i Libri di Terranuova
Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 2 di 4 primaprima 1234 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 21 a 40 su 64

Discussione: Lavatrice ed acqua calda.

  1. #21
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito



    Ottimo scresan, concordo, anche se, permettimi, parzialmente sul finale.
    Sono sempre un bel numero di Kcal che si potrebbero potenzialmente risparmiare se si riuscisse ad escogitare un sistema semplice.
    Altre considerazioni da non sottovalutare: Tripla classe A. E per lavare consumi il doppio

  2. #22
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Gli impulsi si potrebbero calcolare parallelando l'elettrovalvola della lavatrice ed una semplice schedina arduino con preimpostate le varie tipologie di lavaggio potrebbe incaricarsi di attivare o meno un elettrovalvola sull'acqua calda ma mi sa che ...
    ...se si riuscisse ad escogitare un sistema semplice...
    ... non ci si atterrebbe molto a questa regola
    A volte l'uomo inciampa nella verità, ma nella maggior parte dei casi si rialzerà e continuerà per la sua strada (Churchill).
    Colui che chiede è uno stupido per cinque minuti. Colui che non chiede è uno stolto per sempre. (p. cinese)

  3. #23
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Cogliendo l'occasione della breve giornata soleggiata fra le 8 e le 13 di venerdì 14/11 e assecondando il suggerimento di Elisabetta, ho eseguito due prove di lavaggio dei bianchi (il cumulo di biancheria sporca era notevole), con e senza l'ausilio del solare termico. Considerata la brevità del periodo soleggiato dopo settimane di clima coperto o nuvoloso ecc. , il test non si può considerare molto significativo ma il periodo stagionale temo non possa consentire risultati migliori.

    Lavatrice Indesit WP67 (vecchia e di classe energetica imprecisata)

    -Lavaggio bianchi (lavaggio e prelavaggio) normale senza apporto solare:
    Temperatura ingresso dall'acquedotto 13°C
    Temperatura di lavaggio impostata 60°C
    Consumo per l'intero ciclo 1,30 kWh

    -Lavaggio bianchi (lavaggio e prelavaggio) con apporto solare nel ciclo di lavaggio:
    Temperatura ingresso dal solare 37°C
    Temperatura di lavaggio impostata 60°C
    Consumo per l'intero ciclo 0,73 kWh

    Quindi, il ciclo ordinario ha elevato la temperatura dell'acqua da 13 a 60=47°, mentre il ciclo solare la ha elevata da 37 a 60=23°, cioè quasi esattamente la metà.
    Purtroppo il manuale di istruzione non precisa il quantitativo di acqua per il ciclo di lavaggio, ne assoluto ne in relazione al peso della biancheria.
    La differenza fra le energie spese è di 1.30-0.73=0,57 kWh che corrisponderebbe alla energia spesa per elevare del 50% la temperatura dell'acqua, essendo i cicli per il resto identici. Perciò si avrebbero ben 0,57*2=1,14 kWh necessari per riscaldare l'acqua, e la energia residua, 0,16 kWh per il ciclo elettromeccanico.
    Francamente un risultato non molto attendibile, anche se ho rilevato potenze di 250 W max per il ciclo di rotazione ordinario e 400 W di picco per la rotazione centrifuga.
    Penso che occorra eseguire il test in condizioni più affidabili e misurando il quantitativo di acqua allo scarico.

    PS
    Controllando i valori di assorbimento con lo strumento posso confermare che la attivazione della resistenza di riscaldamento avviene alla fine della immissione dell'acqua in vasca, quindi il dispositivo a due fili in parallelo alla resistenza, per comandare la commutazione fredda/calda, è inutile.
    Ultima modifica di Wilmorel; 15-11-2014 a 17:03

  4. #24
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Il prelavaggio credo che funzioni a 35° e non a 60° per via della attivazione degli enzimi, quindi se hai fornito 37° già era sufficientemente calda e la resistenza non si è azionata.
    Normalmente la lavatrice consuma 20l a ciclo o poco meno,quindi se è solo il lavaggio sono circa 20l X 23° DT = 460 Kcal (* 0,001163) = ,535 kWh coerente con i 0,57 del tuo risultato.
    Grazie ed in attesa di ulteriori verifiche.

  5. #25
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Concordo con scresan!!!

  6. #26
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Allego pagine della mia lavatrice..... pardon !!! quella di mia moglie!!



    acqua.JPGpre.JPG

    Come si vede quando si aggiunge la fase di prelavaggio (cioè non la fase iniziale di ogni lavaggio) sulle aeg (questa è una top di gamma di 7-8 anni fa, credo in classe A+, 8 kg x i cotoni, la temperatura indicata è di soli 30 gradi, ancora meno di quanto pensavo !

  7. #27
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    NOME PRELAVAGGIO LAVAGGIO RISCIACQUI CENTRIFUGHE
    1 BIANCHI 90°C WHITE 5’, 40°C 3’, 90°C, 24"/6"/24", 40rpm 3 3+1 (5’, max rpm)
    2 BIANCHI 75°C WHITE 3’, 40°C 3’, 75°C, 24"/6"/24", 40rpm 3 3+1 (5’, max rpm)
    3 NORMALE 60°C NORMAL 3’, 30°C 3’, 60°C, 24"/6"/24", 40rpm 3 3+1 (5’, max rpm)
    4 NORMALE 40°C NORMAL 3’, 30°C 3’, 40°C, 24"/6"/24", 40rpm 3 2+1 (5’, max rpm)
    5 LANA 30°C WOOL 3’ 3’, 30°C, 2"/20"/2", 30rpm 3 1 (1’, ½ max rpm)
    6 MICROFIBRA 60°C MICROFIBER 5’ 5’, 60°C, 24"/6"/24", 40rpm 3 3+1 (5’, max rpm)
    7 MICROFIBRA 40°C MICROFIBER 5’ 5’, 40°C, 24"/6"/24", 40rpm 3 3+1 (5’, max rpm)
    8 LAVAGGIO RAPIDO 40°C QUICK WASH - 3’, 40°C, 24"/6"/24", 40rpm 3 1 (5’, max rpm)
    9 LAVAGGIO RAPIDO 60°C QUICK WASH - 3’, 60°C, 24"/6"/24", 40rpm 3 1; (5’, max rpm)
    10 SINTETICO 40°C SYNTHETIC - 3’, 40°C, 15"/15"/15", 40rpm 3 2+1 (2’, max rpm)
    11 DISINFEZIONE 90°C DISINFECTION 5’, 40°C 3’, 90°C, 24"/6"/24", 40rpm 2+3 5+1 (5’, max rpm)
    12 DISINFEZIONE 60°C DISINFECTION 5’, 40°C 3’, 60°C, 24"/6"/24", 40rpm 2+3 5+1 (5’, max rpm)
    13 LANA 30°C WOOL DISINF 3’ 3’, 35°C, 2"/20"/2", 30rpm 1+3 1 (1’, ½ max rpm)
    14 FORTE 60°C STRONG 5’, 40°C 10’, 60°C, 24"/6"/24", 40rpm 3 3+1 (5’, max rpm)
    15 FORTE 90°C STRONG 5’, 40°C 10’, 90°C, 24"/6"/24", 40rpm 3 3+1 (5’, max rpm)
    16 COLORATI 60°C COLOR - 3’, 60°C, 20"/10"/20", 40rpm 3 2+1 (5’, max rpm)
    17 COLORATI 40°C COLOR - 3’, 40°C, 20"/10"/20", 40rpm 3 2+1 (5’, max rpm)
    18 INTENSIVO 90°C INTENSIVE 5’, 40°C 10’, 90°C, 24"/6"/24", 40rpm 3 3+1 (5’, max rpm)


    Esempio Programma 1:
    Prelavaggio : @ : Lavaggio : Risciacquo : @ : Risciacquo : @ : Risciacquo : @ : Fine

    @=centrifuga. Da notare che tra lavaggio e 1° risciacquo non vi è centrifuga.

    Scusate il disallineamento colonne.
    Ultima modifica di Elisabetta Meli; 17-11-2014 a 19:05

  8. #28
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Le vostre tabelle saranno utili a chi vorrà quantificare con precisione il risparmio ottenibile nei diversi cicli di lavaggio.

    Grazie.

  9. #29
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    ..... diciamoci la verità.... qui servirebbe un arduino ed uno sketch molto ben fatto, con un piccolo schermo per visualizzare le funzioni attive e alcuni tasti x le varie selezioni, che apra al bisogno il ramo caldo su un circuito idraulico con una semplice miscelatrice termostatica regolata a 30 gradi!!

    Gli input potrebbero essere sia in volt, che in amper con appositi sensori (ormai si trovano a pochi euro!), la programmazione di qualche temporizzatore ed il piu' è fatto.

    Per caricare l' acqua infatti la lavatrice necessita di un certo tempo forse molto diverso nella varie fasi.

    L' elaborazione di questi dati (attivazione valvola di carico, scarico acqua, attivazione resistenze e loro tempi di attività) potrebbero essere la chiave di volta per ottenere uno sketch "auto apprendente" di ottimizzazione per qualsiasi lavatrice in commercio.

    I costi hw sarebbero molto bassi..... il lavoro per mettere in piedi il sw abbastanza complesso, ma gratuito una volta fatto, per tutti.

    Cosa ne dite approfondiamo l' argomento??

  10. #30
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ho letto per caso solo ora il thread,in velocità e non tutto...
    Ho effettuato questa modifica sulla mia lavatrice (Rex Fluvia del 98) 4 anni fa e continua a lavorare piu che egregiamente.
    Ho fatto cosi: interruttore temporizzato (luci scale) della gewiss, costo €10, che fa da deviatore e commuta la fase della elettrovalvola di carico su una seconda valvola (altri €10) collegata alla ACS. La lavatrice era sorprendentemente già con il foro posteriore predisposto per HOT WATER IN, il che la dice molto lunga sul mercato italiano....
    Termostato lavatrice sempre a 0°, Temporizzatore impostato a 20min, si attiva con bottone assieme all'avvio del lavaggio, i 20 min coprono sia carico lavaggio che prelavaggio, quindi piu che sufficienti. L'acqua calda viene prelevata dalla caldaia che si trova a circa 6mt di distanza. Con due bambini e facendo le lavatrici di sera l'acqua nelle tubature è solitamente medio-tiepida o calda, comunque si ha l'accortezza di avviare la lavatrice sapendo che la ACS è subito disponibile. T ACS impostata 40°, tra carico e residuo acqua in lavatrice si ha un lavaggio a 35°. I risciacqui ovviamente si fanno a temporizzatore spento, quindi con acqua fredda.
    Dopo 4 anni di continuo utilizzo posso confermare che va che è una meraviglia.

    Vantaggi:
    -risparmio sul consumo di corrente (nel mio caso l'acqua di rete in inverno è molto fredda, circa 10°, quindi per portarla a 30° ce ne vuole di corrente..)
    -con contattore da 3,6kw posso tranquillamente fare lavatrice e asciugatrice in contemporanea (forse l'aspetto piu importante della faccenda).
    -protezione della lavatrice contro il calcare.

    Svantaggi:
    -quando si lava con programmi diversi bisogna ricordarsi di impostare il termostato per portare l'acqua in temperatura (ovviamente conviene sempre)
    -la caldaia a gas ha una certa età e probabilmente ha qualche disfunzione di lettura sulle mandate (sonde NTC da sostituire) e ogni tanto spara acqua a 60°, rovinando qualche capo in lana

    In caso servissero ho conservato, come di consueto, le relative foto di costruzione passo passo

  11. #31
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Per non rovinare....rubinetto termostatico ....perfetto...(50 euro eBay)

  12. #32
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Anche io quando o comperato la lavatrice ho chiesto di avere i due ingressi e mi hanno guardato come un ufo... Per ora dato che anche io ho i pannelli solari ho montato il doppio ribinetto vecchio della vasca da bagno. Prima apro la calda e dopo i due carichi iniziali chiudo la calda e apro la fredda per il risciacquo . Solo in piena estate quando ho sovraproduzione lascio aperta sempre la calda. Ciao
    Ultima modifica di stefanoPc; 17-04-2015 a 00:03
    Solare termico con intergrazione 4 Buderus Sks bollitore 500 L centralina autocostruita Caldaia condensazione Yunkers Stufa a legna a fiamma rovesciata Xeeos Seicento Elettra Robomow

  13. #33
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Il progetto di Scresan e' avvincente.
    Sicuramente un dispositivo che valuta le varabili esterne, (tempo, Ampere,Volt,W,cosphi,flusso acqua, "vibrazioni",ecc), potrebbe mappare ogni tipo di fase di lavaggio, differente per marca e modello. Inoltre aggire su resistenze schede interne o comunque svitare una vite potrebbe annullare la garanzia (oltre a non essere lavoretti x tutti).

    Di lavaggi non me ne intendo(lava mia moglie).
    Bisognerebbe far monitorare alcune di queste variabili a arduino/raspberry pi per capire se sono caratterizzanti di una fase (prelavaggio, centrifuga, ecc) e anticipare opportunamente l'immisione dell'acqua alla temperatura migliore attunando il rubinetto termostatico (forse un passo-passo).
    Effettivamente come ha scritto Scresan ormai questi sensori costano poco, quali prendereste?,quali grandezze possono essere sufficienti?
    Ultima modifica di Aledav; 18-04-2015 a 11:10 Motivo: perfezionamento

  14. #34
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Se non interagisci con la lavatrice a livello di 'sapere' quale programma adotti ed a quale temperatura, intercettando i relativi dati, non si può fare.
    Soluzione alternativa è demandare ad un controllo primario tali informazioni che coincidano però con la programmazione del ciclo di lavaggio impostato in lavatrice.
    La via più semplice è che il sistema garantisca un minimo di apporto demandando alla lavatrice il compito di integrare in base al programma selezionato, ma anche in questo caso vi è il problema delle latenze di immissione di acqua calda in base all'impianto di casa, per cui se non prevedi un ricircolo o un accumulo tampone di fredda da riutilizzare, altrimenti sprecata, ma i benefici potrebbero essere minimi.
    Inoltre devi prevedere esclusioni in caso di lavaggio a freddo o uno/due/tre cicli calda etc. etc.
    Insomma se non interfacci il controllo primario dialogando con esso è impossibile.
    A meno che non si gestisca il tutto by-passando il controllo primario per sfruttare solo la parte hardware della lavatrice e creare un nuovo sistema di controllo, ma c'è sempre la latenza di invio di acqua calda da risolvere caso per caso in base all'impianto.
    Insomma si potrebbe 'androidare' o 'arduinizzare' ma è complesso lo stesso.

  15. #35
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao a tutti, anche se praticamente non ho mai scritto vi seguo da moltissimo, ritengo in questo caso di darvi la mia esperienza sperando che possa essere utile. 7 anni fa quando ho installato il solare termico ho deciso di sfruttare questa nuova energia per la lavatrice (una lavasciuga indesit che oggi ha 15 anni e di classe energetica indefinita). Sotto il lavatoio della lavanderia ho installato un banale miscelatore acqua calda/fredda che ha un range di miscelazione da 30 a 60 gradi. Il sistema inizialmente non ha funzionato a dovere la miscelazione era incostante. Dopo vari studi ho aggiunto prima dell'entrata (sia dell'acqua calda che fredda) del miscelatore due "valvole di non ritorno". Il sistema funzionava perfettamente con indubbi vantaggi economici, però ho riscontrato i seguenti difetti:
    1) prima di accendere la lavatrice si doveva fa scorrere l'acqua dal rubinetto del lavabo altrimenti la lavatrice avrebbe tirato su acqua fredda (il percorso ai pannelli/boiler e lunghetto)
    2) in tutte le fasi tira su acqua calda, magari vantaggioso in inverno in quanto i panni venivano fuori caldi ma il consumo di acqua calda era veramente notevole e fastidioso con conseguente aumento di rientro della spesa.
    Da tenere in considerazione che sotto il lavatoio era un bel groviglio di tubazione e il costo tra valvola termostatica meccanica, due valvole di non ritorno non è indifferente (alla fine mi sono andati via una cinquantina di euri), inoltre la "difficoltà/fastidio" di regolare ogni qualvolta la temperatura a seconda del lavaggio intervenendo sotto il lavatoio, beh tutto questo alla lunga stanca e le mogli spazientiscono

    Cinque anni fa ho visto nel ferramenta della mia zona il dispositivo della save, che già conoscevo, ma che visto il costo mi ha sempre fermato. Quando però la valvola termostatica mi si è inchiodata (non si riusciva più a regolarla) ho deciso di prenderla alla "modica" cifra di 149€. Se non è stata la felicità del mio portafoglio lo è stata quantomeno quella di mia moglie.
    Stiamo parlando di una banale scatola contente due valvole elettromeccaniche (le stesse che si trovano anche dentro la lavatrice) che con un sensore di temperatura aprono e chiudono acqua calda e fredda per raggiungere la temperatura impostata e una scheda elettronica che probabilmente avrà il programma di funzionamento.
    A distanza di 5 anni però posso dire questo sullo strumento:
    1) posso regolare lo scarico di acqua iniziale e non farlo più aprendo i rubinetti
    2) il consumo di acqua calda è calato drasticamente e soprattutto di inverno quando i pannelli producono poco o niente non mi dispiace
    3) la regolazione della temperatura è molto precisa tanto che mia moglie ha impostato di default la temperatura dell'acqua della lavatrice a 0 gradi
    3) la moglie lo considera parte integrante della lavatrice e ne è contenta (scusate se è poco )
    4) il groviglio di tubi sotto il lavatoio è sparito ed è tornato libero come spazio per contenere i detersivi

    A livelli di consumo energetico, che questo sistema sia fatto in casa o acquistato, il risparmio è comunque notevole, i cicli di lavaggio si sono ridotti, il massimo consumo energetica della lavatrice arriva a 300w in centrifuga (non ricordo il consumo totale del ciclo ma se ce ne fosse bisogno attacco il misuratore), la lavatrice aperta un mese fa per cambiare una valvola era ancora in condizioni perfette come nuova, nonostante mai meno di un lavaggio quotidiano).
    Non da ultimo quando mi toccherà cambiarla posso anche fregarmene della classe energetica, ma guardare solo che abbia le caratteristiche di avere la manopola della temperatura dell'acqua che si possa regolare e quelle magari che consumano meno acqua per lavaggio.
    Se tornassi indietro però non farei più una cosa home made in quanto a distanza di anni comunque il sistema si è ripagato, il sistema è più user friendly e ben sappiamo come possa fallire un progetto se questo non viene apprezzato perchè magari "costa fatica" girare qualche manopola scomoda.
    Se c'è bisogno di qualche foto dei pezzi usati ditemelo tengo ancora tutti i pezzi non butto via mai niente.

  16. #36
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    All'epoca avevo valutato.....ma il costo mi ha frenato....io con 50 euro di termostatica e un po di tubo(60\70) euro ) ho risolto...la valvola in posizione super comoda....di fianco al pomello lavatrice...tubazione lunga risolta con ricircolo....

  17. #37
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Salve a tutti...
    In considerazione del fatto che la lavatrice che ho sta iniziando a fare capricci e che ho la predisposizione per l'acqua calda e fredda, stavo cercando un modello a doppio carico calda/fredda. L'ACS viene fatta da uno scaldacqua a pompa di calore.
    Per questioni di spazio sono costretto a prenderne una a carica dall'alto che purtroppo costano più di quelle frontali.
    Vorrei approfittare anche del fatto che prendendone una di classe A+ o superiori si ha diritto allo sgravio fiscale del 50% come bonus mobili e fortunatamente ho i requisiti per averlo...
    Mi sono imbattutto in questo modello... http://www.mistercucina.com/prodotti...nici/35699.pdf

    Che ne pensate?

  18. #38
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Io avevo un'ottima lavatrice con doppio ingresso,ma quando ho dovuto cambiarla non ne ho più trovata una a doppio ingresso.
    Sapete come faccio ora? dopo aver caricato la lavatrice con i panni e il detersivo ,immetto acqua calda a 60°C dal cassetto del detersivo con L'annaffiatoio.l'annaffiatoio è di 6 litri,ergo per riempire la lavatrice fanno 3 annaffiatoi.
    Ho controllato i consumi con uno di quei wattmetri a presa ,e il consumo,non dovendo scaldare l'acqua, scende drasticamente.
    certo sarebbe meglio mettere una canna con l'acqua calda,un giorno lo farò.

  19. #39
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Per me è un contro senso...d'accordo il risparmio. ...ma essere schiavi dei tempi della lavatrice no!!!! Io faccio partenza ritardata....molte volte non sono a casa....soluzione non proponibile! !!!

  20. #40
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Perchè schiavo della lavatrice? io la partenza ritardata non la faccio.
    per lavare i panni la devi pur caricare,la lavatrice,no?
    dopo averla caricata,prima di accenderla,la riempi di acqua calda.(io il prelavaggio non lo faccio).Appena è piena parte subito
    perchè non deve scaldare l'acqua (è già calda) e finisce presto di fare il lavaggio.
    inoltre si rompe meno perchè la resistenza elettrica non si copre di calcare.

  21. RAD
Pagina 2 di 4 primaprima 1234 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. [LAVASTOVIGLIE] ..con doppio ingresso acqua CALDA / FREDDA
    Da scu nel forum Elettrodomestici e apparecchiature elettriche/elettroniche domestiche
    Risposte: 150
    Ultimo messaggio: 18-05-2017, 18:11
  2. [lavastoviglie] ..fa risparmiare acqua?
    Da giorgio1769 nel forum Elettrodomestici e apparecchiature elettriche/elettroniche domestiche
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 30-04-2012, 23:01
  3. Acqua calda, come?
    Da Enrico. nel forum In Casa
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 18-09-2009, 12:38
  4. acqua calda
    Da bellubelin nel forum In Casa
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 24-08-2008, 23:20
  5. Acqua Calda
    Da domitianus nel forum Asse VERTICALE - prototipi privati (Fai-Da-Te Mini-micro eolico)
    Risposte: 39
    Ultimo messaggio: 29-03-2008, 16:10

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •