Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 10 su 10

Discussione: Concessione "sottodimensionata" e accesso a PMG

  1. #1
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Concessione "sottodimensionata" e accesso a PMG



    Ciao a tutti,
    ho la possibilità di riattivare un impiantino idroelettrico esistente, che dispone di una concessione da 5 kW. La potenza massima indicata in concessione è pari a 7kW, pari ad un prelievo di circa 50 l/s.
    Le opere idrauliche sono dimensionate almeno per almeno quattro volte la portata max di concessione e anche le caratteristiche idrologiche del sito garantiscono una portata di 250 l/s per almeno 120 giorni all'anno.

    Ora, visto che le turbine attualmente installate (2 francis da 7 e 5,5 kW accoppiate a due dinamo CC), sono comunque da sostituire, intendevo installare una turbina (probabilmente cross flow) da almeno 30-35 kW che garantirebbe una produzione annua di 130-140 MWh.
    Al momento non è previsto aumentare la potenza di concessione (attività che sarà eseguita in occasione della scadenza).

    Mi chiedevo, ai fini dell'accesso alla convenzione RID + Prezzi Minimi Garantiti, che cosa succede se la produzione immessa in rete supera il massimo teorico di concessione? Mi risulta che il GSE in questi casi non sia fiscale come nel caso degli incentivi. Può il GSE rifiutarsi di ritirare l'energia?
    Qualcuno ha esperienze a riguardo?

    Ciao e Grazie
    Andrea

  2. #2
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ti conviene procedere da subito con una richiesta di variante sostanziale alla Concessione.
    Altrimenti ti sarà un po' difficile giustificare le modifiche effettuate senza le dovute autorizzazioni ...
    Per il resto dipende in che Regione sei, ma i controlli ormai avvengono da più fronti ed uno innesca l'altro ...

    saluti. vortex

  3. #3
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da vortex Visualizza il messaggio
    Ti conviene procedere da subito con una richiesta di variante sostanziale alla Concessione.
    Altrimenti ti sarà un po' difficile giustificare le modifiche effettuate senza le dovute autorizzazioni ...
    Per il resto dipende in che Regione sei, ma i controlli ormai avvengono da più fronti ed uno innesca l'altro ...

    saluti. vortex
    Buongiorno a tutti, sono nuovo qui, ma seguo interessato questo topic, in quanto mi si prospetta una situazione simile. Un mio parente è proprietario di un piccolo impianto inattivo, la cui concessione prevede un prelievo molto inferiore rispetto alle dimensioni reali dell'impianto (diciamo che l'installato è circa il doppio rispetto al valore di picco della concessione, ed è ragionevole pensare che la produzione annua sarebbe maggiore del massimo derivante da P max concessione x 8760 ore). Se volessi semplicemente riattivare l'esistente, senza modifiche impiantistiche, e accedere ai pmg (l'impianto è abbondantemente sotto soglia), dovrei comunque adeguare la concessione, o posso riattivare l'impianto e basta? Rischierei contravvenzioni o, peggio, contestazioni da parte del GSE?

  4. #4
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno devi assolutamente adeguare la concessione.

  5. #5
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie a tutti per le risposte, è ovvio che la concessione debba essere adeguata, ma questa è una questione che interessa esclusivamente l'ente concedente (nel mio caso la regione), che potrà giustamente richiedere sanzioni per prelievi superiori alla concessione. La concessione è già attiva e i canoni vengono regolarmente pagati. Nessuna autorizzazione particolare è necessaria per riattivare l'impianto, tuttalpiù farei una SCIA.
    Mi chiedevo se per il momento non sia possibile stipulare una convenzione RID col GSE.
    Dopotutto, ai fini esclusivamente GSE, l'impianto non è soggetto a incentivi, quindi non rientra nelle casistiche riportate in questo ed altri documenti.
    http://www.gse.it/it/Qualifiche%20e%...0esercizio.pdf
    Dopo il primo anno intero di produzione sarà possibile adeguare la concessione.
    Vi cito anche l'art. 49, in particolare il comma 2 del RD 1775/33:

    articolo 49
    1. Qualunque utente di acqua pubblica, che intenda variare sostanzialmente le opere di raccolta,
    regolazione, presa e restituzione, la loro ubicazione e l’uso dell’acqua, è soggetto a tutte le formalità
    e condizioni richieste per le nuove concessioni, compreso il pagamento del canone.
    2. Quando le variazioni, pure aumentando la quantità d’acqua o di forza motrice utilizzata, lascino
    sostanzialmente invariate le opere di raccolta, regolazione, presa o restituzione dell’acqua, la loro
    ubicazione e l’uso dell’acqua, il Ministro dei lavori pubblici, sentito il Consiglio superiore, può, previa
    breve istruttoria limitatamente alle varianti introdotte, accordare la concessione senza le condizioni
    e formalità stabilite al comma precedente, salvo il pagamento del canone per la maggiore utilizzazione.
    In questo caso resta ferma la scadenza originaria dell’utenza.


    Che ne pensate?

  6. #6
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ingroberto Visualizza il messaggio
    Buongiorno devi assolutamente adeguare la concessione.
    Ok, grazie, vedo di iniziare le pratiche. Però la mia domanda è, se nel frattempo l'impianto inizia a funzionare, producendo più della concessione, cosa può succedere?

  7. #7
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da vortex Visualizza il messaggio
    Ti conviene procedere da subito con una richiesta di variante sostanziale alla Concessione.
    La sola richiesta di aumento di portata si configura come variante non sostanziale della concessione

  8. #8
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da moch Visualizza il messaggio
    Ciao a tutti, [...]
    Io credo che eventualmente il controllo del GSE vada a confrontare la produzione con la potenza del gruppo di generazione installato.
    Tieni presente che la potenza di concessione è di fatto una potenza media stimata e che nelle più recenti concessioni rilasciate dalla Regione Veneto è già previsto fin da subito che dopo 5 anni si vadano ad analizzare i dati di produzione e/o di portata derivata e si possa procedere, se necessario, ad aggiornare i dati concessori.
    Pertanto, ritengo che non avrai problemi col RID in regime di PMG.

  9. #9
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao energie,
    a riguardo della variante sostanziale o non, immagino ti riferisci al R.D. 1775 del 1933 ..
    ma poi ci sono le leggi regionali, ad esempio da noi la normativa recita cosi:

    Per variante sostanziale si intende ogni modifica alla concessione originaria che renda necessaria una nuova valutazione dell'interesse di terzi, del contesto ambientale o del rischio idraulico relativamente a:
    a) cambio di destinazione dell'uso della risorsa;
    b) variazione in aumento del prelievo;
    c) modifica delle opere o del luogo di presa o di restituzione.

    Invece in merito alla massimo dell'energia che viene riconosciuta dal GSE, il DM2016 indica la potenza nominale di concessione x 8760 ore.

    Ad esempio - impianto da 240 kw di nominale entrato in accesso diretto in categoria soglia dei 250 kw :
    a) fino a 240*8760 sei ok
    b) oltre a 250*8760 procedura infrazione e niente più incentivi + restituzione di tutto

    se in RID non credo scattino procedure d'infrazione ma va verificato

  10. #10
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Io farei molta attenzione al discorso del superamento... non tanto dell energia quando delle potenze! il GSE non aspetta altro che queste situazioni per bloccare pagamenti... tariffa incentivante o RID che sia! I dati inseriti in Pratica RID e/o Terna sono assolutamente vincolanti per quello che ho potuto constatare in questi tempi è appena si sfora.... tutto bloccato!!!

  11. RAD

Discussioni simili

  1. Interpretazione autentica """data di completamento della connessione"""
    Da luciexpo nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 03-05-2011, 08:24
  2. "Richiesta di concessione tariffe incentivanti ".............IMPOSSIBILE STAMPARLA!!!
    Da bluedeep nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 05-12-2010, 17:49
  3. Per la "waterwheel" serve la concessione?
    Da Rudolph nel forum IDROELETTRICO
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 05-02-2008, 14:20

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •