Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 2 di 6 primaprima 123456 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 21 a 40 su 115

Discussione: Energia dalle alghe

  1. #21
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito



    Quote Originariamente inviata da cosimomos Visualizza il messaggio
    Figurati sulzer, era evidente che scherzavi.
    Il sito della valcent me lo sono già rivoltato come un calzino e credo che loro siano in fase sperimentale.
    Io pensavo sul serio di andare in olanda perchè questi simpaticoni della algae link/ bio king hanno veramente tutto.
    dai ceppi algali ai macchinari per raffinare l'olio in biodiesel.
    siccome io vorrei buttare giù un business plan con cifre, non dico concrete, ma almeno ragionevoli ho bisogno di capire quale è il processo.
    Ovvero quali sono esattamente i macchinari di cui ho (avrei) bisogno quanto costano, la manutenzione di cui necessitano etc etc.
    Loro (gli olandesi) la danno come una tecnologia standardizzata e consolidata ma io ho i miei dubbi....
    se le rese per ettaro fossero quelle dichiarate e non ci fossero problemi la gente si starebbe buttando su quegli impianti come avvoltoi su una carogna.
    comunque cercherò di contattarli per capire se hanno un referente in italia.
    Insomma si parla di quasi 300 ton. di biodiesel per ettaro all'anno!
    Saluti sulzer e mi raccomando se vuoi venire anche tu in olanda fammi sapere che ci organizziamo......male che vada si fa un coffe shop tou ad amst.
    Te l'ho passato solo perchè è una tecnologia semplice e con una serra anche piccola potresti iniziare a sperimentare......

  2. #22
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    hey Sulzer , è così privata la cosa?


    Qualcuno sa dove posse reperire delle alghe per provare?


    Grazie a tutti

  3. #23
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Happybear Visualizza il messaggio
    hey Sulzer , è così privata la cosa?


    Qualcuno sa dove posse reperire delle alghe per provare?


    Grazie a tutti
    Da parte mia no, e l'indirizzo che passo anche a te lo trovi in internet. Certo che di un argomento su cui si stanno accanendo parecchi grossi gruppi investendoci molto denaro è difficile avere le informazioni vere

  4. #24
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Infatti tutti ne parlano, annunciano investimenti di milioni di dollari nella ricerca, ma per il resto rimangono molto sul vago.
    Happybear, dipende da cosa intendi per "provare"; se vuoi farlo nella piscina gonfiabile del giardino è un conto e credo che ti basterebbe non cambiare l'acqua per un mese e le alghe ci crescono da sole, se vuoi fare qualcosa di più serio con un ceppo specifico ad alto contenuto di lipidi non so se chi sviluppa i protocolli di "allevamento" di queste specie sia propenso a a darti l'alga e le "istruzioni per l'uso".
    Comunque è possibile che chi fa allevamento di pesci in vasca (piscicoltura?) possa avere una certa dimestichezza con le alghe che credo vengano utilizzate come mangime per alcune specie.

  5. #25
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Te l'ho passato solo perchè è una tecnologia semplice e con una serra anche piccola potresti iniziare a sperimentare......
    ma secondo te sono disponibili a collaborare per una sperimentazione?
    a me sembrano, come dire, un pò troppo grossi per sperimentare in collaborazione con il primo arrivato.
    P.S.
    ARMANDO, vedo ora il tuo messaggio mi sembra di intuire che tu ci sei stato,
    per prima cosa ti ringrazio dell'avvertimento, in secondo luogo se hai qualche informazione in più mi piacerebbe conoscerla perchè l'argomento alghe mi interessa ma prima di investirci vorrei capire se esiste qualcuno che oggettivamente sta producendo biodiesel sfruttando tecnologie che forniscano un grado di affidabilità ragionevole...
    Ultima modifica di cosimomos; 04-08-2008 a 08:47 Motivo: completare messaggio

  6. #26
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Se vuoi provare...accomodati...quasi quasi inserisco i loro contratti di vendita così si capisce meglio, ma non so se si può fare....dimenticavo dopo l'offerta ti possono chiedere dei soldi per aver "fatto l'offerta", dopo lo scopri...non te lo dicono prima!!!
    non so se si possono inserire i contratti però se me li mandi via mail mi fai un grosso piacere
    Ultima modifica di cosimomos; 04-08-2008 a 14:19 Motivo: correzione errori

  7. #27
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito alghe

    Ciao Cosimo, scusa ma avevo cambiato indirizzo Email e non mi lasciava più rispondere. Non so se son disposti a collaborare, l'impressione che ho è che tutti i siti sull'argomento siano mirati a raccoglier denaro e non a divulgare tecnologie. Ho l'impressione che si sia a un passo dalla soluzione ma che manchi un pezzetto.Le uniche cose che mi attraggono dei sacchetti sono :
    derivazione da una tecnologia consolidata ( culture idroponiche)
    facile applicazione in presenza di strutture preesistenti ( serre tradizionali)
    Detto questo non so dirti quali sono le specie più adatte, le produzioni specifiche , i fertilizzanti , le temperature per questa tecnologia .

  8. #28
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Rieccomi....
    io sto continuando a leggere quello che posso ma ma i dubbi rimangono.
    Hai ragione tu tutti parlano di mirabolanti prestazioni dei loro PBR ma nessuno li vende, piuttosto chiedono se vuoi investirci su.
    Io comunque ho contattato quelli dell'algaelink e mi hanno mandato qualche altra informazione sul processo e sui prezzi ma allo stato attuale non sono ancora in grado di dare un giudizio chiaro sulla cosa.
    Ci sono ancora delle componenti di costo (fisse e variabili) che vanno valutate, tra cui:
    FIX
    -il costo di una serra di dimensioni e caratteristiche adeguate
    -il costo di un desulfurizzatore per poter utilizzare i gas di scarico di un generatore come fonte di co2
    (-in alternativa il costo della co2)
    -il costo di un sito di stoccaggio del biodiesel prodotto
    -il costo della centrifuga per la separazione
    VAR
    - il costo per unità di output dei nutrienti
    - il costo per unità di output dei reagenti chimici (metanolo e agenti di flocculazione)
    - il costo per unità di output dell'energia necessaria
    - il costo per unità di output della manutenzione
    Rimango dell'idea che per capirci davvero qlqs o hai fior fior di esperti che lavorano per te oppure bisogna visitare un sito che già produce e farsi dare un bilancio con conto economico e stato patrimoniale.........(magari!)
    Ultima modifica di cosimomos; 11-08-2008 a 14:01 Motivo: correzione

  9. #29
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    il costo di una serra di dimensioni e caratteristiche adeguate (c.a.200€ permq. comprensivo di riscaldamento per ottenere costanti 30°in pianura padana)
    -il costo di un desulfurizzatore per poter utilizzare i gas di scarico di un generatore come fonte di co2( con tutta la CO2 che si produce nel mondo , proprio quella con lo zolfo devi usare ? Secondo me senza pensare di comperarla , se pensi di scaldare in cogenerazione le serre , dalla cogenerazione a CH4 ricavi tutta la CO2 che vuoi, si tratta di abbattere gli NOx , con un DeNOx non è difficile, se poi volessi ricavarne dei fertilizzanti invece del DeNOx potresti utilizzare un ReDOx e trasformare gli NOx in nitrati in soluzione acquosa e utilizzarli come fertilizzanti)
    (-in alternativa il costo della co2)
    -il costo di un sito di stoccaggio del biodiesel prodotto ( un Tank a norma VVFF da almeno 1000mc. costa sui 150€ al mc. compreso il sistema di riscaldamento e la coibentazione, perchè insisti con il biodiesel ? guarda che sia come carburante che come materia prima l'olio ha più mercato e meno costi)
    -il costo della centrifuga per la separazione ( sai già come estrarrai l'olio? comunque una centrifuga da 5 ton. h costa sui 25.000 €

  10. #30
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Salve, scusate l'intromissione ma qualcuno forse voleva sapere che tipo di alga viene utilizzato, ma da quello che sò le specie più interessanti sono la Phaeodactylum tricornutum (Bacillariophyceae) o il Botryococcus braunii BBG-1. Forse si possono ottenere (per effettuare piccole prove pilota) anche nei negozi che vendono materiale per gli acquari.

  11. #31
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Alessandro60 Visualizza il messaggio
    Salve, scusate l'intromissione ma qualcuno forse voleva sapere che tipo di alga viene utilizzato, ma da quello che sò le specie più interessanti sono la Phaeodactylum tricornutum (Bacillariophyceae) o il Botryococcus braunii BBG-1. Forse si possono ottenere (per effettuare piccole prove pilota) anche nei negozi che vendono materiale per gli acquari.
    Grazie Ale , però penso che qui il problema più grosso sia trovare una società che si impegni a dare chiavi in mano un impianto per produrre alghe comprese le specie con una garanzia sulla produttività come per tutti gli impianti industriali

  12. #32
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    mah, sui sistemi idroponici non c'è poi molto da inventare, secondo me le prospettive ci sono ma aumenterebbero se si usassero delle alghe OGM. Forse è questo il vero fulcro della ricerca delle grandi società e degli investimenti che stanno facendo.

    Per il discorso biomassa, non capisco dove sia il problema con le alghe. Stiamo sempre parlando di colture vegetali solo che vengono coltivate in altri sistemi.

  13. #33
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    In effetti l'utilizzo di OGM per queste attività è senz'altro interessante, penso che si possa affrontare coinvolgendo alcuni istituti universitari, forse anche un'aiuto allo sviluppo di sistemi industriali può avvenire dalla ricerca senza bisogno di andare all'estero. Non credo che l'universtà italiana debba imparare da qualcuno. Il problema è reperire i fondi, in questo caso il finanziamento può essere garantito dalla UE.

  14. #34
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Caro Sulzer1 leggo ora il tuo post, sono stato qualche giorno in vacanza e ho ben pensato di non portamelo neanche il computer....
    Comunque volevo ringraziarti per la chiarezza delle tue risposte, sono dati preziosi.
    tornando a cose più tecniche la centrifuga (probabilmente una alfalaval) dovrebbe servire solo ad effettuare una prima e sommaria separazione della biomassa algale dall'acqua.
    Per quanto riguarda l'estrazione dell'olio le strade possibili sono varie ma la più affidabile sembra essere quella dell'essicazione (essiccatore a tamburo o rullo...insomma un drum dryer) e successivo invio ad una comune pressa per l'estrazione dell'olio.
    infine hai assolutamente ragione a dire che l'olio ha più mercato ma questa idea del biodiesel è nata per venire incontro alle esigenze di una azienda che ha una consistente flotta di mezzi che consumano più di 500.000 euro di gasolio all'anno.
    Rimane il problema, non da poco, della stima del "raccolto" non si tratta infatti di semi di girasole....
    Anche se fatta in vasche/serra o in fotobioreattori la coltivazione delle alghe non sembra garantire dei risultati standard.
    Gli stessi produttori di tali impianti ti dicono che è necessario un certo periodo di tempo per trovare il ceppo più adatto alle condizioni climatiche della zona.
    In ogni caso, al di là della attuale economicità di un simile progetto, quello delle alghe sembra essere un argomento da seguire, a tal proposito a settembre (17-18-19) si terrà in india un summit (Algae Biofuel Summit 2008).....se mi ci mandano ci vado volentieri, anche se ho l'impressione che se faccio una richiesta simile in azienda mi mandano aff******.

  15. #35
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da cosimomos Visualizza il messaggio
    Caro Sulzer1 leggo ora il tuo post, sono stato qualche giorno in vacanza e ho ben pensato di non portamelo neanche il computer....
    Comunque volevo ringraziarti per la chiarezza delle tue risposte, sono dati preziosi.
    tornando a cose più tecniche la centrifuga (probabilmente una alfalaval) dovrebbe servire solo ad effettuare una prima e sommaria separazione della biomassa algale dall'acqua.
    Per quanto riguarda l'estrazione dell'olio le strade possibili sono varie ma la più affidabile sembra essere quella dell'essicazione (essiccatore a tamburo o rullo...insomma un drum dryer) e successivo invio ad una comune pressa per l'estrazione dell'olio.
    infine hai assolutamente ragione a dire che l'olio ha più mercato ma questa idea del biodiesel è nata per venire incontro alle esigenze di una azienda che ha una consistente flotta di mezzi che consumano più di 500.000 euro di gasolio all'anno.
    Rimane il problema, non da poco, della stima del "raccolto" non si tratta infatti di semi di girasole....
    Anche se fatta in vasche/serra o in fotobioreattori la coltivazione delle alghe non sembra garantire dei risultati standard.
    Gli stessi produttori di tali impianti ti dicono che è necessario un certo periodo di tempo per trovare il ceppo più adatto alle condizioni climatiche della zona.
    In ogni caso, al di là della attuale economicità di un simile progetto, quello delle alghe sembra essere un argomento da seguire, a tal proposito a settembre (17-18-19) si terrà in india un summit (Algae Biofuel Summit 2008).....se mi ci mandano ci vado volentieri, anche se ho l'impressione che se faccio una richiesta simile in azienda mi mandano aff******.
    Caro Cosimo,
    prova a finire nell'unica spiaggia della Toscana in cui accettano i cani e vedrai il lap top come la unica fonte di distrazione .ti do una idea da subacqueo, se invece di centrifugare e poi disidratare le alghe , causassi loro un'embolia con conseguente rottura delle membrane cellulari? per esempio , giunte a maturazione le fai entrare in una autoclave , inietti azoto a 200 bar e le lasci saturare , ripristini in un attimo la pressione atmosferica. Se non si rompono così ste membrane........dopo si tratterebbe di centrifugare tutto assieme e separare prima i liquidi dai solidi e poi i liquidi dai liquidi. E' tutto da verificare, magari le membrane di sti foraminiferi resistono a ben peggio. Io ci verrei in India ma mi sa tanto che manderebbero aff anche me. A maggior ragione se si tratta di alimentare degli autotreni nella legalità. O sai già che avrai un costo del carburante così basso da poter subire l'accisa al di fuori del contingente o ti costerà di più andare ad alghe che a gasolio

  16. #36
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Intedi forse trattarle col famigerato HFPR (high frequency pulse reactor)?
    Comunque fosse per me queste alghe le avrei mollate un pò di tempo fa....
    Ma il mio capo (ancora per due giorni e poi avrò finito) continua a menarla con questa storia delle alghe.
    Anzi ora ti spiego tutta la storia:
    qui in azienda fanno il solare fotovoltaico (e quello dovrebbero continuare a fare), ma come tu ben sai l'estro dei leader è difficile da tenere a freno, quindi hanno chiesto a me ,l'ultimo dei ********, di fare contemporaneamente il lavoro di un botanico, di un ingegnere, di un chimico e in più di contattare i fornitori degli impianti.
    Ho provato a spiegargli che fare il biodiesel dalle alghe presenta una certa varietà di problemi e incertezze (quelli di cui si discuteva nei post) e ho cercato con tutta la delicatezza possibile di fargli capire che non mi sembra che in azienda ci sia il know-how necessario per gestire una cosa del genere.
    Ciò nonostante si è incaponito con questa storia. Io non amo raccontare fesserie ma, a questo punto, gli butto giù una relazioncina traducendo le brochure che mi hanno mandato dalla algae link e gli dico: "vai tranquillo è l'investimento più sicuro e redditizio di cui abbia mai sentito parlare".
    P.S. ma in toscana ci sei andato solo al mare o ci vivi?

  17. #37
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da cosimomos Visualizza il messaggio
    Intedi forse trattarle col famigerato HFPR (high frequency pulse reactor)?
    Comunque fosse per me queste alghe le avrei mollate un pò di tempo fa....
    Ma il mio capo (ancora per due giorni e poi avrò finito) continua a menarla con questa storia delle alghe.
    Anzi ora ti spiego tutta la storia:
    qui in azienda fanno il solare fotovoltaico (e quello dovrebbero continuare a fare), ma come tu ben sai l'estro dei leader è difficile da tenere a freno, quindi hanno chiesto a me ,l'ultimo dei ********, di fare contemporaneamente il lavoro di un botanico, di un ingegnere, di un chimico e in più di contattare i fornitori degli impianti.
    Ho provato a spiegargli che fare il biodiesel dalle alghe presenta una certa varietà di problemi e incertezze (quelli di cui si discuteva nei post) e ho cercato con tutta la delicatezza possibile di fargli capire che non mi sembra che in azienda ci sia il know-how necessario per gestire una cosa del genere.
    Ciò nonostante si è incaponito con questa storia. Io non amo raccontare fesserie ma, a questo punto, gli butto giù una relazioncina traducendo le brochure che mi hanno mandato dalla algae link e gli dico: "vai tranquillo è l'investimento più sicuro e redditizio di cui abbia mai sentito parlare".
    P.S. ma in toscana ci sei andato solo al mare o ci vivi?
    Naa, vivo in Piemonte , le alghe sono una bella promessa e hanno tutti i numeri per diventarlo , solo che chi ha i soldi per far la ricerca sul serio si tiene giustamente brevetti e dati. Di al tuo capo che vada a gasolio ancora per un po' che è meglio

  18. #38
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Ah ah , ma si mangia sto HFPR? No dico solo che per l'esperienza che ho di barotraumi dalla subacquea e per quella di estrazione di olio a freddo ( in questi anni ho provato a spremere di tutto , dal ricino alla jatropha ) l'ideale per estrarre olio da delle cellule nate e vissute immerse in acqua , non è asciugarle e spremerle, ma romperle e centrifugarle. Al limite potrai cercare di spremere la frazione solida post frantumazione. Questo perchè se non estrai tutta l'acqua prima di spremere rischi una emulsione difficile da rompere e perchè più son piccoli i "grani" da spremere e più particelle solide trovi nell'olio e più fatichi a togliertele dai piedi. un altro aspetto critico , la cui conoscenzache mi deriva dall'esperienza sui drum dryer , essicare efficacemente in poco spazio richiede : grandi flussi , d'aria , alte temperature, impianti di abbattimento delle polveri. Costi e grane. Con le alte temperature rischi anche di rovinare l'olio e se vuoi scendere sotto il 5% di umidità con qualunque materiale hai bisogno alte temperature.
    Lo so che sono un rompiballe ma a 50 anni è la quarta volta che cambio mestiere sempre scostandomi un po' da ciò che facevo prima per cui metto assieme le nozioni che ho appreso e le applico in campi dove sono inusuali.
    Ciao Guglielmo

  19. #39
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    se volete qualcosa comprare qualche cosa provate a vedere qui : Alibaba.com - The world's largest online B2B marketplace.

  20. #40
    Appassionato/a

    User Info Menu


  21. RAD
Pagina 2 di 6 primaprima 123456 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Biodiesel dalle alghe
    Da nel forum BIOMASSE
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 25-03-2014, 11:05
  2. biodiesel dalle alghe
    Da bryanx78 nel forum BioCarburanti dalle microalghe
    Risposte: 147
    Ultimo messaggio: 05-07-2009, 16:56
  3. Energia dalle onde
    Da Archangel nel forum Maremotrice e Moto Ondoso
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 27-12-2008, 08:24
  4. alghe ed energia : aiuto!
    Da swastana nel forum BioCarburanti dalle microalghe
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 21-11-2007, 14:19
  5. Energia da alghe
    Da TEE nel forum RIFIUTI, RIUTILIZZO, RICICLO
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 04-11-2007, 18:07

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •