Mi Piace! Mi Piace!:  1
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  1
Pagina 4 di 13 primaprima 12345678910111213 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 61 a 80 su 251

Discussione: Progetto volontariato Congo - Sud Kivu

  1. #61
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Ti assicuro Rem che la "riconoscenza" per i vs. interventi è assolutamente indipendente sia da aiuti materiali ipotizzati, sia dalla realizzazione o meno del progetto.
    Non lo considero esaustivo, ma di fatto avete trasformato un progetto anonimo nel.. nostro progetto...mica poco !
    Infatti, vediamo cosa succede.
    Tra l'altro parlando con un chirurgo, con il quale anni fa abbiamo iniziato "l'avventura" RDCongo, ha alzato le orecchie ricordandomi che vicino all'ospedale di Nyantende (che come altri ha subito pesantemente i drammi della guerra 1996) c'è una bellissima cascata, che non ho mai notato ...l'ultima operazione l'hanno finita alla luce dei telefonini e con una lampada sulla testa da speleologo....il lavoro non ci mancherà !!!!!
    Saluti a tutti kumis

  2. #62
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    PS: se volete sapere qualcosa di più su Bukavu e dintorni
    e qualche bella foto genteincammino ONLUS (chirurgo con lampada sulla testa...)

    il ns sito invece è chi siamo
    saluti

  3. #63
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ancora impraticabilità strade + problemi loro = se ne parlerà dopo il 23 p.v. ( " bellezza, questa è l'Africa"..!)
    Abbiamo così tutto il tempo di evidenziare sulla mappa
    ( vedi#31) le zone delle quali ci servono dettagli fotografici ecc. già richiesti "a voce", ma repetita juvant, se poi sono accompagnate accompagnate da indicazioni propedeutiche...ancora meglio , speriamo.
    ....mi sembra che Will disegni molto bene...!
    grazie e a presto kumis

  4. #64
    Monumento

    User Info Menu

    Wink

    Sono molto impegnato, ma non scomparso.
    Pur avendo una ideale preferenza per la coclea, ho provato, un po sul serio un po per gioco a valutare l'alternativa Banki.
    Ne esce una macchina di tutto rispetto.
    Principalmente a causa della modesta caduta, e quindi della bassa velocità dell'acqua all'iniettore, per smaltire la consistente portata occorre realizzare una macchina grande e piuttosto lenta.
    Sono circostanze non particolarmente favorevoli, ma vedremo di ragionarne poi.

    Fatte le seguenti ipotesi e secondo i conti della serva ne esce una macchina così:
    Portata massima 1,5 m3
    Altezza salto o dislivello netto 3 m
    Potenza idraulica lorda 44 kW
    Rendimento turbina 0,75
    Rend. trasmissione 0,85
    Rend. Alternatore 0,9
    Rendimento totale 0,57
    Potenza all'asse turbina 33 kW
    Potenza elettrica utile 25 kW
    Velocità acqua all'iniettore 6,5 m/sec
    Diametro esterno ruota turbina 0,7 m
    Numero giri ruota 90 g/min'
    Momento torcente all'asse turbina 3580 Nm
    Lunghezza attiva ruota 2 m
    Peso complessivo ruota 420 kg
    (con l'esclusione di giunto/puleggie moltiplicatore, generatore ecc.)
    Nei prossimi giorni, tempo permettendo, proverò a quantificare la parte restante della macchina.
    Sono gradite osservazioni e critiche.

    Se qualche specialista di buona volontà non mi precede, con tempi africani prenderò in esame anche la coclea.
    Spero che mi precedano...

    Quote Originariamente inviata da Spes Visualizza il messaggio
    ...
    Nell'attesa vi ricordo di quell'elica fissa che lavora su 10 metri e 2.8 mc/sec.; se qualcuno ha la capacità di farla lavorare su 3 metri con 1.3 mc/sec. cambiando inclinazione alle pale ecc. ecc. gli diamo un bacio su un occhio.
    Personalmente non sono in grado di valutare questa ipotesi, ma accontentandosi di modesti rendimenti...

  5. #65
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Wilmorel Visualizza il messaggio
    ..................Personalmente non sono in grado di valutare questa ipotesi, ma accontentandosi di modesti rendimenti...
    Se mettiamo qualcosa in grado di girare sicuramente gira, il problema è il rendimento, se è il 30% non ha senso mettere in piedi nemmemo la richiesta all'attuale proprietario.
    Chiedevo aiuto perchè anch'io non so valutare questa ipotesi, mi sono fermato a rapportare le Portate con le radici quadrate delle altezze e lì mi sono fermato.

    Sono contento che hai potuto fare i conti per la Banki, io non nè ho mai vista una e pertanto non riesco a darti un parere.
    Posso solo vedere che 90 giri/min sono pochi, ma è anche vero che una ruota idraulica farebbe di peggio. L'autocostruzione, o quasi, potrebbe essere possibile.

    Invito tutti a dire qualcosa senza paura di dire stupidaggini, io ne dico sempre tante. L'importante è mettere in comune e accendere le lampadine a chi è più capace.

    Grazie Wilmorel
    Spes

  6. #66
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie a Will.... l'africano !
    saluti kumis

  7. #67
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Sempre in via del tutto ipotetica, ho eseguito un riconteggio del dimensionamento della turbina, prendendo in considerazione il maggior salto/dislivello conseguente alla realizzazione della piccola briglia, che avrebbe come conseguenza un aumento di 0,5 metri di quota al punto di derivazione, portando il salto totale a 3,5 m, meno le perdite di carico sulle griglie ecc.
    Questa ipotesi consentirebbe di migliorare un poco le prestazioni e ridurre le dimensioni della macchina, grazie alla maggiore velocità dell'acqua all'ugello della turbina.

    Portata massima 1,5 m3
    Altezza salto o dislivello netto 3,3 m
    Potenza idraulica lorda 48,5 kW
    Rendimento turbina 0,75
    Rend. trasmissione 0,85
    Rend. Alternatore 0,9
    Rendimento totale 0,57
    Potenza all'asse turbina 36,4 kW
    Potenza elettrica utile 27,9 kW
    Velocità acqua all'iniettore 7,0 m/sec
    Diametro esterno ruota turbina 0,62 m
    Numero giri ruota 103 g/min'
    Momento torcente all'asse turbina 3380 Nm
    Lunghezza attiva ruota 2 m
    Peso complessivo ruota kg 400

    Meccanismi
    2 Supporti ritti in ghisa con cuscinetti orientabili
    Giunto elastico di trasmissione a molle d'acciaio
    Moltiplicatore di giri coassiale ad ingranaggi elicoidali e cassa in ghisa
    Cinghie trapezoidali e puleggie a gole quadruple e tendicinghie
    Motore/generatore asincrono trifase 4 poli (nota)
    Peso totale meccanismi elencati kg 530

    Telaio di sostegno e ancoraggio meccanismi costruito in profilati metallici
    del peso complessivo di kg 380

    Iniettore, diffusore, cofanatura turbina, tubazioni di raccordo dalla vasca di carico all'iniettore,
    costruite in lamiera di acciaio
    per un peso complessivo di kg 600

    Nel sintetico elenco sovrastante mancano le due serrande di regolazione e parzializzazione della turbina e la serranda-chiavica di scarico di fondo del canale di adduzione.
    Mancano inoltre tutte le apparecchiature elettriche, con la sola eccezione del generatore.


    Ho inserito come generatore un motore asincrono trifase da 30 kW ma ho dubbi che questa taglia si possa agevolmente regolare attraverso un inverter di interfaccia con la rete. A maggiore ragione in quanto questo è di fatto un impianto in isola.
    Temo però che un generatore sincrono abbia costi esorbitanti (a meno che non sia di produzione cinese o indiana)
    Non penso di avere la preparazione sufficiente a realizzare il progetto elettrico e la quantificazione delle relative apparecchiature , di conseguenza, in questa posizione passo la mano.

    Proseguirò con qualche schizzo della centralina.

  8. #68
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Bravo Wil ,
    Bel progetto ,mi piace , inizio con delle considerazioni sul generatore e riduttore .
    Saluto cordialmente anche kumis.

    1 A 30 kw un buon asincrono costa come un sincrono italiano , Circa 2500-3000 euro

    2 Se in periodi di magra si deve fare il parallelo con un generatore diesel ,sicuramente l'asincrono è meno problematico (sono sufficienti 3 resistenze statoriche comandate da un teleruttore e un secondo che le bypassa dopo 2 secondi .

    3 l'asincrono è + robusto in assoluto ,non soffre l'umidità ,è stagno e può ruotare a 3000 giri per un tempo indefinito (il sincrono no ! serve un automatismo che ferma la turbina .

    4 il regolatore a carico costante per gestire un asincrono stand alone è molto semplice inoltre se è distante dall'ospedale si puo collegae a stella e fare una linea 690V trifase con notevole risparmio di cavi . un trasformatore riduttore installato nel locale tecnico dell'ospedale avrà la duplice funzione di separazione galvanica tra i 2 impianti ,collegato con il centro stella terra permetterà di realizzare un impianto conforme a tutte le norme internazionali .

    5 A sfavore l'asincrono ha l'eccitazione che deve essere realizzata con condensatori di ottima qualità e i carichi reattivi che tendono a disccitare la macchina . Ma non mi proccupa ,ho molta esperienza nel caso specifico , e impianti di questa taglia realizzati e funzionanti . ( utilizzo un sistema di rifasamnto automatico allo stato solido basato sulla frequenza non sul PF del carico )

    6 l'asincrono permette un accoppiamneto al riduttore senza l'uso di trasmissione a cinghia ,ma diretto flangiato sul riduttore con conseguente aumento del rendimento .

    7 il riduttore potrebbe essere del tipo " pendolare " da montare su l'albero sporgente dal cuscinetto di macchina ,senza giunti (minori guasti )
    A tal proposito guarda il F803 16.2 P225 , bonfiglioli , tiene 4375N ha la flangia per montare un motore da 37kw necessario per fare circa 30 kw .
    l'albero turbina deve essere diam.90mm il rapporto 16.2 permette di avere 95 giri nominali turbina .

    Con questa configurazione ti gatantisco un 'efficienza totale (dall'albero turbina a elettrica di 85 % (93 % il riduttore e 92% l'asincrono )
    Attendo commenti ,
    Ciao.

  9. #69
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ...a Will e Sandroturbine
    ....sono tutt'orecchie...grazie ! kumis

  10. #70
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Bene ragazzi,
    mi piace come procede il progetto.
    Ho già avvertito l'amministrazione del sito per avere un appoggio del progetto a qualche titolo, non so quale al momento, e sono tutti ben lieti di ospitare il lodevole progetto di Kumis
    Buona giornata
    RemTechnology
    "E' meglio essere approssimativamente corretti che esattamente sbagliati"
    http://www.remtechnology.net - (v. 4.7 - Gennaio 2017) - RemTechnology 1999 - 2017
    ing.remtechnology@gmail.com
    Leggete il regolamento del Forum EnergeticAmbiente.it

  11. #71
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    .....bacio le mani ! ciao grazie kumis

  12. #72
    Monumento

    User Info Menu

    Smile

    Ciao Sandro, ti leggo con piacere.
    Dalla tua chiara analisi che condivido largamente, si può sempre imparare.
    Cerco di giustificare alcuni miei suggerimenti, e cioè la trasmissione primaria e secondaria.
    Premetto che nel tempo ho realizzato diversi azionamenti con il sistema pendolare reazionato da molle in gomma, sistema che apprezzo per la semplicità, funzionalità ed economicità.
    Ci troviamo però con un progetto appena abbozzato, carente di informazioni. Si può affermare di fare ipotesi sulla base di due fotografie...
    Se per assurdo l'ospedale missionario fosse localizzato nel lodigiano o nel cremonese, su di una roggia della quale si conoscono il salto al centimetro e gli storici delle portate per gli ultimi 100 anni, saremmo autorizzati a dire: "così e così".
    Viceversa, in questo progetto, per il quale credo farebbe piacere contribuire e che si vorrebbe vedere realizzato, mi prende la psicosi da "incertezza".
    Ecco dunque un tradizionale giunto e uno stadio veloce a cinghie. Chi ci garantisce che a macchina realizzata non emerga che il salto fattibile sarà di 2,9 o di 3,7 metri? La turbina può "digerire" queste incertezze, ma la trasmissione fissa...
    Ovviamente, a fronte di un rilievo plano-altimetrico condotto con gli opportuni strumenti tale da fornire valori certi, la soluzione che proponi è eccellente. Funzionale ed economica.

    PS
    Vale la pena, per ottimizzare rendimenti e pesi della macchina elettrica, supposta asincrona trifase, portarsi da 4 a 2 poli, da 1450 a 2900 g/min nominali (1550 - 3050)?

    Ottime le notizie di Rem.
    Salute a Kumis.

  13. #73
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao ragazzi ,
    E' chiaro che il progetto è appena abbozzato e mancano tutti i dati fondamentali .
    Vi dirò di più, se dobbiamo fare una lista delle priorità il "macchinario" turbina si troverà all'ultimo posto ,al primo posto viene il canale derivatore .
    Anzi , per non rischiare di fare una macchina sbagliata o addirittura inutile ,
    Kumins iniziamo a realizzare il canale ,quando è a posto e funzionante e controllato per un tempo sufficiente (almeno una stagione delle piogge e una secca ) allora avremo i dati reali di dislivello e portata e variazione stagionale . A questo punto tutto sarà più chiaro e si potrà realizzare la macchina ,penso che con l'aiuto di tutti non sia un problema !
    E' un po il problema di tutti : mi dicono "voglio una turbina " e io rispondo : hai le concessioni ? l'acqua? la condotta ? In fondo la turbina è la cosa più facile e rapida da realizzare !
    Con un lungo giro di parole ti ho risposto Wil, riguardo al generatore non si sale mai sopra i 1500 giri ,troppi problemi di vibrazioni ,usura cuscinetti ,velocità di fuga supersoniche. si potrebbe realizzare un moltiplicatore a cinghie ma se fatto bene ci costa più del riduttore .Servono almeno 3 stadi e il primo è enorme .. Calcola..
    Ciao
    S.
    .........Lentamente muore chi abbandona un progetto prima d'iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce .............. Pablo Neruda

  14. #74
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao a tutti.
    Sempre in attesa di foto e notizie da Luhwinja...kumis

  15. #75
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Kumis visto che siamo in Africa come possiamo definirli, tempi faraonici o biblici?
    Scherzi a parte, vorrei fare una riflessione.

    Premetto che io sono sempre dell'avviso che il pesce si può dare il primo giorno poi però non si deve dare più il pesce ma la lenza per imparare a pescare.
    In questo caso, tu che conosci la situazione, come start up forse conviene farla qui una turbinetta e mandargliela; secondo gli esperti non si tratta di grandi masse di ferro, ma kg. di roba assemblabili in loco.

    Aiutaci che ti aiutiamo per aiutare.
    Ciao Spes

  16. #76
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Spes, sono d'accordo. L'aspetto propedeutico può essere soddisfatto dal confronto, in loco, tra calcoli,spiegazioni, disegni e turbina realizzata.
    Come misura del tempo direi
    ...tempi africani naturalmente !... ho vissuto diversi anni anche in Indonesia e oltre a "jam karet "( ora elastica ...!!!) non esiste un rigido no, ma piuttosto un "belum" = non ancora, però per l'osservatore esterno anche noi ci difendiamo bene ! la vita è una .... alla fine chi avrà ragione ??!
    Saluti a tutti kumis

  17. #77
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Progetto Kiwu ricerca fondi per finanziamento

    Ciao a tutti!

    per capire come si potrebbe trovare il "main sponsor" dell'iniziativa "progetto kiwu",

    suggerisco a tutti di guardare la trasmissione "Report" su Rai 3 ore 21.00 del 30-05-2010.

    A presto a tutti

    Saluti
    Progettista

  18. #78
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Progettista Visualizza il messaggio
    .................
    suggerisco a tutti di guardare la trasmissione "Report" su Rai 3 ore 21.00 del 30-05-2010..................
    Io ho visto dei preti che dormivano in baracca vicino ai loro parrocchiani.
    Se l'economia va male è colpa anche dei preti, perchè non è l'economia che è cattiva, ma l'etica delle persone che muovono l'economia. Ma chi è che costruisce l'etica?
    "Lascia un paese senza prete per 10 anni e tutti diventeranno delle bestie" (San Giovanni Maria Vianney detto Curato d'Ars).

    Per l'iniziativa penso ancora che condividendo le idee e con la comunicazione (dal latino arte del mettere in comune), ognuno con la propria parte, possiamo farcela.

    Con viva cordialità
    Spes

  19. #79
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Spes,
    da sempre seguo Report e non mi ha mai deluso...solo un pò di tristezza in più...non sono credente, ma sinceramente i missionari/e e preti che frequento in Africa non solo hanno il mio rispetto, ma anche affetto e sono sicuro anche da parte loro per un vecchio "libero pensatore"...
    ..l'etica delle persone che muovono l'economia ?! lasciamo perdere..preferisco la compagnia di persone che come tutti voi hanno scelto di comunicare ( certamente senza rinunciare ad esprimere le proprie idee).
    Spero arrivino presto ulteriori informazioni sul fiume ed area
    limitrofa...spero.
    Saluti a tutti kumis

  20. #80
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito


    Buongiorno a tutti,
    invio quello che ho appena ricevuto da Bukavu...non mi aspettavo molto, però qualcosa di più...

    kumis


    .
    J'ai pu prélever la pente de la rivière. Elle est de 1,1%. C'est à dire, j'ai pris deux points de 22m et le point A était à 0m et le point B à environ 26cm de hauteur pour avoir une ligne droite et horizontale. Alors, pour trouver cette pente, j'ai pris (0,26m /22m)X100= 1,1%.
    Pour les berges, elles ne sont pas larges, mais aussi elles sont un peu herbeuse. mais les photos en annexe peuvent vous dire plus.
    Pour ce qui est du passé de la rivière: elle n'a pas fait des innondations cette année. Il y a 5 ans qu'elle n' a pas fait des graves innondations. Et quand elles le faisait, elles pourrait innonder même plus de 30m². .

    En cas de pluie, la rivière emporte avec elle beaucoup des déchets. Cette rivière a aussi beaucoup de cailloux et du sable. Ainsi, pour l'installation de l'ouvrage, il faudra installer des barrages.


    On garde contact pou le reste. n'hésitez pas de me contacter en cas de besoin. J'attends toujours que le père Giovanni me fasse signe pour la grammaire.
    merci cher ami.


  21. RAD
Pagina 4 di 13 primaprima 12345678910111213 ultimoultimo

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •