erregi energie alternative
Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 8 su 8

Discussione: Nuovo Impianto Pellet

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Smile Nuovo Impianto Pellet



    Buongiorno a tutti,
    vorrei fare un investimento nel campo della produzione del pellet di legno con un piccolo impianto di circa 500 kg/h.
    -Come materiale userei solo legno vergine principalmente di 2 tipi, Pino(grandi quantità) e Faggio(quantità limitata). Che ne pensate del pellet di queste 2 varietà di legni?
    -Ho anche disponibilità di corbezzolo, legno di ottima qualità per riscaldamento e per la produzione di carbone ma non saprei come potrebbe essere per le stuffe a pellet visto che è un legno molto duro.

    Cosa mi consigliate?

    Grazie in anticipo

  2. #2
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da pellet Visualizza il messaggio
    -Come materiale userei solo legno vergine principalmente di 2 tipi, Pino(grandi quantità) e Faggio(quantità limitata). Che ne pensate del pellet di queste 2 varietà di legni?
    80% resinose+20% latifoglie ti viene un ottimo prodotto, il problema è che l'impianto costicchierà alquanto dal momento che la tua materia prima è l'albero intero da trattare in toto e non scarti e/o trucioli e segatura da lavorazioni precedenti......naturalmente userai la scortecciatura e le ramaglie per essiccare, che se queste finiscono invece nel pellet, questo da ottimo diventa solo più accettabile e con certificazione non più in classe A o DIN+
    OSSI DI PESCA TRITATI sono un'ottima BIOMASSA alternativa

  3. #3
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Concordo con Biomassoso!
    Tieni presente che ti serviranno circa 650 kg/ora di polpa fresca per 500 kg/ora di pellet.

    Il problema non sta solo nel costo dell'impianto che diventa piu' articolato in termini di componenenti e integrazione degli stessi in quanto servono anche tank di accumulo per sincronizzare la produttivita' dei vari elementi (maggior investimento!), ma anche nell'energia elettrica (o meccanica) profusa per la lavorazione di cippatura (maggiori costi di esercizio!). Inoltre, le cippatrici per tronchi grossi costano una follia!

    Affrontando il problema con l'intelligenza invece della forza si puo' fare, ma con i costi del legno in Italia e a partire dal tronco i 500 kg/ora mi sembrano un po' pochini!
    Bye

  4. #4
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Vi ringrazio per la risposta tempestiva.

    Per quanto riguarda l'impianto di produzione non sarà in Italia ma in Kosovo(prezzo del legno minore,manodopera del personale molto bassa e sistema fiscale molto favorevole agli investimenti esteri).
    Le fonti principali sono principalmente alberi ma anche un recupero degli scarti di segatura da piccole falegnamerie.
    La produzione iniziale sarà di 500 kg/h non per mancanza di materia prima ma perchè un impianto più grosso costa molto e come inizio non me lo posso permettere.

    Se invece ci fosse qualcuno interessato a investire in questo campo sono disposto a collaborare per costruire insieme un impianto più grande.

  5. #5
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da pellet Visualizza il messaggio
    Per quanto riguarda l'impianto di produzione non sarà in Italia ma in Kosovo(prezzo del legno minore,manodopera del personale molto bassa e sistema fiscale molto favorevole agli investimenti esteri).
    Spero solo le tue conoscenze in loco ti permettano di intraprendere l'avventura ma anche di portarla a termine, che da quelle parti ho visto tornare a casa gente con le pive nel sacco consigliati da qualche lama alla gola maneggiate da montanari di poche parole....boh....naturalmente non tutto il paese sarà così, ma meglio esser certi di non perdere l'investimento!

  6. #6
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da biomassoso Visualizza il messaggio
    Spero solo le tue conoscenze in loco ti permettano di intraprendere l'avventura ma anche di portarla a termine, che da quelle parti ho visto tornare a casa gente con le pive nel sacco consigliati da qualche lama alla gola maneggiate da montanari di poche parole....boh....naturalmente non tutto il paese sarà così, ma meglio esser certi di non perdere l'investimento!
    Ciao biomassoso, hai assolutissimamente ragione...tutto con prudenza...cmq niente è facile in questo mondo.

    Un'altra possibilità dove fare questo investimento è l'Albania...Ho grandi conoscenze personali del territorio e delle varie istituzioni quindi mi potrebbe venire anche più facile.

    Per ora sto cercando i macchinari e mi sto facendo fare dei preventivi per l'intera linea di produzione.
    Ho visto che prezzi tra Cina e Europa variano abbastanza(sicuramente quelle cinesi saranno di qualità minore).

  7. #7
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da pellet Visualizza il messaggio
    Ho visto che prezzi tra Cina e Europa variano abbastanza(sicuramente quelle cinesi saranno di qualità minore).
    Sì, variano ed anche di molto....peccato che poi si aprano in due.
    Avrei un esempio in Argentina dove il genio, malgrado i miei consigli, ha comprato un accrocchio cinese ed ora non sa che pesci pigliare, che andare in CN gli costa caro e non sa se lo lasceranno poi tornare a casa o lo passeranno in padella cosparso di tofu!

  8. #8
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Salve anche io stavo progettando di aprire una piccola fabbricherà in Kosovo precisamente a mitrovice

    Quote Originariamente inviata da pellet Visualizza il messaggio
    Vi ringrazio per la risposta tempestiva.

    Per quanto riguarda l'impianto di produzione non sarà in Italia ma in Kosovo(prezzo del legno minore,manodopera del personale molto bassa e sistema fiscale molto favorevole agli investimenti esteri).
    Le fonti principali sono principalmente alberi ma anche un recupero degli scarti di segatura da piccole falegnamerie.
    La produzione iniziale sarà di 500 kg/h non per mancanza di materia prima ma perchè un impianto più grosso costa molto e come inizio non me lo posso permettere.

    Se invece ci fosse qualcuno interessato a investire in questo campo sono disposto a collaborare per costruire insieme un impianto più grande.
    mi può contattare sulla mia email se è interessato ancora ad aprire xxxxxxxxxxxxxxx

    Pubblicare contatti privati non ammesso sul forum.

    Usate la messaggistica privata disponibile sul forum per contattare direttamente altri utenti. Grazie.

    Mod.Scresan.
    Ultima modifica di scresan; 03-02-2019 a 12:55

  9. RAD

Discussioni simili

  1. Nuovo impianto FV trifase su impianto in prelievo monofase
    Da polino nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 29-07-2010, 19:25
  2. NUOVO Termocamino KS legna/pellet
    Da Dott Nord Est nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 02-03-2010, 17:50
  3. aiuto - nuovo impianto di riscaldamento con caldaia a pellet non funziona
    Da enanga nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 57
    Ultimo messaggio: 01-11-2009, 07:24
  4. Nuovo impianto di riscaldamento a Pellet o...???
    Da sugo nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 29-04-2009, 18:43
  5. Passaggio da caldaia a Legna a nuovo impianto pellet + solare
    Da bcabassi nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 30
    Ultimo messaggio: 05-03-2009, 07:28

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •