erregi energie alternative
Mi Piace! Mi Piace!:  140
NON mi piace! NON mi piace!:  1
Grazie! Grazie!:  10
Pagina 2 di 19 primaprima 12345678910111213141516 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 21 a 40 su 365

Discussione: che sta succedendo nel mondo del pellet e biomasse in genere?

  1. #21
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito



    .... vi dimenticate che per fortuna in questo piccolo e beato paese c'è spazio per tutti!

    Il business del pellet era 10-11 anni fa, quando le migliaia di fabbriche e fabbrichette pagavano per smaltire gli scarti del legno, gli impianti di produzione venivano autocostruiti a costi ridicoli da artigiani che modificavano le trafile dei mangimifici o le pellettatrici della medica acquistate a prezzo di rottame dalle coop emiliane e che a loro volta erano state regalate dai vari contributi a fondo perso ...... quando durante i controlli fiscali non esisteva la parola pellet, al massimo legno compresso e non sapevano da dove iniziare........

    Chi conosceva il settore si è liberato degli impianti gia a partire dal 2010, spostando il suo business sul commercio del pellet, acquistandolo nell' est europa a una miseria e rivendendolo a peso d'oro in italia.

    .... ora rimangono solo i cocci, e si salvi chi puo'!

  2. #22
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    hummm, mi sa che non sai i tempi di ricrescita del pioppo.
    Si ma quelli che vedo nel sito sono poco più di cespugli. Se ne vanno in un giorno

    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    mi sa che non sai che il pioppo si usa per altri scopi, non per bruciarlo
    Certo, ma se ti avessi citato un'altra essenza mi avresti accusato di averne scelta una a lenta crescita. In ogni caso nell'impianto di cui sopra ne fanno cippato

    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    mi sa che non sai che la superficie boschiva in itaggggggggggggggggggggggglia è in continua crescita.....
    Probabile, ma perchè compriamo il cippato da altri poveracci, che , guarda caso, si stanno facendo furbi.



    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    mi si, in effetti mi sa che non sai molte cose....
    che brutta cosa parlare "per sentito dire...."
    Casualmente la mia famiglia possiede da almeno un secolo un ettaro di bosco in zona collinare(500m) in Piemonte.
    Fino a poco tempo fa il legno era sufficiente, ma non se ne è mai venduto niente.
    Ora complici le aumentate esigenze di comodità ci servono parecchi metri cubi di metano all'anno. Naturalmente si preleva solo il prelevabile, d'accordo con la forestale.
    Se questo è "per sentito dire"!!!!!
    Ultima modifica di tersite3; 14-02-2016 a 22:12
    Ogni problema complesso ha una soluzione semplice. Ma è sbagliata

  3. #23
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da biomassoso Visualizza il messaggio
    i motivi si sapevano già all'inizio come quel carrozzone NON potesse stare in piedi per mancanza di materia prima, e dopo aver raschiato qualsiasi schifezza perfino sulle Alpi Cuneesi pareva fossero stati "assorbiti" proprio da German Pellets tramite Ely spa che deteneva il 20% del capitale sociale, ma visto com'è finita anche questo è servito a nulla

    la curiosità di vedere chi offrirà quei neppure 3 milioni di € per tutto l'ambaradan come richiesto dal giudice fallimentare è grande: chi vivrà vedrà
    Probabilmente hai ragione, anche io mi son sempre chiesto dove recuperavano materia prima...però pensavo che forse la vicinanza con il porto di Genova...Bhoo...
    Sicuramente tra ribassi e casini non azzardo la previsione ne sul quando ne sul se verrà ripresa la produzione...visti i probabili problemi sistemici...

    Quote Originariamente inviata da marcober Visualizza il messaggio
    o di quel che ne è rimasto dopo ripetuti furti...

    Concordo cin te ...la filiera del pellet dovrebbe essere controllata in ben altro modo..impendendo di fare pelet con alberi diversi dalla shor rotation. o dalla manutenzione del bosco non short rotation (ma sappiamo che i quantitativi sono minimi).

    Almeno col gas il grosso del danno è sotto terra...
    Che tipo di coltivazione intendi? Pioppi da biomassa? Da noi si fanno ma per cippato..per la quantità necessaria alla ip sarebbe necessario coltivare un sacco di ettari togliendo terra ai seminativi che già i biogas han ridotto di parecchio no?

    Quote Originariamente inviata da marcober Visualizza il messaggio
    LuGa59..io abito vicino all'impinato citato..da noi, nelle golene, la coltivazione del pioppo è una tradizione..che si confivide con tutta la zona rivierasca del Po..dal Pimeonte al veneto. Ti posso assicurare che da noi gli agricoltori, specialmente dopo la chiusura dello Zuccherificio di casei gerola, che da Corana ista 3 km, non aspettavano latro che di avere uno sbocco in più..visto che anche la ricnoversione Zuccherificio (in centrale a biomassa a base sorgo) ancora non si vede.
    Quindi se IP avesse voluto apporvvigionarsi in zona di pioppo, non avrebbe avuto problemi.

    Penso che il pellet, come tutte le produzioni ad alta intensita energetica e lavorativa, siano piu economicamente fatte in Paesi dove energia e lavoro costa decisamente meno..specie se sono vicini alla materia prima..tanto su un camion ci sta al massimo lo stesso peso di pellet o di trocnhi..quindi muoverlo prima dopo è uguale.
    Concordo sia sui problemi legati al vuoto lasciato dagli zuccherifici sia che bisogna lavorare la materia vicino alle zone di produzione, e spostare prodotto finito....ma adesso che l impianto c è...come si potrebbe rilasciarlo?!
    Producendo pellet industriale con cippato proveniente da ramaglie o altri scarti di potature?
    Riconvertirlo per la produzione di mangimi?
    La posizione a livello logistico è al top...
    Scusate l ot ma dispiace vedere la de industrializzazione di questo paese avanzare spaventosamente.... per di più in un settore che ci colloca tra i più grandi consumatori...

  4. #24
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da tersite3 Visualizza il messaggio
    Ora complici le aumentate esigenze di comodità ci servono parecchi metri cubi di metano all'anno.
    allora non lamentarti delle piante o delle caldaie, ma lamentati delle aumentate esigenze di comodità....
    o è preferibile scaricare la colpa sui pioppi ???


    ecco dove va a finire il pioppo italiano:

    · il settore delle paste di legno per carta
    · il settore dei segati di legno
    · il settore degli imballaggi di legno
    · il settore dei pannelli di legno
    · il settore degli elementi in legno per l'edilizia
    · il settore del mobile e delle sedie

    quello che tu dici "va a cippato", ha meno di due anni..... non 10..... leggi bene
    Ultima modifica di Dott Nord Est; 14-02-2016 a 22:31

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  5. #25
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Non conosco il settore del pellet...ma temo che non ci sia alcuna possibilità di rilancio per quell'imoianto...
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  6. #26
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    è come nel calcio:
    in itagggggggggggliaaaa ci sono 60.000.000 di allenatori

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  7. #27
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    o è preferibile scaricare la colpa sui pioppi ???
    Non scarico nessuna colpa. Mi limito ad osservare che un ettaro di bosco ceduo può soddisfare il fabbisogno di un nucleo familiare.
    Le famiglie italiane sono molte di più degli ettari disponibili. Il legno è un prodotto troppo prezioso per bruciarlo.
    Il cippato funziona bene quando la domanda può essere soddisfatta dal recupero degli scarti di altre lavorazioni. Se si esagera si deforesta.


    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    ecco dove va a finire il pioppo italiano:
    quello che tu dici "va a cippato", ha meno di due anni..... non 10..... leggi bene
    Deve metterti d'accordo con te stesso.
    Se citi un sito che preleva pioppi ogni due anni non puoi far credere che con questo legno ci puoi fare tutte le cose che hai elencato.
    Ci fai cippato e basta
    Ogni problema complesso ha una soluzione semplice. Ma è sbagliata

  8. #28
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    1 - e infatti chi dice che tutte le famiglie italiane devono bruciare legna o pellet?

    2 - ti ho messo un link dove il pioppo da due anni si usa per il cippato, che ti ricordo essere combustibile.....
    Per la legna da ardere non si usa il pioppo... ma si usa altro.... (prova a chiedere a una persona che usa caldaia a legna come brucia il pioppo....)
    Per fare le cose indicate servono pioppi da 5/7 anni, non certo 10....

    Il problema principale degli itagggggggggggggggliani è, come detto sopra, sono 60.000.000 di allenatori/tecnici/conoscitori/ecc ecc.... solo per "sentito dire".
    Ultima modifica di Dott Nord Est; 14-02-2016 a 23:05

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  9. #29
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da tersite3 Visualizza il messaggio
    Mi limito ad osservare che un ettaro di bosco ceduo può soddisfare il fabbisogno di un nucleo familiare.
    se TUTTA la superficie boschiva italiana fosse sfruttata a dovere..... e non lasciata "decadere" per interessi economici diversi, le cose sarebbero diverse

    ecco cosa produce il bosco: http://www.ruralp.it/content/archivi...ra_legname.pdf

    eccoti i dati, leggi bene: http://www.fao.org/newsroom/common/ecg/1000127/it/FAO.Le_foreste_in_Italia.pdf

    P.S.: dimenticavo.... tu con cosa ti scaldi e cosa scaldi?

    ragazzi, dovete imparare a dare dati certi...come fa biomassoso e altri..... non bla bla bla da bar.


    e ora buonanotte a tutti
    Ultima modifica di Dott Nord Est; 14-02-2016 a 23:11

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  10. #30
    Amministratore

    User Info Menu

    Predefinito


    Note di Moderazione:
    Ho cancellato un po di attacchi e insulti vari. Non ho sanzionato nessuno ma vi chiedo di cambiare registro immediatamente. Possibile che dovete scadere sempre in attacchi personali??? Rimanere sul tecnico è troppo difficile?
    Grazie della collaborazione
    Eroyka

    Fusione Fredda: cos'è, come funziona e quando arriva"
    Essere realisti e fare l'impossibile

  11. #31
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    interessante questo articolo con riferimento agli STATES il cui senso è: il nostro paese non è africa che svendiamo ai cinesi per un tozzo di pane, quindi aziende estere che vengono a radere al suolo i nostri alberi per esportare il pellet ed i proventi della vendita di questo ATTENZIONE, che se vi scateno i miei NIMBY per voi comincia ad essere dura continuare nella rapina delle NOSTRE risorse

    il lato nascosto del pellet
    OSSI DI PESCA TRITATI sono un'ottima BIOMASSA alternativa

  12. #32
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    In questi giorni ho trovato su internet questo articolo su una vicenda della pianura Pavese :sgonfiabiogas: Mobas. Nel biogas chi ci guadagna?

  13. #33
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Luga ... la verità è che gli impianti a biogas "rendono" meno di quanto era stato prospettato da alcuni baroni universitari che avevano ottenuto tabelle di conversione, forse, poco veritiere.

    Di sicuro gli unici fortunati sono stati gli impiantisti e le banche: i primi hanno guadagnato il loro, le seconde ora si ritrovano con i terreni degli agricoltori in saccoccia a metà prezzo!

    Alla larga dagli esperti che parlano di ***** ma passano tutta la vita in giacca e cravatta!

  14. #34
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Sul biogas devo dire che tanta gente si è fatta ingolosire oltre misura e ci ha rimesso...ma la maggior parte girano....tanto paga pantalone...
    Se il gasolio che usano per fare insilato da biogas lo bruciassero in vecchie caldaie risparmieremmo tanti di quei soldi, risorse e terra che la metà basta

  15. #35
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    A Tirano c'è stata una bella bolla speculativa, 2 centrali a biogas fallite, parliamo di 15 milioni di euro di investimenti andati in fumo..alias di soldi delle banche..
    E una follia cippare alberi, farlo gassificare, pulire il gas e farlo bruciare in motori a combustione per fare elettricità.. alla faccia del processo green..
    Tornando al pellet, con il gasolio alle cifre attuali, da noi per riscaldamento si prende a 0.9 il litro, la biomassa ha ancora un futuro ?

  16. #36
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    sinceramente non lo vedo folle come processo, la follia casomai è farlo in provincia di sondrio dove acqua (come sole e vento) non ne manca di certo.
    "non sono una persona mattiniera...penso sia perchè ho cosi tanti pensieri profondi ,che la mia mente ha bisogno di molto tempo per rigenerarsi"

    http://gospa87.blogspot.it

  17. #37
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    la follia non sarebbe manco il luogo...se la legna fosse li..penso che il problema che con alta carica di lignina e bassa di amidi..la digestione si ferma..e ci vuole il Braulio per farla completare...
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  18. #38
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    da quello che mi risulta il materiale è a "km0" , alias prodotto in provincia.
    il punto non è quello, il punto è che il nostro idroelettrico da quello che ricordi copre senza problemi sia il fabbisogno energetico che eventualmente quello termico (in caso di conversione dei riscaldamenti)
    quindi il punto è, hanno senso queste stufe enormi in un territorio dove si potrebbe sviluppare di più l'idro l'FV ed eventualmente l'eolio (tipo a nuova olonio di vento non ne manca e ci son già i ripetitori della telespazio , quindi impatto visivo 0)

    mah, penso che alla fine dietro alla biomassa l'unico interesse sia puramente economico, di verde c'è nè ben poco .
    "non sono una persona mattiniera...penso sia perchè ho cosi tanti pensieri profondi ,che la mia mente ha bisogno di molto tempo per rigenerarsi"

    http://gospa87.blogspot.it

  19. #39
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    da noi l'est sesia e una società di mini idro stanno portando avanti il recupero e la costruzione di centraline che sfruttano i mini salti dei canali di irrigazione,dove vanno a turbinare tanta anzi tantissima acqua, nella mia zona ne hanno già recuperate una 20ina almeno....sono una bomba, pochissimo spazio, silenziose e senza molte opere murarie... ad averne di rinnovabili così
    ah quasi dimenticavo, tecnologia italiana...che non guasta...almeno per la voglia di riscatto nei confronti dei blasonati cugini tedeschi e via discorrendo...

  20. #40
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    che sta succedendo nel mondo del pellet e biomasse in genere?


    credo stia succedendo, quello che succede in generale, in tutto il mondo dell' economia, i grassi scoppiano e i magri spariscono, non sappiamo più dove sbattere il cranio per fare soldi ( o sbarcare il lunario)??????


  21. RAD
Pagina 2 di 19 primaprima 12345678910111213141516 ... ultimoultimo

Discussioni simili

  1. FIERE specifiche biomasse/pellet/caldaie/stufe
    Da biomassoso nel forum BIOMASSE
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 20-02-2015, 17:20
  2. pellet biomasse... sempre piu confusione.
    Da annabi nel forum BIOMASSE
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 11-08-2012, 12:28
  3. Certificazione Antimafia: cosa sta succedendo?
    Da fmdl nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 08-12-2011, 16:26
  4. Biomasse o pellet?
    Da garmin nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 11-03-2010, 18:02
  5. GSE: ma cosa sta succedendo???
    Da stefanom nel forum Aspetti economici e bancari
    Risposte: 102
    Ultimo messaggio: 08-07-2009, 19:14

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •