Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 39

Discussione: Geotermia

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Geotermia

    Buongiorno , è da un po’ tempo che seguo questo forum per cercare di capire qualche cosa della geotermia, premetto che sono in procinto di costruire una nuova casa e incoraggiato dall’architetto sto’scoprendo nuove alternative energetiche e tra queste la geotermia.
    Il progetto è già stato approvato e sicuramente inizieremo i lavori entro l’anno, però tutto quello che riguarda l’efficienza energetica (coefficienti vari) dell’edificio è ancora allo studio.
    La casa è a due piani, il piano terra è parzialmente interrato con il tetto piano “verde”, il secondo piano invece è in legno. Non mi dilungo descrivendo che il riscaldamento sarà a pavimento e parzialmente forse a parete, detto questo quello che non riesco a capire dai vari forum e dai vari contatti che ho avuto, anche all’ultimo Solarexpò di Verona e che ho trovato interessante, se usando solo la geotermia riesco ad essere autosufficiente, mi spiego:
    L’architetto sostiene che usando solo la geotermia si è autosufficienti per il riscaldamento e l’acqua sanitaria, nei vari forum ecc. noto che la geotermia l’affiancano ad un impianto di pannelli solari termici, (io a parte il costo io abbinerei piuttosto a dei pannelli fotovoltaici)
    cosa mi potete consigliare ?
    P.s . Abito in Trentino dove l’inverno non è particolarmente soleggiato.
    Saluti

  2. #2
    Ospite

    Predefinito

    Il tuo arch. ha perfettamente ragione, è autosufficente, per il resto devi tener conto, cosa vuoi produrre, se energia elettrica o acqua calda , in merito se solare o fotovoltaico, e infine quanto vuoi spender perche tra solare e fotov cè una sostanziale differenza di euro, saluti

    ps, produci anche raffrescamento con la geo

  3. #3
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    dunque, se sono autosufficiente perchè devo produrre dell'ulteriore acqua calda?

  4. #4
    Ospite

    Predefinito

    perche quella che riuscirai a produrre col solare è totalmente gratuita , quindi pompa di calore ferma e contatore che non gira,

    e poi se realizzerai una buona progetazzione , interfacciando il solare con la pdc avrai il rendimento del solare ottimale....

  5. #5
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    scusa non ho salutato, riguardo al raffrescamento non sentiamo il bisogno abito a circa 500/ 600 metri d'altitudine, saluti

  6. #6
    Ospite

    Predefinito

    quello saranno i dati climatici che te lo diranno, anche bolzano è molto a nord, ma è una delle citta piu calde , e poi non devi mica necessariamente usare il raff attivo, puoi benissimo lavorare solo in passivo, Saluti

  7. #7
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    passivo? sono in zona montana a ridosso di un bosco e i problemi li abbiamo l'inverno con il sole che vediamo poco, scusa ma i dati climatici di cui parli si possono verificare in qualche sito ? saluti

  8. #8
    Ospite

    Predefinito

    Mandami il paese esatto, Saluti.

  9. #9
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Sopramonte (pendici del monte Bondone), saluti

  10. #10
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    In questo sito:
    http://www.comuni-italiani.it/
    trovi i dati climatici di tutti i comuni italiani.
    Se hai un sistema di riscaldamento a pavimento è probabile che la temperatura di mandata e quindi quella a cui dovrà lavorare la PDC geotermica possa essere intorno ai 30-35°C.
    A questa temperatura la PDC lavorerà ad un COP discretamente elevato e questa sarà la temperatura a cui regolerai il tuo serbatoio di accumulo.
    Per l'ACS che devi portare almeno a 50-55°C potrebbe essere conveniente mettere un circuito separato in serie a quello precedente, che riceve quindi acqua a 30-35°C e attraverso dei pannelli solari, magari ottimizzati per l'inverno, la porta in temperatura.
    Come fonte di calore da utilizzare in caso di giornate senza sole per l'ACS, potresti installare o un piccolo scaldacqua istantaneo a gas o un elettrico, ricordati che devi innalzare da 30-35°C a 50-55°C.
    saluti

  11. #11
    Ospite

    Predefinito

    Dotting, come puoi proporre di integrare un Geo con una caldaia a gas, assurdo. saluti

  12. #12
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Perchè tu fai lavorare la GEO a 50-55°C?

  13. #13
    Ospite

    Predefinito

    certo, per la geo fino a 50 è bassa temp, se volessi la faccio lavorare anche a 65. saluti

    con accumuli logicamente

  14. #14
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Mi dici o mi indichi un link per il COP di una PDC geo a 30-35°C e quello a 50-55°C.

  15. #15
    Ospite

    Predefinito

    tutte le pdc hanno indicato i loro cop , ti dò alcuni tra le quali noi installiamo , ma in e-mail non vorrei che qualcuno pensasse che sia un operazine commercile. Saluti

    tutte le pdc hanno indicato i loro cop , ti dò alcuni tra le quali noi installiamo , ma in e-mail non vorrei che qualcuno pensasse che sia un operazine commercile. Saluti

  16. #16
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    scusate, guardate che non sono un tecnico , per quanto riguarda il sito dei comuni si trova solo quello di Trento, Sopramonte non fà comune,
    per il gas (metano) da noi non arriva. saluti

  17. #17
    Ospite

    Predefinito

    certo che non li trovi i dati climatici in quel sito, è dotting che ha preso un grankio, cmq te li farò avere a breve, a parte che qualsiasi termot delle tue zone li dovrebbe avere, se no come fanno a realizzare il fen ? saluti

  18. #18
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Toglietemi una curiosità: Ma il raffrescamento a pavimento come siete abituati a farlo con PDC? Mettete fancoil o deumidificatori adiabatici?

    Il passo di posa dell'impianto?

    Saluti

  19. #19
    Ospite

    Predefinito

    il passo è in funzione al progetto, la deumidificazione non è in funzione alla pdc, perchè le migliori pdc una volta impostati i dati climatici sia esterni che con quelli interni che vogliamo ottenere, con la sonda posta a nord della abitazione , non farà altro che lavorare nei range prestabiliti, quindi non andrà mai a superare il punto di rugiada. Saluti

  20. #20
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    e questi cosa sarebbero:
    http://www.comuni-italiani.it/022/205/clima.html
    Comunque puoi vedere anche qua:
    http://www.isolparma.it/calcoloresistenza/calcola.asp

    Se hai un sistema di riscaldamento a pavimento è probabile che la temperatura di mandata e quindi quella a cui dovrà lavorare la PDC geotermica possa essere intorno ai 30-35°C.
    A questa temperatura la PDC lavorerà ad un COP discretamente elevato e questa sarà la temperatura a cui regolerai il tuo serbatoio di accumulo.
    Per l'ACS che devi portare almeno a 50-55°C potrebbe essere conveniente mettere un circuito separato in serie a quello precedente, che riceve quindi acqua a 30-35°C e attraverso dei pannelli solari, magari ottimizzati per l'inverno, la porta in temperatura.
    Come fonte di calore da utilizzare in caso di giornate senza sole per l'ACS, potresti installare o un piccolo scaldacqua istantaneo elettrico, ricordati che devi innalzare da 30-35°C a 50-55°C.

    Ho tolto il gas, lascia perdere la piccola schermaglia accaduta dopo, un link che spiega cosa si intende per COP, se dovrai valutare l'installazione di PDC dovranno diventare termini familiari:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Pompa_di_calore

    moliere cerchiamo di rimanere sempre nei limiti dell'educazione.
    Ti sei già dovuto scusare una volta.
    saluti

  21. RAD
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •