Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 2 di 2 primaprima 12
Visualizzazione dei risultati da 21 a 24 su 24

Discussione: Suggerimenti progettazione impianto micro idraulico

  1. #21
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito



    Iniziai proprio cosi con la turbina Banki, usai un alternatore sincrono 4 poli configurato in monofase,che poi che poi ho venduto e ha fruttato di più di quello che avrebbe prodotto in anni, non sapevo ancora che un normale motore asincrono trifase poteva diventare un ottimo alternatore se accoppiato correttamente ai condensatori ed a un regolatore elettronico IGC, quest'ultimo lo costruii molto tempo dopo copiandolo in parte da un impianto esistente, i risultati non erano stati soddisfacenti sotto certi aspetti, mi ricordo che lo alimentai da sorgente esterna per poi controllare il carico di zavorra con riferimento della tensione dell'alternatore/motore, in pratica mi serviva come sistema di sicurezza automatico per le sovra tensioni niente di più, ma per qualche annetto la turbina funzionò diretta come descritto sopra per l'altra, con l'unica recezione che la resistenza del bollitore era controllata da un termostato doppio di sicurezza ed un pressostato, in modo tale da avere 3 sicurezze e deviare in caso di sovra pressione e o temperatura la turbina sotto un termosifone ad olio appositamente modificato, lasciando solo il termostato di sicurezza interno, sono andato a vanti anni con un pipe in tank,ed in estate avanzavo sempre acqua calda sanitaria avendo il riscaldamento chiuso, ora la sfrutto meglio ed in estate ho meno problemi di esubero di ACS e bollette meno care senza fare nulla di particolare.

  2. #22
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Il motore asincrono trifase viene accoppiato C-2C per renderlo 220V?Chiedo perchè io a casa ho corrente trifase, per cui magari non mi servirebbe modificarlo.Inoltre il mio scopo primario al momento non è la produzione di elettricità ma di acqua calda per l'impianto di riscaldamento, quindi trasformerei tutta l'elettricità prodotta in calore. Almeno in questa prima fase...anche se i link che hai girato, molto interessanti, farebbero venir voglia di fare subito la doppia funzione, prima consumo elettrico e surplus in un accumulo...
    Ho dimenticato una cosa importante: possiedo un gruppo elettrogeno da 1,5 kW a benzina, praticamente nuovo ed inutilizzato: mi può servire in qualche modo?
    Ultima modifica di Stela; 28-09-2015 a 16:18

  3. #23
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao, si il sistema di eccitazione denominato C-2C dove il valore del secondo condensatore é doppio del primo (2C) serve appunto per avere il monofase, l'ideale per potenze cosi basse, siamo intorno ai 2 kW o poco meno, diviso 3 sono 600 w circa per fase, potresti trovare una resistenza ad immersione trifase da 2 kW o poco più, e usare i 3 condensatori uno per fase, da alcuni vantaggi in certi aspetti ma sinceramente sono più facili da gestire gli impianti monofase come cablaggio e componenti, certo per scaldare soltanto al massimo servirà un contattore trifase di scambio pilotato come facevo io da termostato DOPPIO di sicurezza per deviare su una vecchia stufa ad olio in caso di acqua troppo calda o fermo coircolatori impianto per qualsiasi motivo, dovrai anche mettere un differenziale/magneto/termico adeguato a monte di tutto, diciamo un 10A come termica e con corrente differenziale do 30 ma, ovviamente per far si che funzioni correttamente dovrai chiudere il centro stella dell' alternatore asincrono verso terra allacciato direttamente ai dispersori dei terra in modo fisicamente e meccanicamente robusto, altrimenti il differenziale diventerebbe nullo come non ci fosse, questo perché stai generando in isola, è consigliabile farlo per sicurezza, si tratta del cosidetto regime di neutro, in tal modo sarebbe uguale a quello del distributore nezzionale cioé TT se con dispersori di terra separati o TN-S o TN-C se si usa lo stesso impianto di terra di casa (per una potenza cosi ridicola non ci sono problemi, io ho adottato il sistema TN-C perché avevo solo un cavo dall'alternatore a 3 conduttori ma meglio usarne uno a 4 in modo da essere versatili sia per un sistema trifase che monofase e separare la messa a terra come conduttore, no il gruppo lascialo perdere...
    ti serve anche una girante ! ad esempio Komponenten | Kleinstwasserkraft Klopp
    Per la girante i consiglio vivamente di rivolgerti ad un esperto...
    Quelle di nylon sono al limite ma se l'acqua è di acquedotto senza rischi di sabbia e sassolini potresti provare , al massimo acquisti qualche cucchiaio in più di scorta, l'inox sarebbe l'ideale ed eterno...
    Ciao

  4. #24
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    per fortuna le giranti della Kleintwasserkraft le fanno a Vogogna !

  5. RAD
Pagina 2 di 2 primaprima 12

Discussioni simili

  1. Risposte: 29
    Ultimo messaggio: 26-10-2012, 09:40
  2. Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 07-05-2012, 17:47
  3. consiglio su preventivo impianto idraulico
    Da micmal nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 04-05-2011, 08:40
  4. Schema impianto idraulico/solare
    Da maurocon nel forum Suggerimenti progettazione impianto micro idraulicoSolare TERMICO
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 19-02-2011, 07:40
  5. Scegliere un impianto o cambiare idraulico?
    Da Sergio275 nel forum In Casa
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-08-2009, 19:30

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •