Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 5 di 21 primaprima 12345678910111213141516171819 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 81 a 100 su 418

Discussione: 10 minuti per comprendere il Conto Energia

  1. #81
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Salve spero di non aver sbagliato discussione e soprattutto di non ripetere una domanda già fatta.
    Come si può vedere dal foglio excell allegato mi trovo questa situazione:
    Lettura della produzione di gennaio in data 10 marzo, liquidazione del contributo il 30 aprile. Poi c'è una prima rettifica al ribasso della produzione in data 8 giugno ed una seconda che invece alza il valore della produzione in data 2 settembre. Ma la momento il GSE mi sta stornando il contributo del 30 aprile per adeguarlo al valore del 6 giugno nonostante la successiva rettifica. Questa situazione con date differenti si ripete per tutto il 2009. Mi domando è successo solamente a me? E poi considerato che le mie letture coincidono con la rettifica del 2 settembre, devo in qualche modo far arrivare la protesta al GSE?

    Grazie

    Marco
    File Allegati File Allegati

  2. #82
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao a tutti volevo chiedere una cosa.
    Io da quel che ho capito dallo scambio sul posto è che in pratica la rete elettrica(enel) fa da batterie per l'impianto.
    Cioè a fine anno si fa la differenza tra dare e avere.
    Ma ultimamente mi han spiegato che non è cosi, perché l'enel vuole le spese o guadagnarci.....
    Quel che mi hanno detto è vero?
    Supponiamo che io produca 1000 KW di giorno e li utilizzo tutti di notte cosa devo spendere?

  3. #83
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Se non erro, detto in poche parole tu continui a pagare le bollette con il tuo fornitore (enel, ma essendo libero il mercato può essere anche un altro operatore es: i tedeschi della Eon).
    Il GSE (non è proprio l'enel) ti corrisponde ogni 3 mesi una quota di denaro derivante da quanta energia hai prodotto e quanta ne hai consumata (ciò in aggiunta al corrispettivo che già ti spetta come incentivo al fotovoltaico dovuto al Conto Energia).
    Tuttavia le bollette le paghi con le tasse al tuo gestore, la quota che recuperi dal GSE te la danno detassata....quindi in un certo senso è minore rispetto quanto hai pagato.
    Lo Stato, che non è nè il distributore di energia, nè appieno il GSE ha ovviamente un guadagno in tutto ciò, dato che non fa un ... e si piglia le tasse sul consumo di corrente elettrica.
    Poi il GSE si occupa della vendita di energia che hai prodotto nel mercato elettrico italiano (GME) e dei rapporti con il tuo gestore fra l'energia che hai prodotto, consumato e venduto nel mercato elettrico.
    Il tuo impianto fotovoltaico tuttavia è in parallelo con la tua rete domestica, quindi in un certo senso la tua bolletta indicante quanta corrente elettrica attingi dalla rete o meglio dal tuo distributore è già diminuita di buona parte dei consumi diurni. Installando un impianto fotovoltaico dovrebbe quindi calare l'energia che attingi dalla rete elettrica nazionale.
    Se hai una tariffa bioraria con il tuo distributore, in cui il consumo diurno costa più di quello notturno, a maggior ragione avere un "generatore elettrico" che funziona solo di giorno e ti permette di non consumare l'energia quando costa di più, è piuttosto conveniente.

    Il cervello umano, uno dei più potenti e pazzi supercomputer mai inventati, impiega solo 100W per funzionare

  4. #84
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Mamma mia quanto è complicata.....
    Ma quanto mi viene pagata la corrente che do al GSE?
    Ha un prezzo fisso o mi vien pagata come la pago io?

  5. #85
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Lightbulb

    Quote Originariamente inviata da tonytorri Visualizza il messaggio
    Mamma mia quanto è complicata.....
    Ma quanto mi viene pagata la corrente che do al GSE?
    A un prezzo fisso o mi vien pagata come la pago io?
    C'è una bella e interessante discussione sul nuovo SSP dove trovi tutte queste nozioni, comunque sapremo la verità e avremo certezza del costo ufficiale del kWh che verrà rimborsatoci, solo a giugno 2010, quando avverrà il primo conguaglio annuale.
    Reputo che il costo del kWh si aggirerà tra 0,15 e 0,18 €...quindi con una differenza rispetto al kWh pagato in bolletta di circa 15/20 % a causa di tasse e diritti fissi non rimborsati.

    Saluti...
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  6. #86
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    hehehe chissà perchè han reso estremamente complesso il sistema....grazie anche alla liberalizzazione del mercato elettrico.

    Non non ti viene pagata come la paghi tu.
    La differenza è che tu hai un contratto con un fornitore, probabilmente una tariffa bioraria (di giorno paghi di +, di notte -, giorni non lavorativi meno).

    Il GSE si occupa di vendere sul mercato elettrico GME la corrente che hai prodotto per conto tuo e lo fa secondo i canoni di quel mercato...quindi non secondo lo schema che hai tu con il tuo fornitore di corrente elettrica dalla rete.
    Per capirsi, puoi pensare al GME come alla borsa ed i tuoi KWh prodotti dall'impianto come a delle azioni da vendere in borsa.
    L'andamento varia nel tempo, fra giorno e notte dato che muta la domanda e l'offerta. Varia con le zone territoriali...tanto che si parla di "prezzo zonale" della corrente elettrica.
    Teoricamente un'area con grossi fornitori di corrente elettrica e bassa richiesta fa si che il prezzo del KWh resta basso...mentre dove c'è molta richiesta e poca produzione il prezzo si alza.
    Un maggior consumo di corrente elettric dalla zona in cui vivi può quindi mediamente comportare un piccolo vantaggio per i produttori di corrente elettrica da impianto fotovoltaico.
    Il GSE si finanzia anche con il conto A3 che verte su tutte le bollette con una certa quotaparte su quanto consumato dalle utenze elettriche italiane.

    Insomma puoi pensare al GSE come al tuo uomo che vende le tue azioni in borsa e lo fa secondo le "tue" direttive (Rid, SSP), ma pur sempre al variare dell'andamento della borsa.
    Il cervello umano, uno dei più potenti e pazzi supercomputer mai inventati, impiega solo 100W per funzionare

  7. #87
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    fatemi capire una cosa...e se uno ha un consumo parzi a zero solo praticamente il canone con il proprio fornitore di energia elettrica?

    Quanto prende dal GSE sempre con lo scambio sul posto?
    Kit sola ACS a Circolazione Naturale di produzione UE (Spagnola) 2 collettori piani SunSelect e Bollitore 192 lt Orient./Inclin: -23°/40°. Caldaia a Condensazione 24,7kw Termostufa 19,6 kw resi all'acqua, termosifoni ghisa e alluminio. Impianto fotovoltaico in regime di scambio sul posto da 2,990 kW policristallino con sistema di monitoraggio. Località: Botticino Mattina (prov. di Brescia - Lombardia - Italia) Orient./Inclin: -23°/12°

  8. #88
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    fatemi capire una cosa...e se uno ha un consumo parzi a zero solo praticamente il canone con il proprio fornitore di energia elettrica?

    Quanto prende dal GSE sempre con lo scambio sul posto?
    Kit sola ACS a Circolazione Naturale di produzione UE (Spagnola) 2 collettori piani SunSelect e Bollitore 192 lt Orient./Inclin: -23°/40°. Caldaia a Condensazione 24,7kw Termostufa 19,6 kw resi all'acqua, termosifoni ghisa e alluminio. Impianto fotovoltaico in regime di scambio sul posto da 2,990 kW policristallino con sistema di monitoraggio. Località: Botticino Mattina (prov. di Brescia - Lombardia - Italia) Orient./Inclin: -23°/12°

  9. #89
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Teoricamente oltre all'importo del conto energia, il soggetto dovrebbe avere una quantità di denaro pari a quanto ha fornito alla rete elettrica.
    I calcoli sono abbastanza difficili, comunque il bilancio fra consumato e fornito è a favore del fornito, per cui vi è una rendita di denaro. Non viene considerato il canone fisso che resta ovviamente da pagare.
    C'è inoltre il bonus di autoconsumo che migliora la retribuzione che il GSE darà per i KW forniti alla rete elettrica.
    Il cervello umano, uno dei più potenti e pazzi supercomputer mai inventati, impiega solo 100W per funzionare

  10. #90
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da tonytorri Visualizza il messaggio
    Ciao a tutti volevo chiedere una cosa.
    Io da quel che ho capito dallo scambio sul posto è che in pratica la rete elettrica(enel) fa da batterie per l'impianto.
    Cioè a fine anno si fa la differenza tra dare e avere.
    Ma ultimamente mi han spiegato che non è cosi, perché l'enel vuole le spese o guadagnarci.....
    Quel che mi hanno detto è vero?
    Supponiamo che io produca 1000 KW di giorno e li utilizzo tutti di notte cosa devo spendere?


    ciao ho il piacere di ricordarti che l'energia prodotta di un impianto Ftv puo' solamente essere consumata in maniera istantanea , a meno che nn hai degli accumulatori di corrente.

    ciao ciao

  11. #91
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Scusa spiegami meglio io non l'ho capita proprio cosi.
    A m'è hanno detto che per esempio se io produco 150 e consumo 100 i 100 li consumo e stop.
    Ma i 50 in più li cedo all'ENEL Che meli dovrebbe pagare 0,14 (circa dicono che il prezzo viene fato da un fantomatico mercato) e poi la riandrei ad acquistare di notte a 0,18 .
    Quello che mi hanno spiegato è vero, altrimenti sarebbe una fregatura.

  12. #92
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da tonytorri Visualizza il messaggio
    Scusa spiegami meglio io non l'ho capita proprio cosi.
    A m'è hanno detto che per esempio se io produco 150 e consumo 100 i 100 li consumo e stop.
    Ma i 50 in più li cedo all'ENEL Che meli dovrebbe pagare 0,14 (circa dicono che il prezzo viene fato da un fantomatico mercato) e poi la riandrei ad acquistare di notte a 0,18 .
    Quello che mi hanno spiegato è vero, altrimenti sarebbe una fregatura.
    150 li produci, 150 * conto energia = GSE ti paga.
    Invece per lo scambio sul posto:
    Poi 150 li metti in rete e 100 li consumi. Paghi la bolletta da 100 al tuo fornitore e il GSE vende sul mercato 150-100, fornendoti poi i soldi equivalenti a 100 che tu hai prodotto e consumato in casa + 50 che hai venduto.
    in realtà il servizio di scambio sul posto è abbastanza complicato.
    Ad esempio se tu produci 150, per consumare 100 dal tuo fornitore devi avere avuto un consumo effettivo almeno di 250, ovvero un consumo tale che ti fa prelevare corrente dalla rete o meglio dal tuo fornitore.
    Il cervello umano, uno dei più potenti e pazzi supercomputer mai inventati, impiega solo 100W per funzionare

  13. #93
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Scusate, ma in pratica nessuno ci capisce qualcosa di sto benedetto scambio sul posto.
    Non si sa a quanto mi viene pagata la luce ( mi dicono che viene quotata su un fantomatico mercato).
    Per di più non si riesce neanche a capire come viene scambiata......
    Fin per carità io sarò pur un impedito, comunque fin ora nessuno mi ha saputo far chiarezza.

  14. #94
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    con le ruote? assicurazione doppia sul furto:-)

    Tornando al Conto Energia.

    Scambio sul posto vs Ritiro dedicato

    Analizziamo nel dettaglio per il privato magari che ha installato un impianto di circa 3 kW e che consuma 2500 kW/h/anno.

    Premesso che per le persone fisiche con impianti inferiori a 20kW:

    1° non serve partita iva ne nessun tipo di fattura o altro. E' il GSE che ti ritira l'energia in eccesso sul posto.

    2° niente iva e nemmeno imposte sul cotrinuto GSE che è uguale a quello dello scambio sul posto

    3° per l'energia venduta e solo per l'energia venduta fino a 7000 euro non c'è ne iva e nemmeno da inserirla nei redditi diversi ai fini fiscali (penso 7000 euro annuali! di tetto).


    Possiamo fare una simulazione?

    Chiarimento sul ritiro dedicato sul posto: quello che consumo di giorno con il sole mentre l'impianto produce viene "scalato", ma di sera? quando l'impianto non produce o d'inverno quando alle 5 c'è buio? non penso venga scalato...come per lo scambio sul posto. O sbaglio?
    Kit sola ACS a Circolazione Naturale di produzione UE (Spagnola) 2 collettori piani SunSelect e Bollitore 192 lt Orient./Inclin: -23°/40°. Caldaia a Condensazione 24,7kw Termostufa 19,6 kw resi all'acqua, termosifoni ghisa e alluminio. Impianto fotovoltaico in regime di scambio sul posto da 2,990 kW policristallino con sistema di monitoraggio. Località: Botticino Mattina (prov. di Brescia - Lombardia - Italia) Orient./Inclin: -23°/12°

  15. #95
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    X Diegodi
    Premesso che per le persone fisiche con impianti inferiori a 20kW:
    1° non serve partita iva ne nessun tipo di fattura o altro. E' il GSE che ti ritira l'energia in eccesso sul posto.

    Dove trovo la norma/delibera/circolare che conferma quello che hai scritto?


    3° per l'energia venduta e solo per l'energia venduta fino a 7000 euro non c'è ne iva e nemmeno da inserirla nei redditi diversi ai fini fiscali (penso 7000 euro annuali! di tetto).

    Anche qui: mi dai un riferimento, per favore?

    grazie.

    saluti.
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  16. #96
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    I riferimenti scritti li ho e li trovi anche su schemi dell'Ing. Caff.

    Il punto è sono 7000 euro anno come tetto?

    Altra cosa...........

    Non vorrei avere poi problemi fiscali più che con il GSE.


    Situazione per impianto:

    diciamo la casa A...non c'è nemmeno il contatore, non è abitata ma ha tetto ben orientato.
    A 20 mt c'è l'abitazione "vera", diciamo la casa B, anch'essa di proprietà mia, con contatore e facilmente raggiungibile dai tubi interrati. Inizialmente consumo energetico zero.

    E' possibile installare l'impianto sulla casa A non abitata e collegarlo alla casa B e attivare lo scambio sul posto o ritiro dedicato senza problemi fiscali?

    Scambio sul posto o ritiro dedicato fiscalmente in questo caso si comportano diversamente?

    Anche se un giorno poi tale abitazione B verrà affittata?



    Considera che per il ritiro dedicato:
    1° non serve partita iva ne nessun tipo di fattura o altro. E' il GSE che ti ritira l'energia in eccesso sul posto.

    2° niente iva e nemmeno imposte sul cotrinuto GSE che è uguale a quello dello scambio sul posto

    3° per l'energia venduta e solo per l'energia venduta fino a 7000 euro non c'è ne iva e nemmeno da inserirla nei redditi diversi ai fini fiscali (penso 7000 euro annuali! di tetto? o complessivi?).
    Kit sola ACS a Circolazione Naturale di produzione UE (Spagnola) 2 collettori piani SunSelect e Bollitore 192 lt Orient./Inclin: -23°/40°. Caldaia a Condensazione 24,7kw Termostufa 19,6 kw resi all'acqua, termosifoni ghisa e alluminio. Impianto fotovoltaico in regime di scambio sul posto da 2,990 kW policristallino con sistema di monitoraggio. Località: Botticino Mattina (prov. di Brescia - Lombardia - Italia) Orient./Inclin: -23°/12°

  17. #97
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    @tonytorri
    Più complesso, meno la gente lo capisce, meno è invogliata a utilizzarlo, più nucleare
    Finchè certi governi osteggiano certe possibilità di fonte energetica a favore di altre (che tra l'altro sarebbero inapplicabili per referendum secondo la costituzione italiana) invece che caldeggiare e sostenere TUTTE le possibili fonti di approvigionamento energetico (magari con un bilancio che tenga conto dei pregi e dei difetti), il risultato è quello che vedi.
    Ciononostante sull'excel linkato che puoi trovare in questo forum e sul libro+programma evoluto messo in vendita da un utente sempre di questo forum le cose son spiegare meglio e più semplici.

    Il fantomatico mercato energetico (GME) non esiste solo per il GSE e per il servizio di scambio su posto, ma esiste per qualsiasi produttore di energia elettrica nel territorio italiano.
    Purtroppo finchè in tv vanno i rincoglion-ality questo cambiamento epocale (l'introduzione della borsa del mercato elettrico nazionale) non te la spiega nessun esperto, trasmissione, giornalista...
    La sfiducia che sembri dimostrare nelle tue parole va estesa ad una recente innovazione che pochi conoscono

    Il cervello umano, uno dei più potenti e pazzi supercomputer mai inventati, impiega solo 100W per funzionare

  18. #98
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ho trovato questo articolo sul nuovo scambio sul posto aggiornato a marzo 2010 che ne pensate?

  19. #99
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Foxxya Visualizza il messaggio
    (che tra l'altro sarebbero inapplicabili per referendum secondo la costituzione italiana)
    ehhh, si vede
    l'abbiamo comprata x 20 anni dall'estero al triplo del prezzo, si vede cm abbiamo rispettato il referendm

    ciao

  20. #100
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Il referendum ha validità solo territoriale. Non può imporre nulla fuori confine.
    Invece gli amministratori delegati di enti pubblici o società compartecipate in maggioranza dallo Stato rendono conto al capo del governo, al variare delle elezioni politiche.
    In realtà essendo questo paese l'Italia, anzi l'Al-Italia, gli amministratori di maggioranza si comportano esattamente come i politici...d'altra parte spesso sono pure parenti od amici di onorevoli.

    L'energia l'abbiamo comprata al triplo del prezzo? bene ora arrivano le centrali nucleari così non compreremo più energia al triplo del prezzo. No compreremo direttamente l'uranio a 20 volte il suo prezzo sempre dalla francia ed avremo in conto le spese di: sicurezza, trasporto, smaltimento scorie.
    C'è sempre la possibilità Iran che te lo vende a metà prezzo solo se glielo dici agli americani.
    Le spese rimangono anche se si prende l'uranio dall'Iran o dalla Corea.

    Il cervello umano, uno dei più potenti e pazzi supercomputer mai inventati, impiega solo 100W per funzionare

  21. RAD
Pagina 5 di 21 primaprima 12345678910111213141516171819 ... ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Auto elettrica che si ricarica in 15 minuti
    Da nel forum ACCUMULAZIONE di ENERGIA
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 31-08-2010, 19:14
  2. E' POSSIBILE CARICARE UNA BATT DA AUTO ELETTRICA IN 3 MINUTI???
    Da andregrande nel forum Pile e Batterie (generico)
    Risposte: 30
    Ultimo messaggio: 13-03-2009, 16:00
  3. Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 17-10-2008, 09:53
  4. Auto elettrica che si ricarica in 15 minuti
    Da nel forum Categoria M1 (es. prototipi auto elettriche)
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 23-05-2007, 12:59
  5. Conto Energia: Autorità Energia si muove!
    Da FernandoFast nel forum 10 minuti per comprendere il Conto EnergiaFOTOVOLTAICO
    Risposte: 17
    Ultimo messaggio: 23-09-2005, 10:01

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •