erregi energie alternative
Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 18 su 18

Discussione: biogas da 30 vacche

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito



    buona sera
    voglio saperi con 30 vacche da latte quanto kw si po produrre al giorno e per quanti ore
    grazie :D

  2. #2
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao,
    personalmente non sono in grado di effettuare un calcolo; ti posso suggerire alcune discussoni sull'argomento.

    http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5672970

    http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=8991007

    Ely


  3. #3
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Pochini, per darti una risposta occorre sapere anche il tipo di stabulazione e la possibilità di avere altri materiali da inserire nel fermentatore. Per realizzarlo e avere dei tempi di ritorno economico accettabili non sono sufficienti.

  4. #4
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    grazie nicola ho trovato quest

    http://www.ansa.it/ecoenergia/notizie/rubr...5834150456.html

    Il primo impianto realizzato in Valle d'Aosta e' di Ennio Pont, allevatore di Nus che spiega: ''"Nella mia azienda e' in funzione dal 2001 un impianto pilota per la produzione di biogas; con il letame di 50 bovini produciamo 10,5 Kw/h. Inoltre il liquame fermentato si trasforma in un ottimo concime per i prati che e' altamente assimilabile e privo di cattivo odore''. (ANSA) YU4-MIZ/FCO


    con 50 bovini 10.5 kw/h

    per quanti ore al giorno?

    Edited by mohammed1 - 30/10/2007, 17:23

  5. #5
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    CITAZIONE (mohammed1 @ 29/10/2007, 13:11)
    Inoltre il liquame fermentato si trasforma in un ottimo concime per i prati che e' altamente assimilabile e privo di cattivo odore''. (ANSA) YU4-MIZ/FCO

    Questa frase non mi piace tanto. Prima di buttare liquami nel prato bisogna prima fare qualche considerazione, prima tra tutte il contenuto di azoto.

    Ely

  6. #6
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    CITAZIONE (leptone @ 29/10/2007, 22:02)
    CITAZIONE (mohammed1 @ 29/10/2007, 13:11)
    Inoltre il liquame fermentato si trasforma in un ottimo concime per i prati che e' altamente assimilabile e privo di cattivo odore''. (ANSA) YU4-MIZ/FCO

    Questa frase non mi piace tanto. Prima di buttare liquami nel prato bisogna prima fare qualche considerazione, prima tra tutte il contenuto di azoto.

    Ely

    innanzi tutto non si tratta più di liquami ma di digestato. inoltre bisogna verificare come questo signore distribuisce il digestato sui prati (esistono vari modi..) e se dispone di un piano di smaltimento approvato naturalmente dalla provincia e supervisionato dalla G.F.
    Il piano smaltimento considera la supericie da concimare in relazione al contenuto di azoto e di conseguenza la quantità massima di prodotto spandibile per ha.

  7. #7
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    CITAZIONE (WTR @ 30/10/2007, 06:12)
    innanzi tutto non si tratta più di liquami ma di digestato.

    Si sorry, il tuo termine è più corretto.
    Ogni tanto faccio confusione :P
    In ogni caso il senso del mio discorso è ancora quello che hai spiegato tu. Ovviamente non conosco la normativa italiana ma il problema dello smaltimento è ormai cosa mondiale.

    Ely

  8. #8
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    CITAZIONE (leptone @ 30/10/2007, 19:11)
    CITAZIONE (WTR @ 30/10/2007, 06:12)
    innanzi tutto non si tratta più di liquami ma di digestato.

    Si sorry, il tuo termine è più corretto.
    Ogni tanto faccio confusione :P
    In ogni caso il senso del mio discorso è ancora quello che hai spiegato tu. Ovviamente non conosco la normativa italiana ma il problema dello smaltimento è ormai cosa mondiale.

    Ely

    La normativa italiana è molto precisa e ki sgarra paga delle multe molto salate.
    i nitrati sono 1 problema mondiale certo, ma anke politico. nell'UE non si sa come abbiano fatto il conto dei limiti... considerando tutte le realtà presenti, delle tecnologie e delle ricadute. sembra ke abbiano privilegiato certe zone...
    http://www.regione.veneto.it/Notizie/Comun...io+2007/297.htm

    http://www.regione.veneto.it/Notizie/Comun...io+2007/148.htm

  9. #9
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Il motore a cogenerazione deve essere alimentato sempre, quando si dimensiona un impianto si calcola anche la struttura di stoccaggio del biogas prima di venire inviato al motore (gasometro).
    Sullo spandimento del digestato oltre alla normativa si deve stare attenti anche ai danni sanitari che si possono causare. Ad esempio il digestato ottenuto da discarica deve essere sanitizzato prima di essere impiegato per altri scopi. Il biodigestore resta una grande coltura di batteri, chi può garantire che tutti loro siano innocui per uomini, animali e piante?
    Faccio un esempio: i nematodi, pur non essendo batteri, sono in grado di sopravvivere come cisti anche alle temperature che si raggiungono nei biodigestori detti "termofili", normalmente fanno fatica a espandarsi o insediarsi (diciamo che sono lenti) e spandendoli li dai una mano.

  10. #10
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    CITAZIONE (mohammed1 @ 29/10/2007, 20:11)
    grazie nicola ho trovato quest

    http://www.ansa.it/ecoenergia/notizie/rubr...5834150456.html

    Il primo impianto realizzato in Valle d'Aosta e' di Ennio Pont, allevatore di Nus che spiega: ''"Nella mia azienda e' in funzione dal 2001 un impianto pilota per la produzione di biogas; con il letame di 50 bovini produciamo 10,5 Kw/h. Inoltre il liquame fermentato si trasforma in un ottimo concime per i prati che e' altamente assimilabile e privo di cattivo odore''. (ANSA) YU4-MIZ/FCO


    con 50 bovini 10.5 kw/h

    per quanti ore al giorno?

    cerca il suo numero di telefono sul sito pagine bianche e chiamalo per avere info,non ha detto esattamente quanto produce,detta così non si capisce se indica la potenza,cioè 10,5 kw in un ora,o se è la produzione giornaliera di 10,5kwh.
    Oppure è stato uno sbaglio del giornalista,che sicuramente non ci capisce un ***** di quello che ha scritto,lo ha scirtto l'articolo perchè lo hanno mandato la.

  11. #11
    jamesava
    Ospite

    Predefinito

    KW è un'unità di misura di potenza (KJ/s).
    Una potenza di 10,5 KW in un'ora (o meglio per un ora) è un'unità di misura di energia: il KWh
    KW/h non vuol dire niente (o almeno niente di sensato) <_<
    Nel caso siano KW bisognerebbe sapere per quante ore anno

  12. #12
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Scusate se mi intrometto ma a scuola il mio prof di Elettrotecnica mi dava 2 se sbagliavo un'unità di misura (mai preso):
    Potenza: W, kW (k minuscolo)
    Energia: kWh
    Per le unità di misura ho mandato una mail di bonario rimprovero alla rivista nazionale degli Energy Manager che in un numero hanno sbagliato 7 volte le unità di misura, tra le tante il fantomatico kw/h ...la variante Kw/h è ancora peggiore.
    Se questa è la rivista degli Energy Manager figuriamoci gli altri giornalisti.
    Ciao a tutti
    Buona fine e buon inizio anno
    Rem

  13. #13
    jamesava
    Ospite

    Predefinito

    Sì forse è vero, siamo troppo esigenti nel pretendere che i giornalisti facciano bene il loro lavoro....

    Buon Anno a tutti

    P.S. Rem secondo me il K o k sono fisime da prof. di Elettrotecnica (o Fisica nel mio caso) complessato ... forse dai 2 presi a suo tempo a scuola.
    L'importante è non sbagliare l'unità di misura e al limite il maiuscolo di W, J, ecc. perché sono iniziali di nomi propri....

  14. #14
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Concordo ;-)
    Ciao


  15. #15
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao
    per produrre 20 kw /ora
    quanti bovini da carne servono?
    il degestore quanto grande deve essere
    grazie

  16. #16
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ragazzi la produzione di biogas da digestione anaerobica non è un processo stabile come credete voi, dipende da molte variabili, dipende dal tipo di processo che si utilizza, dalla temperatura, dalla composizione dei substrati, dalla quantità di acqua, da cosa mangiano le mucche, da con cosa si integra con il letame bovino ecc......Non si può dire quanto biogas si produce da 30 o 50 mucche, così su due piedi come se si stesse parlando di un rendimento di un pannello fotovoltaico o di un motore a c.i. specialmente per numeri così piccoli dove l'aleatorietà del processo si sente maggiormente.
    è vero che se si spulcia su internet ci sono tabelle, grafici, e chi più ne ha più ne metta, ma bisogna fare molta attenzione in quanto sono tutti valori che vanno estrapolati e nessuno fornisce le condizioni reali di lavoro del proprio impianto, specialmente i costruttori che riempiono la rete di tabelle per far vedere come sono belli e come funzionano bene i loro impianti, ma poi nella realtà dei fatti i rendimenti sono ben lontani da quelli dichiarati da loro.....come accade per i consumi dichiarati dalle case automobilistiche!

    Solo per 30 capi il gioco non vale la candela! se si vuole parlare anche in termini economici, se si vuole fare un impianto pilota o campione allora il discorso cambia
    cmq solo con 30 capi otterrai molto spannometricamente circa qualche mc di biogas al giorno, con sistema wet in mesofilia.

  17. #17
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    I liquame solo produce poco gas!
    Secondo i miei calcoli avresti bisogno di ca. 200 capi e un digestore con ca. 450 m³ e una vasca di stoccaggio del digestato di 900 m³.

  18. #18
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    in ambiente mesofilo ca. 200 capi.

  19. RAD

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •