PDA

Visualizza la versione completa : differenza potenziale



marcomato
05-12-2005, 20:32
<b> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'> salve a tutti: mi chiamo Marco,e ho trovato questo forum cercando qualcosa a riguardo dei motori a combustione esterna... o dell&#39; energia geotermica... non ricordo... tanto che ho dato un&#39; occhiata a tutto e lo ho trovato molto utile ed interesante&#33;<br><br>Visto che ho trovato dei post riguardo i quali avevo delle risposte... mentre ho delle domande a riguardo di vari argomenti " inerenti" mi sono iscritto.<br><br>Ad esempio: <br><br>Quando abitavo in casetta indipendente, un nostro vicino "pitagorico" aveva piantato profondamente nel terreno un lungo tondino d&#39; acciaio... e tra lui e la ringhiera metallica attorno alla casa ci aveva attaccato in serie...delle vecchie luci di natale&#33;<br><br>Non sar&agrave; la free energy di cui qui tanto si parla e che ci toglier&agrave; il giogo del petrolio... ma credetemi che sebbene in maniera molto fioca, le lucine stavano accese...giorno e notte&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/w00t.gif' alt='w00t.gif'> <br><br>Mio suocero (professore di fisica) ha supposto il perchè ed il per come si causava un moto alternato di elettroni nel metallo (che non ho ben compreso, viste le mie misere conoscenze liceali) ma mi sono chiesto:<br><br>Cazzarola... se tra il cancello e 3-4 metri sotto il giardino gia si causa un potenziale elettrico di metti.. una manciatina di milliampere e qualche volt ...<br><br> se al momento in cui faccio un carotaggio di 100m sottoterra per infilarci una sonda geotermica, ci srotolo a fianco anche un bel cavo d&#39;acciaio... metti recuperato da un ascensore nel quale è stato sostituito... ho qualche possibilit&agrave; di riuscire ad alimentare almeno una piccola lampadina ed il termostato della caldaia?<br><br>Tanto per non restare completamente al buio ed al freddo in caso di black out.... anche se mi tocca cuocere tutti i surgelati e lavare i piatti a mano... <br><br>Qualcuno conosce gli ordini di grandezza di queste" GEO-differenze di potenziale" e a cosa sono dovute?<br><br>Le differenze di potenziale a varie quote dell&#39; atmosfera invece sono stranote... ma molto "variabili" e a cercare di catturarle si rischia di non esere fortunati come quel famoso "signore con l&#39;aquilone"...<br></b>

05-12-2005, 20:43
..leggiti le teorie di Nikola Tesla sull&#39;interfaccia terra/ionosfera come condensatore, basta una struttura metallica in quota x catturare l&#39;elettricita&#39; statica..

06-12-2005, 00:38
Ciao&#33;<br>Credo che il tuo vicino abbia semplicemente fatto una pila&#33; Il tondino si ossida e fa da elettrodo.

OggettoVolanteIdentificato
06-12-2005, 02:00
Spero che nessuno stia leggendo.Le luci di natale sono una serie di lampade che richiedono 220 Volt,e qualche centinaio di milliampere.E&#39; impossibile accenderle con un palo di acciaio,che raggiunge al massimo una ddp di 1, o 2 volt.Per non parlare degli ampere,inesistenti o quasi,visto che si sfruttano due strutture metalliche infisse nel terreno e perennemente in corto tra loro( palo acciaio e cancellata ferrosa).Piu&#39; probabile ( ma quasi impossibile) è che le lampadine fungano da sistema radio-ricevente,e catturino onde ad alta frequenza di qualche stazione broadcasting che trasmette in quei paraggi.Piu&#39; raro ancora è che abbia sfruttato la dispersione di un paletto di messa a terra ubicato li&#39; vicino:sulla superficie di tali dispersori le tensioni si aggirano nell&#39;intorno dei 100 volt,o poco più.Per quanto mi riguarda, mi sa di leggenda metropolitana:oppure il vicino ha portato la fase dei 220 Volt con un cavo sotterraneo.

06-12-2005, 09:30
OVI bisogna vedere che luci di natale sono&#33;<br>Non sono mica tutte a 220.<br>Ci sono fili a led che richiedono molto meno... sempre che non fosse una filo fatto apposta.<br>(tra l&#39;altro non avevo fatto caso che il tondino e&#39; d&#39;acciaio&#33; buona notte&#33; <img src='http://www.teamworld.it/forum/blue/images/smiles/icon_eek.gif' alt=''> )<br>Inoltre bisogna vede che intensita&#39; luminosa facevano...<br>(Sinceramente sono un po&#39; scettico pure io, troppe variabili in gioco&#33;)

marcomato
06-12-2005, 10:54
rispondo a I. F. O.<br><br>trieste villaopicina 1555 ( o 51? quella a fianco del 53) sig Paolo... se non ci credi puoi andare a trovarlo... credo abiti ancora li. <br><br>Il signore in questione ha lavorato una vita all&#39; ENEL, e di fenomeni elettrici se ne intendeva, le lampadine (quelle DEL PRESEPE non le LUMINARIE DA GIARDINO&#33;) erano ad incandescenza, per cui non necesitavano di un voltaggio preciso, e come premesso, non è che ci si ABBRONZAVA... le lucine si accendevano appena&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/huh.gif' alt='huh.gif'> <br><br>In effetti, ora che si parla di campi elettromagnetici , e mi ci fate pensare, a mezzo chilometro comunque c&#39;era un emittenete radio (radio opcine) che ti entrava in tutte le frequanze libere dello stereo, e a mettere l&#39;orecchio sulle casse accese senza volume, la sentivi in sottofondo dentro alle casse ( i magneti fanno da antenna) un ripetitore tv a pochi km in linea d&#39;aria ( rai 1 la prendevamo con il cavo antenna staccato dal muro&#33;) e dulcis in fundo una ferrovia e un traliccio A.T. sempre li ad alcune centinaia di metri. <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/wacko.gif' alt='wacko.gif'> <br><br>Quindi se qualcuno mi dice che quell&#39; energia non veniva dal suolo, ma più probabilmente dall&#39; ETERE.... e che il palo fungeva da "messa a terra" della gabbia di faraday creata dalla ringhiera, che era appoggiata su un muretto, quindi non conficcata al suolo, trovo che la tesi sia convincente&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' alt='blink.gif'><br><br><span class="edit">Edited by marcomato - 6/12/2005, 11:02</span>

06-12-2005, 11:19
Beh&#33; Se e&#39; cosi&#39; e&#39; meglio non andarlo a trovare questo signore si rischia di bollire come in un forno a microonde&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/huh.gif' alt='huh.gif'>

06-12-2005, 14:12
NO...nn veniva dall&#39;etere inteso come etere di tesla, assolutamente no&#33;&#33;&#33;..<br><br>...era semplicemente raccogliere elettricita&#39; statica dall&#39;aria, l&#39;ho provato a fare anche io con i fili dello stendipanni sulla finestra e funziona...<br><br><br>..come ti ho detto leggiti le teorie tesliane sull&#39;elettricita&#39; statita:<br><br>..ci sono brevetti<br><br>..formule<br><br>..ed esempi..<br><br>..magari riesci pure tu ad illluminarti a natale a gratis&#33;&#33;&#33;:..

marcomato
06-12-2005, 16:07
per "Etere" PARAFRASAVO Tesla... intendendo le "onde radio"... non le sue... e neanche l&#39;etere spray...

06-12-2005, 16:26
..ripeto: nn sono neanche le radiofrequenze, e&#39; l&#39;elettricita&#39; statica.<br><br>..la cancellata ha numerose repliche, sopratutto in zone ventose funziona a meraviglia...<br><br><span class="edit">Edited by Ed.Gray - 6/12/2005, 16:26</span>

OggettoVolanteIdentificato
06-12-2005, 21:44
Qualsiasi cosa sia, l&#39;intensit&agrave; di corrente e la tensione è davvero notevole,anche se le lampadine emettono flebilmente.Se la luce è continuativa,il signore triestino avr&agrave; captato un emissione elettromagnetica o una fuga di tensione nel sottosuolo da qualche messa a terra.Se è luce variabile ,star&agrave; scaricando tensioni elettrostatiche,ma in questo caso la cancellatura dovr&agrave; essere di dimensioni davvero notevoli.Propendo comunque per la terza ipotesi,e cioè: non ho idea&#33;

07-12-2005, 00:40
E se fosse un giusto mix?

OggettoVolanteIdentificato
07-12-2005, 20:48
Mix Campari?

07-12-2005, 20:53
70% Bitter Campari<br>30% Gin<br>1 cubetto di ghiaccio<br>1 fettina di arancia.<br><img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'>

marcomato
11-12-2005, 11:15
metti una cannuccia di rame e uno stecchino da olive di zinco, e hai anche energia...<br><br><br>Ed Gray... mi spieghi meglio questa delle cancellate che raccolgono statica? sai io vivo a Trieste...e di vento ce n&#39;è spesso abbastanza, anche se la bora è violenta ed incostante, per cui abbastanza inadatta ai generatori eolici. ma se mi dici che in quellle belle giornate asciutte in cui prendi la scossa scendendo dall&#39; auto, ogni recinto diventa una risorsa energetica... la cosa è interessante&#33;

11-12-2005, 15:09
scusa la brevita&#39; ma poco tempo..<br><br>la cancellata (isolata da terra) raccoglie l&#39;elettricita&#39; statica dell&#39;aria.<br><br>il potenziale e&#39; dato dall&#39;altro capo del circuito (di solito terra ad una altezza necessariamente diversa)<br><br>..la carica si accumula sulla cancellata, quando e&#39; abbastanza scintilla 1 candela da auto, che carica un banco di condensatori.<br><br>..questi vengono scaricati dentro un trasformatore in discesa e caricano 1 battteria.<br><br>..riassunto del riassunto del riassunto..<br><br>..cmq leggiti le cose di Tesla che q.to metodo lo ha inventato lui..

OggettoVolanteIdentificato
11-12-2005, 20:44
Un esperimento grezzo ,tanto per ridere , è quello di strofinare una busta della monnezza su un tubo al neon,al buio:il tubo si accender&agrave;.La plastica fornisce elettroni per strofinio,l&#39;aria fornisce invece elettroni alla cancellata sempre per effetto di sfregamento e cessione di cariche.

ElettroRik
27-12-2005, 00:16
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>QUOTE</b> (Ed.Gray @ 11/12/2005, 15:09)</div><div id='QUOTE' align='left'>scusa la brevita&#39; ma poco tempo..<br><br>la cancellata (isolata da terra) raccoglie l&#39;elettricita&#39; statica dell&#39;aria.<br><br>il potenziale e&#39; dato dall&#39;altro capo del circuito (di solito terra ad una altezza necessariamente diversa)<br><br>..la carica si accumula sulla cancellata, quando e&#39; abbastanza scintilla 1 candela da auto, che carica un banco di condensatori.<br><br>..questi vengono scaricati dentro un trasformatore in discesa e caricano 1 battteria.<br><br>..riassunto del riassunto del riassunto..<br><br>..cmq leggiti le cose di Tesla che q.to metodo lo ha inventato lui..</div></div><br><a href='http://www.xmx.it/energiadaaria.htm' target='_blank'>http://www.xmx.it/energiadaaria.htm</a><br><br> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/wink.gif' alt='wink.gif'> <br><br>Auguri

marcomato
04-01-2006, 18:09
grazie per la tua segnalazione elettrorik... (http://www.xmx.it/energiadaaria.htm) <br><br>In effetti stando ai dati che qui traspaiono, scaricando una cancellata di alcune centinaia di metri alta circa 3 (che diventa chilometri di stecche d&#39;acciaio incrociate) relativamente isolate da vari strati di vernice e fissate su un muretto di calcestruzzo (esistono isolanti migliori...ma non è male) ci credete che anche con un sistema più banale ( anche se a memoria non posso giurare che non abbia effettivamente aggiunto qualche dispositivo elettronico al suo "circuito" ) il mio vicino in una zona ventosa come il carso triestino ed attorniato da campi elettromagnetici riusciva ad accendere delle piccole lucine da albero di natale?

MetS
05-01-2006, 23:36
Dunque<br>Non so se c&#39;entra molto.<br>Vicino a casa mia (una decina di km, ci passo sotto quando rientro) c&#39;e&#39; una linea elettrica ad alta tensione.<br>Sulla linea hanno installato delle resistenze che prendono la corrente dal cavo su cui sono sistemate ed il polo negativo dall&#39;etere.<br>Siccome sono sul sentiero di avvicinamento al Charles De Gaulle Roissy (uno dei 3 aeroporti di Parigi) e&#39; ovvio che vanno segnalati anche di notte.<br>E si vedono da lontano.<br>Credo che il sistema sia quasi lo stesso con la differenza che qui c&#39;e&#39; l&#39;etere e li il terreno.<br>Per quanto riguarda l&#39;energia del geotermico abbiamo gia&#39; discusso nella specifica sezione.<br>Dal geotermico, con una pompa di calore, ci si ricava acqua calda ma, energia elettrica, per ora e&#39; fantascienza.<br>Ciao<br><br>MetS <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'>

Dan73
16-01-2006, 19:07
ciao a tutti<br><br>Mi è venuta un&#39;idea o meglio una domanda <br><br><br>Io sto costruendo un nuovo capannone industriale per la mia azienda e in prossimita dello stesso a una 40 metri, c&#39;è un cavidotto a 10.000 volt (credo) ........ questo dovrebbe causare una diffrenza di potenziale elettrico nell&#39;etere circostante .... GIUSTO ??<br><br><br>Posso sfruttarlo in qualche modo per produrre corrente elettrica ?<br><br>Se si; che ordine di potenza all&#39;incirca potrei produrre ?<br><br>Mi potete aiutare <br><br><br>Ciao D.<br><br>

JethroPiano
18-03-2006, 14:03
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">che ordine di potenza all'incirca potrei produrre ?</div></div><br>con 10 kV... a 40 metri.... mW?&#33;? comunque ben poco&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b929f8454b30964e8e169bb054fbea29.gif" alt="sad.gif">

mariomaggi
18-03-2006, 14:33
Dan73,<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Posso sfruttarlo in qualche modo per produrre corrente elettrica</div></div><br>per produrre, certamente no, semmai per rubare energia elettrica.<br>Non ne vale la pena.<br><br>Ciao<br>Mario