PDA

Visualizza la versione completa : generatore eolico con motore asincrono trifase



heposs
10-09-2007, 18:18
ciao a tutti mi sono appena iscritto e premetto che sono molto ma molto neofita dell&#39;energia eolica , per essere piu precisi , pur conoscendo il nome le prime info le ho lette stasera su questo forum <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e4625cc113c3d66be8336363dfa4f164.gif" alt="^_^"><br><br>il mio lavoro mi ha portato ad avere una notevole quantit&agrave; di motori trifase e per arrotondare ho deciso di venderli su ebay , ho fatto una ricerca per sapere +o- il prezzo di vendita e mi sono imbattuto in un tale che vende un progetto per fare di un motore elettrico un generatore eolico .<br>non mi va di prendere una fregatura anche se di pochi euro perciò volevo una conferma da persone esperte nel campo <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/88ef7a025fa872afcf7326ce887d7b6b.gif" alt=":D"> spero <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/715f3154f30d9a56e8618e2618af22b2.gif" alt=":P"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/715f3154f30d9a56e8618e2618af22b2.gif" alt=":P"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/715f3154f30d9a56e8618e2618af22b2.gif" alt=":P"> .<br>scondo voi si puo fare realmente o no ?<br>grazie

OggettoVolanteIdentificato
10-09-2007, 19:01
in questo Forum c&#39;è l&#39;apposita sezione &#39;Eolico&#39;,è lì che devi scrivere.<br>Non credo ti rispondano perchè non hai allegato nessuno schema di variante al motore nè dati di targa.

heposs
10-09-2007, 19:16
se ho sbagliato sezione chiedo scusa , ma non so neanche se è vera questa cosa , se è un invenzione o cosa è per questo ho postato qui .<br>io al max posso sapere come si fa una base in cemento per il generatore visto che sono edile .<br>cosa è lo schema di variante al motore ?<br>sia anche chiaro che non ho postato per vendere i motori , infatti non vi dico ne i dati del motore ne nient&#39;altro ma se il &quot;progetto&quot; che ho solo visto in un inserzione ( non ho visto il progetto ma solo il titolo dell&#39;inserzione ) è realizzabile cerchero di studiare un po come fare o lo acquisterò dal tipo che lo vende a 5€ in modo da essere piu preciso se invece mi dite che non è possibile una cosa di questo genere farò un altro uso dei motori .<br>

livingreen
10-09-2007, 19:53
azz... ripensaci<br>io il progetto lo vendo a 4,90

heposs
10-09-2007, 20:36
se fossi sicuro che funziona lo pagherei anche di piu , ho circa 45 motori nuovi di pacca , aggiungo il necessario per fare il generatore eolico e come minimo guadagno il doppio di quello che guadagno vendendo i motori .<br>però dovrei essere sicuro che funziona , sarei disposto a dare una percentuale a chi mi aiuta a metterlo in atto .<br>calcolate che 45 motori che di listino costano 120 € vendendoli a met&agrave; prezzo ci ricaverei 2700 € se il generatore è fattibile e tolti i materiali rimane 100 € l&#39;uno di guadagno diventano 4500 € quindi qualche centinaio di euro lo pago volentieri per studiare una cosa ben fatta ,funzionante , leggera e facile sia da costruire che da spedire , da solo non saprei neanche quante pale metterci <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1a0dab1280481edb01c03c7eea825f87.gif" alt=":(">

livingreen
10-09-2007, 20:45
Sto scherzando, naturalmente.... lo posso vendere anche a tre euro.... basta che vado nella sezione giusta ( per prima quella dell&#39;eolico, che ti hanno consigliato... e per seconda quella dell&#39;idroelettrico, dove si utilizzano VERAMENTE i motori come generatori) e cominci a pescare fra le DECINE di discussioni su come usare un motore asincrono trifase come generatore.... solo per scoprire che per usarlo come generatore il problema non è come collegarlo, ma come mantenere sempre la velocit&agrave; dell&#39;albero motore in modo che sia SEMPRE superiore alla velocit&agrave; di sincronismo.<br>Cosa non facile, visto che il vento ha velocit&agrave; molto variabili.....

heposs
10-09-2007, 21:13
l&#39;eolico è la prima cosa che ho sentito ma se ci sono applicazioni diverse tipo l&#39;idroelettrico dove è piu facile utilizzarle i motori ben vengano , accetto tutti i tipi di consigli <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1e0b4d82895723279b57d51602c48c68.gif" alt=":D"><br>però non vorrei postare lo stesso msg in piu sezioni del forum , mi sa un po di spam e non mi sembra giusto <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1d8452ae5f91b09c5502c1fece9714d7.gif" alt="&lt;_&lt;">

livingreen
10-09-2007, 21:59
Semplice&#33; Chiedi la cancellazione di questa discussione con un Messaggio Privato al moderatore (ecco il <a href="?act=Msg&amp;CODE=4&amp;MID=355890" target="_blank">LINK</a> a MarioMaggi ed il <a href="?act=Msg&amp;CODE=4&amp;MID=592118" target="_blank">LINK</a> a Solarprex) e riaprila nella sezione giusta, oppure chiedi, se ne hanno il tempo, lo spostamento da parte loro.<br><br>Ah, dimenticavo.... difficilmente avrai risposte in questa sezione, che non è frequentata dagli esperti del ramo... inoltre, ti consiglio un tour nelle sezioni eolico ed idroelettrico, dove troverai, gi&agrave; presenti in altre discussioni gi&agrave; affrontate, molte delle risposte che desideri.<br><br><span style="color:red">[MODERAZIONE: accogliendo il suggerimento, questa sezione è stata spostata qui, nell&#39;EOLICO. Ho ritenuto che trattandosi del riutilizzo di un motore per una funzione diversa da quella per cui è nato, andasse bene nella sottosezione del &quot;Fai-da-te&quot;.<br>Vi annuncio che ho aperto un&#39;apposita discussione nelle &quot;Comunicazioni al Forum&quot; per segnalare le discussioni, senza un moderatore ufficiale, che si ritene vadano spostate.<br>Buon proseguimento della discussione. nll]</span><br><br><span class="edit">Edited by nll - 11/9/2007, 10:46</span>

heposs
11-09-2007, 12:53
innanzitutto grazie a livingreen e ai mod per aver spostato il tutto nella sezione giusta <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9bb8afa930039e5f9e95d1c239fd2ee5.gif" alt=":)"><br><br>i motori in mio possesso sono questi (purtroppo vi posso indicare solo i dati sulla targhetta )<br><br>..V.......Hz... r/min... hp ...kW ..A ...cos.<br>400Y ..50 ....1400.. 1.5 ..1.1 ..3... 0.69<br>230T ..50 ....1400 ..1.5.. 1.1.. 5.2 0.69 T= triangolo<br>400Y ..60 ....1700.. 1.5.. 1.1 ..3 ...0.78<br>230T ..60 ....1700.. 1.5 ..1.1 ..5.2 0.78<br><br>leggendo in giro mi è sembrato di capire che facendo girare il motore meccanicamente a una velocit&agrave; superiore a quella nominale questo produce corrente (abbiate pazienza se non uso i giusti termini o se sparo cavolate <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0ec9822d224c78fd3dc03b4d8d4a0c95.gif" alt=":D"> )<br><br>questa regola è applicabile anche su questi motori ?<br><br>se si , a che velocit&agrave; teorica dovrei farli girare perché abbiano il massimo rendimento ?<br><br>essendo motori 380 v trifase sprovvisti di neutro come faccio a ricavare le 220 v ?<br><br>grazie

snowstorm
11-09-2007, 14:45
Ciao ,<br>anche io ho letto un annuncio simile ,<br>penso che si tratta dello schema dei condensatori per autoeccitare un motore asincrono e<br>trasformarlo in un generatore senza che ci sia la necessita &#39; di collegarlo alla rete.<br>

domitianus
11-09-2007, 15:57
Aggiungo alcune domande che per Voi sono l&#39;ABC ma io bazzico più che altro l&#39;ingegneria strutturale:<br><br>1) Se io uso un motore asincrono trifase che, ad esempio, a 1400 giri darebbe 22 kW devo far girare almeno a quella velocit&agrave; e per questo devo usare un riduttore. Se l&#39;elica fa 80 rpm devo mettere un moltiplicatore da 17.5 e arrivo al numero di giri corretto. Ma non basta, devo anche avere un&#39;elica che a 80 rpm fornisca almeno 22 Kw. Altrimenti l&#39;elica mi si inchioda. E&#39; giusto o sbagliato?<br><br>2) Se arriva una folata di vento forte e la mia elica comincia a fare 120 rpm che cosa succede? L&#39;albero veloce a questo punto fa 2100 rpm. Cosa fa il generatore? Produce sempre più energia e alla fine si brucia? Oppure aumenta la coppia resistente e la velocit&agrave; dell&#39;albero rimane sempre 1400 rpm?<br><br>Lo so che son domande facili ma non so darmi una risposta rapida. Grazie.<br><br>Domitianus

andy48
11-09-2007, 16:34
Rispondo alla domanda n. 2<br>Il generatore asincrono non riuscir&agrave; ad arrivare a 2100 rpm per due motivi: il primo è che aumentando lo scorrimento (diffrenza tra velocit&agrave; reale e velocit&agrave; di sincronismo) la potenza prodotta si impenna e frena le pale; il secondo è che il generatore deve essere dotato di un automatismo che mette le pale a bandiera quando la potenza prodotta tende a superare il limite.

Elektron
11-09-2007, 16:36
Direi:<br>1) Giusto e sbagliato, se l&#39;elica e&#39; a passo fisso e se a 80 giri vuoi 22KW allora l&#39;elica dovra&#39; fornire la coppia necessaria ... ma non si inchioda ... girera&#39; solo piu&#39; piano e KW prodotti saranno per forza di cose minori ... il regolatore dovra&#39; tenerne conto ... altrimenti ogni elica si inchioderebbe quando la produzione e&#39; minore della nominale &#33;&#33;&#33;<br><br>2) Non vedo chi dovrebbe produrre la necessaria coppia resistente se non un elemento dissipativo (ricordiamo che sei a passo fisso) L&#39;elica dovrebbe uscire dal pozzetto laminare e quindi stallare ad una certa velocita&#39; V > Vmax.<br>Vmax e&#39; la velocita&#39; per l&#39;output nominale ai giri nominali per un determinato passo.<br><br>In breve ... o hai il passo variabile ... o bisogna usare un profilo adatto che cioe&#39; diminuisca la potenza sopra una determinata velocita&#39;.<br>Qui&#39;:<br><a href="http://www.mh-aerotools.de/airfoils/windmill.htm" target="_blank">http://www.mh-aerotools.de/airfoils/windmill.htm</a><br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/29c95752a92f495a6da5d3e9082ea55e.gif" alt="image"><br>

domitianus
11-09-2007, 16:48
Grazie, la cosa è ottima. Solo un&#39;aggiunta: immaginiamo che la mia pala non stalla e continua a girare sempre più forte: cosa succede al generatore?<br><br>Grazie<br><br>Domitianus

heposs
11-09-2007, 18:41
mmm , io continuo a non capirci <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/77dfd16247df59d8feb649ac5510b39f.gif" alt=":("><br><br>abbandonando un attimo la teoria , utilizzando il motore che ho indicato come generatore , tralasciando pure per il momento la costruzione delle pale e tutta la parte meccanica , come devo collegare elettricamente il motore per fargli fornire energia e quanta ne potrebbe fornire a un numero di giri ideale e costante ?<br>non riesco a capire se vale la pena costruire questo generatore visto che il tempo libero per gli hobby è poco tra lavoro e famiglia (ho una bambina di 5 anni e un maschietto di 12 giorni ) percio se voglio fare un prototipo faidate di generatore eolico devo avere un minimo di ritorno in moneta <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0c76fa33b410842131c02890a46efb01.gif" alt=":D"> , detto cosi non è bello ma mantenere dei bambini non è facile <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5c37e0bdb039a1f036bdc51820594361.gif" alt=":)">

Elektron
11-09-2007, 19:09
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (domitianus @ 11/9/2007, 17:48)</div><div id="quote" align="left">Grazie, la cosa è ottima. Solo un&#39;aggiunta: immaginiamo che la mia pala non stalla e continua a girare sempre più forte: cosa succede al generatore?<br>Grazie<br>Domitianus</div></div><br>E&#39; facile immaginare il risultato(i)<br><br>a) una o piu&#39; pale si staccano per forza centrifuga<br>b) la coppia sull&#39;albero minore del moltiplicatore e&#39; eccessiva ed uno o piu&#39; denti degli ingranaggi saltano<br>c) la meccanica tiene e l&#39;alternatore fornisce una tensione troppo elevata all&#39;inverter ... che salta di conseguenza ...<br>d) tutto tiene per un determinato tempo ma si osservano danni da affaticamento o sovraccarico meccanico/elettrico ponendo serie questioni sull&#39;affidabilita&#39; futura ...<br>

caponord23
11-09-2007, 20:09
Il problema secondo me,non è quello che se c&#39;è vento troppo forte cosa succede.<br>Anche io ho visto quell&#39;asta,e ho chiesto al venditore,se girando più a piano della targhetta mi produceva in rapporto ad esempio.<br><br>Il motore per dare 3kw deve girare a 1400 giri,io ho chiesto (essendo il vento in generale molto variabile oggi è forte,domani e è un pò più debole tc......) se il mio motore gira a 350 giri,ipotesi,il mio motore mi produce 750 watt???<br><br>Il venditore dello schema mi ha risposto di no,praticamente se lo fai girare a 1400 giri hai i tuoi 3 kw,se gira di meno non ti da un tubo.<br><br>E&#39; corretto questo?anche perchè se non fosse così,sarebbe molto semplice prendere dei motori,metterli su dei pali,e via.......<br>

heposs
11-09-2007, 21:42
cercando con google ho trovato questo ma mi sembra di capire che non è stabile e causa problemi :<br><br>Si prende un condensatore trifase che rifasi circa a cosfi=1 il motore, con un motore primo, che per me era un motore cc regolato a mano, si aumentano i giri. Il rotore dell&#39;asincrono e&#39; gia&#39; magnetizzato dai funzionamenti precedenti e genera una debole tensione come sincrono. Quando la frequenza si approssima al valore di risonanza tra le capacita&#39; e le reattanze proprie del motore la corrente cresce e di botto, si forma un campo magnetico che cresce a valanga fino a che il guadagno di questo loop si abbassa per la saturazione del ferro. Se c&#39;e&#39; un voltmetro schizza di colpo. Siccome i motori sono dimensionanti per una saturazione contenuta il flusso in questo modo e&#39; superiore a quello nominale e a 50 Hz anche la tensione lo e&#39;. Per contenere la tensione si deve puntare alla risonanza a frequenze piu&#39; base con un condensatore piu&#39; grande. Queto funzionamento e&#39; perenne. Inutile aggiungere che a vuoto si deve tenere controllata la velocita&#39; del motore primo. Con un carico, se si lavora nella zona crescente della tensione si puo&#39; avere una certa stabilita&#39; dell&#39;accoppiamento motore-generatore, perché un incremento di velocita&#39; comporta un aumento di tensione, cioe&#39; di potenza e di coppia resistente. Ogni variazione di velocita&#39; causa una variazione di tensione.<br>Questo metodo e&#39; noto da tempi storici, sicuramente da prima della seconda guerra mondiale, ma per quanto ne so non ha mai avuto applicazioni con i motori normali, forse qualche applicazione con motori-generatori costruiti ad hoc.<br><br><br>sempre google <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/058d4e78b53e7dcfb5a6599e9ef9ba9f.gif" alt=":D"><br><br>Il motore asincrono trifase può essere utilizzato come generatore soltanto quando le potenze in gioco<br>sono contenute e soprattutto solo su una rete elettrica prevalente, mantenuta in tensione da alternatori sincroni.<br>Il motore asincrono preleva energia reattiva dalla rete per magnetizzarsi ( non essendoci i circuiti rotorici di eccitazione) e una volta avviato preferibilmente dalla sorgente di energia esterna (meccanica) lo si porta in ipersincronismo, diventando generatore di energia; mentre eroga energia attiva verso la rete prevalente, assorbe contemporaneamente energia reattiva per tenere alimentata una componente del campo magnetico rotante. Secondo gli studi, il rendimento di tali macchine dovrebbe essere all&#39;incirca del 60% e quindi molto più basso del sincrono ma col vantaggio di essere robusto e semplice da gestire, in quanto in caso di aumento della velocit&agrave; dell&#39;albero non si ha la sovrafrequenza, ma fenomeni meccanici all&#39;albero tipo frenatura.<br>Per far funzionare un asincrono in isola, applicazione come non mai sconsigliata, senza rete prevalente a monte, si possono utilizzare dei condensatori collegati ai morsetti del motore, che mantengono in vita lo scambio dell&#39;energia reattiva necessaria al motore, ma al primo avviamento comunque ci vuole anche per poco una sorgente di energia alternata; ipoteticamente poi il sistema v&agrave; in stabilit&agrave; e avviene l&#39;erogazione di energia attiva.<br><br>logicamente di quello che ho copiato qui non ci ho capito molto ma se come dice un motore da 1.1 kw produce energia al 60% vuol dire che eroga 0.66 kw , se faccio girare 10 motori con la stessa fonte di energia meccanica ho 6.6 kw che equivale a quella erogata da enel per 2 famiglie ? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/993daf76a9be5d408b8751bedc21bc14.gif" alt=":blink:">

andy48
12-09-2007, 10:32
Molte risposte ai quesiti si possono trovare su ebay<br><br><a href="http://cgi.ebay.it/TESI-DI-LAUREA-SULLE-FONTI-RINNOVABILI-CD-ROM-EOLICO_W0QQitemZ320156322490QQihZ011QQcategoryZ118 323QQssPageNameZWDVWQQrdZ1QQcmdZViewItem" target="_blank">http://cgi.ebay.it/TESI-DI-LAUREA-SULLE-FO...1QQcmdZViewItem</a>

caponord23
12-09-2007, 11:48
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (heposs @ 11/9/2007, 22:42)</div><div id="quote" align="left">cercando con google ho trovato questo ma mi sembra di capire che non è stabile e causa problemi :<br><br><br><br>sempre google <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f01da0d08ec546123a56f3457ad6b075.gif" alt=":D"><br><br>Il motore asincrono trifase può essere utilizzato come generatore soltanto quando le potenze in gioco<br>sono contenute e soprattutto solo su una rete elettrica prevalente, mantenuta in tensione da alternatori sincroni.<br>Il motore asincrono preleva energia reattiva dalla rete per magnetizzarsi ( non essendoci i circuiti rotorici di eccitazione) e una volta avviato preferibilmente dalla sorgente di energia esterna (meccanica) lo si porta in ipersincronismo, diventando generatore di energia; mentre eroga energia attiva verso la rete prevalente, assorbe contemporaneamente energia reattiva per tenere alimentata una componente del campo magnetico rotante. Secondo gli studi, il rendimento di tali macchine dovrebbe essere all&#39;incirca del 60% e quindi molto più basso del sincrono ma col vantaggio di essere robusto e semplice da gestire, in quanto in caso di aumento della velocit&agrave; dell&#39;albero non si ha la sovrafrequenza, ma fenomeni meccanici all&#39;albero tipo frenatura.<br>Per far funzionare un asincrono in isola, applicazione come non mai sconsigliata, senza rete prevalente a monte, si possono utilizzare dei condensatori collegati ai morsetti del motore, che mantengono in vita lo scambio dell&#39;energia reattiva necessaria al motore, ma al primo avviamento comunque ci vuole anche per poco una sorgente di energia alternata; ipoteticamente poi il sistema v&agrave; in stabilit&agrave; e avviene l&#39;erogazione di energia attiva.<br><br>logicamente di quello che ho copiato qui non ci ho capito molto ma se come dice un motore da 1.1 kw produce energia al 60% vuol dire che eroga 0.66 kw , se faccio girare 10 motori con la stessa fonte di energia meccanica ho 6.6 kw che equivale a quella erogata da enel per 2 famiglie ? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/255231524ab0b37ff1dc0eb858b99baf.gif" alt=":blink:"></div></div><br>Al di la di questo,ma se un motore gira più a piano dei giri riportati sulla targhetta,produce energia elettrica o no??<br>Per un impianto idroelettrico,questo schema potrebbe andare bene,perchè la portata dell&#39;acqua in genere è abbastanza stabile,e quindi devo solo studiare il rapporto di trasmissione giusta per far girare il motore a tot giri;il vento purtroppo non è stabile,e quindi i giri del motore saranno in continuo sali scendi.<br>

heposs
12-09-2007, 11:57
non penso che produca energia perchè per farlo deve girare a un numero di giri superiore a quello nominale percio puo trovare applicazioni solo nel idroelettrico o con trasmissione meccanica tipo quella a scoppio .

livingreen
12-09-2007, 12:10
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">per farlo deve girare a un numero di giri superiore a quello nominale</div></div><br>la velocit&agrave; deve essere superiore a quella di sincronismo, almeno di tanti giri quanta è la differenza di giri per scorrimento<br><br>Es:<br>-V sincronismo = 3000 ( o 1500, 1000, 750 a seconda del numero dei poli)<br>-V nominale 2800<br>la differenza è 200 giri, questo è in pratica lo scorrimento<br><br>Quindi, la velocit&agrave; necessaria per generare sar&agrave; di V sincronismo + scorrimento = 3200 giri<br><br>Naturalmente, non è proprio così... questa è una spiegazione empirica, ma è tanto per spiegare il concetto.

domitianus
12-09-2007, 14:17
Questo è giustissimo, c&#39;è anche su elettroportale, ma cosa accade se la mia elica gira sempre più forte? Mi vien da pensare che almeno lì per lì produca più coppia e che ci sia un effetto frenante dovuto proprio al generatore. Ma come si fa a capire quale è il limite?<br><br>Domitianus

caponord23
12-09-2007, 18:06
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (livingreen @ 12/9/2007, 13:10)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">per farlo deve girare a un numero di giri superiore a quello nominale</div></div><br>la velocit&agrave; deve essere superiore a quella di sincronismo, almeno di tanti giri quanta è la differenza di giri per scorrimento<br><br>Es:<br>-V sincronismo = 3000 ( o 1500, 1000, 750 a seconda del numero dei poli)<br>-V nominale 2800<br>la differenza è 200 giri, questo è in pratica lo scorrimento<br><br>Quindi, la velocit&agrave; necessaria per generare sar&agrave; di V sincronismo + scorrimento = 3200 giri<br><br>Naturalmente, non è proprio così... questa è una spiegazione empirica, ma è tanto per spiegare il concetto.</div></div><br>Quindi questo sistema per l&#39;eolico non funziona giusto?<br>Servirebbe un motore in corrente continua?<br>

heposs
12-09-2007, 21:34
anche secondo me per l&#39;eolico non funziona <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8cf3638c8ab2d6214756ae66109fe98b.gif" alt="^_^"> .<br><br>l&#39;ideale forse è l&#39;idroelettrico .<br><br>sarebbe un buona idea e di grande aiuto a molte persone che vedono quelle aste su ebay se qualcuno piu indicato di me , mettesse come importante in questa sezione una spiegazione del perchè un motore asincrono non è indicato per l&#39;eolico , sempre che non sia una cosa complicata <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6905077b43267845d41e2f721f3b8cf5.gif" alt=":rolleyes:"><br>

domitianus
13-09-2007, 08:19
Però ce n&#39;è un sacco, anche il generatore da 5kw autocostruito di cui si parla in apposito forum usa proprio un motore elettrico al contrario. Lo so perchè ho comprato i progetti. Usa una moltiplica da 14.5 giri&#33;<br>Io credo che sia un sistema con dei distinti vantaggi per un microeolico che debba costare poco.<br><br>Domitianus

livingreen
13-09-2007, 13:35
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Questo è giustissimo, c&#39;è anche su elettroportale, ma cosa accade se la mia elica gira sempre più forte? Mi vien da pensare che almeno lì per lì produca più coppia e che ci sia un effetto frenante dovuto proprio al generatore. Ma come si fa a capire quale è il limite?</div></div><br>Cmoe per ogni motore elettrico, il limite è la potenza del motore: se applichi progressivamente dei carichi sempre più grandi a dun motore, fino ad un certo punto aumenter&agrave; l&#39;assorbimento, poi aumenter&agrave; ancora uscendo dai dati di targa e surriscaldando il motore (cottura dello smalto isolante, poi al sua fusione, poi il cortocircuito...), il tutto mentre i giri si abbassano perchè la forza del motore non è più sufficiente (e quindi raffredda anche meno perchè la ventola gira più piano)<br>Come generatore è lo stesso: arrivato alla sua potenza nominale, se aumenti i giri il motore comincia a scaldare etc etc.<br>Naturalmente, questo solo nel caso che sei connesso ad una rete che possa assorbire tutta la corrente generata.<br>Con il generatore che alimenta un carico parziale, la cosa è più complicata ed il gustao arriva più tardi, ma arriva. Non c&#39;è alcun efffetto frenante del generatore, se non dovuto al carico applicato.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">usa proprio un motore elettrico al contrario</div></div><br>O si tratta di un generatore connesso in rete, oppure ha per forza enormi problemi di regolazione nel funzionamento in isola con carico variabile, di sicuro.<br>

domitianus
13-09-2007, 14:20
No no è proprio in rete e usato, negli USA, per il net-metering. Quindi se io uso un motore fatto girare al contrario devo intanto dargli un pò più della velocit&agrave; di sincronismo. Da lì in su produce energia. Poi devo stare attento a non superare il numero di giri della massima potenza per non bruciarlo. Giusto?<br><br>E qui mi sovviene una teoria: e se io, invece di costruire un sistema complicato per deviare il rotore per proteggerlo dalle raffiche, mi limitassi a mettere un freno che ferma le pale appena passano un certo numero di giri?<br><br>Secondo voi avrebbe un qualche brandello di senso? Ho la sensazione che qualche cosa del genere, magari collegato alla potenza in uscita, potrebbe esistere gi&agrave; in commercio.<br><br>Voglio dire, immaginiamo che il mio motore d&agrave; al massimo 20 kw. Quando il sensore trova che ne sto producendo 22 frena le pale poi si riapre dopo una ventina di secondi. Se la raffica è passata bene, se no blocca ancora. Dopo due o tre blocchi di fila potrei programmarlo per un blocco più lungo. Non è più sempliche che costruire un sistema di orientamento aerodinamico?<br><br>Domitianus

curiosone2007
15-09-2007, 15:50
Ciao,<br>sono nuovo e dopo aver postato una &quot;cavolata&quot; sull&#39; idroelettrico posso postarne una anche qui?<br><br>Grazie&#33;&#33;&#33;<br><br>&quot; mettere un regolatore di coppia non sarebbe la soluzione adatta?&quot;<br>praticamente come era nei vecchi motori marini e anche nei pianoforti automatizzati &quot;<br><br>Un bel volano centrifugo e quando si superano i giri prefissati, sconnette l&#39; albero di trasmissione tra motore e elica, quando i giri scendo sotto lo reinserisce - il tutto frizionabile.<br><br>Se ho detto una cavolata perdonatemi e accettate la risata che vi siete fatti come un regalo di ingresso nel forum<br><br>Un saluto<br><br>Paolo<br><br><br>p.s. penso che il motivo più difficile da risolvere per un impianto di tipo casalingo sia il trasformare una energia di tipo trifase in monofase senza dover destinare allo scopo un vano superiorer a quello dell&#39; abitazione. :-O))))

domitianus
17-09-2007, 09:05
Non è affatto una cavolata: il generatore della paire wind ce l&#39;ha&#33;<br><br>Domitianus

ADI77
17-09-2007, 09:22
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (curiosone2007 @ 15/9/2007, 16:50)</div><div id="quote" align="left">p.s. penso che il motivo più difficile da risolvere per un impianto di tipo casalingo sia il trasformare una energia di tipo trifase in monofase senza dover destinare allo scopo un vano superiorer a quello dell&#39; abitazione. :-O))))</div></div><br>Se ho capito bene quello che vuoi dire e se il tuo discorso è riferito ad un generatore eolico casalingo, sappi che per trasformare la trifase del generatore in monofase sono sufficienti due comunissimi ponti raddrizzatori delle dimensioni 3 cm X 3 cm.<br>Lo spazio più grande è occupato dalle batterie ma una volta sistemato tutto credo che non occupi poi tanto spazio.

domitianus
18-09-2007, 17:17
Uè gente, conoscete qualche azienda che produca generatori asincroni (con riduttore e freno annessi) per impieghi eolici? O magari anche sincroni.<br><br>Il mio range di utilizzo viaggia sui 30 kw con un centinaio di giri al minuto. Ho una tripala da 13 mts di diametro.<br><br>Domitianus

Rudolph
21-09-2007, 22:35
I sincroni ne trovi a pacchi da chiunque fa gruppi elettrogeni.

edi
25-02-2008, 19:19
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (heposs @ 10/9/2007, 18:18)</div><div id="quote" align="left">ciao a tutti mi sono appena iscritto e premetto che sono molto ma molto neofita dell&#39;energia eolica , per essere piu precisi , pur conoscendo il nome le prime info le ho lette stasera su questo forum <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0483a519548434b662e97d0911d3d357.gif" alt="^_^"><br><br>il mio lavoro mi ha portato ad avere una notevole quantit&agrave; di motori trifase e per arrotondare ho deciso di venderli su ebay , ho fatto una ricerca per sapere +o- il prezzo di vendita e mi sono imbattuto in un tale che vende un progetto per fare di un motore elettrico un generatore eolico .<br>non mi va di prendere una fregatura anche se di pochi euro perciò volevo una conferma da persone esperte nel campo <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c9c209f21c837986656f0121af635839.gif" alt=":D"> spero <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/47e55e47394408632223724e18d4bdbf.gif" alt=":P"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/47e55e47394408632223724e18d4bdbf.gif" alt=":P"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/47e55e47394408632223724e18d4bdbf.gif" alt=":P"> .<br>scondo voi si puo fare realmente o no ?<br>grazie</div></div><br>e vero io o fato il mio in canpania e sono autosuficente. o smontato il generatore eliminando il motore a scopio (e grande con varie usite )mi sono costruito una piramide di 5 metri dei ali da 3 m montati in cima poivari cose come le baterie a altre cose . volio dirti che sono autusuficente in chasa .uso tuto come sempre.lunica cosa che costa tropo se lo compri nuovo sono le baterie .io invece mi sono trovato dele baterie da gru ne o mesi 10 quando non ce vento le baterie munite di alternatore sono suficenti non so per quando perce o sempre vento .

A.Zanoletti
07-10-2008, 09:52
Ciao a tutti sono nuovo di questo forum e vorrei sapere visto che state parlando di motore asincrono e motoriduttori vorrei porvi una domanda. E' megli istallare un aerogeneratore con il moltiplicatore di giri o un asincrono a magneti permanenti con l'albero del rotore connesso direttamente al mozzo? e quali sono i pregi e difetti di uno rispetto all' altro?. Grazie!!

saluca
25-02-2009, 10:30
Ciao ragazzi non sò deve è meglio postare la domanda quindi ne ho postate 2 in due diverse discussioni, chiedo scusa se non fosse corretto...:o
Fomentatissimo ho smontato il motore, da 5,5KW seguendo i vostri consigli sul fatto che produrre corrente con questo tipo di motore si percorre la strada in salita!!! e che la cosa migliore sia modificarlo trasformandolo a PMG.
La domanda è... ma quanti poli ho?!?! non sono riuscito mica a capirlo:cry:
cosi potrò calcolare i magneti che prenderò il più forti possibile, poi lo connetterò ad un inverter e... ma facciamo un passo alla volta, vi terrò costantemente aggiornati con foto passo passo promesso:bye1:
grazie mille a chiunque mi voglia aiutare...

udos3
25-02-2009, 10:42
ciao
guardate la foto di come fanno gli asincroni sincronizzati

saluca
25-02-2009, 12:28
Bè devo dire che non è affatto male.. anzi in effetti il lavoro è eccezionale, io pero sono fermo al palo, non sò ancora di quanti magneti ho bisogno perchè non sò di quanti poli è fatto il mio motere, l'ho smontato e ho postato il disegno se può essere d'aiuto...
penso il primo step sia sapere i poli che ha...
Grazie mille di avermi risposto ciao Udos3

udos3
25-02-2009, 12:37
se hai 4 matasse , evidentemente e' un 4 poli da 1500 giri a 50 Hz
ci sara pure la placchetta delle caratteristiche
2 poli 3000 giri
4 poli 1500 giri
6 poli 1000 giri

udos3
26-02-2009, 08:11
ciao
visto le tue dificolta'
ti suggerisco:
prendi un alimentatore da 6 volt e alimenti una fase, cioe' penso che ci siano 6 morsetti:
U V W X Y Z
di cui XYZ saranno collegati fra loro con le barrette
alimenta xyz con il piu e U con il meno
senza rotore , prendi un cacciavite e vai a sentire il campo magnetico che sara sulle suppongo 4 espansioni
se non hai un alimentatore a portata di mano, prendi una batteria da 12 volt e ci metti in serie una lampadina auto da 50 w per alimentare il tutto.
certo che una qualche foto schiarirebbe meglio per tutti quelli che ti vogliono dare una mano

saluca
26-02-2009, 22:58
ciao udos3 ti metto il link di dove ho postato la targhetta ieri cosi non intaso il forum con due discussioni simili..
e vi faccio pure un disegno nuovo che mi hanno bacchettato su quello vecchio, visto che non si capisce una mela.. e non hanno tutti i torti.
grazie della pazienza:o


http://www.energeticambiente.it/attachments/fai-da-te-mini-micro-eolico/4033d1235658485-modificare-motore-asincrono-per-generatore-weg-motor-5-5kw.jpg

udos3
27-02-2009, 07:26
ciao
come sospettavo , e un 4 poli
quindi devi trovare 4 bobine per fase per un totale di 12 bobine sui 360 gradi

fogsal
27-02-2009, 18:30
Buona sera innanzitutto.
Vi prego di perdonarmi se vi faccio delle domande forse un pò stupide, però ho trovato nel forum lo schema elettrico di come si modificano i motori elettrici trifase asincroni in generatori.
Ho provato a fare questo esperimento ma non sono riuscito a far generare un bel niente, forse perchè ho sbagliato il collegamento dei condensatori e un dubbio mi è sorto quando dovevo collegare i fili per poter leggere i valori in uscita.
A questo punto vi faccio la domanda da un milione di dollari : quando sullo schema dice collegare in parallelo il condensatore C su norsetti U V e il condensatore 2C in parallelo ai morsetti U W, significa che i poli del condensatore devono essere collegati sui suddetti morsetti ? oppure devo fare qualche strano (per mè) collegamento? e il prelievo su quali morsetti lo devo collegare?
Sicuramente vi metterete a ridere per le domande che vi faccio ma di elettronica o elettrotecnica non nè capisco un tubo.
Ringrazio anticipatamente tutti coloro che vorranno rispondere.

leo072
21-10-2012, 15:32
*** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***

Ciao il gioco con condensatori e diodi lo puoi fare solo col rotore avvolto e uscita su collettore ad anelli e serve una volta lanciato il motore come asincrono a iniettare cc negli avvolgimenti rotorici trasformandoli in elettromagneti cosi il motore vibra un pò e diventa sincrono come se fosse a magneti permanenti. Un motore tradizionale a rotore a gabbia si può sincronizzare solo inserendo potenti magneti al neodimio nel rotore mantenendo intatto il traferro. Bisogna inserire tante coppie di magneti ai lati opposti del rotore quanto dice la formula Velocità=3000 rpm-1 coppia. Cioe partendo da un motore classico da 1440/1490 rpm 4 magneti a 90gradi sul rotore fresato appositamente.(2 copppie) o 6 magneti a 60gradi per 900/1000 giri di targa. Ideale per l'eolico sarebbe un motore da 750 rpm con 8 magneti a 45 gradi. Se no bisogna riavvolgere un motore da 1440 rpm da 4 a 8 poli ed inserrire 8 magneti.
Il motore cosi modificato se collegato in rete si avvierà come asincrono e poi vibrerà un pò vicino alla velocità di sincronismo stabilizzandosi ad essa e cesserà di assorbire energia reattiva dalla rete in quanto essa sarà fornita dai magneti ed applicando una coppia all'albero comincerà ad erogare potenza attiva in rete. La forza in kg dei magneti si può calcolare in base alla coppia del motore e poi và sperimentato il tutto.

buran001
26-05-2013, 22:35
Ciao forse si riferito ad un normale motore asincrono trifase auto eccitato mediante condensatori esterni ,in 3 C A STELLA o in C-2C in monofase a triangolo, Scritto da Sandroturbine
E' un sistema di eccitazione tramite condensatori per eccitare un motore asincrono trifase , prelevare da una sola fase energia a 230 V mantenendo comunque bilanciate le correnti sulle 3 fasi e quindi mantenere alta l'efficienza .

Tutti i motori asincroni possono diventare generatori , i migliori risultati si ottengono con motori trifasi da 1,1 Kw a 10 Kw .

1 E' possibile prelevare l'80 % della potenza di targa del motore .

2 Il motore deve essere assolutamente 230V triangolo 400 V stella

3 I morsetti di tutti i motori e sono identificati con U V W

4 C è il condensatore in parallelo all'uscita U V 2C è il conensatore con valore doppio di C collegato ai morsetti U W in caso di rotazione sinistra , V W in caso di rotazione destra dell'albero .

5 Calcolo capacità . Individuare la corrente di fase a 230 V (corrente a 400V x 1.73)

Questa è anche la corrente che deve scorrere in 2C , la reattanza capacitiva Xc = V : I

C = 1: ( 2 pigreco X frequenza X Xc ) ,il risultato è in farad dividere x 1 milione per trovare i microfarad .
usare il valore conmmerciale piu vicino al calcolo . C = metà valore di 2C La corrente che scorre in C è la metà di quella in 2C

6 Il valore di corrente massima ottenibile in uscita è = corrente in C x 1.73 .

7 Riassumendo la corrente monofase a 230 V prelevabile da un motore asincrono trifase 230-400V =
Corrente di fase a triangolo : 2 X 1.73

Esempio un 2,2 Kw a tiangolo ha una corrente di circa 9A corrispondenti a 7.7 A a 230V = 1800W


Ricordo che la stabilità in tensione di questo sistema è assolutamente isufficiente per gli usi domestici . Solo accoppiati a turbine idrauliche , e con un sistema elettronico di controllo si ottengono risultati interessanti .

Ciao a tutti.