erregi energie alternative
Mi Piace! Mi Piace!:  11
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 3 di 6 primaprima 123456 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 41 a 60 su 106

Discussione: Nuovo impianto a Biomassa.

  1. #41
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Max ci sono varie soluzioni che possono risolvere i tuoi problemi senza andare a realizzare soluzioni al limite dell'indecenza che solo un profano può consigliare. Il puffer con la resistenza è improponibile dal punto di vista economico. Ho avuto giusto una riunione di cantiere per un edificio dove il riscaldmaneto è previsto con pdc e nel bagno non hanno previsto nenache lo scaldasalviette elettrico per i costi!!
    Se hai lo spazio nella cadaia puoi montare le due caldaie pellet e legna e suddividi con un semplice cartongesso l'ambiente (costa di meno diu qualsiasi ipertecnologica austriaca) oppure acquista la caldaia a legna e contemporaneamente una pdc per sopperire ai giorni di assenza.

  2. #42
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Max_Power
    certo che c'è la possibilità
    c'è sempre una possibilità, importante è conoscerla e capire se serve alle proprie esigenze
    poi, non è detto che una cosa sia sempre razionale. Ho svariati clienti che montano combinate anche se non gli servono, ma le vogliono lo stesso.....
    Ad esempio a qualcuno sfugge che una resistenza elettrica nel puffer non si monta per scaldare casa....... ma per latri motivi (appunto, antigelo, precedenza acs, ecc ecc)
    Due caldaie devi separarle con parete REI, non "semplice cartongesso".... Attenzione, il conduttore (proprietario) è sempre responsabile dell'impianto e paga le sanzioni.
    Veramente interessanti tutte le "disinformazioni" che si leggono in un forum (non so se per qualche scopo, o solamente per ignoranza della materia)

    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED , per il tuo riscaldamento
    Sito internet e contatto: www.erregisas.org / 348-8581140


  3. #43
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Per la combinata io terrei solo l’opportunità di poterla fare ma non partirei con quella.
    per la PDC mi sarebbe piaciuto andare solo con quella ma ho paura che con i consumi che ho mi troverei s dover avere un mostro pi√Ļ che una pdc con rivoluzione dell‚Äôimpianto elettrico ecc quindi non percorribile.
    per i 2 generatori non so pensare di fare in altra canna fumaria e pagare e manutenere 2 generatori faccio fatica a credere che costi come una adeguata alle mie esigenze ma magari mi sbaglio per questo chiedevo degli esempi pratici, in fondo sono anche qui per imparare e documentarmi.

  4. #44
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Max mi permetto di rinnovarti il consiglio. In primo luogo devi avere ben chiare le tue esigenze. In secondo luogo guarda le varie soluzioni proposte dal mercato, valutale sia dal punto di vista costi iniziali e costi di mantenimento. Solo quando avrai le idee chiare anche sul secondo punto inizia a guardare i vari produttori. Prediligendo se pèossibile il made italy, perchè occorre ricordare che la tecnologia italiana è sempre stata il nostro fiore all'occhiello, nonostante qualche italiano, esterofilo per personale convenienza, continui a denigrare i prodotti italiani.

  5. #45
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Per la combinata io terrei solo l’opportunità di poterla fare ma non partirei con quella.
    ci sono caldaie a legna che sono già predisposte per un futuro abbinamento a pellet


    per i 2 generatori non so pensare di fare in altra canna fumaria
    se sono due caldaie separate, servono due canne fumarie separate

    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED , per il tuo riscaldamento
    Sito internet e contatto: www.erregisas.org / 348-8581140


  6. #46
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ho gi√† scritto pi√Ļ di una volta che adoro il Made in Italy, ho un auto italiana e vesto italiano mangio prodotti locali quindi sono molto attento in questo campo ma bisogna essere obbiettivi dicendo che poche realt√† italiane di questo settore possono essere paragonabili per soluzioni a quelle austriache. Per quello ho scritto pi√Ļ volte che se sinootesse avere esempi concreti sarei interessato s conoscerli.

  7. #47
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Max , fossi in te contatterei direttamente i produttori . Sono disponibili a dare consigli disinteressati, l'importante è che tu spieghi le tue esigenze

  8. #48
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quali produttori?

  9. #49
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Visto che nessuno risponde ai quesiti sopra posti vene chiedo uno ulteriore ,mi stanno arrivando varie proposte da vari marchi per la fornitura del materiale e ovviamente ognuno ha le sue "teorie" o linee guida per l'assemblaggio dei componenti dell'impianto.

    Le proposte sono circa queste:

    1) Caldaia a biomassa 30kw pi√Ļ 2 puffer a stratificazione pi√Ļ uno doppio serpentino (solare e caldaia) da 1000 lt l'uno montati in serie (quindi in totale 3 da 1000 lt), e per la produzione di ACS uno scambiatore a piastre esterno.

    2) Caldaia a biomassa 30kw pi√Ļ 2 puffer da 1500 lt in serie e boiler ACS da 300 lt con integrazione solare.

    3) Caldaia a biomassa pi√Ļ 1 puffer da 1500 lt e uno da 1000 Lt doppio serpentino (solare e caldaia) e scambiatore a piastre esterno per la produzione di ACS

    4) Caldaia a biomassa 30kw pi√Ļ un puffer da 1500 lt e uno da 1000 lt doppio serpentino e PIT per la produzione di ACS

    Ora voi quale pensate sia la soluzione migliore? O con il miglior rapporto qualità prezzo?
    Per quanto riguarda l'integrazione solare facevo questo ragionamento e ditemi se √® giusto: alcuni dicono che scaldare molta acqua serviranno pi√Ļ pannelli ma io ragionavo sul fatto che non si parte con l'acqua fredda ma con l'acqua gi√† in temperatura quindi i pannelli devono integrare solo le dispersioni e i prelievi (ACS per scambio che sia PIT o piastre) quindi √® davvero una discriminante avere un puffer da 1000 lt contro un bollitore da 300? e a questo punto non conviene averlo da 1500 cos√¨ da avere il rapporto 100 lt/kw.

  10. #50
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Max è dura rispondere ai tuoi quesiti.
    Di norma il produttore della caldaia indica e consiglia la capacità del puffer , dipende dalle caratteristiche della caldaia.
    Per farti un esempio concreto io ho contattato due marche austriache e a parità di potenza, mi consigliavano due puffere di differente capacità.
    Come avrai letto, sabato sono andato a vedere una caldaia a legna (in casa di un utente) che non ha bisogno di alcun puffer . Ha a bordo un puffer di 500\700 litri dipende dalla potenza ed è sufficiente per il funzionamento.. In particolare i pannelli solari sono "girati" direttamenet nella caldaia e l'acqua calda viene fornita direttamente tramite serpentino.
    Segui alla lettera i consigli della ditta che produce la caldaia che hai deciso di acquistare, spiegando ovviamnete le tue esigenze.
    Per esempio nel mio caso , acquisterò la caldaia a legna , ma sono già possessore di puffer da 300 litri collegato ai panneli solari e alla caldaia attuale a pellet. La ditta produttrice mi ha consigliato di mantenere l'impianto per ACS esistente. Un fattore importante è anche la serietà dei rivenditori o dei produttori . Purtroppo ce ne sono alcuni non sono proprio "diciamo all'altezza", per non dire altro.

  11. #51
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    La conosco la caldaia di cui parli ma come ti ho anticipato prima nella discussione loro non fanno assistenza nella mia zona e quindi di fatto mi hanno sconsigliato l'acquisto loro stessi.
    In tutte le caldaie visionate per un 30 kw consigliano MINIMO un 2000 lt.
    Io devo fare l'impianto nuovo, ho solo i termo già installati con i tubi che arrivano in caldaia perché prima essendo a gasolio faceva tutto la caldaia riscaldamento e ACS.

  12. #52
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Scusa Max , la mia risposta non era per consigliarti una caldaia, ma che sei obbligato a montare la dimensione del puffer che prevedono. Quindi se ti consigliano minimo 2000 litri , l'unica variante √® montarne due da mille anzich√® uno da 2000. Nulla pi√Ļ.

  13. #53
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Max_Power Visualizza il messaggio

    4) Caldaia a biomassa 30kw pi√Ļ un puffer da 1500 lt e uno da 1000 lt doppio serpentino e PIT per la produzione di ACS
    questo mi salta subito all'occhio.....
    prova a chiedere a chi te lo ha consigliato queste due ipotesi:

    1- due puffer carichi, riscaldamento spento, utilizzo acs dal 1.000 lt e lo scarico, il calore del 1.500 come lo trasferisco nel 1.000 ?
    un modo c'è, ma mi aumenta i componenti quando posso farne a meno.....

    2- caldaia spenta, puffer carichi, riscaldamento acceso
    piano piano il 1500 si scarica, poi inizia a scaricarsi il 1000
    dovendo dare precedenza all'acs che si produce tramite una serpentina verticale, cosa succede ?

    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED , per il tuo riscaldamento
    Sito internet e contatto: www.erregisas.org / 348-8581140


  14. #54
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Max_Power Visualizza il messaggio
    Ora voi quale pensate sia la soluzione migliore? O con il miglior rapporto qualità prezzo?
    Per quanto riguarda l'integrazione solare facevo questo ragionamento e ditemi se √® giusto: alcuni dicono che scaldare molta acqua serviranno pi√Ļ pannelli ma io ragionavo sul fatto che non si parte con l'acqua fredda ma con l'acqua gi√† in temperatura quindi i pannelli devono integrare solo le dispersioni e i prelievi (ACS per scambio che sia PIT o piastre) quindi √® davvero una discriminante avere un puffer da 1000 lt contro un bollitore da 300? e a questo punto non conviene averlo da 1500 cos√¨ da avere il rapporto 100 lt/kw.
    Scusami per dare una risposta senza come al solito entrare nelle consuete discussioni sul sesso degli angeli , chiaramente devi valutare in primo luogo quanto costa la caldaia che hai deciso di acquistare (per le tue esigenze e non per avere una caldaia da andare sugli altri pianeti ) dopodichè devi aggiungere gli accessori che ti richiedono.
    Va da se che, a parte il costo della caldaia iniziale, un puffer solo costa di meno che tre puffer e quindi chi ti ha consigliato la prima soluzione viene costosa e oltretutto ingombrante

  15. #55
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    dipende sempre dallo spazio che si ha a disposizione
    a volte le soluzioni (anzi, direi dovrebbe essere sempre) sono fatte su misura

    esempio di tre puffer installati in una cantina con soffitto a volta in cui non si poteva fare diversamente

    IMG-20180108-WA0006.jpg

    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED , per il tuo riscaldamento
    Sito internet e contatto: www.erregisas.org / 348-8581140


  16. #56
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    1- due puffer carichi, riscaldamento spento, utilizzo acs dal 1.000 lt e lo scarico, il calore del 1.500 come lo trasferisco nel 1.000 ?
    un modo c'è, ma mi aumenta i componenti quando posso farne a meno....

    2- caldaia spenta, puffer carichi, riscaldamento acceso
    piano piano il 1500 si scarica, poi inizia a scaricarsi il 1000
    dovendo dare precedenza all'acs che si produce tramite una serpentina verticale, cosa succede ?
    Ti faccio due ulteriori quesiti sulle tue domande:
    Alla numero 1: ma non ho lo stesso problema con il lo scambiatore a piastre? se no mi puoi spiegare il perché?

    Alla numero 2: nel forum c'√® una discussione interessante sul PIT vs Scambiatore a Piastre e chiarisce vari aspetti il PIT scalda comunque l'acqua anche con il puffer non completamente carico perch√® comunque l'acqua che arriva dal basso (acquedotto) √® pi√Ļ fredda di quella in all'interno e comincia a scambiare gi√† da subito inoltre nella parte bassa, dicevano che solitamente il tubo ha maggiore superficie di scambio proprio per ovviare a tale inconveniente, questo sistema ha a favore il fatto che per fare ACS viene usata solo la pressione dell'acquedotto mentre nella piastra esterna anche per un minimo prelievo parte un circolatore.
    Nel tread collegamento definitivo di 2 puffer c'è questo schema sotto ma anche io non mi spiego come quando utilizzo solo ACS dal secondo puffer riesca a tornare nel primo l'acqua calda (al di la del ripristino del solare che a questo punto penso sia necessario)

    Schema VER 3 .jpg

  17. #57
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Gianfranco59 Visualizza il messaggio
    , un puffer solo costa di meno che tre puffer e quindi chi ti ha consigliato la prima soluzione viene costosa e oltretutto ingombrante
    Non ne posso mettere solo 1 ho un locale tecnico con un altezza (2,30 mt) e una porta di accesso (larghezza 1,2) che non permettono puffer troppo grandi quindi 2 è il minimo, chi ne ha consigliati 3 penso l'abbia fatto per avere 100 lt kw e in base alle esigenze di riscaldamento e il dimensionamento della caldaia dato.

    Dipende dai produttori ma a parte fare cose su misura al massimo ci sta quello dal 2000 lt che da solo sarebbe il minimo consigliato e avendo una caldaia un po' sovradimensionata non va bene per le mie esigenze.

  18. #58
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Pero' dovresti avere letto i numeri dei due. Mi pare che possiamo dialettare quanto vogliamo, ma non c'e' proprio storia.

  19. #59
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Certo Fedonis sono d'accordo con te per quanto riguarda l'altra discussione per quello che √® emerso fino ad ora, poi leggeremo gli sviluppi, ma va anche valutato caso per caso, esempio nel mio (2 bagni) se valutiamo solo la differenza di costo quanto mi costa un puffer doppio serpentino + scambiatore esterno contro un puffer doppio serpentino + PIT? ora al di la delle questioni di cui sopra, sperando di capircene di pi√Ļ la differenza di costo sar√† giustificata dalla maggiore prestazione di uno rispetto all'altro?

  20. #60
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Li' abbiamo poco da sviluppare, i numeri sono numeri. Possono variare qualche cosa da produttore a produttore, ma non possiamo far finta che siano uguali. Io ho tre bagni, sono serviti da un Idm a piastre da 500 tenuto a 47 gradi. Se devi mettere due pit, meglio un IDM (austriaco) da 2000 a scambiatore, anche perche' alla fine, parliamo di quale differenza? Inoltre li producono anche Tml e Cordivari (italianissimi), se vuoi rimanere sul nazionale, ci mancherebbe. Ma alla fine, saremo li come prezzo.

  21. RAD
Pagina 3 di 6 primaprima 123456 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Schema idraulico nuovo impianto a biomassa
    Da AjPilgrin nel forum BIOMASSE
    Risposte: 112
    Ultimo messaggio: 29-10-2018, 18:22
  2. Biomassa consigli , su nuovo impianto
    Da tomazja nel forum BIOMASSE
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 06-04-2018, 23:20
  3. Nuovo impianto a biomassa per casolare
    Da OFFIS75 nel forum BIOMASSE
    Risposte: 28
    Ultimo messaggio: 26-09-2015, 07:11
  4. ristrutturazione: nuovo impianto biomassa
    Da appassionato1969 nel forum BIOMASSE
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 27-09-2013, 09:40
  5. Nuovo impianto a biomassa pareri
    Da Holdy nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 01-12-2009, 16:33

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •