i Libri di Terranuova
Mi Piace! Mi Piace!:  1
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 2 di 3 primaprima 123 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 21 a 40 su 57

Discussione: Consumo Gas sempre costante, caldaia sempre al minimo

  1. #21
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito



    Tutti gli anni le stesse discussioni basterebbe crearne una in evidenza e deviare li'....
    Se ,non si riesce a capire ,che ho una scatola che ha bisogno do 100kwh per rimanere/o avere in certe ore 20° , e quindi ho un range di generazione da 4kw x 24h a 25kw per 4 ore , rimane solo il tipo di generatore dove ha il maggior grado di rendimento...... nel primo caso avro' effetto camino caldo davanti e freddo dietro , nell'altro livellero' l'ambiente sempre alla stessa T ..... se si vuole risparmiare si mette una felpa in piu' e si lascia spento.....
    Forum che si professa ecologico , con gli sponsor che vendono fumarole a biomassa

    **** Non ho nessuna intenzione di RIsottoscrivere le regole , visto che sono stato sanzionato senza nessuna giustificazione ****

  2. #22
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    vero, ma una discussione così dove la metti? Poi magari si comincia a parlare di isolamento...

    Perdere 3 gradi in una notte è tanto, Riccardo hai idea di che classe energetica è la tua casa?

    Dove sei? Ho letto velocemente e magari mi è sfuggito...

    Io (provincia di Milano) ho perso 4 gradi ma spegnendo l'impianto dal 23 al 30/12... vero che faceva più caldo di adesso, ma 3 gradi in una notte non li perdevo neanch eprima dei lavori di isolamento.

    Quindi se vuoi risparmiare sul serio devi isolare.

    Però... in un caso del genere non è proprio detto che convenga tenere l'impianto sempre acceso. Perchè con tante dispersioni la condensazione è un po' forzata, ma comunque se la T scende tanto si potrebbe fare qualche prova a spegnere di notte per poi riaccendere con la stessa T di mandata qualche ora prima di quando serve il caldo.

    Ma il consiglio generale è di smetterla di misurare i mc/h consumati, troppe variabili in gioco. Al limite misure giornaliere, ma i miglioramenti si apprezzano meglio su periodi più lunghi, es una settimana.

    Se continui a cambiare impostazioni ogni qualche ora capisci poco secondo me
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  3. #23
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    quando fa più caldo anche le case colabrodo soffrono meno
    per spendere meno si deve scaldare con sistemi a COP alto allora si risparmia anche con le case scarsamente isolate
    basta quindi avere un climatizzatore in A++ o meglio ancora in A+++ e accenderlo in pompa di calore, con le nuove tariffe e/o in abbinamento al FV secondo me non è molto conveniente investire in isolamento e sostituizione infissi, avrebbero un tempo di ammortamento molto lungo

  4. #24
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    alex quello che dici è il contrario di quanto solitamente affermano i professionisti del settore...

    Non tutti possono fare FV, e comunque costa... e le nuove tariffe faranno risparmiare un po' ma mica te la regaleranno l'energia elettrica.

    Bisogna valutare caso per caso, certo, ma gli interventi di isolamento si detraggono, alcuni si fanno in DIY... e i tempi di rientro tra pochi mesi e 10 anni non sono un problema se la casa è di proprietà....
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  5. #25
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    non te la regalano ma la questione cambia e non di poco, per consumi alti qua si scende di un 30% e oltre; isolare per bene una casa grande (involucro+infissi) è un bel costo ed inoltre, per fare un bel lavoro, si dovrebbe modificare pure la tipologia di riscaldamento (nei vecchi edifici si utilizzano i termosifoni) con tutti i disagi che comporta.

  6. #26
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Si è vero, ogni anno la stessa discussione, ne ho lette molte cercando di cogliere qualche informazione, però poi ogni situazione è a se e allora cerco di capire quella mia. Tornando a noi, abito in un condominio, in un paesino nel Lazio,la temperatura media di questo periodo è +10/-2. La classe energetica non la conosco, ma evidentemente è bassa. Sono sotto tetto ed ho tre lati esposti. I doppi vetri ci sono ma ho dei grandi finestroni in sala,quest'ultima è un grande ambiente cucina compresa di 50mq. Ho tre termosifoni cordivari a tre colonne alti 1.8m, termosifoni che rendono bene ad alte temperature.
    Tornando alle prove, questa notte ho lasciato acceso, a 40°C di mandata, questa mattina alle 7 ero a 17.5 °C (ieri sera prima di abbassare alle 21, ero a 18.3 °C). Alle 11 o alzato la mandata a 45 °C e la temperatura piano piano risale senza tanta fatica. La notte il consumo è di 0.35 m3/h.
    Il consumo giornaliero alla fine credo sia sempre quello, ne guadagna che questa mattina anche a 17.5 non si avvertiva quel freddo delle altre mattina e non credo solo per un grado in più. Adesso lascio cosi ed imposto il crono a 18.5 facendolo intervenire eventualmente. Penso che nelle ore più calde possa farcela. L'isteresi minima del mio cronotermostato è di 0.2.( stacca a 18.5, riattacca a 18.3 )
    Lascio cosi o conviene allargarlo?
    Grazie per la pazienza.....

  7. #27
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    lascia 45..e fai in modo che i termostati non scattino mai..se riesci a scaldare a 45 puoi pensare a una pdc con profitto.
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  8. #28
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Tieni la mandata costante a 43 e vedi se riesci a tenere la t costante e metti il termostato qualche decimo sopra la t che raggiungi in un clima freddo e falla lavorare h24, vedrai che non appena la t esterna sarà meno rigida ti si spegnerà in pieno giorno e allora se avvertì fresco agisci ancora sulla mandata diminuendone la t

  9. #29
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo. m81 Visualizza il messaggio
    ma ho dei grandi finestroni in sala
    e come sono al tatto : freddi o caldi ?

    Riccardo hai voglia a girare , se voglio 20° ad una certa ora e la casa ha disperso 100kwh li devo rimettere sempre... altrimenti domattina avro 17 , il giorno dopo 16 , quello dopo ancora 15 etc.... si potrebbe deficnire che se tengo 20° tutto il giorno invece di 18 avro' una maggior dispersione che io non so' calcolare , ma penso cambi poco......
    Forum che si professa ecologico , con gli sponsor che vendono fumarole a biomassa

    **** Non ho nessuna intenzione di RIsottoscrivere le regole , visto che sono stato sanzionato senza nessuna giustificazione ****

  10. #30
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    dunque... premesso che credo che con le regolazioni si recupera al massimo qualche %, lasciando andar giù la temperatura si riduce il delta T con l'esterno e quindi anche in quel modo si guadagna qualche %.

    Ma direi che la situazione comincia a essere più chiara: doppia esposizione e SOTTOTETTO...

    Riccardo... ci sono interventi anche molto economici che forse devi valutare, per esempio isolare il sottotetto, dipende da come è fatto ma potrebbe essere fattibile anche in fai da te.

    Ci sono 3d che parlano di tetto, e un 3d sul fai da te dove puoi capire cosa potresti o meglio DOVRESTI fare.

    Poi certamente imparare a sfruttare al meglio la caldaia è positivo ma non mi aspetterei miracoli. Comunque i consigli te li stanno dando.

    Però...guarda un po' in giro nel forum e valuta di fare qualcosa nei prossimi mesi!

    Isolando ne guadagni in confort, e anche in estate. E la caldaia a condensazione lavorerà meglio.
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  11. #31
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    si deve trovare un equilibrio termico in funzione delle proprie necessità; ovvio se questo equilibrio lo voglio a 21°C consumerò di più rispetto che tenerlo a 19°C ma questo è scontato

  12. #32
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Allora ho provato a tenere h24, la mandata a 40 tutta la notte e 45 di giorno e di notte è scesa ma sono rimasto entro i 17°C, a conti fatti spendo di più circa 12 m3/h. Scarto l'ipotesi di tenere acceso h24. Sto provando a tenere acceso tutto il giorno e spegnendo la notte dalle 21 alle 06. Con mandata a 46 °C riesco a scaldarmi ma molto lentamente e con un compromesso, la mattina tengo una felpa in più,ma non mi pesa anche perché apro per cambiare aria. Nelle ore centrali raggiungo i 18°C circa e alla sera sono arrivato a 19 °C. Cosi spendo circa 6.5 m3 al giorno e mi sono tolto il pensiero di stare li ad accendere,programmare e cosi via. A tal proposito so che oggi che sta facendo freddo, avrò massimo 19 solo alla sera, ma già dalla settimana prossima quando non ci saranno più giornate cosi rigide lasciando cosi la mandata potrò avere più confort prima. Vero quello che spendo per scaldare in una giornata me lo rimangio la notte, ma vista la situazione di isolamento attuale mi sembra la soluzione "migliore" per sfruttare la condensazione e poter risparmiare.
    Anno prossimo cercherò di trovare una soluzione all'isolamento del tetto.
    Grazie ancora....!!
    Ultima modifica di riccardo. m81; 19-01-2016 a 13:23

  13. #33
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Per riccardo.m81

    Perdere tre gradi a notte è moltissimo, te lo dico io che ho una casa indipendente senza cappotto esterno e pure senza doppi vetri in finestre molto grandi (uniche coibentazioni la soletta della soffitta fatta con uno strato adeguato e la porta di ingresso che dà direttamente all'esterno, coibentata con vetri speciali), stamattina avevamo -7°C di temperatura esterna eppure perdo 1-2 °C nella notte, se spengo completamente il riscaldamento. Poi il tutto è molto figlio delle temperature esterne.
    Forse ti conviene col tempo fare un po' di lavori, in funzione della casa che hai. Ovviamente anche i lavori di riqualificazione, comunque, hanno un bel costo...

  14. #34
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    attenzione a fare i confronti...spegnere a 20 gradi appena raggiunti, arrivando da 17, e dopo averli presi in 2 ore..non equivale a spegnere a 20 gradi, arrivando da 19, e dopo averli raggiunti in 8 ore...questo a parita di coibentazione e clima..
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  15. #35
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ecco la mia esperienza:
    Casa anni '70 soletta coibentata (12 cm) e serramenti in PVC con doppi vetri.
    Dalle 10.30 alle 14.00 scaldo con pompa di calore.
    Consumo annuo gas 2015= 656 metri cubi (compreso cucina e docce (in famiglia siamo in 4) cioè circa 0.5 metri cubi al giorno (180 annui))
    Da inizio anno ho installato anche io il monitoraggio temperatura ma non riesco a caricare il file.
    Tieni conto che ieri alle 19.00 avevo 21° e alle 2.00 am la temperatura era di 20° (dopo 7 ore!!!)
    Il buon risultato è dato dall'involucro.
    3 kw n° 12 BISOL da 250 watt, Inverter Aurora Powerone 3.0-OUTD - connesso dal 26/06/2014 - Vicino a Torino

  16. #36
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    attenzione che ha ragione Marco, un conto è aumentare la T di 3°C (arrivando a 20°C) in 3/4 ore e poi spegnere, altro conto è avere 20°C in casa da 15 ore e poi spegnere

  17. #37
    Novizio/a

    User Info Menu

    Post

    Buongiorno a tutti... riapro, anche se è passato un bel po di tempo, questa discussione, visto che tratta nello specifico quello che vorrei chiedere, e soprattutto perchè leggendo ho potuto constatare che l'autore del post ha fatto più o meno le stesse prove che sto facendo io..
    Allora partiamo dall'inizio..intanto premetto che è la prima volta in vita mia che mi rapporto con un riscaldamento autonomo...prima stavo in condominio con riscaldamento centralizzato e prima ancora vivevo in sicilia e non avevamo proprio i riscaldamenti..
    Vivo in provincia di Torino, in una casa indipendente su un unico piano (quindi niente appartamenti confinanti), ho una caldaia a condensazione abbastanza recente, e ho da poco installato un termostato intelligente (l'ho preso principalmente per la possibilità di gestirlo da remoto visto che ogni tanto mi capita di mancare da casa per diversi giorni). La temperatura di mandata della caldaia è impostata a 55 (su suggerimento del tecnico della caldaia) e ho impostato la temperatura di casa a 19,5° dalle 7.30 alle 23.30 e a 18° dalle 23.30 alle 7.30. Tengo sotto controllo i numeri del contatore e allo stato attuale con una temperatura esterna che varia dai 8/9 gradi di giorno ai 0/2 gradi di notte ho un consumo medio di circa 10/11 mc al giorno (compreso acqua calda e gas cucina, ma per questi ultimi il mio consumo rilevato anche dagli utilizzi in estate e nella casa vecchia è di circa 1 mc al giorno). Adesso vorrei chiedere qualche consiglio per risparmiare qualcosina e portare i consumi quantomeno a 8 mc al giorno... per darvi un'idea della dispersione termica della mia casa, in una notte (23.00/7.00) a riscaldamento spento con temperatura esterna tra i 0 e i 2 gradi perdo all'incirca 2/2,5°.
    Ho letto su questa discussione che portando la temperatura di mandata a 45° potrei risparmiare qualcosina...consigli?

  18. #38
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Dovresti far installare la sonda esterna ed utilizzare la curva climatica. Più di così non potrai fare. Il resto lo fa la classe energetica dell'edificio e quanto vorrai riscaldare.
    ABITAZIONE : consegnata nel 67, classe G circa 300 kWh/m^2 anno . RISCALDAMENTO : caldaia condensazione a gas metano su impianto a tubi a vista in rame con radiatori in ghisa classici. No raffrescamento. No VMC. No FV.

  19. #39
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ma supponendo che una mandata a 45° sia sufficiente a far raggiungere la temperatura desiderata, anche se magari (soprattutto la mattina ) ci impiega più tempo, rispetto ad una mandata a 55 gradi potrei riuscire a far scendere un po i consumi (anche fosse da 10 mc al giorno a 8 mc al giorno)?

  20. #40
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    siccome leggo di gente che scalda a gennaio con 6/6,5 mc al giorno..sinceramente vedere consumi di 10/11 mc gia a metà novembre (anche se effettivamente questi giorni ha fatto freddo) non mi fa ben sperare per l'inverno, visto che ho lasciato il centralizzato per passare all'autonomo, anche per poter risparmiare qualcosina...

  21. RAD
Pagina 2 di 3 primaprima 123 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Caldaia sempre accesa - aiuto!!!!!
    Da spiritchaser nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 22
    Ultimo messaggio: 09-03-2018, 14:16
  2. Caldaia condensazione + accumulo 200 L. Sempre on o meglio on/off?
    Da webzine nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 09-12-2015, 23:48
  3. Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 24-10-2015, 12:30
  4. Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 09-11-2013, 19:07
  5. DOMANDA SEMPLICE: serve sempre un puffer per termostufa abbinata a caldaia a metano?
    Da Utente del nord-est nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 18-09-2012, 20:00

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •