erregi energie alternative
Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 1 di 5 12345 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 86

Discussione: Biomassa Dal Vetiver

  1. #1
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Biomassa Dal Vetiver



    Buonasera a tutti. sono Marco, scrivo dalla Sardegna e da 12 anni coltivo Vetiver. Lo scorso anno ho messo in piedi un'azienda agricola per fare fronte alle richieste di fornitura della pianta.
    Il Vetiver si utilizza per regolare l'assetto idrogeologico ponendo siepi di piante (con una densità di impianto di 10 piante/metro)sulle curve di livello. Gli utilizzi però sono molto numerosi e spaziano dalla produzione di foraggio per ruminanti al filtraggio delle acque reflue sia con la tecnica dei reed beds (letti vegetati) sia il metodo idroponico.
    Vi racconto questo non per farmi pubblicità, ma perchè da queste piante possiamo ottenere una notevole quantità di biomassa adatta alla filiera energetica, per termogenerazione, biocarburanti di 2° generazione (flash pyrolisis) e fermentazione e saccarificazione simultanee per ottenere alcoli; se poi utilizziamo le piante per depurare le acque reflue estraendo inquinanti, nitrati, ecc.., otteniamo una quantità di trinciato decisamente ragguardevole.
    Avevo condotto un 3d sul vecchio forum denominato "Tipologia della biomassa" che può essere letto qui: tipologia della biomassa - BIOMASSE ed avevo promesso che appena in mio possesso avrei cominciato a rendere noti i risultati dei calcoli fatti sulla quantità di biomassa ottenuta dalla mia coltivazione nel modo più scientifico possibile.
    Bene, eccoli:
    Ho appena effettuato il primo taglio (con notevole ritardo per motivi di salute) ed ho effettuato tre saggi da due metri ciascuno su piante di poco più di 12 mesi di età (appena adulte), ho mediato il tutto ed il dato che ho ottenuto è pari a 4 Kg per metro lineare (in quanto si coltiva in siepi, come dicevo).Questo dato attiene a piante in asciutta, cioè che non hanno ricevuto alcun apporto idrico, nè per altro concimi o fertilizzanti di sorta. La varietà di siti lontani fra loro per garantire la varietà del sottosuolo di crescita.
    Facendo una proiezione di questo dato su 200 file lunghe 100m poste a 50Cm fra loro (un ettaro preciso) otteniamo la bellezza di 80 tonnellate solo per il primo taglio e da piante appena adulte. Ho pubblicato il tutto ed ogni info relativa a coltivazione, fisiologia ed utilizzo sul mio blog : Diario della coltivazione. Vi terrò informati sul prosieguo degli esperimenti e la raccolta dei dati che includeranno quantità totale della produzione annuale di massa fresca e secca. Cerco Entusiasti e specialisti che vogliano fare degli esperimenti e condividere i risultati: vi fornirò via posta la biomassa che servirà al caso.
    ------------------Che ve ne pare? Saluti Marco-------------------------

  2. #2
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Il risultato è davvero molto interessante... sopratutto per quanto hai detto relativamente all'irrigazione e all'assenza della concimazione. Ulteriore interesse deriva dal fatto che sei in Sardegna e li le precipitazioni non sonocerto così abbindanti come nel nord italia... quindi mi domando se con apporto di stallatico e di maggiori precipitazioni cosa si potrebbe ottenere. Ne potrebbe soffrire la pianta?
    80 ton/ha anche fosse tutta sostanza a 50% di h2O sarebbe cmq raggurdevole visti i modi di conduzione.
    Hai riscontrato malattie o parassiti?
    dopo il taglio la pianta ributta?
    che meccanizzazione è disponibile sul mercato per l'impianto e la raccolta?

    Qualcuno che sappia indicare quale impiego possa essere prediletto per tale pianta? Pirolisi, biogas, bioetanolo... ?

    Grazie mille Girobatol per il tuo preziosissimo apporto! Complimentissimi!

    A presto!

  3. #3
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Queste piante non possono soffrire da apporto di concimi, infatti minano inquinanti in quantità industriali: Diario della coltivazione: Come trattano le miniere altrove qui sono riportati i dati relativi alla tolleranza ai metalli pesanti, salinità delle acque, alcalinità/acidità dei terreni di coltura, ecc (ovviamente la termogenerazione non può avvenire dalla biomassa contaminata), guarda questo impianto in Australia per l'assorbimento di reflui: http://www.vetiver.com/ICV4-ppt/BA05-PP.pdf il design dei letti filtranti è molto chiaro e vi sono anche i grafici relativi all'assorbimento di azoto e fosforo che assommano rispettivamente a 1140 Kg/ha/anno e 149 Kg/ha/anno (il fosforo è più basso solo perchè meno presente nelle acque di scarto dell'impianto che è il macello di un allevamento : sangue= azoto) In definitiva no, non ne soffrirebbe affatto.........

    Il conto della biomassa che sto facendo è appositamente "de minimis", ma sto passando tubi per irrigare alcune frazioni e fornire dati a questo riguardo comprensivi di quantità e modalità di somministrazione (uso solo irrigazione a goccia).

    Per quanto riguarda i parassiti la pianta è estremamente resistente in quanto pioniera e non ho mai notato nulla di negativo, solo qualche foro negli steli fioriferi sterili prodotti da larve minatrici (uno o due al metro di siepe al massimo). Molto più interessante è l'effetto barriera/ostello per la diversità di insetti e vertebrati che arriva ad ospitare, questo abbatte moltissimo la quantità di fitofarmaci richiesti dalle coltivazioni specie quelle estensive: vedi come poi i benefici (anche economici) si intersecano e ricadono su tutto il ciclo....

    Le piante ributtano eccome, sono anzi molto incentivate alla riproduzione delle gemme basali dalla falciatura. Vi terrò aggiornati sulle quantità che ottengo nel corso dell'estate man mano che sfalcio e peso.
    Nel frattempo preparo del trinciato essiccato per testarlo nelle stufe onnivore. Bioterm si era proposto per i test calorici..batti un colpo o sei già al mare?
    saluti Marco
    Daje

  4. #4
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ottimo, esauriente ed esaustivo.

    Una sola perplessità... relativamente alla meccanizzazione della messa a dimora e della raccolta.... sai darci delle dritte?

    Sono certo che molti tra i frequntatori rimarranno positivamente colpiti dalla tua esperienza e dai dati che stai riportando.

    A presto!

  5. #5
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Dove lo posso trovare il vetiver che lo provo io nella mia caldaia
    Prendete il posto dove siete nati, metteteci la centrale a gas a ciclo combinato più grande d'italia, la seconda discarica di rifiuti del Piemonte, una nuova centrale ad olio di palma, la rete di teleriscaldamento mai terminata e la vostra salute messa a rischio... Poi provate a pensate al vostro futuro...

  6. #6
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Per quanto riguarda la meccanizzazione abbiamo diverse oppozioni: per la messa a dimora in Australia hanno modificato una piantatrice per brassicae spp. (cavoli) che consta di due dischi sullo stesso asse posti ad angolo convergente in basso, si forniscono le piantine da sopra (due operatori alternativamente) così in breve si possono coprire grandi distanze nell'ordine dei chilometri; io invece ho un motocoltivatore 12 Cv con un assolcatore che produce un solco profondo giusti 20 cm; appoggio le piantine su un fianco del solco e lo chiudo col terreno riportato sul lato opposto con la zappa, successivamente raddrizzo le piante, riporto il resto del terreno rimasto sul primo lato, compatto ed innaffio: è faticoso (bassa cavolo, è bassa una cifra) ma faccio anche 350 metri in una giornata da solo (non sono Mandrake eh!).
    Più pensieri mi da la meccanizzazione della raccolta della biomassa: io uso una rasasiepi a motore operata in ginocchio e ti assicuro che questa è una vera rogna. Per la raccolta c'è bisogno di un macchinario che passi a cavallo della siepe e che mentre falcia a 30 cm di altezza (quota ottimale) trincia il tutto in pezzetti di 2 cm massimo; poi si separa la parte legnosa dal fogliame e si ottengono insieme carburante e foraggio.
    Immagini Allegate Immagini Allegate
    Daje

  7. #7
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da CaloRE Visualizza il messaggio
    Dove lo posso trovare il vetiver che lo provo io nella mia caldaia

    Domani vado in campagna e te ne produco 4-5 kg che stanno comodamente in uno scatolone; lo essicco bene e te lo spedisco a casa. fammi avere il tuo indirizzo. Vorresti farmi avere poi qualche dato sull'esito? tipo potere calorico o qualunque cosa ti venga in mente?
    Daje

  8. #8
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    In ogni caso GRAZIE a tutti.
    In questi ultimi anni mi sono sentito un pò solo, magari come il matto che grida nel deserto.
    Il vostro apprezzamento è per me un grande beneficio ed un grandissimo incoraggiamento.
    Daje

  9. #9
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie a te girobatol che continui a seguirci sulla nuova piattaforma del forum e di offrire nuovi spunti di discussione (e di speranza) sulle energie rinnovabili e sulle biomasse.
    Prendete il posto dove siete nati, metteteci la centrale a gas a ciclo combinato più grande d'italia, la seconda discarica di rifiuti del Piemonte, una nuova centrale ad olio di palma, la rete di teleriscaldamento mai terminata e la vostra salute messa a rischio... Poi provate a pensate al vostro futuro...

  10. #10
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da girobatol Visualizza il messaggio
    Domani vado in campagna e te ne produco 4-5 kg che stanno comodamente in uno scatolone; lo essicco bene e te lo spedisco a casa. fammi avere il tuo indirizzo. Vorresti farmi avere poi qualche dato sull'esito? tipo potere calorico o qualunque cosa ti venga in mente?
    Con tutto il rispetto per chi lo vuole bruciare nella propria caldaia, non credo che ti possa poi dare degli esiti almeno attendibili.....manda un paio di kg ad un laboratorio di analisi che ti fanno tutto.....le normali analisi su P.C.I. ceneri umidità non costano più di un centinaio di euro....per uno completo nei minimi dettagli basta chiedere un preventivo...per i macchinari vedi anche quelli modificati per la canapa e per il lino, ci sono piantatori trituratori cippatori mieti-lega se vuoi fare le balle ecc......saluti

  11. #11
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Fantastico! hai già qualche indirizzo di laboratori professionali? Se me lo puoi far avere ti sarò debitore... In ogni caso anche se non per i risultati di grado scientifico, almeno per vedere come brucia, se impasta la coclea, quale caldaia lo gestisce bene; in futuro ne voglio acquistare una.

    Intanto......Signori vi presento il trinciato di Vetiveria Zizanioides (applauso)
    Immagini Allegate Immagini Allegate
    Daje

  12. #12
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da girobatol Visualizza il messaggio
    Fantastico! hai già qualche indirizzo di laboratori professionali? Se me lo puoi far avere ti sarò debitore... In ogni caso anche se non per i risultati di grado scientifico, almeno per vedere come brucia, se impasta la coclea, quale caldaia lo gestisce bene; in futuro ne voglio acquistare una.

    Intanto......Signori vi presento il trinciato di Vetiveria Zizanioides (applauso)
    Credo che i tuoi corregionali DOTTING o GIORGIO DE MURTAS saranno ben lieti di sperimentarlo....qui da qualche parte li trovi e se cerchi bene ne trovi altri della Sardegna...per gli indirizzi vedo appena in Italia che ora sono in Brasile ma sicuramente chi ti ho elencato sopra ti saprà indirizzare su laboratori isolani...saluti

  13. #13
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie, ho appena invitato Giorgio a passare di qui, vediamo che ne dice.
    molto obrigado!
    Daje

  14. #14
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao a tutti, eccomi qua!
    Ho letto tutto quello che avete scritto, molto interessante. E il micanto? e il sorgo?
    Io posso provarlo nella mia caldaia (anche se immagino che la coclea avrà problemi), ma adesso no che c'è già troppo caldo!

  15. #15
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Il micanto sta per fare il suo ritorno! ce ne è una coltivazione in un centro studi dell'ENEA al nord Italia in un luogo montuoso e freddo non so dove di preciso e so che ha resistito bene a queste condizioni avverse.
    Il sorgo da granella è coltivato comunemente per alimentazione bovina ed usato nella rotazione agraria (chi ne fa ancora). Io me lo trovo sempre fra i piedi nel campo: si è inselvatichito chissà quanto tempo fa.
    P.S. non credere che questa sia la solita coltivazione esotica che arriva e se ne va, il barile di petrolio viaggia verso i 150$ e le cose cambiano.
    Daje

  16. #16
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Talking miscanthus sinensis

    Quote Originariamente inviata da giorgio demurtas Visualizza il messaggio
    Ciao a tutti, eccomi qua!
    Ho letto tutto quello che avete scritto, molto interessante. E il micanto? e il sorgo?
    Io posso provarlo nella mia caldaia (anche se immagino che la coclea avrà problemi), ma adesso no che c'è già troppo caldo!
    ciao Giorgio...ben tornato...era da un pò che non bazzicavi da ste parti....
    Riguardo il Miscanto qui stiamo impiantando un 3.000 ettari di Capim Elefante da pellettizzare per uso industriale....il Miscanto è della famiglia del Mais, il Capim di quello della canna da zucchero......la differenza è che qui col Capim si fa un raccolto ogni 4 mesi quindi 3 su base annua, col Miscanto il raccolto è solo annuale.....

    E prova sto cippato di Vetiver in caldaia anche col caldo...hai una FACI come la mia......io personalmente vi ho inserito di tutto e mai nessun problema....al massimo un cigolio della coclea....saluti

  17. #17
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    E dai che ho le mani piene di vesciche e la tendinite che mi assale a forza di trinciare 'sta cosa.....mi tocca farlo a mano con il trinciapollo per il momento, mi sto tenendo intorno al centimentro e attentissimo ad eliminare qualsiasi frazione più grande, se vuoi ti faccio una misura statistica al 1/20 di millimetro che devo fare per convincerti? Ne ho raccolto tre sacchi enormi ieri ma mi ci vorranno settimane per trinciarlo tutto.

    Domanda: Capim e Miscanto hanno bisogno di acqua? vista la famiglia di provenienza...
    Daje

  18. #18
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Biomasso ma per raccogliere il Capim che stai piantando che macchine si usano?
    Anche nella mia FACI cigola la coclea!

    Dai marco, appena ne hai a sufficienza fatti sentire e me lo mandi. Con paccocelere 3 costa solo 9€ fino a 30 kg.

  19. #19
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ti lo portu a Casteddu eu a fine mese. ne ho già trinciato 2 kg.
    Fortza Pistis!
    Daje

  20. #20
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Talking cogenerare con Erba Elefante

    Pompe di calore
    Quote Originariamente inviata da giorgio demurtas Visualizza il messaggio
    Biomasso ma per raccogliere il Capim che stai piantando che macchine si usano?
    Si tratta di un impiantamento di circa 10.000 ettari naturalmente in unico appezzamento pianeggiante da usare poi a scalare tipo S.F.R. quando sarà a pieno regime .....
    A differenza del Miscanto che si raccoglie a fine ciclo vegetativo quindi secco con umidità residua del 14-18%, il Capim resta sempre vivo e si raccoglie verde con una umidità anche del 100% tipo il mais che si vede da noi......
    Stiamo valutando di cipparlo in grandi pezzi caricati poi su un 60 metri cubi e sparsi a seccare su un'area di 2 ettari che faremo asfaltare.....3-4 giorni rivoltato meccanicamente ed il sole dei tropici gratuito ce lo porta ad un 20% di umidità che è ottimale per la trafila.....segue una trinciatura meccanica sul campo d'asfalto che lo sminuzza della granulometria voluta e lo sputa sul solito autocarro che lo porta poi alla bocca del caricamento pellettatrici e l'eccedenza al magazzino di stoccaggio......
    Come vedi nulla di complicato se non nelle dimensioni.....cosa impossibile nella asfittica e stapopolata Europa.......saluti

  21. RAD
Pagina 1 di 5 12345 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. cogenerazione da biomassa: CV e TEE
    Da fabri83 nel forum Cogenerazione
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 27-03-2008, 09:14
  2. Biomassa multifunzionale
    Da Canapicoltore nel forum BIOMASSE
    Risposte: 27
    Ultimo messaggio: 19-11-2007, 23:16
  3. LA BIOMASSA
    Da kasablanka nel forum BIOMASSE
    Risposte: 89
    Ultimo messaggio: 30-09-2007, 13:01
  4. Generatore a Biomassa
    Da Junqueiro nel forum BIOMASSE
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 21-09-2007, 08:32
  5. normativa biomassa
    Da nel forum BIOMASSE
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 24-08-2005, 18:17

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •