PDA

Visualizza la versione completa : Cogenerazione da geotermia



06-01-2006, 14:45
Salve a tutti, ho letto di varie possibilit&agrave; per lo sfruttamento del calore nel sottosuolo al fine di produrre in modo combinato energia elettrica e termica.<br>Qualcuno sa se esistono soluzioni tecniche scavando pozzi di 800-1000 metri?<br><br>Saluti Filippox

caldodalmais
06-01-2006, 20:54
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Filippox @ 6/1/2006, 14:45)</div><div id='QUOTE' align='left'>Salve a tutti, ho letto di varie possibilit&agrave; per lo sfruttamento del calore nel sottosuolo al fine di produrre in modo combinato energia elettrica e termica.<br>Qualcuno sa se esistono soluzioni tecniche scavando pozzi di 800-1000 metri?<br><br>Saluti Filippox</div></div><br>Forse intendi 80-100 metri, altrimenti faresti concorrenza alle societa&#39; petrolifere&#33;

MetS
06-01-2006, 23:57
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (caldodalmais @ 6/1/2006, 20:54)</div><div id='QUOTE' align='left'><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Filippox @ 6/1/2006, 14:45)</div><div id='QUOTE' align='left'>Salve a tutti, ho letto di varie possibilit&agrave; per lo sfruttamento del calore nel sottosuolo al fine di produrre in modo combinato energia elettrica e termica.<br>Qualcuno sa se esistono soluzioni tecniche scavando pozzi di 800-1000 metri?<br><br>Saluti Filippox</div></div><br>Forse intendi 80-100 metri, altrimenti faresti concorrenza alle societa&#39; petrolifere&#33;</div></div><br>Caldodalmais<br><br>Ha ragione Filippox.<br>Pozzi scavati fino anche a 3500 metri affinche&#39; l&#39;acqua raggiunga temperature del sottosuolo fino a 320°C che una pompa di calore utilizza affinche sia prodotto vapore e da li in cogenerazione produrre energia elettrica.<br>I limiti della geotermia non sono ancora stati definiti, potrebbe essere una vera alternativa al petrolio a costi di molto inferiori al fotovoltaico e con molte meno controindicazioni, inoltre puo&#39; essere in ausostentamento elettrico.<br>Ricorda che il nucleo terrestre viaggia a temperature attorno ai 5000°C.<br><br>Ciao<br>MetS <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'><br><br>PS Sarebbe interessante parlarne di piu&#39;, Filippox dimmi dove hai trovato le informazioni

MetS
07-01-2006, 00:20
Con il termine Deep Heat Mining s&#39;intende l&#39;estrazione d&#39;energia geotermica da una riserva sotterranea creata artificialmente, in vista della produzione di calore e d&#39;elettricit&agrave;. L&#39;utilizzo di macchine ORC (Organic Rankine Cycle) permette una produzione di corrente economica gi&agrave; a temperature di 100°C circa in cima alla perforazione.<br><br>Il principio di funzionamento del Deep Heat Mining è relativamente semplice. Dopo aver effettuato una prima perforazione a grande profondit&agrave;, si crea un serbatoio geotermico sotterraneo, allargando idraulicamente i sistemi di fratture naturali. La tecnica di fatturazione idraulica (Hydro-frac), prevede l&#39;iniezione d&#39;acqua ad una pressione di parecchie centinaia di bar.<br><br>Nel serbatoio geotermico così creato, l&#39;acqua si riscalda per poi salire in superficie tramite una o più perforazioni di produzione. Uno scambiatore di calore trasferisce l&#39;energia ad un secondo circuito alimentante un turbogeneratore per produrre elettricit&agrave;. Gran parte del calore residuo, può essere iniettato in una rete di riscaldamento a distanza. Un pozzo d&#39;iniezione completa il circuito chiuso e restituisce l&#39;acqua raffreddata al serbatoio. <br><br>Questo e&#39; presente e non futuro e simili impianti sono gia&#39; funzionanti in Francia, andate a vedere <a href='http://www.soultz.net/' target='_blank'>qui </a>e cliccate su "What is HDR"<br><br>E in Italia che si fa?<br><br>Ciao<br><br>MetS<br><br><span class="edit">Edited by MetS-Energie - 7/1/2006, 00:38</span>

07-01-2006, 19:10
Dunque io posso contattare un mio conoscente che ha delle trivelle per la perforazione profonda fino a 800-1000 m, il sistema di perforazione sotterranea non è un grosso problema (non si fa solo idraulicamente).<br>Non so però a che temperatura posso arrivare a quelle profondit&agrave; (penso 50-60 °C), poi dato che la temperatura non è elevata come posso produrre energia elettrica?

fabiomas
07-01-2006, 19:56
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (MetS-Energie @ 7/1/2006, 00:20)</div><div id='QUOTE' align='left'>Questo e&#39; presente e non futuro e simili impianti sono gia&#39; funzionanti in Francia, andate a vedere <a href='http://www.soultz.net/' target='_blank'>qui </a>e cliccate su "What is HDR"<br><br>E in Italia che si fa?<br><br><br>MetS</div></div><br>In Italia si continua con la "vecchia" tecnologia geotermoelettrica,a dicembre l&#39;Enel ha presentato il progetto per una centrale da 40 MW nell’area amiatina.<br><br>Purtoppo non mi sembra che l&#39;Italia stia costruendo prototipi di centrali HDR,cosa che invece fanno tedeschi,svizzeri,australiani,americani,giapponesi .....<br><br>Nei link del sito postato da Mets ci sono informazioni su come procedono gli altri prototipi in giro per il mondo.<br><br>A questa pagina si possono scaricare le pubblicazioni della commissione europea<br><a href='http://europa.eu.int/comm/research/energy/nn/nn_pu/article_1078_en.htm' target='_blank'>http://europa.eu.int/comm/research/energy/...cle_1078_en.htm</a><br><br>A pagina 51 di questo documento si trovano alcune notizie sull&#39;HDR<br><a href='http://europa.eu.int/comm/research/energy/pdf/estirbd_en.pdf' target='_blank'>http://europa.eu.int/comm/research/energy/.../estirbd_en.pdf</a>

MetS
07-01-2006, 20:06
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Filippox @ 7/1/2006, 19:10)</div><div id='QUOTE' align='left'>Dunque io posso contattare un mio conoscente che ha delle trivelle per la perforazione profonda fino a 800-1000 m, il sistema di perforazione sotterranea non è un grosso problema (non si fa solo idraulicamente).<br>Non so però a che temperatura posso arrivare a quelle profondit&agrave; (penso 50-60 °C), poi dato che la temperatura non è elevata come posso produrre energia elettrica?</div></div><br>Filippox<br>Non e&#39; cosi&#39; facile come pensi tu.<br>Dipende dall&#39;area e dalla morfologia del sottosuolo.<br>In certe aree a 1000 metri trovi gia&#39; 120°C in altre alla stessa profondita&#39; trovi 30°C.<br>Tieni presente che mediamente ogni Km si aggiungono 30°C ma e&#39; un valore medio che puo&#39; anche non valere nella zona dove sei tu.<br>Guarda sulla mappa che c&#39;e&#39; sul sito dell&#39;HDR e identifica la tua area in base ad essa.<br>Ti dira&#39; anche se ti conviene oppure no.<br>Il sistema idraulico serve per fratturare la roccia non per forarla come intendi tu. La roccia una volta fratturata (e non forata) riscaldera&#39; piu&#39; facilmente l&#39;acqua che verra&#39; fatta scorrere attraverso le fenditure, un sistema a pressione (come si fa con i pozzi gas e petrolio, per esempio) recuperera&#39; l&#39;acqua calda che attraverso gli scambiatori di calore produrranno vapore.<br>Inoltre come estrai la temperatura.<br>Ci sono vari sistemi.<br>Quello piu&#39; alla tua portata in termini economici e&#39; la pompa di calore ma cosi&#39; non ottieni energia elettrica, per quello hai bisogno di maggiori temperature, almeno 120°C e uno scambiatore col quale arrivi ad avere, al termine di un processo, vapore che poi muove la turbina e il generatore di corrente e quindi elettricita&#39; ma ci vogliono una paccata di euro, almeno una milionata. Li hai?<br>Ciao<br>MetS<br><br><span class="edit">Edited by MetS-Energie - 8/1/2006, 00:27</span>

