PDA

Visualizza la versione completa : Caldaie a legna e biomasse Tatano



Pagine : [1] 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36

29-03-2006, 21:43
Finalmente dopo tanto tempo ho le condizioni per montare (e soprattutto acquistare) una caldaia a legna e cippato e tra le varie marche e modelli(AL.PI, ARCA,TATANO,..) sarei orientato ad acquistare una Kalorina 2304 della Tatano, però prima di commettere una cavolata (un tantino costosa) preferisco prendere informazioni e questo forum mi sembra il posto adatto http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a1ec1dc474953b5b7702b7f477b71e93.gifQualcuno di voi ce l'ha?
Ha avuto problemi riguardanti l'acquisto, la consegna o il funzionamento della caldaia?
Richiede una manutenzione frequente?

La cosa che mi fa pensare è che fino ad ora non ho trovato nulla, nemmeno un commento, una discussione, un articolo sulla Tatano e le sue caldaie ( le prime notizie l'ho trovate su casafelice.it ) al contrario dell'AL.PI e dell'ARCA caldaie.

Per ora
un salutone
dai colli bolognesi

03-04-2006, 19:32
Ciao Marino, conosco abbastanza bene la Risparmiola, è la prima caldaia che mi hanno proposto ed è validissima e collaudatissima (ce ne sono varie già funzionanti nei dintorni di Bologna e Ferrara); da parte mia sto cercando altre alternative che possano andare in automatico senza dipendere dal pellet perchè dispongo di discrete quantità di cippato e legna grazie al bosco di proprietà e la cippatrice che ho comprato e vorrei evitare di acquistare pellet o una pellettizatrice per produrlo (quelle piccole costano ancora troppo e sono ancora troppo grandi per le mie esigenze:-).
Prossimamente devo andare a vedere uno caldaia della Tatano in funzione a Pavia e poi quando mi consegneranno il report analitico sulla società prenderò una decisione.
Un saluto
e
grazie per le informazioni

03-04-2006, 22:38
io ho la risparmiola da 20kW&#33;<br>non c'è male, certo è che bruciare mais non è come bruciar metano, bisogna starci un po dietro,<br>i migliori risultati li ho togliendo abbastanxza spesso la crosta che si forma(almeno una volta al giorno) nel braciere.<br>magari domani vi racconto qualcosa di più&#33;

04-04-2006, 09:02
allora, diciamo che la mia è un applicazione un po insolita, non so se possa essere indicativa per impianti di riscaldamento.<br><br>ho un allevamento di vitelli a carne bianca e mi servono circa 600 litri di acqua a 65/70 °c alla mattina e altri 600 la sera per sciogliere il latte in polvere che mangiano<br>quindi c'è una caldaia a gasolio che praticamente è un serbatoio da una decina di ettolitri con dentro un bruciatore.<br><br>adesso faccio circolare l'acqua della vecchia caldaia in uno scambiatore a piastre che riscaldo con la caldaia mais<br><br>in pratica la vecchia caldaia fa da serbatoio e mi permete di far andare il bruciatore in caso di spegnimento<br><br><br> ma veniamo alla parte più interessante: i costi, diciamo che con il gasolio mi servivano 4/5 kg di gasolio a pasto, adesso con 15/20 kg di mais me la cavo, fate due calcoli voi&#33;<br><br>comunque penso si possa ottenere anche di meglio visto che la mia caldaia non lavora tutto il giorno, resta molto tempo in mantenimento e funziona meglio se la si pulisce spesso<br>

04-04-2006, 17:23
Il mio istallatore ne ha una funzionante a casa e varie in tutto il perimetro di Bologna.. posso sentire se è disponibile a farne vedere qualcuna.<br>Me ne aveva proposta anche un'altra, la granola automatica dell'arca, appena uscita completamente automatica a pellets e cippato ma mi ha fermato perchè ha qualche problemino di accensione...chiss&agrave; se hanno gi&agrave; risolto.<br>Un Saluto a tutti

05-04-2006, 10:04
Salve a tutti, se vi puo servire ecco la mia esperienza:<br><br>Ho una caldaia a pellet della ditta D'alessandro Termomeccanica, modello CSI 25 (sul sito non c'è perche non è aggiornato) costruita per essere alimentata con combustibili solidi della pezzatura di 6/8 mm circa. Io ho usato pellet o una miscela di pellet e mais (30Kg di pellet ogni 25 kg di mais). I principali problemi riscontrati con questa miscela sono stati;<br><br>1) Il notevole aumento di incrostazioni all'interno della camera di combustione (con conseguente aumento dei turni di pulizia della stessa).<br><br>2) L'aumento, a caldaia spenta, una volta raggiunta la temperatura dell'acqua desiderata (65°/70°), della stessa temperatura fino a valori superiori a 90° con conseguente blocco di sicurezza della caldaia. Tutto questo a causa del mais che, a differenza del pellet continua a bruciare lentamente molti minuti dopo lo spegnimento della caldaia.<br><br>Per quanto riguarda la resa con questa caldaia scaldo costantemente (giorno e notte, non conviene spegnere la caldaia la notte meglio regolare una temperatura di 2 o 3 gradi in meno dai termostati) una casa di 2 piani per un totale di 250 mq e l'acqua per i sanitari. In piu ho un termoconvettore per il solaio che accendo quando serve.<br><br>Consumi:<br><br>Premesso che abito nell'entroterra della provincia di Pesaro, a 650 metri di altezza e che nel piano superiore della casa (costruita 28 anni fa) ci sono 3 portefinestre in legno a 3 ante in altrettanti ambienti diversi, a vetro singolo senza alcun tipo di isolamento se non quello fornito dalle guarnizioni in gomma da me applicate, posso dire che il risparmio rispetto al gasolio c'è stato.<br>Ho risparmiato circa il 40% ma se si considera che prima tenevo acceso solo le ore strettamente necessarie per avere una temperatura di massimo 18° contro i 20° di adesso il risparmio è molto più alto.<br><br>Se avete domande sono a disposizione

maface
09-04-2006, 16:27
Salve a tutti, è la prima volta che scrivo in questo forum e visto che si parla di varie marche di caldaie vorrei chiedere :<br><br>c'è qualcuno che mi sappia dare notizie della eco.bio.calor che riuscirebbe a bruciare solo il mais e altri tipi di cereali senza il bisogno di pellet<br><br>Sarei lieto di avere buone notizie , altrimenti proseguirei il discorso con la caldaia usata da CURPIS visto che ho sotto mano il deplian della D' Alessandro Termomeccanica .<br><br>Per adesso grazie a tutti i partecipanti a questo foum che vorranno rispondermi

boooxer
09-04-2006, 20:16
ciao maface,<br>si anchio ho visto inizialmente una d'alessandro, ma penso che non funzioni bene solo a mais , ci sarebbero dei problemi di incrostazioni causati dal fascio tubiero, ora sto acquistando una al.pi. si chiama risparmiola, l'ho vista in fiera a bologna e funziona completamente a mais il pellet serve solo per tenerla accesa al minimo, come consumi di pellet saranno 1/2 kg al giorno come consumi di mais saranno 30/50 kg per una casa di 150mq.<br>la camera di combustione lavora a secco, cioè invece di avere il fascio tubiero causa di condense e incrostazioni, ha delle alette che a contatto con la fiamma trasmettono il calore riducendo al minimo la formazione di condensa, puoi pulirla accesa senza problemi e il tiraggio è forzato quidi niente fumi, poi niente vaso aperto,io lo ritengo un ottimo prodotto.<br>Ciao boooxer

09-04-2006, 20:30
confermo quanto dice boooxer per quanto riguarda il funzionamento solo a mais della D'alessandro, non è nata per essere usata solo a mais la miscela che ho usato come dicevo sopra era una 30 kg pellet e 25 kg mais, andava bene quando faceva freddo, ora con l'affacciarsi del clima mite la caldaia resta spenta per periodi prolungati e il mais non brucia del tutto formando agglomerati duri come il cemento che vanno poi rimossi durante la pulizia, per questo sono ritornato a tutto pellet. Il fascio tubiero richiede un po più di manutenzione in pulizia, a pellet è questione di poco, ma le incrostazioni prodotte dal mais richiedono una pulizia più profonda. Con la condensa non ho mai avuto problemi, anche perche proprio per evitare tale problema la temperatura minima impostabile dell'acqua è di 65°.

maface
10-04-2006, 19:03
Grazie per la risposta vi faccio sapere che ho visto la Rispermiola in funzione insieme alla Eco. Biocalor in una fiera a Macerata.<br>Mentre la prima ha bisogno del pellet per funzionare anche se in minima parte.<br><br>La seconda v&agrave; completamente a mais, purtroppo non era in funzione perchè quella in esposizione era nuova<br>ed era qualla che dovrebbe istallare l'espositore, per questo motivo cerco notizie di questa ditta.<br><br>Una notizia per CURPIS sono del fermano e le caratteristiche della mia abitazione sono simili alla tua<br>Nuova domanda sulla caldaia D'alessandro perchè non utilizzi la sanza di olive ( il costo sarebbe minore).<br>

boooxer
10-04-2006, 23:25
ciao maface,<br>tu che hai visto la caldaia risparmiola accesa come ti è sembrata?<br>poi, sai che comodit&agrave; pulire la caldaia accesa senza fumo, altro vantaggio, sai che meraviglia la combustione a secco senza fascio tubiero?pensa puoi lasciarla sempre a 55gradi perchè con quel sistema non fa condensa.<br>pensaci bene, non è quel kg di pellet che serve per il pilota al minimo, a mais al minimo ci sono secondo me più problemi perchè il mais non fa brace di mantenimento, quidi ci vorranno altri automatismi per tenerla accesa tipo resistenze elettriche che aumentano i consumi, invece la risparmiola si accende in autunno manualmente e si spegne i primavera, senza resistenza elettrica, cioè zero problemi basta un pezzetto di cubetto di accedifuoco ed è fatta&#33;<br>ottimo no?<br>ciao boooxer

11-04-2006, 11:31
x maface<br><br>mi piacerebbe provare la sansa di olive per vedere come funziona, ma qua da me non so dove trovarla, non è decisamente zona di olivi, se sai di qualche distributore che consegna nelle marche fammi sapere.<br><br>Riguardo a quello che dice booxer devo dire che in effetti il solo mais non fa braci e se la caldai resta in mantenimento piu di un'ora deve avere un sistema apposito per la riaccensione.<br>L'assenza di un dispositivo di accensione automatica è una mancanza accettabile, è comodo in situazioni di spegnimento anomalo, ma non è indispensabile.<br>Per quel che riguarda la temperatura dell'acqua lasciarla a 55 gradi (indipendentemente dalla costruzione della caldaia) non mi sembra una buona idea, in quanto lo scambio termico tra i radiatori e l'ambiente sarebbe troppo lento (specialmente nel caso tuo maface che dici di avere una casa simile all mia, quando prima avevo il gasolio tenevo l'acqua a 50/55 gradi per risparmiare un po col solo risultato di avere freddo e risparmiare poco perche la caldaia va di piu spesso). Uno scambio termico ottimale tra radiatori ed ambiente si ottiene con temperature intorno ai 70°, oltre si rischia di seccare troppo l'aria. Io personalmente mantengo l'acqua su 67/68 gradi. Nei giorni piu freddi, quando la caldaia andava spesso e i termosifono erano sempre molto caldi, l'umidit&agrave; non è mai scesa al di sotto del 40% mentre nei periodi piu miti si aggira sul 48/50%<br><br>Curpis

maface
11-04-2006, 20:07
Buona sara : allora due risposte per entrambi<br>1 per Boooxer la risparmiola per quello che ho visto e potuto capire è un buon prodotto però ( secondo il mio parere ha il braciere piccolo e ogni 2 giorni è da pulire, anche i 2 serbatoi mi sembrano piccoli)<br>il bello è come dici tu ed è vero quando si deve pulire si può aprire tranquillamente perchè il ventilatore tira via i fumi della combustione la prova è sta fatta su mia richiestae e il tutto funzionava.<br><br>Scusate se torno ancora sulla ecobiocalor è che funziona come la risparmiola , stesso procedimento di accensione (manuale) mantenimento al minimo senza nessun marchingegno perchè la brace fa accendere i chicchi che cadono ad intervalli programmati per mezzzo di una coclea che li preleva da un serbotoio di 3q<br>affiancato. La pulizia mi ha detto il rappresentante può essere fatta una volta alla settimana , in effetti il braciere è più grande e con le stesse modalit&agrave; della risparmiola.<br>2 adesso per Curpis la sansa da quello che ho sentito la si dovrebbe trovare a Grottammare dove ci sarebbe uno stabilimento che la lavora (se riesco ad avere l'indirizzo lo scrivo)<br><br>per quello che riguarda le temperatre da voi cittate io non ci capisco niente , la caldaia che uso io è a metano<br>e lavora a 70 gradi .<br>per adesso ciao a presto

11-04-2006, 20:28
grazie per l'informazione sulla sansa, interessante il metodo per mantenere acceso il mais, in pratica la caldaia fa si che non manchi mai la brace. Se fosse vero il fatto che si puo pulire una volta la settimana è comoda, ma mi sembra una prospettiva ottimistica, visto che il mais genera più residui del pellet, il bracere deve essere grandino. Ovviamente non ho visto il bracere e anche nel loro sito non si vede, quindi potrebbe essere vero quel che affermava il rappresentante, anche se conoscendo la categoria i dati proposti vanno sempre un po scremati.<br><br>Parlando di residui da ciò che si legge su alcuni sacchetti di pellet (ceneri &lt;0,2% del peso) e da quello che si legge sul sito della ecobioclaor relativo ai residui del mais nelle loro caldaie ( 800g di ceneri per 100kg di mais, da cui uno 0,8% del peso) sembrerebbe che i residui del mais siano circa 4 volte quelli del pellet, cosa verosimile a occhio, che ne pensate?<br><br>Nel caso specifico di quel che dicevamo a proposito della ecobiocalor se in una settimana consumasse un pieno di mais 300kg (verosimile in una casa come la mia) produrrebbe circa 2,4 kg di ceneri la settimana.<br><br>Ciao curpis

boooxer
11-04-2006, 22:12
La eco bio calor ha il fascio tubiero oppure ha il bruciatore a secco come la risparmiola?<br>Perchè più che il problema di pulirla ogni giorno (conviene per risparmiare)penso sia importante che non si formano delle incrostazioni sempre nel fascio tubiero con deterioramenti della caldaia.<br>la combustione a secco gli da la logevit&agrave;.<br>Il bruciatore ha bisogno ogni giorno di essere pulito (con un cacciavite si toglie solo la crosta che si stacca subito in un minuto)per evitare i consumi elevati da cattiva combustione.<br>Purtroppo il mais è un prodotto che essento oleoso crea più problemi.<br>saluti boooxer

maface
12-04-2006, 19:35
rieccomi oramai sembra che sia diventato un'appuntamento fisso con grande piacere da parte mia ,<br>allora da quello che ho potuto osservare la caldaia ha dei tubi in verticale che vanno puliti con una spazola ,penso che sia come la caldaia d'alessandro.<br><br>A proposito di pulizia, la tua in media ogni quanti giorni pulisci la camera di combustione, perchè io stò valutando le tre alternative.<br><br>Delle due a mais sò il prezzo + o - (5000€) SE PUOI mi dici il costo della caldaia senza l'eventuale istallazione dato che tale lavoro non è per tutti uguale.<br><br>Rileggendo i messaggi ho visto che nel primo c'è pure la tatano perciò dato che ci saranno dei giorni di riposo ne approfitterò per dare una sbirciata al loro sito ( prima di fare certe spese sar&agrave; meglio pensarci bene sperando che la vecchia caldaia mi assista fino a fine settembre)

boooxer
12-04-2006, 23:56
Ciao maface,<br>la caldaia non l'ho ancora acquistata ma sono imminente per la risparmiola della al.pi.<br>Pensa solo che si può pulire accesa senza fuoriuscite di fumo, non ha il fascio tubiero, la pulizia conviene farla ogni giorno, ci vuole 1 minuto, basta togliere l'anello di crosta che si forma attorno al bruciatore con un cacciavite così il bruciatore consuma meno, lo trovo assurdo aspettare diversi giorni per poi creare questa crosta che è causata dal mais, se fosse pellet non ci sarebbero questi problemi..&#33;<br>Il costo della risparmiola è di 3.800 euro + iva per la 20kw e 4.700 euro più iva per la 35 kw a me serve questa, forse riesco avere un piccolo sconto.<br>ciao boooxer<br>

13-04-2006, 09:47
tira un po sul prezzo, secondo me non è tanto giustificata la diff di prezzo tra i due modelli&#33; 900 euro in piu per 50 kg di peso in più? la scheda costa uguele, i motori pure, cambia solo che è un po più grande e c'è piu materiale&#33; secondo me riesci a tirare abbastanza

13-04-2006, 11:36
Ciao, io pulisco la mia una volta a settimana andando solo a pellet, qunado mischiavo il pellet al mais due volte a settimana, solo con mais non ho mai provato, comunque l'ipotesi di doverla pulire ogni giorno per mantenerne il rendimento costante mi sembra molto probabile. Per quel che riguarda la Tatano mi ero orientato anche io sulle loro caldaie a pellet (simile poi a quella della d'alessandro che ho preso), ho cambiato rivenditore perchè loro pretendevano il pagamento all'atto dell'ordine e non alla consegna (tutto questo ad Ottobre 2005 magari adesso hanno cambiato politica).<br>Curpis

maface
13-04-2006, 17:33
Ciao a tutti,<br>Boooxer grazie per l'indicazione della risparmiola a me per la 35kw hanno chiesto 5000€ compresa la documentazione per la detrazione del 41% irpef, adesso vediamo quanto si può tirare sul prezzo come dice STRUSS<br><br>Gradirrei notizie da parte di G3IS1 visto che parla anche della TATANO 2304 e poi è un pò che non si f&agrave; vivo, io sarei un pò curioso su quello che ha da dire a riguardo, acceto tutto quello che è costruttivo a proposito della discussione.<br><br>Curpis la pulizia effettuata settimanalmente è una cosa accettabile perchè uno può gestirsela al momento più opportuno,<br>scusa se torno sul discorso degli € ma è che mi farebbe comodo saperlo prima di parlare con gli istallatori così saprei come trattare al momento opportuno.<br>ciao

maface
28-04-2006, 11:33
ciao di nuovo<br>avete per caso notiuzie delle kalorina k25 / k35 della tatano o della kalorina 2204<br>se si vorrei sapere come vanno e che tipi di combustibili usate.<br>grazie

boooxer
28-04-2006, 23:48
Ciao maface,<br>prima di tutto che tipo di combustibile devi usare, esempio se la devi fare funzionare a mais non va bene perchè non puoi miscelare con il pellet più del 30% altrimenti incrosti tutto, se invece vai a mais al 100% devi fare come ho fatto io (sempre come consiglio) che ho appena acquistato una caldaia marca Risparmiola della al. pi. praticamente funziona quando accendi la pompa completamente a mais, quando la pompa è spenta allora rimane accesa al minimo con il pellet sempre in automatico consumando solo un paio di kg di pellet al giorno nelle 24 ore.<br>La kalorina è ottima se dovesse funzionare a pellet(peccato che ha un sebatoio molto piccolo) o altre biomasse come scarti di lavorazione industriali, però il mais è un combustibile più oleoso quindi ha bisogno di una caldaia adatta a bruciarlo senza che poi si incrosti grazie alla sua combustione a secco gi&agrave; citato precedentemente.<br>Spero di esserti stato di aiuto.<br>Boooxer

maface
29-04-2006, 10:58
grazie boooxer<br> il rivenditore mi ha fatto presente il problema del mais, io avrei optato per la sansa dato che non ho il problema dello stoccaggio e visto il costo nettamente inferiore al mais.<br><br>Il bello secondo me è la possibilit&agrave; (che io ho) di poter utilizzare scarti di potatura e tronchi di legno anche<br>se con un pò di attenzione .<br>Poi c'è u'altra alternativa, è pronta per ospitare un eventuale bruciatore metano o bodisel o altro combustibile<br>a vederla e toccarla sembrano molto robuste<br>ciao

boooxer
30-04-2006, 00:30
ciao maface,<br>ok, poi ne parleremo quando far&agrave; freddo per raccontarci i pregi e difetti visto che sono prodotti di nuova concezione. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c4d322ee4cb6badbb39e13b5f9303e6f.gif" alt=":rolleyes:">

boooxer
11-05-2006, 23:41
Ciao cigno,<br>domani viene il rappresentante della ditta AL.PI. di Mantova per visionare i dettagli della caldaia a mais (granoturco) che devo aquistare, sicuramente penso di concludere con l&#39;acquisto della caldaia, sperando che mi faccia un buon prezzo.<br>La caldaia l&#39;ho vista in fiera e la trovo ottima come prodotto,robusta semplice e affidabile.<br>Ti farò sapere più avanti.<br>PS:<br>Il pellet lo ritengo un combustidile con troppi vincoli di mercato, il mais invece è molto più economico e stabile..&#33;<br>Ciao boooxer

29-05-2006, 18:05
<span style="font-size:14pt;line-height:100%"></span><span style="color:red"></span><br>salve a tutti, premetto che sono un quasi incompetente in materia di caldaie al pellet, pertanto vi chiedo un aiuto, devo cambiare la mia vecchia e puzzolente caldaia a gasolio, con caldaia a combustibile alternativo.sono nel dubbio tra la risparmiola della al.pi e la ecotherm della termorossi, la mia perplessit&agrave; è data dal rendimento del 90% della caldaia della termorossi ma funzionante solo a pellet, mentre la risparmiola a rendimento 85% ma può essere alimentata a mais nocciole ecc. in più ha l&#39;accenzione manuale.<br>vi prego aiutatemi la devo cambiare prima dell&#39;inverno<br>grazie in anticipo

boooxer
30-05-2006, 00:35
Ciao Toni60,<br>io ho appena comprato la Risparmiola della al.pi. la trovo ottima perchè funziona a mais, questo combustibile sicuramente costa meno del pellet e rende di più ed è sempre reperibile.<br>Vedi le caldaie che vanno a pellet ne trovi tante ma, caldaie a mais sono più rare, io mi sento sicuro di questa perchè non ha il fascio tubiero (gi&agrave; specificato in altre mail)che evita di fare una combustione con condense che rovinerebbero la caldaia stessa, questo è il motivo che poche riescono andare a mais al 100&#37;.(il mais deve bruciare a temperatura alta)<br>La caldaia in questione ha una combustione immediata senza fascio tubiero, non si creano queste condese, la puoi pulire intanto che è accesa perchè non fa fumo grazie al tiraggio forzato,il pellet serve solo per tenerla al minimo, consumandone massimo un paio di kg. al giorno quando ci sono delle temperature miti, poi non ha bisogno di sebatoi che scaricano la temperatura in eccesso sempre nelle stagioni miti, ne di vaso aperto,poi la accendi manualmente in autunno e la spegni in primavera grazie alla sua grande modulazione con il pellet(ha 2 sebatoi in automatico) infine non hai problemi di bruciare le cadelette perchè in questo caso non servono, basta un cubetto di fochista come i camini, insomma una soluzione semplice e robusta..&#33;<br>Ciao boooxer<br><br><span class="edit">Edited by boooxer - 10/2/2007, 23:59</span>

30-05-2006, 07:43
veramente grazie Marino (booxer) sei stato gentilissimo ora ho le idee un pò più chiare.<br>avevo visto non in funzione) le due caldaie in una fiera ed ero per la thermorossi ma leggendo il forum ho iniziato ad avere dubbi anche sul prezzo del pellet.<br>sempre per la mia ignoranza, vorrei approfittare per chiederti se usando il mais la pulizia è difficoltosa e se la devi pulire tutti i giori<br>Se la posso usare con gusci di pinolo, di nocciolo, ecc.<br>ciao tonino<br>

alexdoor73_8
30-05-2006, 11:01
Leggo questo thread sulle caldaie a pellets dove pero' l'unica cosa di cui si parla sono gli euro risparmiati, la possibilita' di bruciare qualsiasi cosa, la comodita' (caricamento, pulizia, manutenzione etc...) si accenna appena al rendimento e non si parla proprio di emissioni...<br><br>Siamo in un forum che vuol parlare di energia e ambiente, di soluzioni per il risparmio energetico, non solo per il risparmio economico&#33;<br><br>Siamo sicuri che queste caldaie un po onnivore e fatte un po' all'antica, brucino bene? Non si parla di post combustione, e la CO ? Ok il ciclo bliologico del biocarburante (qualunque sia) fa si che il bilancio della CO2 sia a posto, ma tutti gli altri inquinanti, e le ceneri e le polveri sottili??<br><br>Io che mi sto interessando di questi tipi di prodotti da poco, ho scovato dei prodotti con rendimenti >90%, emissioni di CO bassisime, sistemi di abbattimenti quasi totale delle ceneri&#33;&#33;&#33; Qui invece si parla di bruciare qualsiasi cosa passi il convento pur di risparmiare (e mi sta anche bene) pero' cerchiamo di non perdere di vista il rispetto dell'ambiente altrimenti forse e' meglio lasciar pedere...<br><br>Scusate per la critica, pero' nei dati tecnici di queste caldaie non si menziona nulla se non il rendimento, ma dubito che ci sia un controllo della combustione molto preciso tale da abbattere le emissioni inquinanti&#33; Se non le ho trovate vi chiederei di segnalarmele.<br><br>E poi vorrei aggiungere una considerazione... bruciare il mais? Ok costa poco, ma il mais si mangia... ci sono persone che muoiono di fame e noi usiamo il mais per riscaldarci?<br>Vabene, sono scarti, eccedenze, quello che volete... ma non mi sembra una scelta lungimirante ed etica.<br><br>Ciao<br><br>alex

boooxer
30-05-2006, 15:56
Salve Alexdoor73_8,<br>chiedo scusa per la mia ignoranza in materia, la mia indicazione era nei confronti del gasolio ben più inquinante, comunque per quanto riguarda i combustibili, la caldaia funziona anche benissimo a pellet mi è stato detto o altri materiali di piccole dimensioni di circa 9mm. logicamente anche di scarto, il mais è un combustibile difficile da bruciare senza sporcare se non è combusto bene, se esistono altre soluzioni più innovative e di resa più del 90&#37; sono lieto di conoscerle perchè purtroppo con quello che costa il metano purtroppo bisogna anche parlare di risparmio.<br>Ciao boooxer<br><br><span class="edit">Edited by boooxer - 11/2/2007, 00:02</span>

31-05-2006, 11:27
Prima di tutto un saluto a tutti&#33;<br>per quanto riguarda le caldaie onnivore, ne ho vista una in funzione della FACI è mi ha molto soddisfatta,scaldava un piccolo condominio di 6 alloggi e può fornire acqua calda istantanea grazie alla serpentina in rame.<br>Il proprietario l&#39;ha utilizzata per tutto l&#39;inverno al 60% con mais.<br>Sono anche andata a vedere la Tatano e mi sembra una buona caldaia ma forse la Faci ha più resa per la forma rotonda della camera di combustione,anche il prezzo è buono quindi ho deciso di ordinarla

alexdoor73_8
31-05-2006, 13:33
Non c&#39;e&#39; bisogno di scusarsi, il forum serve per condividere le idee e trovare consiglio ... anzi mi scuso io se puo&#39; sembrare che io sia troppo critico... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c4eda094b50ffaa6282a82e3a2792fa5.gif" alt=":)"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c4eda094b50ffaa6282a82e3a2792fa5.gif" alt=":)"><br>Anche io non sono un esperto in materia, mi sto interessando anche al tema caldaie a pellets e simili perche&#39; un amico vende questo tipo di prodotti e mi ha raccontato un po di cose...<br><br>Quello che volevo dire e&#39; questo:<br><br>il risparmio energetico e il risparmio economico in genere vanno a braccetto pero&#39; non bisogna trascurare l&#39;ambiente<br><br>sicuramente una mediocre caldaia a pellets o simili costa meno di un&#39;ottima caldaia a pellets, sicuramente entrambe fanno risparmiare rispetto al metano e al gasolio, sia come soldi che come inquinamento (basta solo conteggiare la CO2 e siamo a cavallo, poi non ci sono idrocarburi incombusti e altre schifezze quindi e&#39; sicuramente meglio)<br><br>Pero&#39; un&#39;ottima caldaia a pellets ha dei livelli bassissimi di tutti gli inquinanti (soprattutto le polveri sottili) cosa che probabilmente le altre caldaie non hanno, quindi bisognerebbe prenderlo un minimo in considerazione questo aspetto.<br>Oltretutto esistono modelli che sono completamente automatici, si puliscono da sole, si controllano da sole.. vengono usate soprattutto per impianti medio grandi (anche + di 500 KW) ma esistono anche piccole e la differenza di prezzo non e&#39; poi cosi&#39; enorme...<br><br>solo questo, prima di fare un acquisto pensando solo al portafoglio proviamo anche a pensare se e&#39; la miglior soluzione per l&#39;ambiente

03-06-2006, 10:23
ciao sono sempre il poco competente<br>ma seguendo una trasmissione televisiva (geo e geo) dove parlano spesso di energie alternative. in una puntata si parlava proprio di caldaie a pellet, mais, nocciole, pinoli e questo non è &quot;bruciare qualsiasi cosa&quot; ma è bruciare materiale naturale.(così diceva un esperto intervistato)<br>alla domanda sull&#39;inquinamento l&#39;esperto ha risposto che il poco “fumo” emesso veniva facilmente assorbito dalle piante stesse non recandogli alcun danno.<br>a questa persona gli è stata fatta una domanda..... ma il mais si mangia&#33;<br>domanda che mi sono fatto anche io pensando ala fame nel mondo; è stato risposto che, aumentando la richiesta in mercato del mais avrebbe automaticamente aumentato questo tipo di coltivazione, cosi oltre ad aumentare gli introiti per i coltivatori avremmo abbattuto notevolmente il tasso di inquinamento con un prodotto che non potr&agrave; mai finire come il petrolio, gas.<br><br>Mi domando…… sar&agrave; vero? …. io ci credo, credo anche che lo sviluppo di queste caldaie è appena all’inizio, e chi sa che non inventino dei filtri in uscita dei fumi o quant’altro&#33;&#33;&#33;<br>Comunque ringrazio tutti e per il momento credo di optare per una caldaia policombustibile<br>tonino

boooxer
04-06-2006, 00:05
Ciao Toni60,<br>capisco che ci sono problemi per la fame nel mondo, allora perchè il mio vicino di casa che ha tante mucche (come esempio) deve buttare via tantissimo latte alle ditte specializzate per lo smaltimento, addirittura gli sono gi&agrave; arrivate delle munte salate, quindi questo prodotto di grande necessit&agrave; viene eliminato e non donato ai paesi in via di sviluppo?<br>Purtroppo il mencato porta anche a queste scorrettezze con l&#39;umanit&agrave;.<br>Tornando al mais penso che se aumentano la produzione i coltivatori non sarebbero scontenti e il prodotto è nel nostro paese senza l&#39;importazione dei combustibili più inquinanti..&#33;<br>Boooxer

alexdoor73_8
05-06-2006, 09:55
Attenzione stiamo dicendo quasi la stessa cosa ma evidentemente non mi spiego bene...<br><br>Le caldaie a Biomassa (quel qualunque cosa che bruciano di origine vegetale) sono un&#39;ottima cosa, perche&#39; azzerano il bilancio della CO2 ed non hanno emissioni tossiche (benzeni, e altre schifezze tipiche dei combustibili fossili)<br>Pero&#39; siccome qualunque combustione produce fumi e sostanze inquinanti, e potenzialmente pericolose, e siccome ESISTONO gia&#39; oggi delle caldaie molto ben costruite che ottimizzano la combustione al meglio e abbattono le emissioni moltissimo, se devo muovermi in questo settore perche&#39; non farlo al meglio, mettendo insieme il fatto di usare una risorsa rinnovabile e di farla bruciare al meglio possibile per ridurre al massimo le emissioni.<br><br>Non dimentichiamo che la cenere di legna (= polveri sottili) una volta emessa in atmosfera si va a combinare con le altre schifezze presenti nell&#39;atmosfera e contribuisce negativamente alla questioni PM10 nelle citta&#39; , che e&#39; un grosso problema.<br>Se di due caldaie una emette 100 di polveri sottili e l&#39;altra 1 non e&#39; meglio scegliere quest&#39;ultima?<br><br>Riguardo al bruciare cose commestibili, se sono scarti o eccedenze va anche bene, ma se devo fare delle colture apposta per fare il mais da bruciare, allora tanto vale fare delle colture di legna, per fare il pellet, che alla fine e&#39; quello che brucia meglio e inquina di meno.<br>Prima usiamo tutto quello che e&#39; uno scarto (noccioli, pellet, cippato, gusci di noce e nocciola) poi possiamo fare delle colture apposite per la biomassa.<br><br>Riguardo al bruciare tutto quello che mi capita, non dimentichiamo che una combustione perfetta si ottiene regolando la caldaia, e per farlo si deve sapere quali sono le caratteristiche della sostanza combustibile. Una persona che conosco che lavora nel pellet da diversi anni mi diceva che addirittura cambiando tipo di pellet sarebbe meglio regolare la combustione (a mano) per ottimizzare la combustione...<br>Figuriamoci bruciando cose cosi&#39; diverse come la legna, il cippato, il pellet, il mais, la sansa, i noccioli ecc... per avere la massima efficienza secondo me e&#39; necessario che una caldaia sia espressamente progettata e regolata per bruciare quel tipo di sostanza...<br>Quindi se uno ha vicino casa una Ferrero che produce tonnellate di gusci di nocciola per fare la Nutella, ben venga attrezzarsi per bruciare gusci di nocciola, se uno ha un bosco e fa cippato facendone la manutenzione ben venga attrezzari per bruciare cippato...<br><br>Pero&#39; una caldaia onnivora secondo me non e&#39; la soluzione migliore, perche&#39; non potra&#39; mai essere efficiente e pulita come una caldaia dedicata.<br><br>Prima decidiamo il combustibile predominante, poi compriamo la caldaia giusta <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/97c594906dda63f98cdeb3f72d37145e.gif" alt=":)"><br><br>Poi questa e&#39; solo la mia opinione, che mi sono fatto parlandone con questa persona che e&#39; abbastanza esperta del settore.<br><br>Riguardo al latte che dire, sono le assurdita&#39; del mondo e della globalizzazione... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/33e8ddeca5c76458b9c0f592cdd01542.gif" alt=":("><br><br>Alex

06-06-2006, 10:19
Caro alexdoor<br><br>Hai perfettamente ragione però pensare adesso a perfezionare una caldaia con sofisticare regolazioni in base a ciò che bruci per abbattere di pochissimo l’inquinamento, forse è prematuro.<br><br>Cercherò di spiegarmi:<br>non voglio parlare dell’inquinamento del mondo o quello europeo o americano neanche quello italiano ma quello che vedo nella mia zona.<br>Vedo caldaie a nafta mal fumanti, auto vecchie anch’esse mal fumanti, ho una centrale enel che quando e bel tempo brucia gas ma quando è nuvoloso non so cosa brucia, posso dire che in mezzo alle nuvole vedo una scia di fumo grigio, quello che mi fa veramente incazzare (scusate la parola ), è quando vedo gente che brucia plastica altamente inquinante col suo biossido di carbonio.<br>Quello che voglio dire che, adesso ci deve essere un insegnamento al rispetto dell’ambiente anche da parete nostra parlando con la gente, soprattutto a chi come me ha una caldaia a nafta e parlargli di pellet ecc.<br>Faccio un esempio banale: è come ristrutturare una casa mal ridotta, prima si fa un lavoro di sgrosso poi si sanno lavori di rifinitura.<br><br>Ps.<br>Ho descritto la mia zona come una grossa caldaia inquinante, non è cosi, anzi è una bellissima zona di campagna a bassissimo tasso d’inquinamento (quasi zero) ma sono quelle piccone cose che noto che mi fanno inc…..<br><br>Ciao a tutti<br>

alexdoor73_8
06-06-2006, 10:26
Hai perfettamente ragione toni, in mezzo a tanto sfacelo una caldaia a biomassa e&#39; sicuramente una perla&#33;<br><br>Pero&#39; forse mi hai frainteso, non c&#39;e&#39; bisogno di inventare nulla, la caldaia a biomassa, con rendimento ed emissioni controllate e certificate esiste gia&#39; (ne esistono diverse) E non costa cosi&#39; tanto di piu&#39; di una mediocre caldaia a biomassa...<br>Mentre fai il salto di qualita&#39; fallo come si deve, per non dover tra qualche anno dover rivedere le tue scelte.<br><br>Qualcunque caldaia a biomassa sara&#39; meglio di una vecchia caldaia a gasolio, ma se puoi avere una caldaia che si accende da sola quando serve, si pulisce da sola quando serve, che brucia al meglio quello che ci metti dentro (devi solo stabilirlo a priori in base alla disponibilita&#39;), che ha una autonomina di un paio di mesi, che la metti li e non ci pensi piu&#39; perche&#39; rinunciarci a priori per la fretta? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7ce5b13a5fd596d384227e75c0494fff.gif" alt=":)"><br><br>alex

boooxer
06-06-2006, 14:11
Ciao a tutti,<br>capisco la tecnologia del superautomatismo ma purtroppo ci sono anche i problemi di pezzi di ricambio costosissimi e difficilmente reperibili dopo qualche anno, secondo me è giusto che ci siano anche le caldaie a biomassa abbastanza semplici da gestire con pochi problemi e se per pulirla mi ci vogliono circa 1 minuto non succede niente, l&#39;importante che la combustione sia sempre di alto rendimento, es.la mia macchina è superautomatica, computer di qua automatismi di la, va bene ma quando ci sono dei problemi diventano grattacapi per tutti compresi i tecnici che ci lavorano.<br>Io preferisco una caldaia ad accensione manuale dal momebto che si accende all&#39;inizio della stagione fredda e la spengo alla fine del freddo così non importa neanche avere il problema che si bruciano le candelette, ho altri problemi con tempi di attesa lunghissimi senza riscaldamento e costi elevati pagando tecnici che vengono da molto lontano, le caldaie a biomassa sono più rare e quindi l&#39;assistenza non è dietro la casa, figuriamoci quando fa brutto tempo che più di una volta ho avuto dei fulmini che mi hanno creato dei grossi problemi ad apparecchiature elettroniche.<br>Questa è una mia impressione, gli automatismi li utilizzo piuttosto per caricare il biocombustibile con una coclea e un bel silos.<br>Boooxer<br><br><span class="edit">Edited by boooxer - 11/2/2007, 00:04</span>

06-06-2006, 20:45
Ciao a tutti sono nuovo,<br><br>sono intenzionato ad acquistare una caldaia a biomassa della Al.pi, ma sono indeciso tra la Risparmiola e l&#39;Alpina avendo la possibil&agrave; di andare anche a legna.<br>Qualcuno di voi può aiutarmi a non sbagliare?<br><br>Inoltre avrei bisogno di sapere come stoccate il mais per la caldaia.<br><br>E&#39; vero che si può usare tutti i tipi di cereali compreso il girasole?<br><br>Qualcuno può dirmi chi vende pellet nella regione Marche?<br><br>Masseta

boooxer
06-06-2006, 23:12
Ciao masseta,<br>io ho appena acquistato una al.pi. risparmiola, (mi arriva la prossima settimana)perchè non importa fare il vaso aperto poi l&#39;ho vista in fiera a Bologna, poi cito le altre mail ci sono tanti buoni motivi per averla acquistata, tipo tiraggio forzato, sistema veloce di pulizia senza fuoriuscite di fumo,combustione a secco, mancanza dell&#39;innerziatore che crea solo della dispersione, ottima modulazione grazie al pellet acceso al minmo, mancanza di candelette costose come ricambio infine difficilmente hanno dei problemi di rotture varie, quella a legna ha una camera di combustione grande il doppio.<br>Boooxer

boooxer
08-06-2006, 00:03
Ciao masseta,<br>scusa gli errori ma sono ammalato, con questi cambi di temperatura mi sento la testa come un pallone, dimenticavo, per lo stoccaggio del biocombustibile ho acquistato un silos con una coclea, quando devo caricare la caldaia basta premere un bottone per qualche minuto, (intanto che supervisiono il tutto) insomma la semplicit&agrave; ti f&agrave; dormire meglio..&#33;

08-06-2006, 21:15
Ciao booxer,<br>intanto ti ringrazio per le informazioni ricevute, ma quanto costa un silos e di quanti q.li?<br>Per un consumo di 50 q.li cosa mi conviene?<br>Saluti

boooxer
08-06-2006, 23:40
Ciao masseta,<br>il silos uasato che ho acquistato è da 55q.li l&#39;ho pagato 350euri copreso il trasporto, in ottime condizioni compresa la coclea con il motore da 1500watt 3 fasi, da cambiare e metto un motore più piccolo con una puleggia più grande per farlo girare più piano, non importa caricare la caldaia in un minuto, meglio avere degli automatismi un po più soft.<br>Dovresti chiedere a chi vende o trasporta i mangimi per le stalle, forse loro ti sanno dare delle informazioni più precise.<br>per la piattaforma, la devi fare spessa 20cm. armata con elettrosaldata, larga 260 x 260 con 2 mc di mistogetto e 4 q.li di cemento 325, dopo minimo 28 giorni puoi fissare il tuo silos con dei fissaggi robusti (tirex) forando il cemento armato con un buon trapano tassellatore.<br>boooxer

09-06-2006, 12:06
per alexandoor<br><br>ora che ho capito come la penzate sulle caldaie, puoi anche tu diremi la marcha che mi puoi consigliare?<br>booxer mi ha consigliato la risparmiola, che penso sia una buona caldaia, mi mancherebbe la tua opinione<br>ti ringrazio.<br><br>vorrei dire a massetta, dato che è nelle mie stesse condizioni di incertezza, di leggre la pagina 3 cosi puoi confrontare le diverse idee per avere una idea più chiara.<br><br>saluti a tutti dalla toscana <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d2501bcac095280f04589932ce0309a9.gif" alt=":P"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d2501bcac095280f04589932ce0309a9.gif" alt=":P"><br>

alexdoor73_8
09-06-2006, 21:21
In teoria non credo che sia corretto fare della pubblicita&#39; su questo forum, raccolgo un paio di link e te li mando via mp, pero&#39; ti chiederei di aspettare fino a lunedi&#39; ... non ne sono sicuro pero&#39; potrebbe essere che queste caldaie vadano solo a pellets e cippato (e possano essere adattate ad altre sostanze legnose (noccioli, gusci etc) ma forse non al mais.<br><br>Vi aggiungo una piccola informazione relativa al mais... il mais in quanto coltura, richiede discrete quantita&#39; di energia (derivata dal petrolio) per la sua coltivazione, fertilizzazione del terreno e lavorazione. Questo fa si che l&#39;energia resa dalla combustione possa essere non molto maggiore di quella complessiva spesa per ottenere il mais da bruciare... (guardate <a href="http://www.forumcommunity.net/?t=3221983&amp;st=120" target="_blank">qui</a>) I dati sul mais non li ho ancora trovati, ma per esempio il bioetanolo sembra essere al limite della convenienza energetica....<br><br>Un ulteriore conferma sulla mia convinzione che bruciare mais non sia proprio l&#39;ottimo tra le varie biomasse

13-06-2006, 21:08
Ciao a tutti,<br> penso di acquistare la Risparmiola, anche se a momenti costa più l&#39;installazione che la caldaia, tra boiler e valvolame vario.<br><br>Secondo voi la ghianda del querce può essere un buon combustibile?

13-06-2006, 22:30
salve a tutti<br>dovendo acquistare entro il prossio inverno una caldaia volevo farvi alcune domande:<br>volvo farvi una domana che mi st&agrave; facendo impazzire...<br><br>dovendo riscaldare 200 mq<br>conviene una caldaia semplice come la risparmiola o la tatano o la d&#39;alessandro ecc. ecc.<br>oppure conviene puntare su una a fiamma rovesciata (orizzontale, verticale (accatta anche il mais?) , thermorossi, unical e via dicendo...<br>in quanto alla durata inoltre cosa sapete dirmi tra le due tipologie di caldaie<br>grazie<br><br><br>

boooxer
14-06-2006, 00:14
per masseta,<br>purtroppo con i costi del materiale bisogna stare alla convenienza, nel mio caso il boiler non viene installato perchè la caldaia dista 20mt. dalla abitazione quindi bisognerebbe mettere il ricircolo abbastanza dispendioso nelle dispersioni, quindi mantengo la sua caldaia originale a metano per l&#39;acqua sanitaria ben meno costosa del riscaldamento, poi si evitano anche valvole miscelatrici, collegando direttamente con collettore l&#39;impianto di riscaldamento, chiedi un preventivo al tecnico senza impegno, sono molto disponibili, sanno darti ottimi consigli nel modo migliore per la tua situazione, digli che hai parlato con un signore del basso ferrarese.<br>ciao boooxer

boooxer
14-06-2006, 00:30
per 9kili,<br>prima di tutto devi sapere cosa devi bruciare, poi devi sapere che la caldaia a legna ha bisogno di un vaso aperto, a pellet o mais no, poi per scaldare 200mc andrebbe bene una 35kw (la mia casa è delle stesse dimensioni ma di concezione più vecchia, soffitti alti, finestre normali, mattoni pieni, ecc..) la caldaia risparmiola che ho acquistato è completa di tutti i suoi automatismi di modulazione elettronica, ma la sua semplicit&agrave; sta nella mancanza del fascio tubiero che per bruciare il mais al 100% la sua combustione si propaga grazie alle sue alette che trasportano il calore creando molto meno codense e incrostazioni.<br>Spero di esserti stato d&#39;aiuto, dai un&#39;occhiata alle mail precedenti replicando diverse informazioni.<br>boooxer

14-06-2006, 20:20
per boooxer<br><br>cerco di spiegarmi meglio.<br>Il materiale che maggiormente reperisco è la legna di castagno, proveniente da un bosco di mia propriet&agrave; addibito appunto a tale scopo, attraverso la naturale riscrescita e sia quelle &quot;strisce&quot; di corteccia di castagno o di rovere provenienti dagli scarti dalle grandi falegnamerie.<br><br>Attualmente consumo per riscaldarmi attraverso un camino EDILKAMIN acquacalor da 34KW circa 12/15 mc di legna all&#39;anno.<br> Il problema che vorrei superare è quallo di dimunuire i consumi e nello stesso tempo diminuire le continue ricariche che il camino richiede.<br><br>grazie<br>9kili

boooxer
15-06-2006, 01:01
Ciao 9kili,<br>quando il rappresentante mi ha portato i depliant della caldaia, mi ha fatto vedere anche quella che funziona legna/mais, quando la legna si esaurisce automaticamente continua la combustione con il mais, ottimo sistema,unico problema la caldaia costa il doppio e si presenta molto più grande.<br>boooxer

16-06-2006, 22:44
ciao boooxer<br><br>non sono ancora sicuro sul da farsi<br>attualmente le mie idee spaziano tra.<br><br>thermorossi a fiamma rovesciata:<br>ottima resa, ma complessa da punto di vista della manutenzione e affidabilit&agrave;. Ossia:<br>-pulizie accurate e frequanti della caldaia;<br>-<br>-gestione del &quot;tampone termico&quot; in caso di mancanza di elettricit&agrave;<br>-utilizzo esclusivo di legname classico e difficolt&agrave; ad utilizzare altro tipo di prodoti(mais, colza, gusci di nocciole ecc.)<br>dalla sua ci sono forse la durata e l&#39;affidabilit&agrave;, almeno il modello con la camera di combustione vetrificata.<br><br>dall&#39;altro lato ci sono le caldaie(almeno quelle che conosco maggiormente) FACI mod. ECO oppure la TATANO, tipo &quot;marina&quot; policombustibili dal costo di circa 2800€ o giù di lì<br>che promettono una certa universalit&agrave; di alimentazione(fattore non trasurabile in futuro) ma che utilizzate esclusivamente con normale legna non garantiscono grandi autonomie di funzionamento(penso).<br>cumunque entro ottobre devo decidere<br><br>9kili<br><br><br><br><br><br><br>

17-06-2006, 00:09
<center><a href="http://graphicorner.forumfree.net" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/17580d18c7590b0e586c6e3a0e6f8228.jpg" alt="image"></a><br><br><i>Se cerchi un forum dove ti possano dare una mano in grafica oppure dove imparare ed ampliare le tue conoscenze sulla grafica questo è il forum che fa per te. Non c'è molto da scrivere, vieni sul forum ed osserva da te.</i><br><br><a href="http://graphicorner.forumfree.net" target="_blank">Graphic Corner - Born to be the Best</a></center>

24-06-2006, 12:02
Salve a tutti mi sono appena registrato.<br>Un ringraziamento anticipato a chi mi risponde.<br>Mi sto documentando sulle caldaie cosidette &quot;onnivere&quot;.<br>Riscaldarsi oggi giorno con il metano è diventato proibitivo.<br>Ho visto la &quot;Risparmiola&quot;, ma funziona veramente?<br>che tipo di mais bisogna metterci?<br>va bene il mais che vendono i contadini?<br>il mais dev&#39;essere essiccato?<br><br>Un saluto a tutti.

boooxer
24-06-2006, 17:25
Ciao texpiccolo,<br>io la risparmiola la sto montando in questi giorni, secondo me è un buon prodotto,abbastanza pratica, sia nel manuale che automatismi vari, l&#39;installazione è molto semplice, leggi le mail precedenti per capirci un pochino, funziona sia a mais 100% quello dei contadini, che pellet.<br>a presto,<br>boooxer<br>

24-06-2006, 19:56
Grazie per la solerzia in cui mi hai risposto.<br>Andrò a leggere sicuramente le altre mail, a presto.<br>Saluti texpiccolo

olinda
29-07-2006, 16:02
carissimi amici nella zona in cui abito, Teggiano in provincia di Salerno, il mais ha un prezzo altissimo circa 25 euro/ql, mentre è facilmente recuperabile la sanza esausta 8 euro a ql e il nociolino di oliva 15 euro a ql. Vi chiedo le vostre esperienze con questi tipi di combustibili, e se creano problemi quando il circolatore è fermo per parecchie ore.

05-08-2006, 14:17
salve a tutti sono appena arrivato..... io sono di ravenna (provincia ) abito in campagna e sto per montare una caldaia a mais... la eco bio calor (gialla) l&#39;ho fatta montare al mio vicino l&#39;inverno scorso...... non sono molto convinto.... ha molta manutenzione la alpi (risparmiola) (rossa) l&#39;ha montata un altro vicino e nonostante il costo mi soddisfa di piu... non conosco la tatano ma mi piacerebbe vederla... il mio problema pero è questo... tutte quelle citate sono con mais a caduta, però ne ho vista una con mais a cratere... ne sa niente nessuno? salve a tutti

boooxer
06-08-2006, 00:45
Ciao giuggiolo01,<br><br>dunque se ho ben capito tu hai fatto installare una caldaia eco bio calor al tuo vicino e ne stai installando una anche tu, ho capito bene?<br>Dammi notizie sulla risparmiola perchè io l&#39;ho appena installata e solo collaudata il mese scorso col caldo che c&#39;era, mi sembrava di fare una sauna, ho dovuto accenderla perchè era presente anche il tecnico, come regolazioni è semplice anche grazie al serbatoio supplementare del pellet che serve a mantenere la caldaia al minimo con consumi irrisori (pellet) evitando poi di mettere quel noioso/costoso e ingombrante serbatoio da 1000Lt o anche 1500Lt &quot;tampone termico&quot; per le mezze stagioni o mancanza di corrente, serve per il calore in eccesso.<br>La caldaia completamente a mais anche al minimo potrebbe alzarsi di temperatura specialmente nelle gioranate miti, il mais non fa brace, invece avendo il secondo serbatoio a pellet interviene (dopo un certo periodo di tempo) con una seconda coclea ad alimentare il bruciatore in pausa, con un abbassamento della temperatura della caldaia rimane accesa ugualmente al minimo senza problemi.<br>Il &quot;tampone termico non serve più di tanto se prendono corrente perchè non funziona neanche la pompa dei termosifoni, soldi e spazio risparmiati.<br>Altri modelli di caldaie a mais non le conosco.<br>Secondo il mio punto di vista la caldaia a mais non deve essere a fascio tubiero, ci potrebbero essere dei seri problemi nelle condotte dei fumi causati dalla condensa, meglio una combustione diretta detta &quot;a secco&quot;<br>ciao boooxer<br><br><span class="edit">Edited by boooxer - 11/2/2007, 00:07</span>

06-08-2006, 08:41
come ho detto la risparmiola mi sembra ottima, il vicino che l&#39;ha montata è contento.... logico un po di manutenzione giornaliera.... la ecobiocalor(gialla) sara perchè ho avuto un po di astio con il produttore, non mi convince.... il prezzo è buono ma ti frega con gli opsional (obbligatori)&#33; sarei interessato a vedre la faci.... è una caldaia a cratere e non a caduta come le altre... e le premesse sono buone... ma dalle mie parti non c&#39;è nessuno che la venda... bisogna che mi organizzi.... p.s. da notizie certe (conosco un po di persone) la unical è sconsigliata, persino da chi la monta... la alpi grossa (grigia) è identica alla risparmiola ma ha il vantaggio di poter andare a legna...(non so che vantaggio sia visto che si perde l&#39;automatismo)

maface
07-08-2006, 20:01
ciao a tutti<br>dopo un pò di mesi che non mi faccio vivo vi comunico di aver optato per la kalorina della Tatano, per il semplice motivo che non lega ad un unico combustibile come il mais , ma mi permette di utilizzare altri combustibili solidi a più buon mercato come la sansa di oliva e di girasoli .<br>A settembre vi farò sapere come sar&agrave; andato il collaudo .<br>BUONE FERIE A TUTTI

maface
12-09-2006, 19:07
Ciao di nuovo a tutti<br>ultima novit&agrave; finalmente installata caldaia kalorina 2204 e collaudata con nocciolino di sansa di oliva<br>il tutto funziona bene .<br>Adesso aspetto i mesi invernali per vedere come andranno i consumi, per confrontarli col vecchio impianto<br>a metano.<br>ciao

boooxer
12-09-2006, 23:44
Ciao maface,<br>aspetto anchio i mesi freddi per provare la caldaia a mais.<br>Buon ecorisparmio,<br>boooxer

19-09-2006, 22:39
ciao a tutti, sono nuova ed anch&#39;io mi sto informando per un sistema alternativo di riscaldamento. Prima di leggere tutti i vostri messaggi sapevo che le caldaie a mais erano sconsigliate perchè, oltre a lasciare residui, era difficile trovare un mais che avesse il preciso grado di umidit&agrave; richiesto per tali caldaie...sapete nulla? Allora mi ero &quot;buttata&quot; su quele a pellets ma (almeno in Emilia Romagna) mi costava tanto di carburante perchè 70 sacchi di pellets da 15 kg l&#39;uno costano 300 euro ...la spesa per 6 mesi veniva sui 1500 euro solo di carburante....<br>ora non so come orientarmi...farò una visitina ai siti di cui fin&#39;ora avete parlato.<br><br>So anche di energia geotermica...qualcuno se ne intende?<br>e dei pannelli fotovoltaici che pensate?<br><br>grazie in anticipo se qualcuno risponder&agrave;...per il momento buona notte a tutti&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/390dd163355c880c3f5b294d54e60cd0.gif" alt=":rolleyes:">

boooxer
19-09-2006, 23:20
Ciao daliZ,<br>ho appena acquistato una caldaia a mais, questo inverno ti faccio sapere il suo funzionamento, la caldaia è una della al.pi. &quot;risparmiola&quot; scalda una abitazione di 180mq. per quanto rriguarda il mais utilizzo quello con il 14&#37; di umidit&agrave;, non ci dovrebbero essere dei problemi, funziona completamente a mais, salvo le pause lunghe, qu&agrave; interviene il pellet (circa 500grammi al giorno)per evitare lo spegnimento e il montaggio del contenitore da 1000 litri (soldi risparmiati) con questo sistema rimane accesa al minimo con un consumo superfluo e ottimale anche con le stagioni più calde.<br>Per il fotovoltaico non riesco darti informazioni.<br>ciao boooxer <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/97ee55f2908e1697c9ccad3f11bf24df.gif" alt=":)">

stefanob76
27-09-2006, 09:25
Se passate dalle mie parti fra 1 mesetto avvierò la mia caldaia a mais, diversa da tutte quelle italiane. Così la vedrete funzionare.<br>Ciao&#33;<br>

04-10-2006, 07:06
buongiorno io non conosco questa Risparmiola ne ho sentito solo parlare. Io conosco la CT Pasqualicchio, e devo dire che funziona molto bene, ne vendo molte, ovviamente è a fascio tubiero, hai clienti consiglio ovviamente sempre di mescolare il mais ad altri prodotti che contengono lignina. Tipo nocciolino, pellet mix di gusci ecc.<br>Alcuni miei clienti sono arrivati fino al 80&#37; di mais, comunque io consiglio sempre, se si vuole bruciare mais, di utilizzare una caldaia con camera di combustione in refrattario<br>Se volete qualche informazione andate a visitare il mio sito <a href="http://www.bioterm.it" target="_blank">www.bioterm.it</a>, non vorrei fare pubblicit&agrave; occulta, ma credo possa essere interessante<br>ciao

boooxer
04-10-2006, 13:48
Salve bioterm.it<br>certamente non voglio farne della pubblicit&agrave;, ma dal momento che l&#39;ho acquistata ne parlo per mia esperienza, diciamo che è stata solo provata, funziona benissimo completamente a mais grazie al non fascio tubiero, ha una combustione ad alta temperatura a &quot;secco&quot; con pochissima condensa, l&#39;ho vista funzionare e mi ha soddisfatto.<br>Vedremo quando far&agrave; freddo

23-10-2006, 11:25
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (maface @ 12/9/2006, 20:07)</div><div id="quote" align="left">Ciao di nuovo a tutti<br>ultima novit&agrave; finalmente installata caldaia kalorina 2204 e collaudata con nocciolino di sansa di oliva<br>il tutto funziona bene .<br>Adesso aspetto i mesi invernali per vedere come andranno i consumi, per confrontarli col vecchio impianto<br>a metano.<br>ciao</div></div><br>Ciao sono luca anche io ho acquistato la stessa caldaia , ma ancora non posso esprimere giudizio in merito perche la sto installando in questi giorni, quando ci sono dei dubbi da parte di entrambi sarei disponibile al confronto ciao.<br>Quanto lo paghi il nocciolino al quintale? Io lo sto acquistando a 11euro + trasporto. Spero che 70 quintali mi bastino x tutto l&#39;inverno, considerato che devo scaldare una casa su 2livelli di nuova costruzione di circa 120 mq.<br>Io vivo in Sardegna prov di Oristano, tieni conto che qu&agrave; le temp. non solo basse, ciao.

