PDA

Visualizza la versione completa : E' POSSIBILE CARICARE UNA BATT DA AUTO ELETTRICA IN 3 MINUTI???



andregrande
23-09-2007, 10:31
<span style="font-family:Optima"></span> Buongiorno a tutti, chiedo se é possibile oppure no caricare una batteria per auto elettrica in 3-4minuti. Perché questa domanda? perché oggi esiste una tecnologia che rende le auto elettriche paragonabili a lle auto a benzina sia per autonomia che per prestazioni. E&#39; sufficiente notare quello che é stato realizzato dalla tesla motors, un&#39;auto molto sportiva con autonomia 400 km grazie ad una batteria di nuova generazione ed inoltre (per gli scettici sulle prestazioni di un&#39;auto elettrica) performance molto elevate. Allora mi chiedo... se ci fosse una tecnologia che permette di caricare la batteria in 3-4 minuti, tutti gli attuali distributori di carburante potrebbero essere dotati dei mezzi per caricare le batterie alle auto elettiche cosicché assisteremmo al passaggio dai combustibili fossili all&#39;energia elettrica come fonte del settore dei trasporti. Insomma, le auto elettriche sarebbero convenienti per il costo di manutenzione ed inoltre la tempistica al distributore sarebbe accettabile. Certo é che se ci vuole una notte intera a caricare la batteria la cosa non é proponibile.. ma se ci fosse la tecnologia che permette un rifornimento rapido, basterebbe apporre una modifica ai distributori attuali per assistere all&#39;annientamento graduale dei gas di scarico. Lo stato poi, potr&agrave; apporre le accise sul carburante &quot;energia&quot; attento però a non bloccare tale cambiamento da accise alte che frenino la convenienza al passaggio ad auto elettrica. Allora, esiste oppure no una batteria per auto elettrica che si carichi in pochi minuti???? Grazie e ciao a tutti.<br>

stranger
23-09-2007, 10:46
Certo che è possibile.<br>Col muletto elettrico tiri giù il pesantissimo bancale pieno di batterie scariche e poi, sempre con il muletto, metti dentro il confano posteriore il bancale con le batterie cariche.<br><br>Bisogna fornire i distributori con muletti elettrici.

Furio57
23-09-2007, 11:17
Ciao a tutti <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9a83828385e1557faab6e2f0f85e03b3.gif" alt=":)"><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (andregrande @ 23/9/2007, 11:31)</div><div id="quote" align="left"><span style="font-family:Optima"></span> Buongiorno a tutti, chiedo se é possibile oppure no caricare una batteria per auto elettrica in 3-4minuti. Perché questa domanda? perché oggi esiste una tecnologia che rende le auto elettriche paragonabili alle auto a benzina sia per...</div></div><br>Ciao andregrande bentrovato&#33;<br>Secondo il mio parere l&#39;uso dei autoveicolo elettrici pongono due aspetti: uno è tecnologico. Da sempre il motore elettrico ha avuto una efficienza superiore a quello a scoppio benzina o diesel che sia. Con i nuovo materiali ultimamente si è raggiunto livelli incredibili di efficienza e potenza. Come dici tu il problema è ancora il &quot;serbatoio&quot; cioè la batteria, anche in questo caso si è raggiunti ad un livello di immagazzinamento dell&#39;energia con un rapporto peso/potenza buono, anche se non ancora paragonabile a quello ottenuto con i carburanti fossili, considera che un litro di benzina che si versa in un serbatoio in una frazione di secondo &quot;dispone&quot; di una energia superiore ai 10 Kwatt&#33;&#33; Con le celle a combustibile o le batterie allo zinco con elettrodi intercambiabili si è raggiunto un discreto livello di tempi di &quot;ricarica&quot;.<br>L&#39;altro aspetto è molto più complesso: ricordati che i distributori di carburanti fossili sono di propriet&agrave; delle compagnie petrolifere e non hanno nessun interesse, anzi per loro sarebbe deleterio convertirsi in distributori di elettricit&agrave;, penso poi che lo stato avrebbe una grossa difficolt&agrave; a controllare le accise su un carburante elettrico, perchè chiunque potrebbe ricaricare il proprio veicolo da se (giustamente).<br>Per quanto riguarda direttamente una risposta alla tua domanda a mio avviso è impossibile caricare una batteria tradizionale in 3-4 minuti perchè la quantit&agrave; di energia da &quot;riversare &quot; sarebbe una potenza spaventosa dell&#39;ordine di diverse centinaia di kilowatt in pochissimo tempo e ciò richiederebbe delle piccole centrali elettriche, e che io sappia non esiste un sistema di batterie &quot;tradizionali&quot; capace di sopportare una carica così energica di diverse migliaia di ampere senza esplodere o comunque senza danneggiarsi.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/3c27977f96acc007a410a2bb69d47e12.gif" alt=":D">

andregrande
23-09-2007, 13:11
Grazie Furio, é ovvio che dovrebbe esserci un convinto impegno delle istituzioni nel cercare una soluzione simile a quella che io ho proposto..e di certo a parole é troppo facile... Non essendo io un esperto tecnologico come voi, ho posto il problema a livello &quot;politico-pratico&quot; certo non valutando i dettagli xché ignorante in materia. In ogni caso credo che una riforma avallata da una ricerca in questo senso, per trovare una soluzione ed uscire dall&#39;immobilismo attuale, sia dovuta ai cittadini intossicati da un secolo di petrolio. Il discorso petrolieri e lobby varie può essere serenamente gestito a favore di politiche volte alla produzione ed uso di energia pulita (soprattutto nel settore trasporti). Insomma uno Stato se vuole PUO&#39; cambiare... ma se si cerca sempre di trovare una scusa x giustificare le politiche energetiche attuali, non si cambier&agrave; mai. Prima é necessario cambiare nel modo di vedere le cose, poi nel lato pratico tutto viene più facile. Grazie ancora Furio per la tua analisi precisissima. Alla prossima.. ciao.

gattmes
26-09-2007, 09:54
Ciao<br>in linea di massima concordo con Furio &quot;praticamente&quot;...<br>..teoricamente però (ne stavano giusto discutendo stamane durante &quot;il caffè&quot;..)<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">penso poi che lo stato avrebbe una grossa difficolt&agrave; a controllare le accise su un carburante elettrico, perchè chiunque potrebbe ricaricare il proprio veicolo da se (giustamente).</div></div><br>volendo si può invece. (Come? Ehi... mica percepisco lo stipendio da Ministro.. ne tanto meno la futura pensione, quindi..)<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">è ancora il &quot;serbatoio&quot; cioè la batteria, anche in questo caso si è raggiunti ad un livello di immagazzinamento dell&#39;energia con un rapporto peso/potenza buono, anche se non ancora paragonabile a quello ottenuto con i carburanti fossili</div></div><br>Sarebbe gi&agrave; ora possibile stivare sui veicoli energia sufficiente ad una equivalente percorrenza (500-700km non li vedo un problema)<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">a mio avviso è impossibile caricare una batteria tradizionale in 3-4 minuti perchè la quantit&agrave; di energia da &quot;riversare &quot; sarebbe una potenza spaventosa dell&#39;ordine di diverse centinaia di kilowatt in pochissimo tempo</div></div><br>assolutamente in accordo circa:<br> &quot;batteria tradizionale&quot; (tuttavia è possibile avere una .... batteria.. non tradizionale... che si ricarica in pochi minuti gi&agrave;... ieri...)<br>&quot;una potenza spaventosa dell&#39;ordine di diverse centinaia di kilowatt in pochissimo tempo&quot;<br>(tattavia &quot;spaventosa&quot; dal punto di vista del &quot;frullattore&quot;... del tutto normale o addirittura minima dal punto di vista del ...&quot;locomotore&quot;...)<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">non esiste un sistema di batterie &quot;tradizionali&quot; capace di sopportare una carica così energica di diverse migliaia di ampere senza esplodere o comunque senza danneggiarsi.</div></div><br>concordo... di &quot;tradizionale&quot; non mi risulta niente... tuttavia di un po meno tradizionale...<br><br>..insomma non è possibile ma... volendo si può&#33;

andregrande
26-09-2007, 11:54
Infatti... volendo si può... quindi se ho capito bene da gattmes i problemi tecnici sarebbero AFFRONTABILI E SUPERABILI (..se ci fosse volont&agrave; politica). Inoltre, se tutto ciò fosse possibile, per supplire ad una rete di distribuzione che gradualmente andrebbe a formarsi CREDO sia pure possibile metterci un piccolo sebatoio di benzina a questa benedetta potenziale auto elettrica&#33; Nel senso che qualora si affrontasse un viaggio lungo e non si trovasse il &quot;distributore di energia&quot; si potrebbe sempre fare benzina&#33; Scusate, come vi ho gi&agrave; detto non sono il Nikola Tesla di turno quindi ragiono alla buona e sempre aggrappato al SE tale riforma del trasporto fosse realizzabile tecnologicamente. Non mi sento utopista, mi sento solo un ignorante in buona fede con 1pò di buonsenso. Ciao a tutti...

gattmes
26-09-2007, 16:58
Uffi....<br>..i problemi sono gi&agrave; stati superati (quelli tecnici). Come diceva Furio esistono gi&agrave; (=tecnologia &quot;terrestre&quot; di 15 anni fa circa) bat con buon rapporto peso/energia (o chiamalo come vuoi..).<br>La tecnologia attuale (quella &quot;nana&quot; .. e qui la finisco) permette ben oltre.<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">CREDO sia pure possibile metterci un piccolo sebatoio di benzina a questa benedetta potenziale auto elettrica&#33;</div></div><br>anche qua niente di non gi&agrave; fatto ... ma dirò di più <b>gi&agrave; commercializzato</b>... da parecchi anni.<br>Stiamo parlando di tecnologia &quot;ibrida&quot;:<br>puoi oggi comprare (non ho detto ipotizzare) diversi modelli Toyota ibridi (nel mondo), diversi modelli Lexus, diversi modelli Honda... ed anche Ford...<br>SONO IN VENDITA&#33; Così come lo sono ORA alcune Flex (gi&agrave; una decina di modelli) in Italia&#33;&#33;<br><br>Quel che forse non ho spiegato (lo ho fatto in altri posti) è che se le &quot;bat&quot; tengono energia per centinaia di km (500-700) dal distributore NON è obbligatorio fare il pieno... proprio come succede con i veicoli attuali... ovverro &quot;biberoni&quot; un 10/20Euro (in &quot;Volt&quot; sar&agrave; spero molto meno) e vai.<br><br>Comunque poi non serve obbligatoriamente il rifornimento nelle stazioni, per esempio... (ok, ok... ho detto che la finivo.....)<br><br>Ciao ..vado a &quot;godermi&quot; un giretto sul mio scooter con quella tecnologia di 15 anni fa...<br> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b86d70577bcfa932d6099444748103d1.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b86d70577bcfa932d6099444748103d1.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/75f767746c67a170fefab83ff86dfbde.gif" alt=":P">

andregrande
26-09-2007, 18:48
Certo gattmes che esistono le auto ibride&#33; ma le auto ibride che gi&agrave; esistono da quello che so si caricano in corsa grazie ad una specie di dinamo etc.. in ogni caso le auto ibride che esistono fanno al max i 50/70 km/h in modalit&agrave; di esclusivo uso di energia elettrica. Sorpassate tali velocit&agrave; (sempre da quello che so) entra in uso il motore a scoppio che necessariamente deve intervenire per consentire la corsa ad andatura più elevata (perdona la non scrupolosit&agrave; dei dettagli). Insomma quello che voglio dire é che l&#39;auto elettica a cui io mi riferivo nei precedenti post non deve dipendere dal motore a scoppio (come in fin dei conti fa l&#39;auto ibrida attuale) ma potrebbe usare un motore a scoppio come &quot;riserva&quot; nel caso in cui si scaricasse la batteria. L&#39;auto elettrica che immagino avrebbe prestazioni,costi e autonomia paragonabili alle auto attuali. Ponevo l&#39;eventualit&agrave; di un motore a scoppio accessorio perché se uno volesse fare un viaggio lungo non potrebbe ricaricare la batteria se si trovasse fuori casa e, visto che la rete di distribuzione di energia elettrica avrebbe uno sviluppo graduale, sarebbe ad hoc avere un motore (anche poco potente) per garantire autonomia in ogni circostanza.Si tratta di capovolgere il concetto di auto ibrida, PIU&#39; elettrico e MENO motore a scoppio. L&#39;auto che ho immaginato é da pensare come auto esclusivamente elettrica... al massimo con un motorino a scoppio... fintanto ci sia a livello strutturale la possibilit&agrave; di ricaricare in ogni dove. Il motorino a scoppio comunque non é indispensabile.. l&#39;importante era capire che si potrebbe fare un auto elettrica con presatazioni equiparabili a quelle in commercio e che, come hai detto tu, l&#39;autonomia non sarebbe più un problema.<br>Era solo per precisare quello che intendevo dire.... ciao gattmes, ciao a tutti...

gattmes
27-09-2007, 10:05
Ok...<br>..definire i &quot;confini&quot; è sempre molto arduo..<br>Se ad esempio approfondisci il concetto inbrido della P. Toyota ( http://www.energeticambiente.it/discussioni-specifiche-per-veicolo/1419417-auto_ibrida-prius-librido-secondo-toyoda-toyota.html ).. forse vedi che non è proprio come hai scritto... ovvero è la parte &quot;elettrica&quot; che è &quot;principale&quot;.<br>Il motore termico &quot;aggiunge&quot; solo quello che manca, usando il carburante. Che poi il &quot;serbatoio&quot; elettrico sia al momento piccolo (ma dai un occhio alla nuova versione..) questo è un altro paio di maniche... che poi non si possa ricaricare dalla &quot;spina&quot; (ma dai un occhio alla nuova versione..) pure.<br>Quello che bisogna definire sono i &quot;pesi&quot; dei vari elementi.. ma, credimi, tra l'auto che avevi espresso tu nel precedente post (e volendo anche nel tuo ultimo) e la P non vedo differenza... Sai.. con la P volendo puoi andare a farti un giretto al supermercato vicino (paio di km)... riempire il bagagliaio e ritornare a casa... tutto questo con il tastino EV pigiato!<br>E per ricaricare &quot;elettricamente&quot; -volendo- si può gi&agrave; sulla versione attuale (prova a cercare &quot;Prius Plus&quot; con un motore di ricerca...)<br>Possiamo approffondire se vuoi (+ ne discutiamo meglio è.. così ognuno può farsi una sua opinione ..magari diversa da quella &quot;imposta&quot; dai vari massmedia)<br><br>Bene<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">la rete di distribuzione di energia elettrica avrebbe uno sviluppo graduale</div></div><br>Questa non l'ho capita/non mi torna.<br>Premetto che non so da quale parte del pianeta scrivi (ammesso che se sei sul pianeta e quindi amesso anche che il mio tempo/anno di riferimento [2007] del discorso sia anche il tuo), ma dalle mie parti la distribuzione di energia elettrica è capigliarissima ...anche troppo!<br>Sicuramente è molto più facile nonchè veloce trovare una rete/installare una presa.. che mettere un distributore di carburanti.<br>????<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Si tratta di capovolgere il concetto di auto ibrida, PIU' elettrico e MENO motore a scoppio.</div></div><br>Si si certo concordo 2000%<br> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1b970d441ef68bb02be9fb60724c6efd.gif" alt=":)">

andregrande
27-09-2007, 12:15
Gattmess vedo che ragioni 1pò con i paraocchi...sei forse ingegnere??? io non ho la presunzione di sapere e di conoscere da tecnologico quale tu sei.. o sembri di essere. Il problema ha come obiettivo minor inquinamento-smog causa trasporti. Ponevo il problema di ricaricare un&#39;auto elettrica in 3-4 minuti perché come ti ripeto, se uno si trova lontano e rimane a secco di energia potrebbe ricaricare velocemente ed inoltre la gente vedendo che l&#39;auto si può ricaricare in pochi minuti sarebbe incentivata all&#39;acquisto di questa tipologia di auto e, nell&#39;ambito di una politica ambientale, sarebbe una buona cosa. Il motore elettrico di un&#39;auto ibrida preso da solo non ha le stesse prestazioni di un&#39;auto con motore a scoppio. Allora... ponevo il problema sul perché l&#39;auto esclusivamente elettrica stenta ad affermarsi... problema noto (oltre alle varie lobby che lo impediscono) sarebbe forse l&#39;autonomia e le prestazioni. Tu allora mi parli di auto ibrida... ma io non propongo un&#39;auto ibrida, LEGGI BENE&#33;&#33;&#33; GATTMESS caro io non vivo in un&#39;altro pianeta, ponevo UMILMENTE la necessit&agrave; di una rete di distribuzione semplicemente x il fatto che se uno si trovasse LONTANO DA CASA potrebbe avere difficolt&agrave; nel fare la ricarica&#33; COMPRESO?&#33;?&#33;?&#33; Se tu ti trovassi fuori casa dove andresti a ricaricarti l&#39;auto?&#33;?&#33;?&#33; lo faresti forse a scrocco chiedendo la presa ad una famiglia?&#33;?&#33;? lo faresti attaccandoti alla presa di una bar?&#33;?&#33;? E tu forse dirai... l&#39;auto ibrida non ha questo problema... ma chi la vuole l&#39;auto ibrida&#33; l&#39;auto ibrida inquina&#33;&#33;&#33;&#33; Ecco che ho posto la necessit&agrave; di un&#39;auto elettrica che abbia il motore a scoppio...MA NON COME LE AUTO IBRIDE DI ADESSO&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; ponevo il discorso del motore a scoppio finché accanto ai distributori di benzina ci possa essere la spinetta da attaccare alla macchinetta... per emergenza qualora ti finisse la ricarichetta... COMPRESO?&#33;?&#33; per emergenza&#33; non per il movimento quotidiano dell&#39;auto&#33; e poi se vogliamo essere coerenti lo stato non vorrebbe perdere le accise quindi può essere che questo diventi un&#39;ultreiore problema da trattare sul come apporle. RIPETO, L&#39;AUTO CHE IMMAGINAVO NON E&#39; L&#39;AUTO IBRIDA CHE E&#39; GIA&#39; PRESENTE NEL MERCATO non mi sembra che l&#39;auto ibrida abbia una batt con autonomia 500-700km.. non mi sembra che il motore elettrico da solo abbia le stesse prestazioni di un&#39;auto elettrica come quelle ultime vedi tesla motors... insomma non mi sembra di aver parlato di un&#39;auto ibrida come la vedi tu o come quella che tu credi io stia parlando.... buona giornata gattmess... umilmente ti ho risposto e la mia non é una soluzione a tutti i mali, era solo un &quot;PERCHE&#39;, UN COME, UN SI PUO&#39; FARE&quot; CHE VOLEVA CONDIVIDERE UN&#39;IDEA...umilmente e senza pretese&quot; credo che un forum serva anche a questo ma probabilmente hai frainteso oppure forse non hai letto fino in fondo quello che ho scritto oppure cerchi di snobbare dall&#39;alto dei tuoi paraocchi... , in ogni caso non mi sei sembrato molto cordiale. Ciao dall&#39;ignorante che viene dallo spazio remoto... dove però c&#39;é forse più umanit&agrave; e buonsenso di quello che hai dimostrato di avere.

gattmes
27-09-2007, 13:56
????? (mahh..)<br><br>Un&#39;auto dotata di due motori, uno elettrico ed uno termico, è <u>sempre</u> un&#39;auto ibrida&#33;<br>Non importa il &quot;peso&quot; che si da nel sistema ai due propulsori.. dalla definizione della parola stessa.<br>Ovviamente mi riferisco ad un mezzo dove è &quot;montato&quot; motore serbatoio ecc... diverso è avere nel bagagliaio un gruppo elettrogeno et simili per &quot;emergenza&quot;.<br>Se il veicolo <b>ha</b> due motori &quot;a libretto&quot;.. deve avere/rispettare tutta la normativa europea sull&#39;argomento.. ed è definita auto ibrida.<br>Ripeto: non so da dove scrivi, ma in EU è così.<br><br>ndr- talvolta molti confondono con ibride le auto alimentate ad esempio a benzina e metano, ecc.. Queste sono invece &quot;doppio, triplo, tetra, ecc. combustibile&quot; [bi-... tri.... tetra... fuel], sempre che il funzionamento del motore è previsto con solo un tipo per volta, altrimenti sono &quot;a combustibile flessibile&quot; [FlexiFuel]<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Il motore elettrico di un&#39;auto ibrida preso da solo non ha le stesse prestazioni di un&#39;auto con motore a scoppio</div></div><br>[suppongo non ti riferisci all&#39;autonomia, correggimi se sbaglio].<br>Dipende che cosa pretendi.. ad esempio- se hai un&#39;auto -che caratteristiche ha il suo motore come coppia (Nm) e potenza (kW)??<br>La coppia lasciala così com&#39;è mentre circa la potenza .. togli almeno un 20% (persa tra cambio, alternatore, ecc.)<br>Bene&#33; Sei sopra questi dati: Nm=400, kW= 50<br>Si? Bene hai un veicolo con prestazioni elevate.<br>No?? Allora sappi che il &quot;solo&quot; motore elettrico della Prius fa molto meglio, in termini di prestazioni, di quello della tua ipotetica auto.<br>Volendo potremo continuare con complessit&agrave; meccanica, pesi, dimensioni....<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">non mi sembra che l&#39;auto ibrida abbia una batt con autonomia 500-700km.</div></div><br>no ma potrebbe. Hai infatti centrato forse il vero problema.<br>Finchè c&#39;è un motore... meglio farlo un po più grosso... Finchè non ci sono &quot;colonnine&quot; nel raggio di diverse centinaia di km... tanto vale investire in una bat + o - capiente<br>..e finchè c&#39;è un motore .. l&#39;auto inquina.. quanto meno quando questo è in funzione.. non importa la &quot;grandezza&quot;.. non importa se lo chiamiamo &quot;pippo&quot; o &quot;pluto&quot;.<br><br>torno quindi a quotare:<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Si tratta di capovolgere il concetto di auto ibrida, PIU&#39; elettrico e MENO motore a scoppio.</div></div><br>Si si certo concordo 2000%<br> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c33fcc1cf564ab3fab08ccf277085d0b.gif" alt=":)"><br><br><span class="edit">Edited by gattmes - 27/9/2007, 16:54</span>

WTR
01-10-2007, 19:47
beh qui : <a href="http://www.chevrolet.com/electriccar/" target="_blank">http://www.chevrolet.com/electriccar/</a> è pubblicizzata un&#39;auto ke potrebbe fare la differenza tra le ibride.<br>una carica ke dura, poniamo il caso, 60/70 km è l&#39;ideale per l&#39;italiano medio che si sposta al lavoro.una volta arrivato a casa ricarica l&#39;auto di notte.<br>viceversa una volta superata la soglia dell&#39;autonomia elettrica entra in funzione un gruppo elettrogeno ke ricarica le batterie (in italia potrebbe andare a metano), lavorando in condizioni di regime ottimale il motore emetterebbe meno inquinanti.<br>e comunque non siamo pronti per l&#39;auto totalmente elettrica, ma dove la troviamo tutta questa energia per farle funzionare. dovremmo riempirci di centrali termoelettrike, sperando ke siano ben mantenute coi livelli d&#39;emissioni (x la felicit&agrave; delle 7 sorelle..)<br>No, prima dobbiamo dotarci del nucleare (fissione e poi fusione), solo allora avremmo la certezza di inquinare di meno.<br>intanto ben vengano queste soluzioni<br>

gattmes
10-10-2007, 15:53
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">No, prima dobbiamo dotarci del nucleare (fissione e poi fusione)</div></div><br>Nessun commento / No comment &#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; (... x gli &quot;amanti&quot; dell&#39;inglese)

pttprnc
15-10-2007, 23:46
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (andregrande @ 23/9/2007, 11:31)</div><div id="quote" align="left"><span style="font-family:Optima"></span> Buongiorno a tutti, chiedo se é possibile oppure no caricare una batteria per auto elettrica in 3-4minuti. Perché questa domanda?</div></div><br>A quello che ne so le batterie che possono essere caricate in un tempo simile (10 minuti) sono le Nanosafe della Altairnano, ( <a href="http://www.altairnano.com/" target="_blank">http://www.altairnano.com/</a> ) puoi trovare altre informazioni qui:<br><a href="?t=5275980#entry56497124" target="_blank">#entry56497124</a><br>e le A123, che però per le auto a quanto mi risulta hanno ancora problemi di surriscaldamento:<br><a href="http://www.gm-volt.com/wp-content/uploads/Ric_Fulop.mp3" target="_blank">http://www.gm-volt.com/wp-content/uploads/Ric_Fulop.mp3</a>.<br><br>Le prime equipaggiano due vetture:<br>un SUV della Phoenix motorcars, nella congigurazione da 35 kWh (<a href="http://www.phoenixmotorcars.com/" target="_blank">http://www.phoenixmotorcars.com/</a>), che avrebbe dovuto essere commercializzato negli USA a partire da quest&#39;estate, ma che è stato ritardato per problemi di omologazione proprio del connettore elettrico (la normativa americana non contempla ancora &quot;spine&quot; per potenze così elevate, come quelle richieste per la carica rapida).<br><br>un Fiat Doblò elettrico della Micro-Vett di Imola ( <a href="http://www.micro-vett.it/" target="_blank">http://www.micro-vett.it/</a> ), che proprio in questi giorni è stato provato con successo in Norvegia dalla Go-Green Holding, che intende sostituire la gran parte delle batterie per auto dei paesi scandinavi con le Nanosafe (<a href="http://www.ghttp://www.go-green.no/" target="_blank">www.ghttp://www.go-green.no/</a> ).<br><br>un bolide inglese da 700 hp l&#39;Electric Lightning GTS (<a href="http://www.lightningcarcompany.com/home.php" target="_blank">www.lightningcarcompany.com/home.php</a>).<br><br>Le A123 dovrebbero equipaggiare la Volt della GM (<a href="http://www.chevrolet.com/electriccar/" target="_blank">www.chevrolet.com/electriccar/</a>) , ma la presentazione sta subendo notevoli ritardi.

gattmes
16-10-2007, 08:44
Sicuro che sul doblò non ci siano attualmente le TS (100Ah e 200Ah, secondo modello)????

pttprnc
16-10-2007, 10:40
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gattmes @ 16/10/2007, 09:44)</div><div id="quote" align="left">Sicuro che sul doblò non ci siano attualmente le TS (100Ah e 200Ah, secondo modello)????</div></div><br>Attualmente il Doblò monta batterie agli ioni di litio 60 x 200 AH 3.6V, ( <a href="http://www.newteon.com/www2/en/Vehicules/Vehicules_electriques/Fiat_Doblo_Electrique_2007012525/" target="_blank">www.newteon.com/www2/en/Vehicules/Vehicules_electriques/Fiat_Doblo_Electrique_2007012525/</a> ) se non sbaglio della Zebra, ma nella prova condotta in Norvegia montava le batterie della ALTAIRNANO (<a href="http://www.b2i.us/profiles/investor/ResLibraryView.asp?BzID=546&amp;ResLibraryID=21772&amp;Cat egory=987" target="_blank">www.b2i.us/profiles/investor/ResLibraryView.asp?BzID=546&ResLibraryID=21772&Category=987</a>).

gattmes
16-10-2007, 11:07
Io ho informazioni un po diverse...<br>1) le Zebra sono le cosidette batterie al sale (Nichel e Na), funzionanti a temperatura elevata. Sono prodotte in Ch da MES- DEA<br>2) I veicoli Micro-vett erano (passato) equipaggiati con Zebra<br>3) Attualmente molti dei nuovi veicoli sono al litio (*)<br>4) circa le batterie impiegate dipende dalle versioni, quindi 200Ah ma anche 100Ah<br>5) attualmente sono TS<br><br>questa è una ditta che (giustamente) si guarda attorno a cosa &quot;appare&quot;... probabilmente testa quindi le nuove ...&quot;novit&agrave;&quot;....<br>(*) circa il rimpiazzo delle Zebra... che dire...<br>Personalmente le considero equivalenti (parlo di peso, dimensioni circa e costi...)<br>Le litio risentono meno di situazioni di inoperativit&agrave; del veicolo in quanto le Zebra si autoscaricano per mantenersi calde.. tuttavia quest&#39;ultimo rappresenta un pregio selle variazioni di temperatura..<br>Nonostante i progressi, le litio risentono molto delle basse temperature (specialmente sale la R interna), mentre le Zebra, termicamente &quot;autonome&quot;, vanno come un treno...<br>Insomma dipende dall&#39;uso (e un insieme dei 2 sistemi???...Questa la &quot;regalo&quot;...), tenendo conto che le TS se non le sai usare elettricamente e meccanicamente durano molto meno/poco del nominale.<br>

pttprnc
16-10-2007, 11:46
La societ&agrave; Go-green Holding ha intenzione di sostituire il 50 % delle attuali batterie utilizzate nelle autovetture norvegesi con le nuove batterie della Altairnano, per testarne la funzionalit&agrave; ha utiizzato un Fiat Doblò elettrico della Micro-Vett.<br>Ha inoltre intenzione di implementare una rete di stazioni di ricarica rapida, prima sul territorio norvegese e poi negli altri paesi scandinvi.<br>Ha in programma di &#39;utilizzare le batterie Nanosafe come accumulatori nella rete da impiegare nei momenti di picco.<br>Esiste, è vero, una differenza notevole di prezzo tra le attuali batterie agli ioni di litio che equipaggiano il Doblò, che costano circa 7000 €, mentre il blocco da 18 kWh utilizzato a Oslo, dovrebbe costare circa 28000&#36;, che ai cambi attuali fanno 20000 €.<br>C&#39;è però da tenere in considerazione la maggior durata delle Nanosafe rispetto alle ioni di litio (da 10 a 20 volte secondo il produttore), la possibilit&agrave; di operare in un range di temperature più elevato, soprattutto a quelle basse potendo essere ricaricata anche a -30°C, quando le batterie ioni di litio cominciano ad aver difficolt&agrave; di carica sotto gli 0 °C e la possibilit&agrave; della ricarica durante le frenate, vista la particolare struttura degli elettrodi che permettono grossi flussi di energia, se accoppiate a motori elettrici che la consentono.

gattmes
16-10-2007, 13:25
Bisogna &quot;sapermi leggere&quot;...<br>..infatti quando scrivevo post fa:<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">La tecnologia attuale (quella &quot;nana&quot; .. e qui la finisco) permette ben oltre.</div></div><br>mi riferivo a dati simili.<br><br>Analizzando la parte finale del tuo msg:<br>Le litio &quot;canoniche&quot; gestiscono gi&agrave; ricariche da paura&#33; X le TS la corrente NOMINALE di ricarica (fornita costantemente... è quella x cui sono specificate&#33;) è di 1/3 quella espressa negli Ah (ovvero un 100Ah si ricarica NOMINALMENTE con 33A&#33;). La &quot;veloce&quot; è data come 0,5C (50A nell&#39;esempio). È chiaro quindi che &quot;picchi&quot; più alti sono gestibili (tipo C .. e multipli&#33;).<br>Di norma su un&#39;auto i freni sono &quot;motori&quot; ben più potenti del propulsore stesso. L&#39;energia sprigionabile in frenata è di gran lunga superiore (di norma) a quella in accelerazione. Pertanto una batteria &quot;nana&quot; che va oltre i dati gi&agrave; oggi (=tecnologia di ieri... molto ieri...) ottenibili è + adeguata allo scopo...<br><br>Circa i prezzi nulla aggiungo (li fanno i numeri.. ed il mercato).<br>Circa la vita qua devo approfondire. Quel che mi sovviene è che sicuramente bisogna fare un distinguo tra vita come cicli e vita come tempo. Per il secondo non so se si hanno grandi allungamenti ma x il primo la tecno attuale promette novit&agrave;.<br><br>In ultima analisi x la tecno futura siamo alle &quot;sfumature&quot;.<br>Come gi&agrave; detto ad oggi &quot;fare si può&quot;.....<br>I problemi (come evidenziato da tanti altri e in altri msg/3D) sono casomai nella &quot;presa&quot; di ricarica..<br>Ciao<br><br>PS 7000 Euro delle attuali litio ti riferisci alla versione + piccola con le 100Ah (21kwh), vero? Con 60 x 200Ah (43kwh) non mi torna assolutamente...<br>(Brandon, per quanto bravo sia,non è Babbo Natale...)

pttprnc
16-10-2007, 14:11
Certo mi riferivo alla versione light, comparabile a quella utilizzato a Oslo.<br><br>Vedo invece che nessuno è rimasto impressionato della Electric Lightning GTS (<a href="http://www.lightningcarcompany.com/home.php" target="_blank">www.lightningcarcompany.com/home.php</a> ).<br><br>Allego una foto e riporto alcune caratteristiche prese dal sito:<br><br><b>Car ------------------------------------- 0-60mph ------------ Power</b><br>Jaguar 4.2 XKR convertible ---------------5.0 Secs -------------420 bhp<br>Toyota Prius [Hybrid] 1.5 T4 -------------10.9 Secs -------------76 bhp<br>Electric Lightning GTS (GT) ---------------4.0 (5.0) Secs --------700+ bhp<br><br><center><b>Attached Image</b></center><br><table class="fancyborder" style="width:50%" align="center" cellpadding="4" cellspacing="0"><tr><td align="center"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/06aa9e95d2bf6441b2a88df79e0faea8.jpg" alt="Attached Image"></table><p>

Wilsen
18-10-2007, 15:59
ciao pttprnc,<br>io sono rimasto molto impressionato, anche troppo (leggi perplesso).<br><br>ero anche rimasto impressionato dalla tesla, tanto che avevo in mente di organizzarmi un weekend da loro per provare la loro auto<br><br>solo che ad oggi la tesla non è ancora riuscita a commercializzare niente (sono in ritardo di quasi due anni rispetto alla prima data ipotizzata) ed anche gli inglesi sembrano avere qualche difficolt&agrave; (di omologazione se ben ricordo...)<br><br>se aggiungiamo a questi due esempi anche quello del motore ox2, che da rivoluzionario sembra essersi trasformato in una chimera, mi sembra corretto cominciare a diffidare degli annunci e concentrarsi su chi magari promette qualcosa di meno rivoluzionario, ma realmente commercializzato...<br><br>questo ovviamente non toglie che tutti qui speriamo nelle rivoluzioni annunciate....<br><br>

pttprnc
05-03-2008, 10:11
Esce il restiling della Electrinc Ligtning GT, le precedenti immagini si riferivano alla versione con motore a combustione interna.<br><a href="http://www.lightningcarcompany.com/gallery.php" target="_blank">http://www.lightningcarcompany.com/gallery.php</a><br><br>Confermato l&#39;utilizzo delle Batterie Nanosafe della statunitense Altairnanotecnologies e del motore elettrico ultracompatto Hi-Pa Drive™ della PML Flightlink Ltd.<br><br>La combinazione dei due, unita al recupero di energia in frenata dovrebbero fornire un&#39;improbabile autonomia di 250 miglia.<br><br>Prezzo interessante, sui 200mila € <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/42e92ba25b34d1a3fccd1824ca413218.gif" alt=":blink:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/42e92ba25b34d1a3fccd1824ca413218.gif" alt=":blink:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/42e92ba25b34d1a3fccd1824ca413218.gif" alt=":blink:">

DanyL
13-06-2008, 16:05
Se andate nel sito (Untitled Document (http://www.phoenixmotorcars.com/)) troverete tutte le caratteristiche del SUV elettrico con batterie Altair Nano ricaricabili in 10 minuti e sul fondo della pagina leggerete che ci vuole un caricabatterie esterno da 250KW!!!
comunque se la ricarichi da casa in una nottata a corrente + bassa si ricarica penso al 100%
Il prezzo però è 200.000 $

francescoG1
27-10-2008, 12:17
comunque se la ricarichi da casa in una nottata a corrente + bassa si ricarica penso al 100%
Il prezzo però è 200.000 $

non il prezzo è di 45.000$ cioè circa 36.000 euro; la batteria della altairnano è da 35 Kwh, il costo pare che sia di 14.000 $ per il 35 Kwh e pare che sia possibile raggiungere i 330 al kwh ovvero 11.550.

roberto_EFFE
26-11-2008, 04:39
Salve a tutti,
il problema dell'autonomia delle auto elettriche è praticamente solo culturale, considerate che è dimostrato che il 90% degli automobilisti fa meno di 100km/giorno.. quante famiglie hanno due auto oggi?
una potrebbe essere elettrica anche con la tecnologia di 15 anni fa..

io intanto, visto che di fatto il mercato non esite me la sto costruendo (vera).. poi chissà!!!

ciao

uforobot
27-11-2008, 13:02
Buongiorno a tutti, chiedo se é possibile oppure no caricare una batteria per auto elettrica in 3-4minuti.


Ceeeeerrrrrrto che è possibile!
Il tizio se ne va all'Enel o AEM o chi per esso, e dice a loro che l'attuale contatore casalingo da 3 Kw non va bene, glie servirebbe uno da 300 kw.

Se loro sono cosi gentili da fornirglielo...non c'è problema

gattmes
28-11-2008, 12:36
Il tizio se ne va all'Enel o AEM o chi per esso, e dice a loro che l'attuale contatore casalingo da 3 Kw non va bene, glie servirebbe uno da 300 kw.

E perchè il "tizio" deve fare ciò????

Leggendo "tra le righe" di uforobot... che penso abbia..."estrapolato/calcolato" sui 3 minuti proposti nel titolo da andregrande.. dicevo si dovrebbe trattare di una ricarica da 15kWh....

..ma io dico che con il mio contratto potrei arrivare a 79kWh senza neanche "segnalazioni anomale"... probabilmente anche spremerne 80...80 e mezzo.....
togliendone poco oltre un paio (3) per utenze ..."domestiche" ...fanno sempre ben oltre i 75kWh al giorno con un contratto da 3kW picco.

Quindi, considerando un po di rendimenti... probabilmente riuscirei a caricare (parlo lato spina.. ovvero supposto un veicolo che accetta una carica così rapida) un veicolo anche di 50kWh di batteria a bordo (con es. una bat 250V quasi 200Ah)... in 3 minuti... o anche meno (dipende dal veicolo e sistema per la ricarica, non dal... contatore / contratto)

luigiduca
28-11-2008, 17:56
Giusto Gattmes, semprechè mi doti di un accumulo sufficiente che regga poi le correnti di scarica che dovrò "sparare" dentro le batterie della macchina. Stiamo parlando di metterci in cantina 80/90kWh di batterie ad alto potenziale di scarica, diciamo litio? Beh... mi piacerebbe molto potermelo permettere, però vedo qualche lievissima difficoltà di ordine economico ;)

gattmes
01-12-2008, 10:17
Esatto... tutto questo mi serviva da "catalizzatore" per introdurre un concetto:
(mi allaccio a quanto detto da luigiduca.. ma potrei argomentare differentemente!)
mettere x mettere ..in cantina.. qualcosa.. tipo altre bat x accumulo... allora, nel caso di un veicolo con bat asportabili (abbastanza facilmente),.. tipo scooter... allora basta avere un "ricambio" di quelle montate a bordo...
..di li poi a "farlo" non solo in cantina... ma dal (esempio) distributore.. il passo/concetto è ancor più breve!
Ovvio che serve una bat ..diciamo... "standard".. e, diciamo, particolare
(ma guarda un po cosa vedo qui, sotto i miei occhi... mahh...)

Partire da questi ragionamenti ed arrivare alla mia ormai solita affermazione (che cito in seguito) non ci si mette molto.. considerando che è il linea con le tendenze normative europee (che ultimamente meno "chiedono" sul sistema di accumulo... vedi numero di celle, ecc.).. e cioè:

bisogna separare il veicolo dal ..."serbatoio"..per vari motivi.
Per primo siamo tutti bravi a costruire un buon veicolo elettrico, efficiente (motori oltre 85%), con recupero, ecc...ovvero qua la tecnologia è abbastanza avanti.. e tra un progetto e l'altro si tratta di raschiare (in fondo al barile) punti percentuali, a volte in campi non elettrici/elettronici (es. aerodinamica..).
Per secondo la stessa cosa NON si può dire lato... "fornitura" energia. Per quanto concerne le batterie ancora molto è possibile fare.. e attualmente si è ben lontani dai possibili/plausibili futuri sviluppi. Inoltre non è detto che la soluzione batterie, con riferimento allo stivaggio a bordo dell'energia necessaria, sia poi l'unica soluzione: magari non lo è.. o ne è una parte... o lo è per determinate applicazioni.

Di conseguenza io vedo un veicolo .. non diverso da un frullatore, un trapano, un TV... un oggetto cioè con una ..."spina" virtuale/equivalente.. e una targhetta con scritto qualcosa non molto diverso da (a titolo d'esempio meramente comparativo) 230Vac/50Hz/500W (.."di targa"...).
Chi costruisce questi oggetti non si preoccupa circa l'implementazione produttiva (eolico,nucleare, ecc.) e distributiva dell'energia nel luogo dove verranno impiegati!
...Ma semplicemente si... "normalizza"... rispetto un determinato.. standard...

Così quindi come un veicolo ciclo Diesel (gasolio/RME/ecc.) si ..normalizza.. rispetto un carburante che rispetta lo standard EN590/ecc. ... ed uno ad accensione comandata (etanolo/benzina/gas/ecc.) a quello EN228/EN15376/ecc. .. mi aspetto veicoli elettrici "alimentabili" dallo standard ENxxx, ENzzz, ENyyy.....

Pasqualel
13-03-2009, 10:28
Fatemi capire, vediamo se qualcuno sa tradurre questo concetto in termini di praticità e quotidianità, o se le mie parole bastano:
bisogna trasformarsi da "consumatori" a "produttori" di energia?

Potendo possiamo generare energia in casa e accumularla in batterie senza incorrere in nessuna forma di illegalità, e possiamo addirittura alimentare il nostro circuito casareccio senza ricorrere più all'enel.
Ovviamente, bisogna avere un po' abilità manuale e imparare dei concetti di fisica, chimica e elettronica applicata nella manutenzione del tutto.
Sbaglio o ho detto qualcosa di troppo?

In sostanza ci sono delle lobby che vogliono tacitamente imporre attraverso i mass media delle politiche di "vendita di massa" di energia, ma nessuno ci dice che noi possiamo farci la piccola centrale elettrica in casa nella misura che meglio crediamo, senza dover dipendere da una ditta.

Dico bene o dico cose scomode?
Mi sembra chiaro no?

Possiamo assorbire 1,5 o 3 kilowatt per generarne di più?

Un carica batterie altro non è che un accumulatore/traformatore.. i termini sono impropri ma insomma credo che il concetto si sia compreso..
Putroppo dopo la Babilonia non tutti parliamo la stessa lingua... ma Grazie a Dio riusciamo a capirci per concetti concreti e grazie alla prova della verità.. almeno lì non ci confondiamo.. :)

gattmes
13-03-2009, 15:00
Potendo possiamo generare energia in casa e accumularla in batterie senza incorrere in nessuna forma di illegalità, e possiamo addirittura alimentare il nostro circuito casareccio senza ricorrere più all'enel.
È cio che talvolta è definito come "impianto ad isola" (nel senso che sei "isolato" dal resto).. nulla di esotico!


In sostanza ci sono delle lobby che vogliono tacitamente imporre attraverso i mass media delle politiche di "vendita di massa" di energia,
le cosidamechiamate maniglie... ovvero meglio idrogeno (per non dire benzina) che alcool o olio... meglio fissione che fusione fredda... ..
..insomma meno facile + tecnologico è... e meglio è vista..


Un carica batterie altro non è che un accumulatore/traformatore.
Le batterie sono eventualmente accumulatori (si chiamano anche così!) il cb invece no... è più un trasformatore...