10-01-2006, 18:49
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (MetS-Energie @ 7/1/2006, 20:06)</div><div id='QUOTE' align='left'><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Filippox @ 7/1/2006, 19:10)</div><div id='QUOTE' align='left'>Dunque io posso contattare un mio conoscente che ha delle trivelle per la perforazione profonda fino a 800-1000 m, il sistema di perforazione sotterranea non è un grosso problema (non si fa solo idraulicamente).<br>Non so però a che temperatura posso arrivare a quelle profondit&agrave; (penso 50-60 °C), poi dato che la temperatura non è elevata come posso produrre energia elettrica?</div></div><br>Filippox<br>Non e&#39; cosi&#39; facile come pensi tu.<br>Dipende dall&#39;area e dalla morfologia del sottosuolo.<br>In certe aree a 1000 metri trovi gia&#39; 120°C in altre alla stessa profondita&#39; trovi 30°C.<br>Tieni presente che mediamente ogni Km si aggiungono 30°C ma e&#39; un valore medio che puo&#39; anche non valere nella zona dove sei tu.<br>Guarda sulla mappa che c&#39;e&#39; sul sito dell&#39;HDR e identifica la tua area in base ad essa.<br>Ti dira&#39; anche se ti conviene oppure no.<br>Il sistema idraulico serve per fratturare la roccia non per forarla come intendi tu. La roccia una volta fratturata (e non forata) riscaldera&#39; piu&#39; facilmente l&#39;acqua che verra&#39; fatta scorrere attraverso le fenditure, un sistema a pressione (come si fa con i pozzi gas e petrolio, per esempio) recuperera&#39; l&#39;acqua calda che attraverso gli scambiatori di calore produrranno vapore.<br>Inoltre come estrai la temperatura.<br>Ci sono vari sistemi.<br>Quello piu&#39; alla tua portata in termini economici e&#39; la pompa di calore ma cosi&#39; non ottieni energia elettrica, per quello hai bisogno di maggiori temperature, almeno 120°C e uno scambiatore col quale arrivi ad avere, al termine di un processo, vapore che poi muove la turbina e il generatore di corrente e quindi elettricita&#39; ma ci vogliono una paccata di euro, almeno una milionata. Li hai?<br>Ciao<br>MetS</div></div><br>Intendevo proprio per fratturare le rocce, non esiste solo la tecnica di crack per sovrapressione, ma altre tecniche, come gli esplosivi o scalpelli particolari che deviano facilmente la direzione.<br>A tal proposito sono abbastanza ben informato, il problema è un altro:<br>io potrei avere accesso ad alcuni pozzi in disuso della profondit&agrave; di 1000 m, dove ho all&#39;incirca 40-50 °C, cosa posso fare? Esiste una pompa di calore per tali temperature? quanto consuma per produrre un ciclo alla temperatura di 140-300 °C? Più di quello che produrrebbe un ORC ad esempio?<br><br>

MetS
28-01-2006, 04:06
Pozzi con temperature di 40/50°C non sono utili per produrre energia.<br>Il gradiente non e&#39; sufficiente.<br>La situazione migliore si ha con temperature intorno ai 100/120°C sotto questo limite puoi sicuramente avere piccoli impianti ma di bassa potenza e considerando il costo dell&#39;installazione e l&#39;energia necessaria per sfruttarla non so se ticonviene.<br>Perche&#39; 1000 m? Che tipo di pozzi sono e per che cosa erano utilizzati in precedenza?<br><br>MetS