i Libri di Terranuova
Mi Piace! Mi Piace!:  4
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  1
Pagina 3 di 14 primaprima 1234567891011121314 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 41 a 60 su 262

Discussione: Risparmio energetico e certificazione energetica: teoria, aspetti pratici, dubbi e domande

  1. #41
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito



    ciao riccardo, allora bhe certo non pretendo di fare una "cerificazine" così con due dati sommari, ci mancherebbe, ma se riesci sommariamente anche a darmi una indicazione della classe enegetica sarei già contento:-)
    per quanto riguarda i dati...bhe gran parte li ho annotati o calcolati e quindi nn è un grosso problema recuperarli.
    la casa è stata fatta in due momenti
    la parte sotto ha 40anni (anni 70) la parte sopra è stata alzata anni 80 circa.
    tre anni fa mi sono messo io a ristrutturala
    i muri sono fatti in mattone blocco semipieno da 28cm andando verso l'intrerno c'è...intonaco, polistirene xps da 6cm cartongesso con 1cm di aria, incollato direttamente sul polistirene senza orditura
    la trasmittanza della parete calcolata è di 0.4
    le tramezze le ho tagliate per non creare punti termici ed ho inserto il polistirolo
    le soglie le ho tagliate, ho messo una guaina in gomma sulle porte finestre e poi la parte in alluminio del serramento
    le soglie delle finestre, dove prima c'erano i caloriferi, sono state anche queste tagliate, sigillate con la gomma e poi rivestito il "buco" del calorifero con il polistirolo, portandolo a pari del muro vecchio, e poi cappottato tutto con xps da 6cm
    la trasmittanza del serramento è circa 1.8
    il soffitto è stato isolato parendo dall'alto: soletta interna, intonaco, polistirene xps da 4cm, 1.5 cm di intonaco in cui sono annegati i tubi capillari
    l'esposione, bhe è una villa singola, "rettangolare" con lati lunghi esposti a ovest e est (circa 14m) e i lati corti a sud e nord (circa 10m)
    le finestre sono tutte a ovest ed a est, con solo una porta finestra a sud
    la zona climatica è E (provincia di monza brianza)
    il massetto dei pavimenti l'ho fatto con la perlite per alleggerirlo ed isolarlo dal piano sotto, spessore circa 8cm poggiato su una "vasca flottante" fatta di gomma triturata per ridurre i rumori da calpestio.
    i lavori li ho fatti tutti io...non è per nulla il mio lavoro, ma ci ho prestato attenzione, cercando sempre di capire quello che facevo e mettendoci la testa:-)

    venenondo ai consumi...bhe la tua casa è molto simile alla mia, solo che io sotto non ho un locale vuoto, ma un locale caldo.
    c'è però da dire che ho il massetto "isolato" per non avere poi un problema un domani se sotto dovesse rimanere vuoto...
    ma certo non è chissà che cosa.
    io in questi mesi sono 7-8mc/giorno, però scaldo solo la casa a 19°C e non mi faccio la doccia sopra e non uso il gas x cucinare. Di contro essendo vuota e non abitandoci nessuno...i consumi dovrebbero essere un po' maggiori
    Io però ho i pallelli radianti capillari per riscaldare, una caldaia imar inka solar a condensazione, e 3 pannelli solari che aiutano anche la caldaia nel riscaldamento dell'acqua per i capillari.
    Tu invece che tipo di impianto hai?
    Io detto sinceramente, facendo una proiezione e calcolando il costo del gas ad 1euro/mc (considerando le tasse ed i costi fissi più o meno il prezzo è quello) mi aspettavo di consumare meno...circa 4mc al giorno...contro i 7cm che misuro ora...non sono contentissimo, per questo stavo cercando dei confronti
    grazie mille!!!!

  2. #42
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    @davide81: il totale della perdita di calore per trasmissione ( quei 5.105 W/K) è dato dalla somma di tutte le aree di superfici disperdenti e con loro valore di trasmittanza (muri, infissi, solai, pavimenti, espresse in W/m2K) ed è solo la base per il calcolo del fabbisogno energetico che deve esser redatto secondo i parametri climatici della tua località.

    ma SOLO da quei dati NON si risale alla classe energetica, anche se a spanne vista l'alta dispersione rispetto area/volume sarà una Classe G non essendocene altre più basse.

    dal fabbispgno energetico secondo la località si dimensiona poi l'impianto e relativo generatore di calore

    P.S. da qualche parte avevo postato un conto alla buona per un normale appartamento di 100 m2 riferito a zona climatica di Napoli, ma naturalmente non so dove sia finito
    Ultima modifica di riccardo urciuoli; 24-02-2013 a 10:48 Motivo: unione discussioni

  3. #43
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ok, grazie Biomassoso.
    se riesci a trovare il link inizio ad approfondire un po di più il dimensionamento.
    grazie ancora.

  4. #44
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    per capire comincia col leggerti questo che può andar bene come esempio:
    File Allegati File Allegati

  5. #45
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    letto, un po di dati li recupero...poi nell'ultima parte mi perdo completamente..
    anzi, a dire il vero ho fatto il conto ma viene altissimo...
    168'000'000 kwh...mmmmhhhh

  6. #46
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    quei PDF di cui sopra sono napoli1 e napoli2

    li trovi in questa vecchia discussione:
    http://www.energeticambiente.it/cald...a-caldaia.html

  7. #47
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    @megamarco: Beh ormai i lavori li hai fatti, o te la fai certificare come si deve (ci vogliono dati molto precisi su trasmittanze e spessori, o a questo punto ci vivi un anno, misuri i consumi mese per mese e alla fine fai conti sui consumi reali....

    Io ho una caldaia tradizionale sul balcone e impianto a caloriferi...
    Ultima modifica di riccardo urciuoli; 24-02-2013 a 10:49 Motivo: unione discussioni
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  8. #48
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Gentilissimo..e hai anche molta pazienza..
    ma sto leggendo le formule..non so se ne vengo a capo! :-(

  9. #49
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
    Io ho una caldaia tradizionale sul balcone e impianto a caloriferi...
    bhe...ma...quindi i mei consumi sono in linea cono i tuoi in cui hai solo isolato....
    l'impianto capillare, la bassa temperatura usata, i pannelli solari termici sembrerebbero solo "specchietti x le allodole" a conti fatti... :-(

  10. #50
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    no non proprio, però l'impianto influenza il rendimento termico stagionale, ma se l'involucro disperde molto... il tuo tetto, anche se isolato (non tantissimo) sarà sempre più disperdente del mio soffitto verso altro appartamento riscaldato!
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  11. #51
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao, bhe se quindi avessi isolato ancora di più il tetto avrai risparmiato ancora di più sui consumi...invece che mettere un impianto radiante capillare (che costa ben di più di uno "tradizionale" a pavimento)

    cosa intendi con la frase che l'impianto influenza il rendimento termico stagionale?

  12. #52
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ok...con tanto di foglio penna e calcolatrice..ho provato a fare i conti che Biomassoso mi ha postato e forse sono riuscito a calcolare/capire qualcosa.
    intanto penso che il mio conto fatto dall'amico sulle dispersioni è lo stesso (un po piu accurato) fatto nel foglio Napoli1.pdf
    e quindi i 5,1Kw sono la Pn (potenza necessaria)
    sono passato ora al foglio Napoli2 e i conti mi risultano 10997 Kwh termici (fta secondo il foglio pdf..)
    e quindi in soldoni circa 900 euro di metano stimato all'anno..

    sarà possiibile?

  13. #53
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    @megamarco: che se l'involucro disperde, per esempio, 30 kWh/mq anno, l'impianto potrà solo peggiorare questo dato per mezzo del suo rendimento medio stagionale (che di solito è minore di 1 anche con caldaie a condensazione). Infatti il consiglio di solito, specie su case poco isolate, è di intervenire prime e pesantemente sull'involucro, e dopo sull'impianto.
    Ultima modifica di riccardo urciuoli; 24-02-2013 a 10:50 Motivo: unione discussioni
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  14. #54
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito ACE edificio accatastato in parte c/6

    Salve a tutti!
    Dovrei redigere un ACE per un edificio che è accatastato in parte a/7 ed in parte c/6. Naturalmente ciò che concerne il c/6 è la parte dubbia: in pratica si tratta di un garage con annessa tavernetta e depositi vari, con impianto di riscaldamento ubicati in un seminterrato (il garage e depositi non sono riscaldati). La parte di edificio a/7 è al piano rialzato ed è normalmente abitata dal proprietario.
    Come regola, se non mi sbaglio, gli edifici accatastati c/6 non dovrebbero essere certificati, ma in questo caso, vista la presenza di un impianto termico installato la cosa è forse differente?
    Attualmente sono tentato di certificare l'edificio considerando la sola parte a/7...qualcuno ha avuto esperienze simili o ha opinioni in proposito?

    Grazie a tutti coloro che vorrano intervenire!

  15. #55
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Dipende dalla normativa nella tua regione... in Lombardia eventuali box o taverne riscaldati vanno fatti rientrare nella volumetria del rispettivo appartamento, e c'è una casella da spuntare se non c'è corrispondenza tra accatastamento e utilizzo reale
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  16. #56
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Innanzitutto grazie per la risposta!
    Nella mia regione si applicano le linee guida nazionali (DM 26-06-2009), per le quali al punto 2 si indica:

    ...tra le categorie predette non rientrano, box, cantine, autorimesse, parcheggi
    multipiano, depositi, strutture stagionali a protezione degli impianti sportivi, ecc. se non
    limitatamente alle porzioni eventualmente adibite ad uffici e assimilabili, purché scorporabili
    agli effetti dell’isolamento termico.


    Quindi l'autorimessa-tavernetta riscaldata sembrerebbe non dover essere certificata.
    Giustamente in Lombardia è inserita la casella da spuntare per i casi di difformità tra catastale ed utilizzo reale, e quindi dal punto ti vista certificativo il discorso è più lineare: se c'è riscaldamento si certifica...ma questo non dovrebbe portare automaticamente ad una certa responsabilità del proprietario nei confronti dell'utilizzo improprio dell'immobile? Ossia, non dovrebbe richiedere una variazione catastale?

  17. #57
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    in teoria si, anche se francamente non so quanto sia importante in Italia rispettare le regole, tanto prima o poi si condona...

    Per me ha senso inserirli, e tra l'altro penalizza molte situazioni reali...le classiche taverne o i sottotetti, che i costruttori vendono a peso d'oro ma come non abitabili, e di solito ci risparmiano pure sull'isolamento termico...

    Rispetto le linee guida bisognerebbe leggerle bene, perchè se una taverna è accatastata comedeposito o cantina ma poi usata come abitazione...
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  18. #58
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Avrei alcuni dubbi sulla classe energetica della mia abitazione e su eventuali interventi possibili (se utili).

    Iniziano dai dati, appartamento posto al secondo piano 50mq, quasi un rettangolo perfetto con lati 5 e 10 mt.

    Lato Sud (10 mt) confina con altro appartamento scarsamente o quasi mai riscaldato.
    Gli altri 3 lati sono esposti.

    Sul lato Est (5 mt) è presente la porta di ingresso che da sull'esterno - scala condominiale con coperta.

    Le finestre sono poste sul lato nord nr.2 170x1 mt, a queste va aggiunta 1 porta finestra (80x220) ed la finestra del bagno (80x1) che danno su un balcone completamente chiuso da veranda in alluminio e vetro. Finestre e portefinestra in alluminio con vetrocamera.

    La costruzione risale agli anni 60 con muri spessi 60 cm in pietra lavica (quella dei marciapiedi per intenderci) e qualche strato di mattoni rossi. Intonaco interno in calce e gesso, esterno non saprei.

    Sia sopra che sotto confina con altri appartamenti, anche questi scarsamente o quasi mai riscaldati.

    In fase di acquisto il venditore ha autocertificato la classe G.

    I miei dubbi sono: considerando la zone climatica (B) Catania Città, l'età dell'immobile, l'impossibilità di intervenire in esterno conviene isolare e come? Quale sarebbe la classe raggiungibile?

    Non vorrei pregiudicare il comportamento estivo, sicuramente piu' importante rispetto a quello invernale, ma se fosse possibile guadagnare qualche classe in vista di una futura rivendibilita' non sarebbe male.

    Ogni consiglio e' gradito ...

  19. #59
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    beh, non è proprio una domanda sulla certificazione...vediamo di rispondere in maniera 'teorica'..

    In generale non conviene intervenire su pareti e solette che danno verso altri appartamenti riscaldati (anche se saltuariamente), soprattutto vista la zona climatica... fosse un appartamento in alta montagna con quelli di fianco usati solo il weekend...
    Anzi alcune metodologie di certificazione proprio NON considerano disperdenti quelle superfici, quindi anche se le migliori non migliori il risultato della certificazione.
    Escludendo interventi esterni resta solo il cappotto interno (c'è un 3d specifico), che ha qualche limite e soprattutto ti toglierebbe volumetria a una casa già piccola! Eventualmente comunque per non pregiudicare il confort estivo bisognerebbe andare su materiali 'pesanti' tipo pannelli in silicati di calcio, fibra di legno o simili...
    Non hai detto se gli infissi sono a taglio termico o no..se sono dell'epoca potrebbero non esserlo e allora l'unico intervento di isolamento forse ragionevole è la loro sostituzione.

    Detto questo, vista la zona 'calda' e la scarsa volumetria (quindi gli scarsi consumi), un intervento sensato potrebbe essere sull'impianto termico: passaggio a caldaia a condensazione da far lavorare bene (quindi a bassa temperatura) e/o pompe di calore per avere caldo d'inverno e fresco d'estate

    In teoria qualsiasi classe è raggiungibile tranne la A e A+, per le quali magari risulterebbe necessaria anche la VMC.. ma se per raggiungere una B dovessi fare 10 cm di cappotto interno...ne varrebbe la pena?
    Bisogna sempre considerare che la convenienza di ogni intervento (quindi il rientro in un numero ragiovenole di anni) è molto legata alla spesa annuale per il riscaldamento, di cui non parli...
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  20. #60
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
    beh, non è proprio una domanda sulla certificazione...vediamo di rispondere in maniera 'teorica'..

    In teoria qualsiasi classe è raggiungibile tranne la A e A+, per le quali magari risulterebbe necessaria anche la VMC.. ma se per raggiungere una B dovessi fare 10 cm di cappotto interno...ne varrebbe la pena?
    Bisogna sempre considerare che la convenienza di ogni intervento (quindi il rientro in un numero ragiovenole di anni) è molto legata alla spesa annuale per il riscaldamento, di cui non parli...
    Non credo che ne valga la pena, sopratutto visto che si andrebbe a perdere in volumetria con il rischio di peggiorare le "prestazioni" estive. Il ragionamento ero piu' teorico in vista di rivendere.

    Ne approfitto della tua competenza, e spero di restare in tema.

    Per quanto riguarda gli infissi non sono a taglio termico ma "semplici" vetrocamera con singola guarnizione.

    Per riscaldamento PDC aria/aria e produzione ACS affidata (appena parte il conto termico) ad un boiler PDC monoblocco con canalizzazione dell'aria espulsa all'interno per i mesi caldi.

    Dovrei anche recuperare uno scambiatore a flussi incrociati di "risulta" ma spetto di controllare i dati di targa perchè se supera i 30W credo che non ne valga la pena installarlo.

    Detto questo, la domanda da 1.000 di ero (dollari? ), queste scelte impiantistiche come impattano sulla classe energetica? considerando che la partenza è "G" (per il solo involucro visto che non ha impianti) PDC e boiler PDC mi fanno guadagnare qualche classe?

    L'aggiunta dello scambiatore (al di la del confort - almeno per me visto che odio l'aria viziata) aggiunge qualcosa ai fini della certificazione o visti i precedenti impianti è ininfluente?

    Devo decidere se far certificare o meno l'immobile, ma se alla fine G è (autocertificabile) e G resta non vale la pena farla.

    Altro dubbio, un eventuale impianto domotico viene considerato in fase di certificazione? e se si in che percentuale influenza?

  21. RAD
Pagina 3 di 14 primaprima 1234567891011121314 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Risposte: 1055
    Ultimo messaggio: Oggi, 08:04
  2. Risposte: 503
    Ultimo messaggio: 04-12-2018, 11:28
  3. Certificazione energetica
    Da pede82 nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 14-02-2009, 14:39
  4. Certificazione energetica o qualificazione energetica????
    Da max1965 nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 10-12-2007, 12:45
  5. Certificazione Energetica
    Da Fabio2678 nel forum In Casa
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 24-05-2007, 07:30

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •