Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 2 di 2 primaprima 12
Visualizzazione dei risultati da 21 a 36 su 36

Discussione: autorizzazioni necessarie per realizzare impianto geotermico

  1. #21
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Ma siete duri in 2 ora, non necessitano di autorizzazzione ma solo comunicazione di realizzazzione, poi vi posto il modulo della regione lombardia. e si che mi sembra di scrivere in italiano, magari a volte non propio corretto per la fretta ma almeno cosi mi pare

  2. #22
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Modello Comunicazione scavo sonde geotermiche MFI023
    n. 1 copia in carta semplice


    ALLA PROVINCIA DI BERGAMO
    Settore Tutela Risorse Naturali
    Servizio Risorse Idriche
    Via Camozzi, 95
    24121 BERGAMO

    OGGETTO: Comunicazione di inizio lavori di escavazione n°……… sondaggi per il posizionamento di sonde geotermiche in Comune di ………………………………

    II/La sottoscritto/a …………………………………………., nato/a a …………………………….. il …… / …… / …………… e residente in Comune di ………………………………………… ……… in via …………………………………….. n°…… (C.F. ……………………………………), in qualità di:
    • sindaco pro-tempore/presidente/titolare/legale rappresentante/amministratore delegato legale rappresentante della Società ………………………………………… …………………..., con sede legale in Comune di ………………………………………… …………………….., via ………………………………………… ……, n. ……, tel. ………………………………, (P. IVA ………………………………………), svolgente attività di ………………………………………….;
    • proprietario dello stabile/area ………………………………………… …………………………..;

    ai sensi della concessione edilizia (Indicare gli estremi) ………………………………………… ……
    COMUNICA
    che procederà, al solo scopo di ricavare energia geotermica dal terreno per il riscaldamento dell’edificio di proprietà di ………………………………………… ……… ubicato in via ………………………………………… …… n°…………, alla trivellazione di n°………… sondaggi sul mappale n°………… del Comune censuario di ………………………………………… ……, di proprietà di ………………………………………… ………………………… , per il posizionamento di n°……… sonde geotermiche verticali di …………… metri cadauna.
    I sondaggi avranno le seguenti caratteristiche:
    • Caratteristiche costruttive ………………………………………… …
    • Profondità presunta ……………………..
    • Diametro …………………………………
    • Falda intercettata ………………………………………… …….
    Si certifica inoltre che la trivellazione ed il posizionamento delle sonde geotermiche verranno eseguiti in osservanza dei criteri di buona tecnica indicati nel D.M. 11.03.1988, nonché delle disposizioni di legge vigenti in materia di tutela delle risorse idriche.
    A tal fine lo scrivente dichiara sotto la propria responsabilità, consapevole delle sanzioni previste dall’art. 76 del D.P.R. 28.12.2000 n°445, nel caso di false e mendaci dichiarazioni, che i dati identificativi del prelievo e le caratteristiche tecniche delle opere di escavazione sono veritiere.

    Si allegano:
     Relazione tecnica e schemi di progetto;
     Corografia dell’area con indicazione del punto di presa (IGM 1:25.000 o C.T.R. 1:10.000);
     Estratto mappa con indicazione del punto di presa (indicando n° di mappale);
     Copia della concessione edilizia.

    ………………………………., lì …………………..

    Firma

    Spero che ora si rendera conto di ciò che le dicevo, fatti non parole, chi è il ridicolo?






    ……………………….………………… ….

  3. #23
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buonasera Grilu,

    spero che la visita agli impianti geoetrmici di Paladina a Bergamo siano stati esaustivi e costruttivi come per altro l'approfondimento in merito alla domanda di autorizzazione per lo sfruttamento geotermico verticale che va richiesta e la tassa sul mappale in casi di presenza di falde acquifere profonde.

    Per sua informazione oltre voi due e tre progettisti di Milano nessun altro e venuto a Paladina il 27 novembre.

    Grazie mille e cordiali saluti.

    Luca Giordano

  4. #24
    grilu
    Ospite

    Predefinito

    confermo!
    la visita è stata molto interessante, dal nostro punto di vista di utente finale.
    abbiamo capito in cosa consiste avere un geotermico "in casa", in una situazione che potrebbe essere simile alla nostra, una casa di circa 200mq.
    ringrazio moltissimo per la disponibilità e la pazienza a rispondere alle nostre domande di veri inesperti.

    grilu.

  5. #25
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Dovere, grazie mille a voi e cari saluti anche al marito! ^_^

    Cordialmente.

    Luca Giordano

  6. #26
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Autorizzazioni per realizzare un impianto geotermico domestico utilizzando il pozzo della falda sottostante

    Buongiorno,
    sto valutando un progetto e relativa offerta per realizzare un impianto geotermico con pdc sulla mia villa bifamiliare in provincia Torino utilizzando come vettore l'acqua di falda che si trova a soli 7 metri sotto la mia abitazione. Premetto che già utilizzo un pozzo per usi irrigui (giardino).
    La società che mi ha presentato il progetto dichiara che non necessitano autorizzazioni provinciali/regionali per la realizzazione del pozzo di captazione e per lo scarico in acque superficiali (tranne una SCIA al comune di residenza) in quanto trattasi di emungimento di acqua di falda per uso domestico <5000 mc/anno.Considerando l'aspetto autorizzativo di fondamentale importanza per la successiva valutazione tecnico-economica dell'opera, chiedo se le affermazioni della società di progettazione e realizzazione dell'impianto risultano veritiere.

    Grazie per l'attenzione

  7. #27
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Non ti so aiutare...ma penso che una telefonata alla Provincia sia la strada migliore per avere certezze su un aspeto cosi delicato.

    Però ti invito a riflettere sulla convenineza di un sistema acqua acqua..dato le ottime performnce delle aria acqua moderne..sia come cop stagionale che come potenza alle basse T esterne.
    La macchina costa meno.
    Il cop di una acqua acqua va calcolato prendnedo in considerzione anche la pompa acqua lato geotermico..cosa che di solito non viene fatta..perche la pompa non viene fornita con la macchina ma va adattata in base alla prevaenza da superare.

    D solit poi le acqua acqua non sono in verter..perche altrimenti sarebbe necessario metere sotto inverter anche la pompa lato geo..e quindi devi avere un accumulo fra pdc e impinato.
    ma avere acumulo sognifica:
    - avere dispersioni
    - avere pompe di rilancio che cosumano (mentre senza accumulo e con una inverter vai diretto al radinate)
    - dover far lavorare la pdc con mandata 1-2 gradi piu alta di quella che vuoi avere nel radinate..perche un minimo di rimescolamento nell'accumulo lo hai...e questo lima qualche decimale di cop.

    Quidi se sommi cosnumo pompa primaria+ ricircolatori+calo efficienza cop+dispersione accumulo..non sono certo che il cop di una acqua acqua sia molto piu alto nemmeno nei periodi piu freddi.

    Ma mettiamo che lo SCOP sia 0,5 piu alto (io non ci credo)..se assorbi 5000 kwh con una aria ...magari con una acqua acqua scendi a 4300.

    Con la nuova tarifa elettrica in arrivo..700 kwh valgono 110 euro anno...ora..quanto costa una ldc geo in piu di una aria? e la pompa òlato geo? e il pozzo? e lo scarico ? e quanto tempo durarà la pompa pozzo prima di doverla cambiare? e se fra 5 anni mettono una tassa su emungimento?

    Io una geo la vedo bene solo nei paesi alpini..oppure dove il carico estivo è elevato e prolungato, tale per cui fare free cooling è interessante ..ma di fatto a Torino si condiziona 15 giorni all'anno..e la spesa energetica è minima.

    Pure io ci avevo pensato..coi 2 pozzi geo..ma poi ho preso una ad aria,e sono molto felice dela resa..zona con 2675 GG..Torino incredibilmente ne ha meno..
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  8. #28
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie Marcober per la pronta risposta,
    a parte la verifica per l'iter autorizzativo che approfondirò a breve, in effetti qualche dubbio sul tipo di impianto da installare mi è venuto.
    A questo punto ti chiedo (e chiedo a quanti volessero darmi consigli in merito) quale sia la soluzione migliore (pdc acqua-acqua o aria)
    Situazione attuale
    Villetta indipendente su due piani per complessivi 210 mq riscaldamento indipendente con termosifoni in Al a mezzo n. 2 caldaie murali non condensazione 24 kcal/cad
    Isolamento buono,serramenti di ultima generazione ed efficienza termica,impianti di climatizzazione con pdc, consumo gas per riscaldamento e ACS circa 3000 mc/anno
    Il fabbisogno termico calcolato è di 25.000 KWht/anno
    L'impianto proposto prevede:

    n.1 pdc acqua-acqua NIBE pot. 22 KW COP 4,3 ass. 5,46 KW
    n.1 scambiatore di calore
    n.1 accumulo risc. 500 l
    n.1 accumulo ACS 750 l
    n.1 pompa di falda 0,8 l/s pot. 0,50 Kw

    p.s. l'abitazione è provvista di impianto FTV da 5,77 Kw con ssp 2° conto energia

    Grazie a tutti per eventuali suggerimenti ed esperienze

  9. #29
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    come vedi il cop 4 , con la pompa lato geo, passa gia a 3,66.

    Ma con le pdc attuali aria aria non riesci a fare il grosso del riscaldamento? lascianod al metano solo una % di energia residuale?

    E poi...in questi giorni con T esterne fra 2 e 4 gradi..riesci a csldare casa usando i termi attuali con una madata compresa fra 4o e 45 gradi? inizia afare una porva oggi..abassi mandata a 40 e lasciali accesi h24 fino a lnedi e vedi se riesci a tnere 20 gradi...e nel frattempo ti segni il consumo di 24 ore in gas.

    Se ci riesci, allora potresti asasre a duna pdc con ottimi risulttati..se non riesci, non è detto sia la via miglore..specie se non hai intenzione di metere almeno 6 kw di FV..idelae sarebbero 10 in totale (7 per la pdc e 3 per i normali usi abitativi)
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  10. #30
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Gli impianti geotermici ad acqua di falda che ho realizzato a Torino sono passati tutti da autorizzazione della provincia per emungimento di acque sotterranee. Mi risulta che fare un pozzo non autorizzato sia un abuso.
    Valuterei bene la convenienza rispetto ad una aria/acqua come suggerisce marcober.

  11. #31
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie per il tuo parere AjPilgrin, deduco che sei anche un installatore , posso mettermi in contatto con te per avere consulenza in merito ed eventualmente una proposta di progetto?
    Cordialità

  12. #32
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    In realtà, in regione Piemonte, è normato che l'emungimento per un impianto geotermico a circuito aperto sotto i 2 l/sec è assimilabile ad un uso domestico:

    Decreto del Presidente della Giunta Regionale 9 marzo 2015, n. 2/R

  13. #33
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quindi se ad uso domestico cosa implica? Anche se prelevi 5 l/s per unimpianto condominiale risulta ad uso domestico.
    Ci sono forse delle semplificazioni se si sta sotto i 2 l/s?

  14. #34
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Uso domestico implica che la pratica non è di competenza provinciale ma comunale, che può richiedere la pratica che ritiene più opportuna (SCIA/DIA).
    Un impianto condominiale non è un soggetto privato pertanto non potrebbe richiedere l'uso domestico

  15. #35
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da simoprons Visualizza il messaggio
    Un impianto condominiale non è un soggetto privato pertanto non potrebbe richiedere l'uso domestico
    Io la vedo in modo diverso.
    per "domestico" intendono residenziale e senza scopo di lucro..2 condizioni presenti anche per un condominio.
    Tieni condo che un condominio non è un soggetto giuridico..non ha personalità giuridica..è solo un insieme di privati che restano provati..e non fa attività commerciale (non ha P IVa..ma solo CF come tutti noi).
    Se non fose "privato" come dici tu..non potrebbe che essere un Soggetto Pubblico..cosa che non è. Non ci sono altri tipi di Soggeti nel ns ordinamento..ma ripeto..non è il tipo di Soggetto che caraterizza , ma il tipo di destinazione uso...e cioè domestico. Insomma, anche una casa del Comune (edilizia popolare) potrebbe avere un pozzo geotermico in esenzione, sebbene il proprietario sia un Soggetto Pubblico.

    Per cui, restasse il condominio nei limiti dei 2 l/s, puo certo evitare concessione.
    Ma deve stare anche sotto 5000 mcubi anno..forse piu difficile dei 2 l/s?

    Ovviamente il pozzo va autorizzato dal Comune (come lavoro edile intendo) e ci devi mettere contatore per dimostrare che stai sotto 5000 mc annui ...ma sotto i limiti direi che autorizzazione ala derivazione non serve.
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  16. #36
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Concordo con Marcober, tant'è che nel caso specifico del condominio, la richiesta di emungimento è fatta per uso domestico (l'alternativa è l'uso industriale). Inoltre lo scarico dell'acqua emunta, essendo la destinazione di tipo domestico/residenziale è di competenza comunale e la provincia mi ha chiesto solo copia delle rispettive autorizzazioni allo scarico rilasciate dal comune.
    Al di là di questo ritengo personalmente che i comuni non hanno nè le competenze nè la struttura per regolamentare il settore. Ho visto pozzi trivellati senza la benchè minima autorizzazioe,spesso con profondità da denuncia (prelievo/immissione dalla seconda falda potabile... senza che nessuno se ne preoccupasse).

  17. RAD
Pagina 2 di 2 primaprima 12

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •