i Libri di Terranuova
Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  1
Grazie! Grazie!:  5
Pagina 2 di 11 primaprima 1234567891011 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 21 a 40 su 208

Discussione: Riscaldamento a pareti/soffitto radiante: qui tutte le domande e i dubbi

  1. #21
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Se è per questo, anche quello a soffitto va deumidificato: il principio è identico. A breve forse riesco a parlare con il proprietario di un'abitazione che ha installato l'impianto che mi hanno proposto

  2. #22
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    a pavimento o a soffitto lo spreco non cambia!!!
    A massimo potrai abbassarlo un po' ma rimane un salasso!
    Quoto pienamente Maverick, spendi gli stessi soldi in isolamento ed avrai un risparmio e comfort migliori!

    Ho un riscaldamento a pavimento ed il problema di questi riscaldamenti sono l'isolamento pessimo della casa! Se dovessero essere installati in case poco isolate ti ritroveresti con un comfort pessimo ed una spesa salata!

    Al contrario se vengono installati in case ben isolate sembra di essere in primavera tutto l'anno!
    La senzasione di caldo è eccezionale, niente caldo, niente freddo ma un tepore primaverile!!
    Quindi se puoi spendi gli stessi soldi in isolamento!!!

  3. #23
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    a pavimento o a soffitto lo spreco non cambia!!!
    Questa affermazione è assurda, concordo che prima va isolata la casa, ma il riscaldamento a pavimento da un confort migliore in assoluto, a casa ho il riscaldamento della velta calore dal 1992 con passo 10cm abito in alta montagna e si arriva a -20°, mai avuto problemi di consumo eccessivo o fuori dalla norma, poi certo se ci sono impianti realizzati da gente inesperta e gestiti altrettanto male, concordo con quello che dici, ma forse è la gente che si aspetta il miracolo, se la casa ha bisogno di ad esempio 8 per scaldarsi con i termosifoni, avrà sempre bisogno di 8 anche col riscaldamento a pavimento, unica differenza è il confort e la possibilità (che non è poco) di sfruttare il solare termico e le pompe di calore come anche il geotermico, ad alta efficienza vista la bassissima temperatura di funzionamento. Qualcuno come quando si parla di turbine idroelettriche o a gas si immagina potenza in eccesso tanto da immaginare il moto perpetuo...

  4. #24
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie per le risposte. Ho finalmente conosciuto una persona che ha questo tipo di impianto, in una casa ben ristrutturata ma con efficienza di isolamento certo non all'altezza degli attuali sistemi di costruzione. Sul piano del comfort si trova benissimo, tant'è che sta ristrutturando un altro piano del medesimo edificio e ho visto con i miei occhi l'impianto a soffitto in fase di costruzione

  5. #25
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da amanaa Visualizza il messaggio
    ****
    Ciao Alberto,
    anche io nutro particolari dubbi sul pannello radiante a soffitto, ma in una ristrutturazione che sto seguendo in nord italia con generatore in Pompa di Calore geotermica sembra l'unica soluzione ammissibile. io ho sempre visto progettare tali sistemi per uffici o terziario. Mi potresti dare qualche notizia in più su vantaggi e svantaggi riscontrati da queste persone che li hanno installati? ti sarei molto grato.

    grazie
    jo


    Note di Moderazione:
    Citazioni integrali o comunque di evidente inutilità (specialmente tra messaggi consecutivi) non sono tollerate e comportano provvedimenti: limitarsi alle sole parti significative alle quali si vuole aggiungere un commento/chiarimento.

    Ultima modifica di gymania; 09-05-2013 a 22:06

  6. #26
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao, dipende anche dal clima esterno, magari al centro sud va bene... Ad esempio avere i piedi freddi e la testa calda, non è bello stare in piedi per lavoro e avere le gambe e piedi freddi, in un negozio di medie dimensioni sono stati aggiunti dei fan-coil con impianto esterno a vista dato che non erano predisposti ! magari in un appartamento ben isolato e non al primo piano... ma io eviterei, o a pavimento o termosifoni, nel terziario è facile con i controsoffitti, ma per gli impiantisti elettrici idraulici e di ventilazione condizionamento è un delirio unico, fasci di tubicini ovunque inacessibilità future per passaggio cavi per magari adeguare gli impianti di allarme antincendio o video sorveglianza o di cablaggi di rete strutturati... io lo visto di persona 2 volte con tanto di lana di vetro da 20cm sopra i pannelli per non scaldare il soffitto e pavimento del piano di sopra, alla fine è una pannellatura in cartongesso sigillata e fissa, sinceramente non mi sento di consigliarlo a nessuno neanche in casa, ma è un mio parere personale.

  7. #27
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Scusa il ritardo JoWater, ma sono stato fuori. Allora, ho visitato questa palazzina a Torino, tutta'altro che di recente costruzione (come minimo ha 60/70 anni). Il proprietario aveva l'impianto a pavimento al piano terra, dove c'è uno studio odontoiatrico e medico, ma al primo piano ha controsoffittato con questi pannelli (quelli della Teratec), alimentati da caldaia a condensazione, con sistema di raffrescamento tramire chiller e impianto di deumidificazione: il proprietario, che usa il sistema ormai da un paio d'anni, mi ha detto che si trova benissimo, persino meglio rispetto al sistema a pavimento. Tanto che, l'ho visto con i miei occhi, al terzo e ultimo piano della palazzina aveva cominciato la ristrutturazione e stavano installando il medesimo sistema. Ho visto anche i pannelli della Messana, che sono altrettanto spettacolari, anche se alla fine ho scelto Teratec perchè l'offerta complessiva dell'impiantista era decisamente più conveniente. Ho appena firmato il contratto, l'impianto prevede il cambio della caldaia (una Fersystem Top 35C, con collegato anche il vecchio impianto a termosifoni del piano interrato, che non viene mai acceso, ma la fornitura prevede due ventilconvettori per la tavernetta, unico ambiente che verrà riscladato di frequente), due collettori solari da 2 mt2 ciascuno con bollitore da 300 litri per l'acqua sanitaria, l'intero sistema di riscaldamento in controsoffittatura per i circa 200 mt2 del piano terra, 2 scaldasalviette 1785x600 per i due bagni, 5 cronotermostati (zona giorno, zona notte, bagno 1, bagno 2, interrato), chiller da 10 kw per raffrescamento, 2 deumidificatori Teratec D20. Mi sono deciso dopo aver sentito di persona un utilizzatore, altrimenti anche io ero frenato dai dubbi malgrado le prove teoriche che trovi su vari siti (messana.it in primis) e che sembrano perfette. Cosa dire? Mi sono buttato, spero tanto di non essermi sbagliato, l'installatore è sicuro e poteva benissimo rifarmi l'impianto con un sistema tradizionale. Il prossimo inverno potrò darvi la prova sul campo. Ciao a tutti

    Quote Originariamente inviata da buran001 Visualizza il messaggio
    io lo visto di persona 2 volte con tanto di lana di vetro da 20cm sopra i pannelli per non scaldare il soffitto e pavimento del piano di sopra, alla fine è una pannellatura in cartongesso sigillata e fissa, sinceramente non mi sento di consigliarlo a nessuno neanche in casa, ma è un mio parere personale.
    Scusa, ma questi impianti che hai visto tu, a che temperatura funzionano?
    Ultima modifica di nll; 28-05-2013 a 00:28 Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente

  8. #28
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao, riprendo questo thread perchè volevo chiedervi un consiglio su questo argomento: ho una casa di 160mq di pavimento radiante, divise in 3 zone: piano terra, primo e bagni (ciascuno con valvola miscelatrice e pompa).
    il problema sta nei due bagni al primo piano: per scarsità di superficie radiante (hanno messo poco tubo) la temperatura in inverno non sale sopra ai 19-19,5° con T di mandata di 35°, il secondo non sale sopra i 21°; per prova ho spinto la zona oltre ai 40° ma la T non è aumentata di molto.
    i due bagni sono adiacenti ed esposti su un lato con l'esterno; serramenti nuovi triplo vetro e cappotto interno.

    ho valutato quasi tutte le soluzioni:
    - termoarredo BT (fattibile in un bagno solo e richiede dimensioni ampie)
    - termoarredo elettrico (fattibile in un bagno solo)
    - pdc aria / aria per i due bagni (costi e scarso comfort)

    un mio amico termoidraulico mi ha consigliato il riscaldamento a pannelli radianti a soffitto solo per i due bagni, in aggiunta al riscaldamento a pavimento (in pratica diventerebbe un sandwich!): ci ho riflettuto ed in effetti è una soluzione facilmente realizzabile:
    1- i mq da coprire sono pochi: 6,4mq + 5,6mq = 12mq
    2- la predisposizione è molto agevolata dalla presenta del collettore adiacente ai bagni che richiederebbe opere murarie minime;
    3- andrei a coprire il 100% delle superfici
    4- dovrei, potrei, risolvere il problema della muffa che si presenta sui muri esterni
    5- mi permetterebbe di abbassare la T di mandata del circuito dei bagni ottenendo l'abbassamento generale del impianto (in pratica la centralina della vaillant pilota la caldaia alla T massima richiesta dalle 3 zone).

    cosa ne pensate?

  9. #29
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Strano che con la mandata a 40° non abbiano scaldato, gli hai dato tempo ? puoi salire anche a 42/43°,ma solo se riesci a gestire la zona bagni separatamente, è un classico nei bagni, a causa di idraulici molto devoti al loro lavoro ! io sinceramente nel bagno non ce lo vedo il riscaldamento a soffitto, sarà che non ce lo vedo da nessuna parte, ma i pannelli sono fatti di materiale poco adatto al vapore che si crea, poi a causa della dispersione elevata superiore al pannello, serve un isolamento adeguato e spesso, si sa che il caldo sale e dall'alto farlo scendere non è il massimo. Ti costa meno, anche nella gestione un termo arredo elettrico da accendere solo quando serve in inverno. Ciao

  10. #30
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    una settimana di mandata a 40°, anche il termoidraulico ha alzato le braccia e ammesso l'errore.
    il problema del termoarredo è che ci sta in un bagno solo.
    nel sotto tetto è stato messo un foglio di lana di vetro da 7-10cm, questo mi da fiducia che la risalita del calore dal pannello radiante non dovrebbe essere un problema.
    il problema è che sono ignorante sull'argomento:
    - per il soffitto si usano pannelli normali e si incastra il tubo o ci sono pannelli già assemblati?
    - sotto al pannello ci va cartongesso?
    - come si evita l'accumulo di aria ?
    - a che T di mandata è consigliabile mandare l'acqua? ho letto la T di mandata può essere abbassata a T desiderata +5?
    - ho letto di varie marche Messana Teratec Eurotherm... le conoscete?
    - conoscete i costi a lavoro finito per mq?
    grazie mille

  11. #31
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao Stelbi che marche hai usato per il riscaldamento a soffitto?

  12. #32
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ė un prodotto che ci facciamo fare OEM secondo nostri disegni.

  13. #33
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Il caldo sale e il freddo scende ? Ma di che impianti state parlando ? I sistemi ad irraggiamento come il radiante a pavimento o a parete o a soffitto non riscaldamento direttamente l'aria ma lavorano appunto per irraggiamento. Il sistema a soffitto nelle civili abitazioni non è da confondersi con i sistemi a soffitto industriali dove le altezze richiedono temperature elevatissime di mandata e creano effettivamente l'effetto della stratificazione. Il corpo umano non ha bisogno di essere riscaldato, ma raffreddato, noi abbiamo già 35-36 gradi e portare un ambiente a 20-21 gradi significa raffreddarsi, anche in inverno, ed è evidente che un sistema più è radiante e distribuito sulla superficie e meglio permette al corpo di disperdere calore.

  14. #34
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    certo, non ho capito se se contrario alla mia soluzione di integrare nei due bagni il riscaldamento a pavimento con il riscaldamento a soffitto.
    sto studiando l'argomento e ho visto che adesso ci sono pannelli prefiniti già pronti al montaggio da parte dei cartongessisti, con una resta dai 40 ai 60 W/mq (in base al delta tra t di mandata e t ambiente).

    conoscete queste ditte? Rossato Messana Teratec Eurotherm? hanno tutte soluzioni praticamente identiche.

  15. #35
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Effettivamente io e la mia scarsa voglia di dormire (sono le 3:05) stiamo cercando info su riscaldamenti efficienti che lavorino a bassa temperatura (in modo da utilizzare una Pompa Di Calore e un Solare Termico).
    Ho aperto un thread oggi in cui spiego la mia idea di distaccarmi dal metano realizzando FV da 7 / 8 Kw e riscaldare con pompe di calore.
    Però ho dei dubbi...
    1 sugli effettivi consumi di più macchine/splitter posizionati per ogni stanza (GUAI A SFORARE SOPRATTUTTO D'INVERNO!)
    2 sull'effettivo confort in termini di temperatura raggiungibile in inverno nelle stanze più vissute cucina e soggiorno
    3 sull'effettivo fastidio creato dal continuo girare delle ventole con relativo spostamento d'aria
    4 sulla salubrità del caldo generato dalle PDC ad aria.
    Perdonando questo breve OT ho trovato questo link molto interessante che mi ha aperto gli occhi e dato l'ottima idea di installare proprio un impianto radiante a soffitto che presenta dei vantaggi sotto alcuni punti di vista migliori del radiante a pavimento (a mio avviso) ecco quà il link: Il riscaldamento a soffitto: funzionamento, vantaggi e svantaggi
    Vorrei sapere se possibile gli effetivi costi al metro quadro che sosterrai sia amanaa che a inviato questa discussione e sembra aver ricevuto e anche accettato il preventivo, e anche tu modenet.
    Vi ringrazio anticipatamente.

  16. #36
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao, io abito in montagna,ho visto montare dei fan coil dove c'era il riscaldamentoa soffitto, impianto nuovo con isolante di lana di vetro sopra i pannelli e soffitto completamente radiante, so solo che al piano di sopra stanno bene e risparmiano sul loro riscaldamento. Tralasciamo la schifezza del riscaldamento a batti scopa che va ad alta temperatura e se non si ha la casa perfettamente isolata non basta e si ha freddo, come daltronde nella maggio partete dellecase degli anni 70/80, poi se si vive in posti miti il discorso cambia, parlo per esperienza su impianti nuovi, poi link come quelli sopra servono a poco se sono fatti ad arte da chi vende e produce e con il copia incolla riportati su vari siti tematici, la teoria é tutta bella, specialmente se i soldi sono degli altri, rimane il fatto che il radiante a pavimento o al limite a parete é ineguagliabile, se si hanno dubbi sul tipo di impianto da scegliere per il proprio fabbisogno i termosifoni sono sempre la celta più versatile, daltronde non si può pretendere di lasciare una casa calda tutto il giorno, quando magari si torna a casa alla sera alle 19:00 e si esce alle 8:00 del mattino se non prima!
    Il caldo sale e il freddo scende ?
    sta di fatto che l'aria calda sale e quella fredda scende é una legge fisica!, ho dal 1992 il riscaldamento radiante a pavimento della Velta calore, mi trovo da dio, ma resta il fatto che misurando lìambiente con un termometro digitale, la parte dell'ambiente e dell'aria più calda rimane quella prossima al soffitto, non come da tante foto schematiche fatte ad ok sui pro e contro di tale sitema, ciò non toglie che lo preferisco in assoluto ai termosifoni, però ad esempio in una casa vacanze in montagna non é l'ideale! Ciao

  17. #37
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Dunque, il mio impianto è in fase di assemblaggio. Caro sshimeon, scusa il ritardo con cui ti rispondo. Io ho scelto l'impianto della Teratec dopo aver valutato anche un preventivo della Messana (ottima azienda di sicuro, ma spendevo sensibilmente di più e sforavo il budget...). l'impianto prevede il cambio della caldaia (una Fersystem Top 35C, con collegato anche il vecchio impianto a termosifoni del piano interrato, che non viene mai acceso, ma la fornitura prevede due ventilconvettori per la tavernetta, unico ambiente che verrà riscladato di frequente), due collettori solari da 2 mt2 ciascuno con bollitore da 300 litri per l'acqua sanitaria, l'intero sistema di riscaldamento in controsoffittatura per i circa 200 mt2 del piano terra, 2 scaldasalviette 1785x600 per i due bagni, 5 cronotermostati (zona giorno, zona notte, bagno 1, bagno 2, interrato), chiller da 10 kw per raffrescamento, 2 deumidificatori Teratec D20. Compresa l'installazione, il lavoro del cartongessista, in pratica "chiavi in mano" il preventivo è di 33.200 euro più iva (10%). Mi sono buttato dopo lunga valutazione e solo dopo aver conosciuto una persona che ha lo stesso impianto da 4 anni (come ho scritto in un post più su): sono ovviamente ansioso di sperimentare da me l'impianto sotto sforzo invernale, però devo dire che in questo periodo ho avuto il conforto di alcuni esperti secondo i quali questo sistema, se ben progettato, adeguatamente dimensionato e ben realizzato, è addirittura superiore di quello a pavimento. La questione del sale e scende è, in merito al confort, pressoché ininfluente in un sistema radiante ben fatto. Dopodiché, per giudicare davvero bisogna averci vissuto in un qualsiasi sistema di regolazione della temperatura ambientale: spero a dicembre/gennaio di poter essere più esaustivo... Un saluto a tutti!

  18. #38
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie amanaa per la risposta e figurati un giorno più o meno non canta niente, anzi grazie di nuovo.
    Avevo letto i tuoi post ho letto tutti i post... e purtroppo e ripeto e purtoppo mi sembra che ci sia tanta ignoranza in materia, ho chiesto ad un idraulico nella mia zona "ma il riscaldamento a soffitto?, Funzione bene, li conosci?" la risposta "il calore sale sale, non valgono niente codesti sistemi" ... "ma te gente che c'è l'ha la conosci, ne hai mai montati o visti di montati?" rispossta "no, io non li ho mai montati e non conosco nessuno che ce l'ha"

    Questo mi ha fatto intendere che questo idraulico è un cialtrone che ha giudicato un sistema che non conosce...laprofessionalità gli avrebbe imposto di dirmi che non poteva darmi informazioni e che avrebbe dovuto documentarsi.
    Comunque io sono stretto stretto nei tempi lo vorrei realizzare nel mese di settembre e finirlo per ottobre, sono dietro anche al fotovoltaico quindi per questo cercavo un riscaldamento con basse temperature che non comporta mettere sottosopra la casa svuotando le stanze e che mi permetta lavorando a temperature fra 30 e 40 gradi di poter sfruttare una pompa di calore che chiaramnete sfrutterà al 90% l'elettricità fornita dal fotovoltaico.
    Amanaa mi fido di quello che dici...nel frattempo valuto, perché ho troppa resistenza verso i pannelli a soffitto nessuno li ha mai visti e manca poco sentiti dire e tutti dicono che sono pessimi, almeno io il dubbio ce l'ho! Dovrò interpellare un'ingegnere o un geometra sperando che fra i vari progetti abbia già avuto a che fare con tale sistema

  19. #39
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    grazie del tuo contributo amanaa, avevi valutato anche eurotherm per caso?
    se non sono impertinente posso chiederti il costo al mq del solo pannello radiante a soffitto?
    ad ottobre comincio i lavori nei due bagni di integrazione pannello radiante a pavimento con quello a soffitto (effeto sandwich).

  20. #40
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao. Mi spiace ma non ho la prezzatura dettagliata, ma solo il costo totale dell'offerta globale. Proprio stamattina sono ripresi i lavori di controsoffittatura, ho visto il tecnico con cui ho fatto il contratto e sono tornato a chiedergli certezze sul riscaldamento, soprattutto per quanto riguarda i bagni, dove la metratura è giocoforza ridotta e dove io avevo espressamente insistito per avere una temperatura adeguata in modo da evitare che moglie e figli mi massacrino poi - come avviene dove abito ora - con l'uso del termoconvettore elettrico. Mi ha ribadito che, anche grazie all'installazione dello scaldasalviette a supporto, non ha dubbi sull'efficienza. Nei bagni, inoltre, rifaccio pavimenti e piastrelle, dunque sarebbe stato semplicissimo fare l'effetto sandwich come dici tu... Qualche mese e avrò certezze, spero buone...

    Saluti a tutti

    PS. Più mi addentro nella materia più trovo persone che conoscono effettivamente questo sistema e mi danno ampie garanzie, comunque

  21. RAD
Pagina 2 di 11 primaprima 1234567891011 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Risposte: 6152
    Ultimo messaggio: Ieri, 22:45
  2. ASCIUGATRICI: qui tutte le domande e i dubbi
    Da Bolero nel forum Elettrodomestici e apparecchiature elettriche/elettroniche domestiche
    Risposte: 714
    Ultimo messaggio: 12-01-2019, 15:27
  3. Cronotermostati : qui tutte le domande e i dubbi
    Da stjopa70 nel forum In Casa
    Risposte: 195
    Ultimo messaggio: 10-01-2019, 19:26
  4. Termografia: qui tutte le domande e i dubbi
    Da Skyghost nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 61
    Ultimo messaggio: 19-07-2017, 14:01
  5. Il gas di brown: Qui tutte le domande e dubbi
    Da ag_smith nel forum acqua-fuel, bingo-fuel, gas di Brown
    Risposte: 493
    Ultimo messaggio: 04-12-2015, 00:22

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •