PDA

Visualizza la versione completa : ECONOMIA MONDIALE



25-04-2006, 19:16
I vettori principali della crisi energetica permanente possono essere identificati e classificati.<br><br>Tre vettori in particolare richiedono attenzione:<br><br>1) Un rallentamento nella crescita di forniture energetiche in un periodo<br> in cui la domanda mondiale cresce.<br>2) L’aumento dell’instabilit&agrave; politica dovuta alla competizione geopolitica<br> tra i fornitori.<br>3) Le crescenti calamit&agrave; naturali causate dalla continua dipendenza<br> dal petrolio, dal gas naturale e dal carbone.<br><br>Ognuno di questi sarebbe un motivo sufficiente di preoccupazione, ma ciò che dobbiamo temere più di ogni altra cosa è la loro combinazione.<br>

26-04-2006, 14:23
Caro fuelless<br>Appoggio la tua analisi.<br>Soluzioni?<br><br>Ciao<br>Tersite

Tianos
26-04-2006, 17:47
pultroppo non c'e' ne sono ....o almeno quelle avanzate dai piu grandi studiosi del mondo fanno accapponare la pelle o sono di lontanissima realizzazione.<br><br>1) sterminare 4 miliardi di persone...immaginate chi si salverebbe^^.<br>2) una stazione permanente sulla luna di estrazione di helio 3 con conseguente centrale nucleare per utilizzarlo e per poi dirigerlo come fascio laser sulla terra (lo trovo anche improbabile)<br>3)concentrare ogni tipo di finanziamento per le energie rinnovabili (ma rimane il fatto che ci vorrebeb anche un mezzo punto 1, oltre a convincere il rimanente ai conseguenti sacrifici necessari)<br>4) fare guerra agli alieni (muhuahahahah ragazzi non sto scherzando e una voce che gira alla casa bianca)

mariomaggi
26-04-2006, 18:30
Caro tersite1,<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Appoggio la tua analisi.<br>Soluzioni?</div></div><br>Non esiste una sola soluzione, ma un insieme di accorgimenti che possono portare ad una soluzione.<br><br>Certamente puo' aiutare il risparmio energetico, dai veicoli ai sistemi di riscaldamento alle industrie.<br>Non propongo la bicicletta e il freddo e l'artigianato, ma un uso piu' intelligente di veicoli che sprechino meno energia, una coibentazione migliore per gli edifici ed un maggior controllo automatico, l'impiego nelle industrie e nei servizi di motori elettrici con la massima classe di efficienza (Eff1+) e di illuminazione ad alto rendimento.<br><br>Bisogna poi evitare quelle operazioni che evidentemente sono assurde (treni che dal sud portano in Germania l'immondizia, autocarri delle Poste Italiane SpA che girano in citta' per consegnare delle buste, costruzione e distruzione di maxi-edifici mai utilizzati, veicoli in coda con marcia a singhiozzo invece di marcia regolata da sistemi elettronici esterni, ecc.)<br><br>Ciao<br>Mario<br>

BrightingEyes
26-04-2006, 18:45
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Tianos @ 26/4/2006, 18:47)</div><div id="quote" align="left">pultroppo non c'e' ne sono ....o almeno quelle avanzate dai piu grandi studiosi del mondo fanno accapponare la pelle o sono di lontanissima realizzazione.<br><br>1) sterminare 4 miliardi di persone...immaginate chi si salverebbe^^.<br>2) una stazione permanente sulla luna di estrazione di helio 3 con conseguente centrale nucleare per utilizzarlo e per poi dirigerlo come fascio laser sulla terra (lo trovo anche improbabile)<br>3)concentrare ogni tipo di finanziamento per le energie rinnovabili (ma rimane il fatto che ci vorrebeb anche un mezzo punto 1, oltre a convincere il rimanente ai conseguenti sacrifici necessari)<br>4) fare guerra agli alieni (muhuahahahah ragazzi non sto scherzando e una voce che gira alla casa bianca)</div></div><br>Il punto 1 è più una tragica e realistica possibilit&agrave; che una soluzione.<br><br>A mio parere serve un cambio totale della visione di bilancio energetico-sociale. Oggi come oggi si succhia energia, spesso da altri paesi che magari se la terrebbero pure stretta, al solo scopo di utilizzarla nella affannosa e esagerata fabbricazione di beni che vengono sprecati in gran parte, ma permettono il mantenimento del sistema sociale di distribuzione di reddito tramite lavoro.<br>In pratica si spreca energia per fingere che un prodotto sia necessario e foraggiare chi lo produce.<br><br>Invece occorrerebbe tornare a far produrre energia a tutti, a tutti i livelli. Il reddito deve provenire dalla creazione di energia, non dallo spreco.<br><br>Poi, ovvio, risparmio e ottimizzazione, ma restano aspetti secondari.

26-04-2006, 20:08
La futura rivoluzione energetica, insieme a quella elettronica, riconfigurer&agrave; l'umanit&agrave;.<br><br><a href="http://lgxserver.uniba.it/lei/rassegna/020912e.htm" target="_blank">http://lgxserver.uniba.it/lei/rassegna/020912e.htm</a>