erregi energie alternative
Mi Piace! Mi Piace!:  25
NON mi piace! NON mi piace!:  1
Grazie! Grazie!:  1
Pagina 4 di 5 primaprima 12345 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 61 a 80 su 89

Discussione: Villetta indipendente - Caldaia a pellet oppure PDC

  1. #61
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito



    Quote Originariamente inviata da morenorisorti Visualizza il messaggio
    CHIEDO IMMEDIATA CANCELLAZIONE DI TUTTI I MIEI POST, COMPRESA LA MIA ISCRIZIONE
    DA SUBITO

    CIAO A TUTTI
    errato.
    resta.

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  2. #62
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    per cortesia, riportami il post dove ho detto ciò...
    Per cortesia rispondo, sperando di non sollevare altre polemiche inutili.

    Post 10:
    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    per favore, non diamo "false" indicazioni a chi chiede aiuto.....
    per scaldare una casa di 140 mt in classe B, servono circa 4 kw di media, che non significano 4 kw di picco, ma di media.....
    Non hai detto a quanto ammonta il picco...intendevi 4.5 kW?
    La tua affermazione comunque confligge con quelle che tu chiami "tabelline scolastiche" (post 60) che sono invece tabelle UNI, frutto di decenni di studi e di pratica, e che sono ALLA BASE della progettazione corretta.

    Confligge anche con molte situazioni e dati REALI: casa mia per esempio, in zona E (più fredda della D dell'autore del 3d) e originariamente in CLASSE G, ha solo 5 kW di caloriferi.
    Quindi 110 mq di casa, con consumi più che tripli rispetto ai tuoi 140 in classe B, sono scaldati con 5kW DI PICCO.


    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    ripeto (come già detto in altro post), tu hai casa inmezzo ad altri due appartamenti, sopra e sotto, e pure una parete confinante. Dalla tua situazione a una casa esposta ai 4 lati non c'è paragone, a parità di isolamento.
    Questa affermazione è indice di scarsa conoscenza della materia, o solo frutto della "partigianeria"?
    A parte i dettagli sull'androne già forniti, credo sia opportuno ricordare che la classe energetica considera tutto, quindi se la mia casa è in classe G è perchè disperde da classe G, anche se ha appartamenti confinanti.


    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    i consumi sono SEMPRE un dato certo...... ricordalo.
    Forse ti è sfuggito che nei miei articoletti ho messo anche consumi reali di decenni ;-)

    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    se non sai la definizione o la differenza di uso continuo di caldaia o di riscaldamento, beh....siamo messi male....
    ...
    riccardo..... ripeto per l'ennesima volta, tu hai le tue opinioni, altri ne hanno altre......
    tu critichi, altri ti criticano....
    dicasi DEMOCRAZIA.....
    beh mi sembra che offese velate e non (come la prima frase) e imposizione di vedute non vengano da me, che sono capitato per caso da queste parti proprio attirato da una diatriba OT che ho provveduto a cancellare

    Io non critico le opinioni, ho contestato alcune affermazioni che non hanno fondamento teorico, nè pratico, e che quindi non sono "Bibbia", come quella che non possano bastare 5-6 kW per scaldare una porzione di casa (100mq), per giunta probabilmente ben isolata.

    5-6kW di stufette basterebbero (rendimento unitario), usando split con COP >1 probabilmente sarebbero anche troppi, verrebbero usati per il transitorio iniziale ma a regime ne basterebbero meno
    Ultima modifica di riccardo urciuoli; 03-07-2018 a 09:05
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  3. #63
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
    Per cortesia rispondo, sperando di non sollevare altre polemiche inutili.
    appunto !!!!!
    trovami dove ho scritto che servono decine di kW, come tu hai affermato...........
    riccardo..... sono io o tu che vuoi polemizzare ?

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  4. #64
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
    Io non critico le opinioni, ho contestato alcune affermazioni che non hanno fondamento teorico, nè pratico, e che quindi non sono "Bibbia", come quella che non possano bastare 5-6 kW per scaldare una porzione di casa (100mq), per giunta probabilmente ben isolata.
    e dove è stato detto ciò?
    su 100 mt una casa in classe A o B bastano certo, se la casa è costantemente vissuta (anche in classe C se si utilizza il riscaldamento in un certo modo)
    ripeto, riccardo.... chi vuole polemizzare adducendo a frasi mai dette dal sottoscritto ?


    E QUI SPERO SIA FINITA LA POLEMICA.
    SE VUOI UN CONFRONTO SERIO TECNICAMENTE, CHE VA AL DI LA' DELLE POSIZIONI IDEOLOGICHE, CI POSSIAMO SENTIRE A VOCE QUANDO VUOI.
    RICORDA, IO NON FINISCO MAI DI IMPARARE..... DOVREBBERO FARLO ANCHE GLI ALTRI.....
    Ultima modifica di Dott Nord Est; 03-07-2018 a 09:27

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  5. #65
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Ok, capisco... ti attacchi alle parole...

    Io non ho nulla da vendere, e come in qualsiasi settore tecnico/scientifico non critico norme e tabelle scritte dagli esperti, ma cerco di capirle ed applicarle.

    Per tornare in tema, io ritengo che un impianto a pellet, con tutte le scomodità innegabili che ne derivano (approvvigionamento pellet, caricamento caldaia, pulizia ecc) sia poco indicato per un uso "saltuario".

    Il pellet si usa principalmente per risparmiare, questo credo sia innegabile. Ci sono problemi noti e innegabili di emissioni locali e di scomodità di gestione.
    Per un uso saltuario credo sia INEVITABILE considerare attentamente l'opzione PdC, in questo caso aria-aria, opzione economica, senza problemi di gestione.
    Questo perchè credo a quanto dichiarano i produttori riguardo COP e prestazioni anche a temperature relativamente basse.

    Se provassimo a fare un calcolo, per definire in quanti anni con un uso saltuario si rientrerebbe dell'investimento iniziale aggiuntivo per caldaia e CALORIFERI?

    L'elettricità costa 0,2-0,3 €/kWh, il pellet quanto?

    Senza ulteriori dati... per scaldare 100mq in classe D (sto basso) ci vogliono circa 9000 kWh termici giusto?

    Facciamo la metà visto che la userebbe meno di 2 gg su 7, fa 4500 kWh.

    Circa 3000 kWh/anno da rete elettrica (ho ipotizzato COP minore di 2!) -> circa 900€/anno.

    Circa 5-6000 kWh/anno da pellet (rendimento caldaia e impianto), quanto costano? In quanti anni recupero i 6-7000€ aggiuntivi iniziali? (stimando 4000 di caldaia e 2-3000 tra impianto e caloriferi, ma sono numeri buttati li, mettete pure numeri più reali)
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  6. #66
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
    L'elettricità costa 0,2-0,3 €/kWh, il pellet quanto?
    semplicissimo
    in base a quello che compro io (e ho postato la fattura), il kW del pellet che compro costa 0.05 €
    quindi, i 6.000 kW che indichi costano 300 euro, facciamo 400 togliendo abbondantemente la resa

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  7. #67
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao riccardo urciuoli,

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
    Circa 3000 kWh/anno da rete elettrica (ho ipotizzato COP minore di 2!) -> circa 900€/anno.
    vorrei fare qualche precisazione sul tuo costo anno:
    in MGT, 3.000 kWh/anno per una 2a casa e 6 kw di prelievo, costano compreso i costi fissi e iva circa 850 euro (740 euro nel mercato libero), però bisogna togliere 350 euro di costi fissi per un contratto da 6 kW (si pagano comunque anche consumando 0 kWh ), quindi alla fine costa 500 euro in MGT o 390 euro nel mercato libero.
    Con questi ultimi dati bisogna fare il confronto con il pellet, ricordo anche che oggi un 6 kW costa circa 70 euro in più l'anno (iva compresa) rispetto ad un 3 kW con quei consumi

  8. #68
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    ok..era un conto buttato li...

    Un grosso vantaggio degli split, oltre la rapidità, è l'assenza di perdite in caldaia e di distribuzione.
    Credete sia ragionevole ipotizzare un COP pari a 2?

    SPLIT
    I 4500 kWh diventano 2300 circa, pari a circa 500-550€ di costi aggiuntivi in bolletta

    PELLET
    I 4500 kWh per il rendimento di caldaia e distribuzione diventano, direi, almeno 6000 kWh, pari a 3-400€ stando ai costi di Dott (che non so se sono facilmente ottenibili da un "piccolo" acquirente)

    Il risparmio quindi si aggira a circa 150€/anno, per recuperare l'investimento iniziale ce ne vogliono (trascurando interesse e altro) circa 6000/150= 40 anni.

    Con detrazioni dimezziamo? 20 anni solo per tornare in pari non mi sembrano molto ragionevoli...

    E' un calcolo buttato li senza pensarci troppo... se poi mi dite che caldaia + impianto costano molto meno di 6000€ si può rifare
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  9. #69
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
    I 4500 kWh per il rendimento di caldaia e distribuzione diventano, direi, almeno 6000 kWh, pari a 3-400€ stando ai costi di Dott (che non so se sono facilmente ottenibili da un "piccolo" acquirente)
    veramente io ho conteggiato sui 6000 netti
    se sono 4500, diventano 300 euro compresa la resa.....

    e senza tener conto del prezzo split della potenza necessaria
    e senza tener conto della produzione acs (che ci deve essere)
    e senza tener conto che in inverno la casa arriva fredda per il we
    ecc ecc


    si, come sempre dico, libertà di opinioni e scelte
    ogni persona con i propri soldi fa ciò che vuole.... come è giusto che sia.....

    P.S.: riccardo, come mai a casa tua continui ad usare il metano per scaldarti, quando potresti agevolmente usare gli split? mistero......

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  10. #70
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    vedi che svicoli sempre? Non devi stimare tu i rendimenti e inserirli in maniera poco chiara nel costo del pellet... nè chiedermi fatti personali che non c'entrano col 3d.

    Ma ti vengo incontro: io gli split non li uso perchè non li ho, per qualche settimana di caldo resisto... e comunque un conto è usare gli split al posto di una caldaia esistente, un altro istallare una caldaia che forse, e ribadisco forse, si potrebbe evitare del tutto.

    Se indichi un costo ragionevole per una caldaia + impianto senza ACS (credo sia ragionevole produrre l'ACS elettricamente, in ogni caso) possiamo rifare il conto pure con un delta di 550-300=250€/anno, sempre tempi biblici di rientro vengono fuori a mio avviso.
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  11. #71
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
    vedi che svicoli sempre? Non devi stimare tu i rendimenti e inserirli in maniera poco chiara nel costo del pellet...
    scusa eh, ma ci sei o ci fai?
    ho rispettato i kW che TU hai indicato.......
    deciditi: 4500 netti o 6000 lordi ?
    se sono 6000 lordi il pellet costa 300 euro (perchè la resa è già conteggiata sul tuo lordo), se sono 4500 netti il pellet costa sempre 300 euro (perchè altrimenti sarebbero 225 euro + la resa diventano 250/260, dicendo 300 ho pure esagerato con i costi...)..... (dicasi matematica)

    costo kW pellet: 0.05
    4500 kW x 0.05 = 225 euro + resa 80% = 270 euro circa
    6000 kW resa netta x 0.05 = 300 euro

    (indichi nel tuo conteggio una resa di caldaia del 65%...Oddio, sei fermo ancora al dopo guerra come tipologie di caldaie..... , ma te la passo, per farti contento...)

    all'utente non dico di installare caldaia o split, ma "consiglio" di valutare bene tutto, perchè poi i problemi rimangono a lui..... tutto qua.


    P.S.: chissà mai perchè ultimamente c'è la moda di consigliare agli altri quello che chi consiglia non ha..... E' come il venditore di FV che va dal cliente e questo chiede se il venditore lo ha installato pure lui; e il "povero" venditore risponde ..."NO".....
    Ultima modifica di Dott Nord Est; 03-07-2018 a 13:12

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  12. #72
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    beh forse usi termini a me poco noti, per "resa" potrei pensare a una resa del pellet, se invece ti riferisci al rendimento di impianto ok...
    Non è poco 60%, visto che considera TUTTO: rendimento al camino, perdite al mantello perdite di distribuzione ecc ecc. Sono numeri tipici, su abitazioni vecchie e centralizzate si ottiene anche di peggio.

    E un impianto del genere, usato solo parzialmente (a meno di non tirare i tubi nella parte non riscaldata, ma mi sembrerebbe una forzatura) e a intermittenza non credo andrebbe molto meglio.

    Comunque ok, prendiamo per buoni questi dati e massimizziamo: siamo arrivati a un risparmio di circa 250€/anno tra pellet e split.

    Quant'è l'investimento iniziale di caldaia + tubazioni + caloriferi, anche limitandosi ai "miei" 4-5 kW di caloriferi? (vi vengo incontro nuovamente).
    Per cortesia...rispondi a questa domanda..



    PS:
    Io non consiglio "quello che non ho"; non ho gli split perchè sono un talebano e non voglio contribuire a consumi energetici evitabili. Per ora riesco a sopportare 2-3 settimane di caldo intenso.
    E soprattutto ho dovuto cambiare caldaia in fretta qualche anno fa e non ho avuto tempo di valutare bene le PdC aria-acqua, ma costavano tanto (se ricordo bene 4-5000€) e non c'erano le nuove tariffe.

    Io sono nella condizione inversa, HO GIA' impianto e caloriferi, e passare agli split vorrebbe dire non usarli, e magari dover istallare canalizzazioni (o mettere uno split in ogni locale, cioè ben 5)
    Ma al prossimo cambio di caldaia li valuterò eccome... anche se sono in zona E e casa relativamente poco isolata (una classe D attualmente)

    Dici di valutare tutto, ma in una casa senza impianto scarti proprio la soluzione più semplice ed economica?
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  13. #73
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
    Dici di valutare tutto, ma in una casa senza impianto scarti proprio la soluzione più semplice ed economica?
    aggiungi altro dato: con cosa fai acs ? sia in estate che in inverno

    poi dimmi, di che potenza gli split e con che costo?

    se vuoi iniziare un confronto serio per le due possibilità, inizia tu con costi totali..... con la tua proposta (poi faccio io, che con i conti ho molta dimestichezza...credimi.....)

    iniziamo a dare qualche dato reale.....
    Ultima modifica di Dott Nord Est; 03-07-2018 a 16:11

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  14. #74
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    mai detto di essere in grado di dare i costi, ma gli split li metterà COMUNQUE... o vuoi proporgli il raffrescamento a pannelli?

    ACS con boiler, tradizionale o PdC in entrambi i casi, ovviamente puoi proporre in alternativa a split+boiler una caldaia a pellet che faccia ACS, con relativo costo
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  15. #75
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    non capisco....
    non sei in grado di dare dei costi, ma dici che la tua idea è migliore di altre? Senza costi reali è come dire nulla....

    almeno io ho detto che la mia idea è una "possibilità", eventualmente da valutare nei costi e nelle esigenze; non pretendo certo di dire che la mia E' LA MIGLIORE (cmnq può già partire da 3.500 + iva comprendente caldaia + puffer riscaldamento/acs + accessori, poi si deve conteggiare il restante. Se poi uno ha la fortuna di poter aderire al CT2.0, apriti cielo...... devi pensare a far spese da quanti soldi porti a casa rispetto al costo generatore.....)

    bah... allora resto in attesa di qualche dato e costo reale per impianto a split + acs, da chi preferisce questa soluzione su casa scaldata nei we
    Ultima modifica di Dott Nord Est; 03-07-2018 a 18:23

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  16. #76
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Primo post:
    Quote Originariamente inviata da erossinelli Visualizza il messaggio
    Ho completamente ristrutturato una casa indipendente del '700, 140 mq su 3 livelli, sita nelle colline Toscana a 380 m slm, zona climatica D. Gran parte dell'immobile (circa 2/3) è stato demolito e ricostruito da zero.
    Le temperature difficilmente scendono sotto -2/-3 °C d'inverno, mentre d'estate si superano i 30 °C ma comunque in ambiente ventilato.

    L'immobile verrà destinato a casa vacanze nel periodo maggio-settembre, mentre nei mesi più freddi vorrei sfruttarla per i weekend e brevi periodi di ferie (sfruttandone solo circa 100 mq dei 140 totali).

    Alla luce di queste esigenze, sto cercando il miglior metodo per riscaldare e produrre ACS, prediligendo la minimizzazione dei costi iniziali piuttosto che scegliere una soluzione più "lungimirante". Nel paese non arriva il gas metano.

    Escludendo a priori il GPL, sono orientato tra caldaia a pellet e pompa di calore aria-acqua, ma valuto anche soluzioni alternative.
    Quale tipologia di impianto mi suggerite? Quali sono i costi minimi che dovrò affrontare?

    Grazie
    Emanuele
    l'ipotesi mia e di altri, rileggendo i punti in grassetto, è di utilizzare gli split che comunque istallerebbe per il caldo estivo.
    Forse è una deduzione errata, ma mi sembra logico che uno cerchi il confort estivo se il clima è tendenzialmente caldo e non freddo.

    Quindi il suggerimento è di fare qualche valutazione col tecnico e poi provare con qualche split e un boiler. "costo nullo" perchè gli split li userebbe per il caldo!

    La tua alternativa prevede impianto e tubazioni, ovviamente sui 3 piani perchè non mi sembrerebbe sensato limitarsi solo ai locali usati in inverno.... e se poi cambia idea o ospita qualcuno?
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  17. #77
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio

    La tua alternativa prevede impianto e tubazioni, ovviamente sui 3 piani perchè non mi sembrerebbe sensato limitarsi solo ai locali usati in inverno.... e se poi cambia idea o ospita qualcuno?
    quindi pure gli split andrebbero sui tre piani.... con un sistema centralizzato di distribuzione + qualcosa per acs, giusto? ho capito bene ?
    ok...
    che tipo di split e di che potenza che facciano si il raffrescamento, ma che permettano anche di scaldare a spot (quindi partendo da casa fredda da giorni) nei we o altro in inverno.
    prova a mettere qualche dato... potenza...tipologia...costo..... (comprendendo pure il costo fisso per contatore elettrico sufficiente, cosa che non servirebbe con altre soluzioni, bastando i classici e minimi 3 kW essendo seconda casa)
    Qualcosa insomma......

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  18. #78
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Non so se vero................pero in fase di impiantistica mi hanno sempre chiesto max 10/12 metri di tubazione macchina esterna/split
    Il costo delle tubazioni è equivalente, in più devi aggiungere lo scarico condensa piu canalina e cavi elettrici e relativo lavoro,
    Parliamo chiaramente........................il costo dei "tubi" è simile, un Faral costa 10 euro a elemento, ne servono 30 per fare 5/6Kw, in pratica tutti i radiatori costano meno di uno split.....................
    Poi abbiamo la PDC................regalata
    Se parliamo di comodità, pulizia, e che comunque vanno installati e mancanza quasi totale di manutenzione e lavoro proprio, sono d'accordo per una Pdc
    Per il resto dovremmo giocarla a testa e croce

    SU Amazon si trova una Red compact24 a 2600 euro consegnata in tutta Italia, meno della metà di una Pdc di pari potenza
    Caldaia Atmos dc25s puffer 1000 litri"pochi" laddomat 21/60-78°, Abit: 660 mc, parete termica/antisismica in poroton800/30 + intercapedine +10cm, tetto in legno + coibente 8 cm + ventilazione, pavimento legno 90%
    Radiatori alluminio e acciaio temp media 21 gradi/24h, Controllo caldaia EcoMax200-D, Imp. Fv http://pvoutput.org/intraday.jsp?sid=5962

  19. #79
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    se fossi u n'utente normale, mi porrei anche qualche altra domanda......
    se metto il sistema a split, come faccio:

    - essendo tre piani, metto un'unità interna per piano ?
    - e se ne metto una per piano, come faccio a scaldare le stanze uniformemente?
    - devo mettere un'unità per stanza? (altrimenti non posso chiudere le porte...)
    - e i bagni, dove DEVE essere più caldo, metto una unità indipendente?
    - o se voglio usare il sistema a split devo adattarmi a un riscaldamento che di ottimale non ha nulla?

    magari se qualche seguace del riscaldamento a split di una seconda casa per i we mi vuole rispondere, sarei grato.... Grazie.

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    In questo filmato vedi chi sono:
    VIDEO ERREGI SAS

  20. #80
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Dott. ciao e buongiorno
    Nella Mia abitazione, chiaro che ormai è grande, in fase di progetto abbiamo predisposto il necessario per usare Pcd o split, o come li vuoi chiamare
    Spesa totale per tubazioni ed elettricista, escluso il mio lavoro da muratore circa 2000 euro
    Posizionati attacchi per 8 split, si uno per vano, in alcuni casi 2, per i bagni previsto collegamento per radiatore elettrico per avere quei 2 gradi in piu
    Necessarie 3 macchine esterne, per troppa distanza, di cui una alloggiata sul tetto per il piano alto
    All'epoca ho speso molto meno con impianto tradizionale, oggi forse uguale
    Il tutto non ancora completato in quanto non necessario
    Se vuoi un comfort accettabile spendi comunque bei soldini, i dettagli li scopri quando servono e non li hai.................................classico
    Caldaia Atmos dc25s puffer 1000 litri"pochi" laddomat 21/60-78°, Abit: 660 mc, parete termica/antisismica in poroton800/30 + intercapedine +10cm, tetto in legno + coibente 8 cm + ventilazione, pavimento legno 90%
    Radiatori alluminio e acciaio temp media 21 gradi/24h, Controllo caldaia EcoMax200-D, Imp. Fv http://pvoutput.org/intraday.jsp?sid=5962

  21. RAD
Pagina 4 di 5 primaprima 12345 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Risposte: 49
    Ultimo messaggio: 17-08-2018, 15:18
  2. Ristrutturazione villetta indipendente - consigli per impienti ed integrazioni di rinnovavili
    Da marco87mi nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 22
    Ultimo messaggio: 27-09-2015, 19:57
  3. collegare idrostufa a pellet a caldaia a gas oppure no??
    Da Remì nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 23-01-2015, 18:47
  4. Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 19-11-2013, 21:02
  5. Modificare la mia DCM standar, oppure passare a una nuova caldaia pellet/legna?
    Da DCM caldaia nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 17-09-2012, 11:43

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •