Mi Piace! Mi Piace!:  2
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 6 di 6 primaprima 123456
Visualizzazione dei risultati da 101 a 106 su 106

Discussione: DOCUMENTAZIONE SU MICROEOLICO

  1. #101
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito



    ciao

    io adotto una soluzione con questo:




    12V DC Charging Discharge Voltage Monitor Test Relay Switch Control Board Module


    lo programmo su 14 volt batteria e mi connetto tramite il suo rele da 10A (al 230 v del mio inverter da 2 Kw onda quadra )e come zavorra uso classiche resistente tipo infrarossi da bagno o simili
    una recente applicazione la sto usando con un essicatore di frutta , in quanto ho una eccedenza di energia sia dai pannelli che dalla microturbina pelton
    questo circuitino e' impostabile sui due livelli : lo programmo a 14,2V per inserire la zavorra e lo disinserisco a 13,6V
    senza cercare teleruttori o rele da 100A in DC







  2. #102
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ottima soluzione, economica e di facile montaggio. Qualche difficoltà per chi non è pratico di programmazione. Per gestire più carichi a più soglie servono più moduli... ma dato il costo... si può fare.

  3. #103
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao andy, grazie per l'indicazione.
    Ho dato un occhiata al tuo progetto e, se mi permetti, vorrei proporti un paio di correzioni/miglioramenti ...
    1. I PIN 0 e 1 sono quelli deputati alla comunicazione seriale da/verso il PC, in tal senso ti conveniente non utilizzare l'1 (USB TX) per il mosfet in quanto così facendo perdi la possibilità di utilizzare la scheda per monitorare eventuali valori (tensione, corrente ma anche temperatura dei componenti)
    2. In luogo dei IRFZ44N puoi utilizzare dei mosfet logic-level (es. IRL 540 ) e regolare l'inserimento delle resistenze di shunt (R5 e R7) tramite PWM. Così facendo otterresti una regolazione più costante in base alla carica della batteria

    P.S.
    Se ricalcoli il partitore a 1/4, utilizzando resistenze di precisione, puoi anche fare a meno della resistenza variabile. In tal modo la taratura è facilitata in quanto su A0 hai direttamente la lettura della tensione.
    P.P.S.
    Con l'aggiunta di un ACS712 (5, 20, 30A) oltre alla tensione rilevabile su A0 puoi avere anche la corrente su, ad esempio, A1
    A volte l'uomo inciampa nella verità, ma nella maggior parte dei casi si rialzerà e continuerà per la sua strada (Churchill).
    Colui che chiede è uno stupido per cinque minuti. Colui che non chiede è uno stolto per sempre. (p. cinese)

  4. #104
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Sono lieto che intorno ad una semplice proposta iniziale, si stia generando una discussione che potrebbe arricchire il progetto e portarlo a livelli di efficienza sempre più alti.
    Sono d'accordo con l'utilizzo di mosfet logic-level.
    Sono d'accordo sull'utilizzo di una o poche resistenze da pilotare con modulazione PWM. Sto preparando un programmino per ARDUINO che produce un segnale PWM per tensione di batteria tra 13,5 e 14,5 Volt; se ci sono lettori interessati, posso pubblicarlo.
    Sono d'accordo con l'utilizzo di un sensore di corrente come quello suggerito da Lupino, ma questo utilizzo non è immediato, perchè lo zero di corrente corrisponde ad una tensione di uscita di 2,5 Volt. Occorre trasformare l'intervallo 2,5-5 Volt in un segnale PWM da 0 a 255 (per ARDUINO UNO R3).
    Per il resto ogni contributo va bene per vivacizzare un forum che sembra sonnecchiare.

  5. #105
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Correggo l'errore del post precedente:

    ..........
    Sono d'accordo con l'utilizzo di un sensore di corrente come quello suggerito da Lupino, ma questo utilizzo non è immediato, perchè lo zero di corrente corrisponde ad una tensione di uscita di 2,5 Volt. Occorre trasformare l'intervallo 2,5-5 Volt in un segnale da leggere come valore di corrente.
    Per il resto ogni contributo va bene per vivacizzare un forum che sembra sonnecchiare.

  6. #106
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao andy,
    ...Occorre trasformare l'intervallo 2,5-5 Volt...
    Relativamente semplice...
    se 0 - 5V corrispondono a 0 - 1023 (risoluzione 10 bit di arduino), allora 0,00488V (5/1024) corrispondono a 1, per cui:
    - definito "pinACS" il PIN analogico che si va a leggere
    - definito "mVA" il valore mV/A riportato sul datasheet del ACS712 (185 -> 5A, 100 -> 20A, 66 -> 30A)
    abbiamo :

    codice:
    float Ampere
    Ampere = (0,00488 * analogRead(pinACS) - 2.5)/mVA
    A volte l'uomo inciampa nella verità, ma nella maggior parte dei casi si rialzerà e continuerà per la sua strada (Churchill).
    Colui che chiede è uno stupido per cinque minuti. Colui che non chiede è uno stolto per sempre. (p. cinese)

  7. RAD
Pagina 6 di 6 primaprima 123456

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •