erregi energie alternative
Mi Piace! Mi Piace!:  2
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 2 di 2 primaprima 12
Visualizzazione dei risultati da 21 a 39 su 39

Discussione: Caldaia a pellet (Laminox termoboiler) e riscaldamento a pavimento "CHE PASSIONE"

  1. #21
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito



    emmm emmm....... faresti bene a non fidarti....visto gli attuali risultati.....

    un cat conosce la caldaia (e qui mi sorge pure un dubbio, non sapendo che una caldaia così non si poteva montare sul tuo impianto), non certo tutto il resto........

    cmnq questa è la dimostrazione che una caldaia a biomassa, con un puffer da 100 lt, in questo caso non funziona assolutamente.....
    in barba alla Laminox che "promuove" il suo prodotto come il miracolo dell'anno che risolve qualsiasi problema di riscaldamento, e che va bene anche per gli installatori che non sanno lavorare (e questi sono i risultati).....
    forse sarà anche un miracolo, ma per chi la vende e spaccia per miracoli la fuffa..... eheheheheheheehe
    scusate, ma mi è venuto spontaneo dirlo, dopo aver letto una discussione ( Caldaie pellet Laminox pregi e difetti ) in cui si "magnificava" questa caldaia con centinaia ti post......

    per fortuna l'utente Andreang89 ha capito benissimo dove stanno i problemi, spero facciano altrettanto installatore e tecnico.
    Attendiamo con ansia l'esito della vicenda....

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED
    Sito internet e contatto: www.erregisas.org / 348-8581140


  2. #22
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    La gestione ottimale di un riscaldamento a pavimento è quella in "climatica", ovvero funzionamento continuo (circolazione acqua continua nel pavimento) e modifica della T acqua a seconda della T esterna rilevata da una sonda, attraverso una centralina elettronica e relativa miscelatrice motorizzata.

    Per com'è congegnato il tuo impianto, invece, il funzionamento del radiante nasce on-off.

    Funzionerebbe male anche con una caldaia a metano!

    Puoi "attenuare" il problema cercando di limitare la T dell' acqua del radiante in modo che di fatto le varie valvole di zona non riescano a chiudere ( aumenti di 2 gradi la T dei termostati ambiente) in modo che ci sia richiesta di calore per piu' ore possibili.

    Il punto di arrivo sono i 21-22 gradi in casa.

    Lato caldaia prova a limitare la potenza massima al secondo step, e quella minima riducila tanto da mantenere accesa la fiamma ..... se ci riesci.

    In questo periodo (inverno) non dovrebbe essere difficile da fare. Nelle mezze stagioni puoi gestire tramite cronotermostati di zona, impostando 3-4 ore di on ed il resto off.

    Mi resta il dubbio che, a parte la miscelatrice, quei tubi che vedo in foto, siano sufficienti a garantire la giusta portata al radiante.

    Per quanto riguarda l' acs, mi pare che 20 kg di pellet a settimana siano davvero pochi!

  3. #23
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    curiosità.....
    se la caldaia consente un minimo di 5.6 kw (come da scheda), nei momenti in cui l'impianto richiede molto meno (su 115 mt radiante, h24, capita molto spesso), cosa succede?

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED
    Sito internet e contatto: www.erregisas.org / 348-8581140


  4. #24
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Nel caso in oggetto, con radiante gestito a zone con cronotermostati si lavora a "periodi" ovvero nr di ore continue di accensione del radiante (penso a 2-3 al mattino) e 3-4 alla sera. (nelle mezze stagioni).

    Il massello del radiante fa da accumulo.

    In questo modo si riducono le ore di funzionamento/gg della caldaia e si aumenta la potenza necessaria in quelle ore, limitando gli on-off.

    Per equilibrare le zone (zone troppo fredde della casa) si lavora sui flussostati del radiante, aumentando il flusso su quelle piu' fredde, riducendolo su quelle piu' calde.

  5. #25
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    ah capito....
    quindi tu consigli di far lavorare il radiante ad ore invece di correggere l'impianto caldaia sbagliato....
    capito....

    e dimmi, altra cosa: la gestione del radiante ad ore, la lascio invariata o devo giorno per giorno variarla in rapporto alla T° esterna? altrimenti.... come faccio a gestire la T° interna se il radiante funziona a ore, e non in base alla T° interna o a una climatica ?

    hummm.... sono molto curioso.....

    (scresan, avrai capito l'ironia delle mie domande..... ma lasciamelo dire....... non puoi dire certe cose per giustificare l'impossibile, eddai...... Poi, come sempre dico, libertà di opinioni eh, sia chiaro . Per risolvere alla grande basta abbinare un puffer dimensionato e se possibile, la gestione climatica )

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED
    Sito internet e contatto: www.erregisas.org / 348-8581140


  6. #26
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    ... con i crono-termostati di zona.

    Che l' impianto sia mal dimensionato è un fatto.

    L' utente vuole finire l' anno prima di intervenire. Gli consigliamo di cambiare casa fino ad allora?

    Personalmente piuttosto che continuare a spende nell' impianto a pellet , aderirei al conto termico sostituendo la caldaia con una pdc, chiaramente diretta sul radiante, e sfrutterei la climatica integrata.

    Sarebbe da verificare se aderendo al conto termico per la pdc, possa vendere la caldaia a pellet, o debba rottamarla.
    Sono poco aggiornato!

    Per il futuro cercheremo di dargli i migliori suggerimenti, per ora un semplice aiuto.

  7. #27
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ringrazio entrambi per i consigli.. al momento ho eseguito le regolazioni riportate sopra.. o meglio... ho solo regolato la Potenza al minimo ,la miscelatrice a 30 °C e i termostati a 20°C... vediamo se ci saranno dei miglioramenti..

    Per quanto riguarda la modifica all'impianto, ho richiamato l'istallatore originario e dovrei vederlo agli inizi della prossima settimana.. vediamo che propone..

    Per quanto riguarda pdc e conto termico devo informarmi, non l'ho mai preso in considerazione, anche perché essendo la caldaia nuova,devo valutare bene se conviene migliorare l'esistente o sostituire..

  8. #28
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno, uso questo post per non aprirne un altro, anche io ho una termoboiler 24 solar, 160mq di casa in prov di latina. Io non ho mai avuto problema di acs fredda da quando l ho montata, come lamentano in molti, anzi con la miscelatrice della caldaia messa al minimo l acqua esce comunque bollente.. Ho solo per problema penso di consumi, tenendola acceso il riscaldamento dalle 13 alle 22 piu o meno ho un consumo di 2 quasi 3sacchetti di pellet.. Mi sembra un po eccessivo, voi che dite?

    Grazie anticipatamente

  9. #29
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    panni86, appunto hai un consumo esagerato per 160 m2 anche mal isolati in prov. di LT
    come ho più e più volte ripetuto ed esposto, quella caldaia con quel sistema produce infiniti on/off di funzionamento, che sono deleteri per i consumi e per la longevità dell'accensione e della caldaia stessa

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED
    Sito internet e contatto: www.erregisas.org / 348-8581140


  10. #30
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie della celere risposta.. Questo a quanto vedo è assodato da i piu post presenti in rete che ahimè non avevo mai visto prima, anzi me ne hanno sempre parlato come caldaia top.. Comunque ormai la ho e devo tenerla almeno per ora non posso sostenere un altra spesa per un altra caldaia... Per migliorare il tutto, a quanto leggo, dovrei abbassare la potenza al minimo e abbinarci un altro accumulo e magari pure un solare (predisposto ma ancora nn presente) giusto?

  11. #31
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    caldaie TOP sono ben altra cosa.....
    abbinando un puffer dimensionato alle esigenze, diminuisci le accensioni e quindi i consumi
    assieme al puffer, magari, anche il resto (mix, termostatiche, ecc ecc)
    dipende sempre che tipo di impianto vuoi fare: rattoppare o sistemare veramente.

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED
    Sito internet e contatto: www.erregisas.org / 348-8581140


  12. #32
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Vorrei sistemare per bene tenendo però la caldaia come dicevo prima..

  13. #33
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Aggiornamento.

    Da giovedì sera ho eseguito le seguenti impostazioni:

    - Impostata potenza minima possibile da pannello "1"
    - Impostati i termostati a 20°C
    - Circolatore a circa 32 °C

    Condizione generale di giovedì sera: 13.5°C circa in tutte le stanze, (la caldaia era spenta perchè ero via tutta la settimana precedente e non l'avevo ancora riaccesa).

    Risultato ad oggi:

    - Temperatura esterna da 5 a 10 °C
    - Temperatura in casa 17.5 °C di media, alcune stanze sono più fredde altre più calde ( da 16.5 a 18.5°C) ma quello credo che sia colpa dei flussimetri, che da un giorno all'altro stò cercando di regolare al meglio.
    - ON / OFF della caldaia eliminati (almeno per il momento, in quanto la casa non è ancora in temperatura)
    - Mandata a 30 / 32 °C e ritorno a 22 °C
    - ON / OFF delle stanze, apparte i due bagni, ancora niente, in quanto non è stata raggiunta la temperatura impostata sul termostato.
    - ACS nessun problema, quando qualcuno si fa la doccia, la caldaia si imposta automaticamente al massimo della potenza e l'acqua arriva alla temperatura corretta senza problemi, per poi rimettersi alla potenza "1" quando non c'è richiesta.
    - Temperatura media dell'acqua in caldaia 55°C, non sale oltre, a meno che non venga richiesta ACS ed allora alla massima potenza si riporta a 65 / 70°C.
    - Consumo di pellet circa 2 sacchi, ma verifico meglio domani in quanto non ho eseguito io il carico.

    Sembra che stia "arrancando" per arrivare alla temperatura impostata (ad ora circa 1.5gg di accensione), e ancora la casa non è in T... ma forse è solo una mia impressione, dato che prima, alla massima potenza, nel giro di un giorno massimo era tutto alla T impostata.

    Per il momento è tutto.. attendo il tecnico settimana prossima e nel frattempo tengo monitorata la situazione!

  14. #34
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Andreng89 Visualizza il messaggio
    Sembra che stia "arrancando" per arrivare alla temperatura impostata (ad ora circa 1.5gg di accensione), e ancora la casa non è in T... ma forse è solo una mia impressione, dato che prima, alla massima potenza, nel giro di un giorno massimo era tutto alla T impostata.
    24 kw di caldaia che arranca per scaldare 115 mt ben isolati...... (e con consumi ancora esagerati)
    Oddio........

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED
    Sito internet e contatto: www.erregisas.org / 348-8581140


  15. #35
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    24 kw di caldaia che arranca per scaldare 115 mt ben isolati...... (e con consumi ancora esagerati)
    Oddio........
    eh si , credo comunque che il tempo sia determinato dalla potenza impostata, la minima "1", che anche da quanto avevi postato te, è intorno ai 5 kw.. se alzassi la potenza a "2", "MAGARI", farebbe prima, ma magari con più consumi?!..

  16. #36
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    se alzi, ritornano gli on/off, se abbassi non scaldi.....
    inoltre, come puoi stare sempre lì ad alzare e ad abbassare in base alle T° interne ed esterne? (e quindi dell'esigenza termica) Uno diventa pazzo.......
    e hai cmnq 17.5/18° in casa, assurdo........
    secondo il mio umilissimo parere, per il momento non badare ai consumi e scaldati; poi, finito l'inverno e prima possibile, sistema.

    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED
    Sito internet e contatto: www.erregisas.org / 348-8581140


  17. #37
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    @andreng89


    Imposta la potenza max a 2, quella minima andrà da sola ad 1

    Setta la T caldaia a 70-75 o anche 80 gradi.
    Se puoi modifica, se regolabile o sostituendo la pastiglia termica, l' anticondensa e portala a 60 gradi.

    Fai settare bene la caldaia dal cat, ha un' infinità di regolazioni, fra cui anche un tempo minimo di stand-by obbligatoriamente da mantenere.

    Le zone della casa vengono regolate da semplici termostati di zona o crono-termostati??

  18. #38
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ok, per la potenza 2, l'avevo già messa oggi..
    La T dell'acqua ora è settata a 70, stasera la alzo a 75..
    Per la pastiglia dell'anticondensa, devo fare una ricerca non so cosa sia e se la valvola che è installata è modificabile.

    Per quanto riguarda le regolazioni dal cat ok.. Ma il tempo minimo di standby ha qualche funzione o accorgimento particolare che devo fargli presente?
    Inoltre, quando verrà a fare le regolazioni devo indirizzarlo verso qualcosa di particolare o mi affido completamente a lui?

    Sono semplici termostati... Ma se necessario posso vedere di sostituirli!

    Grazie mie

  19. #39
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    il discorso è semplice: o adatti l' impianto alla caldaia con l' aggiunta di un puffer, oppure adatti la caldaia all' impianto.

    Bisogna conoscere bene i settaggi per poterlo fare, ovvero dipende molto dal cat.

    L' idea di base è quella di utilizzare il tuo radiante come "accumulo" che poi cede pian piano il calore all' ambiente. L' accumulo puo' essere riscaldato per un certo periodo (o 2 volte al gg) in modo da far funzionare la caldaia per alcune ore i modo continuativo.

    Dovresti poter settare il crono presente sulla caldaia in modo che si attivi per tot ore al giorno, per un max di 3 programmazioni.

    C'è una programmazione del tempo di stand-by minima da rispettare, e programmabile.

  20. RAD
Pagina 2 di 2 primaprima 12

Discussioni simili

  1. Riscaldamento a biomassa con pavimento "radiante".
    Da Dott Nord Est nel forum BIOMASSE
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 16-12-2018, 09:24
  2. Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 31-10-2018, 09:38
  3. Risposte: 27
    Ultimo messaggio: 07-03-2014, 00:09
  4. Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 13-02-2010, 16:10
  5. "semi" riscaldamento a pavimento
    Da greenpeace nel forum Caldaia a pellet (Laminox termoboiler) e riscaldamento a pavimento "CHE PASSIONE"Solare TERMICO
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 12-11-2009, 19:19

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •