erregi energie alternative
Mi Piace! Mi Piace!:  31
NON mi piace! NON mi piace!:  1
Grazie! Grazie!:  19
Pagina 5 di 15 primaprima 123456789101112131415 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 81 a 100 su 293

Discussione: Caldaie pellet Laminox pregi e difetti

  1. #81
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito



    Quote Originariamente inviata da drclock Visualizza il messaggio
    Curiosità: la tua soluzione a 3500 di componenti cosa hai calcolato? intendo che caldaia e puffer riescono a stare in questa cifra? Intendo i marchi commerciali ovviamente visto che stiamo parlando di laminox possiamo fare anche altri nomi!!
    per regolamento non posso parlare specificatamente del prezzo di prodotti che vendo.....
    cmnq direi caldaia da 18 kw + anticondensa + circolatore + puffer 300-500 lt riscaldamento/acs
    spendendo qualcosa in più, si può avere anche la pulizia automatica
    e qui sempre restando su una fascia bassa di mercato come budget


    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    Web: erregisas.org Cell: +39 348 8581140

    Visita il blog di ERREGI sui prodotti che tratto e sulla biomassa in generale: BLOG


  2. #82
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Pare chiaro che la laminox non potrà mai essere confrontata con caldaie a pellet di alto livello, come per esempio una okofen a condensazione!!!

    Quello che si potrà chiedere all' installatore sarà semplicemente quanto costa l' installazione della caldaia, che per le considerazioni fatte finora sarà molto simile a quello per una caldaia a metano: 4 tubi e la canna fumaria!

    Il termotecnico o lo storico dei consumi della casa serviranno per determinare il modello da scegliere, ovvero la sua potenza.

    Plug&play!

  3. #83
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    concordo con te alla grande sul Plug&paly, ma se si vogliono prestazioni, resa, gestione, ecc ecc....bisogna puntare a ben altro (e non è detto di costo, a parità di fascia).
    Cmnq come già detto in altro post, sarà il tempo a dire se il prodotto avrà successo o meno...... Come per tutte le cose.


    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    Web: erregisas.org Cell: +39 348 8581140

    Visita il blog di ERREGI sui prodotti che tratto e sulla biomassa in generale: BLOG


  4. #84
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Allego alcuni particolari del modello base:
    Immagini Allegate Immagini Allegate

  5. #85
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Mi incuriosisce il modello omnia 32 che ha la pulizia automatica e il compattatore di ceneri. Non so se il fatto che va anche a nocciolino però è un bene o un male, nel senso che magari comporta altri compromessi.

  6. #86
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    qui alcune discussioni sulla Laminox a nocciolino e pellet usando il tasto "cerca" del forum:

    - Laminox che delusione

    - Laminox Hidra consumi troppo alti

    - Problemi nocciolino


    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    Web: erregisas.org Cell: +39 348 8581140

    Visita il blog di ERREGI sui prodotti che tratto e sulla biomassa in generale: BLOG


  7. #87
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da drclock Visualizza il messaggio
    Mi incuriosisce il modello omnia 32 che ha la pulizia automatica e il compattatore di ceneri. Non so se il fatto che va anche a nocciolino però è un bene o un male, nel senso che magari comporta altri compromessi.
    E' evidente che parliamo di caldaie a pellet! che funzionano come tutte le altre molto bene con pellet DIN A1.

    Gli altri combustibili (nocciolino, sansa, vinaccioli, scarti di cereali e cereali) necessitano di una attenta messa a punto della combustione in quanto tali materiali possono avere caratteristiche molto diverse da impianto ad impianto e comunque possibile sulle versioni piu' evolute della caldaia, la omnia e la maxi con sistemi meccanici di pulizia del braciere.

    In conclusione la combustione di materiali diversi dal pellet è un argomento che va affrontato per ognuno di questi con conseguenti ottimizzazioni dei parametri, sempre possibili sulle laminox.

    Allego altre immagini, specifiche dei crogioli:
    Immagini Allegate Immagini Allegate

  8. #88
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Scresan grazie della risposta precisissima ed esauriente. In effetti già da qualche tempo frequento forum simili e mi ero fatto più o meno la mia idea sui combustibili diciamo "alternativi" al pellet. Molto belli i disegni!

  9. #89
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Da quanto ne so ....sui primi modelli omnia ci sono dei problemi in presenza di pellet scadenti (overo alto contenuto di ceneri a basso punto di fusione) in quanto il sistema di pulizia qualche volta fallisce perchè si forma una crosta superficiale e centrale che non riesce a cadere sul fondo.
    Credo abbiano fatto delle piccole modifiche nelle ultime versioni in commercio.

    E' ovvio che il problema è il pellet e non succede con quello di classe din plus A1.

    In considerazione del tipo di pellet che ormai è possibile utilizzare, credo che il modello base della termoboiler sia quello piu' competitivo!

  10. #90
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Si ma la mancanza di pulizia automatica e compattatore ceneri in una caldaia equivale a una condanna ai lavori forzati se si utilizza molto

  11. #91
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Da quel punto di vista hai sicuramente ragione!

    Con caricamento da sopra e compattatore cenere credo si debba passare al modello omnia.

    Il modello base rimane il piu' compatto, con relativi oneri di pulizia!

    Spero anche che altre aziende adottino il micropuffer sulle loro caldaiette. Il mio vicino di casa utilizza da 10 anni con molta soddisfazione una csthermos con piccolo boiler acs orizzontale posizionato sopra la caldaia (ha sostituito una caldaia a metano nel relativo vano) ed ha ottenuto un sistema "gestibile" semplicemente aggiungendo un piccolo bypass che permette all' acqua tecnica di "filtrare" anche nel boiler durante il funzionamento del riscaldamento (caldaia controlla la deviatrice a tre vie riscaldamento o acs)......
    Ultima modifica di scresan; 13-01-2018 a 21:08

  12. #92
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    pure io ho utilizzato con soddisfazione una vecchia caldaietta marina..... diretta + boiler acs
    poi, cambiando con altra caldaietta diversa, e con pulizia automatica, e puffer riscaldamento/acs a parte.... ho notate le enormi differenze....
    guarda caso non si notano mai finchè non si provano.....


    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    Web: erregisas.org Cell: +39 348 8581140

    Visita il blog di ERREGI sui prodotti che tratto e sulla biomassa in generale: BLOG


  13. #93
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    ... ti sfugge il particolare del "bypass" che permette ad una caldaietta con pochi lt di acqua al suo interno (forse 15-20) di funzionare .... comunque anche se chiudono le zone.....

    Si sfrutta il boiler (di fatto è un micropuffer di 100 lt) come "buffer" della caldaia.

    La laminox ha fatto il contrario: accumulo di acqua tecnica e acs prodotta con lo scambiatore a piastre, niente boiler acs....

  14. #94
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    scresan, nulla da dire....
    dico solo che finchè uno non prova, non sà....
    se a te piace, auguri
    a me no (non per il sistema, ma per i pochi lt. Altre caldaie, usano litraggi maggiori di molto, e allora si che condivido...)
    come già detto in vari post, sarà il tempo a dire le cose.....


    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    Web: erregisas.org Cell: +39 348 8581140

    Visita il blog di ERREGI sui prodotti che tratto e sulla biomassa in generale: BLOG


  15. #95
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    ...infatti la laminox ha affrontato il problema inserendo un piccolo puffer direttamente all' interno della caldaia, modificando i parametri e tempi di accensione, installando un crogiolo molto ampio per facilitare le accensioni veloci con candelette molto potenti.

    Il fatto è che il tutto è già implementato a bordo e che l' installatore individuata la potenza della caldaia, deve solo collegarla a 4 tubi.
    Non serve neppure l' elettricista, l'hanno munita già di serie di presa elettrica.

    Vedremo se questa storica azienda riuscirà a stare al passo e migliorare il prodotto, che per ora è molto economico, ovvero competitivo per il target di mercato che cerca di coprire, ma come detto rientra in tutti i parametri del Conto termico.

    Come sai!!! nel mio impianto con caldaia a pellet/triti il puffer è stato installato già 10 anni, insieme a vac, regolazione climatica, teleriscaldamento, solare termico (aggiunto in seguito su impianto già predisposto!) e già allora scrivevo e consigliavo sul forum cosa e come fare ed avevo fatto io. Mi chiedo perchè allora non mi hai ascoltato???

    Il puffer cura qualsiasi male presente nell' impianto, e moltissimi errori di progettazione, anche grossolani. Ha solo 3 aspetti negativi:

    1- costa
    2- disperde calore
    3- occupa spazio dentro casa

    unico positivo... alla fine difficilmente si "rompe".

    Per ora "NON condividi l' evoluzione della specie!" , ovvero come ridurre al minimo possibile gli accumuli, chiaramente nei sistemi a pellet? Vedremo cosa ci aspetta in futuro.... mai dire mai!

    Il resto direi che meglio discuterlo nell' apposita discussione che avevi aperto tempo fa quando hai sostituito il tuo vecchio sistema. Qui è OT.

  16. #96
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Mi chiedo perchè allora non mi hai ascoltato???
    cioè, ascoltato cosa ??




    Per ora "NON condividi l' evoluzione della specie!"
    nulla mi vieterebbe di mettere un tale sistema nel mio portafoglio
    non lo faccio semplicemente perchè non dà i risultati che io voglio per i miei clienti, semplice.....
    tu la vedi come "evoluzione", io la vedo come "regressione".... Punti di vista.


    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    Web: erregisas.org Cell: +39 348 8581140

    Visita il blog di ERREGI sui prodotti che tratto e sulla biomassa in generale: BLOG


  17. #97
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Lo so che non vendi laminox, e non ne hai ancora installate, ma questo è un argomento OT in questa discussione.

  18. #98
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    bene, ritorniamo.....
    il concetto di caldaia e accumulo insieme non è certo una novità....
    ci sono alcune ditte (prettamente teutoniche/austriache) che hanno sviluppato tale sistema, però con gli accumuli dimensionati correttamente in base alla caldaia, con risultati in fatto di rese e prestazioni che caldaie con 100 lt neppure possono sognarsi.
    e ci sono alcune ditte italiane che da anni hanno a catalogo tale sistema, ma tutte.... senza grossi successi commerciali.
    io non dico che una caldaia come la Laminox non trovi chi la monta, ma sarà formata da quella nicchia di persone che non ha spazio, che sacrifica le prestazioni, che non ha esigenze.... insomma, che si "accontenta".
    Ecco, questo secondo me è un discorso valido..... e non far passare un sistema come sostitutivo di sistemi con ben altre prestazioni.
    Come sempre dico, da una vita, ogni persona poi fa quel che vuole e compra quel che vuole...
    Infatti, si vende sia la Panda che il Mercedes... Entrambe hanno 4 ruote, ma non sono certo "uguali"......

    Ecco un'esempio simile con altra ditta italiana, che come molti altri prodotti, non ha "sfondato".... ScreenShot001.jpg


    IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO

    Web: erregisas.org Cell: +39 348 8581140

    Visita il blog di ERREGI sui prodotti che tratto e sulla biomassa in generale: BLOG


  19. #99
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ho cercato in rete ma questa della LAMINOX è l’ unica dichiarazione di questa tipo che ho trovato, cioè che garantisce la possibilità di installazione senza puffer in qualsisi situazione, NESSUN’ altra casa costruttrice presenta una AUTODICHIARAZIONE preventiva alla installazione come fanno loro.

    Alcune case parlano della possibilità di installazione senza puffer di alcuni modelli di caldaia, il tutto viene demandato ad una valutazione della tipologia di installazione, questo quello che riporta la RED :

    Le caldaie a marchio RED offrono comunque un ampio range di modulazione (potenza ridotta < 30% della potenza nominale) e questa caratteristica potrebbe permettere di soddisfare i requisiti del decreto anche in assenza di accumulo. Infatti, se il progettista dell’impianto certifica secondo la UNI/TS 11300 che il fabbisogno minimo di riscaldamento dell’edificio risulta superiore alla potenza minima utile del generatore di calore, la sua asseverazione può permettere di accedere al Conto Termico anche in assenza di un volume di accumulo termico. Questa rimane in ogni caso una valutazione che dipende dalle caratteristiche specifiche dell’impianto considerato.

    Chiedo a chi è più esperto di me e magari a qualche installatore, quali sono le differenze costruttive e di gestione di questa caldaia rispetto alle altre tali da permettere di dichiarare che questa possa essere installata SEMPRE senza puffer aggiuntivo?

    E’ possibile affermare una cosa di questo tipo senza prima aver fatto una corretta valutazione della tipologia di installazione (fabbisogno termico, ACS, etc.)?

    Ciao Matteo
    Immagini Allegate Immagini Allegate

  20. #100
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    @ Matteo la differenza sta nel fatto che i modelli della Laminox Termoboiler

    hanno un minipuffer a bordo della caldaia che evidentemente permette ai suoi progettisti di rilasciare quella certificazione.

    Confermo che ricevono il contributo del Conto Termico senza che l' installatore aggiunga altro all' impianto.

    E' ovvio e logico che se l' installatore decide di aggiungere un boiler esterno, ad esempio per acs, senza avvalersi dello scambiatore interno alla caldaia questo è sempre possibile. Idem un puffer.

    E' anche chiaro che la caldaia ha una serie di ottimizzazioni che le permettono di funzionare secondo i requisisti previsti dalla legge. Se diventeranno piu' stringenti, (ovvero se in futuro il Conto Termico sarà disponibile solo per le 5STELLE come da elenco della lombardia) si adegueranno se capaci.

    Per ora le termobiler della laminox hanno diritto al Conto termico senza aggiunta di un puffer esterno. Il resto sono lamentele, simili a quelle presentate dai produttori nostrani al tempo del Conto Termico 1, in seguito modificato a loro favore.


    Allego altri particolari per drclock:
    Immagini Allegate Immagini Allegate

  21. RAD
Pagina 5 di 15 primaprima 123456789101112131415 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Presa Laterale - pregi e difetti
    Da energiazzurra nel forum IDROELETTRICO
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 26-09-2014, 18:30
  2. aspiracenere modelli pregi e difetti
    Da staffy nel forum BIOMASSE
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 23-07-2014, 05:51
  3. Caldaie a biomasse pregi e difetti
    Da jungh73 nel forum BIOMASSE
    Risposte: 49
    Ultimo messaggio: 10-03-2013, 21:45
  4. DOMANDA: pregi e difetti sia del monofase che del trifase
    Da transistor86 nel forum Asse VERTICALE - prototipi privati (Fai-Da-Te Mini-micro eolico)
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 30-10-2008, 06:51
  5. PREGI DIFETTI DEI PANNELLI
    Da sunman nel forum Caldaie pellet Laminox pregi e difettiFOTOVOLTAICO
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 13-01-2008, 13:36

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •