PDA

Visualizza la versione completa : fotovoltaico amplificato



bei
09-03-2006, 15:48
osservazione:<br>guardavo oggi il mio giardino in pieno sole ed ho notato che in una zona vi era maggiore insolazione perchè i raggi del sole deviati dai vetri di una finestra andavano a sovrapporsi all' insolazione naturale .<br><br>idea (forse scopro l'acqua calda):<br>se alla base del mio campo FV inclinati di circa 34° mi costruisco una specia di parabola per tutta la lunghezza del campo avente forma leggermente convessa per fare in modo di distribuire un poco di illuminazione supplettiva sui pannelli posso sperare di ottenere un risultato apprezzabile ?<br>Premesso che non è assolutamente semplice senza una struttura di inseguimento studiare una "parabola" riflettente che illumini tutto il campo FV contemporaneamente; domanda - cosa succede all' interno di un pannello se le celle non sono illuminate con la stessa intensit&agrave; luminosa ma una di più e l'altra di meno ?<br>grazie a chi vorr&agrave; rispondere.<br> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9117ff4bc00deb5fc4e35cea03d33366.gif" alt="dry.gif"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9117ff4bc00deb5fc4e35cea03d33366.gif" alt="dry.gif"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9117ff4bc00deb5fc4e35cea03d33366.gif" alt="dry.gif"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9117ff4bc00deb5fc4e35cea03d33366.gif" alt="dry.gif"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9117ff4bc00deb5fc4e35cea03d33366.gif" alt="dry.gif"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9117ff4bc00deb5fc4e35cea03d33366.gif" alt="dry.gif"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9117ff4bc00deb5fc4e35cea03d33366.gif" alt="dry.gif"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9117ff4bc00deb5fc4e35cea03d33366.gif" alt="dry.gif"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a55532acd72391b121613fc323bae046.gif" alt="cry.gif">

marcomato
10-03-2006, 18:39
Qualcuno ha gia tentato qui... <a href="http://www.forumcommunity.net/?t=1178340" target="_blank">http://www.forumcommunity.net/?t=1178340</a><br><br>...ma quando si parla di "concentrare" i raggi solari, tutti pensano al FUOCO e dicono NO non si può fare, perchè si fonde il pannello..<br><br>Io sostengo che se ho un pannello che è predisposto per supportare l'insolazione a mezzogiorno all' equatore (e magari li ha la massima resa), se a Monte Campione in inverno in una giornata coperta alle 10 del mattino, gli concentro IN MANIERA DIFFUSA il sole con specchi, lenti di fresnel o altri mezzi più economici di altri 1 2 o 3 pannelli, riesco a farlo rendere sempre al massimo.<br>Chiaro che tutto dev' essere correttamente orientato.<br>

alex3comforum
11-03-2006, 10:57
Credo che una concentrazione dell'ordine 2 o 3 o 4 si possa fare (la 4 credo ancrebbe raffredato il pannello posteriormente e poi puoi usare l'acqua calda ricavata)<br><br>Attenzione se in un pannello di stringa hai l'ombra, tutta la stringa si riduce di potenza, questo perchè l'inverter impone la corrente del pannello che eroga inferiore potenza.<br>Una serie di generatori di corrente devono essere avere la medesima corrente per funzionare.<br><br>Ciao

bei
11-03-2006, 18:38
secondo me non verrebbero aumentate di molto le temperature perchè l'irraggiamento non sarebbe doppio ma solamente radiazione normale + radiazione riflessa (quindi sicuramente non al 100 %) inoltre sempre secondo il mio parere deviando con una parabole convessa comunque i vari raggi solari verrebbero rarefatti e qundi mi pare ipotizzabile aumentare di circa 10 - 15 % l' irraggiamento<br>Questo secondo me dovrebbe servire quando non ci sono condizioni ottimali di irraggiamento e sicuramente non quando c'è gia il massimo e i pannelli più dei W/picco non possono dare però fuori delle ore centrali qualcosa dovrebbe servire.<br>Ci proverò e vi farò sapere.<br>Domanda:<br>se io ho una stringa supponiamo di 9 pannelli da 175 W/p e l' irraggiamento in quell' istante è TOT ed io con la parabola autocostruita in 6 dei nove pannelli ho irraggiamento di TOT + 15 % di TOT produco più corrente oppure produco la corrente solo per irraggiamento TOT comune a tutti i pannelli ??????<br>NB non parlo di pannelli in ombra ma di pannelli con maggiore e minore insolazione.<br>Se c'è qualcuno che sa rispondere alla mia domanda per me questo rappresenta la base di partenza della mia prova in quanto per impegno massimo possibile visto che la parabola è fissa ed il sole gira ci saranno senpre pannelli con diversa insolazione e se non produco più energia (la differenza sono disposto a valutarla sulla mia pelle) il gioco non vale la candela.<br>Grazie

OggettoVolanteIdentificato
11-03-2006, 20:59
La corrente elettrica prodotta diminuisce con l'aumentare della temperatura del pannello,quindi ben venga la diffusione amplificata a Dicembre,è da evitare invece nei mesi di Luglio e Agosto. Diverso è il caso che il cielo sia coperto da nuvole,in quel caso una specchiatura aggiuntiva non puo' che migliorare l'efficienza. Se hai pochi pannelli, puoi sempre realizzare un piccolo inseguitore solare,basta un tubo che fa inclinare le pannellature laddove vi sia il sole.

marcomato
15-03-2006, 17:46
Scusami I.F.O. credo che sei propio la persona che sa la risposta che qui si va cercando... da noi meno-esperti.<br><br>Quella che dici è una regola GENERALE dei pannelli solari fotovoltaici?<br><br>Ovvero, indifferentemente dalle specifiche del pannello, esso aumenta la sua resa funzionalmente all' aumentare dell' insolazione ed all' abbassarsi della temperatura ?<br><br>Per ipotesi se ho capito bene ... in una giornata primaverile serena ma spazzata da un bel venticello gelido il pannello rischia di rendere meglio come output che in una giornata estiva più soleggiata ma anche torrida ?<br><br>In tal caso, potrebbe essere un ipotesi plausibile raffreddare il pannello anziche (o oltre ad ) aumentarne l'esposizione ai raggi solari.<br><br><span class="edit">Edited by marcomato - 15/3/2006, 17:50</span>

pmgc00
16-03-2006, 15:19
Il problema credo piu' concreto e' che se tu hai dei pannelli in serie, per un principio fisico (diciamo la prima legge di kirckoff, che forse non si scrive cosi') la corrente prodotta dai pannelli deve essere la stessa, e visto che i pannelli non irraggiati non ne possono produrre di piu', questi dissiperanno la corrente prodotta dalgi altri, riscaldandosi.<br>Il paragone con le celle in ombra e' calzante perche' hai comunque una differenza di radiazione su diverse celle.Quelle meno irradiate si riscaldano e la potenza totale non dovrebbe aumentare. In ogni caso prova, a dicembre ovviamente. Se vuoi, puoi provare con dei diodi di blocco messi in parallelo ai pannelli che ti isolano i pannelli con potenza minore, ma non so se ne valga la pena, magari i pannelli gi&agrave; ce li hanno.<br><br>Qualcuno che ne sa piu' di me mi corregga se sbaglio, deh.<br>ciao

Furio57
16-03-2006, 20:55
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (pmgc00 @ 16/3/2006, 15:19)</div><div id="quote" align="left">Il problema credo piu' concreto e' che se tu hai dei pannelli in serie, per un principio fisico (diciamo la prima legge di kirckoff, che forse non si scrive cosi') la corrente prodotta dai pannelli deve essere la stessa, e visto che i pannelli non irraggiati non ne possono produrre di piu', questi dissiperanno la corrente prodotta dalgi altri, riscaldandosi.<br>Il paragone con le celle in ombra e' calzante perche' hai comunque una differenza di radiazione su diverse celle.Quelle meno irradiate si riscaldano e la potenza totale non dovrebbe aumentare. In ogni caso prova, a dicembre ovviamente. Se vuoi, puoi provare con dei diodi di blocco messi in parallelo ai pannelli che ti isolano i pannelli con potenza minore, ma non so se ne valga la pena, magari i pannelli gi&agrave; ce li hanno.<br><br>Qualcuno che ne sa piu' di me mi corregga se sbaglio, deh.<br>ciao</div></div><br>Ciao pmgc00 bentrovato&#33; Kirchoff non centra nulla, perchè recita che: <i>per ciascun nodo la somma delle correnti in esso entranti è sempre uguale alla somma delle correnti da esso uscenti</i> e qui non abbiamo nodi e la corrente è sempre la stessa perchè una stringa di moduli è un circuito "serie". Se un modulo è oscurato semplicemente tutta la corrente viene compromessa e non viene dissipata dal modulo oscurato, per questo vengono inseriti nella junction box posta al retro del modulo dei diodi in parallelo detti di by-pass, non diodi di blocco che sono altra cosa&#33;&#33;&#33; I diodi di by-pass servono per permettere alla corrente di passare anche se la stringa è oscurata, ovviamente la tensione diminuisce del valore di tensione di detta stringa.<br>In genere se non conoscete la materia o pensate di conoscere qualcosa semplicemente per sentito dire evitate di scrivere, confondete solamente le idee di chi vi legge.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0f9d7f4b8aba5d8ba64139e490b26751.gif" alt="biggrin.gif"><br>

OggettoVolanteIdentificato
17-03-2006, 00:00
Ciao,Marcomato.Diciamo che,in linea di massima,visti i grafici di insolazione ,nei mesi di ottobre,marzo,aprile,maggio,agosto,riferiti al 2005 (un anno a caso) , i pannelli fotovoltaici della mia regione hanno erogato dal 10 al 15% in meno di energia.L'insolazione era ottimale, non era ottimale la temperatura ambiente......in pratica,durante il giorno la temperatura dell'aria era troppo elevata.Se in quei mesi si fosse raddoppiata l'insolazione con degli specchi,l'energia erogata non sarebbe stata doppia.Un po' di piu' si,ma non doppia.

mikybiturbo
17-03-2006, 01:14
scusatese parlo male l'italiano.<br> sono uno di quei "cervelli" come dicono scappati dalla parte dell'italia ottusa e retrogada.<br>Infatti tra le altre cose ho lavorato in un centro ricerche estero su applicazioni meccatroniche (abs, ignition systems ...) etc. e ho anche una laurea del politecnico federale svizzero<br>Ho fatto esperienze e prototipi su sistemi solari al fine di controllare mie teorie derivate dalla teoria dei semiconduttori (teorie Millmann etc su AsGa etc) che secondo me dovevano essere migliorate.<br><br>Gli esperimenti sono stati sensazionali volevo sapere se qualcuno ha voglia di cercare di raccogliere il denaro per fare una ditta che possa utilizzare le mie idee per realizzare in grande scala la produzione.<br><br>per fare ancora prove e l'industrializzazione del prodotto ci vogliono circa 400mila euro.<br>io ho un buonavoro e se non sono sicuro di poter finanziare una media industria non voglio perdere tempo.<br><br><br><br>scusate se sono breve e molto scortese ma se non vi sono i presupposti economici non intendo dare spiegazioni, fare brevetti da vendere o cercare capitali da investire.<br>per quello che spendo in energia annualmente non mi spinge a fare di piu<br><br>purtroppo l'investimento necessario e' notevole ma con migliaia di associati tutto e' possibile<br>

bei
17-03-2006, 08:15
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b>(Furio57 @ 16/3/2006, 20:55)</div><div id="quote" align="left">Ciao pmgc00 bentrovato&#33; Kirchoff non centra nulla, perchè recita che: <i>per ciascun nodo la somma delle correnti in esso entranti è sempre uguale alla somma delle correnti da esso uscenti</i> e qui non abbiamo nodi e la corrente è sempre la stessa perchè una stringa di moduli è un circuito "serie". Se un modulo è oscurato semplicemente tutta la corrente viene compromessa e non viene dissipata dal modulo oscurato, per questo vengono inseriti nella junction box posta al retro del modulo dei diodi in parallelo detti di by-pass, non diodi di blocco che sono altra cosa&#33;&#33;&#33; I diodi di by-pass servono per permettere alla corrente di passare anche se la stringa è oscurata, ovviamente la tensione diminuisce del valore di tensione di detta stringa.<br>In genere se non conoscete la materia o pensate di conoscere qualcosa semplicemente per sentito dire evitate di scrivere, confondete solamente le idee di chi vi legge.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ab3b86cb3fd0ee254b0631f9a17eb385.gif" alt="biggrin.gif"></div></div><br>Quindi scusa, da inesperto ti dico cosa ho capito e correggetemi se sbaglio:<br>Se in una stringa di pannelli (che sono collegati in serie) ho un pannello in ombra oppure pannelli con maggiore insolazione i diodi by-pass (sono di serie nei pannelli oppure sono optionals ? ) fanno passare la corrente e quindi la stringa produce comunque corrente<br>Se un pannello è met&agrave; in ombra e met&agrave; al sole oppure se met&agrave; con maggiore insolazione (data dalla parabola) le singole celle in ombra o minore irraggiamento si autoconsumano loro la corrente prodotta dalle celle al sole o la maggiore corrente prodotta dalle celle con maggior irraggiamento con il risultato per il pannello di produrre pochissima o nulla corrente nel caso di ombra-insolazione e la medesima corrente o quasi nel caso di insolazione-maggiore insolazione ?<br>non so se mi sono spiegato bene è giusto il concetto ?<br><br>PS da ignorante - se i pannelli in serie danno alcuni problemi perchè questi non vengono collegati in parallelo? ovviamente in parallelo ci sono altri problemi ed evidentemente maggiori ma sarei curioso di sapere il perchè ovviamente se non considerate oscena la domanda e qualcuno vuole caricarsi il peso di darmi una risposta<br><br>grazie

pmgc00
17-03-2006, 10:56
Per furio:<br><br>per quanto riguarda i diodi hai perfettamente ragione mi sono confuso, per il resto...<br><br>>Kirchoff non centra nulla, la corrente è sempre la stessa perchè una stringa di >moduli è un circuito "serie"<br>Ah si?, e per quale motivo dei generatori in serie danno sempre la stessa corrente? Dimmi dimmi...<br><br>>Qui non abbiamo nodi<br>questa mi sembra un'affermazione pesante...<br><br><span style="color:red">Intervento moderato</span><br><br>per bei:<br>>PS da ignorante - se i pannelli in serie danno alcuni problemi perchè questi non >vengono collegati in parallelo? ovviamente in parallelo ci sono altri problemi ed >evidentemente maggiori ma sarei curioso di sapere il perchè ovviamente se non >considerate oscena la domanda e qualcuno vuole caricarsi il peso di darmi una >risposta<br><br>In effetti<span style="color:red">...</span>se colleghi i pannelli in parallelo non ci sarebbero grossi problemi, a parte il fatto che le correnti si sommano e quindi ci vuole un cavo con una grossa sezione, l'inverter deve essere in grado di reggere tutta la corrente. insomma non credo che convenga.<br><br>saluti<br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 20/3/2006, 22:47</span>

17-03-2006, 11:57
Se solamente una cella di un pannello e' in ombra e' come se tutto il pannello fosse in ombra. Partendo da questo presupposto i pannelli possono essere collegati i pannelli in serie, in parallelo o anche serie-parallelo.<br>La tipologia del montaggio dipende da come si vuol fare l'impianto.<br><br>Se si vuole utilizzare un impianto a bassa tensione con inverter da 12 V allora i pannelli vanno collegati tutti in parallelo (sempre se i pannelli sono da 12V)...questo metodo viene utilizzato dai sistemi ad isola...per intenderci da quei sistemi "isolati".In questo caso la tensione in gioco e' bassa (12V) mentre le correnti si "sommano".<br>Per far funzionare l'impianto correttamente e "neutralizzare" l'effetto ombra su uno o piu' pannelli viene messo un diodo in serie (ne ho visti anche due in serie ma ne basta uno) ovviamente fate attenzione al verso.Per farla breve questo diodo serve per bloccare la corrente che potrebbe andare da un pannello illuminato ad uno oscurato.<br><br>Se si vuole utilizzare un impianto composto da pannelli in serie<br> la tensione si "somma" mentre la corrente rimane "costante". Quanti pannelli mettere in serie dipende dalle caratteristiche dell'inverter di rete.Diciamio anche che e' consigliabile prendere pannelli "uguali". Comunque tornando all'ombra, e ipotizzando uno o piu' pannelli oscurati, se questi non avessero un diodo di "by-pass" (cioe' collegato tra + e - del pannello...occhi al verso) il passaggio di corrente verrebbe "ostacolato". Quindi la corrente prodotta dai pannelli illuminati circola tranquillamente attraverso il diodo "saltando" il pannello oscurato.<br>La cosa non e' preoccupante...perche' gli inverter di rete hanno un range di funzionamento in tensione che oscilla (esempio da 260-600V).<br><br>Una istallazione serie-parallelo puo' servire ad aumentare la corrente e quindi la potenza in gioco.<br><br>Faccio un esempio a bassa tensione:il mio impianto monta i pannelli da 12V in serie a due a due e poi tutti in parallelo, per l'ovvio motivo che ho batterie da 24 ( 12+12 , inverter da 24/220) quindi montate i diodi come si deve (costano un euro l'uno) e il problema e' risolto.<br>Penso di aver risposto.<br><br>PS1:E' meglio non avere ombra...ma non vi fate intimorite..e' un falso problema...anche con l'ombra un pannello genera corrente...cala il rendimento tutto qui'...considerate che ci sia una piccolissima nuvoletta fantozziana&#33;&#33;&#33;<br>PS2:Per i pannelli montati in serie fate attenzione alla "scossa" usate metodo e prudenza.<br>PS4:Se ho tempo faccio uno schemino.<br>

18-03-2006, 17:00
Microsemi, costruttore di questi gingilli, ha pubblicato una simpatica paper che puo' fare luce sull' argomento. I diodi bypass descritti sono integrati nell'array. Ovviamente dei componenti discreti possono essere usati per bypassare array di array.<br><br><a href="http://www.microsemi.com/micnotes/304.pdf" target="_blank">Introduction To Photovoltaic By-Pass Diodes</a><br><br><span class="edit">Edited by Elektron - 18/3/2006, 17:00</span>

20-03-2006, 11:44
Confermo che la situazione ideale sarebbe avere un diodo per ogni cella, ma commercialmente si inserisce un diodo bypass in ogni pannello, anche perche' quando arriva l'ombra (alberi inclusi) copre tutto il pannello. Sarebbe interessante sapere la differenza di prezzo di questi pannelli e capire le convenienze pratiche di queste scelte. Non sposo questa tecnica per alcuni motivi...dovrei mettermi il cappello da elettronico...ma evito.<br>Ciao<br>

pmgc00
20-03-2006, 14:00
I pannelli Total energie, hanno 3 diodi di by pass, ma non so come sono disposti e quali celle proteggono.<br>costano piu' o meno 4 €/Wp, al rivenditore.<br><br>ciao

20-03-2006, 17:44
x pmgc00 dimmi il modello...<br>al piu' presto faro' un disegno sperando che chiarisca il concetto.<br>Ciao a tutti<br>

pmgc00
21-03-2006, 09:38
Per bolle:<br><br>i pannelli sono i TE2000-poly<br><br>saluti