manutenzione impianti fotovoltaici
Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 8 su 8

Discussione: LIBERALIZZAZIOE DELLE FORNITURE ELETTRICHE

  1. #1
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito



    Come molti sapranno dal &#39;99 con la legge Bersani sulla liberalizzazione del mercato elettrico, le aziende possono cambiare il fornitore di energia elettrica, usufruendo di prezzi scontati e potendo scegliere forniture di energia pulita.<br><br>si può scegliere di fare un contratto annuale con compagnie quali &#39;La220&#39;, &#39;Flyenergia&#39;, &#39;Sorgenia&#39;, &#39;Edison&#39;, x citarne alcune, che offrono + o - gli stessi sconti con alcune che garantiscono energia pulita.<br><br>La mia domanda è questa:<br><br>se ho un contratto di fornitura nel mercato libero e non più con ENEL (anche se ENEL continua la distribuzione),<br><br>cambia qualcosa x lo scambio sul posto? a chi la &#39;presto&#39; la mia energia in eccesso?

  2. #2
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    hei questa è una questione seria&#33; possibile che a nessuno interessi?

  3. #3
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao,<br>per quanto riguarda la tua domanda la risposta la trovi sul sito dell&#39;AEEG (<a href="http://www.autorita.energia.it" target="_blank">http://www.autorita.energia.it</a>)<br>Quando sei nel sito clicca su &quot;elettricit&agrave;&quot; e in alto a destro trovi la definizione di scanbio sul posto FV.<br>Ti allego uno stralcio<br>ciao<br>RemTechnology<br><br><br><br>S cambio sul posto e fotovoltaico - introduzione<br>Se un soggetto è titolare o ha la disponibilit&agrave; di un impianto di potenza fino a 20 kW alimentato da fonti rinnovabili, può, in alternativa:<br><br>vendere l’energia elettrica prodotta sul mercato libero:<br>attraverso contratti bilaterali con grossisti o clienti finali liberi;<br>attraverso la Borsa elettrica;<br>vendere a prezzo amministrato l’energia elettrica prodotta al gestore di rete cui l’impianto è collegato;<br>usufruire del servizio di scambio sul posto, facendone richiesta all’impresa distributrice competente sul territorio ove l’impianto è ubicato.<br>Sulla base della scelta effettuata ai fini della cessione dell’energia elettrica, si applicano, rispettivamente, i seguenti provvedimenti:<br><br>la vendita dell’energia elettrica sul libero mercato avviene nel rispetto di quanto previsto dalla delibera n. 168/03 e sue successive modifiche e integrazioni;<br>le modalit&agrave; e le condizioni economiche per il ritiro dell’energia elettrica ai sensi dell’articolo 13, commi 3 e 4, del decreto legislativo n. 387/03, sono definite dalla delibera n. 34/05 e sue successive modifiche e integrazioni.<br>Il soggetto cui rivolgersi per la stipula della convenzione è il gestore di rete cui l’impianto è collegato;<br>la disciplina del servizio di scambio sul posto è definita dalla delibera n. 28/06 .<br>l soggetto cui rivolgersi per la stipula del contratto per il servizio di scambio sul posto è l’impresa distributrice territorialmente competente.<br>Nei casi di cui alle lettere a) e b) il soggetto titolare dell’impianto si configura come produttore e vende l’energia elettrica.<br>Nel caso dello scambio sul posto, invece, il soggetto che richiede il servizio si configura come cliente finale, e pertanto:<br><br>deve aver sottoscritto un contratto di fornitura (se è cliente vincolato) o i contratti di trasporto e di dispacciamento (se è cliente libero);<br>non può vendere l’energia elettrica prodotta, ma solo utilizzarla, anche in maniera differita nel tempo, per coprire i propri consumi.<br>Nel manuale operativo sono presentate e descritte le modalit&agrave; di applicazione del servizio di scambio sul posto, anche in presenza di particolari incentivazioni in conto energia.<br><br><br><br>

  4. #4
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie x la segnalazione, cmq non ho ancora capito bene...<br><br>se un&#39; azienda ha un contratto di fornitura con &#39;X&#39; che non sia ENEL,<br><br>con chi fa lo scambio? con ENEL DISTRIBUZIONE? o con la compagnia &#39;X&#39;?<br><br>e se cede energia al gestore e poi preleva in un secondo momento, la compagnia &#39;X&#39; è sicuro che non chiede il pagamento?<br><br>nel caso di consumi presunti da pagare e che poi vengono saldati a conguaglio (vedi discussione &#39;anticipo sui consumi&#39;) la compagnia &#39;X&#39; far&agrave; storie?<br><br>parlate chiaro <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ebc5a3901dde1687b445071a1f4d4104.gif" alt=":)">

  5. #5
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    il contratto di scambio P&lt;20 kw si fa con la compagnia che vende l&#39;energia.<br>La vendita dell&#39;energia per tutte le taglie ai prezzi minimi si fa con enel secondo i prezzi della delibera 34<br>Per lo scambio ti consiglio di interpellare il fornitore, io ci ho messo 6 mesi<br>Ho iniziato a muovere le acque quando lo scambio si riferiva alla delibera 224 solo per il mercato vincolato<br>ciao

  6. #6
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    grazie x la spiegazione.. quindi se ho un contratto di fornitura con &#39;la220 s.p.a.&#39; ad esempio, devo fare il contratto di scambio con loro? non con il gestore di rete, che resta Enel Distribuzione?<br><br>E se è cosi.. siamo sicuri che tutte le compagnie lo fanno? Quali di preciso?<br><br>scusate la petulanza.. ma è importante x non trovarsi poi in mezzo a casini burocratici e rimpalli di competenze.

  7. #7
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    eccoci di nuovo ai soliti problemi italiani

  8. #8
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    <i>Nel caso dello scambio sul posto, invece, il soggetto che richiede il servizio si configura come cliente finale, e pertanto:<br><br>deve aver sottoscritto un contratto di fornitura (se è cliente vincolato) o i contratti di trasporto e di dispacciamento (se è cliente libero);<br>non può vendere l’energia elettrica prodotta, ma solo utilizzarla, anche in maniera differita nel tempo, per coprire i propri consumi.<br>Nel manuale operativo sono presentate e descritte le modalit&agrave; di applicazione del servizio di scambio sul posto, anche in presenza di particolari incentivazioni in conto energia.</i><br><br><br><br>Quando si passa a libero mercato si rilascia contestualmente al contratto un mandato senza rappresentanza alla stipula dei contratti di dispacciamento e trasporto. Pertanto essi risultano a nome dell'azienda fornitrice. Di fatto ENEL (o AEM, ACEA, ecc) non "vede" più te come cliente ma loro. Ed infatti fattura al fornitore, che poi aggiunge a quella fattura l'energia ed a sua volta emette la fattura completa nei tuoi confronti.<br>Serve ad evitare che ti arrivi per lo stesso mese la fattura ENEL e quella del fornitore (come succede nella telefonia dove telecom fattura i canoni anche se sei con tele2 ecc)<br><br>Per poter fare lo scambio tu devi essere titolare di dispacciamento e trasporto. Significa che quei contratti li devi stipulare tu. Significa che ogni mese riceverai due fatture (una del distributore e una del fornitore) se non tre (non ricordo se gli oneri GRTN vengono gi&agrave; fatturati dal distributore o sono a parte).<br><br>L'importo finale non cambia, ma c'è un appesantimento operativo. Ovviamente il fornitore deve accettare che tu stipuli quei due contratti a parte. Non tutti lo fanno, in genere era una richiesta delle aziende grandissime (intese come almeno 400.000 euro al mese di consumo) ormai non lo chiede più nessuno.

  9. RAD

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •