i Libri di Terranuova
Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 2 di 2 primaprima 12
Visualizzazione dei risultati da 21 a 30 su 30

Discussione: Serra riscaldata

  1. #21
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito



    si si
    mi è chiaro il discorso del tubo radiante.
    Chiedevo se però è come ho inteso io che il riscaldamento nel massello ha una inerzia inaccettabile con le necessità di una serra.

    Sul riscaldamento sotto i banchi a mezzo di tubi sono daccordo.
    Lo si capisce anche solo usando la logica.

    fcattaneo
    cosa intendi quando dici:
    PS.. per una funziona radiante 200 Kw in 1500 M. sono una pura follia...
    ?
    non l'ho capita

    parli di tubo radiante o pavimento radiante ?

  2. #22
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da settantasei Visualizza il messaggio
    non l'ho capita

    parli di tubo radiante o pavimento radiante ?
    Entrambi...
    200 Kw è una potenza esagerata x scaldare 1500 Mt in radiante...Per farti un esempio io ho visto un canile di 600 mq scaldato a 12 gradi tramite pavimento radiante e usavano SOLO una PDC a bassa T da 16 Kw

    La struttura era in calcestruzzo non isolata, tuttavia la dispersione incide poco nei calcoli se non scaldi tutta la cubatura ( .. come fanno gli areotermi ).

    In radiante su strutture poco isolate le potenze in gioco e i consumi crollano.

    Ciao,
    F.

  3. #23
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Fcattaneo

    Non avevo specificato però che la serra con i suoi 2,5 w mq di dispersione con è a 1000 mt di altezza in fascia climatica F con temperatura di calcolo di -15 (o forse -17 non ricordo).

    Il termotecnico che aveva stimato i 200 kw di picco non aveva specificato con quale forma di distribuzione ottenere i 13\15 gradi di cui ho bisogno, però ha messo semplicemente i dati dentro al pc che gli ha restituito il risultato dei 200 kw.

    Effettivamente ragionando il pc ha calcolato di scaldare tutto il volume (1500 mq x 4 mt di altezza) in modo uniforme a 15° ,
    Cioè un volume di 6000 metri cubi in un involucro da 2,5 wmq in fascia climatica F.

    Ovvio che se però a me interessa portare a 15° solo il primo metro e mezzo di altezza da terra il conto si riduce almeno della metà.

    Giusto ?

    Fcattaneo sai che forse mi hai aperto un mondo ?
    che debba cambiare termotecnico ?
    Ultima modifica di settantasei; 28-06-2015 a 10:22

  4. #24
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    A quella quota come si fa a serra? Coi vetri doppi? Comunque io proverei a fare due conti di cosa costa fare il bancale radiante "fai da te".... Secondo me riesci a risparmiare dei bei soldi in impianto. Ma serra e caldaie a pallet già esistono? Cosa coltivi a quella quota?
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  5. #25
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    non c'è nulla.

    La serra è da costruire e con essa ovvimante impianto e caldaia.
    La caldaia verrà alimentata a pellet.

    La serra per metà è adibita a coltivazione fiori e per metà è una zona di vendita al cliente.
    Verranno prodotti fiori da giardino (è un garden, quindi gerani e similare).

    I doppi vetri sarebbero la soluzione migliore ma è purtroppo anche la più costosa.
    Ho ripiegato sul policarbonato alveolare da 16 mm che ha un 2,3 \ 2,5 w mq
    Ultima modifica di settantasei; 28-06-2015 a 11:26

  6. #26
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Se la fai la prossima primavera, quest'inverno potresti fare una prova. Fai una serra grande come un bancale e provi...generi calore con uno scaldabagno così misuri esattamente il consumo....e lo fai gestire da un termostato posizionato ad altezza foglie piante...segni il consumo di ogni giorno....e la T alle 7 di mattina...e poi tiri le somme...e vedi che potenza ha bisogno
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  7. #27
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao a tutti e ciao settantasei.

    Scusate il ritardo, ho unito il tutto ad altro 3d iniziato tempo fa che parlava di involucro, se volete leggete i primi post.

    Non ho letto molto attentamente, e ricordiamo tutti che si tratta di una applicazione particolare. Alcune affermazioni mi sono sembrate discutibili, ma forse sbaglio io:

    Quote Originariamente inviata da fcattaneo Visualizza il messaggio
    Che cavolaggine assurda!!!!

    GLi impianti radianti hanno maggior ragione proprio in contesti con alta e altissima dispersione.
    Competenza zero chi ti ha detto questa cosa..
    ...
    Il sistema ad areotermi è un assurdo nella tua applicazione.
    Di solito invece è proprio vero, gli impianti radianti si usano in contesti molto isolati proprio per la notevole inerzia!
    Qui però si sta ipotizzando una stratificazione di temperatura, tutta da dimostrare, che avvantaggerebbe il radiante!

    Provo ad argomentare dal basso della mia ignoranza.

    Anzitutto va ripetuto che l'isolamento viene prima degli impianti "speciali", e qui mi sembra qualcosa sia stato fatto.

    Poi, mi sembra abbastanza illusorio pensare che banchi "caldi" non inneschino i classici moti convettivi e che quindi si riesca ad avere una stratificazione "inversa", cioè caldo in basso e freddo sui vetri.

    Ma se questo pure avvenisse, a che livello? Quanto verrebbero scaldati i vasi? Non potrebbe essere nocivo alle piante?
    Mi sto dedicando ai bonsai, che hanno problemi di temperatura per i vasi piccoli. Di solito le piante "si aspettano" un terreno relativamente fresco e a temperatura costante, il rischio scaldando dal basso è che si trovino le radici sempre calde rispetto alla chioma. Magari non fa niente ma è da valutare.

    Altra cosa inadatta è l'inerzia dell'impianto radiante, che si può ridurre in parte ma resta sempre ben maggiore degli aerotermi.
    Infatti gli hanno consigliato un impianto misto mica per niente.... ci sarebbe il rischio che una giornata soleggiata e improvvisa (come un sole che si libera di colpo delle nubi, in montagna capita) provochi un arrostimento delle piante.

    Mi sembra di capire che la serra c'è e l'impianto no..io inizierei con aerotermi in basso, da far lavorare a bassa velocità in modo da non smuovere troppo l'aria. E poi eventualmente radiante in aggiunta, anche se non vedo come possa far risparmiare un radiante usato in ON/OFF e per giunta parzialmente ad alta temperatura.
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  8. #28
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Riccardo...per quel che vale....casa mia ...Misure con termostato infrarossi....che può essere poc preciso ma qui non interessa precisione assoluta quanto il Delta T. Pavimento 25 gradi (la mandata in quel momento era 27)...parete via via più fredda sino a soffitto a 3,8 metri a 17,5...direi molto stratificato...
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  9. #29
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buondì a tutti,Anche io floricultore, anche io in cerca di soluzioni.Alcune considerazioni sulla discussione attuale:76 non hai preso in considerazione un problema molto importante nel tuo caso, la NEVE che in quella zona cade copiosa.Secondo me ti stai affidando a dei termotecnici con poca esperienza nel campo della floricoltura.Quanti ambienti ha la serra? Come li separerai l'uno dall'altro? I bancali sono fissi o mobili? Di che materiale? Hai teli coibentanti?La pratica del riscaldamento a pavimento è molto diffusa nel nostro settore come pure il bancale a "letto caldo" proposta giustamente da MarcoBer.La destratificazione dell'aria è sempre necessaria.io sto valutando un'altra soluzione in un'ambiente più piccolo del tuo: utilizzare dei tubi alluminio a due alette (quelli che si usano nelle stalle) all'altezza della gronda per tutta la superficie della serra alimentati ad acqua calda (t.80 gradi) e destratificare verticalmente con delle pale grandi e a bassi giri.Vantaggi: costi ragionevoli (circa €10 al m. Lineare) ottima distribuzione del calore e facilità di realizzazione dell'impianto.Contro: bassa resa termica per metro lineare.Lascia perdere i termoconvettori (anche questi molto usati nelle serre) disconfort per te e per le piante con continui attacca/stacca, vero che hai costi iniziali inferiori (la mia serra è riscaldata così. 4 da 100.000 calorie) però tra consumo superiore di elettricità, rese netta,ente inferiori, necessità di destratificazioni maggiore ecc. Ecc. Secondo me al giorno d'oggi non ne vale piu la pena.Ultima cosa valuta bene l'apporto solare di cui avrai bisogno. Se dovessi fare un'impianto nuovo non farei una superficie totalmente "trasparente" ma solo dove serve. Per il resto (pareti verticali, pareti a nord, magazziono di stoccaggio, uffici e compagnia bella) tutto in sandwich, costa poco è leggero e isola bene.Grazie, Marcello

  10. #30
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    P.s. Visto che scaldi a biomassa occhio ai certificati bianchi, hanno un ritorno (o almeno avevano fino a un paio di anni fa) convenientissimo.

  11. RAD
Pagina 2 di 2 primaprima 12

Discussioni simili

  1. Casa singola riscaldata solo con VMC?
    Da genius2000 nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 18-08-2014, 10:57
  2. piccola serra riscaldata con fotovoltaico
    Da giuseppina nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 12-04-2012, 09:50
  3. Serra FV domestica
    Da EnerStore_Rolando nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 22-03-2010, 18:04
  4. Piscina riscaldata e impianto a pavimento
    Da cerquetta nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 06-09-2009, 12:53
  5. sfruttamento falda riscaldata - possibile?
    Da Xamphiam nel forum GEOTERMICO
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-06-2009, 16:12

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •