PDA

Visualizza la versione completa : Sensori e Software in un impianto FV



ingegnererinaldi
23-05-2006, 20:10
Salve a tutti,<br>ho una domanda da porVi.<br>Secondo la IEC EN 61724 (alias CEI 82-15).<br>E&#39; necessario prevedere la possibilit&agrave; di effettuare le misure di alcune grandezze relative all&#39;impianto fotovoltaico.<br>Nella fattispecie,<br>1)Bisogna prevedere un sensore di illuminazione che indichi l&#39;irragiamento sul piano dei moduli.<br>2)Bisogna prevedere un sensore di temperatura che fornisca la misura sulla superficie dei moduli (in posizione tale da non causare ombreggiamenti).<br>3)Bisogna prevedere un sensore di temperatura che fornisca la temp. ambientale.<br>4*)Nel caso di condizioni climatiche miti, è soltanto FACOLTATIVO l&#39;utilizzo di un sensore per la misura del vento.<br>5)Bisogna essere in grado di misurare, istantaneamente, quindi non valori medi, la tensione in ingresso all&#39;inverter (per ogni stringa) (secondo alcuni testi si consiglia l&#39;uso di un voltmetro).<br>6)Bisogna essere in grado di misurare, istantaneamente, quindi non valori medi, la corrente in ingresso all&#39;inverter (per ogni stringa) (secondo alcuni testi si consiglia l&#39;uso di una resistenza di shunt).<br>7)Bisogna essere in grado di misurare, istantaneamente, quindi non valori medi, la potenza in CC generata dai moduli FV in ingresso all&#39;inverter (per ogni stringa) (secondo alcuni testi si consiglia l&#39;uso di un wattmetro).<br>8)Bisogna inoltre misurare la potenza e relativa corrente prelevata dalla rete pubblica.<br>9)Bisogna inoltre misurare la potenza e relativa corrente iniettata verso la rete pubblica.<br><br>Domanda 1)Secondo me, utilizzando ad esempio, dei moduli Sunny Boy 3000, è possibile avere gi&agrave; le misure per le voci 5,6,7. Secondo voi è corretto utilizzare questo approccio?<br>Domanda 2)Tutti i sensori che consentono di acquisire le misure delle grandezze elencate, che si ribadisce, vanno necessariamente prese in considerazione secondo CEI 82-15, devono essere sempre presenti nel quadro di protezione lato CC, oppure è sufficiente che tali misure siano possibili in fase di collaudo?<br>Domanda 3) Tale norma indica la possibilit&agrave; di prevedere una ULTERIORE spesa per consentire l&#39;acquisizione remota dei dati provenienti da ciascun inverter per rendicontare, a fini statistici, le prestazioni dell&#39;impianto in modo da creare un database con i dati di tutti gli impianti.<br>Giacchè si tratta di un impiantino da 4.8kWp, mi domando se sia effettivamente necessario prevedere sia la presenza del relativo software, sia la spesa per le interfacce per collegare l&#39;inverter (o gli inverter) al PC per prelevare questi dati?<br>Domanda 4) Dato che molto spesso, i moduli utilizzati per il montaggio sono di Classe II, si ottiene un sistema di tipo flottante, nel quale cioè, un primo guasto di isolamento non causa interruzione di servizio, ed obbliga a prevedere un dispositivo per il rilevamento di una perdita dell&#39;isolamento nel quadro di protezione lato CC, molto frequentemente, gli inverter per applicazioni Grid-connected, come quello indicato, sono GIA&#39; PROVVISTI di un sistema che indica il guasto all&#39;isolamento, questa soluzione è sufficiente, oppure è necessario prevedere comunque un dispositivo dedicato, magari basato su guida DIN?<br><br>Saluti

ingegnererinaldi
25-05-2006, 05:41
Forza Ragazzi&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9ca0400d4fbe7180a1f8b63366b7a3d6.gif" alt=":lol:"><br>Ci sar&agrave; sicuramente qualcuno che può dare una mano a chiarire questi concetti?&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b3b78ec5e38d0ab588a0d40c3001c61f.gif" alt=":D"><br><br>Ogni consiglio sar&agrave; graditissimo. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b3b78ec5e38d0ab588a0d40c3001c61f.gif" alt=":D"><br>Ing.R.

crazy_horse
25-05-2006, 16:15
.. si ..<br><br>.. poi, se vuoi, si infila la scopa nel culo e ti pulisce anche l&#39;ufficio..<br><br>C.H.

ingegnererinaldi
26-05-2006, 09:38
Se Lei, nonostante il gradito apporto che ha dato in altri thread, ritiene di dover essere maleducato in modo gratuito, non sarò certo io a farla desistere. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4f85d0d1134108c6e7cad7c7aeb9a591.gif" alt=":angry:"><br>Ad ogni modo, se Lei non è interessato a rispondere alle domande che ho posto, non è obbligato a farlo, certamente può evitarlo. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4f85d0d1134108c6e7cad7c7aeb9a591.gif" alt=":angry:"><br>Quello che non è corretto da parte sua è offendere una persona che, a dispetto di chi si fregia di avere interesse per queste applicazioni, cerca solo di vederci chiaro, studiando, documentandosi e confrontandosi con altre persone interessate del settore.<br>Lo scrivente ha fatto questo.<br>Lei invece ha risposto come sa&#33;<br><br>Forse sarebbe il caso che il moderatore spiegasse a Lei, cosa si può e cosa si dovrebbe evitare, quando si ha a che fare con persone educate.<br>Forse Lei dovrebbe rileggere i suoi post prima di inviarli, e soprattutto rileggere le domande a cui Lei ritiene di poter dare una valida risposta&#33; Altrimenti sarebbe forse il caso di desistere. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4f85d0d1134108c6e7cad7c7aeb9a591.gif" alt=":angry:"><br><br>Se poi Lei non è capace o non ha le conoscenze per rispondere a qualsivoglia delle domande che io ho posto, non è obbligato a farlo. Quello che dovrebbe capire, è che l&#39;educazione viene prima di tante altre cose, anche prima di scrivere.<br>Ma questo sono sicuro che Lei lo sa gi&agrave;. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4f85d0d1134108c6e7cad7c7aeb9a591.gif" alt=":angry:"><br><br>Ing.R.<br><br><br><br><br>

26-05-2006, 11:49
Ciao Ing,<br>non sono un esperto del settore, per questo ho letto con attenzione (e meraviglia) quanto sembrano prevedere le norme.<br>Pare essere una procedura di test di laboratrio esperienze, giusto per aumentare il livello di conoscenza dei parametri fisici di impiego, che non semplici norme applicative.<br>L&#39;unico appunto che posso fare è relativo alla forma italiana usata:<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">E&#39; necessario prevedere la possibilit&agrave; di effettuare le misure...</div></div><br>In particolare, i termini -necessit&agrave;- e -possibilit&agrave;- messi così non indicano &quot;obbligatoriet&agrave;&quot; ma &quot;predisposizione&quot;.<br>Ciao,<br>Hike <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/dbde6d2d4a62c074ecff2602f9436fce.gif" alt=":)">

ingegnererinaldi
31-05-2006, 11:52
Caro Hike, ecco cosa dice la EN 61724 in proposito (pag.7):<br><i>"Lo scopo dell’analisi dei dati è quello di fornire<br>un sommario delle prestazioni adatto per paragonare<br>impianti fotovoltaici di differenti dimensioni,<br>che funzionano in climi diversi e che forniscono<br>energia per usi diversi, così da rendere<br>evidente la validit&agrave; relativa a progetti e procedure<br>di funzionamento diversi. Metodi più semplici<br>potrebbero essere a maggior incidenza di costi<br>per sistemi solari domestici di piccole dimensioni<br>e autonomi.<br>Vengono incluse anche linee guida per il formato<br>dei file da utilizzare per lo scambio dei dati rilevati<br>tra diverse organizzazioni. Per le rilevazioni si richiede<br>l’uso di un sistema acquisizione dati basato su microprocessore."</i><br><br><br>Continua brevemente:<br><i>CAMPO DI APPLICAZIONE<br>La presente Norma prescrive le procedure per il rilievo<br>delle caratteristiche di un sistema fotovoltaico relative<br>all’energia quali ad es. l’irraggiamento nel piano<br>dei moduli, l’energia in uscita di una schiera di moduli,<br>l’energia immagazzinata in entrata ed in uscita e<br>l’energia in entrata ed in uscita di un condizionatore<br>di potenza, così come le procedure per lo scambio e<br>l’analisi dei dati rilevati. Scopo di queste procedure è<br>quello di valutare le prestazioni globali dei sistemi fotovoltaici<br>configurati come autonomi o collegati ad<br>una rete di distribuzione pubblica, oppure i sistemi<br>ibridi che includono sorgenti non fotovoltaiche quali<br>ad es. i generatori a motore e le turbine eoliche.<br>La presente Norma può non essere applicabile a<br>sistemi autonomi di piccole dimensioni a causa<br>dei costi relativamente elevati degli apparecchi di<br>misura.</i><br><br>Viene poi indicata una tabella (pag.9) comprendente diverse grandezze da misurate.<br><br>Cosa ne pensate allora? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d4e2c1322f4c1bf6fcb8ce0b0ed9d942.gif" alt=":D"><br>

31-05-2006, 12:15
Scusa Rinaldi,<br>ma la norma d&agrave; una definizione precisa di &quot;sistemi di piccole dimensioni&quot; ?<br>Inoltre, sono definiti nelle citate &quot;procedure per il prelievo dati&quot; parametri fondamentali come il campionamento, lunghezza del buffer del data-logger e precisioni delle letture ??<br>Altrimenti tutto mi pare sia da intendersi come la fiera del &quot;sarebbe bene&quot;.<br>Ciao, Hike <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b6eb739ec6265c9a2a5be672c8ca0a63.gif" alt=":)">

ingegnererinaldi
31-05-2006, 22:51
Hike ha scritto:<br><br><i>Scusa Rinaldi,<br>ma la norma d&agrave; una definizione precisa di "sistemi di piccole dimensioni" ?<br>Inoltre, sono definiti nelle citate "procedure per il prelievo dati" parametri fondamentali come il campionamento, lunghezza del buffer del data-logger e precisioni delle letture ??<br>Altrimenti tutto mi pare sia da intendersi come la fiera del "sarebbe bene".<br>Ciao, Hike </i><br><br>Non viene data una chiara definizione di "sistemi di piccole dimensioni", quindi anche un 20kW può essere di piccole dimensioni. Quello che invece è chiaro è la parola "autonomo", io la intenderei come sinonimo di "isolato", quindi tutti i sistemi in parallelo alla rete, quindi non autonomi per lo stesso motivo, sono da intendersi suscettibili di rispettare tali prescrizioni.<br><br><i>Inoltre, sono definiti nelle citate "procedure per il prelievo dati" parametri fondamentali come il campionamento, lunghezza del buffer del data-logger e precisioni delle letture ??</i><br><br>La forma con cui i dati vengono acquisiti ricalca sostanzialmente la capacit&agrave; dell'inverter, quindi non è da pensarci più di tanto su questo punto. Quello che veramente conta non è la forma, ma il contenuto, ossia i sensori che necessariamente vanno presi in considerazione e quelli che possono essere esclusi.<br>Se qualcuno pensa che NESSUNO sia NECESSARIO, avr&agrave; una pessima sorpresa al momento più inaspettato, quindi cerchiamo di collaborare.<br><br>Secondo me sono sufficienti questi.<br>1)Sensore di irraggiamento posto in prossimit&agrave; del piano dei moduli<br>2)Sensore di temperatura posto sulla superficie dei moduli<br>3)Sensore di temperatura dell'aria esterna (posto in zona non insolata)<br>Questi sensori costano, inoltre devono essere interfacciati con l'inverter nel modo giusto, pensate alle schede per i sensori prodotte da FRONIUS o SUNNY, costano molto&#33;&#33; Secondo voi per cosa le vendono, per le fiere estive?&#33;&#33; C'e' molto di più da scoprire su questi impianti&#33;<br><br>Qualche contributo utile?<br>Saluti<br>