PDA

Visualizza la versione completa : LENR, GDPE e Statistica.



topolinus
15-11-2006, 14:51
premetto che non sono un esperto di statistica e questa discussione nasce da una riflessione sui fenomeni osservati da Iorio e Cirillo nella loro cella GDPE.<br><br>andiamo subito al dunque:<br><br>le trasmutazioni nucleari osservate riguardano nella maggiorparte dei casi il W che con un unica transizione isobara diventa Renio. io credo che sarete daccordo con me nell&#39;attribuire a questa reazione una posizione statisticamente privilegiata in quanto avviene in relativa abbondaza di substrato (W). per quanto riguarda le transizioni successive invece la probabilit&agrave; dovrebbe decressere drasticamente poichè il Renio non è così abbondante come il W e quindi la probabilit&agrave; teorica che che un neutrone colpisca un atomo di renio è minore della probabilit&agrave; di colpirne uno di W visto che gli atomi di quest&#39;ultimo sono enormemente più abbondanti.<br>questa valutazione comporterebbe una riduzione notevole in termini quantitativi delle specie atomiche via via più distanti dal W. questo mi pare di capire sia quello che accade.<br><br>questo ragionamento comporta una conseguenza che vi invito a contestare o a rimaneggiare insieme:<br>se conosciamo le quantit&agrave; esatte degli elementi trasmutati e ne ricaviamo le proporzioni possiamo valutare quale è il meccanismo che statisticamente spiega meglio il fenomeno.<br><br>a voi la parola<br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/da4def847cadbdd73959de38e4abbb94.gif" alt=":)">

16-11-2006, 01:40
hei,<br>c&#39;è arrivato anche il topino...<br>beh, meglio tardi che mai...<br><br>però ,<br>sinceramente, un aumento di renio era quanto ci aspettavamo ,io e remond...<br>ma dalle analisi di remond , troviamo addirittura una diminuzione,<br>addirittura considerando tutto .un meno 100 microgrammi per litro,<br>sempre attorno a 10+16 nuclei spariti...meglio trasmutati...<br>e questo è l&#39;elemento più inspiegabile...<br>com&#39;è possibile, che in mezzo a miliardi di nuclei, si becchi con maggiore frequenza quelli del renio,<br>indipendetemente da quello che gli succede se beccato?<br>le probabilit&agrave; sono mostruosamente a sfavore...<br>passi per le altre trasmutazioni..<br>se ammettiamo i polyneutrons, ad es...(non è la mia teoria preferita.. ma un es...)<br>sono 8 neutroni collegati assieme,<br>beh, basta che becchino un nucleo di W a caso, e potrebbero fargli fare salti grandi in tabella...<br><br>ma il renio...mistero profondo.. spero che magari risulti essere un errore di misura..<br>molti grattacapi in meno...<br>se qualcun altro facesse una prova simile...

topolinus
16-11-2006, 07:27
questa anomalia apparente si potrebbe spiegare ipotizzando che ci siano delle regioni dell&#39;elettrodo dove i fenomeni su citati sono più intensi e frequenti e quindi dove viene a formarsi facilmente renio. quest&#39;ultimo trovandosi proprio in una zona calda (perchè si è formato li) avr&agrave; una probabilit&agrave; di trasmutare nuovamente più alta rispetto alla probabilit&agrave; attesa tenendo conto dell&#39;esiguo numero di atomi in gioco.<br><br>mi rendo conto che magari queste per voi sono ovviet&agrave; e che non ho letto tutto il forum. nel caso portate pazienza.<br><br>il mio ragionamento nasce dal fatto che la fisica quantistica si basa spesso e volentieri su spiegazioni di tipo probabilistico, basti pensare alla definizione di orbitale.

16-11-2006, 11:31
beh,topino,<br>per mollto meno su questo forum siamo stati linciati,<br>abbiamo dovuto aprire sezioni diverse,<br><br>spero che non ti rompano anche a te..<br>questo delle probabilit&agrave; è un discorso evidentemente troppo difficile...<br>anche il genco non ha mai capito il problema della probabilit&agrave; di cattura di un neutrone...<br>e gli altri sono su per giù lì...<br>ma s&#39;incazzano se provi a farglielo notare...<br><br>beh, per l&#39;ipotesi renio,<br>non direi che sono pochi,i nuclei mancanti,...<br><br>prova a calcolare quanti neutroni occorrono per colpire 10+16 nuclei in 1000 sec...anche ammettendo che tutti siano catturati...<br><br>e poi non parliamo che abbiamo circa un 10 milligrammi per litro di materia trasmutata... roba da 10+20 nuclei...occorre un nucleo in fusione di una enorme centrale nucleare per avere un flusso di neutroni bastevole.. e non basta...<br>ma ti rendi conto che flussi di neutroni dovremmo avere comunque, a parte le probabilit&agrave;??<br>e poi , se anche il renio fosse più presente nelle zone calde,e trasmutare quindi...<br>dovremmo ammettere che anche semplice elettrolisi dovrebbe produrre più renio,...per trasmutazione...<br>urca..semplice elettrolisi...per questo dovremmo provare a sciogliere W con metodi solo chimici.. e fare le tre comparazioni...<br><br>ma niente,, gli sperimentatori me dormono..me fanno di tutto fuorchè una buona...<br>non basta che gli si spieghi tutto...<br>vorrei sapere chi ha minimamente compreso perchè con il metodo remond, il punto importannte non è trovare condizioni di purezza straordinarie...<br>ma solo condizioni molto simili alla partenza delle tre misurazioni...<br><br>

Hellblow
16-11-2006, 11:53
La MQ si basa su funzioni di densit&agrave; di probabilit&agrave;, e questo vuol dire, matematicamente parlando, che non esclude neanche le possibilit&agrave; che noi giudichiamo remote. Basta pensare all&#39;effetto tunnel.<br>Io ho una personalissima opinione su tutto ciò, ma al di l&agrave; di questo diciamo che saltuariamente una particella può subire una spintarella momentanea e può far cose che normalmente (probabilisticamente) non potrebbe fare.<br>Non so se è piu&#39; corretto parlare di momentanea energia in eccesso per la particella o forse di abbassamento momentaneo delle barriere elettrostatiche, il fatto però è che succede.<br>Purtroppo però se le tramustazioni sono massicce allora con le probabilit&agrave; non ci stiamo piu&#39;.<br>Diventa davvero senza speranza il caso in cui le trasmutazioni avvengono in maniera massiccia e con salti in tabella (a salire) di due o piu&#39; posti.<br>Quindi si deve capire se le trasmutazioni che saltano fuori avvengono per qualche fenomeno che guida questi avvenimenti, oppure se ancora c&#39;e&#39; altro.<br>Il discorso è veramente complesso qui, e credo che una trattazione senza andare a vedere le equazioni che spiegano un po questi discorsi sia campata un pò in aria <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/502ece395d08e6dd587c16191e2c9008.gif" alt=":)">

topolinus
16-11-2006, 12:02
non vedo perchè dovrebbero linciarmi.<br>credo si possa dire qualunque cosa con garbo, educazione e rispetto.<br>inoltre le implicazioni statistica mi pare siano evidenti, temevo infatti di riprendere un argomento gi&agrave; discusso in mia assenza.<br><br>in merito agli studi analitici fatti non ho visto ancora valutazioni quantitative globali. in merito ai risultati analitici di remond ho gi&agrave; espresso la mia perplessita sull&#39;enorme quantit&agrave; di mercurio rilevata e verosimilmente presente come contaminante ambientale.<br><br>il fatto che un evento ci appaia statisticamente improbabile vuol dire che stiamo commettendo un errore teorico o di valutazione. il fenomeno è tangibile la statistica è fatta di congetture che si fondano su ipotesi e osservazioni.<br><br>la statistica fa previsioni e quando queste per qualche motivo si discostano parecchio dai valori attesi in genere c&#39;è un errore di calcolo o un fenomeno anomalo non previsto.

Hellblow
16-11-2006, 12:19
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">non vedo perchè dovrebbero linciarmi.<br>credo si possa dire qualunque cosa con garbo, educazione e rispetto.</div></div><br>Esattamente <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/dea6a4a7f4dac8fa64b9c8671a669e00.gif" alt=";)"><br><br>Sicuramente hai ragione nel dire che se nella realt&agrave; troviamo 100 atomi di renio e la teoria ci dice che ce ne devono essere 10 allora c&#39;&#39;e qualcosa che non v&agrave; nella teoria, o magari non stiamo considerando un certo fenomeno nei nostri calcoli.