Mi Piace! Mi Piace!:  3
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  13
Pagina 2 di 3 primaprima 123 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 21 a 40 su 44

Discussione: un salto troppo alto

  1. #21
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Ok, sai che quando aprirai un'utenza idrica in baita tutti i conti per ottimizzare la turbina andranno a farsi benedire... caleranno sia pressione che portata all'ugello
    certo, per fortuna ho un impianto fotovoltaico sufficiente, comunque il diametro della condotta posso anche prenderlo leggermente piu' grande volendo.
    Idea: perchè non immettere nella baita l'acqua scaricata dalla pelton con una normalissima pompa da pochi watt (visto il basso salto idrico)?
    perche' in baita devo portare acqua potabile, mentre i tubi hanno la certificazione, la girante della turbina, in una plastica non ben identificata, non da alcuna garanzia.

    1- la pelton lavorerebbe H24 alle condizioni di progetto (?)
    si, tranne quando chiedo acqua in baita chiaramente.

    2- non ti serve un grande accumulo, visto che i 0.31l/s sarebbero sufficienti a garantire la richiesta della baita (esempio pratico:da me una bottiglia da litro si riempie in più di 4 secondi, quindi riterrei accettabile una portata di 0.25l/s...soprattutto se è una seconda casa!)
    da me ci mette 20 secondi per 1.5litri, 0.075 l/s, quindi pensavo di limitare la portata in uscita a 0.1l/s, che e' gia' piu' di casa mia

    3- ti togli tutti i rischi a danni alle condutture della baita... che anche se le probabilità son poche, te pensa cosa accadrebbe se si otturasse la vavola di sicurezza e l'ugello della pelton (probabilità alta...dato che se si ottura il secondo vuol dire che nella condotta è entrato dello sporco, quindi potrebbe otturarsi anche la prima)! Se sei sfortunato invece di esplodere la condotta della pelton si rompe la valvola regolatrice di pressione che "protegge" la baita e ti ritrovi più di 16 bar nella cassetta del WC... boooooooom magari in quel momento sei a fare i tuoi bisogni...e ti ritrovi nel bel mezzo di una burrasca indoor
    la presa d'acqua e' una sorgente limpida come il cristallo, riempie una vasca al chiuso e io prelevo da questa vasca, quindi dubito che possa accadere uno scenario simile, pero' magari qualche incrostazione del tubo stesso, dopo qualche anno, si potra' staccare e finire a valle. Per aumentare la sicurezza in baita potrei mettere una seconda valvola di sicurezza, questa tarata sui 3 bar, a valle del riduttore, prima di entrare in baita.

    una domanda: per curiosità e cultura personale puoi mandarmi la scheda e delle foto della turbina di cui stiamo parlando? qua o i mp
    KIT IDROELETTRICO GENERATORE MAGNETI PERMANENTI PELTON 250w permanent magnet | eBay

    Immagine.jpg

  2. #22
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Tordesillas Visualizza il messaggio
    Mi sa che vi serve un Riduttore di Pressione ...
    forse qui qualche indicazione utile:
    https://www.caleffi.com/sites/defaul...lica_05_it.pdf

    Saluti.

    T
    grazie per il link, avevo immaginato servisse un riduttore, quello che ho postato come lo vedi?

  3. #23
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da GabrieleCito Visualizza il messaggio
    Dalla conduttura in cui entra il liquido,dai,che so qualche centimetro sotto,ci infili una cannuccia,l'aria viene aspirata dalla corrente in caduta. Ci facevano il vuoto nei contenitori un secolo fa.White album.
    ok, si conosco l'effetto venturi, pero' non ho capito in cosa esattamente dovrebbe aiutarmi avere l'aria in condotta, ho sempre pensato che fosse dannosa/pericolosa, ma forse mi sbaglio.

  4. #24
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Penso potrebbe ammortizzare un'eventuale colpo d'ariete. Penso che ammortizzerebbe solo una prima volta,poi dovresti lasciarla correre di nuovo fino a riportare l'aria a valle,cioè dovresti aspettare almeno 30 secondi prima di chiudere il rubinetto una seconda volta. Non sono un esperto in idraulica,l'ho solo buttata li. Ridurrebbe la portata e ridurrebbe l'energia cinetica sulla turbina. Potresti utilizzare il sistema per produrre aria compressa a valle,si faceva nella seconda metà del '800.

  5. #25
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da crossflow Visualizza il messaggio
    ... avevo immaginato servisse un riduttore, quello che ho postato come lo vedi?
    Quale dici, quello del post N° 14?
    Quella è una Valvola di Sicurezza e fa da filtro passa-alto, mentre il Riduttore fa da filtro passa-basso.
    La VdS impedisce l'aumento di pressione nella condotta scaricando acqua, il RdP lo impedisce laminando il flusso.

    Salvo errori.

    Cmq una volta avevo un generatore di vapore e la VdS, quando chiudeva dopo aver scaricato la sovrapressione, STENNN! chiudeva di scatto facendo vibrare tutta la tuberia, No buono per il Colpo d' Ariete. Però forse esistono VdS che chiudono gradualmente.

    T

  6. #26
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Tordesillas Visualizza il messaggio
    Quale dici, quello del post N° 14?
    N° 12

    salvo nuovi interventi con info piu' dettagliate, in un primo tentativo provero' a fare a meno del vaso di espansione e del venturi proposto da gabriele, il dimensionamento di questi sistemi e' fuori dalle mie capacita' attuali.
    Cerchero' di non fare intervenire mai la valvola di sicurezza, ma apriro' manualmente un rubinetto per bypassare la turbina in caso di necessita'.

    Per ora grazie a tutti.

  7. #27
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Al limite il rubinetto a valle lo chiudi lentamente

  8. #28
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao crossflow e tutti
    la soluzione del tuo problema è molto più semplice e economica .
    partiamo da alcuni concetti :
    1 nel bosco ,con temperature spesso sotto zero ,senza possibilità di realizzare pozzetti le valvole di sovrapressione gelano o si inceppano
    2 il tubo PEAD PN16 è progettato per lavorare a 16 bar fuori terra a 40 gradi ,la sua pressione di scoppio è il doppio di quella di lavoro .
    Dividi in 2 la tratta e costuisci un piccolo pozzo piezometrico , puoi usare un tubo da 4 " in inox lungo 1 metro e interrarlo in verticale salda 3 tronchetti da 1 " uno in fondo per l'uscita uno a metà per l'ingresso e lo sfiato in alto
    usa per il primo tratto da 1250 m pead DE 20 mm PN16 e fai scorrere l'acqua senza strozzature ...avrai circa 0.25 l/s
    usa per il secondo tratto un DE 32 PN16 ...con la portata disponibile la perdita di carico sarà 15 metri quindi avrai 13 Bar netti almeno . usa un ugello da 2.5 mm sulla turbina ...avrai la tua portata nominale ...un po di meno perchè il piezometrico deve sempre sfiorare
    la potenza draulica disponibile è 300 W ...forse arrivi a 150 W elettrici
    fine
    .........Lentamente muore chi abbandona un progetto prima d'iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce .............. Pablo Neruda

  9. #29
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao sandro, grazie per la risposta
    Quote Originariamente inviata da sandroturbine2 Visualizza il messaggio
    nel bosco ,con temperature spesso sotto zero ,senza possibilità di realizzare pozzetti le valvole di sovrapressione gelano o si inceppano
    il "pozzetto" a valle in realta' c'e' gia', e' un locale in sassi e cemento della baita, dentro ho gia' la turbina e l'ingresso dell'impianto idraulico e la temperatura non va mai sotto zero.
    Quote Originariamente inviata da sandroturbine2 Visualizza il messaggio
    il tubo PEAD PN16 è progettato per lavorare a 16 bar fuori terra a 40 gradi ,la sua pressione di scoppio è il doppio di quella di lavoro
    ma quindi significa che 16 bar e' la pressione di lavoro e 32 bar quella di scoppio, o che 8 bar e' quella di lavoro e 16 quella di scoppio?
    Quote Originariamente inviata da sandroturbine2 Visualizza il messaggio
    Dividi in 2 la tratta e costuisci un piccolo pozzo piezometrico
    si ho valutato anche questa possibilita', ma ho fatto due semplici considerazioni:
    1 non e' detto che il punto a meta' altezza piezometrica sia anche il punto a meta' percorso o viceversa, dovrei valutare in maniera esatta il profilo altimetrico di entrambe le tratte per bilanciare le portate delle due condotte e mantenere il pozzo piezometrico stabile (perche' deve sempre sfiorare? non basta che lo sfiato sia aperto per l'aria?)
    2 non risolve il problema della chiusura a valle, se chiudo infatti il pozzo sfiorerebbe tutta la portata della tratta di monte allagando le vicinanze, a meno di non fare una terza tubazione per scaricare il troppo pieno nel torrente piu' vicino.
    E' sicuramente una soluzione piu' sicura, tuttavia a conti fatti i costi sono paragonabili o superiori, risparmio sulla valvola di sicurezza ma vanno aggiunti i costi dei tubi in piu' e del lavoro per il pozzo piezometrico.

  10. #30
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao ,
    l'altezza piezometrica non è rilevante, le portate cambiano di poco,comunque con idati si possono fare i conti precisi.
    la portata a monte la decide il salto, il diametro e la lunghezza del tubo
    la portata a valle la decide il diametro ugello della turbina .
    forse invece del piezometrico una vaschetta in inox da 50x50x50 cm è meglio ..ti consente di fare una doccia senza spegnere la turbina , puoi usare un bidone plastico da 80 -100 litri
    deve sempre sfiorare perchè altrimenti se tiri aria distruggi la turbina oltre al riduttore di casa . i manicotti di giunta degli ultimi 2 rotoli di tubo devono essere necessariamente di ottone ..non i plasson
    una portata di 0.25 l/s può essere drenata da qualunque terreno a meno di non avere una casa a 10 metri a valle della vasca .
    la vasca è anche necessaria per depositare eventuali sedimenti ..sempre presenti nelle captazioni.
    il problema prezzo è secondario ...l'impianto deve andare sempre e bene altrimenti diventa inutile
    dammi retta 2500 m senza ispezioni sono un azzardo

  11. #31
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    guarda l'idea in se di spezzare in due la condotta piaceva anche a me, soprattuto per la possibilita' di mettere due turbine (io la pensavo con due condotte identiche), detto questo, non e' che non ti voglia credere, anzi, immaginavo di aver proposto qualcosa di indicibile inizialmente, ma ho delle perplessita' riguardo a questa soluzione, vorrei capire meglio

    1 non ho capito perche' e' irrilevante la piezometrica, se sbaglio il punto a meta' altitudine, rischio di causare nella condotta a valle o a monte, una pressione uguale o maggiore di 16 bar rischiando la rottura, sicuramente la meta' devo centrarla con una precisione direi di 5-10 metri (gia' difficile). O no? Poi con le lunghezze diverse probabilmente basterebbe ridimensionare i due diametri per bilanciare le portate, se ho capito bene. Per i dati precisi potrei darti in privato le coordinate da guardare con google earth se sei disponibile.

    2 il tubo lo poso facilmente nella canalina a fianco della mulattiera, una vasca grande ho difficolta' a posarla, sulla mulattiera non c'e' molto spazio, il terreno adiacente ad un'altitudine utile non e' di mia proprieta' e dovrei chiedere il permesso ma non e' detto che me lo diano, inoltre temo che l'acqua in una vasca non interrata o coibentata ghiacci facilmente, puo' essere?

    3 considerando di portare al vaso almeno 0.5 l/s (0.25 sono pochini) quando chiudo a valle o comunque ho una minore portata causa la fuoriuscita d'acqua dal vaso aggravando il problema n.2, se gli dico che puo' uscire acqua le probabilita' che mi dicano di si diminuiscono ulteriormente (ai voglia a spiegargli che drena), poi nel caso di una leggerissima differenza di portata (come mi sembra sia il funzionamento normale da te pensato per questa soluzione), il lento flusso di fuoriuscita dal vaso potrebbe ghiacciare e occludere lo sfiato? con quali conseguenze?

    4 se invece abuso del diametro grosso a valle e chiedo una portata maggiore di quella disponibile a monte (docce lunghe, irrigazione orto), svuoto il vaso e faccio entrare aria in condotta causando il danneggiamento della turbina e del riduttore di pressione, per evitare questo rischio per me non accettabile non sarebbe necessario un meccanismo di limitazione della portata? come andrebbe realizzato?

    Volevo precisare che la presa d'acqua non e' da un torrente libero, ma da una sorgente (fontana), l'acqua esce con dei tubi dalla montagna ed entra in una vasca, io preleverei da questa vasca e ne riempirei un'altra, per limitare al minimo il sedimento, quindi mi sentirei di poter escludere almeno questo problema cosi' come quello della temperatura del locale turbina a valle e quindi l'affidabilita' di eventuali valvole di sicurezza, correggimi se sbaglio.

    Per venirti incontro, potrei pensare di posare il tubo in fianco al torrente con molta fatica (e il rischio che me lo porti via), risparmiando circa 1km, 1500m sono fattibili senza ispezione?

    Se si, forse abbiamo trovato una soluzione che piace ad entrambi, i costi sono secondari fino ad un certo punto, se va oltre le mie possibilita' al posto che non fare niente mi accontenterei di fare qualcosa che ogni tanto faccia i capricci, l'unica cosa fondamentale e' la sicurezza minima, e mi sembra di capire che questo sia l'unico punto che non contestavi alla mia soluzione, mi hai parlato piu' che altro di problemi di praticita', sbaglio?

  12. #32
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    1 nel tubo a monte l'acqua scende a "canaletta " cioè la velocità dissipa tutta la pressione ...non c'è pressione ...se comunque ci fosse perchè metti un rubinetto per pulire la vasca ...non succede niente ..nemmeno se fai 200 metri di salto (il PN 16 DE 20 mm è progettato per sovrapressioni fino a 21 bar )..devi stare attento ai manicotti di giunta ..quelli di plastica si che si sfilano . Leggi bene quando parli di prezzi ! il DE 20 PN 16 costa 0.3 0.4 al metro il manicotto di ottone da Leroy.. costa 4 euro !
    la portata con tubo da 20 PN16 varia da 0.24 a 0.26 l/s con salto da 130 m a 170 e lunghezze da 1000 a 1500 m ....non cambia niente !
    2 non posare i tubi nei canali esistenti ...la gente non è contenta inoltre se scorre acqua ti scopre il tubo ..è necessario trovare 1 metro quadro dove interrare anche solo il tubo del quale si parlava ...o un pozzetto di plastica 30x30 con il coperchio ...non gela con 10 cm di terra sopra , il coperchio è praticamente stagno, monti i raccordi sulle pareti in 10 minuti ,usa i raccordi per il polietilene con filetto maschio dalla parte opposta ,4 dadi con lo stesso filetto sempre in ottone e sei a posto .
    3 0.25 l/s sono 900 l/ora ....pochini ?!
    Posa la prima vasca a 130 m di quota..te ne restano 170 , fai una vasca delle dimensioni che vuoi 30 metri di dislivello sopra casa tua, usala come pozzetto di scarico turbina ...monta una valvola 3 vie sulla turbina ..così quando la fermi l'acqua va in vasca (devi mettere in testa al by pass un ugello pari a quello della turbina ..lavorerai sui diametri per ottenere il perfetto equilibrio nella vasca a monte )
    Hai risolto tutti i problemi ..la prima vasca sfiorerà solo in emergenza , in casa porti un tubo del diametro che vuoi e hai tutta la portata che desideri ,non ti serve più il riduttore di pressione in casa
    è logico che il troppo pieno della vasca di casa devi portarlo al fosso
    4 tutto spigato nei punti precedenti ..a maggior ragione devi prelevare meno acqua possibile ! non puoi portare via dalla potabile 2 litri al secondo per irrigare ...capisci ! ti mangiano vivo i tuoi vicini !
    .... il tracciato corto alla fine ti dara meno problemi (è comunque sempre una fatica immane posare una condotta a mano ! ) 1000 metri in meno sono tanti !!
    ......a questo punto posa 1000 metri senza ispezione di DE 25 PN 25 lungo il torrente ,non rompi le scatole a nessuno !...con 250 m di salto e 0.2 l/s perderai 45 m .sono circa 250 metri geodetici ..lì installerai la vasca di casa e turbina come descritto sopra ..inoltre scarichi il troppo pieno nel fosso senza problemi
    i rotoli da 100m pesano 25 kg DE25 PN25 ..non ti preoccupare fino a 30 bar non ci sono problemi ... in alto puoi usare il pn 16 ..non usare pn 10 o 6 ..si schiacciano facilmente durante la posa
    avrai 200metri netti e 0.2l/s per la turbina quindi sempre intorno 300W idraulici e 150 W elettrici (sono 3.6 kWh/giorno )

  13. #33
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Mi sembravano pochini perche' 0.1 l/s e' la portata di un normale rubinetto di casa, se ne apro due sono 0.2 l/s, rimarrebbero solo 0.05 l/s per la turbina.

    In effetti attualmente ho gia' un impianto con una diga nel torrente 20 metri sopra la baita e lontana 150 metri, la condotta attuale porta acqua al locale turbina di cui ti parlavo (attualmente produco non piu' di una ventina di watt).
    Potrei facilmente trasformare la diga in una vasca chiusa con uscita per il troppo pieno, dove rilasciare la portata in eccesso della nuova condotta .

    Spostando la turbina otterrei maggiore potenza, tuttavia metterla nella vasca attuale non e' fattibile senza fare ulteriori lavori in cemento, rimarrebbe all'aperto con il rischio che si sporchi, che ghiacci, o che una piena me la porti via, inoltre sarebbe un problema portare l'energia prodotta alla baita a 150 metri di distanza, il generatore e' un brushless da 12V, o uso una sezione enorme o devo alzare la tensione, la vedo dura.
    Potrei comunque lasciare la turbina dove sta ora accontentandomi dell'energia prodotta attualmente, e risolvere almeno il problema dell'acqua potabile.

    A questo punto pero' visto che la condotta di monte scenderebbe "a canaletta" e potrebbe scaricare tutta la portata nel torrente, potrei usare il PN16, sei d'accordo?

    ricapitolando,

    salto: 280m (300-20)
    lunghezza: 1350m (1500-150)
    diametro: DE 20mm, DI 16mm (il piu' piccolo che ho trovato)
    portata: 0.34 l/s (portata massima senza ostruzioni a valle)

    non metto ne rubinetti ne ugelli che limitano la portata, quindi niente pressione in condotta, servono lo stesso i manicotti in ottone?

    poi da quella vasca uso la condotta attuale per portare l'acqua in baita.

    Tutto giusto?

  14. #34
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    perfetto per il tubo usa i manicotti in ottone ...sicurezza prima di tutto ! tieniti la turbina "scarsa" da 20 W
    quando ti servirà più potenza farai una macchina nuova .
    .
    .........Lentamente muore chi abbandona un progetto prima d'iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce .............. Pablo Neruda

  15. #35
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao, a tutti, secondo me con questi dati di 300 metri di salto 2,5km di condotta di diametro interno di 20,4 mm non ci ricavi nulla, nel senso che ti troveresti con oltre 250metri di perdite di carico e 49 metri di salto netto circa, con 0,4litri al secondo, a occhio sono 10W con una pressione alla turbina di 4,8 bar circa e 0,4 litri al secondo che scorno, se tiri lo sciaquone si ferma tutto !

    Se invece hai 0,4 litri al secondo a monte su un salto lordo di 300metri e 2,5km di condotta TUTTA da 23,2 mm PN 25 BAR diametro esterno 32mm, ti troveresti con un salto netto di 165 metri, circa 350W elettrici reali, logico che una valvola di sovrapressione di bypass sarebbe utile contro la stupidità, a sto punto qualcuno dirà, si puo risparmiare soldi e usare tranquillamente una condotta PN16 vista la pressione a valle, NO perche se si usa il PN16 da 20,4mm torniamo al discorso iniziale, se usiamo lo stesso diametro nomimnale esterno di 32mm sul PN16 diminuisce lo spessore ed aumenta il diametro interno, di conseguenza diminuiscono le perdite di carico aumenta la pressione ed esplode al minimo errore di stupidità, 21,8 BAR a valle dinamici!
    Quindi con i dati sopra serve una condotta PN25 DN 32 diametro interno 23,2mm, 16,24 bar dinamici, usita 350W con un buon magneti permanenti
    Ciao
    p.s 2,5km di condotta per portare l'acqua se sei a secco totale ok, ma non dicerto per fare appositamente corrente, 5.400 Euro di tubo...

  16. #36
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito 300 m di salto

    Buongiorno,

    scusa ma hai misurato quanta acqua eroga la sorgente?

    Saluti

    Progettista

  17. #37
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da buran001 Visualizza il messaggio
    Ciao, a tutti, secondo me con questi dati di 300 metri di salto 2,5km di condotta di diametro interno di 20,4 mm non ci ricavi nulla, nel senso che ti troveresti con oltre 250metri di perdite di carico e 49 metri di salto netto circa, con 0,4litri al secondo, a occhio sono 10W con una pressione alla turbina di 4,8 bar circa e 0,4 litri al secondo che scorno, se tiri lo sciaquone si ferma tutto !

    Se invece hai 0,4 litri al secondo a monte su un salto lordo di 300metri e 2,5km di condotta TUTTA da 23,2 mm PN 25 BAR diametro esterno 32mm, ti troveresti con un salto netto di 165 metri, circa 350W elettrici reali, logico che una valvola di sovrapressione di bypass sarebbe utile contro la stupidità, a sto punto qualcuno dirà, si puo risparmiare soldi e usare tranquillamente una condotta PN16 vista la pressione a valle, NO perche se si usa il PN16 da 20,4mm torniamo al discorso iniziale, se usiamo lo stesso diametro nomimnale esterno di 32mm sul PN16 diminuisce lo spessore ed aumenta il diametro interno, di conseguenza diminuiscono le perdite di carico aumenta la pressione ed esplode al minimo errore di stupidità, 21,8 BAR a valle dinamici!
    Quindi con i dati sopra serve una condotta PN25 DN 32 diametro interno 23,2mm, 16,24 bar dinamici, usita 350W con un buon magneti permanenti
    Ciao
    p.s 2,5km di condotta per portare l'acqua se sei a secco totale ok, ma non dicerto per fare appositamente corrente, 5.400 Euro di tubo...
    Ciao Buran, quanto tempo!

    Grazie per la risposta, sono giunto anche io alle stesse conclusioni, PN25 DN32 e' la condotta ideale, tuttavia sono ancora preoccupato per la scelta di valvola di sicurezza/vaso di espansione (se serve), hai suggerimenti in merito?

    Come dicevo l'obbiettivo e' l'acqua potabile, la produzione di corrente elettrica e' di secondaria importanza.

  18. #38
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Progettista Visualizza il messaggio
    Buongiorno,

    scusa ma hai misurato quanta acqua eroga la sorgente?

    Saluti

    Progettista
    la sorgente a cui vorrei allacciarmi alimenta interamente un piccolo torrente, del quale ho stimato una portata minima di almeno 50l/s in periodi di siccita', la misura non e' precisa ma e' sicuramente sufficiente.

  19. #39
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao, e si tanto tempo !

    La valvola basta che apra a pressione nominale della condotta, l'uscita la strozzi alla portata desiderata, il vaso di espansione serve per la richiusura della stessa, io metterei una paletta deviatrice davanti al getto con elettromagnete, come emergenza o anomalia elettrica oltre che di bypass ottimale per la condotta e cmq usere sempre la procedura manuale di bypass con saracinesche, lasciando la valvola automatica solo per sicurezza.

    Perchè non prelevare più acqua ed avere più potenza anche per scaldare, con una tubazione PN25 DN 50 diametro interno 36,2 e una portata limitata precisissima a 1,1 litri al secondo
    avresti 1300W (salto netto 216 metri) da generare H24 direttamente a 230V 50Hz con un semplice motore asincrono trifase, un termosifone ad olio sempre acceso acqua calda sempre ecc.
    Ok la condotta é lunga e costa, devi valutare se ne vale la pena, altrimenti il solare FV e l'accumulo di acqua piovana é piu semplice.
    Ciao

  20. #40
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da buran001 Visualizza il messaggio
    Ok la condotta é lunga e costa, devi valutare se ne vale la pena, altrimenti il solare FV e l'accumulo di acqua piovana é piu semplice.
    Ciao
    l'ultima volta avevo un'ambizione simile, parlavamo di condotte anche da 3kw, tuttavia ero giovane, inesperto e con risorse limitate. Dopo molteplici tentativi ho capito di non essere in grado di costruire una turbina da solo e quindi alla fine ho comprato l'unica che potevo permettermi, quella da 250w, pur producendone solo una decina, mi tiene tutto l'impianto luci a led accesso h24, in un posto così non è poco avere una sicurezza di una luce. La diga e la condotta attuale portano anche acqua non potabile a sufficienza, ed è un'altra sicurezza, anche se la presa richiede continue pulizie.
    Nel frattempo l'impianto fotovoltaico è cresciuto fino a poter usare un frigo o una lavatrice in estate.
    In inverno, è vero, l'impianto fotovoltaico non è sufficiente, e per scaldare la baita serve la stufa a legna. Il punto è che in inverno con neve e ghiaccio su quella mulattiera è pericoloso muoversi anche con un defender, forse solo dei piccoli cingolati sono sicuri.
    quindi in sostanza in inverno non ci si va o ci si va poco. Per asfaltare o mettere in sicurezza la strada ho chiesto e c'è da spendere un patrimonio. È un peccato anche perché sono posti sempre più in abbandono e dispiace ma certe volte la natura ha la meglio e forse è un bene che si riprenda i suoi spazi.

  21. RAD
Pagina 2 di 3 primaprima 123 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Piazzetta P950 - Minimo troppo alto...
    Da CampTiziano nel forum Termocamini e Caldaie
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 02-03-2015, 21:23
  2. Blocco inverter per frequenza troppo bassa o troppo alta
    Da Skyghost nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 23-02-2015, 12:08
  3. Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 08-12-2011, 12:55
  4. Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 21-02-2011, 21:06
  5. [auto_alcol] ALTO 1.1 Suzuki
    Da zivago nel forum Cat. M1 BioC
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 21-12-2007, 16:11

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •