Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 36

Discussione: Dove buttate la glicerina "tossica"???????

  1. #1
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Dove buttate la glicerina "tossica"???????



    Ciao a tutti!Sono "elettr" e anche se nessuno di voi si ricordera' di me,posso dirvi che "insieme" a "belinassu" siamo stati tra i primi a fare delle produzioni casereccie di biodiesel.E' da circa due anni che non mi faccio piu' il biodiesel,per vari impegni,tra cui il mio matrimonio.Ma come ritorna la bella stagione,mi riviene voglia di sperimentare e "creare2 un po di carburante.Veniamo a noi:come tutti voi saprete,quando si produce del biodiesel da olio di frittura,nella glicerina,si troveranno varie schifezze,tra cui il METANOLO,scarti di cibo,la soda caustica,e la stessa glicerina.Il mio problema,e' quello che ho gia' postto molto tempo fa,che cosa ne faccio della glicerina,cosi' piena di schifezze???Dove la butto??Se la brucio inquino l'aria,se la butto in discarica,inquino il terreno,se la porto in un centro di bonifica oli esausti,gli fornisco un prodotto con dei componenti,che non sono normalmente presenti negli oli esausti,e che quindi non so se possono compromettere la fase di "bonifica£ degli oli.L'unica cosa da fare,sarebbe quella di "distillare"la glicerina,per tirare fuori il metanolo che contiene,in modo tale da riusarlo,e generare delle scorie meno inquinanti e meno "corpose".La mia domanda e' questa,voi come fate????E l'acquea dei lavaggi come la smaltite??Fate come su Journeytoforever,che riusano quella meno sporca??Ciao a tutti e fatemi sapere!!!

  2. #2
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    per il momento,vista la produzione a rilento o quasi ferma credo di stoccarla, poi con il prossimo inverno trovero tempo per costruire il distillatore..l'idea mia è quella di distillarla per bene e poi mischiarla a qualcosa tipo segatura,terra e buttarla in una parte di terreno lontano da casa dove cè un bosco ceduo di mia proprietà, li non pianto alcun albero da frutto ma ci sono solo grossi alberi che oltre a darmi un po di privacy, gestisco saggiamente per produrre legna da ardere..quindi visto che la glicerina concima credo che possa andare bene sparsa su una superficie ampia..

    in giro c'è anche chi ha la possibilità di fare trochetti pressati con segatura e glicerina..secondo me e una cosa geniale perchè è un buon combustibile..io però ho il termocamino e provandola a bruciare ho notato che imbratta molto..credo sia piu adatta qualche stufa caldaia particolare tipo quelle che bruciano biomasse!

  3. #3
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da THE DOCTOR Visualizza il messaggio
    per il momento,vista la produzione a rilento o quasi ferma credo di stoccarla, poi con il prossimo inverno trovero tempo per costruire il distillatore..l'idea mia è quella di distillarla per bene e poi mischiarla a qualcosa tipo segatura,terra e buttarla in una parte di terreno lontano da casa dove cè un bosco ceduo di mia proprietà, li non pianto alcun albero da frutto ma ci sono solo grossi alberi che oltre a darmi un po di privacy, gestisco saggiamente per produrre legna da ardere..quindi visto che la glicerina concima credo che possa andare bene sparsa su una superficie ampia..

    in giro c'è anche chi ha la possibilità di fare trochetti pressati con segatura e glicerina..secondo me e una cosa geniale perchè è un buon combustibile..io però ho il termocamino e provandola a bruciare ho notato che imbratta molto..credo sia piu adatta qualche stufa caldaia particolare tipo quelle che bruciano biomasse!
    Prima di fare tutto cio' ,pero' bisogna distillarla per forza,senno' e' piena di metanolo,e non fa altro che inquinare.E' un duro lavoro,e penso sia nche pericoloso.Ciao!

  4. #4
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ....nessuno si ricorda di te? ho letto tutti i tuoi interventi e quelli di belinassu...e vi ringrazio!
    per ora anche io conservo la glicerina per poi distillarla.....poi non so se finirà nel termacamino o altro, ma devo costruire ancora il distillatore per farlo, e il tempo mi è tiranno.....hai parlato di lavaggio! la purolite è la tua soluzione
    http://www.sestumeteo.itOsservatorio Meteorologico Amatoriale di Sestu

    http://www.sestumeteo.it/webcam.php
    WebCam Canon PowerShot G2 gestita da PsRemote

    La mia casa è dotata di:Impianto Solare Termico, Impianto Fotovoltaico da 2,65KwP e Termocamino da 30000Kcal

  5. #5
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    In effetti se dobbiamo essere eco al 100% è un problema . Io sono un peccatore che cerca la soluzione ma nel frattempo ho bruciato la glicerina mischiandola alla legna della mia stufa , una botta di calorie non male ma mi chiedo dov'è finita la soda o in cosa si è convertita . Mi chiedo anche dove finisca la soda che normalemente usiamo nel sapone per lavarci , chissa quale delle due inquina di più . Il metanolo contenuto brucia come l'etanolo , sarebbe interessante sapere quale dei due attualmente nel mondo è più responsabile dell'inquinamento generale . Distillare la glicerina ? Perchè ? Ha senso ? Sarei più propenso a distillare le acque di lavaggio per recuperare il metilico e poi fare evaporare il rimanente x recuperare la soda .
    Ciao . Spartano .

  6. #6
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da spartano Visualizza il messaggio
    In effetti se dobbiamo essere eco al 100% è un problema . Io sono un peccatore che cerca la soluzione ma nel frattempo ho bruciato la glicerina mischiandola alla legna della mia stufa , una botta di calorie non male ma mi chiedo dov'è finita la soda o in cosa si è convertita . Mi chiedo anche dove finisca la soda che normalemente usiamo nel sapone per lavarci , chissa quale delle due inquina di più . Il metanolo contenuto brucia come l'etanolo , sarebbe interessante sapere quale dei due attualmente nel mondo è più responsabile dell'inquinamento generale . Distillare la glicerina ? Perchè ? Ha senso ? Sarei più propenso a distillare le acque di lavaggio per recuperare il metilico e poi fare evaporare il rimanente x recuperare la soda .
    Ciao . Spartano .
    La soda rimanente nella glicerina non e' molta,e non da molti problemi all'ambiente,perche' proipo come dici tu nei saponi di soda caustica ce ne e' moltissima.quello che inquina e' l'alcol metilico,perche' e realizzato da scarti di petroli,e non come si penserebbe da scarti di uva.questo perche' costa molto meno.Essendo quindi una sostanza derivata dal petrolio,la sua tossicita' è alta.Perche' distillare la glicerina rimasta dalla reazione??Perche' nella glicerina c'e' un enorme quantita' di metanolo,che una volta distillato sarebbe utile per rifare altre reazioni.Se ne vuoi sapere di piu' vai a questo link(spero che i moderatori mi perdonino):Simple 5-gallon processor: Journey to Forever



    Poi tu hai bruciato la glicerina,ma certamente saprai che "nulla si crea e nulla si distrugge,ma tutto si trasforma",quindi quello che hai bruciato e' andato in atmosfera.Il problema poi e' che tu NON hai bruciato solo glicerina e soda,ma molto piu' IMPRUDENTEMENTE METANOLO(presente in dosi massicce nella glicerina residua)!!!!Che e' molto molto tossico!!Se lo hai fatto con una stufa a legna da interni,ti consiglio di NON farlo piu',dato che un po di vapori per forza di cose escono dalla stufa e vanno ad inquinare l'ARIA di casa tua!!.Ciao e stai MOLTO attento,la salute e' la prima cosa!!!!
    Ultima modifica di elettr; 13-05-2010 a 20:54

  7. #7
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    X elettr ,
    scusa se mi intrometto, non ho capito la differenza tra il metanolo ricavato dalla distillazione di prodotti naturali e quello derivato dalla parziale ossidazione del metano negli impianti petrolchimici . Se ho capito la tua affermazione , dichiari che l'alcool metilico di provenienza fossile è più velenoso di quello " rinnovabile " , mi spieghi perchè ?

  8. #8
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Sulzer1 Visualizza il messaggio
    X elettr ,
    scusa se mi intrometto, non ho capito la differenza tra il metanolo ricavato dalla distillazione di prodotti naturali e quello derivato dalla parziale ossidazione del metano negli impianti petrolchimici . Se ho capito la tua affermazione , dichiari che l'alcool metilico di provenienza fossile è più velenoso di quello " rinnovabile " , mi spieghi perchè ?
    Perche' quello ricavato dalla distillazione di sostanze "non fossili" nel "bruciare" ha fatto un ciclo "vitale".La pianta ha generato una quantita' di ossigeno tale da "recuperare" l'anidride carbonica che generera' il metanolo bruciando,mentre con il metanolo ricavato da petrolio,questo non e' possibile,perche' il ciclo di vita delle piante e degli animali che hanno generato il petrolio si e' concluso gia' da milioni di anni.Ciao!!

  9. #9
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Innanzitutto grazie dei consigli . La glicerina la brucio in officina in una caldaia a legna nata per riscaldamento industriale e che ha un bracere / bruciatore nato e dedicato , quindi nessun problema x eventuali vapori e/o esalazioni di metilico . Lo so che è velenoso e pericoloso , lo usavamo a nastro negli anni y sulle moto da speedway e poi sono un distillatore amatoriale da decenni e so che posso ricavarlo anche dalla legna resinosa , quello che ricavi dalla vinaccia è pochissimo , non ne fai niente . A proposito della distillazione della glicerina per separare il metilico ci proverò per curiosità , ma continuo a chiedermi quanto ho / abbiamo inquinato noi "bruciatori" in percentuale . Lo so che il purismo pretende il 100% , ma a questo punto dovrei smettere di fumare sigari perchè inquinano . Vorrei che cogliessi il messaggio , abbi pazienza . Ok x il link , me lo ero perso .
    Ciao . Spartano .

  10. #10
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Spartano...avrai allora uno o più distillatori e dei consigli da darci...magari qualche foto perchè per ora stò conservando la glicerina in attesa di costruirne uno
    http://www.sestumeteo.itOsservatorio Meteorologico Amatoriale di Sestu

    http://www.sestumeteo.it/webcam.php
    WebCam Canon PowerShot G2 gestita da PsRemote

    La mia casa è dotata di:Impianto Solare Termico, Impianto Fotovoltaico da 2,65KwP e Termocamino da 30000Kcal

  11. #11
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Verdana . Sì ne ho più di uno ma in questo caso bisogna farne uno dedicato .
    Foto e misure non sono un problema ma prima devo capire come costruirlo in modo semplice ed economico ma efficace allo scopo , in sostanza non lo vedo un grosso problema ma non mi va di rovinare / intasare / impestare ecc uno dei miei dedicato ad altro .
    Lascia che mi faccia una riserva di glicerina e poi posto i risultati . Sarà interessante valutare quanto metilico sarà presente nella glicerina e quanto nell'acqua di lavaggio .
    Ciao . Spartano .

  12. #12
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    OK continuo a conservare anche perchè sinceramente non saprei che fine farle fare....
    http://www.sestumeteo.itOsservatorio Meteorologico Amatoriale di Sestu

    http://www.sestumeteo.it/webcam.php
    WebCam Canon PowerShot G2 gestita da PsRemote

    La mia casa è dotata di:Impianto Solare Termico, Impianto Fotovoltaico da 2,65KwP e Termocamino da 30000Kcal

  13. #13
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao, in teoria nel glicerolo dovrebbe dissolversi la quasi totalità del metanolo non reagito (quindi circa 100ml a litro d'olio se ne avete usato 200ml nella reazione), mentre nell'acqua di lavaggio dovrebbero finire principalmente saponi e qualche residuo di glicerolo metanolo e soda...
    la soda non è così inquinante come credete, alla fine è solo un po' basica (e nello scarico si diluisce più che a sufficienza!!) e gli ioni sodio non sono inquinanti (altrimenti il sale da cucina dovrebbe ucciderci!!). Teniamo presente che le quantità che utilizziamo sono CATALITICHE e, in quanto tali, piccole! se bruciamo la glicerina, la soda finisce nella cenere esattamente come la legna (2NaOH --> Na2O + H2O, l'acqua evapora e l'ossido di sodio resta come cenere...infatti la cenere di legna contiene molti sali e ossidi, principalemente di sodio (Na2O), potassio (K2O) e calcio (CaO, calce viva), è per questo che possiede proprietà detergenti!)
    per elettr: la tossicità del metanolo petrolderivato di cui parli quindi è essenzialmente una questione di bilancio di gas serra...(la tossicità ci sarebbe se restassero vapori di metanolo tal quale, ma dato che brucia non è un problema...). inoltre il metanolo, anche per le piccolissime quantità che resterebbero post combustione, non da comunque problemi di inquinamento ambientale, almeno così c'è scritto nella sua scheda tecnica!

  14. #14
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da elettr Visualizza il messaggio
    Perche' quello ricavato dalla distillazione di sostanze "non fossili" nel "bruciare" ha fatto un ciclo "vitale".La pianta ha generato una quantita' di ossigeno tale da "recuperare" l'anidride carbonica che generera' il metanolo
    caso strano, l'ossigeno prodotto dalle piante e le alghe che hanno prodotto sostanze fossili, si trova in una cosa chiamata atmosfera, quindi, la tua idea del metanolo biologico o fossile, viene a cadere

    il metanolo è una sostanza neurotossica, sia che venga dalle buone piante, sia che venga dal cattivissimo petrolio (che tra l'altro è una sostanza perfettamente naturale e, quindi, per "definizione", molto buona anche essa)

    Odisseo
    (E d'un tratto capii che il pensare è per gli stupidi, mentre i cervelluti si affidano all'ispirazione. (cit. Arancia meccanica) - Ma se quella non arriva, il cervelluto stà inguaiato assai (Odisseo - Gigantosaurus Carinii Patagoniae)

  15. #15
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da odisseo Visualizza il messaggio
    caso strano, l'ossigeno prodotto dalle piante e le alghe che hanno prodotto sostanze fossili, si trova in una cosa chiamata atmosfera, quindi, la tua idea del metanolo biologico o fossile, viene a cadere

    il metanolo è una sostanza neurotossica, sia che venga dalle buone piante, sia che venga dal cattivissimo petrolio (che tra l'altro è una sostanza perfettamente naturale e, quindi, per "definizione", molto buona anche essa)

    Odisseo
    Ok,mi pento di quello che ho detto,non sono un chimico,e era un mio pensiero.Comunque dato che ne sai MOLTO piu' di me,vorrei sapere come "smaltire" i residui di reazione,in modo da inquinare il meno possibile.Potrei buttarlo in un recipiente per oli esausti,ma essendoci il metanolo farebbe dei casini?Potrei bruciarlo,ma essendo il metanolo molto tossico,non vorrei inquinare l'atmosfera!Dove cavolo li butto i residui??????Per favore,dammi un consiglio!!Grazie!!!

  16. #16
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Il consiglio non può dartelo perchè ...............non esiste nè il consiglio nè tantomeno il consiglio giusto . Cerchiamo di essere pratici , se non vuoi inquinare niente l'unica soluzione è il suicidio collettivo perchè l'uomo in sè è per definizione l'inquinante più pericoloso per il sistema terra . Quindi si tratta solo di cercare di limitare l'inquinamento e il danno perchè il resto è pura fantasia / utopia . Non pentirti di quello che hai detto perchè hai giustamente seguito una logica terrena , se poi c'è chi è alieno e conosce altre procedure / sistemi ben vengano , ma come vedi troverai sempre la critica che è facile da fare ma una soluzione no . In ogni caso il metanolo si forma anche in natura senza alcun intervento umano , nella fermentazione naturale di composti organici ( legno , biomasse , cacca ecc, ) c'è sempre una formazione di metanolo e c'è è in particolare quando nella fermentazione c'è alcool elilico derivato da sostanze legnose , qualunque distillatore lo sa e io modestamente lo naqui . Se poi andiamo ad approfondire a proposito del " guano " ( ottimo fertilizzante da volatili ) usato a nastro negli anni 55/ 80 mi piacerebbe proprio sapere quanto metanolo abbiamo liberato in atmosfera . I pinguini , i gabbiani , corvi , cornacchie , pipistrelli ecc , tutti in galera x inquinamento intensivo e prolungato con l'aggravante dell'associazione mafiosa . Ho volutamente esagerato nell'esposizione per cercare la riflessione comune che deve essere lontana dal terrorismo . Non vorrei mai che facessero una legge che ci costringa ad usare dei filtri per chi ha eccessivi venti intestinali .
    Ciao . Spartano .

  17. #17
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da spartano Visualizza il messaggio
    Il consiglio non può dartelo perchè ...............non esiste nè il consiglio nè tantomeno il consiglio giusto . Cerchiamo di essere pratici , se non vuoi inquinare niente l'unica soluzione è il suicidio collettivo perchè l'uomo in sè è per definizione l'inquinante più pericoloso per il sistema terra . Quindi si tratta solo di cercare di limitare l'inquinamento e il danno perchè il resto è pura fantasia / utopia . Non pentirti di quello che hai detto perchè hai giustamente seguito una logica terrena , se poi c'è chi è alieno e conosce altre procedure / sistemi ben vengano , ma come vedi troverai sempre la critica che è facile da fare ma una soluzione no . In ogni caso il metanolo si forma anche in natura senza alcun intervento umano , nella fermentazione naturale di composti organici ( legno , biomasse , cacca ecc, ) c'è sempre una formazione di metanolo e c'è è in particolare quando nella fermentazione c'è alcool elilico derivato da sostanze legnose , qualunque distillatore lo sa e io modestamente lo naqui . Se poi andiamo ad approfondire a proposito del " guano " ( ottimo fertilizzante da volatili ) usato a nastro negli anni 55/ 80 mi piacerebbe proprio sapere quanto metanolo abbiamo liberato in atmosfera . I pinguini , i gabbiani , corvi , cornacchie , pipistrelli ecc , tutti in galera x inquinamento intensivo e prolungato con l'aggravante dell'associazione mafiosa . Ho volutamente esagerato nell'esposizione per cercare la riflessione comune che deve essere lontana dal terrorismo . Non vorrei mai che facessero una legge che ci costringa ad usare dei filtri per chi ha eccessivi venti intestinali .
    Ciao . Spartano .
    Capisco il tuo ragionamento e ti ringrazio per la "difesa" delle mie idee,ma comunque io ho bisogno di una soluzione "materiale" fattibile e poco inquinante,che faccio,gli do fuoco??Dalla scheda tecnica sembra l'unico modo per inquinare meno(almeno cosi' mi e' sembrato)Ciao!

  18. #18
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    La soluzione più materiale che al momento mi viene in mente è il riciclaggio , distilli e lo recuperi per riutilizzarlo , la percentuale bassa che eventualmente rimane nella glicerina ci resta e ciccia .
    La seconda è appunto la combustione , ma dato che lo puoi recuperare io preferirei la prima soluzione . Comunque anche se lo bruci non è che fai danni peggiori di quelli che si fanno bruciando normalmente rifiuti nei termovalorizzatoriinquinatori . Sto recuperando glicerina e acqua di lavaggio , posterò i risultati appena riesco a distillarli .
    E comunque sia domani mi sparo 25 Lt di biodiesel nel serbatoio del marengo , non ho ancora risolto il problema dell'odore .
    Ciao . Spartano .

  19. #19
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao a tutti,

    la conversazione è vecchia, ma provo a dire quello che ho detto anche in un altro thread più o meno sullo stesos argomento: per riciclarla completamente non basta solo distillarla (per recuperare il metanolo residuo) e poi farci il sapone (nonostante tutte le zozzzerie che ci rimangono dentro)?..

  20. #20
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    la clicerina in eccesso non è possibilae venderla a qualche altra azienda anche a prezzi irrisori?

    almeno ci si recupera qualcosa anche dalla clicerina, si accumula un bel quantitativo e poi lo si spedisce.

  21. RAD
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Decreto "Alcoa", riconoscimento tariffe incentivanti, tempi connessione, "tempo utile"
    Da reko76 nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 70
    Ultimo messaggio: 26-10-2010, 19:15
  2. Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 13-02-2010, 16:10
  3. Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 24-07-2008, 10:48

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •