Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 19 su 19

Discussione: Pavimento radiante a secco.

  1. #1
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Pavimento radiante a secco.



    Salve qualcuno si è cimentato in questo fai da te? Ho visto che alcune aziende lo producono e non mi sembra così difficile anche se si fanno pagare molto profumatamente, cosa ne dite?
    Io vorrei collocarlo sopra adu solia in legno e rifnirlo con lisltelloni di legno rovere o simile.
    Basterebbe acquistare i pannelli della giusta intensità alla compressione e trovare un utensile da utilizzare per sagomare l'alloggio del tubo che deve girare per tutto l'ambiente!
    mi sfugge qualcosa
    saluti

  2. #2
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    buonasera, ci sono due cose che mi fanno riflettere amesso che io abbia capito la sua domanda:
    1°) fare un impianto a secco senza usare un supporto isolante sottoe realtive guide.
    2 °) Ricoprirlo con tavolato in legno.
    Se Lei ama il pavimento in legno, saprà che tutto sommato è già convertovelo camminarci sopra anche se non è radiante, e comunque la isola verso il basso tanto più che le dispersioni delpaviento verso il basso non essendoci a livello del paviento i 20 °C, sono minori.
    tutto sommato il mdo migliore per non dover rislovere un problema, è non averlo.
    Se invece per Lei l'impianto sottopavimento è inrinuciabile perchè lo vuole integrare con fonti in bassa temperatura, allora la sua ricerca di soluzioni, sarebbe meglio ripagata.
    Se ho capito bene lei vorrebbe scavare con un utensile una base di supporto che metterebbe sopra il solaio in legeno e quindi annegare metri e metri di tubo, nel supporto.
    Io penso che in questo modo non funzioni, sempre se ho capito bene..
    Cordialità

  3. #3
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie per la risposta.
    diciamo che che mi sono speigato male e comunque si è avvicinato nell'interpretazione.
    in commercio ci sono sistemi tipo tecnofloor o simile. In sostanza hanno un materassino isolante in impasto di legno sagomato dove alloggia delle lamelle in alluminio e si inseriscono i tubi. ci sono dei video in materia. In sosstanza visto l'elevato costo secondo esagerato, vorrei realizzarlo artigianalmente, ovvero mettere dei panneli idonei e sagomarli creando l'alloggio per il tubo specifico.
    Non mi piaccioni i radiatori, mi piacerebbe realizzare questo sistema per un rustico, credo che sia più confortevole. Anche io sono un pò perplesso, sul fatto della radiazione dell'efficacia con la finitura in legno, perchè indubiamente il massetto lapideo irradia meglio, però ci sono delle aziende che lo propongono. se posso metto un video che comunque si può cercare in rete.

  4. #4
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    buonasera, si conosco i vari sistemi, e capisco la sua perplessità sui costi, però noi spesso utilizziamo degli impianti tradizionali cioè 4.5 fiimpianto e 4.5 di massetto che collettori tubi raccordi banda perimetrale ecc , vedo che oscillano dai 15 Euro ai 22 , secondo il tubo utlizzato che normalmente incide in maniera maggiore degli altri componenti.
    Cordliatà

  5. #5
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Oppure può usare anzichè il vero legno, il legno in gres porcellanato: migliore trasmittanza di calore e niente problemi di assorbimento o macchie

  6. #6
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Seguo con molto interesse anche se io opterei per un impianto con massetto tradizionale e finitura in marmo spero...

    Quindi ad elevata inerzia con compensazione climatica

  7. #7
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno,

    qualcuno li ha mai installati???

    Avrei bisogno di farmi un idea sui tempi necessari per raggiungere la stazionarità...

    Non essendoci il massettino termico l'inerzia termica (punto debole del pav. radiante per la flessibilità d'impiego) è ridotta di molto...

    Qualcuno con esperienza sa dirmi all'incirca quali sono i tempi per cui inizia il vero riscaldamento dell'ambiente dal momento dell'accensione dell'impianto?

    GRAZIE

  8. #8
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao esistono sostanzialmente due tipi di impianti a pavimento per installazione a secco e sono tutti e due a basso spessore uno è dotato di pannelli in fibra di gesso una volta passato la tubazione in polietilene reticolato viene annegato tutto con del materiale liquido che copre le tubazioni dopo di che viene installato sopra il pavimento l'altro è meno costoso e funziona cosi i pannelli sono il poliestirene con delle fessure per alloggiare il tubo alcune aziende prevedono delle lamelle di alluminio per diffondere meglio il calore come la "velta" altre no steso l'impianto vi si pone su tutte le superfici delle lastre di acciaio zincato dei rettangoli di circa 60*100 in due strati in modo da coprire le giunzioni dello strato sotto queste tipologie di impianti nascono per le ristrutturazioni dove non è possibile mettere altro per questo costano molto.. hanno tempi di messa a regime decisamente più corti ma non sono ben visti dai pavimentisti .... se utilizzi il legno cerca almeno di prenderlo più basso possibile e con caratteristiche idonee al sistema radiante.

  9. #9
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    i tempi con una casa di nuova concezione sono circa 5/6 ore passate queste si percepisce l'impianto poi per la messa a regime completa dipende da tanti fattori

  10. #10
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    In pratica ci sarebbero pannelli composti da 1 cm di polistirene + foglio di alluminio...tubi, foglio in polietilene (barriera al vapore) e infine - al posto del massettino termico - si posano delle lastre in acciao doppio strato a schacchiera sfalsata per aumentare l'emissività!
    Tempo di messa a regime dai 30 ai 60 min!!!

    uno svantaggio il costo: poco più del doppio di un sistema tradizionale!!!

  11. #11
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    il tutto alloggiato in 32 mm di spessore

  12. #12
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    scusa Iosmanus mi intrometto allora a me avrebbero proposto il tipo di riscaldamento che hai descritto tu il problema che ho è che sto ristrutturando il mio appartamento di 140 mq suddivoso in due case diverse ma collegate tra loro, in metà casa ho il posto anche per quello con massetto nell' altra no.Io sarei disposto a spendere quel qualcosa in più purche il riscaldamento che hai descritto funzioni bene io penso che non avendo il problema dell' inerzia sia un bel guadagno no? grazie mille

  13. #13
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Guadagno? se intendi ripsarmio economico allora NO!
    Il calore che accumula ilmassetto lo rilascia dopo lo spegnimento dell'impianto! Quindi più che guadagno o risparmio qui siamo di fronte ad un tipo di impianto che riscalderebbe l'appartamento in tempi più brevi rispetto ai tradizionali impianti a pavimento!

  14. #14
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da losmanus Visualizza il messaggio
    Guadagno? se intendi ripsarmio economico allora NO!
    Il calore che accumula ilmassetto lo rilascia dopo lo spegnimento dell'impianto! Quindi più che guadagno o risparmio qui siamo di fronte ad un tipo di impianto che riscalderebbe l'appartamento in tempi più brevi rispetto ai tradizionali impianti a pavimento!
    Io credo che il guadagno ci sia ed anche consistente, dato che il calore rilasciato dal massetto è un calore in più non richiesto. Inoltra una pompa di calore consuma molto di più per arrivare a regime, con un pavimento a secco ci impiego molto meno tempo e quindi ho un notevole risparmia anche in questo caso. Posso anche permettermi di lavorare con temperatura di mandata più bassa, risparmiando ulteriormente. A fin dei conti penso che si risparmia almeno un 20% sulla bolletta a fine mese...

  15. #15
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Se servono 100 kw per scaldare casa, indipendentemente da come li infilo dentro sempre 100 rimangono.
    Che siano immessi con pdc aria aria, con pavimento radiante o con termosifoni sempre 100 rimangono.
    Zona climatica F 3396 gradi/giorno
    Caldaia guntamatic synchro 31, 2 puff da 1500 lt, centralina mhcc sorel, termosifoni,4 collettori solari a circolazione forzata.

  16. #16
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da leaza Visualizza il messaggio
    Se servono 100 kw per scaldare casa, indipendentemente da come li infilo dentro sempre 100 rimangono.
    Che siano immessi con pdc aria aria, con pavimento radiante o con termosifoni sempre 100 rimangono.
    Termicamente parlando è corretto, elettricamente no perché dipende dal Cop. Con pavimento a secco T mandata più bassa, Cop più alto, consumo elettrico inferiore a parità dei 100 kw termici!!

  17. #17
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Perché mandata più bassa?

    Se (esempio) a 0 gradi esterni con un riscaldamento a pavimento tradizionale servono 28 gradi di mandata, perché con uno a secco ne bastano 26?
    Zona climatica F 3396 gradi/giorno
    Caldaia guntamatic synchro 31, 2 puff da 1500 lt, centralina mhcc sorel, termosifoni,4 collettori solari a circolazione forzata.

  18. #18
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da leaza Visualizza il messaggio
    Perché mandata più bassa?

    Se (esempio) a 0 gradi esterni con un riscaldamento a pavimento tradizionale servono 28 gradi di mandata, perché con uno a secco ne bastano 26?
    Esattamente, per il duplice fatto che è più sottile e che non ha il massetto che isola un po. Di conseguenza la resistenza termica è più bassa e quindi la temperatura superficiale più alta a parità di mandata.

  19. #19
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Io pannello scanalato in fibrogesso fermacell da 18mm passo 10 ho fatto 75mq a poco più di 2000euro ivati compreso primer e una parte del rasante riempitivo
    Fantastico ......posato con parquet prefinito da 12mm flottante.........fantastico materiale da lavorare in posa anche a detta dell'idraulico.
    Difatti l'idraulico ha detto che i tubi rimangono bloccati e belli fissi a terra cosa che invece con i bugnati in plastica a volte succede che si alzano . Sistema FANTASTICOOOOO

  20. RAD

Discussioni simili

  1. Riscaldamento a Pavimento (pavimento radiante): QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    Da a.diabatico nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 6258
    Ultimo messaggio: 16-03-2019, 20:07
  2. Termocamino e pavimento radiante
    Da pascenzo nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 120
    Ultimo messaggio: 29-09-2014, 23:06
  3. pavimento radiante / termostufa, fai da te?
    Da nachitodalcoy nel forum BIOMASSE
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 19-06-2012, 18:23
  4. Radiante a secco climatek
    Da Matadores nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 04-02-2012, 11:23
  5. Pavimento Radiante Velta
    Da TECNOGROUP nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 13-02-2009, 08:13

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •