erregi energie alternative
Mi Piace! Mi Piace!:  1
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 12 su 12

Discussione: TEPOR Compatta Pellet 32kw... non scalda tutto quanto... metto puffer, cambio caldaia o cosa?

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito TEPOR Compatta Pellet 32kw... non scalda tutto quanto... metto puffer, cambio caldaia o cosa?



    Ciao a tutti. L'anno scorso ho seguito alcuni vostri consigli e sono riuscito a fare una stagione decorosa come temperature e consumi.
    Ho una "discutibile" caldaria TEPOR Compatta 32kw. Non avevo molto spazio ma ora sto rifacendo vano caldaia e mi sto ponendo due domande su cosa fare per scaldare bene tutta la casa.
    La casa è una casa da 75 mq per piano, non coibentata, di pietra e fango, 2 piani e un sottotetto.
    Quest'anno sono sopravvissuto a temperature costanti sotto -8° con punte di -18/-20... per essere Liguria direi abbastanza fredde.
    Il problema principale è che non riesco a scaldare tutti i caloriferi e anche quelli che apparentemente vanno per 1 o 2 giorni , poi smettono di andare.
    Premetto che ho già spurgato all'infinito tutto un sacco di volte
    Ho 2 vasi di espansione da 18 litri caricati a 1.5 .... A freddo la caldaia parte a 1.2bar ... in temperatura sta a 2.2/2.3 .... A 2.5 va in protezione . La temperatura l'ho configurata per varie prove a 65°, 70° e 75°.
    Caldaia Tepor compatta 32kw senza puffer.
    Ho già cambiato circolatore e ho messo un Wilo Star RS 25/7 che rispetto l'originale dovrebbe avere una portanza maggiore.

    1. Piano TERRA 3 caloriferi da 10 elementi alti 70 ... + 1 grande da 12 elementi alto 2 metri + 1 grande 18 elementi alto 80
      (qui si scaldano tutti i caloriferi... )
    2. PRIMO PIANO 1 calorifero da 10 elementi alto 80 + 2 caloriferi da 18 elementi x 70 + 1 scaldasalviette standarda da 1.2 metri
      (qui i più lontani (uno da 18 elementi e lo scaldasalviette) il primo giorno in cui è accesa la caldaia vanno ... poi si raffreddano... ... sia l'attacco della mandata che ritorno sono FREDDI.... se svito e faccio uscire 3 o 4 litri d'acqua si riprende... ma sempre per 6/8 ore e poi si raffreddano
    3. SECONDO PIANO 4 caloriferi da 12 elementi altezza 80 .... rimangono tiepidini quelli più vicini alla portante ... freddi gli altri.

    Ho provato anche a "bilanciare" un po' l'impianto... sicuramente non l'ho fatto al meglio e ci dovrò lavorare ancora ... ma appena sembra che vada una cosa, poi non ne va un altra
    ------ DOMANDE ----
    Devo riuscire a scaldare in maniera più uniforme e tutta la casa. La caldaia dopo 4/5 ore a potenza modesta si attesta a 1.... quindi al minimo ....
    1. perchè nonostante ci sia un sacco di caloriferi ancora freddini non li scalda?
    2. sicuramente devo creare una riduzione di CARICO/SCARICO nei piani inferiori per riuscire a scaldare meglio i piani superiori... mi confermate?
    3. Ma AGGIUNGERE UN PUFFER di 800/1000 litri mi aiuterebbe in tal senso?
    4. O è meglio cambiare direttamente caldaia?
    5. Anche se ho un circolatore interno alla caldaia (che se non dico cavolate è sul ritorno) , posso bypassarlo o aggiungerne uno esterno che sia in grado di spingere / tirare quello che necessito?
      Se metto un puffer devo ugualmente andare a installare un circolatore aggiuntivo?


    Datemi un vostro punto di vista

  2. #2
    Supporter EA

    User Info Menu

    Predefinito

    1. perchè nonostante ci sia un sacco di caloriferi ancora freddini non li scalda?
    1. molto probabilmente non è compensato giustamente

    2. sicuramente devo creare una riduzione di CARICO/SCARICO nei piani inferiori per riuscire a scaldare meglio i piani superiori... mi confermate?
    cioè?
    magari con uno schema si capisce meglio....

  3. Ma AGGIUNGERE UN PUFFER di 800/1000 litri mi aiuterebbe in tal senso?
un puffer aiuta sempre
ma se l'impianto è scompensato, il puffer non è una bacchetta magica....

  • O è meglio cambiare direttamente caldaia?
  • motivo?
    se poi vuoi andare su un generatore migliore, sai che puoi usufruire del conto termico

  • Anche se ho un circolatore interno alla caldaia (che se non dico cavolate è sul ritorno) , posso bypassarlo o aggiungerne uno esterno che sia in grado di spingere / tirare quello che necessito?
  • se vuoi aggiungere altro circolatore (senza puffer), serve un compensatore

    1. Se metto un puffer devo ugualmente andare a installare un circolatore aggiuntivo?
    si

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    Guarda: OFFERTA DELLA SETTIMANA
    Rispondi quotando Rispondi quotando

  • #3
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Sono riuscito a trovare un tecnico che venisse in cima alla montagna. :-)

    benissimo anche lui ha constatato che la caldaia non ce la fa e mi ha suggerito di fare bene il vano caldaia e aggiungere un puffer. Almeno 30l/kw.

    Rispetto ad altre caldaie mi ha detto che questa compatta, avendo solo 8/10 litri di acqua da scaldare, non ce la fa. E quando è accesa il ritorno di alcuni caloriferi non permettono di scaldare quelli piu lontani

    Ipotizzando di mettere un 800litri o 1000. Ma ho realmente un vantaggio a dover scaldare 800/1000 litri invece dei 200/300 che saranno realmente in circolo in casa?

    Perche quest'anno anche tenendo accesa la caldaia h24 e avendo messo le termovalvole ad alcuni caloriferi, la caldaia stava a potenza minima 1 e alcuni caloriferi erano freddi?

    consigliate di mettere un puffer solo volano termico anche con la serpentina elettrica?

    mi ha anche detto che avendo il puffer potrei abbinare una caldaia a legna e avere dal puffer all'impiando una pompa molto piu grande.

    Dr mi confermi?

  • #4
    Supporter EA

    User Info Menu

    Predefinito

    benissimo anche lui ha constatato che la caldaia non ce la fa e mi ha suggerito di fare bene il vano caldaia e aggiungere un puffer
    è quello che ti dicevo dall'inizio....



    Ipotizzando di mettere un 800litri o 1000. Ma ho realmente un vantaggio a dover scaldare 800/1000 litri invece dei 200/300 che saranno realmente in circolo in casa?
    errore classico di molti: tu non devi scaldare 1.000 lt ogni volta.... una volta scaldati il primo gg di accensione, poi il puffer si trasforma in volano termico


    Perche quest'anno anche tenendo accesa la caldaia h24 e avendo messo le termovalvole ad alcuni caloriferi, la caldaia stava a potenza minima 1 e alcuni caloriferi erano freddi?
    è da vedere se per colpa del rilancio non sufficiente, o per anticondensa, o per altro....




    consigliate di mettere un puffer solo volano termico anche con la serpentina elettrica?
    per far cosa la resistenza ???


    mi ha anche detto che avendo il puffer potrei abbinare una caldaia a legna e avere dal puffer all'impiando una pompa molto piu grande.
    se vuoi abbinare caldaia a legna, serve ben altro dimensionamento del puffer e del sistema...


    Dr mi confermi?
    leggi sopra

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    Guarda: OFFERTA DELLA SETTIMANA

  • #5
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao raffaeleo,

    Quote Originariamente inviata da raffaeleo Visualizza il messaggio

    Ho già cambiato circolatore e ho messo un Wilo Star RS 25/7 che rispetto l'originale dovrebbe avere una portanza maggiore.

    1. Piano TERRA 3 caloriferi da 10 elementi alti 70 ... + 1 grande da 12 elementi alto 2 metri + 1 grande 18 elementi alto 80
      (qui si scaldano tutti i caloriferi... )
    2. PRIMO PIANO 1 calorifero da 10 elementi alto 80 + 2 caloriferi da 18 elementi x 70 + 1 scaldasalviette standarda da 1.2 metri
      (qui i più lontani (uno da 18 elementi e lo scaldasalviette) il primo giorno in cui è accesa la caldaia vanno ... poi si raffreddano... ... sia l'attacco della mandata che ritorno sono FREDDI.... se svito e faccio uscire 3 o 4 litri d'acqua si riprende... ma sempre per 6/8 ore e poi si raffreddano
    3. SECONDO PIANO 4 caloriferi da 12 elementi altezza 80 .... rimangono tiepidini quelli più vicini alla portante ... freddi gli altri.
    mai hai un solo circolatore che serve tutti e 3 i piani ? A che velocità è impostato ?

  • #6
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Devi collegare la caldaia all' impianto con questo schema :

    1- un anello caldaia ---vac-- circolatore caldaia
    2- un anello collettore (uscita caldaia) --- miscelatrice termostatica regolabile 45-65 gradi---- circolatore ---- termosifoni

    In questo modo setti la caldaia a 75-80 gradi, anticondensa a 65°, mentre sui termosifoni fai arrivare acqua a 50-55 gradi.....
    Immagini Allegate Immagini Allegate

  • #7
    Supporter EA

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da scresan Visualizza il messaggio
    Devi collegare la caldaia all' impianto con questo schema :

    1- un anello caldaia ---vac-- circolatore caldaia
    attenzione, quello schema è sbagliato
    mancando un compensatore (o un puffer che ne svolge la funzione), i due circolatori, quello lato caldaia e quello lato riscaldamento vanno in contrasto.
    Bisogna quindi inserire, se si vuole usare così senza puffer, un compensatore (quello in schema invece è un semplice collettore, che nulla serve a tal scopo)

    Altro piccolo errore è far lavorare il circolatore lato riscaldamento sul ritorno. Questo si fa quando si ha un'anticondensa (vedasi lato caldaia), ma quando si lavora su miscelatrice lato riscaldamento, il circolatore deve lavorare in tiraggio sulla valvola stessa.

    Ragazzi, attenti a postare schemi errati.... poi se qualcuno li segue, ha problemi.

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    Guarda: OFFERTA DELLA SETTIMANA

  • #8
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    ... si è stato tagliato il bypass sul collettore nell' estrapolare l' immagine.

    E' una soluzione diversa da:

    1- solito puffer, che ovviamente riesce a far funzionare anche la caldaia di una locomotiva se utilizzata in un miniappartamento
    2- caldaia collegata in diretta sull' impianto termosifoni, magari con in mezzo anche una specie di anticondensa a 50-55 gradi e un solo circolatore.

    Insomma una soluzione vecchia come il cucco (un tempo utilizzata sulle caldaia a gasolio) funzionale, ed economica, soprattutto con caldaie sovradimensionate e modulanti come quelle a pellet.

    Resta sempre un ottimo consiglio quello di "equilibrare" l' impianto, utilizzando i detentori bassi dei termosifoni (sono appunto valvole che regolano la portata del singolo termosifone)

    1- setti il circolatore termosifoni su 2 velocità
    2- chiudi tutti i detentori dei termosifoni e apri (sviti) di 2 giri e mezzo
    3- accendi impianto riscaldamento (dopo modifiche suggerite sopra!!)
    4- verifichi come si riscaldano i termosifoni nelle varie stanze (di solito i piu' lontani dal collettore necessitano di aprire di mezzo giro/1, mentre i piu' vicini vanno chiusi di mezzo giuro o piu') facendo attenzione che si riscaldino allo stesso modo (il calore parte in alto e man mano, in 10-20 minuti arriva al fondo del termosifone)

    ...... fatto!!

  • #9
    Supporter EA

    User Info Menu

    Predefinito

    ok, IMPORTANTE PRECISARE che serve un compensatore..... non un collettore....
    sono due cose completamente diverse

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    Guarda: OFFERTA DELLA SETTIMANA

  • #10
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Altrettanto importante è dare possibili soluzioni, senza fossilizzarsi sui particolari, che comunque saranno gestiti dall' idraulico incaricato del lavoro.

  • #11
    Supporter EA

    User Info Menu

    Predefinito

    se l'idraulico fosse stato in grado di risolvere, non penso che l'utente avrebbe chiesto qui.....
    non si tratta di "fossilizzarsi" come dici tu, ma di dare giusti consigli per evitare guai una volta fatta la modifica....
    sono i particolari che fanno un'insieme.... e se tra questi particolari c'è un errore, l'insieme diventa sbagliato e problematico. Purtroppo o per fortuna è così.

    quindi, da parte mia il consiglio è valvole termostatiche e impianto giusto (senza puffer, da valutare se serve una seconda pompa e un compensatore)
    come chiesto dall'utente poi, un puffer non guasta MAI con la biomassa, anzi.......

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    erregisas.org

    Guarda: OFFERTA DELLA SETTIMANA

  • #12
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    un " impianto giusto" è anche per me un' ottima soluzione!

  • Registrati o fai il Login per eliminare la pubblicità!
    RAD
  • Discussioni simili

    1. Gruppo di continuità per caldaia a pellet Fröling 32KW
      Da ervis70 nel forum Termocamini e Caldaie
      Risposte: 9
      Ultimo messaggio: 25-03-2018, 16:33
    2. dovrò cambiare caldaia, cosa metto?
      Da livio77 nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 07-08-2014, 07:34
    3. dovrò cambiare caldaia, cosa metto?
      Da spider61 nel forum In Casa
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 06-08-2014, 15:14
    4. Risposte: 37
      Ultimo messaggio: 10-10-2013, 22:55
    5. Caldaia a pellet...Quanto è utile un puffer?
      Da Makkay nel forum Termocamini e Caldaie
      Risposte: 20
      Ultimo messaggio: 18-12-2009, 14:58

    Tag per questa discussione

    Permessi di invio

    • Non puoi inserire discussioni
    • Non puoi inserire repliche
    • Non puoi inserire allegati
    • Non puoi modificare i tuoi messaggi
    •