Mi Piace! Mi Piace!:  2
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 5 di 5 primaprima 12345
Visualizzazione dei risultati da 81 a 95 su 95

Discussione: Accumulo inerziale sulla mandata o sul ritorno?

  1. #81
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito



    scusa ma lo sbrinamento su una split come lo fa? immagino con il gas
    io ho puffer da 100 l connesso come disgiuntore, c'è qualche pericolo sui collegamenti per lo sbrinamento? pdc zubadan
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  2. #82
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da AjPilgrin Visualizza il messaggio
    La prevalenza di una pompa è determinata esclusivamente dalla sua geometria interna e dal motore che la aziona.
    Quando parli di sdoppiare la mandata interpreto che alla medesima pompa colleghi anche un secondo circuito in parallelo. Così facendo la portata della pompa, che è limitata in funzione della sua taglia, si ripartisce tra i due circuiti, ma la prevalenza (della pompa) non cambia.
    Facciamo un esempio: ho una pompa che fa massimo 3mc/h con prevalenza 60 kPa. La stessa pompa alimenta un circuito da 3mc/h. Se aggiungo un secondo circuito in parallelo che necessita di 1.5mc/h, succederà che entrambi i circuiti vedranno circolare 1.5mc/h ciascuno (non è proprio così ma semplifichiamo) perchè la pompa al massimo ne fa 3mc/h. Quindi il tuo circuito originario che necessitava di 3mc/h avrà una portata dimezzata. Quello che cambia è quindi la portata ma la prevalenza fornita dalla pompa rimane invariata.
    Spero di essere stato chiaro.
    Quindi una pompa con prevalenza = 15 metri che deve spingere a 15 metri di altezza, se colleghiamo la mandata ad una Y, e sdoppiamo il circuito in due parti uguali, continuerà a spingere senza problemi la metà della portata in ogni circuito ma comunque fino a 15 metri senza problemi? Allora mi ricordavo male io, sono nozioni imparate una decina d'anni fa.

  3. #83
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da AjPilgrin Visualizza il messaggio
    Non è facile sfatare questo mito del puffer, ma il puffer ha praticamente solo vantaggi, l'unico svantaggio che gli si può trovare è che rispetto a non averlo ha un po' di dispersione termica. Parliamo di dispersioni ridicole se il prodotto è buono e se l'impianto è ben isolato!
    Pochi potranno fare la prova ma vi assicuro che quando lo vedete con i vostri occhi no avrete più dubbi. Quando una PDC parte, per i primi 2-3minuti, il suo COP è bassissimo, rasenta lo zero per almeno 90 secondi, poi inizia a crescere e si stabilizza oltre i tre minuti. Se non ho il puffer, a carico parziale (90% della stagione?) rischio di fare continui on/off perchè la macchina è dimensionata sul picco e si trova a dover soddisfare un fabbisogno inferiore alle sue capacità. Il risultato è che nella mezza stagione quando dovrei avere i COP maggiori invece fanno schifo, perchè la macchina fa un on/off ogni 20-30 minuti (ipotesi). Il puffer, che va dimensionato con cura, serve proprio ad evitare continui on/off e far lavorare la macchina per tempi più lunghi con COP medi nettamente superiori e una vita del compressore anche raddoppiata...
    Un'altra funzione del puffer è quella di fornire una riserva di acqua per gli sbrinamenti senza dover andare a prelevare quella che circola nell'impianto che potrebbe in taluni casi generare disconfort. Immaginate un impianto senza puffer con i fancoil: al momento dello sbrinamento viene usata l'acqua che va ai fancoil, con un drastico abbassamento della stessa e conseguente arresto del fancoil = sento subito freddo. Diverso sui sistemi radianti dove l'inerzia del massetto fa sì che non ci si accorga di nulla. Occhio però agli impianti a zone, se le zone sono chiuse l'acqua per lo sbrinamento non c'è e l'impianto va in blocco.
    Ok quindi ipotizziamo uno sbrinamento invernale: la macchina va in freddo per produrre caldo sulla batteria esterna e sciogliere la brina/ghiaccio? Quest'acqua tecnica fredda dov'è che verrebbe smaltita e messa in circolo esattamente? Per smaltire il freddo che si viene a creare sullo scambiatore interno e che quindi è a contatto col puffer e con il pav. radiante? Bella cacca, nno lo sapevo. E in tutto questo che ruolo ha un eventuale sovradimensionamento dell'impianto? E' meglio sovradimensionato o no?

  4. #84
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    beh a naso direi che se ci sono 500 litri di acqua in un impianto a una certa T (es. 30°) e devi usare parte di quell'energia per sbrinare , l'impatto sulla T dell'acqua sarà minore che se tu ne avessi 'solo' 200 di litri
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  5. #85
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Ok ma quando uno ne ha già 500, aggiungerne 100 non è che ti cambia la vita, la t. media di quanto salirà mai? 0,1°? Mi sembra più un problema da impianto con 100-200 litri. Quanta acqua fredda ed a che temperatura butterò mai in impianto? Tra l'altro il COP della mia pompa di calore è comunque 5 nelle mezze stagioni, ciclo di sbrinamento incluso...

  6. #86
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    In sbrinamento la macchina usa l'acqua del puffer per scongelare la batteria, con inevitabile raffreddamento del puffer. Di conseguenza la medesima acqua finisce nel pavimento radiante ma l'inerzia è tale per cui non ci si accorge di nulla.

  7. #87

  8. #88
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da AjPilgrin Visualizza il messaggio
    In sbrinamento la macchina usa l'acqua del puffer per scongelare la batteria, con inevitabile raffreddamento del puffer. Di conseguenza la medesima acqua finisce nel pavimento radiante ma l'inerzia è tale per cui non ci si accorge di nulla.
    stai parlando di Aquarea o in generale di tutte le pdc?
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  9. #89
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    notizia di fine 2012, obiettivo versione commerciale nel 2018, è uscita?
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  10. #90
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    No, però già all'epoca funzionava. Magari nel 2020 ce la ritroviamo nelle PDC Acquarea che vanno fino a -20° esterni, chi lo sa. Spesso alcune tecnologie entrano nel mercato senza che neanche ce ne possiamo rendere conto a meno che non siamo professionisti del settore che partecipano a fiere ecc.

  11. #91
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Another Visualizza il messaggio
    stai parlando di Aquarea o in generale di tutte le pdc?
    Sto parlando di tutte le PDC. Per sbrinare si inverte il ciclo e da qualche parte il calore deve andare...
    Il post di panasonic non mi sembra molto diverso da una cella di Peltier, comunque non vedo quale vantaggio dovrebbe apportare se inserita in una PDC.

  12. #92
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    ma in una split non riesco a figurarmi il ciclo.. prendo calore dal puffer per scaldare il gas che poi scalda il radiatore?
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  13. #93
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Esattamente come in una monoblocco..

  14. #94
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Another Visualizza il messaggio
    notizia di fine 2012, obiettivo versione commerciale nel 2018, è uscita?
    https://www.casaeclima.com/ar_35708_...nergetico.html

  15. #95
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    sì ma queste tecniche non possono essere sfruttate anche su veicoli tradizionali?
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  16. RAD
Pagina 5 di 5 primaprima 12345

Discussioni simili

  1. Accumulo inerziale per grande impianto
    Da Paolo Bosco nel forum GEOTERMICO
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 15-01-2013, 23:24
  2. temperature mandata/ritorno pannelli
    Da leopio nel forum Accumulo inerziale sulla mandata o sul ritorno?Solare TERMICO
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 08-10-2010, 07:43
  3. caldaia a combustibili solidi + accumulo inerziale
    Da olinda nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 11-12-2007, 18:15
  4. Accumulo inerziale senza solare: ne vale la pena?
    Da appleforever nel forum Accumulo inerziale sulla mandata o sul ritorno?Solare TERMICO
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 24-08-2007, 06:39

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •