PDA

Visualizza la versione completa : solare termodinamico Carlo Rubbia



metodico
02-08-2006, 16:36
ciao a tutti<br>Volevo sapere cosa ne pensate del solare termodinamico che<br>Carlo Rubbia sperimenter&agrave; in Spagna. Dopo anni di ricerca e investimenti<br>statali( quindi soldi nostri) non era il caso di sperimentarlo, come gi&agrave; programmato in Sicilia?<br>E&#39; l&#39;ennesimo regalo che facciamo agli altri Paesi, come usufruire dei nostri<br>maggiori scienziati?<br>Avete notizie e informazioni in merito.<br>ciao metodico <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4cf90c96debf6e6be54047a54570f744.gif" alt=":rolleyes:">

metodico
04-08-2006, 22:06
ciao a tutti<br>mi aspettavo qualche risposta visto che in questo<br>forum ci sono degli specialisti del settore.<br>Comunque aspetto fiducioso una vostra risposta&#33;.<br>ciao metodico <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/286bc17ece54b636b55ea239b016d0f3.gif" alt=":)">

GB energy
27-08-2006, 18:25
L&#39;argomento dovrebbe essere affrontato nel topic solare termico.<br>Per quanto riguarda il progetto siciliano forse non era proprio il caso di finanziarlo...<br>Il solare a concentrazione ha purtroppo costi faraonici...<br>Saluti

metodico
27-08-2006, 20:24
ciao a tutti<br>Mi chiedo perchè allora gli spagnoli lo hanno finanziato questo progetto<br>di Carlo Rubbia. Recentemente è uscito un articolo su tuttoscienze inserto quotidiano La Stampa dove appunto elogiano il solare termodinamico e dove annunciano che la Spagna punter&agrave; molto sul solare e sull&#39;energia eolica e marina ( a questo proposito il Portogallo a fine anno lanciare un progetto pionieristico per quanto riguarda l&#39;energia marina, vedi articolo presentato su un numero precedente di tuttoscienze).<br>Quindi più che di &quot;costi faraonici&quot; si tratta, secondo me, della solita capacit&agrave; italiana di &quot;parlare molto&quot;, di &quot;criticare assai&quot; ma di &quot;concludere poco&quot; dal punto di vista applicativo di queste soluzioni di produzione di energia elettrica da fonti alternative.<br>Di oggi la notizia, consideriamolo un ennesimo paradosso, della realizzazione a Dubai di una avveneristica costruzione a grattacielo che sfutta l&#39;energia eolica e solare prodotta dalla rotazione dei piani indipendenti uno dall&#39;altro, progetto realizzato da due ingegneri italiani.<br>Le tecnologie ci sono, le capacit&agrave; progettuali e applicative le abbiamo, ma quarda caso, le mettiamo a disposizione degli altri paesi, perchè qui in Italia, anche per volont&agrave; politica e diatribe varie, non si riescono a realizzare. Ambiguit&agrave; e unicit&agrave; del &quot;sistema Italia&quot;.<br>ciao metodico <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e507811c0f0f296f08f2ff5d7f8310b5.gif" alt=":(">

27-08-2006, 21:58
Scusa Metodico<br>Non pensi che il grattacielo girasole sia una enorme belinata?<br>Non è a Dubai che hanno fatto una pista da sci, con neve tutto l&#39;anno anche se fuori ci sono 50°? Se non è lì è lì vicino.<br>Quei signori grondano petrodollari da tutte le parti, si possono togliere numerosi sfizi.<br>Come quello di far girare la casa invece di spostarsi per stare all&#39;ombra.<br>Meno male che noi Italiani non buttiamo i pochi soldi che ci rimangono in queste scemate.<br><br>Ciao<br>Tersite<br>

metodico
28-08-2006, 00:15
ciao a tutti<br>Il grattacielo può essere anche una follia come dici tu tersite,<br>ma quello che intendevo dire, in modo provocatorio, è che in Italia<br>siamo tutti campioni nel dire &quot;no&quot; o trovare delle cose da ridire su tutto:<br>i termovalorizzatori non vanno bene, i rigassificatori neppure, il solare si salva solo grazie agli incentivi statali e possiamo utilizzarlo sono in misura predeterminata dal governo, quindi numero limitato di pannelli fotovoltaici, le costruzioni con rivestimenti a pannelli solari no perchè non servono, l&#39;eolico no per l&#39;impatto ambientale e qualcuno dice no perchè distrurba il volo migratorio degli uccelli, le centrali a biomassa no perchè inquinano o disboscano le foreste (balle colossali uno perchè non inquinano e perchè si possono così mantenere puliti frutteti, vigneti, boschi e rotazione piante da taglio). Insomma stiamo a criticare tutto mentre gli altri da decenni applicano queste tecnologie. Perchè allora lamentarsi se un russo o algerino si alza al mattino è ci dice: oggi il gas non te lo mando perchè mi stai sulle....&#33;&#33;&#33;<br>Perchè essere così sadaci e ...stolti?<br>ciao e buonanotte da metodico <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5d1a1ba578a50ccd9ca9ade3fb2c530a.gif" alt=":(">

SolarFranco
17-09-2006, 13:24
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (metodico @ 2/8/2006, 17:36)</div><div id="quote" align="left">ciao a tutti<br>Volevo sapere cosa ne pensate del solare termodinamico che<br>Carlo Rubbia sperimenter&agrave; in Spagna. Dopo anni di ricerca e investimenti<br>statali( quindi soldi nostri) non era il caso di sperimentarlo, come gi&agrave; programmato in Sicilia?<br>E&#39; l&#39;ennesimo regalo che facciamo agli altri Paesi, come usufruire dei nostri<br>maggiori scienziati?<br>Avete notizie e informazioni in merito.<br>ciao metodico <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/07e9969e7baa0ac4561601b35554b692.gif" alt=":rolleyes:"></div></div><br>Regalo?<br>Se lo tengano pure...<br>Sono sempre più convinto che il sistema statalista va bene<br>solo per gli appassionati...

Hellblow
17-09-2006, 13:40
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">non era il caso di sperimentarlo, come gi&agrave; programmato in Sicilia?</div></div><br>Il fatto che c&#39;era scritto Sicilia automaticamente significava che non avrebbero fatto nulla <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/611fcf8e106ef219ae977a9ea84bba5e.gif" alt=";)">. Tutte parole al vento, e noi italiani siamo bravi con le parole.<br>Riguardo gli spagnoli, meglio che i miei soldi da contribuente finiscano in qualche progetto anche se verr&agrave; fatto in stati diversi dall&#39;Italia che non in ville per i soliti ignoti-noti.

SolarFranco
17-09-2006, 16:16
Specialmente oggi..i soldi dei contribuendi è meglio toccarli il meno possibile.<br>Sono d&#39;accordo coi leghisti quando dicono che è meglio un Italia federale<br>in quanto nel Nord i privati possono fruttare..invece in Sicilia è meglio un industria totalmente statale...sarebbero più poveri ma si vivrebbe meglio..<br>

metodico
18-09-2006, 10:34
ciao a tutti<br>Volevo solo ricordarvi che la &quot;non approvazione&quot; è stata presa a...ROMA&#33;&#33;<br>Perchè la Commissione che doveva decidere non si è mai messa<br>daccordo&#33;&#33;<br>Quell&#39;impianto che oggi potrebbe essere gi&agrave; in funzione, non é mai partito. L&#39;Enel e l&#39;Enea sono ancora in attesa di un provvedimento ministeriale.&#33;&#33;&#33;<br>Inoltre i membri del Enea si erano coalizzati contro Carlo Rubbia, forse anche<br>per un pò di invidia e gelosia sulle sue scoperte precedenti. Tipico caso di &quot;stupidit&agrave; italiana&quot;: non far emergere le eccellenze, ma mantenere in auge la mediocrit&agrave; universitaria,quella della ricerca e del sapere scientifico. Ricerca che premia il clientelismo e le amicizie importanti&#33;&#33; Per poi lamentarsi, solo a parole però, del fatto che i migliori scienziati -ricercatori se ne vanno all&#39;estero.<br>Quindi la regione Sicilia con il fatto che il progetto non si è avviato centra poco o nulla (anzì mi risulta che era molto favorevole).<br>In quanto hai &quot;soldi pubblici&quot; se non mi ricordo male, e non è Santoro in causa, da un&#39;indagine del ministero dell&#39;Economia e della Guardia di Finanza, abbandonato in un cassetto, come molti altre, risulta che la percentuale più alta di Evasione Fiscale RIGUARDA le Regioni della Lombardia e Veneto, poi Piemonte, Lazio e le altre regioni del Nord-centro d&#39;Italia.<br>Quindi i &quot;problemi&quot; o le malefatte riguardano, purtroppo, tutti gli italiani&#33;&#33;&#33;<br>ciao metodico <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a7c7d51c566408eba2e3f26593ab8a01.gif" alt=":("><br>

SolarFranco
18-09-2006, 11:03
Sono un meridionale e ti dico che il Sud ha bisogno di industrie totalmente statali,<br>nel Sud non c&#39;è industriale che non paghi l&#39;estorsione e molte volte egli stesso ruba<br>per pagarsela...<br>L&#39;artigianato che è più povero è quello più colpito...<br>Io non sono un estorsore e per questo credo che un Italia federale con regole...sia la cosa migliore.<br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br>

metodico
18-09-2006, 17:05
ciao a tutti<br>ciao SolarFranco anch&#39;io sono mezzo siciliano da parte di padre, la mamma è del Nord, piemontese della provincia di Torino. Quindi mi sta a cuore non solo la Sicilia, ma tutto il Meridione. Non credo che il problema delle mafie si risolver&agrave; con il federalismo: la Sicilia è gi&agrave; una regione a Statuto Autonomo, e quindi gode di una certa autonomia. Il problema delle mafie è politico, e i politici nazionali e regionali sono tutti uguali, vedono prima la convenienza elettorale e poi il bene del Paese. Credo che la tua sia purtroppo un &quot;illusione&quot; quella di rimediare al potere mafioso sono riorganizzando lo Stato. Piuttosto il rischio del federalismo è quello di accentuare ancor più le differenze sociali, economiche, tra il Nord e il Sud.<br>Il problema è politico, per risolverlo bisogna quindi &quot;cambiare la politica&quot;, ma questo non è così semplice da farsi. Fin quando avremo politici e una cultura politica dell&#39;affarismo, del clientelismo, senza prinicipi morali, etici, economici allora sar&agrave; difficile risolvere l&#39;arretratezza e disparit&agrave; tra Nord e Sud.<br>Non credo che il federalismo risolver&agrave; questo &quot;problema politico&quot;.<br>ciao metodico <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/176947ca266701bdd6caa2f681ea309f.gif" alt=":(">

SolarFranco
19-09-2006, 09:56
Non è solo un problema politico, e c&#39;è anche che questo sistema di cose piace alla destra al centro e alla sinistra che attualmente risiedono in parlamento.<br>La sinistra è statalista e sa che un meridione pieno di estorsori..si potr&agrave; salvare solo con lo statalismo.<br>Al centrodestra non dispiacciono affatto i poveri...<br>Il problema maggiore però non è politico ma risiede nella mentalit&agrave; meridionale.<br>Per come conosco il popolo credo che un sistema prettamente statale sia la cosa migliore per vivere meglio...che non vale per il Nord però.<br><br>

BrightingEyes
19-09-2006, 11:57
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (metodico @ 18/9/2006, 11:34)</div><div id="quote" align="left">In quanto hai &quot;soldi pubblici&quot; se non mi ricordo male, e non è Santoro in causa, da un&#39;indagine del ministero dell&#39;Economia e della Guardia di Finanza, abbandonato in un cassetto, come molti altre, risulta che la percentuale più alta di Evasione Fiscale RIGUARDA le Regioni della Lombardia e Veneto, poi Piemonte, Lazio e le altre regioni del Nord-centro d&#39;Italia.<br>Quindi i &quot;problemi&quot; o le malefatte riguardano, purtroppo, tutti gli italiani&#33;&#33;&#33;</div></div><br>Sul fatto che l&#39;evasione sia maggiore al Nord che al Sud avrei ampi dubbi se permetti (e pure se non permetti&#33;). Sicuramente la ricchezza prodotta e sopratutto l&#39;attivit&agrave; di contrasto dello stato sono indubbiamente molto maggiori al nord e alzano le statistiche, ma non veniteci a raccontare le solite storielle tristi. Chiunque abbia esperienza di sud italia può controllare con mano che lavoro nero, evasione, corruzione etc etc sono a livelli ben maggiori che nel resto d&#39;Europa e la ricchezza ostentata da molti è del tutto paragonabile al nord, pur in presenza di redditi medi autonomi da terzo mondo.<br>La maggior parte della gente accetta e giustifica questo stato di cose come naturale, anzi c&#39;è spesso una sorta di &quot;rispetto&quot; popolare verso chi più ne ha saputo approfittare. Il &quot;furbo&quot; tira sempre.<br>Fortunatamente nelle nuove generazioni questa visione si è molto affievolita, anche perchè l&#39;intelligenza e l&#39;istruzione non tardano a far comprendere che il tempo dello statalismo è irreversibilmente tramontato e il piagnucolio non paga più.<br>Non ci sono risorse per improbabili industrie statali nè ci saranno. Ma il sud è ricco di una risorsa: il sole. Che può dare ricchezza a molti. Forse non con le centrali di Rubbia. Questa è un&#39;idea eccellente e qualche imprenditore prima o poi la sfrutter&agrave;, ma rester&agrave; un contributo marginale.<br>Quello che serve è rendere il settore della produzione energetica diffusa economicamente interessante e al sud è molto più facile.<br>Se il discorso è quello di far contribuire l&#39;intera nazione ad incentivare queste soluzioni (il conto energia ne è ottimo esempio) ben venga, anche per solare termico, minieolico, biomassa, ecc. Ma sia chiaro che l&#39;investimento, la gestione, il rischio d&#39;impresa deve essere LOCALE.<br>Come risolvere i problemi delle estorsioni è interesse e responsabilit&agrave; della gente del sud in primis e non può essere posto sul tavolo come un dato di fatto da cui partire. Prima ci si render&agrave; conto che i posti da maestra o forestale sono finiti e serve rimboccarsi le maniche senza piangersi addosso meglio sar&agrave; per tutti.<br><br>Pregiudizi come questo non sono banalit&agrave; argomento di battuta cabarettistica. Qualcuno ha parlato di secessione in condizioni di ricchezza economica... cosa pensate succederebbe in caso di vera crisi ? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f05a92a64574401880f836b56e3a90e4.gif" alt="&lt;_&lt;">

eroyka
19-09-2006, 14:21
Ciao Ragazzi,<br>Vi prego di restare nel tema del titolo: RUBBIA E IL SUO PROGETTO.<br><br>Grazie.<br>Roy

metodico
19-09-2006, 23:28
ciao a tutti<br>ciao Roy mi hai preceduto&#33;&#33;<br>Come al solito quando si parla di energie alternative, di progresso, di nuove prospettive industriali, di nuove possibili posti di lavoro, salta sempre fuori il &quot;maggiore indiziato&quot; che crea impedimenti: la politica e gli interessi particolari&#33;&#33;<br>ciao metodico

BrightingEyes
20-09-2006, 01:22
Ok, torniamo al tema. Se la Sicilia è così favorevole al progetto di Rubbia lo faccia. Non è un megaprogetto faraonico, bastano pochi miloni e la disponibilit&agrave; dell&#39;ente proprietario di Priolo (Enel credo, ma comunque non è statale). La gente di Sicilia può richiedere che la regione prenda l&#39;iniziativa e concretizzi un progetto importante che, forse, potrebbe essere determinante per lo sviluppo dell&#39;intera Italia.<br>Sarebbe un ottimo modo per smentire gli scettici no? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/38d22c6122019117b071ed6940886c4b.gif" alt=":)">

SolarFranco
20-09-2006, 09:15
Credo che le alpi siano anche buone per il solare termico.<br>Ci sono inverni che non nevica mai e c&#39;è la possibilit&agrave; di immagazzinare l&#39;energia elettrica con i bacini idroelettrici che gi&agrave; ci sono...<br>Si avrebbe energia costante...da Gennaio a Dicembre.<br><br>

metodico
20-09-2006, 09:22
ciao BrightingEyes.<br>Forse ti sei per perso un pezzo di discussione: il progetto Rubbia lo sta portando avanti in Spagna, che lo finanzia &quot;alla grande&quot;. Non credo che noi lo vogliamo riportare in Italia. Speriamo che almeno il &quot;fotovoltaico&quot; sia un&#39;occasione di...riscatto&#33;&#33;<br>Anche perchè potrebbe essere una occasione di creare industrie e posti di lavoro proprio in quel Sud, abbandonato da decenni, cosa dico, dalla seconda guerra mondiale&#33;&#33;<br>dai nostri &quot; lungimiranti&quot; politici &#33;&#33;<br>ciao metodico

BrightingEyes
20-09-2006, 13:17
Non mi son perso nulla <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4b5453e664163f67721a268a82da8c53.gif" alt=":D"><br><br>Traggo letteralmente dall'intervista a Rubio (quello che ha portato Rubbia in Spagna) dell'ottobre 2005(<a href="http://www.radicali.it/view.php?id=42787" target="_blank">http://www.radicali.it/view.php?id=42787</a>):<br><br>" Qui in Spagna è chiamata "energia ad alta temperatura" ed è quella sulla quale il paese punta a breve termine nella sua crociata per le fonti alternative. «Nel marzo dello scorso anno - dice Juan Antonio Rubio - è stata approvata una legislazione speciale per la promozione del solare termodinamico <b>che prevede sovvenzioni del 300&#37; del costo medio per kilowattora</b>, fino a un massimo di produzione di potenza di 500 megawatt. Sono incentivi destinati alla produzione industriale, per renderla competitiva»."<br><br>Questa, per me, è la base su cui far decollare un progetto del genere. Basta rendere economicamente conveniente per le imprese la produzione da solare termico e diventeranno competitive sia le installazioni di Rubbia, sia quelle più classiche di dischi-stirling etc. Ovviamente costa e ovviamente TUTTI (sud compreso) devono pagarne i costi della sovvenzione. E' la filosofia del conto energia, in Spagna la applicano anche al solare termico... ottima cosa e il fatto che le bollette aumentano di 5 o 6 € all'anno mi pare veramente cosa inifluente e invece di inseguire illusori interventi statalistici sarebbe cosa furba impegnarsi perchè anche in Italia questa filosofia si allarghi ad altre tipologie oltre al FV.<br>Discorso del tutto opposto è la solita trita lamentela sulla mancanza di fondi per questo e quello. Rubbia ha giustissimamente contestato la condizione penosa della ricerca in Italia, ma per aumentare i soldi alla ricerca occorre TAGLIARE da altre parti, calpestando anche molti interessi di microburocrazia ben consolidati e, purtroppo, su questo aspetto in Italia si fa ancora molta fatica.<br><br>I politici italiani si meritano ampiamente gli improperi, concordo. Ma non è che le proposte alternative siano sempre oro colato eh&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0a3e0e8fa42b8df0bc529b478a9bd9ba.gif" alt=";)"> A volte mi lascio prendere la mano, ma i riferimenti al nord ricco e evasore mentre il sud piange non mi sembrano giuste e nemmeno pertinenti granchè al tema. "A noi i finanziamenti, a voi la finanza" in parole povere mi pare la strada migliore per litigare.<br>Invece una intelligente politica di incentivo temporaneo può essere in grado di creare le condizioni per investimenti dei privati anche ingenti.<br>L'incentivo sarebbe a carico dei consumatori, che quindi potrebbero essere più "coinvolti" nel controllo, e sarebbe facilmente adeguabile alle reali esigenze. Quindi una graduale diminuzione dei costi di queste tecnologie lo ridurrebbe nel tempo, fino ad annullarlo.<br><br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (metodico @ 20/9/2006, 10:22)</div><div id="quote" align="left">Anche perchè potrebbe essere una occasione di creare industrie e posti di lavoro proprio in quel Sud, abbandonato da decenni, cosa dico, dalla seconda guerra mondiale&#33;&#33;</div></div><br>Proprio così. Se una tecnologia (FV, termoelettrico o altro) mi rende molto di più se la installo al sud piuttosto che al nord è una fondamentale ricchezza del sud. E non c&#39;è bisogno di interventi statalistici e inevitabile (pare...) corruzione. A me come imprenditore del sud basta sapere che il Kwh mi verr&agrave; pagato una certa cifra, a quel punto decido come investire.<br>Il sud può davvero diventare una risorsa energetica fondamentale per l&#39;Italia intera ed è giusto che l&#39;Italia tutta si impegni per raggiungere questo obiettivo, ma percorrendo strade più intelligenti del passato.

SolarFranco
20-09-2006, 17:14
Il problema sono le sovvenzioni statali.<br>L&#39;energia solare termica e quella eolica possono essere economiche senza l&#39;intervento dello stato e si può fare in modo da renderla costante tutto l&#39;anno immagazzinandola con il sale da cucina.<br>Con le sovvenzioni statali si perde tempo, se te li danno si produce e se no<br>si va col loro petrolio...<br>Con l&#39;energia solare/eolica economica ogni imprenditore può investire in sicurezza...senza aspettare nessuno.<br>Il lavoro nel sud potrebbe esplodere nel giro di pochi anni...<br>

BrightingEyes
20-09-2006, 18:40
La produzione eolica è competitiva, ma limitata a ben determinate zone e necessita di forti investimenti. Non è una panacea (se ne è discusso ampiamente in altri post) anche se sicuramente attira moltissimi investimenti. Lo stato non deve far nulla per incentivarla, al massimo snellire le procedure e facilitare le installazioni.<br>Il termico solare non è ancora conveniente, se adotti una tariffa incentivante (tipo conto energia per il FV) lo diventa e alcuni imprenditori vi investirebbero. Per economia di scala i costi di installazione col tempo scenderebbero e la tariffa incentivante potrebbe non essere più necessaria. A quel punto hai creato l&#39;industria energetica del sud che tanto auspichiamo.<br>Se per sovvenzioni statali intendiamo la tariffa incentivante ben venga, ma è una tariffa aggiuntiva imposta sulle bollette e non deriva dal bilancio statale (il che è soltanto un bene dai retta&#33;)<br>Se ci sono altre vie per raggiungere questo obiettivo io non le vedo. Le sovvenzioni intese come erogazioni a fondo perduto per finanziare le installazioni non hanno mai funzionato nel meridione.<br><br>Non ho capito la questione del sale da cucina per immagazzinare energia... non conosco questo metodo. Sarebbe?

SolarFranco
20-09-2006, 22:34
Mi riferivo a un altro tipo di eolico.<br>E&#39; un eolico a vela, cioè si sfrutta molta superfice realizzata però con<br>materiale edile...<br>In questo modo posso fare grandi quantit&agrave; di energia eolica<br>e posso conservarla col sale da cucina per averla costante.<br>Ovviamente si rimane sul posto sia per produrre energia elettrica che<br>per fare la guardia...<br>Hai mai pensato perchè fanno quei grossi pali eolici?<br><br><br>

metodico
21-09-2006, 02:02
ci a a tutti<br>ciao BrightingEyes QUOTO IL TUO INTEVENTO&#33;<br>(vedi anche mio articolo pubblicato sul nostro sito, vedi www, sezione eco-nomia).<br>non aggiungo altro perchè sarebbe<br>in questo caso..superfluo&#33;&#33;<br>ciao e buonanotte vista l&#39;ora.<br>metodico...stanco (del lavoro)&#33;&#33;

SolarFranco
21-09-2006, 09:29
Ciao Metodico,<br><br><br>Forse è meglio che lavori di meno, fai meno danni...

metodico
21-09-2006, 10:57
ciao a tutti<br>ma quali danni, io non uso aquiloni &#33;&#33;&#33;<br>lavoro in un&#39;azienda municipalizzata che ha una centrale<br>a biomassa e teleriscaldamento.<br>Ma il fotovoltaico, con i nuovi sviluppi regionali e statali, sicuramente<br>diventer&agrave; una cosa .....interessante&#33;&#33;&#33;<br>ciao metodico <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f8f3b0cfdf29392df8a76e121fcbf8b3.gif" alt=":D">

SolarFranco
21-09-2006, 13:26
Scusa, vai alla grande con i tuoi fotovoltaici&#33;

mikybiturbo
14-11-2006, 00:01
Se Rubbia aveva calcolato le variabili socioeconomiche e aveva speso il suo nome statene certi era funzionante. Rubbia ti riduce il problema in sistema di equazioni differenziali lineari a 20 incognite e in 10 minuti ne trova gli autovalori e ti risolve il tutto. Poi non contento coordina 150 tra Ing e tecnici nella costruzione, come ha fatto al cern. La variabile che gli e&#39; sfuggita e&#39; la coglionaggine italiana.