giannic
23-10-2006, 12:02
per uanto riguarda le emissioni della Kalorina E2204 I che possiedo anche io, vorrei precisare che:<br>La maggiore emissione si ha nel momento dell&#39;accensione o recupero accensione;<br>Una minore emissione si ha nella fase di mantenimento.<br>Nella fase di modulazione le emissioni sono minime.<br>il fumo prodotto dalla Kalorina è quasi totalmente trasparente, la colorazione bianca si può verificare a causa delle temperature dei fumi che a contatto con le basse temperature dell&#39;aria provocano la condensa. come accade agli aereoplani ad alta quota.<br>lìodore del nocciolino bruciato non è particolarmente fastidioso, sempre meglio di quello del gasolio.<br>La sansa vergine, invece, ha un odore simile a quello della spremitura delle olive ed inoltre provoca delle ricadute di fuligine, proprio a causa dell&#39;elevato contenuto di polveri preseni.<br><br>

olinda
26-10-2006, 16:13
ciao giannic vorrei comprare un caldaia kalorina e2204, evorrei sapere per quanto tempo può restre bin attesa quando l&#39;impianto di riscaldamento non richiede energia. Questa caldaia funziona bene con gli impianti di riscaldamento a pavimento?Ggrazie per la risposta

maface
26-10-2006, 18:57
ciao Luca per quel poco che ho potuto sperimentare in fase di collaudo data la scarsit&agrave; di sansa a<br>mia disposizione (40kg) confermo quanto scritto da Giannic.<br>Per quanto riguarda il prezzo nella mia zona ( FERMO MARCHE ) per adesso occorrono € 7.50 + iva<br>al quintale + il trasporto che è a parte perchè loro non consegnano .<br>

26-10-2006, 19:04
Ciao Olinda sono luca anche io possiedo la karolina ei 2204, la consegna è stata celere e precisa, come da accordi presi, tieni conto che la mia è stata consegnata in Sardegna, in 8gg. Per quanto riguarda i tempi di riposo non ti posso aiutare, ma giannic che ho gia contattato ti sapr&agrave; dare qualsiasi chiarimento in merito ciao.

giannic
26-10-2006, 19:05
....per olinda ed altri interessati. La kalorina e2204 di cui mi chiedi deve rimanere sempre accesa per evitare che il continuo stacca e riattacca ne aumenti i consumi. Per quanto riguarda l&#39;impianto a pavimento non ci sono particolari problemi occorre, però, installare anche un accumulo. L&#39;impianto a pavimento funziona con temperature di circa 40° rispetto ai 70° di quello a termosifone. Leggo che mi chiedi della Kalorina E/2204 e non della Kalorina/E2204-I. Presumo, quindi, che sei gi&agrave; a conoscenza che devi installare l&#39;accomulo. Per quanto riguarda i consumi la mia abitazione è di mq. 140, riscaldati, buona coibentazione, altezza mt. 450 s.l.m., l&#39;anno scorso ho acceso la caldaia i primi di dicembre e spenta il 15 giugno, bruciavo nocciolino di sansa e legna, non ho speso nemmeno 700 Euro. Il riscaldamento attivato dai cronotermostati funzionava in media per 12/14 ore con temperature di 21°. Con l&#39;impianto a pavimento si risparmia ancora di più.

26-10-2006, 19:20
Grazie maface a presto<br><br>Ciao giannic ci sei ancora

giannic
30-10-2006, 10:19
.......ronf, ronf, ronffffffff&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;

giannic
31-10-2006, 09:54
pochi utilizzatori della Kalorina&#33;&#33;&#33;

maface
31-10-2006, 18:47
Non credo che ci siano pochi utilizzatori della kalorina.<br>Secondo il mio modesto parere è che molti come me siano in attesa di iniziare questa nuova esperienza, per poi poter proseguire nella discussione sui vari pareri........<br>

07-11-2006, 15:58
salve sono un nuovo iscritto vivo a Pomezia Roma e volevo sapere se è facile trovare combustibile x una caldaia a sansa, pellet cippato visto che leggendo nel forum la magg parte di voi sono del nord.<br>X una casa di 200 mq che mi consigliate? grazie ciao Riccardo

07-11-2006, 23:38
BUONASERA A TUTTI<br>SE POSSIBILE AVREI BISOGNO DI UNA SPIEGAZIONE MAGARI DI UNO SCHEMA PER UNA CALDAIA A FIMMA INVERSA A MAIS MARCA ARCA.<br>VORREI COLLEGARLA SENZA DOVER PRENDERE UN PUFFER O BOILER MA SEMPLICEMENTE COLLEGANDOLA A UN COLLETTORE APERTO CON UNA MANDATA E UN RITORNO + CALDA E FREDDA COLLEGATA A UN SERBATIO SANITARIO 300LT CON PROPIA POMPA NN SO SE E POSSIBILE VOI CHE NE PENSATE?RINGRAZIO TUTTI CMQ...TANTI SALUTI.. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9b7cc811b5c96f0c267e088774bae192.gif" alt=":o:"> :

13-11-2006, 18:56
Ciao, c&#39;e&#39; qualcuno che sa se le caldaie Karolina 2406 a aria calda della Tatano possono funzionare con solo grano?<br><br>grazie sascha.<br>

giannic
13-11-2006, 19:30
x sascha. potresti bruciare il grano miscelandolo con altre biomasse che contengono la lignina,per esempio il nocciolino di sansa

ghidox
19-11-2006, 21:54
Salve<br>sono 1 nuovo iscritto e ho appena istallato 1 caldaia risparmiola della ditta alpi.<br>c&#39;e&#39; qualcuno che abbia delle &quot; dritte &quot; sul funzionamento...consumi..e manutenzione??<br>Grazie <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/419f6a835a8bd8f2f7593bb47291b52a.gif" alt=":D"><br><br>Dimenticavo...la caldaia funziona a mais e a pellets x il mantenimento fiamma

21-11-2006, 09:05
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (karolina @ 26/10/2006, 19:04)</div><div id="quote" align="left">Ciao Olinda sono luca anche io possiedo la karolina ei 2204, la consegna è stata celere e precisa, come da accordi presi, tieni conto che la mia è stata consegnata in Sardegna, in 8gg. Per quanto riguarda i tempi di riposo non ti posso aiutare, ma giannic che ho gia contattato ti sapr&agrave; dare qualsiasi chiarimento in merito ciao.</div></div><br>Ho trovato un rivenditore in Sardegna che mi ha fatto un preventivo di 6000 € per la Kalorina della Tatano. Mi sembra un pochino esagerato, non trovi? Potresti dirmi dove l&#39;hai presa e se il prezzo che mi è stato fatto è effettivamente esagerato?<br>ti ringrazio in anticipo.

maface
21-11-2006, 20:51
buona sera a tutti comunico di aver iniziato questa nuova avventura. Dopo ever scaricato a mano<br>un conteiner di sansa( 160 quintali ) tra sabato e domenica con l&#39;aiuto di amici e famigliari .<br>Una volta terminato il lavoro abbiamo caricato il serbatoio della caldaia e dato il via all&#39;accensione<br>ci siamo messi tutti a guardare con entusiasmo , dopo 20 minuti il tutto funzionava quasi alla perfezione l&#39; unica regolazione che ho fatto è stata quella di aumentare l&#39;aria da 35&#37; a 40&#37;<br><br>a presto per nuove notizie

olinda
24-11-2006, 19:54
x cius 22 il rivenditore della tatano in Campania nel mese di ottobre ha fatto un preventivo per una kalorina E2204 per 2900 € + iva e di 3300 +iva peril modello provvisto di scheda elettronica (non so se si tratta del modello ei 2204)

pjparis
27-11-2006, 13:57
è il primo post quindi per prima cosa saluto i mediatori e tutti gli altri, vi ringrazio per l&#39;utilissimo forum. Ho acquistato un Kalorino, termocamino pellet e legna della Tatano onnivoro.<br><br>x giannic mi sembra di aver capito che bruci sia sansa esausta che vergine, non ho problemi a reperire la sansa vergine, qualche problema invece ad asciugarla per un mese prima di usarla. Volevo sapere se la cenere della sansa vergine provoca problemi di incrostazione del bruciatore a lungo andare o difficolt&agrave; di pulizia.<br><br>x tutti conoscete qualche rivenditore di sansa esausta in zona Lazio e umbria. Ho trovato il pellet di sansa a 25 euro al quintale.<br><br>ciao e grazie

giannic
27-11-2006, 17:12
per piparis<br>per quanto riguarda la sansa vergine, dalle informazioni in mio possesso non si potrebbe bruciare. Quella che si utilizza quale combustibile è la sansa esausta, ovvero disoleata. Altro combustibile è il nocciolino d&#39;oliva. Le incrostazioni prodotte dalla combustione di questi prodotti sono scarse. riesci a pulire il bracciere tranquillamente. Dove reperire questi prodotti in lazio ed umbria non posso aiutarti, sono della sardegna. Per i preezzi posso dirti che quel pellet mi sembra caro. Il nocciolino d&#39;oliva, lavato e sfuso lo trovo a 14 Euro il q.le. saluti

giannic
29-11-2006, 15:44
BUONGIORNO, COME VANNO LE VOSTRE kALORINE?

maface
02-12-2006, 17:01
caro giannic per adesso tutto bene, aspetto il freddo per vedere il consumo giornaliero dato che di giorno c&#39;è il sole a riscaldami (il che non è un male per il risparmio).

pjparis
02-12-2006, 17:20
x maface la sansa che hai comprato è sansa esausta o vergine (ancora con olio, quella che esce frantumata dai frantoi, per intenderci)?

maface
04-12-2006, 22:21
x pjparis la sansa è quella esausta ( non quella di frantoio con olio che dovrebbe essere vietata )

14-12-2006, 21:45
Ciao a tutti.<br>Ho acquistato una tatano 2204/E elettronica, qualcuno mi puo&#39; dare delle dritte sui settagggi dal menu&#39; utente da utilizzare per diminuire il consumo?

17-12-2006, 15:42
Per i posessori di caldaie tatano.<br>Ho scritto su questo blog perche&#39;, ci sono 2/3 persone che hanno installato queste caldaie, e adesso non risponde nessuno.......dai avanti in settimana arriva il tecnico in casa, cosi potro chiedergli qualche consiglio(nella speranza che mi sistemi la caldaia) mi consuma troppo 60kg/gg.<br>Se avete consigli.... grazie.<br>Posso girarli al tec. vediamo cosa mi risponde.<br>Vi faro&#39; sapere.<br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br>

boooxer
18-12-2006, 00:39
Salve luky 24,<br>dipende anche dalla grandezza della tua casa per i consumi.<br>saluti,<br>boooxer

giannic
19-12-2006, 17:54
x luky24<br>dovresti darmi maggiori informazioni. Con quei pochi dati non posso aiutarti. Cmq, 60kg/gg non è un consumo elevato. Ripeto, dammi maggiori informazioni e vedo cosa posso suggerirti

23-12-2006, 16:13
Grazie boooxer e giannic.<br>La mia abitazione e 120m/q piano terra 140m/q sopra , se possibile potete darmi i vostri parametri da menu&#39; utente? avete effettuato qualche modifica ai parametri del menu&#39; protetto? Grazie<br>AUGURI DI BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO A TUTTI.

giannic
23-12-2006, 19:06
.....Allora. Io ho la Kalorina/e 2204-I riscaldo complessivamente circa 160 mq.<br>Brucio nocciolino d&#39;oliva e legna<br>I parametri utente sono:<br>Ventola:45&#37;<br>Coclea lavoro: 7 sec<br>Coclea pausa:75 sec.<br>Pompa attiva: 55°<br>Termostato caldaia: 70°<br>Fumi:60<br>nel menù protetto ho modificato solamente i tempi di lavoro e pausa coclea in modulazione<br>Coclea lavoro: 3 sec.<br>Coclea pausa: 99 sec<br>Saluti e buone feste a tutti

23-12-2006, 19:18
<span style="font-family:Courier"></span><span style="font-size:14pt;line-height:100%"></span><span style="color:red"></span><br>Ho una kalorina k35pv e ci riscaldo una casa isolata in pianura padana di circa 300 mq su due piani.<br>Il consumo in giornate fredde è di circa 80 kg al giorno ( mais + nocciolino ), non ho riscontrato alcun problema di condensa ne di incrostazioni.<br>Le regolazioni sono<br>aria 50<br>on 19<br>off 30.5<br>E ottengo circa 22/24 gradi costanti in casa con la caldaia che v&agrave; in modulazione a 60 gradi.

pjparis
25-12-2006, 08:07
Ho finalmente acceso il Kalorino.<br>Riscaldo un piccolo appartamento di 60 mq in alta montagna a 1700 metri,<br>sull&#39;appennino laziale, precisamente a Terminillo.<br>Uso Legna e Nocciolino di oliva. Temperatura esterna media nel mese di dicembre -1.5.<br><br>L&#39;ho acceso soltanto ieri, qualche problema di fumo all&#39;inizio ma poi tutto per il meglio, ho lasciato le regolazioni di fabbrica, la fiamma con il nocciolino è comunque vivace. Per il momento sono molto soddisfatto, anche se è presto per fare delle valutazioni obiettive.<br><br>Per l&#39;accensione automatica avevete messo il termostato sull&#39;ingresso termostato ambiente del quadro o sull&#39;ingresso crono? e avete attivato da menù protetto il termostato ambiente?<br>

28-12-2006, 21:52
Grazie per i parametri, provero&#39; anch&#39; io a modificare.<br>Attualmente lavoro:<br>Ventola 37 (se + alta la velocita&#39; il pellet esce dal brecere)<br>Coclea on 8<br>Coclea off 50<br>Pompa 45<br>Caldaia 68<br>Fumi 60.<br>Brucio pellet e poca legna.<br>Il mio piano refrattario presenta quache crepa, e&#39; normale????<br>Il portellone frontale con la scritta tatano a un alone e si toglie la verniciatura ( parlero&#39; con il tecnico)<br>se avete pareri scrivete.......

pjparis
29-12-2006, 22:46
la situazione dopo qualche giorno di utilizzo è certamente positiva.<br>Il termocamino Kalorino brucia legna e nocciolino di oliva. Molto efficace l&#39;elettronica (si accende in automatico come da termostato ambiente) mantiene la temperatura desiderata con la funzione mantenimento in mia assenza consumando poco, al mio rientro metto su la legna senza bisogno di diavolina giornali etc. e il tutto funziona a meraviglia. Complimenti alla ditta siciliana Tatano per questo bel camino.<br>Più avanti vi terrò informati sui consumi relativi, chiaramente, alle mie esigenze.<br>

giannic
16-01-2007, 18:36
Buonasera&#33;&#33;&#33; Come stanno andando le vostre Kalorine? L&#39;inverno anche se non molto freddo è arrivato. Per chi l&#39;ha installata da poco come vi trovate? Ciao

tekneri
17-01-2007, 08:35
io ho montato questa 58 kw ieri<br><br><center><b>Attached Image</b></center><br><table class="fancyborder" style="width:50%" align="center" cellpadding="4" cellspacing="0"><tr><td align="center"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d84b28700278391f91a35a126ffa381b.jpg" alt="Attached Image"></table><p>

17-01-2007, 22:03
La mia kALORINA va&#39; bene, ma le crepe al basamento mi fa&#39; pensare.......il tecnico dovrebbe venire verso la fine di gennaio per visionarla.<br>Si accettano consigli sui setaggi.<br>Vedere INSERZIONI PRECEDENTI.<br><br>Per tekneri<br>Che cosa bruci?<br>Quanti m/3 devi riscaldare?

giannic
18-01-2007, 15:23
crepe sul basamento???? ma cosa bruci? Se mi indichi il tipo di Kalorina che hai installato posso darti i mie pèarametri. Io brucio nocciolino d&#39;oliva lavato.

tekneri
18-01-2007, 21:04
brucia mais (max 30&#37; premiscelato dal silod doppio tandem) e gusci di nocciola tritati (17 € q.le circa entrambi)<br>e scalda una casa colonica con pessimo isolamento termico (più appropirato dire inesistente), oltre 1200 mc spannometrici.<br><br>Acqua calda sanitaria tipo &quot;rapido&quot; con serpentino ad immersione, che raggiunge in 15 sec. circa l&#39;ultima utenza senza ricircolo (25 metri di distanza&#33;)<br><br>Soddisfazione incredibile.<br><br>Ciao<br>

20-01-2007, 15:10
X giannic.<br>Brucio solamente pellet, e poca legna, legna di abete.<br>La caldaia e&#39; Kalorina 2204/E.<br>Domanda.<br>Chi vi rifornisce del nocciolo?<br>

tekneri
21-01-2007, 15:24
la Biocalor di Lanciano

Integrav
22-01-2007, 08:26
Ciao ma i gusci di nocciola te li mandano loro?<br>Che quantit&agrave; spediscono?<br>In zona Bologna si riescono a trovare?<br>grazie

tekneri
22-01-2007, 12:23
no, andiamo giù con l&#39;autoarticolato.<br>Sono o sacchi da 15 kg, oppure big bag da 400 kg.<br>Se sei interessato, dimmi qualcosa perchè devo completare un carico per il ritorno (sempre se ti interessa...).<br>Sul mio sito c&#39;è la mia email ed il mio cell.<br><br>Ciao<br><br>massimo

calciocaramela
24-01-2007, 19:51
ciao a tutti ,possiedo una calorina 2202 da un paio di mesi. Brucio pellet di cereali ( Agrifire ) ma vorrei provare altri materiali,tipo pellet di noccioli. Qualcuno può darmi informazioni su rivenditori in zona (ferrara) o comunque in Emilia romagna??<br>inoltre,ho notato che la mia caldaia con questo tipo di pellet produce molta cenere...voi come fate a pulirla???ho provato con il Cenerino ma i risultati non sono buoni.<br><br>Grazie mille a tutti

tekneri
24-01-2007, 21:13
secondo me la miscela migliore è gusci di nocciola-mais: brucia bene e senza sporcare la caldaia.<br>Per pulire la caldaia uso comunissime paletta-secchio ed uno scovolo per il fascio tubiero fornito a corredo dalla DCM, una volta alla settimana (con poco freddo come adesso anche 2 settimane.<br>Tempo necessario: 2 minuti.<br>Ciao

25-01-2007, 21:43
Io per pulire la mia 2204/E uso il comunissimo aspiratutto, quel bidoncino verde, prima aspetto che si raffreddi un po&#39; la caldaia, poi con lo scovolo pulisco il fascio tubiero e aspiro tutto, tempo impiegato 5 minuti ogni 5/6 gioni.<br>Il pellet misto cereali sporchera&#39; sempre di piu&#39; del pellet di legno(certificato)

giannic
27-01-2007, 09:55
io il nocciolino d&#39;oliva lavato, lo compro qu&agrave; in Sardegna al prezzo di Euro 14 al q.le. Sporca pochissimo. La kalorina/E 2204-I la pulisco con una paletta ed uno scovolino per il fascio tubiero

31-01-2007, 12:24
Ciao giannic con la ventola sotto 45 non riesco a far partire la fiamma, cosa mi dici in merito?

31-01-2007, 13:54
salve sono nuovo del forum, ma anchio posseggo da oltre otto anni una caldaia a sansa della mabre, siccome i prezzi dei combustibili sono notevolmente aumentati (sansa esausta € 12,50 al quintale, vorrei informazioni su venditori e prezzi di nocciolino di oliva per la zona di Frosinone e zone limitrofe (molise, abruzzo, campania).<br>vorrei inoltre sapere se nella finanziaria 2007 è possibile acquistare caldaie a biomassa con detrazione del 55&#37;

caponord23
31-01-2007, 22:28
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (tekneri @ 17/1/2007, 08:35)</div><div id="quote" align="left">io ho montato questa 58 kw ieri</div></div><br>cosa l&#39;hai pagata quell&#39;affare se non sono indiscreto?<br>

01-02-2007, 08:43
l&#39;ho pagata tremilioniduecentomila lire nel 1999, però vorrei cambiarla perchè il consumo annuale di circa 150 quintali mi sembra eccessivo, anche la mia è una 58Kw ma per la mia casa penso che vada bene una 40kw, quando l&#39;ho acquistata è stata più una scommessa in quanto ho preso la prima che ho visto.

tekneri
01-02-2007, 10:18
DCM 50000 prezzo 2006: 3950 € + Iva<br>escluso:_ trasporto, montaggio, raccorderia, gruppo pompe e canne fumarie_<br><br>ciao caponord23

04-02-2007, 16:50
Buongiorno a tutti.<br>Il tecnico e&#39; venuto a visionare la mia caldaia kalorina 2204/E, per quanto riguarda le crepe al basamento e&#39; mi ha detto che sono normali, se non si aprono(altrimenti faremo valere la garanzia)

calciocaramela
06-02-2007, 00:11
ma le crepe sono all&#39;interno dove si trova il braciere?iio ho una kalorina 2202 e non ha crepe.dopo quanto tempo si sono verificate?io spingerei per la sostituzione,prova a chiamare la casa madre.ciao<br><br>come va il pelletts che ti ho fatto provare?ciao tekneri

tekneri
06-02-2007, 20:27
ciao calciocaramela, l&#39;agrifire è una bomba, metaforicamente parlando.<br>Pensa che questa notte la DCM l&#39;hanno mandata in scarico termico perchè, abituati con i gusci di nocciola (che hanno un basso peso specifico), alla sera a pompe avviate ci mettevano anche due ceppi di legna nel braciere.<br>Sommato ad una incauta chiusura della valvola sfiatatrice automatica posta sull&#39;equilibratore (causa maldestra installazione di termosifone supplementare), il risulato è stato una sovratemperatura, prontamente placata dalla valvola di scarico termico e dal pressostato di blocco.<br> Stamattina sono andato a risistemare tutto.<br> Così ho collaudato anche le valvole di sicurezza (impianto a vaso chiuso).<br>Ciao calciocaramela

dotting
10-02-2007, 18:15
Ho letto di questa caldaia della Tatano:<br><a href="http://www.caldaieapellets.com/newkal.htm" target="_blank">http://www.caldaieapellets.com/newkal.htm</a><br>il modello è la Caldaia Compact Power Onnivora mini K25 La compatta.<br><br>C&#39;è scritto che è in grado di bruciare olio vegetale.<br><br>Ma è un nuovo modello o qualcuno la usa gi&agrave;?<br>un saluto

tekneri
10-02-2007, 19:38
io non conosco nessuno che ce l&#39;ha, però ho contattato la ditta Kroll Italia che commercia bruciatori per olio vegetale, da applicare a gruppi caldaia.<br> Ma era meglio se mi informavo prima sul costo dell&#39;olio vegetale...<br><br>ciao

dotting
10-02-2007, 19:53
Se ti interessa il prezzo del bruciatore su ebay lo vendono a 1350 euro.<br>Per le caratteristiche tecniche nel sito kroll.de c&#39;è qualcosa, però tutto in tedesco.<br>Per il prezzo dell&#39;olio vegetale, per grosse quantit&agrave; sar&agrave; sempre meno del colza/Lidl a 0,75 €/l.<br>La Tatano è interessante perchè pare che conservi la possibilit&agrave; di bruciare combustibili solidi.<br>saluti

tekneri
10-02-2007, 21:31
grazie Dotting.<br>Mi hanno gi&agrave; trasmesso sia la documentazione tradotta sia il listino a me dedicato come distributore, poichè lo avevo preventivato nella costruzione di una bifamiliare.<br>Voglio segnalare la cortesia e la tempestivit&agrave; dell Kroll Italia.<br>(ringrazio Lolio per avermi dato i riferimenti commerciali)<br>Poi i clienti hanno optato per la caldaia policombustibile marina, così la cosa finì lì...<br>Per i pochi contatti che ho avuto (per l&#39;acquisto di olio vegetale) nessuno è sceso sotto agli 0,80 €/litro ed inoltre con disponibilit&agrave; limitate.<br>So che alla Lidl costa meno, però pensa a vuotare tutte le bottigliette una ad una...<br>Visto che il gasolio, per quantit&agrave; importanti, supera di poco l&#39;euro/litro, non vedo una gran cuccagna.<br> Io, se dovessi usare il gasolio/olio vegetale, valuterei un impianto con caldaia a gasolio a condensazione: così mi cucco anche il 55&#37; di recupero fiscale triennale.<br>I bruciatori cmq dovrebbero funzionare a regime di commutazione: o va il bruciatore a combustibili solidi triti, o il bruciatore a fiamma orizzontale a olio vegetale<br><br>ciao Dotting<br><br><br>

calciocaramela
14-02-2007, 14:55
come andiamo proprietari di kalorine?per ora sono soddisfatto anche se non ho potuto vedere i consumi con molto freddo.chi ha bruciato sansa mi puo dire se emana odore,la vorrei provare.ciao a tutti dalla provincia di ferrara

boooxer
14-02-2007, 23:30
Ciao calciocaramela,<br>anch&#39;io sono della provincia di Ferrara, non ho una caldaia tatano, ma una al.pi. risparmiola a mais 100&#37; sono contentissimo, pensa è dal 4 di novembre che non l&#39;ho mai spenta, funziona 24 su 24, i consumi sono di 40/60 kg al giorno (in una abitazione di 200mc il piano sopra è più fresco controllato dalle valvole termostatiche), dipende dalle giornate di freddo.<br>Questa stagione non è stato freddissimo ma dalle nostre parti c&#39;è sempre nebbia che è peggio del ghiaccio, comunque in casa si st&agrave; belli caldi e asiutti.<br>Non è facile andare completamente a mais, ma con questo tipo di caldaia (brucia oltre 900°) non trovo dei problemi, non ha neppure la cassetta della cenere, basta togliere ogni giorno una pallina di klinker nel crogiolo a caldaia accesa senza fuoriuscita di fumo e in 1 minuto&#33;<br>Logicamente brucia tutte le altre biomasse molto più semplici nella combustione.<br>Di preciso in che parte della provincia sei?<br>Ciao,<br>boooxer

france67
15-02-2007, 09:40
buongiorno a tutti<br> sarei interessato ad acquistare una caldaia a biomasse,ma volevo informazioni riguardo le agevolazioni fiscali. è vero che posso detrarre il 55&#37; ai fine Irpef in 3 anni? e L&#39;Iva può essere agevolata??<br>grazie per l&#39;aiuto<br>

dotting
15-02-2007, 10:40
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (france67 @ 15/2/2007, 09:40)</div><div id="quote" align="left">buongiorno a tutti<br> sarei interessato ad acquistare una caldaia a biomasse,ma volevo informazioni riguardo le agevolazioni fiscali. è vero che posso detrarre il 55&#37; ai fine Irpef in 3 anni? e L&#39;Iva può essere agevolata??<br>grazie per l&#39;aiuto</div></div><br>Il comma 347 della Finanziaria 2007 prevede la detrazione per la sostituzione, ripeto sostituzione stanno sbagliando in molti non nuova installazione, di un &quot;impianto di climatizzazione invernale&quot; (non è detto che sia una caldaia potrebbero essere delle PDC aria-aria ad esempio) con un &quot;impianto dotato di caldaia a condensazione&quot;.<br>Non impone il tipo di combustibile.<br>Che io sappia l&#39;unica caldaia a condensazione a biomassa è questa:<br><br><a href="http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5364668" target="_blank">http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5364668</a><br><br>Spero che qualcuno possa smentirmi ed aggiungere.<br>Un saluto

sergio.quarenghi
15-02-2007, 13:04
Bravo dotting.<br><br>Sei sempre avanti ....

france67
15-02-2007, 19:46
scusami dotting cosa vuoi dire ???<br>che non ho diritto a nessuna agevolazione??

dotting
15-02-2007, 20:05
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (france67 @ 15/2/2007, 19:46)</div><div id="quote" align="left">scusami dotting cosa vuoi dire ???<br>che non ho diritto a nessuna agevolazione??</div></div><br>Se è una nuova installazione, come mi sembra di capire, no.

france67
15-02-2007, 21:53
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 15/2/2007, 20:05)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (france67 @ 15/2/2007, 19:46)</div><div id="quote" align="left">scusami dotting cosa vuoi dire ???<br>che non ho diritto a nessuna agevolazione??</div></div><br>Se è una nuova installazione, come mi sembra di capire, no.</div></div><br>forse mi sono spiegato male....dovrei sostituire la mia caldaia a gas con quella a biomasse,e vorrei sapere la procedura per le agevolazioni,<br>grazie.

calciocaramela
16-02-2007, 01:14
ciao boooxer,è un piacere trovare ferraresi,esattamente sono di Tresigallo.anch&#39;io dispongo di una casa di circa 150mq suddivisa su 2 piani;primo piano con 23 gradi.2 piano con 19 gradi.il consumo medio è circa20 kg di pelletts agrifireal giorno .con temperatura -3 sono arrivato a circa 30kg.ho provato il mais con 30&#37; di pellett legno con ottimi risultati.per motivi di stoccaggio e comodit&agrave; preferisco l&#39;agrifire.comprandolo in estate siamo circa allo stesso prezzo del mais.SE non hai problemi di stoccaggio prova i gusci di pesca o prugne, costano meno .ciao boooxer,tu invece di dove sei?

dotting
16-02-2007, 07:55
x France67<br>Ti ripeto quello che ho gi&agrave; scritto, adattandolo al tuo caso:<br>Il comma 347 della Finanziaria 2007 prevede la detrazione per la sostituzione della caldaia con una a condensazione.<br>Non impone il tipo di combustibile, quindi puoi usare anche biomasse.<br>Però che io sappia l&#39;unica caldaia a condensazione a biomassa è questa:<br><br><a href="http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5364668" target="_blank">http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5364668</a><br><br>Ed avevo scritto: spero che qualcuno possa smentirmi ed aggiungere.<br>Purtroppo non mi ha smentito ancora nessuno.<br>Ti faccio presente che nel sito dove viene presentata la caldaia, il costruttore afferma che DEVE essere accoppiata ad un impianto di distribuzione del calore a pannelli radianti.<br>Ergo, se non hai questa tipologia d&#39;impianto, lascia perdere.<br><br>Se vuoi un consiglio spassionato, per le biomasse io prenderei in considerazione:<br>una termostufa da 1000 euro a legna;<br>un termocamino da 1600 euro a legna;<br>una idrostufa a pellets, anche onnivora, da 4000;<br>una caldaia onnivora Tatano, con possibilit&agrave; di bruciatore ad olio vegetale, i costi li trovi in questa discussione.<br>Per queste soluzioni non mi risulta ci siano sovvenzioni, almeno non nella Finanziaria.<br>Un saluto<br>

calciocaramela
16-02-2007, 11:21
x dottinq<br>Ho una caldaia a gas nuova da collaudare e una caldaia kalorina2202 installata con bollitore sullo stesso impianto di riscaldamento.i tecnici della caldaia a gas si rifiutano di effettuarmi il collaudo perchè manca lo scambiatore di calore.Altri tecnici e idraulici mi hanno detto che lo scambiatore non serve ma sono sufficenti delle valvole elettriche da mettere nella mandata e ritorno della caldaia a gas.HO richiamato i tecnici e la casa madre(immergas)ma hanno confermato che le valvole potrebbero far trafilare acqua troppo calda danneggiando la caldaia a gas.TU cosa ne pensi?ciao

dotting
16-02-2007, 11:38
Devi mettere lo scambiatore.<br>In questa discussione si sta dibattendo del problema:<br><a href="http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5519828&amp;view=getlastpost#lastpost" target="_blank">http://energierinnovabili.forumcommunity.n...stpost#lastp ost</a><br><br>Prova a chiedere a GiorgioDemurtas se ti può dare un aiuto, personalmente non ho sottomano i costi.<br>saluti<br>

tekneri
16-02-2007, 20:53
<a href="http://www.lavorincasa.it/helpcasa/viewtopic.php?t=10914&amp;postdays=0&amp;postorder=asc&amp;sta rt=0" target="_blank">http://www.lavorincasa.it/helpcasa/viewtop...der=asc&start=0</a><br><br>qui c&#39;è una discussione interssante in merito (edanche altre all&#39;interno dello stesso forum), che vi consiglio di leggere.<br>Io, che sto montando un termocamino policombustibile, creo la commutazione elettricamente, con un relè: se pompa impianto TC on, allora riscaldamento caldaia istantanea off.<br>Quando parte la pompa del termocamino, automaticamente stacca la funzione riscaldamento della caldaia.<br>Particolare importante: sia il termocamino sia la caldaia (Cosmogas) funzionano su un circuito a vaso aperto.<br>Ho montato nell&#39;impianto del TC anche una pompa piccola (grundfos 25-50) su un bypass del TC con la funzione di anticondensa nella fase di mantenimento TC (on 55° stop 70 o stop quando parte la pompa impianto TC p.ta 25-55).<br> La Cosmogas consente addirittura di montare il TC e la caldia in serie (idelae per TC alimentati sola legna privi di caricamento automatico): io non ho optato per questa soluzione, anche se molto interessante, perchè il TC ha anche la fase del mantenimento, in quanto a caricamento automatico (avrei dovuto configurare i cablaggi per una valvola deviatrice a tre vie con sfera a T per tre direzioni, fine corsa con micro, che comandasse anche la pompa della caldaia istantanea&#33;)<br> Costa meno la caldaia Cosmogas nuova che l&#39;insieme di scambiatore+ 2 pompe+ gruppo di carico+ disaeratori+valvola di scarico termico+ valvola di sovrapressione+...<br> Se riesco, giovedì metto in moto il tutto, poi vi racconterò.<br>Se non avrete notizie, cercatele venerdì mattina sulla cronaca nera del Resto del Carlino BO :-)<br><br>

tekneri
17-02-2007, 09:02
TC policombustibile in costruzione<br><br><center><b>Attached Image</b></center><br><table class="fancyborder" style="width:50%" align="center" cellpadding="4" cellspacing="0"><tr><td align="center"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b6a260a0a3494074b20b7a6ec093c7e6.jpg" alt="Attached Image"></table><p>

dotting
17-02-2007, 09:26
senza parole, complimenti&#33;<br>Ho gi&agrave; scaricato l&#39;immagine.<br>Ma il Resto del Carlino non ne ha ancora parlato&#33;&#33;<br>Come mai, qualche ritardo per la prima accensione, o il botto è dopo la quinta.

tekneri
17-02-2007, 11:32
:-) giovedì 22...<br><br>vaso aperto per entrambi gli impianti<br><br><center><b>Attached Image</b></center><br><table class="fancyborder" style="width:50%" align="center" cellpadding="4" cellspacing="0"><tr><td align="center"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a9e3512cb2abb44b3fdc354b247a02c1.jpg" alt="Attached Image"></table><p>

lo gneppo
17-02-2007, 15:39
Scusate ma vi volevo chidere una cosa da profano.<br>Vorrei cambiare la mia caldaia a gas con una caldaia onnivora, pensavo una tatano, mi e stato però detto che la coclea Tatano se la fai girare con materiali &quot;Morbidi&quot; non so se si dica cosi, come segatura o erba ovviamente secchi dopo un pò si impasta e si blocca.<br>Voi mi sapete dire qualcosa di più?

tekneri
17-02-2007, 15:58
più che &quot;morbidi&quot;, il problema sono se i materiali sono umidi o filamentosi.<br><br>Bruciano vegetali triti essiccati di granulometria non superiore al centimetro.<br>Aprendo lo sportello, e caricando manualmente, anche pezzi di legna<br>(operazione da fare con cautela dopo aver acquisito una basilare conoscenza del fabbisogno termico dell&#39;impianto ove è installata).<br><br>Per la segatura ed il cippato è previsto un caricatore/alimntatore dedicato di forma cilindrica.<br><br>Ti allego la foto della kalorina con caricatore per cippato e truccioli.<br><br>ciao<br><br><center><b>Attached Image</b></center><br><table class="fancyborder" style="width:50%" align="center" cellpadding="4" cellspacing="0"><tr><td align="center"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a2d398fea79e788da102eab8c7367992.jpg" alt="Attached Image"></table><p>

tekneri
17-02-2007, 16:15
x Dotting:<br>guarda lo schema proposto dal costruttore della Cosmogas, cosa ne pensi?<br>per i TC sola legna mi sebra l&#39;asso di briscola.<br><br>La pompa P della caldaia Cosmogas è comandata da un termostato: se durante la fase di anticondensa/mantenimento del termocamino il calore facesse scattare il termostato di avvio della CT istantanea, la pompa della caldaia partirebbe sul circuito chiuso, danneggiandosi.<br>Paragonando _valvola deviatrice tre vie sfera a T per tre direzioni con micro fine corsa+ una pompa + cablaggi tipo Shuttle Columbia_ VS _ 2 pompe + relè monostatico + cablaggi umani , ho optato per la seconda soluziuone.<br><br>Ciao Dotting<br><br><br><center><b>Attached Image</b></center><br><table class="fancyborder" style="width:50%" align="center" cellpadding="4" cellspacing="0"><tr><td align="center"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b7ceb354963d58722b68113653dd8dda.jpg" alt="Attached Image"></table><p>

lo gneppo
17-02-2007, 18:33
Grazie per l&#39;info.Quindi e possibile davvero bruciare tutto compresa erba...<br>Grazie, grazie<br>

Willj
21-02-2007, 17:01
stiamo lanciando una nuova linea di caldaie a mais, cippato e biomasse in genere.<br>se siete interessati non esitae a contattarci.<br><br>Saluti

france67
22-02-2007, 16:40
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Willj @ 21/2/2007, 17:01)</div><div id="quote" align="left">stiamo lanciando una nuova linea di caldaie a mais, cippato e biomasse in genere.<br>se siete interessati non esitae a contattarci.<br><br>Saluti</div></div><br>sono molto interessato&#33;&#33;&#33;<br>cosa vuoi dire, lanciare una nuova linea??<br>i vantaggi quali sono???<br>

Willj
22-02-2007, 16:48
Significa che alla fiera di verona dal 19 al 21 aprile presenteremo la nuova caldaia a mais.<br>La differenza dalle altre a mio avviso è... che funziona&#33;<br>Ho testato molte caldaie e ho contattato numerosi produttori ma mi sono reso conto che ad oggi le caldaie che sono in commercio sono dei &quot;derivati&quot; dalle caldaie a pellets.<br>Abbiamo così creato una caldaia a mais che però permette anche un funzionamento policombustibile.<br>ad oggi dopo 1 anno di test e modifiche (dovute) la caldaia funziona a meraviglia.<br>Anche il prezzo è interessante e le problematiche di utilizzo sono state praticamente tutte risolte: praticamente basta caricare il mais e (ogni tanto) il pellet per l&#39;accensione automatica.<br>Il rendimento è ottimo e grazie alla modularit&agrave; del carico anche il consumo è notevolmente diminuito.<br>A disposizione per eventuali chiarimenti.<br><br>iao e grazie del tuo interesse.<br><br>Willj

caiusbe
26-02-2007, 12:54
salve, sono nuovo del forum. Dovrei riscaldare la mia casa indipendente, antica e fredda con una caldaia a pellets/granturco o simili: su che cifra si aggira il costo di questi apparecchi? la superficie è di circa 140 mq.<br>Inoltre vorrei attrezzarmi con un generatore diesel per non dipendere totalmente da sceicchi, shell, putin e compagnia bella, e pensavo di utilizzare olio di colza o simili. Avete consigli?<br>Grazie.

sssuper
26-02-2007, 13:09
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Willj @ 21/2/2007, 17:01)</div><div id="quote" align="left">stiamo lanciando una nuova linea di caldaie a mais, cippato e biomasse in genere.<br>se siete interessati non esitae a contattarci.<br><br>Saluti</div></div><br>Ciao&#33; Per quanto riguarda le emissioni di polveri sottili? le caldaie a biomasse non ne producono di più?<br>Qualcuno ha dati precisi?<br>grazie

dotting
26-02-2007, 17:04
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (caiusbe @ 26/2/2007, 12:54)</div><div id="quote" align="left">salve, sono nuovo del forum. Dovrei riscaldare la mia casa indipendente, antica e fredda con una caldaia a pellets/granturco o simili: su che cifra si aggira il costo di questi apparecchi? la superficie è di circa 140 mq.<br>Inoltre vorrei attrezzarmi con un generatore diesel per non dipendere totalmente da sceicchi, shell, putin e compagnia bella, e pensavo di utilizzare olio di colza o simili. Avete consigli?<br>Grazie.</div></div><br>GE ad olio di colza deve partire sempre a gasolio.<br>Puoi predisporre la partenza con il serbatoio incorporato e poi commutare dopo 15 minuti ad olio di colza, che devi preriscaldare con un riscaldatore fumi/olio.<br>A questo punto potresti usare anche la caldaia Tatano, di cui si discute in questo post, ad olio vegetale puro, hanno fatto la modifica di recente.<br>Per i prezzi io personalmente sto aspettando il preventivo dal concessionario di zona, ma potresti chiedere più velocemente nella tua.<br>Un saluto

tekneri
26-02-2007, 21:56
termocamino ad alimentazione automatica + caldaia Cosmogas in parallelo (va bene anche in serie)<br>entrambi a vaso aperto (con pressione inferiore a 0,1&#33;)<br><br>funzionano a meraviglia&#33;<br><br><center><b>Attached Image</b></center><br><table class="fancyborder" style="width:50%" align="center" cellpadding="4" cellspacing="0"><tr><td align="center"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/bf950cbd40e6d67a13be28848b05c3df.jpg" alt="Attached Image"></table><p>

tekneri
26-02-2007, 22:59
x Caiusbe:<br><br>per adesso le offerte di Putin &amp; c. sono ancora le più concorrenziali.<br>Ma il futuro è carico di incognite...<br>Con un pò di pazienza, se ti leggi anche solo questo argomento trovi le foto ed i prezzi delle caldaie alimentate a miscele di vegetali secchi triti.<br>E&#39; presente sul forum anche la discussione dedicata all&#39;olio vegetale.<br><br>la caldaia che fa al caso tuo costa circa 3.900 €, costo al quale devi sommare tutto ciò che la segue: gruppo pompe, eventuale accumulatore termico, distribuzione riscaldamento ed acqua calda sanitaria, canna fumaria, cablaggi, eventuali opere murarie, ecc...<br>Di dove sei?<br>Più dettagli ci dai, più possiamo essere precisi sulla dritta da darti.<br><br>ciao<br><br>massimo<br><br>

caiusbe
27-02-2007, 09:59
Io sono di Torino. Se hai dritte da darmi sono le benvenute. Grazie.

tekneri
27-02-2007, 20:22
x Caiusbe<br><br>dunque...da dove cominciamo? Qualche quesito:<br>1. casa nuova o esistente? se esistente di che epoca? consumo annuo (circa)?<br>2. di che tipo è l&#39;impianto di riscaldamento esistente? (termosifoni, pavimewnto, ventilconvettori...)<br>3. hai un locale caldaia?<br>4. vuoi fare una scelta radicale oppure intermedia (solo caldaia policombustibile, oppure caldaia policombustibile+caldaia a gas, oppure termocamino+caldaia a gas, ecc...)<br><br>poi mano in mano che mi viene in mente qualcosa te lo chiedo...<br><br>x gli amministratori del forum: qualora l&#39;intervento fosse inopportuno chiedo scusa e rispondo in pvt.<br><br>ciao<br><br>

maxleone
05-03-2007, 19:10
Salve a tutti,<br><br>approfitto di questo forum ricco di utilizzatori di caldaie tatano per chiedervi un consiglio.<br><br>Ho un piccolo problema che però in questo periodo comincia ad essere noioso.<br>Possiedo una Kalorina 2204, alimentata a nocciolino, e fin qui tutto bene.<br>Abito in una villetta di due piani e ho fatto quindi installare due pompe esterne separate per gestire i due piani, con relativi termostati ambiente che agiscono sull&#39;alimentazione delle pompe.<br>La Kalorina ha internamente una sua pompa, non sufficiente però a pompare l&#39;acqua in tutta la casa.<br>Il problema è che non so come disattivarla; fino ad ora ho ovviato aumentando al massimo il valore di attivazione della pompa interna (80 gradi) ed è andato abbastanza bene. Ora con la primavera alle porte, gli 80 gradi vengono raggiunti abbastanza facilmente, con il problema che mi trovo la casa e soprattutto la camera da letto troppo calda di notte.<br>Potrei risolvere con una valvola termostatica montata sul termosifone, ma preferirei una soluzione definitiva.<br><br>Grazie.<br>max

tekneri
05-03-2007, 19:23
se la pompa interna è quella con funzione di anticondensa, deve partire a 55° e cicolare sempre, e fermarsi solamente quando la temperatura scende sotto i 55°.<br><br>ciao<br><br>massimo

maface
06-03-2007, 12:55
Per maxleone io ho la stessa tua caldaia e vado con lo stesso combustibile il quale va benissimo e non ho nessun problema oltre a quello minimo della periodica pulizia .<br><br>Per quanto riguarda il problema della pompa peso e sono sicuro che ti sbagli dato che la caldaia non ha nessuna pompa interna .<br>cordiali saluti maface

calciocaramela
06-03-2007, 16:40
per maxleone,<br>io ho una kalorina 2202 con una casa su 2 piani,ma ho solamente una pompa esterna per il ricircolo d&#39;acqua dell&#39;impianto di riscaldamento e una per l&#39;acqua sanitaria.maface ha ragione ha dirti che la kalorina non ha pompa interna.ma solamente il termostato.a mio parere devi chiedere al tecnico che ti ha installato la caldaia,il problema è nell&#39;impianto.ciao

tekneri
06-03-2007, 16:52
calciocaramela, quand&#39;è che vieni a prendere la sansa?<br><br>ciao<br><br>massimo

06-03-2007, 21:48
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (maxleone @ 5/3/2007, 19:10)</div><div id="quote" align="left">Salve a tutti,<br><br>approfitto di questo forum ricco di utilizzatori di caldaie tatano per chiedervi un consiglio.<br><br>Ho un piccolo problema che però in questo periodo comincia ad essere noioso.<br>Possiedo una Kalorina 2204, alimentata a nocciolino, e fin qui tutto bene.<br>Abito in una villetta di due piani e ho fatto quindi installare due pompe esterne separate per gestire i due piani, con relativi termostati ambiente che agiscono sull&#39;alimentazione delle pompe.<br>La Kalorina ha internamente una sua pompa, non sufficiente però a pompare l&#39;acqua in tutta la casa.<br>Il problema è che non so come disattivarla; fino ad ora ho ovviato aumentando al massimo il valore di attivazione della pompa interna (80 gradi) ed è andato abbastanza bene. Ora con la primavera alle porte, gli 80 gradi vengono raggiunti abbastanza facilmente, con il problema che mi trovo la casa e soprattutto la camera da letto troppo calda di notte.<br>Potrei risolvere con una valvola termostatica montata sul termosifone, ma preferirei una soluzione definitiva.<br><br>Grazie.<br>max</div></div><br>xmaxleone,<br> 1) anchio possiedo una caldaia tatano e ti assicuro che all&#39;interno della suddetta non vi è alcuna pompa di circolo,<br> 2) la tua caldaia è a gestione alettronica ho elettromeccanica?<br> 3) sull&#39;impianto ai installato le valvole di non ritorno ( europa )?<br>

calciocaramela
06-03-2007, 23:23
ciao tekneri,<br>purtroppo per motivi di lavoro (turni giornalieri)non riesco a venire.forse la prossima settimana ci sentiamo per accordarci cosi provo anche la sansa prima che faccia troppo caldo.

maxleone
07-03-2007, 10:45
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (expert65 @ 6/3/2007, 21:48)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (maxleone @ 5/3/2007, 19:10)</div><div id="quote" align="left">Salve a tutti,<br><br>approfitto di questo forum ricco di utilizzatori di caldaie tatano per chiedervi un consiglio.<br><br>Ho un piccolo problema che però in questo periodo comincia ad essere noioso.<br>Possiedo una Kalorina 2204, alimentata a nocciolino, e fin qui tutto bene.<br>Abito in una villetta di due piani e ho fatto quindi installare due pompe esterne separate per gestire i due piani, con relativi termostati ambiente che agiscono sull&#39;alimentazione delle pompe.<br>La Kalorina ha internamente una sua pompa, non sufficiente però a pompare l&#39;acqua in tutta la casa.<br>Il problema è che non so come disattivarla; fino ad ora ho ovviato aumentando al massimo il valore di attivazione della pompa interna (80 gradi) ed è andato abbastanza bene. Ora con la primavera alle porte, gli 80 gradi vengono raggiunti abbastanza facilmente, con il problema che mi trovo la casa e soprattutto la camera da letto troppo calda di notte.<br>Potrei risolvere con una valvola termostatica montata sul termosifone, ma preferirei una soluzione definitiva.<br><br>Grazie.<br>max</div></div><br>xmaxleone,<br> 1) anchio possiedo una caldaia tatano e ti assicuro che all&#39;interno della suddetta non vi è alcuna pompa di circolo,<br> 2) la tua caldaia è a gestione alettronica ho elettromeccanica?<br> 3) sull&#39;impianto ai installato le valvole di non ritorno ( europa )?</div></div><br>Rieccomi.<br>Grazie a tutti per le risposte.<br><br>In effetti nella mia ignoranza, notando il parametro TH-POMPA nel menu utente e trovandomi alcuni termosifoni caldi al primo piano col le pompe sicuramente spente ho pensato ci fosse una pompa interna.<br><br>Parlando con l&#39;installatore è venuto fuori che probabilmente con la caldaia in automantenimento l&#39;acqua calda comunque per induzione si muova verso l&#39;alto, e quindi verso il piano più alto.<br><br>A questo punto le soluzioni credo che possano essere, correggetemi se sbaglio, o le valvole termostatiche sui termosifoni (almeno su quello della camera da letto per evitare di svegliarmi boccheggiando) oppure delle valvole motorizzate sull&#39;impianto che chiudono il circuito.<br><br>max

dotting
07-03-2007, 16:43
Scusa la soluzione ottimale sotto tutti i punti di vista l&#39;hai individuata con precisione:<br>valvole termostatiche in tutti i termosifoni.<br>saluti

giannic
07-03-2007, 18:35
Allora, rispondo per france67, dotting ed altri interessati<br>Il comma 387 della legge finanziari per il 2007 cita: &quot;Sono state prorogate al 31 dicembre del 2007 le agevolazioni fiscali per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, a suo tempo previste dall’articolo 1 della legge n. 449 del 1997, e via via prorogate con successive disposizioni normative.&quot; Per cui, così come citato dall’art. 1 della L. 27 dicembre 1997, n. 449……….. al conseguimento di risparmi energetici con particolare riguardo all’istallazione di impianti basati sull’impiego delle fonti rinnovabili di energia.<br>Così come stabilito nella l. 9/1/1991 n. 10 e DPR 26/8/1993 n. 412 e nel Decreto del Ministro dell’Industria e dell’artigianato del 15 febbraio 1992: “generatori di calore che utilizzano come fonte d’energia prodotti di trasformazione di rifiuti organici ed inorganici o prodotti vegetali a condizione che, in condizioni di regime, presentino un rendimento, misurato con metodo diretto non inferiore del 70&#37;. Vedasi Gazzetta Ufficiale n. 107 del 09.05.1992<br>Le suddette opere sono ammesse al beneficio della detrazione, indipendentemente dalla corrispondenza alle categorie di cui all’art. 3 del Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, approvato con D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 ( precedentemente individuati dall’art. 31 lettere a, b,c e d, della L. 5 agosto 1978, nr. 457)<br>

dotting
07-03-2007, 19:48
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (giannic @ 7/3/2007, 18:35)</div><div id="quote" align="left">Allora, rispondo per france67, dotting ed altri interessati<br>Il comma 387 della legge finanziari per il 2007 cita: &quot;Sono state prorogate al 31 dicembre del 2007 le agevolazioni fiscali per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, a suo tempo previste dall’articolo 1 della legge n. 449 del 1997, e via via prorogate con successive disposizioni normative.&quot; Per cui, così come citato dall’art. 1 della L. 27 dicembre 1997, n. 449……….. al conseguimento di risparmi energetici con particolare riguardo all’istallazione di impianti basati sull’impiego delle fonti rinnovabili di energia.</div></div><br>Si, hai ragione siccome si parlava di detrazioni in tre anni al 55&#37; io ho escluso questa possibilit&agrave;.<br>Senza citare la detrazione del 36&#37; in dieci anni che è stata prorogata in Finanziaria 2007, nel 2006 era arrivata al 41&#37;, per tutta una serie di interventi compresi impianti che utilizzano fonti rinnovabili e che è stata utilizzata sopratutto per l&#39;acquisto di pompe di calore.<br>Hai fatto bene a ricordarlo.

france67
07-03-2007, 21:51
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 7/3/2007, 19:48)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (giannic @ 7/3/2007, 18:35)</div><div id="quote" align="left">Allora, rispondo per france67, dotting ed altri interessati<br>Il comma 387 della legge finanziari per il 2007 cita: &quot;Sono state prorogate al 31 dicembre del 2007 le agevolazioni fiscali per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, a suo tempo previste dall’articolo 1 della legge n. 449 del 1997, e via via prorogate con successive disposizioni normative.&quot; Per cui, così come citato dall’art. 1 della L. 27 dicembre 1997, n. 449……….. al conseguimento di risparmi energetici con particolare riguardo all’istallazione di impianti basati sull’impiego delle fonti rinnovabili di energia.</div></div><br>Si, hai ragione siccome si parlava di detrazioni in tre anni al 55&#37; io ho escluso questa possibilit&agrave;.<br>Senza citare la detrazione del 36&#37; in dieci anni che è stata prorogata in Finanziaria 2007, nel 2006 era arrivata al 41&#37;, per tutta una serie di interventi compresi impianti che utilizzano fonti rinnovabili e che è stata utilizzata sopratutto per l&#39;acquisto di pompe di calore.<br>Hai fatto bene a ricordarlo.</div></div><br>ti ringrazio per questa piacevole....... informazione &#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br>mi accontento anche di un 36&#37; ,meglio di niente...... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5147d9b4fee1fa1cfc98ac05706d9018.gif" alt=":rolleyes:"><br><br><br>

calciocaramela
08-03-2007, 10:26
per MAX<br>ma il termostato ambiente funziona?pure io ho una casa su 2 piani con rispettivi termostati,arrivati alle temperature impostate fanno scattare la valvola che chiude il passaggio dell&#39;acqua.ciao

maxleone
08-03-2007, 11:04
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (calciocaramela @ 8/3/2007, 10:26)</div><div id="quote" align="left">per MAX<br>ma il termostato ambiente funziona?pure io ho una casa su 2 piani con rispettivi termostati,arrivati alle temperature impostate fanno scattare la valvola che chiude il passaggio dell&#39;acqua.ciao</div></div><br>Si il termostato ambiente funziona, ma agisce sull&#39;alimentazione delle pompe e non sulle valvole.<br>Infatti per valvole motorizzate intendevo proprio una soluzione come la tua.<br>Grazie.<br>ciao

calciocaramela
08-03-2007, 15:41
per MAX<br><br> se hai la possibilit&agrave; installa 2 pompe motorizzate,sicuramente costano meno di tutte le valvole termostatiche .il nocciolino che bruci ha un buon potere calorico?quanto costa al ql?HAI provato la sansa?scusa per tutte queste domande ,stò cercando materiali da provare .ciao

maxleone
08-03-2007, 17:06
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (calciocaramela @ 8/3/2007, 15:41)</div><div id="quote" align="left">per MAX<br><br> se hai la possibilit&agrave; installa 2 pompe motorizzate,sicuramente costano meno di tutte le valvole termostatiche .il nocciolino che bruci ha un buon potere calorico?quanto costa al ql?HAI provato la sansa?scusa per tutte queste domande ,stò cercando materiali da provare .ciao</div></div><br>Grazie, valuterò la spesa e deciderò <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/822d7a304d0bc350fae3de390a8389fd.gif" alt=";)"><br><br>Il potere calorico del nocciolino che uso mi sembra sia intorno ai 5,2 kWh/kg, quando arrivo a casa controllo sull&#39;etichetta.<br>L&#39;anno scorso l&#39;ho pagato €0.20/kg consegnato, quest&#39;anno credo sia €0.21 , ma credo si trovi anche a meno.<br>Per scaldare a 20 gradi circa 200mq su due livelli mattina e sera (circa 8 ore al giorno) i picchi di consumo sono stati pari a 60kg/giorno nei giorni +freddi (intorno agli 0 gradi), 20/25kg/giorno in questo periodo (7/17 gradi).<br><br>Non ho provato altri combustibili, questo in corso è il primo inverno con la kalorina.<br><br>ciao<br>max<br><br>

giannic
08-03-2007, 17:38
maxleone, mi pare che il nocciolino che hai acquistato sia un po caro? Per caso è lavato ed in sacchi? Io sfuso lo pago 14E/q.le. Ciao<br>

maxleone
08-03-2007, 17:43
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (giannic @ 8/3/2007, 17:38)</div><div id="quote" align="left">maxleone, mi pare che il nocciolino che hai acquistato sia un po caro? Per caso è lavato ed in sacchi? Io sfuso lo pago 14E/q.le. Ciao</div></div><br>Si lo so che è caro...<br>Non so bene se è lavato, so che è despolverato e pulito, molto chiaro, poco odore, in sacchi da 20kg.<br>Sfuso lo avevo trovato presso una azienda toscana, però non saprei proprio dove stivarlo.<br><br>Lo avevo trovato anche a 11 euro al quintale in sacchi, senza consegna, ma hanno pochissima disponibilit&agrave;.<br><br>

france67
09-03-2007, 10:46
per giannic<br><br>scusami,ma visto che sembri preparato,ne approfitto&#33;&#33;<br>se acquisto una caldaia a biomassa posso chiedere l&#39;Iva al 10&#37; e detrazione fiscale del 36&#37; ai fini Irpef ??<br>da chiarire che l&#39;installazione provveder&agrave; il mio termoidraulico e non chi mi vende la caldaia<br><br>grazie

giannic
09-03-2007, 11:17
Bhe, questo è un altro problema. Io non ho trovato nulla che direttamente indichi iva del 10&#37; per caldaie a biomassa. Comunque credo che per analogia, si possa apliccare l&#39;IVA al 10&#37; così come indicato nella Tab. A parte III, allegata al D.P.R. 26 Ottobre 1972, n. 633, ai commi 127-quinquies e 127-sexies . Spero che qualcuno su questo forum possa esserti di maggior aiuto.<br>Ciao<br><br><br>...per la detrazione del 36&#37;, questa spetta certamente. Lìunico problema è stabilire se si applica lìIVA al 10 o al 20&#37;. saluti

dotting
09-03-2007, 11:43
Attenzione che per la detrazione del 36&#37; il rendimento della caldaia/stufa/termocamino deve essere superiore al 70&#37;.<br>Così a memoria, appena trovo il riferimento lo indico, se qualcuno lo ha sotto mano.<br>Per l&#39;IVA al 10&#37; ho messo la documentazione qui:<br><a href="http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5751773" target="_blank">http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5751773</a><br><br><span class="edit">Edited by dotting - 9/3/2007, 11:47</span>

giannic
09-03-2007, 11:46
si, lo so. L&#39;ho indicato gi&agrave; sulla mia precedente risposta riguardo la detrazione fiscale e le fonti normative che disciplinano la materia. ciao

dotting
09-03-2007, 11:51
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (giannic @ 9/3/2007, 11:46)</div><div id="quote" align="left">si, lo so. L&#39;ho indicato gi&agrave; sulla mia precedente risposta riguardo la detrazione fiscale e le fonti normative che disciplinano la materia. ciao</div></div><br>Hai ragione scusa.<br>Comunque il documento dell&#39;ENEA è abbastanza completo, una cosa che sfugge per esempio è la detrazione per il solare fotovoltaico e per la cogenerazione.

conahar
10-03-2007, 00:17
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (giannic @ 9/3/2007, 11:17)</div><div id="quote" align="left">...per la detrazione del 36&#37;, questa spetta certamente. Lìunico problema è stabilire se si applica lìIVA al 10 o al 20&#37;. saluti</div></div><br>La modifica introdotta l&#39;anno scorso dal decreto Bersani sulla normativa che regolamente le agevolazioni fiscali per le cosiddette &quot;ristrutturazioni&quot;, prevede che l&#39;IVA al 10&#37; sia applicabile su tutte le fatture emesse dopo il 1° ottobre 2006 in quanto da quella data la detrazione fiscale è scesa al 36&#37;, ma solo a condizione che nella fattura le voci &quot;materiali&quot; e &quot;manodopera&quot; siano indicate in modo separato ( dovrebbe servire, secondo il Governo, per limitare l&#39;evasione fiscale degli installatori per quanto riguarda la manodopera ).<br>Se la fattura indica genericamente &quot;fornitura e posa in opera&quot; l&#39;IVA passa al 20&#37;<br>Fino al 30/9/2006 c&#39;era solo ed unicamente l&#39;IVA al 20&#37; ( perchè la CEE per un certo periodo aveva vietato le agevolazioni fiscali sull&#39;IVA, ma in quel periodo la detrazione fiscale era del 41&#37; ) indipendentemente da come era compilata la fattura.<br>Ciao e a presto <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/089dd2d73347cf30049e794bbfb15a4b.gif" alt=":)"> &#33;

giannic
13-03-2007, 16:37
Come ho gi&agrave; scritto precedentemente.......Le suddette opere sono ammesse al beneficio della detrazione, indipendentemente dalla corrispondenza alle categorie di cui all’art. 3 del Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, approvato con D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 ( precedentemente individuati dall’art. 31 lettere a, b,c e d, della L. 5 agosto 1978, nr. 457). Si tratta di capire se anche per il solo acquisto della caldaia, quindi senza indicare la manodopera, l&#39;IVA da applicare sia del 10&#37;. L&#39;altra soluzione potrebbe essere di far acquistare caldaia direttamente dall&#39;installatore. Sucessivamente lo stesso, provveder&agrave; all&#39;installazione e, quindi, potr&agrave; fatturare separatamente caldaia e manodopera. Credo, però, che con questo sistema l&#39;acquirente spender&agrave; di più. Sarebbe forse meglio rinunciare all&#39;iva al 10&#37;, perchè con il ricarico che far&agrave; lìinstallatore sulla caldaia, si superer&agrave; certamente la diferenza di prezzo tra iva al 10 ed iva al 20&#37;.<br><br><br>

calciocaramela
13-03-2007, 22:15
Io ho acquistato la kalorina2202 con accumulo per l&#39;acqua sanitaria,e fatto eseguire installazione dal rivenditore.nella fattura avevo alcune cose l&#39;iva al 10&#37; e altre al 20&#37;.se volete successivamente potrò darvi in maniera specifica cosa ho al 10&#37; e al 20&#37;.Ho avuto la riduzione del 36&#37; sulla spesa complessiva.<br><br>Dovrei provare a bruciare la sansa,vorrei un parere sul prodotto e i parametri per far funzionare e rendere al meglio la caldaia,grazie

france67
13-03-2007, 22:39
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (calciocaramela @ 13/3/2007, 22:15)</div><div id="quote" align="left">Io ho acquistato la kalorina2202 con accumulo per l&#39;acqua sanitaria,e fatto eseguire installazione dal rivenditore.nella fattura avevo alcune cose l&#39;iva al 10&#37; e altre al 20&#37;.se volete successivamente potrò darvi in maniera specifica cosa ho al 10&#37; e al 20&#37;.Ho avuto la riduzione del 36&#37; sulla spesa complessiva.<br><br>Dovrei provare a bruciare la sansa,vorrei un parere sul prodotto e i parametri per far funzionare e rendere al meglio la caldaia,grazie</div></div><br>puoi essere più specifico riguardo all&#39;IVA ???<br>cosa hai al 10&#37; e al 20&#37;?<br><br>grazie

calciocaramela
14-03-2007, 01:20
installazione idraulica 10&#37;,caldaia 20&#37;,boiler piu caldaia al 10&#37;,in sintesi l&#39;importo complessivo è stato suddiviso circa in tre parti uguali di cui due al 10&#37;,il perchè sono state fatte queste divisioni non ti sò rispondere.ciao

giannic
14-03-2007, 09:36
calcio, ma in quale periodo hai fatto i lavori. Rientravi nella finanziaria per l&#39;anno 2006 o in questa del 2007? Ma ora non stai bruciando nocciolino d&#39;oliva? Perchè vuoi passare alla sansa? La sansa sporca di più e fa più fumo. Ciao

calciocaramela
14-03-2007, 15:06
Ho fatto il contratto a fine ottobre 2006, l&#39;installazzione inizio dicembre .rientro nella finanziaria 2006.non ho mai bruciato nocciolino d&#39;oliva,mi piacerebbe provare pure lui.io brucio del pellett di cereali(40&#37;legno,60&#37;mais)ha un ottimo potere calorico e un costo a mio parere buono .ho provato gusci di nocciole,legna di montagna,ora provo la sansa per poter valutare il materiale migliore come rendimento calorico,e specialmente il prezzo.ho provato anche il mais mescolato con 20&#37; pellett legno.mi manca solo il nocciolino da provare.io sono di ferrara,e tu? ciao

giannic
20-03-2007, 09:48
io sono della sardegna. Ho bruciato tutti quei combustibili che hai elencato. Quello migliore, a mio parere, è il nocciolino d&#39;oliva. Per quanto riguarda le detrazioni, sei rientrato nella finanziaria 2006, avrai i benefici con il modello 730 di questo anno. Saluti<br><br>............Attenzione, sta tornando l&#39;inverno. Brrrrrrrr&#33;&#33;&#33;&#33;

tekneri
20-03-2007, 09:54
a Bologna 4°

dotting
20-03-2007, 10:24
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (giannic @ 20/3/2007, 09:48)</div><div id="quote" align="left">io sono della sardegna. Ho bruciato tutti quei combustibili che hai elencato. Quello migliore, a mio parere, è il nocciolino d&#39;oliva. Per quanto riguarda le detrazioni, sei rientrato nella finanziaria 2006, avrai i benefici con il modello 730 di questo anno. Saluti<br><br>............Attenzione, sta tornando l&#39;inverno. Brrrrrrrr&#33;&#33;&#33;&#33;</div></div><br>Mi sembra che in un post precedente avessi detto che il nocciolino d&#39;oliva lo trovavi a 14 euro/q.le corretto?<br>Posso chiederti di che zona sei e che caldaia usi?<br>Se non vuoi fare pubblicit&agrave; puoi mandarmi un messaggio privato.<br>grazie

giannic
23-03-2007, 17:17
confermo il prezzo del nocciolino. Almeno per quest&#39;annno. Utilizzo una caldaia della ditta Tatano, modello Kalorina E/2204-I. Per me è ottima, mi trovo bene.

02-04-2007, 14:08
Ciao a tutti,<br>mi sono appena registrato e sono contento che ci siano tanti appassionati come me&#33;&#33;&#33;<br>Avrei 2 domande:<br>1- sono in procinto di acquistare una caldaia a policombustibile TATANO BK25: qualcuno di voi l&#39;ha gi&agrave; provata? Quali sono i pregi ed i difetti riscontrati?<br>2- Tra le caldaie a policombustibile, esistono marche migliori della TATANO?<br><br>Grazie 1000<br>Urtiga

tekneri
02-04-2007, 16:02
1. io no, però ne parlano bene. I pregi e difetti sono raccontati in queste 13 pagine del post, ed un pò qua e la su BIOMASSA. Chiedi a Calciocaramela, lui ha la Kalorina<br><br>2. Migliori non posso essere io a dirlo.<br> Son come le findanzate: ognuno sostiene che la propria è quella più bella.<br> Però ti dò una panoramica di caldaie meccanicamente simili:<br><br> _DCM<br> _ CMD<br> _Termomeccanica D&#39;Alessandro<br> _ CTP Pasqualicchio<br> _ Ecosystemsrl (l&#39;unica a fascio tubiero verticale)<br> _ DZ (l&#39;ultima novit&agrave; del mercato biomasse, c&#39;è un post dedicato)<br> _Al_Pi (con camera di combustione a secco)<br> _Arca Caldaie (mi sembra, come la alpi)<br> _Ecobiocalor (l&#39;unica che dichiara di poter funzionare anche con solo mais)<br> _ mi perdonino tutti i costruttori che non ho nominato, causa poca memoria.<br><br>Tutti questi che ti ho elencato hanno il sito internet.<br><br>ciao Urtiga72<br><br>massimo

bioterm
02-04-2007, 16:52
sicuramente TAtano è un buon prodotto, lasciatelo dire da chi vende parecchie caldaie a biomassa all&#39;anno...... io non la tratto ma so che sono buone caldaie<br>ciao

claudik
03-04-2007, 17:06
ciao a tutti, visto che sono nuovo.<br><br>Ho letto con interesse queste pagine sulle caldaie policombustibile.<br><br>mi son chiesto: PERCHE&#39; per evitare la circolazione parassita (piano alto riscaldato anche se le pompe di ogni piano sono OFF) CONSIGLIATE A <span style="font-size:21pt;line-height:100%"><b>MAXLEONE</b></span> di aggiungere valvolae termostatiche per ogni calorifero o addirittura di sostituire le pompe?<br><br>Io per evitare la circolazione parasssita, in pratica i caloriferi caldi nonostante il termostato OFF ho fatto mettere una semplice valvola europa (valvola di non ritorno) del costo di 5 euro in uscita dalla caladaia.<br><br>Posto che le valvole termostatiche per ogni calorifero sono utili di per se, perchè non gli avete suggerito una valvola europa? la circolazione parassita NON ce la fa ad aprirla.... mentre le pompe si... Quindi con poco risolve il problema...<br><br>ciao a tutti

tekneri
03-04-2007, 18:51
ciao Claudik&#33;<br>se l&#39;impianto di MAXLEONE è fatto come quello che ho fatto io (caldaia-pompa primaria-valvola deviatrice tre vie per precedenza acs- equilibratori - n. 2 pompe x n. 2 utenze), il problema della circolazione parassitaria non si risolve con due valvole di ritegno.<br><br>Di questo ne sono sicuro, perchè ho affrontato lo stesso identico problema la settimana scorsa, e le valvole di ritegno ce le avevo messe.<br><br>Ho notato però che la circolazione parassitaria si dirigeva solo in una utenza: questo perchè tra il circolatore ed il collettore non c&#39;era nessuna contropendenza, ovvero un sifone.<br>Nell&#39;altra utenza (dove non avveniva la circolazione parassitaria) c&#39;era invece un sifone (fatto involontariamente per adattattarsi alle strutture esistenti).<br><br>Io l&#39;ho risolta così: con una commutazione elettrica, ossia se circolatori impianto fermi OFF (cronotermostati ambiente OFF), allora la tre vie devia sul bypass, in modo identico alla richiesta di acs (l&#39;impulso del flussostato comanda la tre vie).<br>Avrei potuto fare un&#39;altro sifone, ma così ho fatto prima e son più tranquillo.<br><br><br>ciao Claudik&#33;

claudik
04-04-2007, 21:54
ah....<br><br>pensavo che la circolazione parassita non avesse la forza di aprire la molla di una valvola europa...<br><br>(anche perchè nel mio caso la valvola europa la circolazione parassita l&#39;ha fermata)....<br><br><br>forse ci vorrebbe uno schema del tuo impianto...<br><br>ciao.<br>

tekneri
05-04-2007, 07:39
nel mio caso, probabilmente, c&#39;è anche la spinta del circolatore primario.<br><br>Ciao Claudik<br><br>la valvola di ritegno bloccherebbe la circolazione parassitaria se avesse il senso contrario a quella forzata (es: impianti solari)<br><br><center><b>Attached Image</b></center><br><table class="fancyborder" style="width:50%" align="center" cellpadding="4" cellspacing="0"><tr><td align="center"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/149a2518c35615142098f5b7336a2286.jpg" alt="Attached Image"></table><p>

giannic
05-04-2007, 09:45
per urtiga72. Riguardo alla caldaia tatano BK 25, non posso darti molte spiegazioni. Posso rassicurarti che le caldaie della Tatano sono ottime. Io possiedo una Kalorina e/2204-I e mi trovo benissimo. Ho visto in funzione anche la mini K25, la K35 PV e la K35 Chip. Tutte ottime, compatte e funzionali.

bioterm
05-04-2007, 18:43
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (curpis @ 11/4/2006, 12:31)</div><div id="quote" align="left">x maface<br><br>mi piacerebbe provare la sansa di olive per vedere come funziona, ma qua da me non so dove trovarla, non è decisamente zona di olivi, se sai di qualche distributore che consegna nelle marche fammi sapere.<br><br>Riguardo a quello che dice booxer devo dire che in effetti il solo mais non fa braci e se la caldai resta in mantenimento piu di un&#39;ora deve avere un sistema apposito per la riaccensione.<br>L&#39;assenza di un dispositivo di accensione automatica è una mancanza accettabile, è comodo in situazioni di spegnimento anomalo, ma non è indispensabile.<br>Per quel che riguarda la temperatura dell&#39;acqua lasciarla a 55 gradi (indipendentemente dalla costruzione della caldaia) non mi sembra una buona idea, in quanto lo scambio termico tra i radiatori e l&#39;ambiente sarebbe troppo lento (specialmente nel caso tuo maface che dici di avere una casa simile all mia, quando prima avevo il gasolio tenevo l&#39;acqua a 50/55 gradi per risparmiare un po col solo risultato di avere freddo e risparmiare poco perche la caldaia va di piu spesso). Uno scambio termico ottimale tra radiatori ed ambiente si ottiene con temperature intorno ai 70°, oltre si rischia di seccare troppo l&#39;aria. Io personalmente mantengo l&#39;acqua su 67/68 gradi. Nei giorni piu freddi, quando la caldaia andava spesso e i termosifono erano sempre molto caldi, l&#39;umidit&agrave; non è mai scesa al di sotto del 40&#37; mentre nei periodi piu miti si aggira sul 48/50&#37;<br><br>Curpis</div></div><br>Mio parere personale, ti consiglio di bruciare del nocciolino di sansa depolverato, ho venduto quest&#39;inverno della sansa cubettata ed è stata una catastrofe, ne ho vendute circa 25 ton mi sono tornate circa 18 ton, mi spegneva addiritture le caldaie, formandomi montagne di cenere... poi mi hanno detto che nella lavorazione ci mettono anche della sabbia, non so se è vero.........<br>Il nocciolino di sansa è pulito e ti permette di pulire la caldaia solo una volta alla settimana ogni 10gg, almeno sulle mie caldaie è così<br>con il nocciolino il mantenimento è ottimo arriviamo fino a 10 ore, crea una brace stupenda<br>Nelle marche non so ma sono sicuro che a Lanciano in Prov. di Chieti c&#39;è un rivenditore di nocciolino<br> comunque ti allego la scheda tecnica del pellet di sansa<br><a href="http://www.bioterm.it/scheda_sn1.htm" target="_blank">http://www.bioterm.it/scheda_sn1.htm</a><br>Pellet di vinacciolo<br><a href="http://www.bioterm.it/scheda_vn1.htm" target="_blank">http://www.bioterm.it/scheda_vn1.htm</a><br>pellet di cocco<br><a href="http://www.bioterm.it/scheda_gc1.htm" target="_blank">http://www.bioterm.it/scheda_gc1.htm</a><br>hanno tutti residui alti di cenere<br>ciao

tekneri
05-04-2007, 18:46
c&#39;è il sansificio Vecere a Lanciano, ad 1,5 km dal casello Lanciano A14<br>hanno la sansa sia sfusa che in sacchi, ed il nocciolino depolverizzato ed impacchettato (sembrano risme di carta)<br><br>ciao

boooxer
13-04-2007, 00:15
Salve a tutti,<br>è arrivato il caldo, caldaia spenta, questa 1° esperienza di riscaldamento è stata ottima, la caldaia a mais 100&#37;non mi ha mai tradito, sono soddisfatto&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/992d8e066e98b5943a1f01a8a476c039.gif" alt="image"><br>Boooxer

tekneri
13-04-2007, 17:33
ciao Boooxer, sono molto contento per te, mi puoi dare qualche dato? (pura curiosit&agrave; da scimmia)<br><br>-ogni quanto hai dovuto scrostare il bruciatore?<br>-ogni quanto hai dovuto pulire lo scambiatore? e con che attrezzo?<br>-è a vaso chiuso o a vaso aperto?<br>-che circolatore/i hai, e con che caratteristiche?<br>-le puoi postare due o tre foto?<br><br>ciao Boooxer&#33;<br><br>massimo

maface
13-04-2007, 19:15
Salve anche da maface<br>pure io come Boooxer ieri sera ho spento la mia k 2004/E e come prima esperienza sono soddisfatto anche<br>se come invernata è stata anomala.<br><br>Ora rincomincio l&#39;utilizzo dei pannelli solari termici ( veramente hanno funzionato tutta l&#39;invernata vista la<br>continua mancanza di nuvole ) perciò doppia soddisfazione.

boooxer
13-04-2007, 23:37
Ciao tekneri e maface,<br><br>dunque, il bruciatore bisogna pulirlo ogni giorno, max due, ci vuole 1 minuto (e poi un giro nel locale caldaia mi fa sempre piacere intanto che faccio il carico tramoggia) a caldaia accesa senza fuoruscita di fumo grazie al funzionamento di tipo aspirato.<br>Lo scambiatore l&#39;ho pulito almeno 2 volte in 5 mesi.<br>L&#39;impianto è a vaso chiuso con valvola di scarico termico.<br>Il circolatore è un Grunfos max 135 watt 3° velocit&agrave;.<br>Mi spiace per le foto, devo acquistare una macchina fotografica digitale.<br><br><span class="edit">Edited by boooxer - 15/4/2007, 15:05</span>

maface
14-04-2007, 19:46
ciao Boooxer<br>io per la pulizia della mia tatano diversa della tua mi sono organizzato così visto il tempo a mia disposizione<br><br>il mercoledi pulizia camera di combustione per un tempo di 2 minuti con un aspiracenere da me autocostruito<br>con vari pezzi di recupero<br><br>il sabato pulizia totale e a voler essere proprio meticolosi impiego 10 minuti<br><br>con l&#39;aiuto di mio figlio che è l&#39;esperto in foto digitali e compiuter proverò a spedirle<br>ciao maface<br><br>

boooxer
15-04-2007, 13:46
Ciao maface,<br>oggi mi sono dedicato ad una pulizia accurata, specialmente nell&#39;aspiratore fumi,<br>una spruzzatina di olio di vasellina allunga la vita della caldaia<br>cosa bruci che hai bisogno di queste periodiche pulizie?<br>Lo fai ha caldaia accesa e fuoriesce del fumo?<br>Boooxer

maface
15-04-2007, 19:03
per Boooxer<br>grazie per la dritta sulla pulizia di fine stagione che farò sabato prossimo<br><br>Io utilizzo sansa di oliva (trattata dal sansificio sfusa) è il combustibile da me trovato a più basso prezzo per ora.<br><br>La pulizia potrei farla settimanalmente però dato il tempo a mia disposizione una pulizia in più non fa male (penso?).<br><br>Per la pulizia spengo la coclea per un paio di ore in modo che resti solo un pò di brace così non esce fumo sembra funzionare (certo se tocchi la brace.....)<br>maface

boooxer
16-04-2007, 00:19
per maface<br>ora capisco la pulizia che fai di frequente, la sansa lascia molta cenere, è giusto che la pulisci spesso.<br>boooxer

conahar
19-04-2007, 00:26
Ciao boooxer&#33;<br>Visto che casa tua sembra essere abbastanza simile alla mia , mi potresti dire, più o meno, con la tua Risparmiola quanto hai consumato di mais e di pellet quest&#39;inverno e che temperatura media hai potuto avere in casa?<br>Grazie.<br>Conahar

boooxer
19-04-2007, 00:48
Ciao conahar,<br><br>pellet 10 sacchi da 15 kg. mais 60 q.li legna 10 q.li<br>abitazione 200 mq temperatura piano terra 20° temperatura primo piano 15/18 dipende dalle stanze utilizzate, compresa l&#39;acqua sanit. accesa 24 su 24.<br>boooxer<br>

giannic
19-04-2007, 08:56
se può interessarvi vi comunico i miei consumi relativi ad una caldaia Kalorina e/2204-I. Accesa il 13 settembre 2006, spenta il 13 aprile 2007, totale 211 giorni, per produzione acqua calda sanitaria e riscaldamento. Nocciolino lavato q.li 65, legna q.li 13. Riscaldavo Mq. 150 circa in due piani. Temperatura zona giorno 21°, zona notte 20°/18° a seconda delle camere. Riscaldamento in funzione 12 ore al giorno. Media complessiva Kg 37 al giorno.

conahar
20-04-2007, 00:01
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (boooxer @ 19/4/2007, 01:48)</div><div id="quote" align="left">Ciao conahar,<br><br>pellet 10 sacchi da 15 kg. mais 60 q.li legna 10 q.li<br>abitazione 200 mq temperatura piano terra 20° temperatura primo piano 15/18 dipende dalle stanze utilizzate, compresa l&#39;acqua sanit. accesa 24 su 24.<br>boooxer</div></div><br>Facendo i conti a spanne vuol dire circa un migliaio di euri o poco più?

pjparis
23-04-2007, 16:03
Se interessa: termocamino Kalorino Tatano, acceso il 23 dicembre in montagna a 1700 metri tuttora acceso (qui se va bene spegni solo a luglio) piccola casa di 60 mq. Acceso 10 ore al giorno temperatura 21° di sera/mattino e 16° di notte, ho consumato in 4 mesi 18 q.li di nocciolino di oliva e 40 q.li di legna di faggio di mia produzione.

girobatol
26-04-2007, 14:44
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (tekneri @ 17/2/2007, 16:58)</div><div id="quote" align="left">più che &quot;morbidi&quot;, il problema sono se i materiali sono umidi o filamentosi.<br><br>Bruciano vegetali triti essiccati di granulometria non superiore al centimetro.<br>Aprendo lo sportello, e caricando manualmente, anche pezzi di legna<br>(operazione da fare con cautela dopo aver acquisito una basilare conoscenza del fabbisogno termico dell&#39;impianto ove è installata).<br><br>Per la segatura ed il cippato è previsto un caricatore/alimntatore dedicato di forma cilindrica.<br><br>Ti allego la foto della kalorina con caricatore per cippato e truccioli.<br><br>ciao</div></div><br>Ciao sono Marco dalla Sardegna, vorrei riuscire a capire se posso alimentare una caldaia con le piante che coltivo (vedi se vuoi il forum su Tipologia della Biomassa) che ho cominciato qualche giorno fa:<br>La pianta che produco è una graminacea, quindi per abbondante che sia, sempre di erba si tratta, la base degli steli della pianta sono certamente più legnosi degli apici;<br>1- posto che per raccoglierla la falcio e la lascio a terra ad essiccare molto bene, come mi consigliate di trattare questo prodotto al fine di renderlo il più idoneo possibile alla termo valorizzazione? (segatura, trinciato, dimensioni?)<br>2-visto che la resa di questa pianta si aggira intorno alle 30-50 T/ha per anno, siete a conoscenza di caldaie che oltre a produrre calore x acqua calda e riscaldamento producano anche energia elettrica?<br>3- Qualcuno sa se il famoso conto energia prevede la fornitura di energia alla rete enel anche di provenienza dalle biomasse oppure solo dal solare fotovoltaico?<br><br>Grazie da subito per la disponibilit&agrave; a rispondermi.<br>Marco

giannic
03-05-2007, 09:26
come sono stati i vostri consumi per la stagione invernale appena trascorsa?

tekneri
03-05-2007, 11:56
x Marco dalla Sardegna:<br>dovresti sminuzzarlo, la granulometria massima è in media un centimetro,<br>I problemi delle caldaie a biomassa sono più che altro di carattere meccanico, ovvero<br>difficolt&agrave; nel convolgiare al bruciatore la biomassa: esempio, filamenti vegetali che si possono attorcigliare alla coclea di alimentazione.<br>Se le tue graminacee sono a basso peso specifico (immagina gli scarti di potatura tritati dai giardinieri), la caldiaia pìù adatta per te secondo me è quella a cippato.<br><br>Il problema del cippato è l&#39;ingombro (è soffice, ed a basso peso specifico) e la bassa resa calorica (fa una fiamma debole debole, rispetto ad esempio al pellet od al mais).<br><br>Però, se è gratis, va poi bene tutto&#33;<br><br>Per la produzione di energia elettrica, dovresti spulciare un pò sul forum, mi sembra nella sezione motore Stirling, e per il conto energia sulla sezione Solare Fotovoltaico.<br><br><br>ciao Marco

calciocaramela
04-05-2007, 15:20
ciao a tutti<br>accesa kalorina2202 1dicembre 2006 spenta 25 aprile 2007 con relativi consumi:20 ql pellett di cereali(agrifire)20 ql legna per riscaldare casa di 120 mq su 2 piani.Zona giorno 22,5 gradi,zona notte 20 gradi compresa acqua sanitaria.posso dire di essere soddisfatto sia della caldaia sia per i consumi,all&#39;inizio ero un po perplesso.

boooxer
04-05-2007, 22:35
Ciao calciocaramela,<br>come stai? non trovo più il tuo num. di telefono, quando puoi fatti vivo.<br>Ho gi&agrave; pulito tutta la caldaia e smontato il tubo del fumo per evitare che l&#39;umidit&agrave; entri.<br>a presto,<br>boooxer

calciocaramela
04-05-2007, 23:27
ciao boooxer,<br>sono ritornato ,io sono meno bravo di te,devo ancora pulire la caldaia.penso di riuscirci la prossima settimana.ti contatto io.ciao

boooxer
04-05-2007, 23:31
Ok, a presto,<br>boooxer

tekneri
04-05-2007, 23:37
calciocaramela, ciao&#33;<br><br><br>forse ho trovato il sistema per &quot;solarizzare&quot; anche il tuo bollitore<br><br><a href="http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=3120009&amp;view=getlastpost#lastpost" target="_blank">http://energierinnovabili.forumcommunity.n...stpost#lastp ost</a>

calciocaramela
04-05-2007, 23:48
ciao massimo,sei sempre in forma tu.<br>spero che il sistema costi poco visto la spesa fatta a dicembre,tu sai la storia mia.a parte gli scherzi ,le novit&agrave; mi interessano sempre,poi si valuta.ciao

boooxer
05-05-2007, 00:10
Vado a nanna, ciao a tutti,<br>boooxer

calciocaramela
06-05-2007, 20:26
Ho letto con molta invidia il tempo che impiegate per la pulizia caldaia,mediamente 5 minuti.io pulivo la mia 1 volta la settimana con tempi molto superiori:circa 30 minuti.premetto che brucio del pellett di cereali con alto potere calorico ma produce molta cenere.Ho preso anche il bidone per ceneri ma il risultato è che dopo 5 minuti ho gi&agrave; intasato filtri bidone e aspirapolvere.provato con un po d&#39;acqua nel bidoneper diminuire polvere,invece di 5 ogni10 minuti.avete qualche dritta in piu da darmi,grazie

boooxer
07-05-2007, 00:47
Ciao calciocaramela,<br>diciamo che la risparmiola la devi pulire ogni giorno in 1 minuto circa,<br>ma poi la pulizia dei fumi la puoi fare anche 1 volta alla stagione,<br>grazie alla combustione a secco.<br>Purtroppo non so darti informazionia riguardo.<br>a presto,<br>boooxer

giannic
26-07-2007, 16:56
qualcuno l&#39;ha utilizzata in integrazione al pannello solare? Quali risultati?

bioterm
28-07-2007, 11:31
dai un&#39;occhiata alla Biomassa della DZ, è molto comoda nella pulizia, è senza tubi orizzontali<br><a href="http://www.bioterm.it/biomassa34.htm" target="_blank">http://www.bioterm.it/biomassa34.htm</a><br>ciao

bioterm
31-07-2007, 14:19
intendi così?<br><a href="http://www.bioterm.it/schema.htm" target="_blank">http://www.bioterm.it/schema.htm</a>

giannic
02-08-2007, 15:54
....forse mi sono spiegato male. Io ho collegato la mandata riscaldamento della caldaia Kalorina con una serpentina del boiler del pannello solare. Attraverso una centralina elettronica del pannello, quando la sonda rileva una temperatura dell&#39;aqcua inferiore ad un certo valore preimpostato, permette l&#39;accensione in automatico della caldaia e l&#39;acqua prodotta innalza la temperatura di quella del boiler.

giannic
24-08-2007, 09:28
ma con questo calo delle temperature dobbiamo gi&agrave; accendere le nostre caldaie? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5558d1c44626f6c917785de7569dab0d.gif" alt=":cry:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5558d1c44626f6c917785de7569dab0d.gif" alt=":cry:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5558d1c44626f6c917785de7569dab0d.gif" alt=":cry:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5558d1c44626f6c917785de7569dab0d.gif" alt=":cry:">

IL Maggiore..
31-08-2007, 15:39
ho acquistato in questi giorni una Kalorina 2203/E, ancora da arrivare.<br>C&#39;è nessuno che ha il manuale completo in formato elettronico da potermi inviare, grazie?<br>Saluti a tutti<br>Riccardo

giannic
04-09-2007, 15:22
io non ho il manuale in formato pdf. Cmq dovrebbe arrivarti unitamente alla kalorina, troverai tutte le indicazioni dei vari parametri, ma se vuoi un consiglio non &quot;smanettarci&quot; più di tanto, specialmente nel menù protetto.

fisio
07-09-2007, 07:18
saluto tutti, ho letto tutta la discussione, nessuno ha una caldaia TCM DELIA?<br>ho avuto un&#39;offerta interessante, volevo sentire qualche parere disinteressato<br>grazie

giannic
15-10-2007, 17:31
secondo il vostro parere in un impianto di riscaldamento con radiattori alimentato da caldaia a biomassa, l&#39;installazione delle valvole termostatiche nei vari elemneti scaldanti è uno spreco di denaro oppure si ha qualche giovamento?

tekneri
15-10-2007, 18:34
secondo me no, anzi, ne trai tutti gli stessi identici benefici degli impianti con caldaia tradizionale a gas.<br><br>Tuttavia sono necessari alcuni accorgimenti sull&#39;impianto, indipendentemente dalla caldaia adottata, per esempio circolatore modulante e bypass differenziale.<br><br>Ciao Giannic<br><br><br>massimo

giannic
16-10-2007, 16:46
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (tekneri @ 15/10/2007, 11:34)</div><div id="quote" align="left">Tuttavia sono necessari alcuni accorgimenti sull&#39;impianto, indipendentemente dalla caldaia adottata, per esempio circolatore modulante e bypass differenziale.</div></div><br>Cioè? purtroppo io non sono un tecnico quindi se hai la gentilezza di spiegarmi meglio quanto sopra scritto.<br>La mia caldaia ha un normale circolatore a 3 velocit&agrave;, è collegata direttamente alla colonna montante per i radiattori e la scheda elettronica gestisce anche la modulazione.<br><br><br><span style="font-size:8pt;line-height:100%"><i><span style="color:gray">***<br>Per cortesia, se volete riportare parte di un messaggio precedente, utilizzate la funzione citazione e possibilmente non usare il colore rosso.<br>E&#39; solo una questione di netiquette.<br>Grazie<br>Leptone<br>***</span></i></span><br><br><span class="edit">Edited by leptone - 16/10/2007, 10:41</span>

skikkato
19-10-2007, 00:13
buona serata a tutti sono nuovo del forum e ho acquistato una kalorina 2202 ancora deve arrivare non ho problemi a recuperare olio vegetale esausto ma vorrei sapere come lo devo trattare per farlo digerire alla mia kalorina grazie a tutti

IL Maggiore..
20-11-2007, 19:05
ciao a tutti,<br>ho acceso la mia Kalorina 2203 I con nocciolino di sansa e sto cercando di ottimizzare i vari parametri.<br>Tenete presente che ho una canna fumaria di circa 9 metri (d.200) che tira molto, anche con ventilatore spento e saracinesca aperta manualmente gi&agrave; funziona..<br>Vi chiedo:<br>- tenete sotto controllo la temperatura dei fumi e qual&#39;è un valore ottimale (tenendo conto che temperature troppo alte fanno consumare e basta, troppa dispersione),<br>- i valori della ventola che vedo da voi mi sembrano molto alti (ora la mia sta funzionando circa a 25 in normale e fa pochissima cenere, se aumento mi spruzza il nocciolino dappertutto),- è meglio poco combustibile ogni poco o tanto ogni tanto (&#33;)? forse poco ogni poco in modo da variare meno il carico.<br>Vi ringrazio del vostro aiuto<br>saluti<br>Riccardo<br>

papaluca
21-11-2007, 18:33
salve a tutti sono nuovo del forum ma ho letto tutte le vostre opinioni..e sono arrivato a decidermi di istallare una caldaia biomassa,ora chiedo a voi un consiglio visto che non ho la piu pallida idea. Ho una casa di 230 mq su 2 livelli piu un appartamento dove ho la sala hobby. dispongo di un vano di 10 mq dove potro istallare la caldaia la porta di entrata e di 70 cm ( questo per farvi capire se potra entrare ). gentilmente chiedo a voi le possibilita che ho e un lavoro completo (dalla caldaia al resto) quanto mi vorebbe a costare da un minimo a un massimo e se sono rumorose dato che quel vano è comunicante con la mia sala hobby e lo divide solo una porta..grazie a voi tutti

dotting
21-11-2007, 19:29
Se non sei interessato ad una Tatano, ti conviene aprire una nuova discussione, avresti maggiore visibilit&agrave; nel forum.<br>A prescindere da tutto nel tuo caso, per problemi di locale comunicante, non potrai sicuramente installare una caldaia superiore ai 35 kW nominali, la Tatano per esempio ne fa una da 40 kW depotenziata a 35.<br><br>

giannic
17-12-2007, 18:29
ehi ragazzi il freddo è arrivato&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; brrrrrrr. Carichiamo per bene le nostre Kalorine.

subbe67
15-01-2008, 10:57
ho letto un po&#39; di questa discussione e dato che mi interessa l&#39;atto pratico della cosa e non intendendomene molto vorrei qualche consiglio circa l&#39;acquisto di una caldaia a biomassa...<br><br>devo riscaldare un terratetto di circa 110(p.terra) + 40(p.1) mq libero su tre lati.. io abito in pianura in toscana e vorrei collegare la cladaia all&#39;impianto senza eliminare la mia immergas a gpl; la mettere in garage che ho libero e che si trova a circa 4 mt dall&#39;altra caldaia... solo che non so su che prodotto rivolgermi &#33; avete dei suggerimeni ??

Dott Nord Est
19-02-2008, 19:04
Salve, io ho una kalorina k25 da due anni. Riscaldo in modo ottimale una casa di 250 mq con un risparmio rispetto al vecchio combustibile (mi servivano circa 40 ql di gasolio) veramente incredibile&#33;&#33;<br>Ora, dopo questa esperienza, mi son deciso pure a venderle le cadaie della TATANO.<br><br><br>Dimenticavo... Non esitate a chiedermi qualsiasi cosa in merito alle caldaie TATANO. Sarò ben felice di rispondervi ed eventualmente farvi vedere di persona la mia.<br>Sul mio sito ci sono anche alcune foto di installazioni eseguite.<br>Ciao<br><br><span style="color:red">MODERAZIONE: è vietato mettere link commerciali nel forum (adoperare la sez. Vetrina commerciale</span><br><br><span class="edit">Edited by eroyka - 21/2/2008, 11:39</span>

giannic
29-02-2008, 18:55
DR NORD EST, come riesci a riscaldare un&#39;abitazion da 250 mq con una Mini K25? utilizzi pe caso una cella multienergia?

g.luky
01-03-2008, 17:30
Per DR Nord Est.<br>Sarei interessato, vedere le foto dell&#39; instalazione della tua caldaia Tatano perche&#39;, io ho installato 2 anni fa&#39; una 2204 elettronica.<br>Qual&#39;e il tuo sito?

Dott Nord Est
04-03-2008, 14:36
x g.luky: se vuoi vedere le foto della mia caldaia installata, vai sul mio sito personale. Lì ho alcune foto di installazioni fatte.<br>x giannic: nessuna cella a multienergia. Una mini K25 f&agrave; 29.000 kcal al focolare, + che sufficenti per una casa da 250 mq.<br>x moderatore: una domanda..... come faccio a far vedere le foto delle installazioni ai naviganti se non mi lasci mettere il sito mio personale dove si trovano? Grazie<br><br><i><span style="color:red">Utilizzi l&#39;apposita funzione inserisci immagini...</span></i><br><br>X moderatore: un&#39;altra curiosit&agrave;....... nel msg del 19/02 mi si invita a non inserire il mio indirizzo internet. E come mai allora, su tantissime stanze di questo forum, &quot;bioterm&quot; inserisce su ogni sua risposta il suo indirizzo internet (questo si veramente commerciale), e nessun moderatore lo richiama? ehehehe, la cosa mi sembra un pò strana..........eh<br><br><span style="color:red">Provvederemo... è solo questione di tempo....<br>Incomincio da questa discussione<br></span><br><br><span class="edit">Edited by leptone - 4/3/2008, 15:24</span>

biomassoso
04-03-2008, 16:00
<b>DR Nord Est</b>....bel sito....complimenti&#33;....ti ruberò qualche foto dai <span style="color:blue">&quot;lavori eseguiti&quot;</span>... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/698eb97665aa5d56d8a1539c48f98b0c.gif" alt="image"><br><br>Il link al tuo sito puoi comunque metterlo nel tuo &quot;profilo personale&quot;.......chi clicca sul tuo nome lo vede.....perchè poi si consenta ad altri ciò che a te è precluso &quot;ad personam&quot; con tanto di reprimenda personale non te lo saprei proprio dire........<span style="font-size:14pt;line-height:100%"><b>sar&agrave; forse uno sponsor??</b></span> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/26bd51dfdef922b389490a04bed9732d.gif" alt="image">....saluti...<br>P.S. Il moderatore ben difficilmente legge tutti i post....ti conviene inviargli un MP...

Dott Nord Est
04-03-2008, 16:38
x biomassoso: grazie, ho seguito il tuo consiglio e inserito collegamento al mio sito.<br>

dotting
04-03-2008, 17:09
Ragazzi, una calmatina regole 10 e 11 del forum.