PDA

Visualizza la versione completa : Ho letto, ma ho ancora dubbi.....



12-01-2007, 15:02
Salve a tutti, vi seguo più o meno assiduamente da abbastanza e questo è il mio primo post.<br><br>Dato che mi piacerebbe (una volta sistemata la scuola e il lavoro <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d98bd2abd2a9a05f1bc072b38e5d6a04.gif" alt=":P"> ) costruirmi una abitazione basata sul criterio del risparmio energetico (muri termicamente isolati, vetri con vetrocamera ad Argon, ecc. ecc.) ho bisogno di sapere alcune cose:<br><br>1-) volendo costruire la casa un po' fuori dai centri abitati, non potendo accedere alla rete di distribuzione del gas metano, realizzando un impianto a sonde geotermiche accoppiato ad un impianto di riscaldamento idoneo (sotto pavimento), dal punto di vista del riscaldamento potrò essere completamente autonomo e autosufficiente? Vale a dire, dovrò predisporre anche il riscaldamento con caldaia a gas?<br><br>2-)il costo di realizzazione dell'impianto dopo quanto tempo è ammortizzabile? é di molto superiore ad un impianto di riscaldamento tradizionale (se è possibile indicare almeno il costo al metro<sup>2</sup>?<br><br>3-)se faccio funzionare l'impianto per il raffrescamento, non è che poi sul pavimento si forma della condensa?? Io abito in pianura vicino al PO, e d'estate l'umidit&agrave; relativa raggiunge livelli molto alti.<br><br>4-) anche dal punto di vista del raffrescamento sarei autosufficiente o dovrei installare cmq un condizionatore d'aria?<br><br>5-) dato che mi piacciono gli acquari e che ne vorrei costruire uno decisamente grande (si parla di migliaia di litri) , considerando che cmq la massima temperatura necessaria in vasca si aggira sui 28-30° per biotopi tropicali, è possibile realizzare un piccolo scambiatore termostatato per la vasca senza sovradimensionare troppo le sonde? (In base alla superficie di scambio della vasca calcolo la resistenza elettrica equivalente, e con la legge di Ohm termica calcolo la potenza termica necessaria nelle due condizioni estreme: inverno ed estate considerando però il riscaldamento e il raffrescamento inseriti)<br><br>Ripeto, per la progettazione dell' abitazione vorrei rivolgermi ad un tecnico esperto in modo da raggiungere efficienze dell' ordine A o A+ quindi dal punto di vista dell'isolamento termico non dovrei avere problemi.<br><br>In attesa di risposta, grazie in anticipo. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7578c514fb11b2042a3e2078a65b5c96.gif" alt=";)">

12-01-2007, 16:52
ciao,<br><br>1) non avrai bisogno di caldaia a gas anche se l&#39;impianto geotermico non sar&agrave; autosufficiente nel senso che questo funziona associato ad una pompa di calore che in genere è a corrente...<br><br>2) costa di più, magari con la nuova finanziaria riesci però a detrarre una buona parte dei costi (55&#37; ??)<br><br>3) puoi anche raffrescare, per evitare la condensa devi però mettere un deumidificatore adiabatico<br><br>4) il tutto funziona sempre associato alla pompa di calore che va ad elettricit&agrave;<br><br>5) credo tu possa fare anche questo.....<br><br><br>l&#39;unico vero problema sono i soldi, ovvero cercare di definire quali sono concretamente i tempi di ammortamento dell&#39;impianto<br><br>o almeno questo è il mio problema...<br>

12-01-2007, 17:12
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gio) @ 12/1/2007, 16:52)</div><div id="quote" align="left">ciao,<br><br>1) non avrai bisogno di caldaia a gas anche se l&#39;impianto geotermico non sar&agrave; autosufficiente nel senso che questo funziona associato ad una pompa di calore che in genere è a corrente...<br><br>2) costa di più, magari con la nuova finanziaria riesci però a detrarre una buona parte dei costi (55&#37; ??)<br><br>3) puoi anche raffrescare, per evitare la condensa devi però mettere un deumidificatore adiabatico<br><br>4) il tutto funziona sempre associato alla pompa di calore che va ad elettricit&agrave;<br><br>5) credo tu possa fare anche questo.....<br><br><br>l&#39;unico vero problema sono i soldi, ovvero cercare di definire quali sono concretamente i tempi di ammortamento dell&#39;impianto<br><br>o almeno questo è il mio problema...</div></div><br>Vedi avevo intenzione di alimentare la pompa di calore con pannelli fotovoltaici....<br><br><br>Per il costo non è un problema nel senso che, da quello che ho letto, le sonde sono soggette ad un usura minima se non inesistente, mentre per la pompa di calore, l&#39;unica parte soggetta ad usura è la pompa che cmq non credo si rompa dopo poco tempo.<br><br>Ma il costo vero è proprio dove sta:<br><br>nel materiale delle sonde?? Nell scavo e nella trivellazione??<br><br>Non riesco a capire, sembra una tecnologia che non richieda grandi sforzi economici, eppure da quello che sento sembra un vero e proprio salasso: come mai??<br><br>Grazie per la risposta.

12-01-2007, 22:54
i maggiori costi economici sono dovuti a:<br><br>- pompa di calore che costa di più di una caldaia a gas;<br>- perforazioni per le sonde geotermiche, si tratta di 1 o 2 fori (a seconda della potenza necessaria) a profondit&agrave; di un centinaio di metri l&#39;uno;<br>- perizie per ottenere i permessi (sono geologo e, almeno dove lavoro io, sono da fare, auspicabile è che lo sia anche nelle altre regioni)<br><br>complessivamente sono diverse migliaia di euro che possono eventualmente ridursi con detrazioni indicate nella nuova finanziaria<br><br>se sotto i tuoi piedi hai una discreta falda i costi possono abbassarsi in quanto invece della sonda puoi fare un pozzo geotermico meno approfondito e puoi ottenere rendimenti della pompa di calore ancora migliori.<br><br>attenzione poi a tutte le autorizzazioni del caso, in alcune aree non è proprio possibile installare queste sonde, normative comunque variabili da regione a regione.<br><br>non ti voglio comunque scoraggiare, io sto cercando di raccogliere info e farmi una idea non ascoltando solamente le ditte che propongono il geotermico.<br><br>anche perchè pure io sono interessato, sia per me che per alcuni miei clienti...<br><br>e per prima cosa è importante avere le idee chiare&#33;&#33;<br>

12-01-2007, 23:05
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gio) @ 12/1/2007, 22:54)</div><div id="quote" align="left">i maggiori costi economici sono dovuti a:<br><br>- pompa di calore che costa di più di una caldaia a gas;<br>- perforazioni per le sonde geotermiche, si tratta di 1 o 2 fori (a seconda della potenza necessaria) a profondit&agrave; di un centinaio di metri l&#39;uno;<br>- perizie per ottenere i permessi (sono geologo e, almeno dove lavoro io, sono da fare, auspicabile è che lo sia anche nelle altre regioni)<br><br>complessivamente sono diverse migliaia di euro che possono eventualmente ridursi con detrazioni indicate nella nuova finanziaria<br><br>se sotto i tuoi piedi hai una discreta falda i costi possono abbassarsi in quanto invece della sonda puoi fare un pozzo geotermico meno approfondito e puoi ottenere rendimenti della pompa di calore ancora migliori.<br><br>attenzione poi a tutte le autorizzazioni del caso, in alcune aree non è proprio possibile installare queste sonde, normative comunque variabili da regione a regione.<br><br>non ti voglio comunque scoraggiare, io sto cercando di raccogliere info e farmi una idea non ascoltando solamente le ditte che propongono il geotermico.<br><br>anche perchè pure io sono interessato, sia per me che per alcuni miei clienti...<br><br>e per prima cosa è importante avere le idee chiare&#33;&#33;</div></div><br>Proprio per avere le idee chiare scrivo qui...<br><br>Sai i venditori devono vendere e quindi per loro tutto è bello e tutto si può fare, ma dato che io ci devo fare sopra una casa e che voglio che duri abbastanza, voglio essere sicuro....<br><br>ripeto se davvero funziona tutto e bene, il costo diventa secondario perchè una volta fatta la spesa, dura per molti molti anni: piuttosto che spendere quei soldi per una auto, mi faccio una casa seria e indipendente così se in russia chiudono i rubinetti, massimo mangio roba surgelata scaldata al microonde, ma al freddo non ci sto <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/05dc9943c4665c443b14a6497730cfe7.gif" alt=";)">

12-01-2007, 23:20
<br>ciao,<br><br>e concordo, io poi che devo consigliare anche altri prima voglio essere strasicuro&#33;&#33;, almeno per la parte che mi compete, per la pompa di calore sono affari del termotecnico&#33;&#33;<br><br>a breve dovrei avere tra le mani un preventivo per un pozzo geotermico di una ditta che lavora anche nella bassa (pianura padana), appena ho qualche notizia ti giro l&#39;ordine di grandezza di spesa<br>

12-01-2007, 23:24
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gio) @ 12/1/2007, 23:20)</div><div id="quote" align="left">ciao,<br><br>e concordo, io poi che devo consigliare anche altri prima voglio essere strasicuro&#33;&#33;, almeno per la parte che mi compete, per la pompa di calore sono affari del termotecnico&#33;&#33;<br><br>a breve dovrei avere tra le mani un preventivo per un pozzo geotermico di una ditta che lavora anche nella bassa (pianura padana), appena ho qualche notizia ti giro l&#39;ordine di grandezza di spesa</div></div><br>ma nel paese vicino al mio c&#39;è una ditta che trivella per realizzare pozzi ardesiani: sono amici di mio padre e mi sembrano avere prezzi buoni nonostante facciano buchi più grandi per i tubi...<br><br>Poi mio padre è muratore quindi l&#39;eventuale colata con il cemento la può fare lui....<br><br>Se puoi fammi sapere (se ce la fai) se nella mia zona (basso mantovano al confine col modenese) sono permesse le sonde geotermiche.<br><br>Grazie.

12-01-2007, 23:28
si ma è anche importantissimo non fare casini con le falde,<br>se perfori a 130 metri e non sigilli bene il foro metti in comunicazione le falde superficiali inquinate con quelle più profonde, inquinando anche queste.<br><br>quindi va bene il geotermico per risparmiare energia ma attenzione a non rovinare tutto il resto...<br>

12-01-2007, 23:34
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gio) @ 12/1/2007, 23:28)</div><div id="quote" align="left">si ma è anche importantissimo non fare casini con le falde,<br>se perfori a 130 metri e non sigilli bene il foro metti in comunicazione le falde superficiali inquinate con quelle più profonde, inquinando anche queste.<br><br>quindi va bene il geotermico per risparmiare energia ma attenzione a non rovinare tutto il resto...</div></div><br>Beh certo io sto parlando della trivellazione: per tutto il resto, di sicurò chiederò a chi di dovere.<br><br>Non preoccuparti, di solito per queste cose sono davvero uno &quot;scorticapalle&quot; (scusami il termine <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/78a22b83f29e3ea5e410df2d800fbc00.gif" alt=";)"> )

savinobasta
13-01-2007, 02:09
Nell&#39;analisi costi, non avete considerato quanto vi viene a costare la bolletta di un inverno con il GPL o il gasolio.<br>Abitando vicino al Po , credo sia auspicabile utilizzare anche il raffrescamento.<br>Il paragone non va fatto quindi fra l&#39;impianto geotermico e la caldaia, ma fra l&#39;impianto geotermico e tutto cio&#39; che sostituisce, ovvero:<br>- caldaia,<br>- canna fumaria,<br>- regolazioni,<br>- accessori e sicurezze,<br>- eventuale locale dedicato,<br>- serbatoio di GPL (fuori terra - orrendo , o interrato),<br>- tubazioni di collegamento,<br>- gruppo frigo per il raffrescamento.<br><br>In queste condizioni si puo&#39; ammortizzare l&#39;extra costo dell&#39;impianto in 2 o 3 anni.<br><br>Altri vantaggi:<br>manutenzioni, presocchè nulle nel caso dell&#39;impianto geotermico, più onerose per gli impianti tradizionali<br>sicurezza, non hai gas che ti gira per casa<br>durata degli impianti.<br><br>Quanto ai lavori artigianali, visto che si tratta di impianti la cui durata supera quella della casa, valuta bene se e quanto possa essere remunerativo il &quot;fai da te&quot; rispetto a rivolgersi ad una ditta specializzata.<br><br>Saluti<br><br>SB<br>

13-01-2007, 10:53
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (savinobasta @ 13/1/2007, 02:09)</div><div id="quote" align="left">Nell&#39;analisi costi, non avete considerato quanto vi viene a costare la bolletta di un inverno con il GPL o il gasolio.<br>Abitando vicino al Po , credo sia auspicabile utilizzare anche il raffrescamento.<br>Il paragone non va fatto quindi fra l&#39;impianto geotermico e la caldaia, ma fra l&#39;impianto geotermico e tutto cio&#39; che sostituisce, ovvero:<br>- caldaia,<br>- canna fumaria,<br>- regolazioni,<br>- accessori e sicurezze,<br>- eventuale locale dedicato,<br>- serbatoio di GPL (fuori terra - orrendo , o interrato),<br>- tubazioni di collegamento,<br>- gruppo frigo per il raffrescamento.<br><br>In queste condizioni si puo&#39; ammortizzare l&#39;extra costo dell&#39;impianto in 2 o 3 anni.<br><br>Altri vantaggi:<br>manutenzioni, presocchè nulle nel caso dell&#39;impianto geotermico, più onerose per gli impianti tradizionali<br>sicurezza, non hai gas che ti gira per casa<br>durata degli impianti.<br><br>Quanto ai lavori artigianali, visto che si tratta di impianti la cui durata supera quella della casa, valuta bene se e quanto possa essere remunerativo il &quot;fai da te&quot; rispetto a rivolgersi ad una ditta specializzata.<br><br>Saluti<br><br>SB</div></div><br>Grazie mille per la risposta: più chiarificatrice di così non si può.<br><br>L&#39;unica cosa che mi resta un po&#39; in ombra è la pompa di calore: ho letto (e mi ha detto anche gio) che per funzionare necessit&agrave; di en. elettrica, ma non è che poi quello che risparmio sul gas lo consumo in en.elttrica per fare andare sta benedetta pompa?&#33;?&#33;?<br><br>In genere, se ho una pompa da X KW di potenza calorifera in uscita, quanti Y KW di potenza elettrica servono per farla funzionare?? Tale quantit&agrave; può cambiare se la pompa è montata su terreni diversi: ci sono cioè zone che a parit&agrave; di potenza erogata permettono alla pompa un consumo minore di en. elettrica?<br><br>Grazie. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f1f0d51fdbf7e82d35aebaf4f66292b7.gif" alt=":)">

MetS
13-01-2007, 10:56
Sono d&#39;accordo con Savino, solo mi lascia perplesso quel &quot;fai da te&quot; di Arvin.<br>Essere muratore e saper fare le &quot;colate&quot; non e&#39; sufficiente per un pozzo profondo 130 m. Ci vogliono equippaggiamenti adeguati e conoscenze specifiche e non si puo&#39; improvvisare pena danni seri all&#39;ambiente.<br>Pensaci bene Arvin perche&#39; poi li ci devi vivere tu&#33;<br><br>M<br><br>PS La pompa di calore e&#39; una OU (OverUnity) cioe&#39; rende piu&#39; energia di quanta ne consuma.<br><br>Sei in una botte di ferro.<br><br>M

13-01-2007, 11:39
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (MetS&#45;Energie @ 13/1/2007, 10:56)</div><div id="quote" align="left">Sono d&#39;accordo con Savino, solo mi lascia perplesso quel &quot;fai da te&quot; di Arvin.<br>Essere muratore e saper fare le &quot;colate&quot; non e&#39; sufficiente per un pozzo profondo 130 m. Ci vogliono equippaggiamenti adeguati e conoscenze specifiche e non si puo&#39; improvvisare pena danni seri all&#39;ambiente.<br>Pensaci bene Arvin perche&#39; poi li ci devi vivere tu&#33;<br><br>M<br><br>PS La pompa di calore e&#39; una OU (OverUnity) cioe&#39; rende piu&#39; energia di quanta ne consuma.<br><br>Sei in una botte di ferro.<br><br>M</div></div><br>&quot;rende più energia di quella che consuma&quot; perchè una parte è in calore proveniente dal sottosuolo.<br><br>la mia domanda però era un&#39;altra: se ad esempio voglio 5kw in uscita dalla pompa, devo dare 0.5 kw in en.el e 4.5 kw in en. termica, oppure 4 e 1, cioè voglio sapere quanto consuma sta pompa per ogni kw di potenza erogata perchè questa potenza è quella che poi pago all&#39;enel per fare andare il macchinario. Lo so pure io che il rendimento è maggiore di uno ma questo perchè la parte di calore che viene dal sottosuolo non viene considerata come potenza entrante nella pompa, cosa che invece deve essere considerata se voglio ottenere un rendimento con un significato fisico corretto.<br>Ripeto però che non mi interessa il rendimento della pompa di calore, ma solo il consumo di en. el per ogni kw in uscita.<br><br>

13-01-2007, 13:36
inquinare la falda non significa inquinare solo il sito dove stai tu ma tutto un largo intorno, questi sono lavori delicati ed è necessario prendere tutte le precauzioni del caso, l&#39;acqua rimane la risorsa prima più importante, gi&agrave; ne abbiamo inquinata abbastanza.<br><br>concordo con il fatto di poter fare il condizionamento estivo, e quindi risparmiare l&#39;impianto, occorre comunque un deumidificatore.<br><br><br>il consumo della pompa di calore dipende dal COP della pompa stessa, in condizioni ottimali questo può arrivare a 4 (sonda geotermica) o 5 (pozzo geotermico) il che significa che con 1 KW elettrico produce 4 o 5 KW termici...<br><br>

13-01-2007, 13:52
per questo la mia idea è che, anche per evitare inquinamenti, ove possibile (in pianura padana sicuramente) sia opportuno realizzare un geotermico con prelievo di acqua da pozzo. Questo non deve essere di acqua potabile per cui è probabilmente sufficiente la falda più superficiale, gi&agrave; fortemente inquinata.<br><br>In questo caso è poi necessario un ulteriore pozzo per la reimmissione delle acque. Per questo è inoltre da definire il cono di variazione di temperatura che si introduce nella falda.<br><br>e non voglio essere frainteso e sottolineo il fatto che sono certamente favorevole allo sfruttamento dell&#39;energia geotermica ma con attenzione, non roviniamo tutto il delicato sistema degli acquiferi per risparmiare 3KW &#33;&#33;<br>

13-01-2007, 14:01
Insomma più di ripetervelo non so più cosa fare (meledetta la mia lingua quando ho detto che lo poteva fare mio padre): se mai lo farò, è ovvio che mi rivolgerò a chi di dovere per farlo, non posso di certo improvvisarmi geologo o termotecnico.<br><br>finalmnte ho avuto la risposta: il consumo elettrico dipende dal cop.<br><br>P.S: non è che nei prossimi giorni mi si presenta a casa la lega ambiente perchè ho detto che mi facevo la trivellazione da solo??? Capisco l&#39;importanza della cosa, ma praticamente è dall&#39;inizio che mi richiamate su sta cosa: vabbè non sarò esperto, ma non sono mica un cretino; l&#39;italiano scritto lo capisco.

13-01-2007, 14:07
<br>e dai, non ti offendere,<br>scusa se sono stato pesante, visto che poi questo è un forum e la discussione è andata su questo argomento ne ho approfittato per esporre la cosa anche un poco più esaurientemente sperando possa essere letta e compresa da diverse persone, non solo da te...<br>

dotting
13-01-2007, 16:03
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (Arvin Sloane @ 12/1/2007, 15:02)</div><div id="quote" align="left">Dato che mi piacerebbe (una volta sistemata la scuola e il lavoro <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/dfeb9c883b879abede687e1f7e75057d.gif" alt=":P"> ) costruirmi una abitazione basata sul criterio del risparmio energetico (muri termicamente isolati, vetri con vetrocamera ad Argon, ecc. ecc.) ho bisogno di sapere alcune cose:<br><br>1-) volendo costruire la casa un po' fuori dai centri abitati, non potendo accedere alla rete di distribuzione del gas metano, realizzando un impianto a sonde geotermiche accoppiato ad un impianto di riscaldamento idoneo (sotto pavimento), dal punto di vista del riscaldamento potrò essere completamente autonomo e autosufficiente? Vale a dire, dovrò predisporre anche il riscaldamento con caldaia a gas?<br><br>2-)il costo di realizzazione dell'impianto dopo quanto tempo è ammortizzabile? é di molto superiore ad un impianto di riscaldamento tradizionale (se è possibile indicare almeno il costo al metro<sup>2</sup>?<br><br>3-)se faccio funzionare l'impianto per il raffrescamento, non è che poi sul pavimento si forma della condensa?? Io abito in pianura vicino al PO, e d'estate l'umidit&agrave; relativa raggiunge livelli molto alti.<br><br>4-) anche dal punto di vista del raffrescamento sarei autosufficiente o dovrei installare cmq un condizionatore d'aria?<br><br>5-) dato che mi piacciono gli acquari e che ne vorrei costruire uno decisamente grande (si parla di migliaia di litri) , considerando che cmq la massima temperatura necessaria in vasca si aggira sui 28-30° per biotopi tropicali, è possibile realizzare un piccolo scambiatore termostatato per la vasca senza sovradimensionare troppo le sonde? (In base alla superficie di scambio della vasca calcolo la resistenza elettrica equivalente, e con la legge di Ohm termica calcolo la potenza termica necessaria nelle due condizioni estreme: inverno ed estate considerando però il riscaldamento e il raffrescamento inseriti)<br><br>Ripeto, per la progettazione dell' abitazione vorrei rivolgermi ad un tecnico esperto in modo da raggiungere efficienze dell' ordine A o A+ quindi dal punto di vista dell'isolamento termico non dovrei avere problemi.</div></div><br>Un'abitazione basata sul criterio del risparmio energetico te la può progettare solo un termotecnico abilitato, lo stesso che per legge ti deve firmare l'impianto di riscaldamento, che DEVI depositare nel tuo Comune.<br>Partecipando a questo forum potrai chiarirti le idee su quelle che possono essere le soluzioni tecniche disponibili ed i loro costi, poi per il "fai da te", una volta che hai il progetto dell'impianto e tuo padre dici che è muratore, alcuni lavori edili puoi farli in casa, mentre ti faccio presente che per avere l'abitabilit&agrave; gli impianti idraulici,gas ed elettrici vanno fatti fare da Ditte certificate.<br>Una precisazione, perchè mi sembra che anche qualcuno degli intervenuti abbia le idee confuse, quando si afferma che il costo della manutenzione dell'impianto geotermico è pressocchè nullo.<br>L'impianto geotermico è un sistema costituito da sonde geotermiche e da una pompa di calore elettrica.<br>Le pompe di calore prelevano il calore da una sorgente che può essere: aria, acqua o salamoia.<br>Aria e acqua sono intuitive, la salamoia è una miscela di acqua e sali che ogni costruttore di pompe di calore cosidette geotermiche sceglie di usare sulle proprie pompe.<br>Le pompe di calore sono caratterizzate da un rendimento COP Coefficente di prestazione che è il rapporto fra l'energia erogata e l'energia assorbita.<br>Le PDC sono normalmente alimentate elettricamente ed il loro COP dipende dalla temperatura della sorgente calda e dalla temperatura a cui si vuol far arrivare l'acqua, a parit&agrave; di temperature le PDC aria-acqua hanno un COP di 4, acqua-acqua 4,5 e salamoia-acqua 5.<br>Il grande vantaggio degli impianti a pavimento è che è sufficente portare l'acqua a 30-35°, contro i 40-45° dei ventilconvettori e 60-65° dei radiatori.<br>Le PDC possono portare l'acqua fino a 50-55° reali.<br>A parit&agrave; di potenza le PDC aria-acqua costano 1, le PDC acqua-acqua costano 2, le PDC salamoia-acqua costano 10, sono trenta anni che installo PDC.<br>Di salamoia-acqua ne ho installato una tempo fa e mi è bastata, oltre al costo un casino per le autorizzazioni, adesso non c'è problema: da noi sono vietate e basta.<br>Per quanto riguarda il raffrescamento con impianti a pavimento sussiste effettivamente il problema della condensa e i sistemi anticondensa molte volte intervengono in ritardo.<br>Io dopo un paio di esperienze negative, li sconsiglio vivamente.<br>Per quanto riguarda i costi degli impianti a pavimento, dai un'occhiata qua:<br><a href="http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=4861192" target="_blank">http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=4861192</a><br>Un'ultima cosa la PDC può costituire la sola fonte di produzione di calore per la casa, naturalmente se progettata dal famoso termotecnico.<br>saluti

MetS
14-01-2007, 00:08
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Arvin Sloane @ 13/1/2007, 11:39)</div><div id="quote" align="left">&quot;rende più energia di quella che consuma&quot; perchè una parte è in calore proveniente dal sottosuolo.<br><br>la mia domanda però era un&#39;altra: se ad esempio voglio 5kw in uscita dalla pompa, devo dare 0.5 kw in en.el e 4.5 kw in en. termica, oppure 4 e 1, cioè voglio sapere quanto consuma sta pompa per ogni kw di potenza erogata perchè questa potenza è quella che poi pago all&#39;enel per fare andare il macchinario. Lo so pure io che il rendimento è maggiore di uno ma questo perchè la parte di calore che viene dal sottosuolo non viene considerata come potenza entrante nella pompa, cosa che invece deve essere considerata se voglio ottenere un rendimento con un significato fisico corretto.<br>Ripeto però che non mi interessa il rendimento della pompa di calore, ma solo il consumo di en. el per ogni kw in uscita.</div></div><br>Chiariamo una cosa anche perche&#39; mi sembra che ci siano un po&#39; di idee confuse.<br>La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire calore da un fluido a temperatura più bassa ad un altro a temperatura più alta.<br>La pompa di calore deve il suo nome al fatto che essa provvede a trasportare del calore da un livello inferiore a un livello superiore di temperatura, invertendo il flusso naturale del calore che in natura fluisce da un livello (temperatura) più alto ad uno più basso. La funzione della pompa di calore può quindi essere paragonata a quella di una pompa per l&#39;acqua posta tra due bacini collegati tra loro ma posizionati a quote diverse: l&#39;acqua scorrer&agrave; dal bacino più alto a quello più basso. È però possibile riportare l&#39;acqua nel bacino più alto utilizzando una pompa che preleva l&#39;acqua dal bacino più basso. Il vantaggio nell&#39;uso della pompa di calore deriva dalla sua capacit&agrave; di fornire più energia (calore) di quella impiegata per il suo funzionamento in quanto estrae calore dall&#39;ambiente esterno (aria o acqua). L&#39;efficienza di una pompa di calore elettrica è misurata dal coefficiente di prestazione &quot;C.O.P.&quot; che è il rapporto tra energia fornita (calore ceduto al mezzo da riscaldare) ed energia elettrica consumata. Il C.O.P. è variabile a seconda del tipo di pompa di calore e delle condizioni di funzionamento ed ha, in genere, valori intorno a 2,5. Questo vuol dire che per 1 kWh di energia elettrica consumato, fornir&agrave; 2,5 kWh di calore al mezzo da riscaldare.<br>L&#39;efficienza sar&agrave; tanto maggiore quanto più bassa è la temperatura a cui il calore viene ceduto (nel condensatore) e quanto più alta quella della sorgente da cui viene assorbito (nell&#39;evaporatore).<br>Devi anche tener conto che la potenza termica resa dalla pompa di calore dipende dalla temperatura a cui la stessa assorbe calore quindi quando la temperatura della sorgente fredda (aria) è compresa tra -2°C e 2°C la pompa di calore si disattiva in quanto le sue prestazioni si ridurrebbero significativamente.<br><br>M

BrightingEyes
14-01-2007, 01:17
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Arvin Sloane @ 13/1/2007, 11:39)</div><div id="quote" align="left">la mia domanda però era un&#39;altra: se ad esempio voglio 5kw in uscita dalla pompa, devo dare 0.5 kw in en.el e 4.5 kw in en. termica, oppure 4 e 1, cioè voglio sapere quanto consuma sta pompa per ogni kw di potenza erogata perchè questa potenza è quella che poi pago all&#39;enel per fare andare il macchinario. Lo so pure io che il rendimento è maggiore di uno ma questo perchè la parte di calore che viene dal sottosuolo non viene considerata come potenza entrante nella pompa, cosa che invece deve essere considerata se voglio ottenere un rendimento con un significato fisico corretto.<br>Ripeto però che non mi interessa il rendimento della pompa di calore, ma solo il consumo di en. el per ogni kw in uscita.</div></div><br>Ciao Arvin Sloane.<br><br>Anch&#39;io ho scelto di costruire casa con i tuoi stessi criteri.<br>Nel mio caso ho deciso per una costruzione prefabbricata, totalmente in legno, ma di alta qualit&agrave; e su progetto personale, quindi nulla di &quot;standard&quot; tipo casa da catalogo per intenderci. In questo modo mi hanno garantito una classe A, che credo difficile e costoso comunque da raggiungere con metodi tradizionali.<br>Per il riscaldamento niente gas, impianto a pavimento misto solare-elettrico con predisposizione per pompa di calore geotermica. Il consumo elettrico sar&agrave; coperto per la maggior parte o in toto da fotovoltaico. L&#39;idea è quella di costruire una casa energeticamente indipendente insomma.<br>Per una casa di questo tipo di 150 mq circa mi è stato calcolato un fabbisogno di circa 5Kw, la PdC dovrebbe (nulla di ancora certificato) avere un consumo tra 1,5 e 2 Kw elettrici.<br>Mi sono interessato abbastanza a questa soluzione della pompa geotermica e confermo in gran parte cosa ti è stato detto. Provo però a integrare con quanto mi è stato riferito.<br>Per le perforazioni verticali c&#39;è in effetti necessit&agrave; del parere favorevole del genio civile, ma non mi risulta affatto che siano vietate. Comunque si possono fare 4 perforazioni da 60 metri se 2 da 120 raggiungono quote pericolose per le faglie. Ovviamente se hai una faglia sfruttabile la resa è migliore. Le perforazioni comunque sono la parte più costosa del progetto.<br>Esiste anche la possibilit&agrave; di sfruttare una disposizione di sonde geotermiche orizzontale, in pratica una ragnatela di tubo viene posata a 60 cm - 1 metro di profondit&agrave; su una superficie grossolanamente doppia della superficie da riscaldare. Costa molto meno, specie se puoi effettuare il movimento terra da te. Esistono ditte (tipo la Sofath francese, ma con agenti in Italia) che sono specializzati in questa tipologia di installazione. Il terreno con le sonde deve ricevere una buona insolazione e non essere alberato.<br>Se non c&#39;è disponibilit&agrave; di terreno sufficiente sono disponibili anche delle sonde &quot;a pettine&quot; che vengono inserite per circa 4 metri di profondit&agrave;. Una via di mezzo insomma. Qui : <a href="http://www.geotherm.it/" target="_blank">http://www.geotherm.it/</a> qualche esempio.<br><br>La soluzione delle PdC geotermiche è molto adottata in Svizzera, Germania e Francia. Ne ho visto di persona una realizzazione in basso piemonte a sonde orizzontali, con disposizione delle sonde in proprio. La cosa funziona perfettamente ed è costata molto meno del costo preventivato da un&#39;azienda specializzata.<br>Non mi pare per nulla un &quot;pacco&quot;, ma certo affidarsi a installatori professionali aumenta la sicurezza di resa. L&#39;unico vero ostacolo è il costo, ma associandolo a un sistema di produzione fotovoltaica si ammortizza in 6 o 7 anni rispetto a un sistema a gas. Rispetto al Gpl credo anche prima ma non ho approfondito dato che scartavo da subito l&#39;ipotesi del Gpl.<br>

dotting
14-01-2007, 12:01
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (BrightingEyes @ 14/1/2007, 01:17)</div><div id="quote" align="left">In questo modo mi hanno garantito una classe A, che credo difficile e costoso comunque da raggiungere con metodi tradizionali.</div></div><br>Con i metodi tradizionali utilizzando soluzioni moderne ed innovative si riesce a raggiungere classi di efficenza energetica di classe A con costi più bassi, fino al 30&#37;, rispetto a qualunque costruzione prefabbricata esistente oggi in commercio.<br>Sperimentato di persona in più di una costruzione, monofamiliare ed a schiera.

