Mi Piace! Mi Piace!:  16
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  3
Pagina 55 di 55 primaprima ... 535414243444546474849505152535455
Visualizzazione dei risultati da 1,081 a 1,085 su 1085

Discussione: Kite Wind / KiWiGen (generatore eolico alimentato dal movimento di aquiloni): QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI

  1. #1081
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito



    Iiiii, chemmòdi! Non pretenderai che lo facciano ANCHE funzionare davvero, no?!

    Qui si deve pagare l'idea geniale di cavare soldi da tecnologie antiche proiettate nel futuro per la gioia di grandi e piccini.

    Futuro immaginifico, va da sè: anche tra Cuneo e Torino - e persino a Dubai - avevano da svettare aquiloni più grossi di un Boeing, e invece niente: ci si deve accontentare del kiteSurf, o di un daiquiri in spiaggia pagato dai gonzi che ci avessero creduto.
    Ich bin ein CimPy - Accidenti, mi sa che ho perso il treno (e mi si è pure rotta la sveglia)! Qualcuno sa dirmi a che ora passa il prossimo?

  2. #1082
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    La struttura della gabbia mi ricorda una di quelle strutture misteriose lasciate dai tedeschi nella seconda guerra mondiale , che dovevano far decollare i dischi volanti .

    Ma non vedo perché realizzare una struttura a cupola cosi complessa quando poteva essere realizzata semplicemente una struttura a forma di cilindro o cilindro conica più semplice .

    Strano che quelli del ferrovecchio non l'abbiano ancora visitata , fosse stato in Sicilia l'avrebbero già smantellata gratis .
    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

  3. #1083
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Mi compiaccio, experimentator,
    che il focus della questione sia portato sulla forma della cupola, la quale cupola dovendo sopportare forze (risultanti) laterali di centinaia di tonnellate si accartoccerebbe come un cartoccio di cartaccia.
    Ma quei terminali a forma di losanga, lo sai a cosa dovevano servire?
    Dovevano servire ad attaccarci la Ralla, cuscinetto assiale-radiale fabbricato su ordinazione col migliore acciaio svedese, un centomila euro direi.
    E lo sai che fine ha fatto questa Ralla?
    Una fine talmente tragica che ha ispirato al rinomato poeta Atmosferio Umideggi-Condensieri un'Ode Funebre!
    La riporto qui sotto, ad edificazione degli astanti:

    .............La Ralla...............
    Povera Ralla, lontana dal suolo,
    nel solleone e sotto al temporale;
    cosa dovevi far, qual fu il tuo ruolo?
    "Scaricavo la forza eccezionale
    prodotta dalla Power Wing in volo
    su quel telaio tanto originale;
    ora accolgo di passeri uno stuolo,
    di me lubrificare a nessun cale,
    e m'avvolge di ruggine un lenzuolo".

    Saluti.

    T

  4. #1084
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Era tanto che aspettavo l'occasione di poter annunciare l'entrata in produzione di un Kitegen, e sono molto contento di far sapere che ciò succederà very soon; sotto il modesto titolo "kitegen, l'anello mancante per i combustibili di sintesi", si legge infatti un prolisso sproloquio di un cinquemila parole che dice esattamente niente, a parte "Il bisogno di creatività per un progetto innovativo ovviamente impedisce una stringente programmazione temporale" che, tradotto in termini correnti, significa esattamente 3-6-12, potrebbero anche essere minuti o ore, più probabilmente si tratterà di giorni o settimane ma niente toglie che passeranno mesi se non anni, io scommetterei sui lustri ma essendo ottimista per natura credo che stiamo parlando di decenni.

    Via al cronometro!

    ------------------------------------

    Da maggio di quest'anno (2016), KiteGen ha completato il proprio piano industriale che ha portato al progetto esecutivo dei generatori industriali definitivi. corredato dalle numerose realizzazioni fisiche già validate ed emendate. Proprio da maggio è iniziata una intensa attività negoziale che ha già attivato buna parte della filiera industriale, che in seguito agli accordi è già attiva ed impegnata sul fronte della revisione di progetto e di produzione di serie.

    La strategia di KiteGen nello scenario HAWP è stata semplice, consapevole e molto focalizzata. A consuntivo si conferma di grande successo meglio di così non si sarebbe potuto fare, confermando e mantenendo il nostro vantaggio competitivo globale. I numerosi prototipi di ricerca del passato, con la loro operatività, ci hanno permesso di stilare le specifiche precise delle macchine ideali da produrre a scala industriale e di tutte le realizzazioni inedite ed ancillarie al funzionamento del nuovo presidio energetico. Un passaggio inevitabile nonché opportuno in quanto insistere nel far volare ali provvisorie con macchine immature rappresenta un costo e non avrebbe fornito ulteriori idee ed informazioni progettuali, mentre ora abbiamo potuto finalmente tirare una linea e dopo la progettazione e l'industrializzazione affrontare il capitolo successivo della produzione industriale di qualità con un risultato prestazionale garantito.

    Il KiteGen Stem è apparentemente molto complesso, specialmente per chi non ha vissuto il processo creativo e progettuale dall'interno, sarebbe auspicabile e veramente grandioso poter godere di una audience diffusa, competente ed attrezzata, in quanto si potrebbe entrare in una logica programmatica collettiva che scatenerebbe l'ottimismo e porrebbe fine immediatamente alla stagnazione secolare in cui la nostra società è caduta. Purtroppo dobbiamo subire la superficialità istituzionale e l'inadeguatezza accademica che in qualche modo riescono a nascondere e rallentare un processo che potrebbe essere entusiasmante e ricco di occasioni per l'intero paese, e non solo.

    In più occasioni abbiamo avuto dei contatti relativamente approfonditi con l'accademia, in quanto abbiamo anche ospitato dei docenti delle facoltà di Energetica che accompagnavano dei candidati che avevano deciso di dedicare la loro tesi al KiteGen. Con nostro grande stupore questi docenti erano personalmente impegnati in progetti energetici senza innovazione già dimostratisi vani e palesemente fallimentari, questo senza mostrare nessuna tensione ideale ed assunzione di responsabilità nel condurre la conoscenza ed il proprio lavoro in direzioni potenzialmente utili alla collettività. Ovviamente l'imbarazzo di questi incontri è pesante lasciando senza risposta la domanda sulla motivazione pur consapevole di tale mediocrità ed apparente analfabetismo funzionale.

    Fortunatamente esistono, benché siano sempre più rare, delle realtà professionali ed industriali che non si sottraggono all'onere di comprendere e di affrontare con la dovuta applicazione e diligenza il trasferimento tecnologico che KiteGen è in grado di offrire ed esplicitare. La grande soddisfazione è quella di assistere durante la condivisione dell'imponente dettaglio progettuale ed operativo, al progressivo riconoscimento del valore ed approvazione del lavoro fin qui fatto da KiteGen e come epilogo alla assoluta certezza ed ineluttabilità di KiteGen che occuperà una posizione da protagonista nello scenario energetico globale. Tale convinzione e corroborata dalla grande quantità di dati ed esperienze negative sulle diverse opzioni energetiche che sono state grandemente spinte finora.

    Ma KiteGen non si ferma all'energia elettrica, ma affronterà agevolmente anche la produzione di combustibili di sintesi allargando notevolmente il mercato globale a cui si rivolge e che espone un TAM di $8T/anno, e che razionalmente saranno quasi tutti a disposizione per l'eolico troposferico e quindi di KiteGen ed assimilati.

    Questo post di Energy Matters in inglese è una ottima introduzione accompagnato a quello di Robert Rapier<Is Audi's Carbon-Neutral Diesel a Game-Changer?>, esplicitano chiaramente che KiteGen è l'anello mancante per rendere fattibile la sindesi dei combustibili liquidi, anello che speriamo di apportare presto all'intero processo. Specialmente ora che abbiamo concluso le attività creative con la loro dose di aleatorietà. Il bisogno di creatività per un progetto innovativo ovviamente impedisce una stringente programmazione temporale, alcune volte un'impasse ha portato in stallo il progetto con una buona dose di sconforto del team, e tante storie tecnologiche da raccontare. Peraltro, impasse e stallo tanto quanto le attività negoziali che spesso, con i pachidermi multinazionali, impongono una ulteriore alea ed occasionalmente atteggiamenti eccezionalmente scorretti ed inconcludenti ed ulteriori occasioni di sconforto, ma i problemi si sa incombono per essere risolti ed è proprio ciò che abbiamo ottenuto, ciò che è più importante, a vantaggio e nell'interesse di tutti.

    omissis

    -----------------------------------------

  5. #1085
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    "sarebbe auspicabile e veramente grandioso poter godere di una audience diffusa, competente ed attrezzata, in quanto si potrebbe entrare in una logica programmatica collettiva che scatenerebbe l'ottimismo e porrebbe fine immediatamente alla stagnazione secolare in cui la nostra società è caduta"

    Di nuovo tempo di raccolta fondi, che la vita a Dubai costa...
    Ich bin ein CimPy - Accidenti, mi sa che ho perso il treno (e mi si è pure rotta la sveglia)! Qualcuno sa dirmi a che ora passa il prossimo?

  6. RAD
Pagina 55 di 55 primaprima ... 535414243444546474849505152535455

Discussioni simili

  1. Cappotto (rivestimento) - ESTERNO - QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    Da supertorres nel forum Sistemi Passivi
    Risposte: 2007
    Ultimo messaggio: 11-06-2018, 15:59
  2. Infissi, serramenti porte ecc. : QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    Da nebbia.bo nel forum Sistemi Passivi
    Risposte: 1599
    Ultimo messaggio: 10-06-2018, 20:58
  3. regolatore di carica / interfacciamento generatore - batteria: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    Da nel forum Asse ORIZZONTALE - prototipi privati (Fai-Da-Te Mini-micro eolico)
    Risposte: 544
    Ultimo messaggio: 02-05-2017, 18:32
  4. Risposte: 52
    Ultimo messaggio: 16-04-2010, 14:06
  5. motori / generatori AMETEK: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    Da balitime nel forum Asse VERTICALE - prototipi privati (Fai-Da-Te Mini-micro eolico)
    Risposte: 61
    Ultimo messaggio: 09-12-2009, 21:52

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •