PDA

Visualizza la versione completa : Superare i 300.000 km/s



ClearWar
20-12-2006, 18:08
Buonasera. Disponendo di un&#39;ener6ia infinita (...) a mio parere è possibile superare la velocit&agrave; della luce.<br>Come? Beh,pensate ad un o66etto nel cosmo,immobile. Se personalmente mi avvicino e inizio a spin6erlo,acquisir&agrave; della velocit&agrave;. Se fornisco una determinata forza,e6li si sposter&agrave;. Ovvero far&agrave; un determinato spazio nel tempo. (V=s/t)<br><br>Se inizio a spin6erlo con una forza &quot;assurda&quot; nell&#39;ordine di qualche miliardo di k6 per cm^2,certamente si sposter&agrave; così velocemente che superer&agrave; la velocit&agrave; dell&#39;onda visiva. Essendo L=FxS oppure (E=FxS) con una forza tendente a infinito avremo una ener6ia tendente all&#39;infinito,e dato che la &quot;luce&quot; possiede una forza,(chiaramente,altrimenti non si propagherebbe,o un&#39;ener6ia...) se imprimiamo ad un o66etto una forza superiore a quella della luce,a mio parere possiamo spostarci in una maniera più veloce del fotone...<br><br>Scusate,ero un pochino allegro (brillo diciamo <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9dd3849b7636aba1d0b5c86d4220058f.gif" alt="image"> ) che ne pensate? Odio E=mc^2 ......<br><br><br>...ar6omentazioni pro? a mio parere la telepatia...

20-12-2006, 18:38
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">miliardo di k6 per cm^2,</div></div><br>NON e&#39; infinito, l&#39;energia ceduta&#39; non potra&#39; pertanto essere infinita e la velocita&#39; raggiungibile non potra&#39; essere quella della luce.<br>Le argomentazioni su FTL (faster than light) sono innumerevoli e quasi tutte appartenenti alla fantascienza, comunque nulla vieta ad un oggetto che gia&#39; esista ad una velocita&#39; maggiore di quella della luce ... di esserlo ... vedi tachioni.

Wechselstrom
20-12-2006, 21:27
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ClearWar @ 20/12/2006, 18:08)</div><div id="quote" align="left">forza "assurda" nell'ordine di qualche miliardo di kg per cm^2</div></div><br>Dimensionalmente una forza non è espressa in kg/cm<sup>2</sup>.<br>Ciao

Hellblow
20-12-2006, 22:46
Non puoi avere energia infinita.

gabryel81
20-12-2006, 22:53
Quando tu imprimi una spinta ad un corpo (quindi gli fornisci energia), quasi tutta l&#39;energia va ad aumentare la velocit&agrave; ma, una piccolissima parte di essa, va ad aumentare la massa del corpo. Questo per modeste velocit&agrave;. Man mano che il corpo accelera, se tu continui a fornirgli energia spingendolo, la parte di energia che va ad aumentare la velocit&agrave; si riduce ed aumenta la parte di enrgia che va ad aumentare la massa. Quando il corpo raggiunge la velocit&agrave; della luce ogni ulteriore enrgia che fornirai al corpo andr&agrave; solo ad aumentare la sua massa mentre la velocit&agrave; rester&agrave; invariata (da qui l&#39;equivalenza tra massa ed energia e=m c^2). Conclusione: se tu fornisci energia infinita ottieni solo una massa infinita, ma velocit&agrave; uguale a c (pensa che non puoi superare la velocit&agrave; della luce nel vuoto neanche &#39;relativamente&#39;. Mi spiego: se due macchine viaggiano a 200000 Km al secondo l&#39;una contro l&#39;altra, la velocit&agrave; relativa tra le macchine, che apparentemente dovrebbe essere di 400000 Km al secondo, in realt&agrave; è inferiore). Esistono solo due modi per superare c : individuare i famosi &#39;tachioni&#39; o usando una &#39;scorciatoia spazio-temporale&#39; cioé un buco nero.

21-12-2006, 12:34
beh,<br> non si può supertare la velocit&agrave; luce,<br>esattamente . perchè si aumenta la massa ,<br>e anche per la MQ arrivati a C l&#39;interazione con i campi di higgs diventa talmente forte da aumentare la massa...<br><br>nelle equazioni di relativit&agrave; possiamo pero trovare che è impossibile ad un corpo in movimento nello spazio superare C ,<br>ma non impossibile per lo spazio stesso ,se in movimento,superare C trascinando il corpo con sè....<br>

leo48
21-12-2006, 14:14
Negli anni venti e trenta un sacco di persone dicevano che non era possibile superare la<br>velocit&agrave; del suono perchè si sarebbe creato un muro del suono (gigantesca onda sonora)<br>che avrebbe impedito di superare tale velocit&agrave;. Ma dopo sappiamo benissimo come sono<br>andate le cose il muro del suono si forma sì ma poi si rompe e l&#39;aereo o l&#39;automobile ( anche<br>un&#39;automobile ha superato il muro del suono) passa oltre.<br>Non potrebbe essere che con la luce sia lo stesso?<br>Anche se per provare adesso non abbiamo la tecnologia ma secondo me andr&agrave; a finire come<br>è successo per la velocit&agrave; del suono&#33;<br>Ciao a tutti<br>leo48

topolinus
21-12-2006, 15:30
la temperatura ha un valore minimo detto zero assoluto(pari a circa -273 C°) non è possibile andare sotto questa temperatura e di primo acchitto sembra una assurdit&agrave;. la cosa diviene più comprensibile se si va a guardare cosa è la temperatura.<br>la temperatura è l&#39;espressione della velocit&agrave; di agitazione termica delle molecole di un corpo. allo zero assoluto la velocit&agrave; è zero e quindil el molecole sono ferme. E&#39; ovvio che più ferme non possono essere e quindi non possono andare a temperature più basse.<br><br>questo esempio spiega bene il concetto di limite fisico invalicabile che è valido anche per la luce.<br>ho aperto una discussione su questo argomento in off topic e lo ritengo comunque molto stimolante ma non ho ancora trovato una spiegazione così cristallina come può esserla quella dello zero assoluto.

21-12-2006, 15:35
gennaio 2001 le scienze<br>Più veloce della luce?<br>Daniela Mugnai<br><br><br>Il testo integrale dell&#39;articolo si trova su «Le Scienze» di gennaio 2001<br><br>Anche tra coloro che hanno messo fine ai loro interessi scientifici con l’esame di maturit&agrave; pochi hanno dimenticato che la velocit&agrave; della luce è un limite invalicabile. Per le più svariate ragioni, nella mente di tutti è ben impresso questo concetto: nulla può superare la velocit&agrave; della luce. Non solo, ma ammettere il suo superamento porta a quelli che in fisica si chiamano «paradossi», che sono alla base della moderna fantascienza.<br>E forse è per questo che la notizia di recenti misure, relative alla propagazione in aria di onde elettromagnetiche, nelle quali si evidenziava un comportamento «superluminale» ha valicato il confine dei laboratori per invadere i mezzi di comunicazione.<br>Nell’esperimento condotto a Firenze - all’Istituto di ricerca sulle onde elettromagnetiche «Nello Carrara» del Consiglio nazionale delle ricerche - si è indagata proprio questa zona, considerando un particolare insieme di onde noto come fascio di Bessel. Nelle misure eseguite con il nostro apparato sperimentale, il ritardo relativo alla distanza di un metro è pari a 3,155 nanosecondi, più breve rispetto a quello di 3,333 nanosecondi che si sarebbe ottenuto per una velocit&agrave; di propagazione uguale a quella della luce: la velocit&agrave; del fascio di Bessel è superiore a c del 5 per cento. In un altro caso, la velocit&agrave; è risultata di circa il 25 per cento maggiore di quella della luce.<br>Per comprendere i risultati dell’esperimento è bene ricordare che le onde elettromagnetiche sono caratterizzate da tre diverse velocit&agrave;: la velocit&agrave; di fase, la velocit&agrave; di gruppo, e la velocit&agrave; del segnale, che è la più importante, poiché da essa dipende il trasporto dell’informazione. Le prime due possono essere superiori a c, mentre la velocit&agrave; del segnale ha come limite invalicabile la velocit&agrave; della luce. Così, nell’esperimento descritto, la modulazione di una portante origina un pacchetto d’onde e la velocit&agrave; a esso legata è una velocit&agrave; di gruppo ma, a rigore, non si può parlare di velocit&agrave; del segnale.<br>Viene perciò da chiedersi perché l’esperimento abbia destato tanto clamore. I motivi principali sono due. Il primo è che la grande semplicit&agrave; dell’esperimento non lascia spazio a fantasiose speculazioni e a modelli teorici ad hoc. Nel nostro caso, le leggi che governano la propagazione sono quelle ben note.<br>Il secondo motivo si basa sulle seguenti considerazioni: se supponiamo di avere impulsi sempre più rarefatti, può la misura subire dei cambiamenti rispetto a quella gi&agrave; fatta? E ancora: l’esperimento si è svolto in assenza di dispersione e in questa situazione, per le onde elettromagnetiche, le tre velocit&agrave; coincidono. Si può estendere questa conclusione anche ai fasci di Bessel?<br>Speculazioni teoriche di questo tipo sembrerebbero non escludere la possibilit&agrave; che anche la velocit&agrave; del segnale possa superare la velocit&agrave; della luce nel vuoto. Occorre tuttavia grande cautela: per chiarire il problema sono necessarie ulteriori indagini, sia teoriche sia sperimentali.<br>Ma se risultasse che anche la velocit&agrave; del segnale è superiore a c, che cosa succederebbe? Sarebbe una scoperta interessante, ma certo non un annullamento delle leggi fisiche preesistenti. Nuove scoperte porteranno sempre a un allargamento della conoscenza e a un suo arricchimento, mai a un annullamento.<br><br>© 1999 - 2006 Le Scienze S.p.A.

ClearWar
22-12-2006, 20:21
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">E&#39; ovvio che più ferme non possono essere e quindi non possono andare a temperature più basse.</div></div><br>Dio è GAY

OggettoVolanteIdentificato
22-12-2006, 20:40
Certo che hai dei bei pensieri natalizi.....<br>..ma da piccolo,a Natale,ti regalavano carcasse di pollo morto? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a82c055007760cda9f6866a84461ef3f.png" alt="image">

23-12-2006, 16:14
il problema non è regalarle, è fumarsele dopo aver aperto i pacchi&#33;

Tianos
23-12-2006, 19:58
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (topolinus @ 21/12/2006, 15:30)</div><div id="quote" align="left">la temperatura ha un valore minimo detto zero assoluto(pari a circa -273 C°) non è possibile andare sotto questa temperatura e di primo acchitto sembra una assurdit&agrave;. la cosa diviene più comprensibile se si va a guardare cosa è la temperatura.<br>la temperatura è l&#39;espressione della velocit&agrave; di agitazione termica delle molecole di un corpo. allo zero assoluto la velocit&agrave; è zero e quindil el molecole sono ferme. E&#39; ovvio che più ferme non possono essere e quindi non possono andare a temperature più basse.<br><br>questo esempio spiega bene il concetto di limite fisico invalicabile che è valido anche per la luce.<br>ho aperto una discussione su questo argomento in off topic e lo ritengo comunque molto stimolante ma non ho ancora trovato una spiegazione così cristallina come può esserla quella dello zero assoluto.</div></div><br>non solo in un sistema in cui vi sia una qualsiasi fonte di energia (e in tutto l&#39;universo esiste) e impossibile e&#39; imposssibile far raggiungere ossia fermare l&#39;agitazione molecolare piu di un certo livello solo rubando energia (calore) al sistema.<br>per riuscire a fare raggiungere lo zero assoluto a quel punto bisogna applicare un pressione tale (dato che per espansione non sarebbe possibile all&#39;interno di un sistema chiuso per effetto di disturbi gravitazionali delle pareti ) da fermare completamente la molecola....facendola collassare ,e trasformandola in un buco nero ....cosa che probabilmente avverrebbe se fosse possibile togliergli ogni energia.

24-12-2006, 15:07
hei clear,<br>ma se dio ha fatto i buchi neri, non significa automaticamente che voti per luxuria...<br><br>ma comunque, esistono gi&agrave; nella relativit&agrave; estesa, formule risolte correttamente,<br>ora non ricordo il nome del matematico...alcubierre?boh..anche altri...<br>dove lo spazio stesso , se in movimento ,può trascinare con in un surfing,<br>materia oltre C...<br>inoltre campi di higgs superraffreddati possono portare inflazione, espansione dello spazio stesso a velocit&agrave; ultra>C...<br>inoltre esiste comunque una temperatura minima ,<br>un'oscillazione del vuoto,o frequenza di plank, oltre alla quale non si può andare...( siamo nell'ordine di 10-30frazioni di K,freschino comunque)<br>quindi non raggiungeremo mai lo zero assoluto...i<br>interessante notare che comunque fra le due barriere, zero °k, e C,<br>in cui siamo immersi,sembra più facile eludere C...<br>che lo zero....<br>poi siamo in un universo non locale...<br><br>

ClearWar
24-12-2006, 18:14
Era una semplice considerazione la mia... ho piacere di confrontarmi con gente che ha la voglia di perdere del tempo a leggere,non solo ad affermare... cosa ?<br><br>Tuttavia la mia idea di velocit&agrave; è un pò differente da come si immagina generalmente. Dato che generalmente V=S/T è chiaro che ci siano delle discordie...si parla di tempo...come i paradossi,bene il tempo ...atmosferico...il rock.<br><br>Allora la velocit&agrave; è una derivata. Se è derivata,deriva dallo spazio suppon6o....quindi è difficile dire che esiste un limite alla stessa,se corriamo su una pista automobilistica,a forma di 8,sappiamo che non &quot;ra66iun6eremo&quot; mai la &quot;fine&quot;...<br><br>E=mc^2 non vuol forse dire che avendo dell&#39;ener6ia possiamo de-allocarla o &quot;muoverla&quot; in un tempo indefinito? L&#39;ener6ia è tutta uguale,alla radice... e se abbiamo una massa che diviene ener6ia,l&#39;impronta ener6etica che ipoteticamente descrive un oggetto lanciato alla velocit&agrave; della luce è comparabile con un&#39;altra a distanza di &quot;infiniti&quot; chilometri... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4895bdd5a86e6cfdf725a390dbb02fa1.gif" alt="image">

OggettoVolanteIdentificato
24-12-2006, 20:23
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ClearWar @ 24/12/2006, 18:14)</div><div id="quote" align="left">&quot;ra66iun6eremo&quot;</div></div><br>sei un ricercatore satanista? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a61cb178939739df86a733558db6c42c.gif" alt=":sick:"><br>Dio a volte gioca ai dadi....

topolinus
24-12-2006, 21:31
un tantino ermetico... come minimo.<br><br>io credo che il problema stia nella difficolt&agrave; di concepire un limite a qualcosa che apparentemente non avrebbe alcun motivo di averne.<br><br>in realt&agrave; bisognerebbe guardare la velocit&agrave;,la massa, lo spazio e il tempo come aspetti di un&#39;unica entit&agrave;, intimamente connessi e vincolati. il paragone magari non è dei migliori ma mi fa venire in mente il rapporto tra pressione volume e temperatura dei gas.<br>comunque il fatto che il concetto di velocit&agrave; limitata sia difficile da concepire, rappresenta solo un limite alla capit&agrave; umana di comprendere la natura dell&#39;universo e le sue ragioni.

24-12-2006, 21:36
Superare la velocit&agrave; dela luce? Un gioco da ragazzi... Babbo Natale lo far&agrave; proprio stanotte<br><br>AUGURI&#33;

25-12-2006, 02:37
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (topolinus @ 24/12/2006, 21:31)</div><div id="quote" align="left">io credo che il problema stia nella difficolt&agrave; di concepire un limite a qualcosa che apparentemente non avrebbe alcun motivo di averne.</div></div><br>secondo me il problema in questo thread sta proprio alla base.. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/2e5fd794cbed80ccc14fcea78f3280a0.gif" alt=":P"><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (topolinus @ 24/12/2006, 21:31)</div><div id="quote" align="left">in realt&agrave; bisognerebbe guardare la velocit&agrave;,la massa, lo spazio e il tempo come aspetti di un'unica entit&agrave;, intimamente connessi e vincolati.</div></div><br>lo spazio-tempo di Minkowski, o più semplicemente R<sup>1,3</sup>.

ClearWar
25-12-2006, 15:24
Un&#39;esempio banale. Ho un motore con un rotore di diametro x+x/3,inizio a farlo funzionare e porto alla velocit&agrave; prossima a quella luminosa il rotore nel punto x.<br>Secondo la lo6ica il punto in x+x/3 dovr&agrave; compiere una rotazione nello stesso, tempo ,del punto X.<br>Essendo V=S/T,è normale supporre che la velocit&agrave; del fascio luminoso E&#39; superabile.<br><br>Buon Natale a tutti<br><br><span class="edit">Edited by ClearWar - 29/12/2006, 21:24</span>

25-12-2006, 15:44
hei clear,<br>è vero che il bosone di higgs è anche detto particella di dio...<br>ma appunto bOsone, non bUsone...<br><br>non confondiamo...<br><br>ma , per il tuo disco, possiamo pensare che l&#39;aumenti di massa comprima il bordo fino al punto x...oppure che invorticando lo spazio,<br>il bordo giri in esso a velocit&agrave; relativa inferiore C...<br>ma secondo me l&#39;energia che continui a dare al disco, quando la velocit&agrave; del bordo diventa c ,a quel punto non aggiunge velocit&agrave; ma aumenta la massa del bordo continuamente...<br>azz.. un bel disco robusto però...

26-12-2006, 12:29
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ClearWar @ 25/12/2006, 15:24)</div><div id="quote" align="left">Essendo V=S/T,è normale supporre che la velocit&agrave; del fascio luminoso E&#39; superabile.</div></div><br>congiuntivi a parte, secondo te quindi la omega non è limitata? per quale motivo?

ClearWar
27-12-2006, 15:42
Che discorsi...perchè sono un pazzo&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b1afd1cbedd432806027656bcbf3b8a0.gif" alt=":)">

27-12-2006, 18:31
Non direi, ti serve solo leggere la teoria della relativita&#39; ristretta e qualche libro di fisica moderna sulla possibilita della ftl per rinsavire.

ClearWar
29-12-2006, 21:23
<img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e91a4d33088218904b1078d047fcb63c.gif" alt=":)">

31-12-2006, 12:57
Aggiungo un po&#39; di pepe al problema, nella relativit&agrave; sembra che oltre l&#39;aumento di massa intervenga la contrazione del tempo. quanto più un&#39;oggetto viaggia prossimo alla velocit&agrave; della luce tanto + il suo tempo relativo diventa lento...... raggiunta la velocit&agrave; della luce x l&#39;oggetto il tempo non passa, è fermo. In assenza di tempo non si può applicare nessuna forza all&#39;oggetto e quindi non si può accelerarlo ulteriormente&#33;<br><br>in quest&#39;ottica la velocit&agrave; della luce non è un &quot;limite di velocit&agrave;&quot; (anche a me sembra assurdo vedere dio con la paletta e l&#39;autovelox a bloccare la gente) ma + un limite di tempo: più lento di 0 s/s non puoi andare......<br><br>Buon capodanno a tutti.<br>

31-12-2006, 15:29
hei, interessante questa del tempo...<br>naturalmente il tempo 0 sarebbe osservato da chi viaggia a c...<br>non da osservatori a velocit&agrave;&quot; normali&quot;...<br><br>ma questo congelamento del tempo potrebbe assomigliare alla temperatura 0 °K,<br><br>un&#39;assonanza che non mi si era mai posta prima in maniera così evidente...<br>,<br>

ClearWar
31-12-2006, 17:00
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Aggiungo un po&#39; di pepe al problema, nella relativit&agrave; sembra che oltre l&#39;aumento di massa intervenga la contrazione del tempo. quanto più un&#39;oggetto viaggia prossimo alla velocit&agrave; della luce tanto + il suo tempo relativo diventa lento...... raggiunta la velocit&agrave; della luce x l&#39;oggetto il tempo non passa, è fermo. In assenza di tempo non si può applicare nessuna forza all&#39;oggetto e quindi non si può accelerarlo ulteriormente&#33;</div></div><br>Saluti&#33; Chiedo scusa se è un pò che non posto. Tornando alla questione della velocit&agrave; &quot;relativa&quot; e &quot;tempo relativo&quot; anche io avevo sentito una notizia simile. Tipo di un Boing 777 trasportante un&#39;orologio atomico sincronizzato con uno identico presente nell&#39;aeroporto,che ha volato ininterrottamente a manetta per dei giorni ed è poi atterrato... Si è notato che l&#39;orologio a bordo era desincronizzato con quello a terra,ovvero aveva dei decimi di secondo di scarto in meno confrontato con quello a terra.<br>La velocit&agrave; è a mio parere relativa,mai assoluta fino a che non si scoprir&agrave; se l&#39;Universo è illimitato. Se così fosse,sarebbe normale definire la luce come una velocit&agrave; barriera e non limite come oggi la chiamiamo.<br>__________________________________________________ __________________________________________________ _____________<br><br>Vi piace il mio nuovo avatar ? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0e05b3bf820e630004dfac51a59bd34d.gif" alt=":huh:">

ClearWar
10-03-2007, 16:22
Ciao a tutti forumiani.... Tuttavia ribadisco che la velocit&agrave; della luce è superabile... raggiunta la soglia della stessa,comprimiamo il tempo &quot;relativo&quot;,ottenendo uno spostamento dell&#39;oggetto in questione (noi,un&#39;astronave,l&#39;erba),in un tempo definito. Definito il tempo in cui noi vogliamo compiere un percorso,è plausibile,a mio parere, superare la velocit&agrave; della luce... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4fc03c8fc39b139542388de1d5285688.gif" alt="image">