Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 3 di 35 primaprima 123456789101112131415161723 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 41 a 60 su 700

Discussione: alternatore / alternatori / dinamo auto (ad uso automobilistico): QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI

  1. #41
    alsa05
    Ospite

    Predefinito



    SAlve sono nuovo del forum,il mio problema consiste:prendere l' uscita di un alternatore auto prima del ponte raddrizzatore ma al momento dello smontaggio mi sono trovato difronte tre fili chi mi uscivano dallo statore e andavano al diodo raddrizzatore.Che uscite dovro' prendere per avere 12 volt alternati?
    grazie anticipatamente.

  2. #42
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao alsa05
    I tre fili che escono dallo statore sono quelli giusti per prelevare la trifase alternata, prima dei diodi.
    I diodi sono in tutto 6 (ponte raddrizzatore trifase).
    Tre diodi vanno al negativo, gli altri tre vanno al positivo.
    Ogniuno dei tre fili che escono dallo statore ha due diodi collegati, uno va al negativo e l'altro al positivo.
    Spero di esserti stato di aiuto.
    Ciao


  3. #43
    alsa05
    Ospite

    Predefinito

    Grazie per la risposta TRIAC60,percio' ho tre fili in uscita che mi erogano 12 volt in alternata,volendo collegare tale uscita al secondario di un trasformatore 12-220volt,che fili uso.Esiste un filo comune oppure ne prendo due dei tre.Non so se mi sono spiegato comunque io voglio prendere un trasformatore 220/12 volt collegare il secondario (12 volt) all'uscita dell'alternatore cosi da avere al primario 220 volt.
    Dimmi se e' fattibile.

    GRAZIE

  4. #44
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Certo che è fattibile.
    Devi prendere un trasformatore trifase 12V /220V monofase.
    Occhio che le correnti sono elevate.

    Funziona anche con un normale trasformatore ma non sfrutti tutta la potenza e ne perdi 1/3, in questo caso puoi prendere due fili qualsiasi dell'alternatore.

    Prima di prendere il trasformatore, fai delle prove:
    Fai girare l'alternatore con un trapano al regime di lavoro al quale dovrà ruotare, misura la tensione alternata con un tester e verifica la tensione massima che hai, perchè potresti avere una tensione differente da 12V.
    Adesso puoi prendere il trasformatore di tensione e potenza adeguata.
    Ciao
    PS: se il regime di rotazione non è costante la tensione (220V) in uscita ovviamente non sarà costante, quindi attenzione a cosa ci colleghi.

  5. #45
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    CITAZIONE
    cosi da avere al primario 220 volt.

    Sarebbe bello se fosse così semplice!
    La tensione dipende dalla velocità di rotazione e dalla corrente di eccitazione.
    La frequenza pure è strettamente legata alla velocità di rotazione e dal numero di poli dell'alternatore.

    Se vuoi 2220V 50Hz forse è più semplice raddrizzare, e poi usare un inverter.


  6. #46
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    CITAZIONE (giorgio demurtas @ 30/3/2008, 16:55)
    Sarebbe bello se fosse così semplice!

    Mi hai preceduto...
    Io stavo aspettando la prossima domanda di alsa05

    Ciao


  7. #47
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao a tutti :)
    CITAZIONE (triac60 @ 30/3/2008, 16:38)
    Certo che è fattibile.
    Devi prendere un trasformatore trifase 12V /220V monofase.
    Occhio che le correnti sono elevate.

    Funziona anche con un normale trasformatore ma non sfrutti tutta la potenza e ne perdi 1/3, in questo caso puoi prendere due fili qualsiasi dell'alternatore.

    Prima di prendere il trasformatore, fai delle prove:
    Fai girare l'alternatore con un trapano al regime di lavoro al quale dovrà ruotare, misura la tensione alternata con un tester e verifica la tensione massima che hai, perchè potresti avere una tensione differente da 12V.
    Adesso puoi prendere il trasformatore di tensione e potenza adeguata.
    Ciao
    PS: se il regime di rotazione non è costante la tensione (220V) in uscita ovviamente non sarà costante, quindi attenzione a cosa ci colleghi.

    Ciao triac60 bentrovato! il problema maggiore non è la tensione, ma la frequenza che sarà lontanissima dai 50 Hz necessari creando notevoli problemi agli utilizzatori e al trasformatore usato come elevatore progettato per un uso a 50 Hz.

    Salutoni
    Furio57 :D

    Ciao a tutti :)
    CITAZIONE (giorgio demurtas @ 30/3/2008, 16:55)
    CITAZIONE
    cosi da avere al primario 220 volt.

    Sarebbe bello se fosse così semplice!
    La tensione dipende dalla velocità di rotazione e dalla corrente di eccitazione.
    La frequenza pure è strettamente legata alla velocità di rotazione e dal numero di poli dell'alternatore.

    Se vuoi 220V 50Hz forse è più semplice raddrizzare, e poi usare un inverter.

    Quoto in toto Giorgio!

    Salutoni :D
    Furio57

  8. #48
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Furio57
    Ho risposto semplicemente alle sue domande
    E stavo aspettando per capire dove voleva andare a parare :D
    Magari ci vuole alimentare la resistenza dello scaldabagno, e a quel punto della frequenza non gliene può fregare di meno, e forse neanche della tensione, a patto che non salga oltre il limite.
    So che cosa è un alternatore di auto, è il mio giocattolo preferito in questo periodo.
    Ciao a tutti


  9. #49
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    CITAZIONE
    Ciao triac60 bentrovato! il problema maggiore non è la tensione, ma la frequenza che sarà lontanissima dai 50 Hz necessari creando notevoli problemi agli utilizzatori e al trasformatore usato come elevatore progettato per un uso a 50 Hz.

    Gli alternatori montati di solito sulle auto hanno 6 coppie di poli e pertando per fare 50 hz bastano 500 giri/min
    ma a 500 giri l'alternatore non produce un gran che quasi niente di solito ci vogliono 1500 giri per iniziare
    erogare qualcosa ed erogano la potenza di targa a partire da 6000 giri (gli alternatori fanno il triplo dei
    giri motore) e poi c'è il problema della regolazione negli ultimi tipi c'è il regolatore interno che stabilizza
    l'uscita a 14,5Volt e tiene sotto controllo il carico, se si tolgono i diodi con la regolazione l'alternatore non
    produrrà un bel niente.
    Quindi io consiglio di usare un rapporto di trasmissione adeguato per ottenere i giusti giri al'alternatore
    lascialrlo tutto comè all'interno se è un ultimo tipo altrimenti procurarsi un relè Tirril di controllo ed usare
    l'alternatore per caricare una batteria 12V e di almeno 60Ah di capacità e quindi usare un inverter12/220V
    costano meno di 100€ con una potenza di circa 1000W.
    ciao a tutti
    leo48

  10. #50
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Ottimo intervento Leo48
    Ma alsa05 non ci ha ancora detto chi o che cosa deve far girare questo alternatore, e che cosa ci deve alimentare.
    Per quanto riguarda i miei interventi mi scuso con alsa05, perchè al momento mi è sfuggito il fatto che i normali trasformatori sono progettati per lavorare a 50Hz( come giustamente furio mi ha fatto notare), e far lavorare un trasformatore a frequenze diverse non è certo una buona cosa.
    Ciao a tutti

  11. #51
    alsa05
    Ospite

    Predefinito

    Salve amici devo ringraziarvi per tutte le informazioni che mi avete dato e per l'interesse dimostrato.Io volevo far girare l'alternatore per mezzo del cardano del mio trattore usando una puleggia adeguata per inalzare i giri.Il tutto l'avrei utilizzato come piccolo generatore di corrente per alimentare piccoli utensili trapani.lampade ecc.in zone non fornite da corrente elettrica.

    Vi ringrazio ancora per l'interesse dimostrato.

  12. #52
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Come volevasi dimostrare...
    Ciao alsa05
    Ora sei stato un pò più chiaro, questa sezione non è esattamente quella giusta, qui si parla di eolico.
    Comunque a questo punto non so se ti conviene fare quello che hai in mente.
    Dato che devi tenere acceso comunque il trattore, e devi alimentare piccoli utensili o lampade, ti conviene prendere un inverter 12/220 di adeguata potenza, e collegarlo alla batteria del trattore, il resto lo fa tutto il trattore(potenza meccanica da vendere, gasolio agricolo ecc. ecc.), con il suo bell'alternatore, il suo regolatore e la sua batteria.
    Ciao

  13. #53
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ho due motori Brushless a magneti permanenti, uno per me per giocarci e uno in vendita nell'apposita sezione.

  14. #54
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Salve a tutti,
    Ho realizzato questo prototipo di turbina eolica con un alternatore d'auto 55A.Oggi l'ho testata per la prima volta (con il giusto rapporto pale-alternatore)e posso dire che lo reggeva tranquillamente.Mentre girava la mantenevo un pò contro vento per frenarla,in quanto essendo ancorata al solaio tramite tasselli in acciaio le vibrazioni si trasmettevano perfettamente!...nella tromba della scala sembrava che stava passando un eurostar.Comunque la tripala è in legno,profilo naca,sovradimensionata per la dispersione di energia a causa degli alti giri dell'alternatore.Applicata direttamente alla pala vi è una poleggia di alluminio di 60 cm di diametro,che va sull alternatore,diametro poleggia di 6 cm,quindi rapporto 1/10.
    per questo prototipo,la spesa complessiva è inferiore alle 50 euro.

    se a qualcuno potresse essere utile,ecco alcuni dati:

    pala:tripala in legno,diametro 2,60 m,spessore dell'asse di realizzo 5 cm in legno di abete,profilo NACA

    poleggia :realizzata con un cerchione di bici in alluminio e modificato all'interno con guarnizioni per adattare meglio la cinghia

    alternatore 55 a

    cinghia :quelle delle molazze

    palo diametro 60 mm

    2 mozzi d'auto saldati l'uno contro l'altro a 95-100°

    barra 80x40 + lamiera per la coda.

    Per quanto mi riguarda se nella zona cè un vento superiore a 12 metri al secondo e se cè spazio,puo andare bene.

    Mi sto procurando il materiale per realizzare una MAG wind,una turbina ad asse verticale a forma di comignolo..credo che sia una soluzione migliore.









    metterei le foto se solo sapessi come fare...

  15. #55
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Eurostar...che passa sulla soffitta di casa...!?!?.....originale...!!!(tua moglie sara felice?...anche la mia...quando mi vede gironzolando in casa con un caciavite in mano subito gli girano i santissimi sacramenti...)
    Ti o trovato un nome per il tuo eolico..."EoloLittorinaExpress"

    Impara a postare le foto che sono curioso....

    Saluti e complimenti
    Ciao
    __________________________________________________ ___________________________________________
    Stirling

  16. #56
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao leon scusa le domande forse banali ....ma a cosa servono i due mozzi di auto a 100 °?l'alternatore d'auto ha bisogno di essere eccitato per produrre giusto?quanto dev'essere questa corrente?lo chiedo perchè ho intenzione di costruire un sistema del genere magari con pale ricavate da tubi in pvc....ho pensato sui 4 metri di diametro e come generatore l'alternatore di un auto oppure un comunque motore elettrico tipo frullino...però non so a quanto ammonta la corrente di ecciatazione....
    grazie in anticipo
    saluti

  17. #57
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Matteo9
    La corrente di eccitazione dipende dalla 'resistenza' dell'avvolgimento dell'eccitazione, nel mio alternatore è di circa 3 ohm, se alimento l'eccitazione a 12V la corrente è di 4A. Per il motore del 'frullino' (Traduzione: scintilla, frusta, smerigliatrice) lascia perdere, non è adatto perchè ha un altissimo numero di giri, ha le spazzole, e due sole bobine nello statore, estremamente sconsigliato per l'eolico.
    Per le pale... non ti sembra troppo impegnativo farle da 4 metri?

  18. #58
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao grazie mille per i dati... volevo farle con tubo in pvc da 16 cm di diametro e visto che li vendono lunghi 2 metri...farei itre sostegni a 120 gradi più lunghi così da poter sorreggere la pala ed evitare che si spezzi...ovviamente è tutto teorico però a giorni devo cominciare con la costruzione visto che ho in mente di utilizzare questo lavoro per la tesina di maturità delle superiori.....se magari potessi darmi qualche dritta rapida su qualche punto oscuro te ne sarei molto grato.....ho in mente:
    tre pale da 4 metri in pvc collegate con tre barre a 120 gradi saldate tra loro e in qualche modo utilizzare un mozzo d'auto ... il palo potrebbere essere anche di 8 metri...basta una piccola fondazione in cemento armato(tanto ho lo spazio necessario)....
    però ad esempio che tipo di asse potrei usare? per il momento utilizzerei un alternatore d'auto ma non riesco a trovare nessuno schema che mi permetta di trasfosmarlo in generatore...i 4 amper a 12 volt sono per iniziare a produrre poi la corrente la prende da quella che genera o sbaglio?come dovrei fare....
    se riesce questo esperimento ne costruirei una più grande per alimentare la mia abitazione...per il momento mi serve un generatore fattibilein una 20 di giorni...grazie mille in aniticipo saluti

  19. #59
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Foto, grazie!!!
    Sono curiosissimo.

    Per inserire l'immagine c'è il tasto apposito (quello giallo con la "cartolina") se usi un host esterno, altrimenti sotto alla finestra di risposta c'è il tastino "Gestione degli allegati" che ti apre una finestra di upload con le specifiche per i vari formati grafici.

    Pace!
    Gym

  20. #60
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito alternatore auto: schema per autoecitazione

    Con questo semlice schema si a il vantaggio di eccitare automaticamente l'alternatore di non richiedere regolatote di carica di avere un solo anello di contatto nel perno di orientamento...e di azzerare il costo dell'automazione.
    spero di aver chiarito, almeno per i neofiti, come usare con la massima semplicita l'alternatore auto...

    Via alle domande...!!!

    ciao

    alterauto.zip

  21. RAD
Pagina 3 di 35 primaprima 123456789101112131415161723 ... ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Cappotto (rivestimento) - ESTERNO - QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    Da supertorres nel forum Isolamento e Sistemi Passivi
    Risposte: 2076
    Ultimo messaggio: Oggi, 11:19
  2. Coibentazione tetto/sottotetto/mansarda: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    Da conahar nel forum Isolamento e Sistemi Passivi
    Risposte: 2257
    Ultimo messaggio: 14-09-2019, 08:56
  3. Infissi, serramenti porte ecc. : QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    Da nebbia.bo nel forum Isolamento e Sistemi Passivi
    Risposte: 1686
    Ultimo messaggio: 07-09-2019, 07:22
  4. Risposte: 52
    Ultimo messaggio: 16-04-2010, 14:06
  5. motori / generatori AMETEK: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    Da balitime nel forum Asse VERTICALE - prototipi privati (Fai-Da-Te Mini-micro eolico)
    Risposte: 61
    Ultimo messaggio: 09-12-2009, 21:52

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •