PDA

Visualizza la versione completa : Gravi problemi "Scambio sul posto"



21-12-2006, 05:13
Ho ricevuto oggi una comunicazione spiacevole dall'ENEL: la nullit&agrave; del contrato di scambio sul posto precedentemente da loro inviato e sottoscritto dalle parti.<br>Il motivo è che <b>ai sensi dell'art. 3.4 della Delibera AEEG n°28/06, tale contratto deve essere sottoscritto dal soggetto intestatario del rapporto contrattuale per servizio di trasporto per il punto di prelievo e immissione.</b><br>Fino ad oggi credevo che fossero loro gli intestatari del mio contratto... invece...<br>Mi sono subito attivato per ricevere chiarimenti in merito e a seguito di telefonate varie sono riuscito a contattare il responsabile che ha firmato la comunicazione: quest'ultimo mi ha spiegato che dal 1° Dicembre io non risulto più un loro cliente finale in termini di fornitura. Il mio contratto risultava di fatto transitato da "Vincolato" a "Libero".<br><br>Alla luce di questo cambiamento il mio contratto di FORNITURA di energia elettrica è transitato ad una societ&agrave; del gruppo ENEL chiamata ENEL ENERGIA che mi vende l'energia elettrica servendosi della rete di distribuzione di ENEL DISTRIBUZIONE.<br>ENEL ENERGIA di fatto diventa l'intestatario del rapporto contrattuale per servizio di trasporto per il punto di prelievo e immissione, servendosi delle reti di ENEL DISTRIBUZIONE.<br>In un regime di mercato Vincolato ENEL DISTRIBUZIONE ed ENEL ENERGIA coincidevano, mentre in regime di mercato Libero no.<br>Dunque il contratto stipulato era da ritenersi nullo e (cito testualmente) "Pertanto in assenza del consenso da parte del Suo fornitore di energia elettrica alla stipula di detto contratto di scambio, l'energia immessa in rete dal Suo impianto di produzione dovr&agrave; ritenersi necessariamente come "cessione"."<br><br><span style="font-size:21pt;line-height:100%">In realt&agrave; io non ho mai fatto richiesta di questo passaggio&#33;</span><br><br>Inoltre non esiste un fac simile di richiesta di scambio sul posto da inviare ad ENEL ENERGIA, non ho trovato alcun recapito di ENEL ENERGIA e nessun indirizzo di ENEL ENERGIA&#33;<br><br>Assurdo&#33;&#33;&#33; Spero di aver capito male, anzi di non averci capito nulla e di aver sbagliato a postare il messaggio interpretando male la comunicazione e quanto richiesto.<br>Cosa ne pensate?<br>Qualcuno ha avuto un problema simile?<br>Avete in qualche modo ovviato al problema?<br>Grazie

snapdozierxxxxxxxxxxxxxxxx
21-12-2006, 08:52
Io mi rivolgerei all&#39;auotorit&agrave; per l&#39;energia. Probabilmente si tratta di un dirigente molto zelante.

taote
21-12-2006, 09:14
Questo problema l&#39; avevo gi&agrave; posto nella discussione LIBERALIZZAZIONE DELLE FORNITURE ELETTRICHE...<br><br><br>ecco che cominciano a venire furi i problemi, come pensavo.. e se fanno casino Enel Distribuzione ed Enel Energia, immagino con gli altri fornitori&#33;<br><br>Fate tutti una bella telefonata al vostro fornitore&#33;(sempre se trovate il recapito&#33;)<br>

GB energy
21-12-2006, 18:42
contattare ENEL in certe zone è, di fatto, impossibile..<br>Sto preparando un Piano Energetico di un grande Comune del Nord Italia e deisderavo parlare con qualcuno per avere dei dati ....bene, alla fine ho dovuto scrivere allo spazio segnalazione problemi...e sono stato contattato dopo quasi 1 mese..., senza ottenere ancora niente (perchè informazioni riservate, dati sensibili etc...etc...politica societaria...etc...etc...)<br>Semplicemente desolante...<br>

primosolarefv
22-12-2006, 12:17
Circa l&#39;agire dell&#39;ENEL riguardo al FV è palese, da tempo, il non gradimento della generazione diffusa. E il FV lo è. Avevo inviato una e-mail ad un megagalattico dirigente Enel, lui non mi ha risposto ma lo ha fatto un suo collaboratore molto cortese avendomi anche fornito il suo recapito telefonico. Lamentavo l&#39;assurdit&agrave; nel pretendere il posizionamento dell&#39;M2 (spesso irrealizzabile o per i costi o per la situazione), ricordavo che l&#39;energia elettrica può, indifferentemente viaggiare in due sensi opposti, dipende dalla tensione. Chiedevo di conoscere le ragioni per cui l&#39;Enel con la famosa DK stabiliva unilateralmente dove posizionare l&#39;M2 e mi è stata data la risposta :&quot;questo detta la norma&quot;. Per fortuna l&#39;Autorit&agrave; ha chiarito tutto e messo le cose a posto. Ora la novit&agrave; dei due Enel (Distribuzione ed Energia) è un&#39;altro ostacolo, chiaramente. Allora va bene interessare l&#39;Autorit&agrave; però, a mio parere, esisterebbero anche dubbi di altro genere. E se si fosse in presenza di un reato penale ? (rifiuto di servizio pubblico essenziale ?). Qualche lettore a conoscenza di ciò potrebbe intervenire ? Quando è avvenuta la separazione Enel distribuzione ed Energia. Con chi abbiamo ora il rapporto contrattuale ? quali sono le sedi competenti a cui rivolgerci ? Grazie. primosolarefv

NonSoloBolleDiAcqua2
22-12-2006, 13:42
x Simon FV,<br>assurdo...rimango sconcertato.<br>Bolle

topolinus
22-12-2006, 16:33
per questi e per tanti altri problemi vi invito a firmare la petizione per chiedre l&#39;attuazione in italia della class action.<br>i link sono questi<br><br><a href="http://www.petitiononline.com/cait2006/petition.html" target="_blank">petizione on-line</a>(non valida legalmente per adesso)<br><a href="http://files.meetup.com/367722/nuovaPetizione%20cartacea%20SITI.pdf" target="_blank">petizione cartacea</a>(con valore legale)<br><br>se avete problemi con il file pdf io ne ho una copia salvata ed eventualmente la posso condividere o fornire all&#39;admin per renderla scaricabile da tutti.

primosolarefv
23-12-2006, 19:27
per Simon FV -<br>ma l&#39;Enel (distribuzione o Energia) ti hanno scritto ? oppure hai ricevuto una semplice comunicazione verbale ? io sono connesso all&#39;Enel ma non ho avuto alcuna informazione. Grazie, intanto ho sottoscritto la petizione per proporre la Class Action - primosolarefv

Rudolph
24-12-2006, 03:36
Lavoro come consulente nel settore energia per aziende e comuni e vi posso assicurare che il caso descritto non è nè isolato nè parte di una casistica limitata.<br><br>L'arcano nasce perchè quelli di ENEL sfruttano massicciamente il loro brand (dal punto di vista commerciale certo una mossa azzeccata).<br><br>Se guardate un qualsiasi biglietto da visita di un agente o funzionario enel energia non c'è mai scritto "enel energia" sul logo, ma solo "ENEL". La dicitura completa è piccolissima ed in fondo al biglietto.<br><br>Questi signori, su ESPLICITA ISTRUZIONE dei capi area, si presentano come "sono tizio caio di ENEL". In molti casi ciò che "vendono" viene spacciato per un AGGIORNAMENTO di contratto, si presentano e chiedono firma come se fosse una cosa obbligatoria pena la terminazione del contratto. Terrorismo psicologico allo stato puro. Posso ipotizzare che questo sia uno di quei casi. In effetti uno che ha una impresa e quindi 3.000 problemi al giorno tende a dimenticarsi di un semplice "aggiornamento".<br> In realt&agrave; tale non è, si tratta a tutti gli effetti di un contratto di fornitura in regime di libero mercato.<br><br>Addirittura in certi comuni questo "trucco" è stato sfruttato per far credere al responsabile comunale, in genere il dirigente del settore bilancio, che fosse qualcosa "di prassi". In questo modo il comune ha cambiato fornitore di energia senza fare la DOVUTISSIMA gara, configurando (io in persona ho riscontrato oltre 15 casi) il <b>reato</b> di illecito amministrativo.<br><br>Per inciso, ma OT: l'offerta enel energia è la PEGGIORE sul mercato.

taote
24-12-2006, 04:24
ciao sono moto interessanti e chiarificanti le tue risposte..<br>io sono consulente x impianti fotovoltaici e vorrei consigliare anche delle forniture che non creino problemi x la vendita o scambio sul posto ai miei clienti.. o almeno sconsigliare le compagnie che creano problemi<br>potresti indicarmene?<br><br>e anche quelle che offrono le migliori offerte sul mercato<br><br>magari se non vuoi far pubblicit&agrave; mandami un messaggio privato<br><br>ciao<br><br><span class="edit">Edited by taote - 24/12/2006, 14:04</span>

fulvioQ
26-12-2006, 15:34
Scusi SimonFV, temo di non aver afferrato il problema.<br>Lei ha (o aveva) un normalissimo cotratto Enel, suppongo come utilizzatore professionale, visto che come privato non può accedere al mercato libero, ed Enel avrebbe trasformato il suo contratto da Enel vincolato a Enel Business senza sua richiesta né consenso?<br><br>In ogni caso Enel è tenuta a riportarla al mercato vincolato, su sua semplice richiesta, senza oneri da parte sua.<br>Buone Feste

mazzol
27-12-2006, 13:39
<img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5512808b68549cd5aa85fae0e9d3d2d4.gif" alt=":angry:"><br>Purtroppo certe aziende nascono monopoliste e non riescono per loro immaturita&#39; e loro incapacita&#39; a muoversi in un ambiente libero.<br><br>Per poter evitare loro una morte certa per abbandono (appena possibile il 1 luglio 2007 e&#39; atteso come una liberazione) dei propri clienti bistrattati (basti pensare a chi gestiva i telefoni o i voli) andrebbero aiutate con uno spezzettamento vero (anche solo a livello regionale).<br> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/81151ab5a9d8a36b4e0626203a9fab4c.gif" alt=":shifty:"><br>

BrightingEyes
27-12-2006, 14:17
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Rudolph @ 24/12/2006, 03:36)</div><div id="quote" align="left">Lavoro come consulente nel settore energia per aziende e comuni e vi posso assicurare che il caso descritto non è nè isolato nè parte di una casistica limitata.</div></div><br>Concordo, non so per Enel, ma certo Telecom si comporta allo stesso modo. Ho appena finito di scrivere una raccomandata a Telecom per conto di mio padre per rifiutare un&#39;offerta (tra l&#39;altro poco vantaggiosa) che secondo loro era gi&agrave; stata &quot;scelta&quot; dall&#39;anziano genitore. Che ovviamente non sa nemmeno di cosa tratta l&#39;offerta.<br>In tutto il mondo il fotovoltaico deve combattere contro il problema dei costi. In Italia anche contro Enel e compagni di merende. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4dbdc57d4339a4f1ffa6e5fc101ffc25.gif" alt="&lt;_&lt;">

snapdozierxxxxxxxxxxxxxxxx
27-12-2006, 15:02
L&#39;Enel ha mandato ad un mio cliente una richiesta di integrazione di documentazione per una domanda di scambio sul posto ( non in conto Energia) spuntando tra le numerosissime voci del prestampato che hanno gi&agrave; predisposto, due voci che invece erano presenti nella richiesta inviata. Questo vuol dire, per loro, una persona che prende il prestampato lo compila spuntando SI e NO a seconda di quello che ha voluto o meno leggere, scrive poi una lettera accompagnatoria che spedisce alla sede ENEL locale che a sua volta spedisce una raccomandata al cliente. Tutto questo per chiedere quanto è l&#39; apporto alla corrente di cortocircuito di un impianto da 2kWp e che modello sono gli interruttori. (Notizie comunque presenti nella documentazione inviata in modo assolutamente chiaro).

30-12-2006, 19:32
qualsiasi rapporto contrattuale non può essere variato senza il consenso di una delle due parti. Pertanto, ENEL DISTRIBUZIONE doveva chiedere il suo consenso prima di trasferire il contratto in essere ad ENEL ENERGIA.

remtechnology
02-01-2007, 09:42
Ciao a tutti,<br>lavoro in un&#39;azienda come Energy Manager e consumandao parecchi milioni di kWh all&#39;anno ogni anno (80 GWh) ormai dal 2001 facciamo gara per l&#39;affidamento ogni anno.<br>Se posso dare qualche contributo :<br>1 - ENEL Distribuzione è il soggetto che si occupa della distribuzione di energia elettrica, cioè ci porta i kW ( la potenza) a casa e non l&#39;energia.L&#39;energia nel caso del cliente vincolato la porta ENEL Energia ed è acquistata per il mercato dall&#39;Acquirente Unico Per l&#39;energia ci sono due casi:<br> 1.1) Clienti vicolati: sono cliento che non possono accedere al libero mercato , tipo &quot;civile&quot; che non hanno la partita IVA, o che pur potendo non lo hanno fatto. Il libero mercato non è per tutti e non ho detto che si spenda di meno, anzi non c&#39;è scritto da nessuna parte che necessaria costi meno&#33;<br>1.2) Clienti Libero mercato: sono clienti che hanno utilizzato l&#39;opzione di andare con un altro fornitore. Cito alcuni nomi ma non con l&#39;intenzione di fare pubblicit&agrave;: Edison, Electrabel, EGL, Dynameeting, NET, le varie mulyiutility HERA, AEM Milano, ACEA Roma, ecc e naturalmente anche ENEL Energia. Per accedere a tale mercato è sufficiente avere la partita IVA e da luglio 2007 tutti, anche il mercato civile.<br><br>2) Se si sceglie di andare nel libero mercato significa che avrò due contratti<br> 2.1) Uno di trasporto che mi serve per avere la potenza (kW) con il distributore che è ENEL Distribuzione nella magior parte dei casi ma anche ACEA a Roma, AEM a MIlano ecc<br>2.2) Un contratto di fornitura di energia, cioè quel signore che inserisce i &quot;kWh&quot; nella linea e può essere uno di quelli descritti prima<br><br><br>La cosa strana che ho sentito è dovuta al fatto della difficolt&agrave; tra ENEL Energia e ENEL Distribuzione ma secondo me il problema è dovuta ad una vecchia delibera del 200o dell&#39;AEEG, mi sembra che sia la 224/00, che dice che lo scambio sul posto non è possibile se il cliente è nel libero mercato. Noi abbiamo un impianto da 20 kW FV di cui avevo chiesto lo scambio sul posto, l&#39;utenza è nel libero mercato, ma l&#39;ENEL Distribuzione, con cui ho un contratto sul posto mi ha negato questa possibilit&agrave; perchè il sito è nel libero mercato.<br>Ho interpellato l&#39;Autorit&agrave; che mi ha risposto il giorno stesso telefonandomi (&#33;) ma un fuinzionario mi ha detto che tale questione veniva risolto con il nuovo Conto Energia, vi parlo di febbraio 2005, quindi pensavo che la cosa fosse superata. Adesso non mi interessa più avere lo scambio perchè la sede consuma di più della produzione, e il costo evitato dell&#39;energia è prezioso, ma il mio fornitore di energia mi ha detto che non ci sono problemi.<br><br>Ho letto da qualcuno che esiste un post sulla liberalizzazione, sarebbe utile magare fare una sezione perchè secondo me sul libero mercato c&#39;è molto da dire ....<br>Non so se vi sono stato utile ma ricordate che l&#39;ENEL ha sempre un responsabile territoriale, io sono di Padova e per me è Venezia, trovate quel signore e SCRIVETE a quel signore, le lettere ai dirigenti danno fastidio.<br>Ciao<br>RemTechnology

maraino
02-01-2007, 18:27
ma mi sorge un dubbio&#33;<br><br>se sono un cliente del mercato libero che vuole allacciare un impianto di potenza minore di 20kw con contratto di cessione in rete (no quindi scambio sul posto), ed installare il relativo contatore della produzione di energia FV, il mio riferiemento è il distributore o il titolare del contratto di vendita dell&#39;energia??

remtechnology
03-01-2007, 11:06
La risposta che sarebbe logica è con tutti e due, in realt&agrave; i 2 soggetti si devono mettere d&#39;accordo&#33; Ecco perchè quando sentivo che i gestori erano ENEL Energia e ENEL Distrizione e c&#39;erano casini mi ha dato da pensare. Tieni conto che chi ti vende energia nel libero mercato guadagna per i kWh cge ti fornisce, non sul trasporto della potenza (Distributire) non sulle accise (vari Enti statali) sulle aliquote provinciali e locali, quindi se tu produci consumi meno ...<br>Ciao<br>RemTechnology

maraino
03-01-2007, 11:12
ok, questo mi è chiaro.<br>ma stante i regolamenti e le delibere mi pare che il contatto sia con il distributore, che ha in gestione il servizio di misura&#33;<br>o sbaglio?