BrightingEyes
14-01-2007, 12:40
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 14/1/2007, 12:01)</div><div id="quote" align="left">Con i metodi tradizionali utilizzando soluzioni moderne ed innovative si riesce a raggiungere classi di efficenza energetica di classe A con costi più bassi, fino al 30&#37;, rispetto a qualunque costruzione prefabbricata esistente oggi in commercio.<br>Sperimentato di persona in più di una costruzione, monofamiliare ed a schiera.</div></div><br>Non sono un esperto del settore e quindi non metto in dubbio. Nel mio caso per la costruzione tradizionale (senza alcuna attenzione ad isolamenti particolari insomma) avevo un paio di preventivi. La costruzione in prefabbricato alla fine ha un costo inferiore di poco (circa il 10&#37; dei preventivi). Non ho approfondito granchè il costo del tradizionale in classe A perchè penso che sia comunque superiore a un tradizionale non isolato.<br>Penso che molto dipenda dal tipo di prefabbricato. Le proposte classiche austriache e tedesche sono di altissima qualit&agrave;, ma anche molto, molto care a mio modo di vedere. Io ho scelto una ditta slovena che mi ha dato ampie garanzie, ma con costi ben più abbordabili. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1034a9f6914208bfc6e7200f628884a5.gif" alt=":)">

MetS
15-01-2007, 17:33
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (BrightingEyes @ 14/1/2007, 12:40)</div><div id="quote" align="left">Io ho scelto una ditta slovena che mi ha dato ampie garanzie, ma con costi ben più abbordabili. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/148d27e4e8cd160bf3b5e66ce86bfb18.gif" alt=":)"></div></div><br>QUale ditta?<br>Hai indirizzi?<br>Metti un link&#33;<br>Grazie<br>M

BrightingEyes
15-01-2007, 18:06
Questa ditta: <a href="http://www.kager-haus.com/" target="_blank">http://www.kager-haus.com/</a><br>Comunque li ho trovati proprio grazie a questo forum, gi&agrave; altri si sono serviti da loro. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/48d88626b263789793d4a0436b3c0def.gif" alt=":)">

17-01-2007, 13:27
Ma allora con l&#39;attuale contratto di fornitura Enel a 3.5 KW formali come si fa?&#33;?&#33;?<br><br>Non è che per fare andare la pompa di calore non posso nemmeno attaccare un rasoio elettrico??<br><br>E se poi d&#39;estate l&#39;impianto non funziona con il raffrescamento, le sonde non fanno niente?? Non è che si deve farlo funzionare a &quot;un minimo tecnico&quot; altrimenti si rovina???<br><br>Dopo le ultime delucidazioni mi sa che ritorno sui miei passi:<br><br>-elevato assrobimento di potenza elettrica da parte della pompa di calore;<br>-impossibilit&agrave; di raffrescamento senza condensa;<br>-impossibilit&agrave; di alimentare la pompa con pannellis solari: io in inverno ho la nebbia da ottobre ad aprile, e i pannelli dubito che mi diano quei 2-3KW che servono.....<br><br>Il risparmio energetico è bello se è davvero risparmio e soprattutto se fa bene all&#39;ambiente: per fare andare la mia pompa di calore, ci deve cmq essere una centrale elettrica.....<br><br>Mah....

Lolio
17-01-2007, 23:09
La pompa di calore è il sistema che consuma meno energia, quindi è anche ecologica oltre ad avere bassi costi di esercizio. La condensa non si crea, occorre avere un deumidificatore comandato da una centralina. Per quanto riguarda la potenza il calcolo te lo deve fare il termotecnico, di conseguenza si dovr&agrave; adeguare la potenza del contatore. E, se vuoi, dal 1 luglio potrai decidere di acquistare energia elettrica anche prodotta da sole fonti rinnovabili (idroelettrica in primis, ma anche eolica e da biomasse).

savinobasta
17-01-2007, 23:30
Salve a tutti.<br><br>quanto sto per esporre, non è il Vangelo, ma frutto di qualche centinaio di impianti geotermici installati.<br><br>Dotting:<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Una precisazione, perchè mi sembra che anche qualcuno degli intervenuti abbia le idee confuse, quando si afferma che il costo della manutenzione dell&#39;impianto geotermico è pressocchè nullo.</div></div><br>Puoi dirci quanto costa manutenere un impianto geotermico?<br>Di che casistica disponi?<br>Gli impianti più &quot;vecchi&quot; che sto monitorando hanno 5 anni e fino ad oggi non hanno avuto necessit&agrave; di manutenzioni. Colleghi tedeschi mi informano che stessa cosa dicasi per gli impianti di 30 anni, dove si rende necessaria la sostituzione della sola pdc e non dello scambiatore.<br><br>Dotting:<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Di salamoia-acqua ne ho installato una tempo fa e mi è bastata, oltre al costo un casino per le autorizzazioni, adesso non c&#39;è problema: da noi sono vietate e basta.</div></div><br>Posso sapere dove sono vietate?<br><br><br>Dotting:<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Le PDC possono portare l&#39;acqua fino a 50-55° reali.</div></div><br>Con desurriscaldatore si arriva a 65°C senza grosse penalizzazioni del COP<br><br><br>Dotting:<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">A parit&agrave; di potenza le PDC aria-acqua costano 1, le PDC acqua-acqua costano 2, le PDC salamoia-acqua costano 10, sono trenta anni che installo PDC.</div></div><br>Costo pompe di calore di una nota casa veneta:<br>PDC geotermica da 8 KW idonea per la produzione di ACS con serbatoio di accumulo: 7.500 eur<br>PDC a scambio di retto con acqua di falda completa di sistema per la produzione di ACS: 7.000 eur<br><br>8 KW , è il fabbisogno termico di una casa mediamente isolata da 140 - 160 mq<br><br><br>Dotting:<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Per quanto riguarda il raffrescamento con impianti a pavimento sussiste effettivamente il problema della condensa e i sistemi anticondensa molte volte intervengono in ritardo.<br>Io dopo un paio di esperienze negative, li sconsiglio vivamente.</div></div><br>Io ho informazioni diverse; 2 esperienze negative sono sufficienti per promuovere o bocciare una tecnologia?Qualche termotecnico (ogni riferimento a AB è puramente casuale <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0196dabe944b591a62fb53d226441825.gif" alt="^_^"> ) può darci un suo parere in merito?<br><br><br>Arvin:<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Ma allora con l&#39;attuale contratto di fornitura Enel a 3.5 KW formali come si fa?&#33;?&#33;?<br><br>Non è che per fare andare la pompa di calore non posso nemmeno attaccare un rasoio elettrico??<br><br>E se poi d&#39;estate l&#39;impianto non funziona con il raffrescamento, le sonde non fanno niente?? Non è che si deve farlo funzionare a &quot;un minimo tecnico&quot; altrimenti si rovina???</div></div><br>Per i 3 KW dell&#39;ENEL si fa il contratto richiedendo la potenza opportuna.<br>In che senso, d&#39;estate l&#39;impianto non funziona?<br>Cose&#39; questo minimo tecnico?<br>Perchè si dovrebbe rovinare?<br><br><br><br>Saluti<br><br>SB<br><br><br>

18-01-2007, 00:13
Per savinobasta:<br><br>il limite tecnico è una parola presa in prestito: si chiama minimo tecnico la qt&agrave; minima di potenza elettrica che una centrale termoelettrica deve erogare e al di sotto della quale non riesce più a funzionare correttamente....<br><br>riferito a questa situazione, dato che partivo dalla considerazione che il raffrescamento producesse condensa, mi riferivo ad un eventuale funzionamento al minimo dell&#39;impianto con le sonde: non sono esperto e per questo pensavo che le sonde e il circuito idraulico direttamente a contatto con il terreno dovessero sempre e cmq funzionare ovvvero asportare o immettere energia termica al terreno anche in estate.<br><br>se però non è vero il problema della condensa, allora tutto il mio discorso cade e il dubbio svanisce in quanto l&#39;impianto resta in funzione perennemente.<br><br><br>Dato che mi sto laureando in ing. elettrica volevo sapere se non era possibile realizzare tramite opportune turbine, un piccolo ciclo a vapore in modo da estrarre non solo energia termica dal sottosuolo ma anche en. elettrica???<br><br>Gli alternatori sono macchine che si prestano bene a qualsiasi regime di funzionamento (se opportunamente realizzati) quindi il problema della frequenza fissa a 50 Hz non sussite: dato che non sono uno termotecnico, volevo sapere se però era possibile realizzare cicli a vapore con così basse temperature in modo da produrre i Kw necessari alla pompa di calore e magari anche all&#39;intera abitazione....<br><br>Spero di essermi spiegato.

dotting
18-01-2007, 07:43
savinobasta continui a confondere le idee.<br>Gi&agrave; personalmente non trovo corretto il titolo della sezione GEOTERMIA.<br>Lo sfruttamento diretto del calore geotermico in Italia mi risulta lo facciano solo a Larderello (Arvin abiti in Maremma?).<br>In tutte le altre applicazioni si parla di un impianto costituito da sonde geotermiche e PDC.<br>Sono perfettamente d&#39;accordo con te che la manutenzione delle sonde geotermiche è nulla, è sbagliato dire come tu hai affermato che l&#39;impianto geotermico ha costi di manutenzione nulli.<br>Ed infatti tu stesso scrivi che&quot;<i>si rende necessaria la sostituzione della sola pdc e non dello scambiatore</i>&quot;.<br>Lo stesso errore lo fai a proposito di costi, quelli che tu hai indicato sono i soli costi della PDC, ma a questi DEVI aggiungere i costi delle sonde e della loro installazione e se trovi roccia sono dolori, se hai esperienza di installazioni lo sai bene.<br>Per un problema di inquinamento industriale nella mia zona le trivellazioni sono sospese, non posso dirti di più perchè sono CTU.<br>Come ho gi&agrave; scritto in un altro post esiste un limite economico riguardo al problema della temperatura di mandata.<br>Cito un documento pdf scaricabile dal sito del costruttore, che ha tutto l&#39;interesse ad estendere il campo di applicazione del proprio prodotto:<br><a href="http://it.eight.vaillant.com/linebreak/mod...iGeotermici.pdf" target="_blank">http://it.eight.vaillant.com/linebreak/mod...iGeotermici.pdf</a><br>c&#39;è scritto espressamente<br><b>il limite economico di convenienza nell&#39;utilizzo di una pompa di calore geotermica si colloca intorno a 50°C di temperatura di mandata in produzione di acqua calda sanitaria e a basse temperature (35-40°C) in mandata all&#39;impianto di riscaldamento.</b><br>L&#39;articolo è molto interessante perchè fornisce una stima di costi e suggerisce il campo di applicazione riguardo alla scelta della tipologia di distribuzione del calore.<br>Consiglio la sua lettura a coloro che si avvicinano a questa problematica.

Lolio
18-01-2007, 10:07
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Arvin Sloane @ 18/1/2007, 00:13)</div><div id="quote" align="left">Dato che mi sto laureando in ing. elettrica volevo sapere se non era possibile realizzare tramite opportune turbine, un piccolo ciclo a vapore in modo da estrarre non solo energia termica dal sottosuolo ma anche en. elettrica???</div></div><br>Credo ci sia un malinteso di fondo. La pompa di calore consente di estrarre calore da una fonte fredda. La macchina funziona se la differenza di temperatura tra la fonte e il fluido scaldato non è elevata. Avrai notato che si parla di 30-40, massimo 50-60 gradi (con cali di efficienza man mano che si sale). Come <i>si fa</i> ad otttenere vapore con la pompa di calore? A meno che sotto non ci sia un vulcano...ma in questo caso basta una sonda ed uno scambiatore, la pompa di calore non serve più.<br>Potrebbe anche darsi però che io non abbia capito niente di quello ch intendevi, se è così ti prego di spiegare di nuovo.<br><br><span class="edit">Edited by Lolio - 18/1/2007, 19:56</span>

savinobasta
18-01-2007, 11:25
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">savinobasta continui a confondere le idee.<br>Gi&agrave; personalmente non trovo corretto il titolo della sezione GEOTERMIA.<br>Lo sfruttamento diretto del calore geotermico in Italia mi risulta lo facciano solo a Larderello (Arvin abiti in Maremma?).<br>In tutte le altre applicazioni si parla di un impianto costituito da sonde geotermiche e PDC.</div></div><br>Con il termine &quot;geotermia&quot; ci si riferisce sia allo sfruttamento diretto del calore del sottosuolo che ad applicazioni che prevedono lo sfruttamento del terreno come serbatoio termico, per mezzo di pdc e sonde geotermiche.<br><br>Almeno questo è quanto mi risulta.<br><br>Che la cosa sia lessicalmente o semanticamente corretta, è un problema che ad oggi non mi ero mai posto.<br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Sono perfettamente d&#39;accordo con te che la manutenzione delle sonde geotermiche è nulla, è sbagliato dire come tu hai affermato che l&#39;impianto geotermico ha costi di manutenzione nulli.<br>Ed infatti tu stesso scrivi che&quot;si rende necessaria la sostituzione della sola pdc e non dello scambiatore&quot;.</div></div><br>Bene dai, almeno su qualcosa ci intendiamo. Visto che comunque se ne parla, per quanto riguarda i costi di manutenzione, a me risulta che siano nulli quelli ordinari, intendo dire che non bisogna prevedere la sostituzione periodica di questo o quel componente.<br>Diverso è il discorso per le manutenzioni straordinarie. Le pdc sono macchine, per cui puo&#39; accadere che si rompa qualcosa, che quindi va sostituito.<br><br>Resta inteso che la pompa di calore ha una sua durata, e che quando diventa obsoleta e non più funzionante, va sostituita.<br>Vogliamo inserire anche questo fra i costi di manutenzione? Va bene....<br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Lo stesso errore lo fai a proposito di costi, quelli che tu hai indicato sono i soli costi della PDC, ma a questi DEVI aggiungere i costi delle sonde e della loro installazione e se trovi roccia sono dolori, se hai esperienza di installazioni lo sai bene.</div></div><br>Hai ragione, quando ho scritto i costi della pdc, intendevo il costo della pdc e non dell&#39;impianto geoetrmico che per completarsi necessita della sonde.<br><br>Analogamente, per completarsi, un impianto che scambi con acqua di pozzo, necessita di un pozzo di emungimento e di un corpo recettore (secondo pozzo a perdere, canale, campo, etc.)<br><br>In questo caso, secondo la mia esperienza, non si può dire a priori se sia più conveniente l&#39;una o l&#39;altra soluzione, anche perchè la propensione verso una tipologia impiantisitca piuttosto che un&#39;altra non può prescindere dalla valutazione della problematica autorizzativa.<br><br>Come parametro grossolano di riferimento io uso il seguente:<br>se la risorsa idrica è disponibile ed utilizzabile, la soluzione a circuito aperto conviene nel caso in cui bisogna garantire oltre i 60 KW e l&#39;acqua non si trovi ad una profondit&agrave; superiore ai 60 mt.<br>Su questo aspetto mi piacerebbe avere commenti dai colleghi<br><br>Installare sonde geotermiche in roccia, è auspicabile in quanto<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Per un problema di inquinamento industriale nella mia zona le trivellazioni sono sospese, non posso dirti di più perchè sono CTU.</div></div><br>Se mi parli di CTU significa che c&#39;è di mezzo l&#39;AG... accipicchia. Se il magistrato ha bloccato uno o più cantieri, comprendo le tue riserve.<br>Pensavo che ci fosse stato un blocco delle attivit&agrave; di trivellazione e di installazione di sonde geotermiche da parte di Enti locali.<br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Cito un documento pdf scaricabile dal sito del costruttore, che ha tutto l&#39;interesse ad estendere il campo di applicazione del proprio prodotto:<br><a href="http://it.eight.vaillant.com/linebreak/mod...iGeotermici.pdf" target="_blank">http://it.eight.vaillant.com/linebreak/mod...iGeotermici.pdf</a><br>c&#39;è scritto espressamente<br>il limite economico di convenienza nell&#39;utilizzo di una pompa di calore geotermica si colloca intorno a 50°C di temperatura di mandata in produzione di acqua calda sanitaria e a basse temperature (35-40°C) in mandata all&#39;impianto di riscaldamento.</div></div><br>La Vaillant, casa costruttrice che stimo, che fa prodotti ottimi, all&#39;interno della quale lavorano professionisti molto preparati, non è comunque l&#39;unica casa produttice di pompe di calore.<br><br>****<br><br>Per Arvin<br><br>Le problematiche in merito al raffrescamento con impianti a pavimento, ti suggererirei di apporfondirle con il tuo termotecnico di fiducia.<br><br>Per quanto riguarda il &quot;ciclo vapore&quot; non ho le competenze per rispondere. Puo&#39; esserti utile l&#39;informazione che il fluido dalla sonda geotermica entra in pompa di calore ad una temperatura compresa fra i 5 e i 10 °C.<br><br><br>Saluti<br><br>Savino Basta

18-01-2007, 14:47
Grazie savino.<br><br><i> [...] e [...] </i><br><br>Grazie a tutti quelli che hanno contribuito costruttivamente, <i>[...]</i> i miei dubbi li ho chiariti, <i>[...]</i><br><br><br><br><span class="edit">Edited by savinobasta - 18/1/2007, 16:39</span>

clash4
18-01-2007, 17:06
A prop di autorizzazioni, Savino ti ho scritto un MP&#33;&#33;<br>

19-01-2007, 00:49
Ho visto che per migliorare il rendimento dei pannelli fotovoltaici è possibile &quot;giocare la carta&quot; del raffrescamento del pannello stesso: stavo immaginandomi un connubio tra le sonde e i pannelli fotovoltaici in modo che ognuno dei due possa compensare i fabbisogni dell&#39;altro....<br>In estate le sonde in raffrescamento potrebbero soccorrere i pannelli che risentirebbero dell&#39;eccessiva temperatura mentre i pannelli sarebbero sempre in soccorso alle sonde (o meglio alla pompa di calore) quando l&#39;irraggiamento è sufficiente.<br><br>Certo il costo sarebbe inarrivabile, ma voi che ne pensate: sarebbero effettivamente utili questi accoppiamenti?? Lo so che l&#39;argomento abbraccia due sezioni diverse, ma qualcuno potrebbe spiegare, senza divagare troppo nel fotovoltaico, l&#39;effettiva validit&agrave; di un simile accostamento??? E soprattutto azzardare un prezzo per una abitazione di medie dimensioni 150-200 m<sup>2</sup> ??<br><br>Grazie.

clash4
19-01-2007, 09:30
L&#39;idea è giusta, ma tieni conto che l&#39;energia che spendi per far andare la PDC non la recuperi con quello che ti producono in più i pannelli FV, a meno che non realizzi un circuito a circolazione naturale ma la vedo dura... forse l&#39;unico caso dove potresti avere qualche convenienza è se raffreddi i pannelli quando ti serve raffrescare anche l&#39;abitazione, ma nn so te io di solito il fresco lo richiedo di notte...

19-01-2007, 09:54
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (clash4 @ 19/1/2007, 09:30)</div><div id="quote" align="left">L&#39;idea è giusta, ma tieni conto che l&#39;energia che spendi per far andare la PDC non la recuperi con quello che ti producono in più i pannelli FV, a meno che non realizzi un circuito a circolazione naturale ma la vedo dura... forse l&#39;unico caso dove potresti avere qualche convenienza è se raffreddi i pannelli quando ti serve raffrescare anche l&#39;abitazione, ma nn so te io di solito il fresco lo richiedo di notte...</div></div><br>Ah pensavo che i pannelli fossero più performanti......<br><br>Si in effetti anche io il freso lo vorrei di notte ma se fosse possibile anche di giorno non mi darebbe di certo fastidio <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6711a5db1184e0f7a859c8a7d5814f58.gif" alt=":P">