erregi energie alternative
Mi Piace! Mi Piace!:  94
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  18
Pagina 63 di 69 primaprima ... 1343495051525354555657585960616263646566676869 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1,241 a 1,260 su 1377

Discussione: Caldaia a Biomassa. legna/pellet

  1. #1241
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito



    Nel software dici? Ho messo il 28 e mi è venuto 1,45m/s de non erro... ma una velocità giusta quale sarebbe??? Ho letto da qlc parte di non superare 1,5

  2. #1242
    Supporter EA

    User Info Menu

    Predefinito

    la velocità giusta è quella che serve per portare i kw indispensabili
    quindi, in base al diametro e ai kw, si trova la velocità
    vuoi che circoli più piano? devi aumentare il diametro

    SOLARBAYER - SOLARFOCUS - RED - HELIOS - KINGSPAN
    Vedi chi sono: ERREGI SAS
    Fiamma inversa pellet/legna: THERMINATOR II
    Vampair, la nuova PDC con iniezione di vapore E.V.I.: VAMPAIR

  3. #1243
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Capito, allora con il 22 deve circolare a 2,5m/s, che circolatore devo usare??

  4. #1244
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    se si tratta del circolatore sul primario (tc/scambiatore), per quella portata basta un normalissimo circolatore, magari quello già installato.. penso alla seconda velocità sia sufficiente, ma questo è una regolazione che puoi fare in ogni momento..
    Termocamino 30 kW - puffer 1300 Lt., scambiatore 40 + 12 piastre acs - centralina climatica HCC5 Sorel - zona climatica "C" - 1384 gradi giorno - Uw infissi zona C, 2.6W/m2K - casa 360 MC - temperatura interna 22° h 18/24..

  5. #1245
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Il problema è il secondario: puffer scambiatore! Siccome il tratto che devo realizzare è abbastanza "tortuoso" e il 28 ricotto a quanto pare non se è trova, devo fare tutto con le barre e raccordi a saldare, sarà un po' faticoso... poi per evitare strozzature conviene usare 2curve da 45 anziché una da 90 giusto?? Mi roderebbe un po' fare tutto questo lavoro e poi sarebbe bastato il 22 che posso prendere in rotolo e piegare con una piegatubi con curve belle larghe!

  6. #1246
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Proviamo a fare il punto, che non mi ricordo bene il tuo impianto...scusa!

    Hai una caldaia/termocamino a vaso aperto da collegare ad un puffer passando per uno scambiatore e un tratto di tubazioni cementate in rame da 22mm (20 interni).

    Potresti descrivere :

    1- potenza caldaia
    2- distanza fra caldaia e scambiatore
    3- diametro tubi cementati

    Credo sia opportuno utilizzare il tratto "complicato" delle tubazioni, se possibile, per collegare la caldaia allo scambiatore, in modo che fra scambiatore ed il resto dell' impianto si possa lavorare su dimensioni ottimali. Questo perchè fra caldaia e scambiatore, al bisogno, si puo' mantenere un dT elevato, anche di 20 gradi (65-70 in entrata e 85-90 in uscita) ovvero si puo' dimezzare la portata dell' acqua attraverso quella tubazione.

  7. #1247
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Si Scesan, è un termocamino da 29000 kcal il tratto complicato è subito dopo il TC ed è lungo circa 5/6metri, lo scambiatore lo posso mettere dove voglio, se entra in un muro da 30 cm, lo posso anche mettere subito dopo il tratto "complicato " circa a metà strada tra TC e puffer, se no allungo altri 6/7 metri con il 22 e lo scambiatore lo metto in sala termica ( per me sarebbe più comodo)e da puffer e scambiatore lo faccio da 28, che dici?

  8. #1248
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Comunque penso penso che dal TC posso uscire Max con 85 gradi a 90 la piccola centralina va in allarme....quindi diciamo che sarebbe di facile gestione rimanere su 80 in uscita e 60 in ingresso, quindi Delta 20

  9. #1249
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    lo scambiatore, il più vicino possibile al tc..
    Termocamino 30 kW - puffer 1300 Lt., scambiatore 40 + 12 piastre acs - centralina climatica HCC5 Sorel - zona climatica "C" - 1384 gradi giorno - Uw infissi zona C, 2.6W/m2K - casa 360 MC - temperatura interna 22° h 18/24..

  10. #1250
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da aldo55 Visualizza il messaggio
    lo scambiatore, il più vicino possibile al tc..
    buco1.JPGbuco.JPG
    Questo è il varco che ho fatto per accedere agli attacchi del TC... lo scambiatore quindi dovrei metterlo qua dentro.... qui è il più vicino possibile.... solo che non posso fare il discorso che diceva scesan.... aldo dici di metterlo più vicino possibile per le dispersioni???
    Immagini Allegate Immagini Allegate

  11. #1251
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    non solo per le dispersioni ma anche per le rese.. l'acqua che esce dal tc viene sfruttata molto meglio.. però c'è il problema del diametro del tubo, che se lo metti in quella nicchia dovrai usare il tubo esistente da 22 fino alla sala termica... per cui sarà da vedere se sufficiente.. non saprei se a questo punto sia più efficiente mettere lo scambiatore a metà percorso, con primario da 22 e secondario da 28. o scambiatore nel tc ma con 22 primario e secondario fino al puffer.. attendiamo qualche suggerimento..
    Termocamino 30 kW - puffer 1300 Lt., scambiatore 40 + 12 piastre acs - centralina climatica HCC5 Sorel - zona climatica "C" - 1384 gradi giorno - Uw infissi zona C, 2.6W/m2K - casa 360 MC - temperatura interna 22° h 18/24..

  12. #1252
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Esatto Aldo! è proprio questa la situazione!!!!

  13. #1253
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    lo scambiatore va il più vicino possibile al TC per dimiuire le dispersioni ed avere un ritorno nel TC che non cali troppo di temperatura lungo il percorso portando ad avere condensa e i problemi correlati.
    Se la coibentazione delle tubazioni del primario è fatta a dovere (anche con doppio isolamento e accorgimenti vari) lo scambiatore puoi metterlo alla distanza che ti pare ( in accordo alle perdite di carico ovvio).

    Se il 22 basti o meno ti hanno già risposto (Dott) ; basta se viene adeguata la velocità e di conseguenza la portata.

    Parlavi di 2,5 metri cubi /ora , quindi ti serve (per farti un esempio) una 25-60 grunphos, con la 25-40 già non riusciresti.

    Come regola base, maggiore è la velocità del fluido maggiori sono le corrosioni, questo però non vuol dire che ti ritrovi un colabrodo dopo un settimana; alla lunga sicuramente andrà assottigliandosi più velocemente.

  14. #1254
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    http://www.semsystem.it/wp-content/u...-e-portate.pdf

    qui trovi info su quello che devi fare
    Caldaia Atmos dc25s puffer 1000 litri"pochi" laddomat 21/60-78°, Abit: 660 mc, parete termica/antisismica in poroton800/30 + intercapedine +10cm, tetto in legno + coibente 8 cm + ventilazione, pavimento legno 90%
    Radiatori alluminio e acciaio temp media 21 gradi/24h, Controllo caldaia EcoMax200-D, Imp. Fv http://pvoutput.org/intraday.jsp?sid=5962

  15. #1255
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    La posizione dello scambiatore non è influente al suo rendimento, basta usare coibente ottimo ed abbondante,quello che serve è CAPIRE quanta potenza deve trasportare la tubazione e con quale delta termico
    Secondo me è importante anche il secondario, anzi di più, per il semplice motivo che sono ambedue legati al rendimento
    Se il 22 non sarà della misura idonea si otterra un delta termico maggiore per cui serve anticondensa per miscelare il ritorno in caldaia, il rischio è un DT di 30 con conseguente ritorno freddo e la potenza comunque scaricata sul primario
    Secondo il mio parere basta, anticondensa, un circolatore a velocita variabile in base alla T° di progetto, +T° + giri e viceversa, uno scambiatore SOVRADIMENSIONATO DEL 50%, ed un secondario mooooolto prestante, in modo da far tornare al TC acqua a bassa T° da riscaldare al giro successivo, non è quello che si vuole??, altrimenti il TC cosa fa??? la pentola a pressione??
    Caldaia Atmos dc25s puffer 1000 litri"pochi" laddomat 21/60-78°, Abit: 660 mc, parete termica/antisismica in poroton800/30 + intercapedine +10cm, tetto in legno + coibente 8 cm + ventilazione, pavimento legno 90%
    Radiatori alluminio e acciaio temp media 21 gradi/24h, Controllo caldaia EcoMax200-D, Imp. Fv http://pvoutput.org/intraday.jsp?sid=5962

  16. #1256
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da vin.esa Visualizza il messaggio
    Questo è il varco che ho fatto per accedere agli attacchi del TC...
    Azz...Vincenzo, quando vedo queste cose rabbrividisco.....
    In pratica hai "murato vivo" il TC!!
    Scusami, ma se per disgrazia hai da fare un'intervento di manutenzione (es.classico perdita d'acqua) che fai, ci vai sotto di mazza??.
    MAI murare TOTALMENTE un generatore termico, devi sempre lasciare un portello amovibile per poterci accedere SEMPRE!!
    Riguardo le tubazioni: sai che esistono dei sistemi a battiscopa?

    battiscopa-passatubi_NG2.jpg

    Saluti
    Il dono della fantasia è stato per me più importante della mia capacità di assimilare conoscenze (A.Einstein)

  17. #1257
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da murox23 Visualizza il messaggio
    lo scambiatore va il più vicino possibile al TC per dimiuire le dispersioni ed avere un ritorno nel TC che non cali troppo di temperatura lungo il percorso portando ad avere condensa e i problemi correlati.
    Se la coibentazione delle tubazioni del primario è fatta a dovere (anche con doppio isolamento e accorgimenti vari) lo scambiatore puoi metterlo alla distanza che ti pare ( in accordo alle perdite di carico ovvio).

    Se il 22 basti o meno ti hanno già risposto (Dott) ; basta se viene adeguata la velocità e di conseguenza la portata.

    Parlavi di 2,5 metri cubi /ora , quindi ti serve (per farti un esempio) una 25-60 grunphos, con la 25-40 già non riusciresti.

    Come regola base, maggiore è la velocità del fluido maggiori sono le corrosioni, questo però non vuol dire che ti ritrovi un colabrodo dopo un settimana; alla lunga sicuramente andrà assottigliandosi più velocemente.
    Per la coibentazione penso che non ci saranno problemi, anche perchè il percorso è tutto interno e riscaldato (gradinata), avevo capito il discorso della velocità, ma non sapevo come scegliere il circolatore giusto....infatti avevo già dato un occhiata alla tabella che mi indica moreno:

    Quote Originariamente inviata da morenorisorti Visualizza il messaggio
    http://www.semsystem.it/wp-content/u...-e-portate.pdf

    qui trovi info su quello che devi fare
    e da qui ho dedotto che l'acqua deve circolare a circa a circa 2.3m/s per trasportare 22.6kcal (che secondo me sono più che sufficienti per il mio vecchio TC....

    Quote Originariamente inviata da renatomeloni Visualizza il messaggio
    Azz...Vincenzo, quando vedo queste cose rabbrividisco.....
    In pratica hai "murato vivo" il TC!!
    Scusami, ma se per disgrazia hai da fare un'intervento di manutenzione (es.classico perdita d'acqua) che fai, ci vai sotto di mazza??.
    MAI murare TOTALMENTE un generatore termico, devi sempre lasciare un portello amovibile per poterci accedere SEMPRE!!
    Riguardo le tubazioni: sai che esistono dei sistemi a battiscopa?

    battiscopa-passatubi_NG2.jpg

    Saluti
    Renato allora perchè non voglio rivolgermi ai "professionisti" della zona?????? quando è stato fatto quell'impianto io ero ancora uno studente (17anni) e non ci capivo un tubo....ci hanno detto di murare e abbiamo murato.....quel "buco" l'ho fatto io l'anno scorso per attaccare selvaggiamente l'impianto del mio appartamentino....all'epoca ci fecero lasciare solo una piccola apertura per poter cambiare il circolatore nel caso si guastasse....

    Quote Originariamente inviata da morenorisorti Visualizza il messaggio
    La posizione dello scambiatore non è influente al suo rendimento, basta usare coibente ottimo ed abbondante,quello che serve è CAPIRE quanta potenza deve trasportare la tubazione e con quale delta termico
    Secondo me è importante anche il secondario, anzi di più, per il semplice motivo che sono ambedue legati al rendimento
    Se il 22 non sarà della misura idonea si otterra un delta termico maggiore per cui serve anticondensa per miscelare il ritorno in caldaia, il rischio è un DT di 30 con conseguente ritorno freddo e la potenza comunque scaricata sul primario
    Secondo il mio parere basta, anticondensa, un circolatore a velocita variabile in base alla T° di progetto, +T° + giri e viceversa, uno scambiatore SOVRADIMENSIONATO DEL 50%, ed un secondario mooooolto prestante, in modo da far tornare al TC acqua a bassa T° da riscaldare al giro successivo, non è quello che si vuole??, altrimenti il TC cosa fa??? la pentola a pressione??
    il circolatore a velocità variabile sul primario???? per l'anticondensa volevo fare un sistema del genere: mettere una sonda sul ritorno del primario che quando la T scendeva sotto i 60 mi fermava il circolatore del secondario in modo da aumentare subito la T di ritorno del primario, solo che no so, forse ci saranno troppi on/off del circolatore del secondario...cosa pensate???con questo sistema potrei regolare a mio piacimento la T di ritorno, cosa che con la VAC non si può fare....
    Comunque in conclusione mi è parso di capire che se ben coibentato potrei arrivare con il 22 in sala termica e li mettere lo scambiatore e realizzare il secondario da 28, giusto?
    Lo scambiatore potrebbe bastare un 40 piastre con attacchi da 1pollice oppure anche 2x1pollice e 2 da 3/4????

  18. #1258
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    A Te serve un'anticondensa vera, se vuoi il max devi scambiare il piu possibile, scambiatore sovradimensionato del 50%, per non avere rischio di ritorno troppo freddo devi miscelare il ritorno con la mandata, a questo serve l'anticondensa.
    Il circolatore variabile serve ad evitare velocita assurde quando non hai potenza da smaltire, meno usura e meno rumore....................
    NON DEVI MAI FERMARE IL CIRCOLATORE SUL PRIMARIO, l'inerzia delle sonde e il tempo di on/off rischiano di far diventare il TC un generatore di vapore
    Se devi scambiare IL MASSIMO rischi ritorno anche di 50, ma devi averli per non rischiare, ecco perche la miscelatrice anticondensa che regola il ritorno fisso a 65/70

    Sul secondario metti un termostato differenziale che ti rallenta il relativo circolatore quando la temp ingresso ed uscita sono vicine

    Io metterei uno scambiatore da 35/40 kw
    Caldaia Atmos dc25s puffer 1000 litri"pochi" laddomat 21/60-78°, Abit: 660 mc, parete termica/antisismica in poroton800/30 + intercapedine +10cm, tetto in legno + coibente 8 cm + ventilazione, pavimento legno 90%
    Radiatori alluminio e acciaio temp media 21 gradi/24h, Controllo caldaia EcoMax200-D, Imp. Fv http://pvoutput.org/intraday.jsp?sid=5962

  19. #1259
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da morenorisorti Visualizza il messaggio
    A Te serve un'anticondensa vera, se vuoi il max devi scambiare il piu possibile, scambiatore sovradimensionato del 50%, per non avere rischio di ritorno troppo freddo devi miscelare il ritorno con la mandata, a questo serve l'anticondensa.
    Il circolatore variabile serve ad evitare velocita assurde quando non hai potenza da smaltire, meno usura e meno rumore....................
    NON DEVI MAI FERMARE IL CIRCOLATORE SUL PRIMARIO, l'inerzia delle sonde e il tempo di on/off rischiano di far diventare il TC un generatore di vapore
    Se devi scambiare IL MASSIMO rischi ritorno anche di 50, ma devi averli per non rischiare, ecco perche la miscelatrice anticondensa che regola il ritorno fisso a 65/70

    Sul secondario metti un termostato differenziale che ti rallenta il relativo circolatore quando la temp ingresso ed uscita sono vicine

    Io metterei uno scambiatore da 35/40 kw
    Ma i circolatori a velocità variabile, regolano la velocità in base alla pressione se non sbaglio....giusto??

  20. #1260
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da vin.esa Visualizza il messaggio
    regolano la velocità in base alla pressione se non sbaglio....giusto??

    Non sono sicuro ma credo anche in base alla temp
    Forse salendo di prezzo...................................
    Altrimenti prendi un vecchio modello e con un rele cambi velocita....................
    Caldaia Atmos dc25s puffer 1000 litri"pochi" laddomat 21/60-78°, Abit: 660 mc, parete termica/antisismica in poroton800/30 + intercapedine +10cm, tetto in legno + coibente 8 cm + ventilazione, pavimento legno 90%
    Radiatori alluminio e acciaio temp media 21 gradi/24h, Controllo caldaia EcoMax200-D, Imp. Fv http://pvoutput.org/intraday.jsp?sid=5962

  21. RAD
Pagina 63 di 69 primaprima ... 1343495051525354555657585960616263646566676869 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 05-08-2016, 23:56
  2. caldaia biomassa legna e pellet
    Da mauri_to nel forum Termocamini e Caldaie
    Risposte: 21
    Ultimo messaggio: 19-09-2014, 15:56
  3. Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 31-01-2014, 08:28
  4. impianto termico caldaia a biomassa legna/pellet e pompa di calore
    Da Bruno1970 nel forum Termocamini e Caldaie
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 17-09-2013, 20:17
  5. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 17-09-2013, 13:44

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •