Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 2 su 2

Discussione: Supercorde

  1. #1

    User Info Menu

    Predefinito



    MESSAGGIO CANCELLATO

    Edited by MetS - 24/2/2008, 20:11

  2. #2
    Ospite

    Predefinito

    Intervengo rapidamente per fare chiarezza su due punti:

    1) gli atomi e le particelle, anche se trovano una descrizione quantomeccanica, sono oggetti trattati anche quasi-classicamente (atomi) e sistematicamente (particelle). Nel caso delle teorie quasi-classiche, la teoria classica viene modificata ad hoc per dare conto del comportamento del sistema atomico (il capostipite è la quantizzazione Bohr-Sommerfeld). Per le particelle si usano diverse teorie matematiche a seconda delle grandezze che si vogliono misurare (Teoria dei gruppi, teorie topologiche, teorie di gauge) che dal punto di vistafisico confluiscono tutte nel modello standard o nella teoria delle stringhe (le corde e' abbastanza inusuale come termine), come preludio all'ipotesi unificatrice delle forze.

    2) Le teorie di stringa sono normali teorie di gauge che aggiungono gradi liberta', indicati come intrinseci, ai sistemi in esame per poi farli scomparire alla fine del processo di calcolo. Quest'ultimo processo e' detto rinormalizzazione ed e' necessario in ogni teoria fisica che aggiunge grandezze che poi nella pratica non possono essere misurate.

    3) Piu' importanti delle teorie di stringa e ad esse collegate almeno nei concetti sono le teorie "brane" che hanno pero' il problema di basarsi su concetti di simmetria tutti da dimostrare prima sperimentalmente (il monopolo magnetico o stringa di Dirac ne e' un esempio) e sono indicate come teorie solitoniche.

    4) infine, il problema della fusione tra le due teorie (Relativita' generale e Meccanica Quantistica) non risiede in problemi interpretativi delle grandezze fisiche (come spazio e tempo, che sono trattate in maniera continua anche in meccanica quantistica) ma in problemi dovuti all'interazione. Il campo gravitazionale e quello "quantistico" non sono omologhi e a differenza dell'elettrodinamica quantistica, che attraverso una serie di ragionevoli ipotesi riesce - barando almeno dal punto di vista quantistico - a soddisfare i dati sperimentali, la gravitazionale ha in se dei concetti e quindi degli operatori che non sono compatibili con la meccanica quantistica. Inoltre fisicamente e' come se arrivati a certe distanze svaniscono gli effetti di campo gravitazionale e vengono fuori quelli quantistici che dal punto di vista della misura sono costretti dal principio di indeterminazione, e quindi addio causalita'.

    Saluti LC

  3. RAD

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •