma permette di rendere minimali le quote parti di potenze reattive e apparenti a fronte di quella attiva. PER LEGGE, l'utente deve sforzarsi di tendere o superare questo valore se non vuole incappare in azioni giudiziarie (nel caso l'ENEL se ne dovesse accorgere).<br><br>Spiegazione dei nuovi contatori: probabilmente l'ENEL si è accorta che questo rifasamento (a carico dell'utente) non avviene come da regolamento, perciò ha preferito far pagare in questa maniera tutti coloro che non si sono messi in regola con la prescrizione. In sostanza è un metodo arguto, ma sleale perchè privo di adeguata informazione (supponendo che quelle vostre considerazioni circa i nuovi contatori siano vere), per far pagare il giusto a chi si conforma e una "penale" a chi non lo fa...<br>Tuttavia a chi si conforma, spetta ancora l'onere di pagare il restante sfasamento dovuto al cosphi=0,1 ........ e questa mi sembra una truffa bella e buona.....<br><br>Attendo smentite....<br><br><span class="edit">Edited by Avantasja - 15/3/2006, 23:34</span>

BrightingEyes
16-03-2006, 14:13
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Tianos @ 15/3/2006, 13:02)</div><div id="quote" align="left">da una puntata di report si parlava bel metro di misurazione della corrente...che qua in italia non esiste perche' fermo a 60 anni fa...oltretutto sui contatori non c'e il piombino di chiusura anticontraffazzione che afferma che il contatore sia stato tarato adeguatamente , e quindi puo essere tutto o l'incontrario di tutto .<br>in poche parole tenendo conto che a capo dell'enel c'e .... , non abbiamo prove che ci freghi o meno se non quello di pagare di tasca nostra un laboratorio di misure metriche che ci tari adeguatmente i consumi del contatore.</div></div><br>Mi interessa molto questa cosa del consumo misurato dai nuovi contatori, anche se il post è effettivamente OT.<br>Penso però che sia prudente misurare anche quello che si scrive. Occhio che esistono leggi precise e non è buona cosa appioppare etichette alle persone, specie etichette con conseguenze civili e penali. Che io ritenga il sig. Pincopallino un truffatore può essere pure comprensibile, ma non è lecito affermarlo se non è un tribunale a stabilirlo. Io modificherei il testo.<br><br><span class="edit">Edited by BrightingEyes - 16/3/2006, 14:13</span>

duido
19-03-2006, 14:26
prima di tutto un saluto a tutti i partecipanti di questo interessantissimo forum .<br>volevo porvi una questione a proposito di contatori enel.<br><br>abitando io in una casa con due appartamenti ,ho disponibilit&agrave; di 2 contatori che usano la stessa fase se li metto in parallelo posso ovviare al problema del troppo carico e al coseguente distacco della corrente ,faccio un esempio ,uno ha attaccato elettrodomestici per 4 kw e l'altro per 1kw avrò un consumo medio per contatore di 2.5 kw o no?

Clorofillo
20-03-2006, 12:24
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Avantasja @ 15/3/2006, 20:26)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (rosolo @ 15/3/2006, 10:55)</div><div id="quote" align="left">Ricordo di averlo studiato l'anno scorso a scuola in Elettronica. Se non ricordo male bisognerebbe utilizzare un condensatore e un induttanza. Però non vorrei sparare cavolate perchè sicurametne ci sar&agrave; qualcuno che ne sa più di me. Adesso cercherò i miei appunti poi vi farò sapere.</div></div><br>l'ho appena studiato e ti dico che hai pienamente ragione: in genere si usa una capacit&agrave; in parallelo per il rifasamento, ma non ricordo la forlmula esatta per il suo dimensionamento: purtroppo mi hanno rubato il quaderno degli appunti....<br><br>Aggiungo che il prof di elettrotecnica ci ha detto (gli eventuali errori, chiaramente, sono tutti miei e di memoria) che il rifasamento è obbligatorio altrimenti l'ENEL sarebbe costretto a erogare + potenza non attiva per incrementare quella attiva (che ricordiamo è quella effettiva che consumiamo). Questo rifasamento PER LEGGE deve essere portato quasi all'unit&agrave; (75% era anni addietro) ed in particolare a cosphi=0,9. Questo valore è altissimo (e si ottiene solo come detto con una capacit&agrave; in parallelo, carata in maniera molto accurata), ma permette di rendere minimali le quote parti di potenze reattive e apparenti a fronte di quella attiva. PER LEGGE, l'utente deve sforzarsi di tendere o superare questo valore se non vuole incappare in azioni giudiziarie (nel caso l'ENEL se ne dovesse accorgere).<br><br>Spiegazione dei nuovi contatori: probabilmente l'ENEL si è accorta che questo rifasamento (a carico dell'utente) non avviene come da regolamento, perciò ha preferito far pagare in questa maniera tutti coloro che non si sono messi in regola con la prescrizione. In sostanza è un metodo arguto, ma sleale perchè privo di adeguata informazione (supponendo che quelle vostre considerazioni circa i nuovi contatori siano vere), per far pagare il giusto a chi si conforma e una "penale" a chi non lo fa...<br>Tuttavia a chi si conforma, spetta ancora l'onere di pagare il restante sfasamento dovuto al cosphi=0,1 ........ e questa mi sembra una truffa bella e buona.....<br><br>Attendo smentite....</div></div><br>Quello a cui fai riferimento è il provvedimento CIP 11/78 e c'è l'obbligo di rispettare l'assorbimento con cosfi>0,9 soltanto per utenze con contratti di fornitura superiori a 10 kW. In alternativa se l'utente non rispetta il vincolo e rimane comunque con 0,7&#60;cosfi&#60;0,9 paga una penale e continua a consumare. Se il cosfi&#60;0,7 l'Enel stacca l'utenza. una utenza da 3 kW non è tenuta a rispettare tali vincoli secondo il CIP e quindi l'Enel avr&agrave; provveduto a tutelarsi.... in realt&agrave; l'assorbimento di reattivo interessa le reti Enel con un aumento di corrente trasportata etc... Il rifasamento è si ottenibile con condensatori in parallelo, ma attenti a non eccedere con la Capacit&agrave; altrimenti si genera potenza reattiva ed il CIP impone il distacco&#33;<br><br>Clorofillo.<br><br><span class="edit">Edited by Clorofillo - 20/3/2006, 18:59</span>

JethroPiano
20-03-2006, 18:07
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">attenti a non eccedere con la Capacit&agrave; altrimenti si genera potenza reattiva ed il cosfi>1</div></div><br>Una correzione x Clorofillo: se la potenza reattiva da induttiva diviene capacitiva, l' angolo di sfasamento tra tensione e corrente diventa negativo ed il cos(fi) ritorna minore di 1&#33;&#33;<br>Hai mai visto un coseno >1?&#33;?&#33;?&#33;? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0c5e397a0e413f5b705b5a83b6dfde7e.gif" alt="wacko.gif"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/62f1e10fb5f71512cab5f3b5c09751b5.gif" alt="blink.gif"><br>Ciao a tutti&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/036eeb991c55a4998ae35d24caf34ce6.gif" alt="wink.gif"><br><br><span class="edit">Edited by JethroPiano - 20/3/2006, 18:09</span>

Clorofillo
20-03-2006, 19:07
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (JethroPiano @ 20/3/2006, 18:07)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">attenti a non eccedere con la Capacit&agrave; altrimenti si genera potenza reattiva ed il cosfi>1</div></div><br>Una correzione x Clorofillo: se la potenza reattiva da induttiva diviene capacitiva, l' angolo di sfasamento tra tensione e corrente diventa negativo ed il cos(fi) ritorna minore di 1&#33;&#33;<br>Hai mai visto un coseno >1?&#33;?&#33;?&#33;? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4f9126fb9ef4ace5763099b1e7b1ec62.gif" alt="wacko.gif"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/45336e10e2e85dd642413e8ecddc7fa2.gif" alt="blink.gif"><br>Ciao a tutti&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/599daf04f8d313e2e59dcfbdb7c067a5.gif" alt="wink.gif"></div></div><br>Bentrovcato JethroPiano,<br><br>chiedo venia, hai ravvisato un errore madornale che non mi perdono <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/038d87e0ed56527e1fc540a91826988c.gif" alt="w00t.gif"> che ho subito corretto.<br><br>In realt&agrave; intendevo, in mente, dire che l'angolo di sfasamento tra V ed I diviene negativo (la corrente anticipa di fase la tensione) ed ho automaticamente scritto "l'obbrobrio" ... capita&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4f9126fb9ef4ace5763099b1e7b1ec62.gif" alt="wacko.gif"><br><br>Ciao e grazie per la correzione,<br><br>Clorofillo <img src=http://faccine.forumfree.net/sun.gif><br><br>

brunovr
20-03-2006, 21:15
ciao a tutti<br><br>ho effettuato la seguente prova dopo aver installato un condensatore per rifasare il mio cliente senza ottenere risultati in bolletta&#33;<br><br>Utente potenza installata 20Kw trifase<br><br>Avevo inserito un condensatore da 10Kva 400V collegato, tramite magnetotermico, in modo fisso (sempre collegato)<br><br>Con i vecchi contatori era la soluzione migliore, tanto se rifasavi troppo, il contatore della reattiva si fermava (non poteva girare indietro x il gancio meccanico) cosi il sistema era sempre rifasato.<br>Con i nuovi contatori così non è&#33;<br>La prova infatti mi ha dato ragione :<br>ho collegato all'utenza il SOLO condensatore senza nessun'altro carico per ben 14 ore (domenica)<br>Dopo 14 ore sono stati presi i consumi rilevati . Morale della favola?<br>Potenza Attiva : 6Kw<br>Potenza Reattiva : 140 KVA &#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>che divisio per 14 ore fanno proprio i 10Kva dei condensatori.<br><br>Interpellato ENEL dopo aver fatto altre misure uguali su altri miei clienti, mi è stato risposto così da un tecnico di zona:<br>"Lo sappiamo che hanno questo problema, non ci possiamo fare niente&#33; Chi ha progettato il contatore ha fatto calcolare il valore assoluto della potenza sia reattiva che capacitiva ed è impossibile riprogrammare quella parte di software&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;"<br><br>Beh, fin quì ok, a noi installatori non ci resta che cercare una centralina di rifasamento da 20Kva e (a parte x i clienti x il costo) è tutto ok se non che x la velocit&agrave; di commutazione sar&agrave; molto difficile rifasare utenti con accensioni variabili&#33;<br><br><br>ciao ciao<br><br>PAGA E TASI &#33;<br><br>a presto<br><br><span class="edit">Edited by brunovr - 20/3/2006, 21:16</span>

maximum2
20-03-2006, 23:31
quindi se ho capito bene, i nuovi contatori segnano effettivamente di più di quello che si consuma (parlo di una utenza casalinga)<br><br>...ma non sarebbe il caso di fare una denuncia all'associazione consumatori?<br><br>il fatto che l'enel abbia fatto un errore nel suo sw, non significa che noi dobbiamo pagare (per sempre tra l'altro).<br>MaX

Tianos
20-03-2006, 23:54
oltretutto io che sostengo che l'uomo e' colpevole fino a prova contraria, sono dubbioso che non sia persino premeditata questa cosa.

Clorofillo
21-03-2006, 09:33
Ciao brunovr,<br><br>ho qualche perplessit&agrave;, devo farti qualche domanda:<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">ho effettuato la seguente prova dopo aver installato un condensatore per rifasare il mio cliente senza ottenere risultati in bolletta&#33;</div></div><br>Non è chiaro se la tua prova (inserire un condensatore in parallelo a valle del contatore ) abbia rilevato un aumento del costo della bolletta per effetto di letture di potenze reattive.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">ho collegato all'utenza il SOLO condensatore senza nessun'altro carico per ben 14 ore (domenica)<br>Dopo 14 ore sono stati presi i consumi rilevati . Morale della favola?<br>Potenza Attiva : 6Kw<br>Potenza Reattiva : 140 KVA &#33;&#33;&#33;&#33;</div></div><br>I dati indicati non rappresentano un consumo bensì una potenza (il consumo è espresso come energia, kWh - attiva oppure kVarh - reattiva, mentre kVAh è l'energia apparente). Non voglio polemizzare ... è solo per capire la tipologia della misura che hai eseguito ... ho particolare interesse alla vicenda.<br><br>Dunque, se ho capito bene, tu hai rilevato che il contatore elettronico conteggia anche l'energia reattiva generata internamente all'utenza (corrente in anticipo sulla tensione).<br>E prove sull'energia reattiva assorbita non ne hai fatte? Ad esempio, collegando un carico induttivo, cosa legge il contatore?<br><br>Se così fosse il nostro bravo contatore ha un funzionamento su quattro quadranti di potenza&#33;<br><br>Attendo delucidazioni, grazie.<br><br>Clorofillo.<br><br><span class="edit">Edited by Clorofillo - 21/3/2006, 11:47</span>

brunovr
21-03-2006, 12:23
giusto clorofillo, hai ragione&#33; SCUSATE&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>Mancava la h &#33;<br><br>sono :<br><br>Potenza Attiva : 6 Kw/h<br>Potenza Reattiva : 140 Kvar/h<br><br>Per non creare confusione ripeto che la misura è stata fatta con UTENZA INDUSTRIALE TRIFASE, per il monofase domestico è presto.....<br><br>La misura è stata eseguita con il contatore stesso, non avendo a disposizione altri mezzi sofisticati e costosi come un analizzatore di rete.<br><br>Ripeto la procedura :<br><br>Utente 20Kw trifase , collegato pacco condensatori da rifasamento 10Kva 415V trifase.<br>Dopo 14 ore di solo ed esclusivamente inseriti i condensatori si legge i dati sopradescritti.<br><br>Dunque è certo(confermato dal tecnico ENEL), i contatori industriali nuovi rilevano energia attiva, ed il valore assoluto dell'energia reattiva sia di tipo induttivo (+) che capacitivo (-) .<br><br>sempre a disposizione.<br><br>ALLEGO BOLLETTA , osservate il rapporto tra energia reattiva e attiva, penssavo di aver letto sbagliato &#33;&#33;&#33;<br><br><a href="http://img161.imageshack.us/my.php?image=0017qx.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e0b7be9f5ea8b4e29d8919de5811bdc8.jpg" alt="image"></a><br><br>ciao ciao<br><br><span class="edit">Edited by brunovr - 21/3/2006, 12:41</span>

JethroPiano
21-03-2006, 13:43
Per brunovr<br>Non vorrei passare da rompiscatole <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c43a88834cc5fac4be711d92bfa6c7c3.gif" alt=""> ma si tratta di kWh e kVAh, non kW/h o kVA/h <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c2403c427f8a04d7cad6c83657f9556c.gif" alt=""><br>Scusa, ma è importante&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5c63c4e24749a8cc228eadfc4a35aa84.gif" alt=""> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e3684b356e2ad390d5dc8f779292d99b.gif" alt=""><br>Ciao a tutti&#33;&#33;

Clorofillo
21-03-2006, 13:56
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (brunovr @ 21/3/2006, 12:23)</div><div id="quote" align="left">giusto clorofillo, hai ragione&#33; SCUSATE&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>Mancava la h &#33;<br><br>sono :<br><br>Potenza Attiva : 6 Kw/h<br>Potenza Reattiva : 140 Kvar/h<br><br>Per non creare confusione ripeto che la misura è stata fatta con UTENZA INDUSTRIALE TRIFASE, per il monofase domestico è presto.....<br><br>La misura è stata eseguita con il contatore stesso, non avendo a disposizione altri mezzi sofisticati e costosi come un analizzatore di rete.<br><br>Ripeto la procedura :<br><br>Utente 20Kw trifase , collegato pacco condensatori da rifasamento 10Kva 415V trifase.<br>Dopo 14 ore di solo ed esclusivamente inseriti i condensatori si legge i dati sopradescritti.<br><br>Dunque è certo(confermato dal tecnico ENEL), i contatori industriali nuovi rilevano energia attiva, ed il valore assoluto dell'energia reattiva sia di tipo induttivo (+) che capacitivo (-) .<br><br>sempre a disposizione.<br><br>ALLEGO BOLLETTA , osservate il rapporto tra energia reattiva e attiva, penssavo di aver letto sbagliato &#33;&#33;&#33;<br><br><a href="http://img161.imageshack.us/my.php?image=0017qx.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b9a3eb3a5c4356dca2381666436a19da.jpg" alt="image"></a><br><br>ciao ciao</div></div><br>Beh, con questi dati direi che è necessario realizzare un rifasamento ... siamo ben al di sotto del limite di cosfi=0,7 (dalla bolletta leggo cosfi=0,472).<br><br>Che ne dici di fare un rifasamento distribuito sui carichi induttivi?<br><br>Tienici al corrente dei tuoi interventi.<br><br>Sempre a disposizione.<br><br>Clorofillo. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0b95c509432b111f2648aa5e7c12c733.gif" alt="rolleyes.gif">

brunovr
21-03-2006, 20:46
ueeee &#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>guarda che non hai capito&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>questo impianto è GIA RIFASATO&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>ti ripeto questa bolletta è dell'impianto DOPO il rifasamento (alla vecchia maniera, collegando direttamente la batteria di condensatori senza staccarla mai, cosa che un tempo era NORMALE per potenze cosi "piccole" )<br>ripeto, una volta il contatore non girava indietro dunque la potenza reattiva capacitiva non veniva conteggiata...<br><br>Ora invece a volte "come in questo caso" conviene NON rifasare&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>ciao ciao<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (JethroPiano @ 21/3/2006, 13:43)</div><div id="quote" align="left">Per brunovr<br>Non vorrei passare da rompiscatole :roby: ma si tratta di kWh e kVAh, non kW/h o kVA/h :blabla:<br>Scusa, ma è importante&#33;&#33;&#33; :evacca: :ok.gif:<br>Ciao a tutti&#33;&#33;</div></div><br>vero compaesano, hai ragione anche tu&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>ciao

Clorofillo
21-03-2006, 21:17
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (brunovr @ 21/3/2006, 20:46)</div><div id="quote" align="left">ueeee &#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>guarda che non hai capito&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>questo impianto è GIA RIFASATO&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>ti ripeto questa bolletta è dell'impianto DOPO il rifasamento (alla vecchia maniera, collegando direttamente la batteria di condensatori senza staccarla mai, cosa che un tempo era NORMALE per potenze cosi "piccole" )<br>ripeto, una volta il contatore non girava indietro dunque la potenza reattiva capacitiva non veniva conteggiata...<br><br>Ora invece a volte "come in questo caso" conviene NON rifasare&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>ciao ciao<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (JethroPiano @ 21/3/2006, 13:43)</div><div id="quote" align="left">Per brunovr<br>Non vorrei passare da rompiscatole :roby: ma si tratta di kWh e kVAh, non kW/h o kVA/h :blabla:<br>Scusa, ma è importante&#33;&#33;&#33; :evacca: :ok.gif:<br>Ciao a tutti&#33;&#33;</div></div><br>vero compaesano, hai ragione anche tu&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>ciao</div></div><br>Ok brunovr, non avevo capito ma...<br><br>.... mi sbaglio o accordando un filtro capacitivo che fornisca la potenza reattiva necessaria ai carichi induttivi a valle, eliminiamo lo sfasamento in anticipo della corrente sulla tensione?<br><br>E' ovvio, bisogna essere molto bravi a scegliere i condensatori, ma rifasare, e bene, conviene. Non sempre però ... se i costi sono troppo elevati l'impresa non vale la spesa. Allora rifasiamo non troppo tenendo i costi contenuti ma assicurando una bolletta più leggera.<br><br>Ecco perchè ti suggerivo di inserire rifasatori sugli utilizzatori, non centralizzati ... perchè in quest'ultimo caso, quando i carichi sono disinseriti il contatore vede solo potenza reattiva capacitiva ... e conta. Mentre sui singoli carichi essi entrano in funzione soltanto quando è necessario.<br><br>Dimmi cosa ne pensi.<br><br>Ciao.

duido
24-03-2006, 18:53
la risposta al mio quesito non me l'ha data nessuno ,volate tanto in alto che non vedete quelli che stanno a terra.<img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/46db2177683385ae657d3cb4154f1e0f.gif" alt="cry.gif"><br>se qualcuno ha un minuto e mi risponde , grazie<br><br><a href="http://www.forumcommunity.net/?t=2245225#entry35636266" target="_blank">http://www.forumcommunity.net/?t=2245225#entry35636266</a>

brunovr
24-03-2006, 22:11
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (duido @ 19/3/2006, 14:26)</div><div id="quote" align="left">prima di tutto un saluto a tutti i partecipanti di questo interessantissimo forum .<br>volevo porvi una questione a proposito di contatori enel.<br><br>abitando io in una casa con due appartamenti ,ho disponibilit&agrave; di 2 contatori che usano la stessa fase se li metto in parallelo posso ovviare al problema del troppo carico e al coseguente distacco della corrente ,faccio un esempio ,uno ha attaccato elettrodomestici per 4 kw e l'altro per 1kw avrò un consumo medio per contatore di 2.5 kw o no?</div></div><br>non lo avevo letto&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>1° Teoricamente sembrerebbe di si, ma NON è LEGALE &#33;<br><br>2° se i contatori sono elettromeccanici non ci sono problemi penso, il problema è se sono elettronici&#33; rischi di guastarli tutti e due&#33;<br>ciao ciao<br><br><br><br><br><br>x clorofillo<br><br>E' un problema inserire i condensatori per ogni carico : per inserirli nel momento in cui i macchinari sono accesi (diciamo per ora quando diamo corrente al quadro dell'utilizzatore) bisogna inserirlo DOPO l'interruttore della macchina. Ciò comporta una manomissione del quadro macchina con conseguente perdita della marcatura CE e delle responsabilit&agrave; della macchina.<br>Inoltre di solito le utenze restano sempre accese in stand-by cosicchè bisognerebbe inserire i condensatori in parallelo al motore o (come nel mio caso) a tutti i motori della macchina(condensatore adeguato alla potenza del motore).&#33;<br><br>Giustissimo che VALEVA sempre la pena rifasare, il problema è che NON è proprio possibile rifasare con i nuovi contatori, ne come ho dimostrato con condensatori sempre collegati, ne con centraline di rifasamento nel caso in cui (ed è praticamente sempre) i carichi collegati siano variabili repentinamente(carroponti, macchine marmo, torni, frese CNC, seghe circolari, saldatrici, ecc.......)<br>in tempi brevi a causa del tempo di commutazone delle centraline di rifasamento troppo lento (10-30sec)<br>ciao ciao<br><br><span class="edit">Edited by brunovr - 24/3/2006, 22:17</span>

JethroPiano
25-03-2006, 10:08
Inoltre è pericoloso lasciare sempre inseriti i condensatori in parallelo ad un motore: i condensatori con gli avvolgimenti del motore formano un circuito LC. Durante il rallentamento (o l' avviamento) di un motore si potrebbero creare delle tensioni, con frequenza decrescente o (crescente) tale da far entrare in risonanza il suddetto circuito LC, con conseguente generazione di tensioni molto elevate che potrebbero danneggiare elettricamente condensatori e motore.<br>Quindi occhio a collegare condensatori in parallelo ai motori con leggerezza&#33;&#33;<br>Ciao a tutti, buon lavoro&#33;

Clorofillo
25-03-2006, 14:44
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (duido @ 19/3/2006, 14:26)</div><div id="quote" align="left">prima di tutto un saluto a tutti i partecipanti di questo interessantissimo forum .<br>volevo porvi una questione a proposito di contatori enel.<br><br>abitando io in una casa con due appartamenti ,ho disponibilit&agrave; di 2 contatori che usano la stessa fase se li metto in parallelo posso ovviare al problema del troppo carico e al coseguente distacco della corrente ,faccio un esempio ,uno ha attaccato elettrodomestici per 4 kw e l'altro per 1kw avrò un consumo medio per contatore di 2.5 kw o no?</div></div><br>Bentrovato duido, do il mio parere sulla domanda che hai fatto:<br><br>1) Dal punto di vista tecnico è possibile ... ma ... attenzione ai collegamenti perchè potresti create un corto<br> sulla linea (ovviamente intercettato dai contatori i quali potrebbero danneggiarsi come ti ha detto<br> giustamente <b>brunovr</b>)<br><br>2) Dal punto di vista legale <u>è assolutamente vietato</u> in quanto il contratto ENEL prevede che<br> ogni contatore assolva ad una sola utenza, identificata con il cod. cliente.<br><br>Ciao. <img src=http://faccine.forumfree.net/sun.gif>

25-03-2006, 22:46
Ciao a tutti<br>Nell'agosto del 2005 ho chiesto il contratto della tariffa bioraria per il 6kw che ho e c'era scritto che la<br>potenza reattiva si paga solo per i contratti con potenza installata maggiore di 6kw<br>ciao<br>Livio

Spuzzete
01-04-2006, 23:11
Inserisco questo link:<br><br><a href="http://www.rdbcub.it/carovita_20051105_index.htm" target="_blank">http://www.rdbcub.it/carovita_20051105_index.htm</a><br><br>guardare l'articolo:<br><br>31 marzo 2006 - Comunicato Comitati IV Settimana<br><br>CAROVITA DAY E TARIFFE ELETTRICHE<br><br>Ciao&#33;

01-04-2006, 23:28
ciao a tutti<br>ciao Spuzzete, hai inseito il link, ma non ho capito il tuo pensiero.<br><br>alcuni mesi fa ho tenuto il misuratore Lidl collegato all'ingresso dell'impianto elettrico della casa per un mese circa,facendo attenzione a non superare il suo limite di 4400W che misura la potenza in watt VxIxcosiFi<br>ed i kw misurati erano uguali a quelli del contatore enel.<br>settimana prossima (adesso non posso causa infortunio) controllero' il consumo di alcuni apparecchi con potenza reattiva ben diversa da quella attiva per verficare.<br>per esempio: frigorifero 160W attiva 320W reattiva cosFi = 0.5, motore lavatrice cosFi=0.25<br>numero 20 lampadine a basso consumo cosFi = 0.7 ecc ecc<br><br>ciao<br>Livio

Spuzzete
02-04-2006, 08:47
Ciao Digilo,<br><br>la mia impressione è che il contatore elettronico misura effettivamente fino al 33% in piu di quello vecchio..non è stato bello per mio pap&agrave;, pagare una bolletta superiore a quella che pagava col contatore elettomeccanico con un aumento medio di 6 kwora al giorno (~180 kwora al mese in piu). Ma non ho riscontri precisi.<br><br>Vediamo il confronto-consumi con la prossima bolletta tra misuratore e contatore enel.<br><br>Ciao&#33;

02-04-2006, 21:28
ciao a tutti<br>ciao spuzzete<br><br>Non so che tipo di misuratore hai.<br><br>Sarebbe interessante se tu riuscissi a recuperare un vecchio contatore ENEL meccanico da installare in casa per verificare l' eventuale differenza di kwh misurati, prova a cercarlo (io non ti so consigliare dove).<br><br>e verifica anche se non ci siano kwh consumati effettivamnte in piu'.<br>pc sempre acceso ?<br><br>ciao<br>Livio

Spuzzete
03-04-2006, 00:12
Ciao, ho due pc sempre accesi da almeno un anno..e il contatore l'hanno messo pochi mesi fa. 6Kwora al giorno non mi sembrano uno scherzetto da poco..il mio pc consuma in media 130w..di notte 80w (monitor spento), comunque fra poco avrò finito di preparare un server low-cost a basso consumo e dovrei dimezzare i consumi (senza monitor assorbe 35w in media) almeno di un pc.<br><br>Per lo strumento di misurazione uso un misuratore di corrente tipo quelli del lidl..non è preciso come un contatore (ma chi mi certifica che il contatore è preciso???) ma è la prima cosa che avevamo sottomano. Mio pap&agrave; è elettricista quindi ci penser&agrave; lui a trarre le conclusioni, ed eventualmente a trovare un contatore Enel vecchio.<br><br>Ciao&#33;<br>

03-04-2006, 17:20
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Sarebbe interessante se tu riuscissi a recuperare un vecchio contatore ENEL meccanico da installare in casa per verificare l' eventuale differenza di kwh misurati, prova a cercarlo (io non ti so consigliare dove).</div></div><br>Ciao,<br><br>questa prova l'ho fatta il giorno dopo che hanno istallato il contatore nuovo.<br>Dopo avere verificato che i consumi segnati da entrambi dopo 100 Kwh erano identici , ho desistito.<br><br>Ciao.

08-04-2006, 13:01
Ciao a tutti, sono nuova ma volevo unirmi a voi nel lamentarmiper il contatore elettronico... non solo a causa del conguaglio mi è arrivata una mazzatona di 240euro (e siamo solo due persone&#33;), ma non intendevano scendere i consumi&#33;&#33;&#33; Così ho fatto la tariffa bioraria di enel sera e arrivo mediamente a fare il 35% in fascia ridotta, spero di risparmiare un po.<br>Però le tariffe non sono tanto facili da capire e calcolare, perciò vorrei segnalarvi un file creato da me consente di calcolare i consumi con le nuove tariffe Enel col contatore elettronico, ha anche grafici per tenere sotto controllo i picchi di consumo annui. Si trova nell'area download del mio sito a questo indirizzo <a href="http://www.maktubcafe.it/download.asp" target="_blank">area download</a>E' liberamente scaricabile e ridistribuibile gratuitamente a patto che sia sempre citato il sito di provenienza <a href="http://www.maktubcafe.it" target="_blank">http://www.maktubcafe.it</a>&#33; Spero così di dare una mano anche a chi non ha tempo coem ho fatto io di martellare enel per farsi dare spiegazioni sulle bollette sempre più oscure... ciao e grazie a tutti&#33;&#33;&#33; Sad15

08-04-2006, 23:16
ciao a tutti<br>cia sad15<br><br>le mie tariffe sono fisse, non ci sono gli scalioni avend il 6kw, anch'io ho la bioraria e supero il 70 percento<br>in fascia bassa (per il 6kw gli orari sono dalle 20.00 alle 7.00 piu' tutto il sabato e la domenica).<br><br>sul sito dell'enel ci sono tutte le tariffe che interessano (anche se non e' poi cosi facile arrivarci)<br><br>ciao<br>Livio<br>

Wechselstrom
17-11-2006, 03:07
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (brunovr @ 20/3/2006, 21:15)</div><div id="quote" align="left"><span style="color:purple">{citazione in parte corretta}</span><br>ho collegato all&#39;utenza il SOLO condensatore senza nessun&#39;altro carico per ben 14 ore (domenica).<br>Dopo 14 ore sono stati presi i consumi rilevati. Morale della favola?<br>Energia dissipata: 6 KWh ;<br>Energia scambiata (dovuta alla potenza reattiva): 140 kVARh &#33;<br>che divisio per 14 ore fanno proprio i 10 kVAR dei condensatori.</div></div><br>Secondo me è del tutto normale che il contatore abbia misurato quei 140 kVARh, poiché i condensatori di rifasamento vanno inseriti in parallelo al carico solo quando questo è connesso.<br>Infatti si è verificato che per 14 ore i condensatori di rifasamento (unico carico connesso alla rete) han continuato a scambiare potenza reattiva con la sorgente, proprio perché non c&#39;era nulla da rifasare.<br>Saluti <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/183b0f3f2b62f76e456f8d317e3c31e0.gif" alt=";)">